2015-03-19

Animalismo - Frasi contro il maltrattamento degli animali

Raccolta di aforismi e frasi animaliste contro il maltrattamento degli animali e a favore dei diritti degli animali. L'ultimo paragrafo è dedicato alle riflessioni di un animale sugli esseri umani: Orango Cogitango". Da non perdere, infine, il video a cura di Aforismario "Diritti animali e vergogna umana". Su Aforismario trovi anche una raccolta di citazioni correlata a questa sulla pratica della vivisezione e della sperimentazione animale.
Il nostro amore per gli animali si misura dai sacrifici
che siamo pronti ad affrontare per loro. (Konrad Lorenz)
1. Animalismo e Diritti degli Animali
© Aforismario

Auschwitz inizia ogni volta che qualcuno guarda a un mattatoio e pensa: sono soltanto animali.
Anonimo (attribuito a Theodor Adorno - vedi "Citazioni errate" su Aforismario)

Verrà il tempo in cui l'uomo non dovrà più uccidere per mangiare, e anche l'uccisione di un solo animale sarà considerato un grave delitto.
Anonimo (attribuito a Leonardo da Vinci - vedi "Citazioni errate" su Aforismario)

Il primo diritto degli animali è il diritto alla vita. Uccidere gli animali per l’alimentazione o per sport è un atto di violenza e un segno di arretratezza morale. Anche gli animali soffrono e chi per crudeltà, o peggio per divertimento, infligge loro sofferenze, non dovrebbe far parte del mondo civile.
AA.VV., Manifesto sulla coscienza e i diritti degli animali, 2010

Gli uomini non sono animati da odio nei confronti degli altri esseri viventi, altrimenti non mostrerebbero tanto sprezzo per le loro vite e indifferenza sovrana verso le sofferenze e torture che infliggono loro ogni giorno. Si può allevare un animale all'unico scopo di mangiarselo, spellarlo o farne un’infelice cavia da laboratorio, lo si può sottoporre a cuor leggero ad ogni sorta di raccapriccianti abomini – soltanto a patto di non odiarlo. L’odio ha, almeno, un limite. La malvagità dell’uomo nei confronti degli animali non conosce confini; non arretra dinanzi a nessuna infamia.
Amedeo Ansaldi, Manuale di scetticismo, 2014

Si uccidano pure gli animali, ci si cibi delle loro carni, se si vuole, ma gli si evitino, finché sono in vita, inutili sofferenze.
Vannuccio Barbaro, Scartafacci (postumo, 2012)

Attenti a dichiararvi animalisti solo se ci avete ben riflettuto e siete profondamente convinti delle buone ragioni di questa scelta, che rappresenta una vera e propria assunzione di responsabilità nei confronti dei non umani: l'animalismo è una cosa seria, non una moda qualsiasi o una maniera per "distinguersi dalla massa".
Marina Baruffaldi, Manuale del giovane animalista, 1997

Un cavallo o un cane adulti sono senza paragone animali più razionali, e più comunicativi, di un bambino di un giorno, o di una settimana, o persino di un mese. Ma anche ammesso che fosse altrimenti, cosa importerebbe? Il problema non è "Possono ragionare?", né "Possono parlare?", ma "Possono soffrire?".
Jeremy Bentham, Introduzione ai principi della morale e della legislazione, 1789

Verrà il giorno in cui il resto degli esseri animali potrà acquisire quei diritti che non gli sono mai stati negati se non dalla mano della tirannia.
Jeremy Bentham, Introduzione ai principi della morale e della legislazione, 1789

Non si devono misurare gli animali col metro umano. Sono creature complete e finite, dotate di un'estensione dei sensi che noi abbiamo perso o non abbiamo mai posseduto, e che agiscono in ottemperanza a voci che noi non udremo mai. Non sono confratelli, non sono subalterni; sono altre nazioni, catturate con noi nella rete della vita e del tempo, compagni di prigionia nello splendore e nel travaglio di questa terra.
Henry Beston, The Outermost House, 1928

Mattatoio. Luogo dove bestie massacrano altre bestie. È situato in genere a una certa distanza dagli abitati della specie umana, in modo che chi mangia carne non sia disturbato dalla vista del sangue.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Dibattiti sempre più frequenti ed estesi, riguardanti la liceità della caccia, i limiti della vivisezione, la protezione di specie animali diventate sempre più rare, il vegetarianesimo, che cosa rappresentano se non avvisaglie di una possibile estensione del principio di eguaglianza al di là addirittura dei confini del genere umano, un'estensione fondata sulla consapevolezza che gli animali sono eguali a noi uomini, per lo meno nella capacità di soffrire?
Norberto Bobbio, Destra e sinistra, 1994

In qualche cosa siamo certamente superiori agli animali; ma nell'animale non c'è niente che non possa essere anche in noi.
Ludwig Börne, Frammenti e aforismi, 1840 (postumo)

Davanti al mattatoio fanno la fila centinaia di cavalli e di asini spelacchiati e smunti. L'assassinio degli animali dopo una vita di duro lavoro − perché devono lavorare gli animali? − è un doppio assassinio. Sono martiri senza regno dei cieli.
Francesco Burdin, Un milione di giorni, 2001

Maiali costretti in stambugi senza luce. Galline chiuse notte e giorno nell'incubatrice. Oche inchiodate con le zampe al pavimento. Vitelli che passano dalla prigione al macello senza aver mai visto un prato. Gli ultimi animali, superstiti di una moltitudine che riempiva festosamente la terra, sono ridotti a un'eterna notte.
Francesco Burdin, Un milione di giorni, 2001
Ho dato la mia bellezza e la mia giovinezza agli uomini. Ho intenzione
di dare la mia saggezza e la mia esperienza agli animali. (Brigitte Bardot)

Mangiamo animali macellati in catene di montaggio, da spennatrici, da pelatori, da scuoiatori, carne sotto vuoto, in bella mostra nei supermercati. Tali animali, materia prima dei macchinari, non vengono sacrificati ad alcun dio. Se per essi non c’è alcun urlo di vendetta, il nostro Dio è inerme.
Pasquale Cacchio, Frantumi, 2010

Mi addolora che non si arriverà mai a un'insurrezione degli animali contro di noi, degli animali pazienti, delle vacche, delle pecore, di tutto il bestiame che è nelle nostre mani e non ci può sfuggire.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973

Già sarebbe un sollievo per me vedere un unico toro che mettesse in fuga questi eroi, i toreri, e in più un'intera arena assetata di sangue.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973

Sono convinto che gli uomini arriveranno veramente a non uccidersi tra di loro, quando arriveranno a non uccidere più gli animali.
Aldo Capitini (fonte sconosciuta)

Finora si è considerato il campo animale come un campo libero dove uno potesse portare stragi; la nonviolenza inizia il piano di un accordo col campo animale, che potrà arrivare molto lontano.
Aldo Capitini, Religione aperta, 1955

Ritengo che sia un limite della nostra cultura il fatto di avere un'opinione così elevata di noi stessi. Ci riteniamo infatti a torto più simili agli dèi anziché alle scimmie.
Angela Carter (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Noi, ultimi arrivati, stiamo mettendo alla porta tutti gli inquilini legittimi del condominio Terra, o perché li sfrattiamo per insediare in casa loro le nostre attività, o perché li uccidiamo per impadronirci delle loro pellicce, destinate alle nostre donne, o dei loro corpi per i nostri barbecue, quando potremmo benissimo mettere in graticola delle verdure! Accuso l'uomo di prevaricazione, di sconfinamento, di esproprio, di assassinio!
Giorgio Celli, L'avvocato degli animali ... e del Cane, 2004

Dicono di avere abolito i sacrifici animali! Soltanto il rito hanno abolito: li sterminano ininterrottamente, illimitatamente, senza bisogno: il sacerdote si è fatto industria.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

Se un bambino maltratta un animale, anche grosso, bisogna picchiarlo, perché il più forte e il più cattivo è lui.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

La grazia sia sul principe Asoka per gli editti sulla colonna − specialmente il quinto − che proclamano i diritti degli animali invece dell'orribile signoria indiscriminata dell'uomo, su William Hogarth per The Four Stages of Crudelty, su Jonathan Swift per aver fatto governare gli uomini dai cavalli, su Giovenale per aver avuto compassione dei cavalli di Seiano, su Emil Zola per Pologne, Trompette e Bataille, le bestie dolorose di Germinal, su André Abegg per la fotografia dell'agnello tra i macellai della Villette.
Guido Ceronetti, Pensieri del tè, 1987

Che cosa resterebbe delle nostre tragedie se una bestiola letterata ci presentasse le sue?
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

Siamo circondati da un'impresa di degradazione, crudeltà e sterminio che può rivaleggiare con ciò di cui è stato capace il Terzo Reich, anzi, può farlo apparire poca cosa al confronto, poiché la nostra è un'impresa senza fine, capace di autorigenerazione, pronta a mettere incessantemente al mondo conigli, topi, polli e bestiame con il solo obiettivo di ammazzarli.
John Maxwell Coetzee, La vita degli animali, 1999

La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa ricevere in dono.
Charles Darwin (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Questa umanità che si considera figlia di Dio, divina e portata a dominare la terra, in realtà la sta sconvolgendo e non tiene conto degli altri ospiti che sono su questo pianeta, o ne tiene conto soltanto per farsene delle pellicce, per utilizzarli come cibo, per utilizzarli nel lavoro. È la più grossa impresa di schiavitù della storia.
Ennio Flaiano, Intervista a Giulio Villa Santa, Radio della Svizzera italiana, 1972

Il nostro prossimo è tutto ciò che vive.
Mohandas Gandhi (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La grandezza di una nazione e il suo progresso morale si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali.
Mohandas Gandhi (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Tutti gli esseri sensibili hanno diritto di vivere. È evidente che i mammiferi, gli uccelli, i pesci provano il piacere e il dolore, e che di conseguenza non amano soffrire più di quanto lo amiamo noi. Quando si abusa nell’impiego di questi animali al solo scopo di trarne profitto, anche senza prendere in considerazione il punto di vista buddhista, si entra comunque in contraddizione con i valori morali fondamentali.
Tenzin Gyatso (Dalai Lama), I consigli del cuore, 2001

Chi non prova la minima esitazione né la minima compassione quando uccide un animale o lo fa soffrire, ovviamente farà più fatica di un altro a provarne nei confronti dei suoi congeneri.
Tenzin Gyatso (Dalai Lama), I consigli del cuore, 2001

Alcuni osservano che comunque gli animali si divorano fra loro. È vero, ma non si può negare che quando gli animali ne divorano altri tengono un comportamento semplice e diretto. Quando hanno fame uccidono, quando non hanno fame non uccidono. È un atteggiamento assai diverso da quello degli uomini, che sopprimono milioni di mucche, pecore, polli e altri animali solo in nome del profitto.
Tenzin Gyatso (Dalai Lama), I consigli del cuore, 2001

Ci si può domandare: cosa sarebbe l'uomo senza gli animali? Ma non il contrario: cosa sarebbero gli animali senza l'uomo?
Christian F. Hebbel, Diari, 1857

La vanità dell'uomo lo persuade che è il centro dell'universo. Egli si crea un mondo e un Dio per suo esclusivo vantaggio; si crede tanto importante da poter alterare a suo piacimento il corso della natura; ma ragiona da ateo appena si tratta degli altri animali. S'immagina che gli esseri di specie diversa dalla sua siano degli automi poco degni delle attenzioni della Provvidenza universale, e che le bestie non possano essere oggetto della sua giustizia o della sua bontà.
Paul-Henri Thiry d’Holbach, Il buon senso, 1772

Per prima cosa fu necessario civilizzare l’uomo in rapporto all’uomo. Ora è necessario civilizzare l’uomo in rapporto alla natura e agli animali.
Victor Hugo (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La crudeltà nei confronti degli animali non è conciliabile né con una vera cultura né con una vera erudizione. Essa è una dei vizi caratteristici di un popolo rozzo e ignobile.
Alexander von Humboldt (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)
Possiamo conoscere il cuore di un uomo già dal modo in cui tratta gli animali. (Immanuel Kant)
Possiamo conoscere il cuore di un uomo già dal modo in cui tratta gli animali.
[We can judge the heart of a man by his treatment of animals].
Immanuel Kant, Lezioni di etica, 1775/80 (postumo)

Subito all’inizio della Genesi è scritto che Dio creò l’uomo per affidargli il dominio sugli uccelli, i pesci e gli animali. Naturalmente la Genesi è stata redatta da un uomo, non da un cavallo.
Milan Kundera, L'insostenibile leggerezza dell'essere, 1984

Non esiste alcuna certezza che Dio abbia affidato davvero all’uomo il dominio sulle altre creature. È invece più probabile che l’uomo si sia inventato Dio per santificare il dominio che egli ha usurpato sulla mucca e sul cavallo.
Milan Kundera, L'insostenibile leggerezza dell'essere, 1984

L’umanità sfrutta le mucche come il verme solitario sfrutta l’uomo: si è attaccata alle loro mammelle come una sanguisuga. L’uomo è un parassita della mucca; questa è probabilmente la definizione che un non-uomo darebbe dell’uomo nella sua zoologia.
Milan Kundera, L'insostenibile leggerezza dell'essere, 1984

La vera bontà dell'uomo si può manifestare in tutta purezza e libertà solo nei confronti di chi non rappresenta alcuna forza. Il vero esame morale dell'umanità, l'esame fondamentale (posto così in profondità da sfuggire al nostro sguardo) è il suo rapporto con coloro che sono alla sua mercé: gli animali. E qui sta il fondamentale fallimento dell'uomo, tanto fondamentale che da esso derivano tutti gli altri.
Milan Kundera, L'insostenibile leggerezza dell'essere, 1984

Noi non abbiamo due cuori − uno per gli animali, l'altro per gli umani. Nella crudeltà verso gli uni e gli altri, l'unica differenza è la vittima.
Alphonse de Lamartine (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il nostro amore per gli animali si misura dai sacrifici che siamo pronti ad affrontare per loro.
Konrad Lorenz, L'anello di Re Salomone, 1949

È impossibile rompere l'amicizia con un cane fedele, e darlo via equivale a un omicidio.
Konrad Lorenz, L'anello di Re Salomone, 1949

L'amore per gli animali è bello e nobilitante soltanto quando nasce dal più vasto e generico amore per tutto il mondo vivente, il cui nucleo centrale e più importante deve rimanere l'amore per gli uomini.
Konrad Lorenz, E l'uomo incontrò il cane, 1950

Colui che, deluso e amareggiato dalle debolezze umane, toglie il suo amore all'umanità per darlo a un cane o a un gatto, commette senza dubbio alcuno un grave peccato, vorrei dire un atto di ripugnante perversione sociale. L'odio per l'uomo e l'amore per le bestie sono una pessima combinazione.
Konrad Lorenz, E l'uomo incontrò il cane, 1950

Anche noi che ci preoccupiamo per un gatto dalla zampa spezzata o per un cane abbandonato, poi facciamo finta di non sapere come vengono uccisi i vitelli per fornirci di bistecche: in fila di prima mattina al mattatoio, uno dietro l'altro, aspettando il turno per sottoporsi al crudele chiodo pneumatico che spacca loro il cranio in un secondo. E la cosa più atroce è che mentre fanno la fila, vedono morire i figli, i fratelli, le madri, i padri. E quando li trasportano da un paese all'altro, da una città all'altra, li spingono dentro dei vagoni sprangati in cui sono costretti a stare in piedi per giorni interi, facendosi i bisogni l'uno addosso all'altro, senza mangiare e senza bere (tanto vanno a morire e chi se ne frega), proprio come facevano i nazisti con le loro vittime.
Dacia Maraini, Dolce per sé, 1997

Verrà il giorno in cui uomini come me guarderanno all’uccisione degli animali nello stesso modo in cui oggi si guarda all’uccisione degli uomini.
Dmitrij Merežkovskij, Il romanzo di Leonardo da Vinci, 1900

In tutti i tempi gli uomini più profondi hanno avuto compassione degli animali, proprio perché essi soffrono della vita, ma non hanno la forza di rivolgere la punta del dolore contro se stessi e di comprendere metafisicamente la loro esistenza; il vedere il dolore senza senso suscita anzi ribellione nel più profondo dell'anima.
Friedrich Nietzsche, Schopenhauer come educatore, 1874

Che male fate, pecore, placide bestie nate per servire l'uomo, che nèttare portate nelle gonfie poppe, che donate la vostra lana per le nostre morbide vesti, che più utili ci siete vive che morte? Che male ci ha fatto il bue, animale incapace di frode e inganni, innocuo, semplice, nato solo per lavorare? Un bell'ingrato, indegno persino del dono delle messi, chi ha il coraggio d'uccidere il suo aiutante appena liberato dal peso del curvo aratro, chi tronca con la scure quel collo corroso dalla fatica, grazie al quale tante volte ha rianimato il duro suolo e immagazzinato raccolti.
Publio Ovidio Nasone, Metamorphoseon (Metamorfosi), I sec.. [attribuito a Pitagora]

La crudeltà verso gli animali è tirocinio della crudeltà contro gli uomini.
Publio Ovidio Nasone (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Mi capita di pensare che tra inchiodare un’oca al terreno per ingrossarne il fegato e inchiodare un uomo a una croce per altri scopi non c’è differenza. Ma non trovo nessuno che ne convenga e mi sento in imbarazzo.
Luigi Pintor, I luoghi del delitto, 2003

Viviamo in un mondo violento. Da bambino mi hanno insegnato a cacciare, da grande a mangiare hamburger. Avete idea di come vengono ammazzate le vacche? È un atto barbarico, di rara violenza. Questo è il mondo in cui viviamo e non trovo che sia immorale raccontarlo com'è.
Brad Pitt, intervista di Ilaria Ravarino, su Leggo, 2012

Tutelare i diritti animali significa anche tutelare i diritti umani, e tutelare i diritti umani significa comprendere anche i diritti animali, altrimenti il discorso è monco.
Valerio Pocar (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Tutti gli animali diffidano dell'uomo, e non hanno tutti i torti, ma quando sono sicuri che non vuol fargli del male, la loro fiducia diventa così grande che bisogna essere più che barbari per abusarne.
Jean-Jacques Rousseau, Le confessioni, 1782/89 (postumo)

La presunta mancanza di diritto negli animali, l'illusione che le nostre azioni verso di loro siano senza importanza morale o, come si dice nel linguaggio di quella morale, non esistano doveri verso gli animali, è una rivoltante grossolanità e barbarie dell'Occidente, la cui fonte sta nel giudaismo.
Arthur Schopenhauer, Sul fondamento della morale, 1840

Che la morale del cristianesimo non tenga conto degli animali è un suo difetto che farebbe meglio a confessare.
ibidem

La pietà verso gli animali è talmente legata alla bontà del carattere da consentire di affermare fiduciosamente che l'uomo crudele con gli animali non può essere buono.
Arthur Schopenhauer, Sul fondamento della morale, 1840

Non già pietà, ma giustizia si deve all'animale − e nel maggior numero dei casi, se ne resta debitori.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Le società per la protezione degli animali nei loro ammonimenti continuano a usare il cattivo argomento secondo cui la crudeltà verso gli animali conduce alla crudeltà verso gli uomini; - come se soltanto l'uomo fosse un oggetto diretto di dovere morale e l'animale invece soltanto un oggetto indiretto, in sé essendo nient'altro che una cosa. Che schifo!
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

È giunta l'ora di porre fine in Europa alla concezione ebraica della natura, almeno riguardo agli animali, e di riconoscere, risparmiare e rispettare in quanto tale l'eterna essenza, che, come in noi, vive anche in tutti gli animali.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Una cretinata tutta particolare dei filosofastri di oggi è che essi danno per certo che gli animali non hanno un Io, mentre loro, evidentemente, ne avrebbero uno.
Arthur Schopenhauer, Scritti postumi, 1804/60 (postumo 1966/75)

I chierici e i loro compari, che oggi esistono anche tra gli zoologi, non sopportano che nel sistema della zoologia l'uomo venga annoverato tra gli animali: miserabili! Essi disconoscono lo spirito eterno che, unico e identico, vive in tutti gli esseri, e peccano contro di lui nella loro infantile illusione.
Arthur Schopenhauer, Scritti postumi, 1804/60 (postumo 1966/75)

Quanto dobbiamo invidiare gli animali per la loro spensieratezza! Nel 99 per cento dei casi, gli animali sono infelici solo quando li rendono tali gli uomini.
Arthur Schopenhauer, Scritti postumi, 1804/60 (postumo 1966/75)

Ciò che i Nazisti hanno fatto agli Ebrei, gli umani lo stanno facendo agli animali.
Isaac B. Singer, Nemici. Una storia d'amore, 1972

Se il possesso di un superiore livello di intelligenza non autorizza un umano ad usarne un altro per i suoi fini, come può autorizzare gli umani a sfruttare i non-umani per lo stesso scopo?
Peter Singer, Liberazione animale, 1975

La capacità di provare dolore e piacere è una condizione non solo necessaria ma anche sufficiente perché si possa dire che un essere ha interessi − come minimo assoluto, l'interesse a non soffrire.
Peter Singer, Liberazione animale, 1975

Se un essere soffre, non può esistere nessuna giustificazione morale per rifiutarsi di prendere in considerazione tale sofferenza.
Peter Singer, Liberazione animale, 1975

Se consideriamo sbagliato infliggere una certa quantità di dolore a un bambino senza buone ragioni, dobbiamo, a meno che non siamo specisti, considerare altrettanto sbagliato infliggere la stessa quantità di dolore a un cavallo senza buone ragioni.
Peter Singer, Liberazione animale, 1975

Le persone che sostengono la dottrina della «santità della vita» si oppongono all'aborto e all'eutanasia. Dato però che solitamente esse non si oppongono all'uccisione degli animali non umani, sarebbe forse più esatto denominarla dottrina della «santità della vita umana». L'idea che la vita umana, e solo la vita umana, sia inviolabile è una forma di specismo.
Peter Singer, Liberazione animale, 1975

Ciò che dobbiamo fare è includere gli animali non umani nella sfera della nostra considerazione morale e cessare di vedere le loro vite come spendibili per qualunque futile scopo ci capiti di avere.
Peter Singer, Liberazione animale, 1975

È bene si scaccino i demoni dagli umani, ma che poi debbano pagarne le conseguenze i porci, mi sembra ingiusto.
Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

A quali livelli d’infamia possa arrivare l’umano, si evince dalla mancanza di ritegno col quale tratta i cosiddetti “animali da allevamento”, gli esseri più inoffensivi e indifesi di questa Terra.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Ogni religione che concentra tutte le sue attenzioni sull'essere umano senza mostrare alcun tipo di riguardo verso tutte le altre creature della Terra, persino le più insignificanti, non è una religione.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Sembra incredibile, ma ancora oggi nel mondo migliaia di animali vengono barbaramente uccisi ogni anno per essere offerti in sacrificio alle più disparate divinità. Fortunatamente gli animali non hanno religione, le bestie, purtroppo, sì.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

La metodicità e la mancanza di scrupoli con le quali l’umano sfrutta e maltratta gli altri animali per il soddisfacimento dei propri bisogni – se non per il proprio piacere e la propria gola –, fanno dell’homo sapiens il parassita piú efficiente, organizzato e spietato che esista in natura.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Il modo perfettamente "razionale" in cui noi uomini alleviamo gli animali per ucciderli, tagliando la coda ai maiali perché quelli dietro non la mordano a quelli davanti, e il becco ai polli perché, impazzendo nella loro impossibilità di muoversi, non attacchino il vicino, è un ottimo esempio della barbarie della ragione.
Tiziano Terzani, Un altro giro di giostra, 2004

Ci sono due cose che mi hanno sempre sorpreso: l'intelligenza degli animali e la bestialità degli uomini.
Flora Tristan (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Gli allevamenti, come i macelli, sono ambienti brutali, campi di concentramento per animali in cui prigionieri indifesi vengono sottoposti a ogni atrocità immaginabile e in cui si manifestano i lati peggiori delle persone che vi lavorano.
Will Tuttle, Cibo per la pace, 2005

Nel VI secolo p.e.v. Mahavira, che visse e predicò nella pianura del fiume Gange, nel nord dell'India, e che fu contemporaneo di Buddha, fondò in India il primo rifugio per animali di cui si abbia notizia, allo scopo di dare alloggio agli animali vecchi e malati. Mahavira è la figura più importante del giainismo, una religione che propugnava il vegetarianismo e il rifiuto assoluto della violenza, ed è merito suo se in India, con il passare del tempo, è stata posta fine ai sacrifici rituali di animali. Dall'oscurità di un passato tanto remoto, da sopra le miserabili figurine di Cristo e Maometto, alle cui religioni appartiene metà della popolazione mondiale, ma ai quali il cuore non è bastato per capire che anche gli animali, e non solo l'uomo, sono il nostro prossimo, oggi Mahavira brilla come il più grande faro di moralità della specie umana. 
Fernando Vallejo, La puttana di Babilonia, 2007

Ci piaccia o no, prima o poi dovremo accettare che gli animali non sono oggetti, né macchine, né un ammasso di istinti e riflessi; che ciascuno di loro è un individuo irripetibile e distinto dagli altri della propria specie, esattamente come siamo irripetibili e distinti noi esseri umani; che non si possono vendere né comprare, che non si possono uccidere per sport né con pretesti scientifici né per mangiarli, e che ucciderli è un atto crudele che finisce per sottrarre valore alla vita umana; che non sono strumenti dei nostri desideri né della nostra volontà; che possono provare piacere, dolore, felicità e tristezza come qualunque essere umano, e che hanno un'anima, una coscienza o come la volete chiamare: un'anima mortale come la nostra.
Fernando Vallejo, La puttana di Babilonia, 2007

Così come la sopraffazione della razza bianca sulla nera è diventata, sia pur lentamente, un atteggiamento moralmente condannabile dalla coscienza civile, anche per gli animali, secondo questa nuova corrente di pensiero, non è lontano il giorno in cui la sopraffazione della specie umana sulle altre specie apparirà come un'inaccettabile forma di ingiustizia.
Umberto Veronesi e Mario Pappagallo, Una carezza per guarire, 2005

Il rispetto per la vita è una delle grandi conquiste dell’uomo, ed è un segno di civiltà. E la vita non è solo la “nostra” vita, ma anche quella di tutto ciò che ci circonda. Chi rispetta la vita dovrebbe rispettarne ogni forma.
Umberto Veronesi e Mario Pappagallo, Verso la scelta vegetariana, 2012

L’uomo è davvero l’animale più crudele. Non ho dubbi però che nel medio periodo la causa dei diritti degli animali sarà vincente perché è un’evoluzione naturale della civiltà.
ibidem

Rispettando gli animali rispettiamo noi stessi, la natura di cui facciamo parte e, soprattutto, il valore della vita.
Umberto Veronesi e Mario Pappagallo, Verso la scelta vegetariana, 2012

Gli animali hanno propri diritti e dignità come te stesso. È un ammonimento che suona quasi sovversivo. Facciamoci allora sovversivi: contro ignoranza, indifferenza, crudeltà.
Marguerite Yourcenar (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il compito più alto di un uomo è sottrarre gli animali alla crudeltà.
Emile Zola (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

2. Maltrattamento e Tortura animale
© Aforismario

La vivisezione è un orrore, bisogna opporvisi. Ma non basta, bisogna andare più in là. Anche i macelli sono un orrore. Anche le immense stragi di animali di tutti i tipi che gli uomini perpetrano giorno dopo giorno per nutrirsi, anche esse, oggi, non appaiono meno infami.
Giorgio Bassani, Di là dal cuore, 1984

Maltrattare i deboli e gli animali porta sfortuna: la sfortuna di essere incivili.
Pino Caruso, Ho dei pensieri che non condivido, 2009

L’allevamento industriale, col suo commercio mondiale, è una planetaria camera di tortura: i lunghi viaggi strazianti per mare e ferrovia, le isterectomie per mettere i feti nelle incubatrici, le continue iniezioni, le fecondazioni artificiali, le nutrizioni intensive, impregnate di orrore chimico, nel buio e nella semiparalisi, per fare lombi più grassi e carni più anemiche, i terrori, le catene, le mutilazioni, ne sono i principali strumenti. L’allevamento all'aria aperta è quasi scomparso, e l’animale nasce e muore in una prigione perpetua.
Guido Ceronetti, La carta è stanca, 1976

Tutte le torture, i patimenti, i terrori (per Némesis, imperdonabili) inflitti agli animali appartengono legittimamente al dolore infinito della storia e ne modificano il senso, se ne abbia uno.
Guido Ceronetti, Pensieri del tè, 1987

Torturare un toro per il piacere, per il divertimento, è molto più che torturare un animale, è torturare una coscienza.
Victor Hugo (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Una mostruosità del nostro secolo è stata la costituzione degli allevamenti intensivi e lo sviluppo di una complessa disciplina di tortura che si chiama zootecnia. Il lager zootecnico non solo ha rimosso qualsiasi senso di responsabilità umana nei confronti degli animali domestici, ma ha fatto di più: ha volutamente ignorato le loro caratteristiche di esseri senzienti. Questa attività è letteralmente un crimine legalizzato.
Roberto Marchesini, Oltre il muro, 1993

Chi tortura gli animali paga già nella sua miseria. Sono contro la debolezza umana e a favore della forza che le povere bestie ci dimostrano tutti i giorni perdonandoci.
Anna Maria Ortese (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La caratteristica degli umani, che li qualifica titolari di un diritto a non essere torturati, è una caratteristica posseduta anche dai conigli e da molti altri animali.
James Rachels, Can Ethics Provide Answers?, 1997

Prima ancora che per una legittima attenzione alla propria salute, o per un piú o meno astratto amore per gli animali, essere vegetariani significa non volersi rendere neppure lontanamente complici delle ignobili torture a essi inflitte da parte della bestia umana; peraltro, col solo fine di trarne la maggior quantità di prodotto possibile nel minor tempo possibile, e soddisfare, cosí, la sua insaziabile voracità di carne e denaro.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Per liberare gli animali che stiamo maltrattando, dobbiamo liberare noi stessi dall'illusione di una fondamentale separazione.
Will Tuttle, Cibo per la pace, 2005

Agli animali dobbiamo le nostre scuse più profonde. Indifesi e incapaci di vendicarsi, hanno sofferto agonie interminabili sotto il nostro dominio, che la maggior parte di noi non è mai stata in grado di vedere.
Will Tuttle, Cibo per la pace, 2005

Non si può restare insensibili davanti al trattamento crudele cui sono sottoposti bovini, ovini, pollame, maiali. Sono ormai considerati “macchine di trasformazione” di una merce a costo noto (i mangimi) in un’altra (la carne) il cui prezzo deve essere remunerativo al massimo, detratte le spese di allevamento che devono risultare contratte al minimo.
Umberto Veronesi e Mario Pappagallo, Una carezza per guarire, 2005

Ci sarebbero meno bambini martiri se ci fossero meno animali torturati, meno vagoni piombati che trasportano alla morte le vittime di qualsiasi dittatura, se non avessimo fatto l'abitudine ai furgoni dove le bestie agonizzano senza cibo e senz'acqua dirette al macello.
Marguerite Yourcenar, Il tempo grande scultore, 1983

Orango Cogitango
Animale, troppo animale 
I pensieri di una scimmia sull'animale umano (© Aforismario)
  • Subito all’inizio della Genesi è scritto che Dio creò l’umano per affidargli il dominio sugli uccelli, i pesci e gli animali. Naturalmente la Genesi è stata redatta da un umano, non da un orango.
  • L'umano si distingue dagli animali da parecchi tratti notevoli: paga le tasse, ascolta rock and roll, si rade i peli del viso e cucina buona parte del suo cibo.
  • Bere senza sete e far l'amore in ogni tempo, sono le uniche cose che distinguono gli umani dagli altri animali.
  • Di tutti gli animali che s'innalzano in aria, che camminano sulla terra, o nuotano nel mare, dall'Europa all'America, dall'Asia all'Australia, l'animale più stupido, a mio parere, è l'uomo.
  • È un'ingiustizia dire di un uomo cattivo che ha il cuore d'un cane; sarebbe assai più giusto, invece, dire di un cane che ha il cuore d'un uomo.
  • Due cose mi sorprendono: l'intelligenza delle bestie e la bestialità degli uomini.
  • Ogni volta che si guarda con attenzione un essere umano, si ha l'impressione di vederci dentro un animale che si fa beffe di noi.
  • L'essere umano è un animale che immagina di essere umano.
  • Gli umani sono animali molto strani: un miscuglio del nervosismo di un cavallo, della testardaggine di un mulo e della malizia di un cammello.
  • Quando gli umani sbadigliano assumono un volto animalesco.
  • Il maiale è diventato sporco soltanto in seguito alle sue frequentazioni con l'umano. Allo stato selvatico è un animale molto pulito.
  • Quattro zampe buono, due zampe cattivo.
  • L'umano è l'unico animale che arrossisce, ma è anche l'unico che ne ha bisogno.
  • È tipico della vanità e dell'impertinenza dell'uomo definire stupidi gli animali perché appaiono così ai suoi sensi ottusi.
  • Una cretinata tutta particolare degli umani è che essi danno per certo che gli animali non hanno un Io, mentre loro, evidentemente, ne avrebbero uno.
  • Il circo è un posto in cui è consentito a cavalli, pony ed elefanti di vedere uomini, donne e bambini fare i pagliacci.
  • Ci si può domandare: cosa sarebbe l'uomo senza gli animali? Ma non il contrario: cosa sarebbero gli animali senza l'uomo?
  • E non ditemi che la cenere di un uomo, nonostante lo sfarzo dei cimiteri, sia diversa da quella di un gatto o di una volpe.
Diritti animali e vergogna umana
Dichiarazione Universale dei Diritti degli Animali

Libro consigliato da Aforismario
Liberazione animale 
Autore Peter Singer
Curatore P. Cavalieri
Traduttore E. Ferreri
Editore Net, 2003

Fin dalla sua prima pubblicazione nel 1975, questo libro è diventato il testo di riferimento per il movimento animalista. Ha rivelato a milioni di persone le atroci sofferenze che le industrie alimentari e cosmetiche impongono agli animali, risvegliando la consapevolezza dello specismo, uno dei più grandi pregiudizi nella storia dell'uomo. Ha convinto intere generazioni che porre fine allo sfruttamento delle altre specie e sperimentare nuovi sistemi di produzione alimentare sia una necessità improrogabile, anche per la sopravvivenza dell'uomo e la salvaguardia dell'ambiente. Se ancora permane una diffusa crudeltà istituzionalizzata verso gli animali, non è per indifferenza, ma per ignoranza: se tutti sapessero cosa avviene negli allevamenti intensivi, nei mattatoi e in alcuni laboratori, moltissimi rivedrebbero le loro convinzioni. Peter Singer, che negli anni ha costantemente aggiornato quest'opera, passa in rassegna la spaventosa realtà delle «fattorie industriali» e la spietatezza della vivisezione, spazzando via ogni falsa giustificazione e proponendo un coerente sistema etico e sociale antispecista, che riconosca a ogni essere vivente il diritto di non soffrire. Liberazione animale, ormai un classico dell'etica applicata, è un appello a estendere al nostro rapporto con le altre specie i principi di decenza, equità e giustizia: una lettura indispensabile tanto per i sostenitori dell'animalismo quanto per gli scettici.

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Vivisezione e Sperimentazione animale

Nessun commento: