2015-03-23

Cavalli ed Equitazione - 150 Frasi e proverbi ippici

Raccolta dei migliori aforismi, delle frasi più belle e dei proverbi più famosi sui cavalli e sull'equitazione. Si segnalano, in questa raccolta, le citazioni di due abili cavallerizzi: Alessandro Alvisi e Michel Robert, dalle quali traspare non soltanto la loro grande esperienza nel cavalcare, ma anche la loro profonda conoscenza della psicologia equina. Sfogliando la sezione "Animali" del sito Aforismario trovi altre raccolte di citazioni su diverse specie.
Un cavallo è poesia in movimento.
1. Cavallo
© Aforismario

Molti hanno sospirato per i "bei tempi andati" e hanno rimpianto "la scomparsa del cavallo", ma oggi, che solo quelli che amano i cavalli li possiedono, è un'epoca di gran lunga migliore per i cavalli.
C. W. Anderson (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

– Perché i cavalli quando muoiono si allontanano?
– Perché... sono più coraggiosi delle persone. Le persone hanno bisogno di qualcuno che gli stia accanto, che li consoli. I cavalli sanno affrontare la morte da soli.
Camilla Belle e Steven Seagal, in The Patriot, 1998

Ho la fortuna di vivere con i cavalli e quindi la possibilità di "studiarli" a fondo e di apprezzare i tratti caratteristici della loro specie: la generosità, l'intelligenza acuta, l'istintivo timore che non abbandona mai gli animali predati in natura e, d'altra parte, il temperamento che sfoggiano quando vogliono dimostrarti che sanno il fatto loro.
Michela Vittoria Brambilla, Manifesto animalista, 2012 [1]

Nei confronti del cavallo, l'uomo mostra spesso il peggio di sé, tradendo il suo patto plurimillenario con un vero amico. Da sempre accanto a lui, per offrirgli la collaborazione in battaglia, nei lavori agricoli, come mezzo di trasporto e come amico fedele, questo meraviglioso animale continua a essere sfruttato in mille modi: sulle piste degli ippodromi ufficiali, magari obbligato a rigide e innaturali discipline agonistiche; nelle corse clandestine; sui sampietrini romani (e non solo) a trascinare carrozzelle sotto la pioggia o con il caldo torrido; lanciato a folle velocità sui tracciati medievali dei palii. Nella maggior parte dei casi, con il macello come ultima stazione.
Michela Vittoria Brambilla, Manifesto animalista, 2012 [1]

Il cavallo ama correre, ma all'aperto, nei boschi, nelle campagne, non al chiuso di un maneggio. Può divertirsi a fare qualche salto. Può anche sviluppare uno spiccato senso della competizione che lo porta a desiderare di arrivare prima degli altri. E può divertirsi a condividere questi momenti con un amico in sella. Ma tutto ciò non ha nulla a che vedere con quanto gli viene imposto nei palii, nelle corse e nelle varie specialità equestri. Allora la gioia viene meno e, con essa, la collaborazione spontanea. Al cavallo non interessano il business, le scommesse e la vittoria a tutti i costi che per l'uomo sono l'essenziale.
Michela Vittoria Brambilla, Manifesto animalista, 2012 [1]

Un cavallo può dare in prestito al suo cavaliere la velocità e la forza che gli mancano; ma il cavaliere saggio non dimentica che si tratta soltanto di un prestito.
Pam Brown (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Un cavallo è la proiezione dei sogni che le persone fanno su sé stesse − forti, potenti, belle − e possiede la capacità di farci evadere dalla nostra esistenza mondana.
Pam Brown, ibidem

Se il mondo fosse un posto davvero razionale, gli uomini cavalcherebbero all'amazzone. [5]
Rita Mae Brown, Morte improvvisa, 1984

Cavallo. La più nobile conquista dell'uomo.
Georges-Louis Leclerc de Buffon, Storia generale degli animali, 1749

I cavalli non scommettono sugli uomini (e neanche io).
Charles Bukowski, Horses don't bet on people and neither do I, 1984

Il più bel monumento equestre sarebbe un cavallo che avesse sbalzato l’uomo di sella.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973

Più di un cavallo fuggito e ricatturato, che portava su di sé non solo i marchi a fuoco ma anche i segni della sella, preferì combattere fino alla morte piuttosto che rassegnarsi di nuovo alla signoria degli uomini.
Elias Canetti, Il cuore segreto dell'orologio, 1987

Più l'uomo è stupido e meglio lo capisce il suo cavallo.
Anton Čechov, Quaderni, 1891/1904

Non un'ora di vita è sprecata quando è trascorsa in sella.
Winston Churchill (attribuito)

La scomparsa degli animali è un fatto di una gravità senza precedenti. Il loro carnefice ha invaso il paesaggio; non c'è posto che per lui. L'orrore di vedere un uomo là dove si poteva contemplare un cavallo!
Emil Cioran, Il funesto demiurgo, 1969

Il cavallo è un animale povero, va in giro con gli zoccoli e senza calze; se gli salti addosso ti porta; se lo metti davanti a una carrozza esso la tira; se lo lasci in un posto sta lì, ed ecco che dorme in piedi.
Cochi e Renato, cit. in Marco Pastonesi e Giorgio Terruzzi, Palla lunga e pedalare, 1992

Dio non voglia che io debba andare in qualsiasi Cielo in cui non ci sono cavalli.
Robert Bontine Cunninghame Graham, lettera a Theodore Roosevelt, 1917

Una galoppota è una cura per tutti i mali.
Benjamin Disraeli, Il giovane duca, 1831

Non si può voler bene a un'automobile come a un cavallo. Il cavallo ci fa provare delle emozioni che le macchine non riescono a darci.
Albert Einstein, conversazione con Algernon Black, 1940

La loro terra d'origine era l'America. Un milione di anni prima della comparsa dell'uomo, i cavalli avevano pascolato sulle vaste pianure d'erba e avevano raggiunto gli altri continenti del pianeta attraversando ponti di roccia che in seguito sarebbero stati spazzati via dal ritiro dei ghiacci. Il loro impatto con l'uomo era stato quello della preda di fronte al cacciatore poiché, molto prima di utilizzarli per la caccia, l'uomo li uccideva per mangiarne la carne.
Nicholas Evans, L'uomo che sussurrava ai cavalli,  1995

Sebbene solo di recente l'uomo si fosse riavvicinato al cavallo fingendo amicizia, l'alleanza tra le due specie sarebbe sempre stata fragile, perché il terrore che l'uomo aveva instillato nel cuore del cavallo aveva radici troppo profonde per essere cancellato.
Nicholas Evans, L'uomo che sussurrava ai cavalli,  1995

I migliori maestri che abbia mai conosciuto sono stati gli stessi cavalli. Per le opinioni puoi rivolgerti a molta gente, ma se sono i fatti che ti interessano, ti conviene andare direttamente dal cavallo.
Nicholas Evans, L'uomo che sussurrava ai cavalli,  1995

−  So che lei aiuta chi ha dei problemi con un cavallo.
−  No, non è così. [...] In realtà è vero il contrario. Aiuto i cavalli che hanno problemi con gli uomini.
Nicholas Evans, L'uomo che sussurrava ai cavalli,  1995

Lo spirito cavalleresco è ciò che impedisce a un cavallo di fare scommesse sulle persone.
W. C. Fields (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

I cavalli davanti mordono, di dietro scalciano e in mezzo sono scomodi.
Ian Fleming, cit. su The Sunday Times, 1966

Che peccato che il cavallo usi la sua bella coda solo per scacciare le mosche e nasconder il deretano.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Il cavallo, come tutti sanno, è la parte più importante del cavaliere.
Jean Giraudoux, Ondine, 1939

Cento cavalli grigi non fanno un solo cavallo bianco.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Riceviamo mai ciò che desideriamo? Raggiungiamo ciò a cui sembrano preparate apposta le nostre forze? Tutto va al contrario. A uno il destino ha dato degli stupendi cavalli ed egli li usa per andarsene indifferente in carrozza, senza accorgersi affatto della loro bellezza , mentre un altro il cui cuore arde di passione equina, va a piedi e si accontenta di far schioccare la lingua quando gli passa accanto un trottatore.
Nikolaj Gogol', I racconti di Pietroburgo, 1842

La strada fuma sotto di te, strepitano i ponti, tutto viene superato e rimane indietro. Si ferma l'osservatore, colpito dal miracolo divino: non sei forse un fulmine scagliato dal cielo? Che significa questa corsa che incute terrore? E quale forza ignota è racchiusa in questi cavalli ignoti al mondo? Dite, ci sono forse turbini nelle vostre criniere? Un orecchio acuto freme forse in ogni vostra fibra? Avete sentito giungere dall'alto la nota canzone, insieme e di colpo avete teso il petto bronzeo, e quasi senza toccare terra con gli zoccoli vi siete trasformati in linee rette, volanti per l'aria, e tutta la trojka galoppa, ispirata da Dio!...
Nikolaj Gogol', Le anime morte, 1842

Per me cavalli e libertà sono sinonimi
Veryl Goodnight (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Per saper domare una passione, bisogna tener sempre in mano la briglia dell'attenzione, e allora, sebbene il proverbio dica che « non c'è uomo saggio a cavallo», si sarà davvero il primo saggio a cavallo in questo mondo, seppure non l'ultimo.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

Infelice è il cavallo, il cui padrone non ha occhi, perché non ingrasserà mai
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

Cosa sarebbe stato dell'umanità senza il cavallo? Il grande Cesare, Alessandro il Grande, i grandi di Spagna... Sarebbero stati veramente grandi senza il cavallo? Questa nazione sarebbe mai nata senza il generoso aiuto di questo nobile animale? E qual è il miglior modo per sdebitarsi se non quello di offrir loro un pascolo grasso e tranquillo dove potersi nutrire e procreare in pace.
Maggiore Harriman (Farley Granger), in Lo chiamavano Trinità, 1970

Una mosca può pungere un cavallo maestoso e farlo trasalire, ma quella è soltanto un insetto, e questo, pur sempre un cavallo.
Samuel Johnson, in James Boswell, Vita di Samuel Johnson, 1791 (postumo)

Una cavalla è più sensibile di una donna, specialmente se una cavalla di razza.
Hans Hellmut Kirst, Dio dorme in Masuria, 1956

Subito all’inizio della Genesi è scritto che Dio creò l’uomo per affidargli il dominio sugli uccelli, i pesci e gli animali. Naturalmente la Genesi è stata redatta da un uomo, non da un cavallo.
Milan Kundera, L'insostenibile leggerezza dell'essere, 1984

Bisogna amare i cavalli, essere vigorosi e arditi, e avere molta pazienza. Sono queste le principali qualità che fanno il vero cavaliere.
François Robichon de La Guérinière, Scuola di equitazione, 1733

Ci sono zebre che starebbero anche in gabbia pur di passare per dei cavalli bianchi.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

La gioia più grande dello stare con i cavalli è che ci mette in contatto con i rari elementi di grazia, bellezza, spirito e fuoco.
Sharon Ralls Lemon (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Non vi è nulla così buono per l'interiorità di un uomo come l'esteriorità di un cavallo.
John Lubbock, L'uso della vita, 1894

Ci sono tre cose da cui bisogna guardarsi: lo zoccolo di un cavallo, il corno di un toro e il sorriso di un inglese.
Seumas MacManus (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Se io penso al cavallo io penso all'uomo, li vedo come un elemento unitario. I loro destini li vedo fusi, perché in effetti per migliaia di anni lo sono stati.
Danilo Mainardi, Del cane, del gatto e di altri animali, 1996 [2]

Furono popoli d'agricoltori ad assoggettare il cavallo, dediti a un'agricoltura povera e distruttiva. Le terre che coltivavano, dopo un po', si trasformavano in deserti. Erano quindi, quegli uomini, anche nomadi, spinti a muoversi dal bisogno di trovare sempre nuove terre fertili. E fu dal loro continuo spostarsi che prese il via la diffusione del cavallo come animale domestico. Come mezzo di lavoro e di trasporto, soprattutto. E di battaglia, per moltissimo tempo. E poi, consequenzialmente, come segno di stato sociale. E come animale sportivo, infine. E da carne e da caccia. E compagno. Indubbio è, comunque, che per tutti questi ruoli, ma più di ogni altra cosa in quanto mezzo di trasporto, il cavallo ha immensamente contribuito all'esplorazione e alla conquista del mondo, alla conoscenza e allo scambio di informazioni (e genetico) tra i popoli. Se è certo dunque che l'uomo ha cambiato la storia del cavallo, altrettanto concreto è il peso che tale animale ha avuto, per l'evoluzione, culturale e biologica, dell'uomo.
Danilo Mainardi, Del cane, del gatto e di altri animali, 1996

Le persone a cavallo hanno un aspetto migliore di quello che sono. Le persone in auto sembrano peggiori di quello che sono.
Marya Mannes, The half-people, 1958

Ovunque l'uomo abbia lasciato la sua impronta nella lunga ascesa dalla barbarie alla civiltà, vi troveremo accanto l'impronta dello zoccolo del cavallo. 
John Trotwood Moore, cit. in Encyclopedia Britannica, 1954

Se il vostro cavallo dice di no, o avete fatto la domanda sbagliata o l'avete posta in modo sbagliato.
Pat Parelli (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Le bestie non si ammirano fra loro. Un cavallo non ammira il suo compagno. Non che non vi sia fra loro emulazione nella corsa, ma è senza conseguenze, perché dentro la stalla il più pesante e goffo non per questo cede la propria avena all'altro, come invece gli uomini vogliono che si faccia tra loro. La loro virtù si soddisfa da sé.
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

Gli uomini prestano più attenzione alla razza dei loro cavalli e dei loro cani che a quella dei propri figli.
William Penn, I frutti della solitudine, 1682

Un buon cavallo e una bella donna sono due care bestie.
Salvator Rosa, Il teatro della politica (postumo)

Prendi la maggior parte della gente, hanno il pallino delle macchine. Sudano freddo per un graffio alla carrozzeria, e non la finiscono piú di raccontarti quanti chilometri fanno con un litro, e se prendono un nuovo modello già pensano di cambiarlo con un altro ancora piú nuovo. A me non mi piacciono nemmeno le macchine vecchie, figurati. Voglio dire, non mi interessano nemmeno. Preferirei avere un maledetto cavallo. Almeno un cavallo è umano.
Jerome David Salinger, Il giovane Holden, 1951

Un cavallo! Un cavallo! Il mio regno per un cavallo!
William Shakespeare, Riccardo III, ca. 1592

Levarsi su come un Mercurio alato e muoversi così sicuro in sella, come un angelo sceso dalle nuvole a far piroettare e volteggiare e impennare un Pegaso focoso, da lasciare incantati tutti gli occhi con la maestria nel cavalcare.
William Shakespeare, Enrico IV, 1598

Il mio cavallo? Non lo cambierei con nessun’altra bestia a quattro zampe. “Za’, hop!”, e ti rimbalza sul terreno come se fosse imbottito di crine. Pare davvero le cheval volant, il Pégaso dalle narici di fuoco. Quando gli sono in sella, è come se volassi: sono un falco che galoppa per l’aria insieme a lui. La terra canta, quando lui la tocca. Il più banale corno del suo zoccolo è più armonioso della piva d’Ermes. Ha il mantello color noce moscata. E il calor dello zenzero. Una bestia che andrebbe a perfezione a un Persèo, tutto aria e fuoco; gli elementi più torpidi, terra e acqua, traspaion solo in lui nella paziente sua docilità quando gli monta in sella il cavaliere. Lui solo è quel che può dirsi un cavallo; gli altri sono tutti miseri ronzini, da dirsi tutt'al più degli animali.
William Shakespeare, Enrico V, ca. 1599

Un uomo a cavallo è spiritualmente, oltre che fisicamente, più grande di un uomo a piedi.
John Steinbeck, Il cavallino rosso, 1933

Si dice, ed è vero, che i cavalli da corsa camminano con le gambe, galoppano coi polmoni, resistono col cuore, ma vincono col cervello
Federico Tesio, Il purosangue, 1947 [6]

In sella a un cavallo, prendiamo in prestito la libertà.
Helen Thompson (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

In sella a un cavallo, l'uomo può riuscire a placare il suo slancio verso l'infinito, a sentirsi, anche solo per un istante, più vicino al cielo.
Helen Thompson, ibidem

Nella società barbara, il pedone e il cavaliere erano due classi distinte. L'automobile non differenzia la società meno del cavallo da sella.
Lev Trotsky, La rivoluzione tradita, 1938

Non sarebbe affatto meglio se tutti la pensassimo allo stesso modo; è dalla differenza di opinioni che nascono le corse dei cavalli.
Mark Twain, Wilson lo Svitato, 1894

Un consiglio valido per tutti: se avete dei nemici, se volete ferocemente vendicarvi di qualche pericoloso rivale, consigliategli “una domenica pomeriggio a cavallo” e la sua distruzione fisica e morale sarà definitiva.
Paolo Villaggio, Fantozzi, 1971

Dio non voglia che io debba andare in qualsiasi Cielo in cui non ci sono cavalli. (R. B. C. Graham)
Autori sconosciuti
  • Cavalli − se Dio ha fatto qualcosa di più bello, l'ha tenuto per sé.
  • Il cane sarà pure il migliore amico dell'uomo, ma il cavallo ha scritto la storia.
  • Lui sa quando sei felice, quando sei a tuo agio, quando sei sicuro − e sa sempre quando hai le carote.
  • Tutto quel che devo al mio psichiatra è il costo del fieno e del mangime, e mi ascolta ogni giorno.
  • Un cavallo è poesia in movimento.
  • Un modo per fermare un cavallo in corsa è quello di scommettere su di lui.
Un cavallo è la proiezione dei sogni che le persone fanno su sé stesse:
forti, potenti, belle. (Pam Brown)
Proverbi sul Cavallo
  • A buon cavallo non c'è bisogno di dire: trotta!
  • A buon cavallo non manca sella.
  • A cavallo da fieno uomo di paglia; a uomo di paglia cavallo da fieno.
  • A cavallo giovane, cavaliere vecchio.
  • A cavallo mangione corda corta.
  • Ai cavalli fatica e biada.
  • Al cavallo sprone e alla donna bastone.
  • Caval d'Olanda, buona bocca e cattiva gamba.
  • Caval pomellato caval malato.
  • Cavallo che inciampa e non cade, è buon segnale.
  • "  " che si guarda indietro ha poca voglia di andare avanti.
  • "  " da fieno, cavallo da nulla.
  • "  " giovane porta soldati, cavallo vecchio porta concime.
  • "  " o cavalla, cavalcali sulla spalla.
  • "  " tanto va, tanto vale.
  • "  " troppo ghiotto scavalca il padrone.
  • "  " vecchio non cambia andatura.
  • Chi compra cavalli compra fastidi.
  • Chi non ha travagli, tenga dei cavalli.
  • Chi tien cavallo e non ha strame, in capo all'anno muore di fame.
  • Chi trascura il chiodo finisce col perdere il cavallo.
  • Ciò che si risparmia in biada va poi in frusta.
  • È meglio caval fatto, che puledro matto.
  • Far trottare un cavallo dopo avergli dato la biada è farla seminare per strada.
  • I più grandi nemici dei cavalli sono il riposo e il grasso.
  • Il cavallo che obbedisce alla voce, non sopporta lo sprone.
  • Il cavallo che scappa da sé si castiga.
  • Il cavallo deve andare alla greppia e non la greppia al cavallo.
  • Il cavallo sano vuole quattro cose: briglia e biada, striglia e strada.
  • In mancanza di cavalli trottano gli asini.
  • La biada della sera va nelle gambe, quella del mattino va nel letame.
  • Mal si giudica il cavallo dalla sella.
  • Mangione fa cavallone.
  • Molti cavalli e molti cani, fanno di un ricco un poverino.
  • Né cavalli, né giardini, sono fatti pei poverini.
  • Non basta un cavallo per fare un cavaliere.
  • Non tutti i cavalli corrono la gara, né tutte le parole meritano risposta.
  • Orzo e paglia fanno il caval da battaglia.
  • Quando si tratta di cavalli diffida anche di tuo padre.
  • Se il cavallo è buono e bello, non guardare né razza né mantello.
  • Tanto mangia un ronzino quanto un buon cavallo.
  • Una buona strigliata vale una passeggiata.
  • Uomo a cavallo, sepoltura aperta.
  • Uomo a cavallo, uomo morto.
Il cavallo è il dono di Dio all'umanità.
Proverbio arabo

Il paradiso in terra si trova in sella a un cavallo, nella lettura di un libro e tra i seni di una donna.
Proverbio arabo

Dio prese un soffio del vento del Sud e vi alitò sopra. Così creò il cavallo.
Detto dei beduini

È destino dell'uomo troppo buono venire sfruttato dagli altri; come è destino di un buon cavallo l'essere domato per primo
Proverbio cinese

Il cuore dell'uomo è come un cavallo che corre in discesa: è facile spronarlo, ma molto difficile farlo fermare.
Proverbio cinese

L'oro gitano non tintinna e non brilla. Luccica al sole e nitrisce nel buio.
Detto degli zingari di Galway

Non è sufficiente per un uomo saper cavalcare; deve anche saper cadere.
Proverbio messicano

Il carro riposa in inverno, la slitta in estate, il cavallo mai.
Proverbio yiddish

2. Equitazione
© Aforismario

Equitazione: l'arte di mantenere un cavallo tra voi e il terreno.
Anonimo

Ci sono cavalieri che peggiorano i loro cavalli, e cavalli che migliorano i loro cavalieri.
Alessandro Alvisi, Aforismi e paradossi ippici, 1938 [3]

Come la donna, così il cavallo non ama i deboli, tanto meno li rispetta.
Alessandro Alvisi, ibidem

Il cavaliere non pretenderà di vincere la paura del suo cavallo, se non sia certo di aver vinto, anzitutto, la propria!
Alessandro Alvisi, Aforismi e paradossi ippici, 1938 [3]

I cavalli sono sempre cavalli. I cavalieri non sono sempre cavalieri.
Alessandro Alvisi, ibidem

Il cavallo che si sente trattato come un uomo, è spesso abbastanza intelligente per comportarsi subito da bestia; forse appunto per togliere il cavaliere dall'equivoco.
Alessandro Alvisi, Aforismi e paradossi ippici, 1938 [3]

Il cavallo dà il minimo fastidio al cavaliere. Il cavaliere faccia altrettanto.
Alessandro Alvisi, ibidem

Il cavallo è il più orgoglioso degli animali, perché non è servile verso il proprio padrone; è più cortese, perché non è scontroso con gli estranei: non guarda in faccia nessuno.
Alessandro Alvisi, Aforismi e paradossi ippici, 1938 [3]

Il cavallo non difetta di intelligenza; troppo spesso l'intelligenza è in lui paralizzata dalla ipersensibilità.
Alessandro Alvisi, Aforismi e paradossi ippici, 1938 [3]

Il cavallo si ricorda sempre del bene che riceve, e ne è grato: l'uomo talvolta.
Alessandro Alvisi, ibidem

Il cavallo è femmina anche quando è maschio; il cavaliere sappia essere maschio anche quando è femmina.
Alessandro Alvisi, Aforismi e paradossi ippici, 1938 [3]

Le gambe del cavallo diventano del cavaliere; in cambio questi gli dona il proprio cervello.
Alessandro Alvisi, ibidem

Non è il cavallo che deve adattarsi al cattivo cavaliere, ma il cattivo cavaliere al buon cavallo.
Alessandro Alvisi, Aforismi e paradossi ippici, 1938 [3]

Il cavallo è il nostro specchio. Chi vuole progredire deve guardare se stesso dentro al proprio cavallo.
Michel Robert, cit. in Lorenzo Capellini, Il fascino dei cavalli, 2008

Dobbiamo lavorare sulla mentalità del cavallo e comprendere la sua natura. Per poter fare bene il suo lavoro, deve prima di tutto avere una vita felice, proprio come noi. Se la vita quotidiana del nostro cavallo è un continuo stress, come può fare bene il suo lavoro? Quando siamo stanchi e stressati, come lavoriamo?
Michel Robert, cit. in Lorenzo Capellini, Il fascino dei cavalli, 2008

È difficile da accettare, ma i cavalli sono capaci di leggerci nel pensiero.
Michel Robert, ibidem

I fondamenti della comunicazione tra uomo e cavallo si riferiscono a tre principali aspetti: la fiducia, il rispetto, la connessione. Tutte le risposte si trovano dentro a questi tre concetti. Quando i tre aspetti si congiungono si raggiunge la massima intesa uomo-cavallo.
Michel Robert, cit. in Lorenzo Capellini, Il fascino dei cavalli, 2008

I migliori cavalieri sono quelli che sanno controllare le loro reazioni di fronte a quelle dei loro cavalli.
Michel Robert, cit. in Lorenzo Capellini, Il fascino dei cavalli, 2008

Il cavallo è ben diverso da noi essere umani. Le cattive intenzioni, il fare del male, non fanno parte della sua natura. Questa è una prerogativa solo degli uomini.
Michel Robert, ibidem

Non si può saltare, fare dressage [4] o galoppare in pista senza la collaborazione del cavallo, cioè la sua complicità, che può essere ottenuta solo se il cavaliere fa lo sforzo di entrare nel modo di pensare del suo cavallo.
Michel Robert, cit. in Lorenzo Capellini, Il fascino dei cavalli, 2008

L'uomo e il cavallo in natura non hanno progetti in comune. Siamo noi gli stupidi se puniamo un cavallo solo perché si comporta da cavallo.
Michel Robert, ibidem

Per diventare cavalieri non si deve cominciare dalla pratica dall'equitazione, ma dalla comprensione. Solo la comprensione e la connessione tra cavallo e cavaliere sono alla base del successo in equitazione.
Michel Robert, cit. in Lorenzo Capellini, Il fascino dei cavalli, 2008

È meglio lasciare che il cavallo segua la sua strada, e pretendere che sia la tua. Non c'è segreto più intimo di quello che c'è tra un cavaliere e il suo cavallo.
Robert Smith Surtees, Mr SpongÈs Sporting Tour, 1853

Il cavallo capisce l'uomo prima e meglio di quanto l'uomo capisca il cavallo.
Ruggero Ubertalli, Elementi di equitazione naturale, 1923

Jeremy Irvine, War Horse, Steven Spielberg, 2011
Il cavallo
Ronald Duncan, 1954

Dove può l'uomo nel mondo intero / trovare nobiltà senza orgoglio, / amicizia senza invidia, / bellezza senza vanità? / Qui! / Dove la grazia è intrecciata di muscoli, / e la forza è costretta dalla gentilezza, / Egli serve senza servilismo, / combatte senza inimicizie, / non c'è niente la mondo di più potente, / niente di meno violento, / niente di più paziente. / Il nostro passato è nato sul suo dorso, / tutta la nostra storia è opera sua, / Noi siamo i suoi eredi, / Egli è la nostra eredità.

Note
  1. Michela Vittoria Brambilla, Manifesto animalista, Mondadori, Milano, 2012
  2. Danilo Mainardi, Del cane, del gatto e di altri animali, 1996 Arnoldo Mondadori Editore.
  3. Alessandro Alvisi, Aforismi e paradossi ippici © 1938 Zanichelli
  4. Dressage: dal francese: raddrizzamento/addestramento; è una disciplina equestre che viene anche chiamata gara di addestramento, in quanto cavallo e cavaliere eseguono movimenti prevalentemente geometrici (detti arie) su un campo di forma rettangolare.
  5. Cavalcare all'amazzone: modo di stare in sella tipicamente femminile, in cui le gambe sono poste entrambe da un lato del cavallo.
  6. La citazione di Tesio, grande allevatore di cavalli, è diffusa su internet in questa forma: "Il cavallo galoppa con i polmoni, si conserva con il cuore e vince con il carattere".
  7. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Asini e Muli

Nessun commento: