2015-03-19

Galline, Galli e Uova - Frasi e proverbi su Polli e Oche

Raccolta di aforismi, battute divertenti e proverbi sulle galline, le oche, le uova, i galli, i polli e i pollai. In alcune frasi il termine "pollo"  è usato in senso concreto per indicare i galli e le galline nell'allevamento e nell'alimentazione, in altre è usato in senso figurato per indicare una persona ingenua e credulona, facile da prendere in giro e raggirare. Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa dedicate ad altri animali d'allevamento come: pecore, maiali, mucche, ecc.
1. Gallina
© Aforismario

Le galline sono un simbolo di stupidità nell'immaginario popolare collettivo. Non però in quanto a tattiche sessuali.
Enrico Alleva, La mente animale, 2007

L'unica cosa che abbia mai raggiunto il successo stando seduta è la gallina.
Sarah Brown (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Una gallina è soltanto il modo per un uovo di fare un altro uovo.
Samuel Butler, Vita e abitudine, 1878

«Con i nostri mangimi i suoi animali possono arrivare a produrre anche due litri di latte al giorno.»
«Ma le mie mucche ne fanno già venti, cinquanta...»
«Ma che mucche! Io mi riferivo alle galline.»
Bruno D’Alfonso [1]

Galli e galline. Solo polli da batteria? Ormai siamo abituati a vederli solo spennati e, come si dice, confezionati, magari surgelati se non, addirittura, già arrostiti.
Danilo Mainardi, Del cane, del gatto e di altri animali, 1996 [2]

Gallina vecchia fa la plastica.
Marcello Marchesi, 100 neoproverbi, 1965/68

Le donne sono come le galline, se schiamazzano non preoccupatevene.
William Somerset Maugham, La Signora Craddock, 1902

I proverbiali «cervelli di gallina», sicuramente gli animali più diffamati e oltraggiati sulla faccia della terra, e – altrettanto sicuramente – tra gli uccelli più intelligenti e sociali. [...] le galline non solo sono in grado di imparare, ma anche di apprendere reciprocamente l'una dall'altra. Le galline non sono così stupide come vorrebbe la credenza popolare.
Tom Regan, Gabbie vuote, 2004

Tu sei come una giovane / una bianca pollastra. / Le si arruffano al vento / le piume, il collo china / per bere, e in terra raspa; / ma, nell'andare, ha il lento / tuo passo di regina, / ed incede sull'erba / pettoruta e superba.
Umberto Saba, A mia moglie, 1909/10

La gallina quando canta ha fatto l'uovo. Il gallo, invece, canta per niente.
Margaret Thatcher (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il frastuono non dimostra nulla. Spesso una gallina che ha appena fatto un uovo schiamazza come se avesse fatto un asteroide.
Mark Twain, Seguendo l'equatore, 1897

L'amore è un allucinogeno che può farci vedere una musa in una manza e un'aquila in una gallina.
Anacleto Verrecchia, Rapsodia viennese, 2003

La gente mette il becco dappertutto. L'uomo non discende dalla scimmia bensì dalla gallina.
Carlos Ruiz Zafón, L'ombra del vento, 2001

Proverbi sulle Galline
  • Dodici galline e un gallo, mangiano come un cavallo.
  • Dove sono i pulcini, ivi è l'occhio della chioccia.
  • Gallina che canta ha fatto l'uovo.
  • Gallina mugellese, ha cent'anni e mostra un mese.
  • " " vecchia fa buon brodo.
  • " " vecchia vuol galletto giovane.
  • Galline giovani per far le uova e vecchie per covarle.
  • La gallina cova male fuori dal suo nido.
  • La gallina molto secca, ben becca.
  • Le galline, fanno le uova dal becco.
  • Meglio un uovo oggi che una gallina domani.
  • Non v'è gallina né gallinaccia che di gennaio uova non faccia.
  • Ogni gallina raspa per se stessa.
  • Per la gallina che in tre giorni non ti fa neppure un uovo, usa la pentola.
  • Quando fiorisce il sambuco, le galline stringono il buco.
  • Vecchia gallina ingrassa la cucina.
2. Gallo
© Aforismario

Un gallo basta assai bene a dieci galline, ma dieci uomini possono male, o con fatica, una femmina sodisfare.
Giovanni Boccaccio, Decameron, ca. 1348/53

Il gallo si considera libero solo se uccide i nemici che invadono il suo territorio. Per quanto possa sembrarti azzardato, sono convinto che essere disposti a dare la vita per questo, sia il termine di paragone più alto tra i galli e gli uomini.
Pino Cacucci, La polvere del Messico, 1992

Dove i galli non cantano, la tenebra resta per ventiquattrore attaccata al giorno.
Guido Ceronetti, L'occhiale malinconico, 1988

Il combattimento dei galli: un duello, con i contendenti che si fissano fronteggiandosi, becco contro becco, e poi si affrontano a colpi di speroni, proiettando in avanti le zampe. Una sorta di fremente rituale, e infatti gli etologi parlano di comportamento ritualizzato: l'aggressività convogliata in movenze stereotipate e, tutto sommato, innocue. Ma, al contrario di quanto avviene in animali più sociali, il conflitto non si esaurisce con la sottomissione del perdente: è la fuga la soluzione. Il vincitore rimarrà, unico maschio adulto, nel suo territorio. Solo lui lancerà nell'aria il ben noto chicchirichì, la sua bandiera, il segno canoro del possesso. Quanto alle galline, anche loro combattono ma, più sociali, sanno sottomettersi. Ciò consente un'organizzazione gerarchica, ed è per questo che in un pollaio possono convivere più galline.
Danilo Mainardi, Del cane, del gatto e di altri animali, 1996

I combattimenti dei galli che in natura non sono cruenti perché si risolvono con la fuga dello sconfitto, lo divennero nella cultura umana, con l'invenzione delle arene, spazi chiusi inibenti, appunto, la ritirata.
ibidem

Il primo addomesticamento [dei galli], che avvenne qualche migliaio d'anni prima di Cristo, gira intorno al fatto simbolico, magico, del gallo annunciante l'arrivo del giorno. Il gallo quindi entra in molti riti religiosi, viene visto positivamente perché sconfigge con il suo canto squillante i maligni spiriti delle tenebre.
Danilo Mainardi, Del cane, del gatto e di altri animali, 1996

Insieme con il toro, il gallo detiene senz'altro la migliore reputazione quanto a virilità. L'abitudine poliginica ha fatto di questi animali, per l'accresciuta aggressività conseguente alla necessità di procurarsi molte femmine, i veri simboli della potenza mascolina.
Danilo Mainardi, Del cane, del gatto e di altri animali, 1996

Nel pollaio da dove partirà verso la morte, il gallo canta inni alla libertà perché gli hanno dato due trespoli.
Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine, 1982 (postumo)

Ogni animale è triste dopo l'amplesso, tranne la donna e il gallo.
Publio Terenzio Afro (attribuito)

Proverbi sul Gallo
  • Gallo magro e gallina grassa fan buon matrimonio.
  • Gallo vecchio, gallina tenerella.
  • I galli buoni non sono mai grassi.
  • Il gallo è la sveglia della cascina.
  • Il gallo prima di cantare batte tre volte l'ale.
  • Il gallo razzola all'indietro e il porco grufola all'innanzi.
  • Quando il gallo canta nel pollaio, aspetta l'acqua nel grondaio.
3. Pollo e Pollaio
© Aforismario

Non importa nascere in un pollaio... quando si ha poi la fortuna di diventare un cigno.
Hans Christian Andersen, Il brutto anatroccolo, 1843

Il poker si gioca in quattro, oppure in tre col morto, o anche meglio in tre col pollo.
Stefano Benni, Bar sport, 1976

A scuola. "Brambilla, dove vivevano i Galli?" "Nel pollaio, signor maestro!".
Gino Bramieri, Io Bramieri vi racconto 400 barzellette, 1976

Al ristorante. "Cameriere questo pollo è durissimo, ma da dove è uscito?" "Forse sarà uscito da un uovo sodo."
Gino Bramieri, Io Bramieri vi racconto 400 barzellette, 1976

Non contare i tuoi polli prima che siano usciti dall'uovo.
Esopo, VII-VI sec. a.e.c.

Il pollo è l'unico animale che si può mangiare prima che nasca e dopo che è morto.
Leopold Fechtner [1]

I polli, per la maggior parte di noi, sono quelli da batteria. Ovaiole infelici, galletti amburghesi (quasi pulcini), ibridi da carne nati in incubatrice (la vocazione della chioccia le galline moderne l'hanno persa per motivi squisitamente ormonali, squisitamente economici). È evidente che i polli degli allevamenti industriali soffrono: lo spazio è minimo, il fotoperiodo è sballato, la socialità distrutta. Occorrerà fare qualcosa per loro.
Danilo Mainardi, Del cane, del gatto e di altri animali, 1996

L'organizzazione riproduttiva dei polli è la poliginia, il sistema dell'harem, l'alleanza sessuale, cioè, tra un maschio e alcune femmine. Un gallo e una manciata di galline: è per questo che si afferma che due galli non possono stare insieme in un pollaio.
Danilo Mainardi, Del cane, del gatto e di altri animali, 1996

Il pollo può essere meridionale o settentrionale: pollo nord o pollo sud.
Boris Makaresko [1]

Statistica: la scienza per la quale se io ho mangiato un pollo e tu non hai mangiato nessun pollo, abbiamo mangiato in media un pollo ciascuno.
Pitigrilli (Dino Segre), Dizionario antiballistico, 1953

Se non riesci a individuare il pollo al tavolo da gioco nella prima mezz'ora, allora il pollo sei tu.
Thomas Preston (Amarillo Slim)

Da li conti che se fanno / seconno le statistiche d'adesso / risurta che te tocca un pollo all'anno: / e, se nun entra ne le spese tue, / t'entra ne la statistica lo stesso / perché c'è un antro che ne magna due.
Trilussa, La statistica, in Roba vecchia, 1890-1912

La vita è come la scala di un pollaio: corta e piena di merda.
Proverbio

4. Oca
© Aforismario

L'oca è l'animale ritenuto simbolo della stupidità, a causa delle sciocchezze che gli uomini hanno scritto con le sue penne.
Anonimo

Il numero che anni fa mi diede una piccola notorietà era questo: facevo sparire una grossa oca. La mettevo sotto un telo scuro e lei spariva. Nessuno capiva come facessi. Vi dirò la verità: neanche io. Era l'oca che era brava.
Stefano Benni, Baol, 1990

Oca. Volatile che fornisce le penne per la scrittura. Queste ultime per qualche occulto processo naturale sono compenetrate e intrise in varia misura delle energie intellettuali e del temperamento emotivo dell'animale cosicché, quando vengono intinte nell'inchiostro e portate meccanicamente sul foglio da una persona convenzionalmente detta «autore», ne risulta un'accurata trascrizione degli intimi sentimenti e pensieri del volatile stesso.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Tassazione. L'arte di pelare l'oca facendola gridare il meno possibile e ottenendone la maggior quantità di penne.
John Garland Pollard, A Connotary, 1932

Dacché, strillando, ebbero salvato il Campidoglio, le oche strillano a ogni menomo sentor di pericolo.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

L'ironia è uno sviluppo anormale che, come quello del fegato delle oche di Strasburgo, finisce per uccidere l'individuo.
Søren Kierkegaard, Diario, 1834/55

Agli animali non si può fare premura: se si vogliono studiare le oche selvatiche bisogna vivere con loro, e, se si vuol vivere con loro, bisogna adattarsi al loro ritmo; e se madre natura non vi ha dotato di una benedetta pigrizia non ci riuscirete assolutamente.
Konrad Lorenz, L'anello di re Salomone, 1949

Se si conoscono ed entro certi limiti si sanno imitare i versi delle oche selvatiche, si può indurre anche un branco di oche adulte, che non hanno più bisogno di stare appiccicate a noi, a spostarsi, o a volar via, o che altro si voglia. Ma in questi tentativi di influenzare gli animali bisogna essere prudenti e moderati, e non si deve andar molto oltre ciò che fanno normalmente i genitori oche quando guidano i loro piccoli.
Konrad Lorenz, L'anello di re Salomone, 1949

Vi sono anche molti altri uccelli socievoli che trasferiscono sull'uomo i loro impulsi sociali, e che, se presi da giovani, possono stabilire con l'uomo un contatto assai stretto. Lo storno, il ciuffolotto e il lucherino possono affezionarsi deliziosamente, e i grossi corvidi, i pappagalli, le oche e le gru sotto questo aspetto gareggiano addirittura col cane.
Konrad Lorenz, L'anello di re Salomone, 1949

Mi capita di pensare che tra inchiodare un’oca al terreno per ingrossarne il fegato e inchiodare un uomo a una croce per altri scopi non c’è differenza. Ma non trovo nessuno che ne convenga e mi sento in imbarazzo.
Luigi Pintor, I luoghi del delitto, 2003

Tutto è relativo in questo mondo. Chiedi un po' alle oche e ai tacchini la loro opinione sul Natale.
Peter Willforth (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Aquila: nome che spesso le oche danno al loro piccolo.
Michel Zamacoïs (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Proverbi sulle Oche
  • A ciascuno le proprie oche sembrano cigni.
  • La gallina del vicino ci pare un'oca.
  • Per quanto allunghi il collo, l'oca non diverrà mai cigno.
  • Una donna vanitosa, è mezz'oca e mezzo pavone.
Una gallina è soltanto il modo per un uovo di fare un altro uovo. (Samuel Butler)
5. Uovo
© Aforismario

Uno va dallo psichiatra e dice: "Dottore, mio fratello è pazzo, crede di essere una gallina!". E il dottore gli dice: "Perché non lo interna?". E quello risponde: "E poi a me le uova chi me le fa?". Beh, credo che corrisponda molto a quello che penso io dei rapporti uomo-donna: e cioè che sono assolutamente irrazionali, e pazzi, e assurdi... Ma credo che continuino perché la maggior parte di noi ha bisogno di uova.
Woody Allen, in Io e Annie, 1977

Penso che questo dovrebbe essere l'aspetto di Dio: un uovo.
Margaret Atwood, Il racconto dell'Ancella, 1985

Al mercato di Genova. "50 lire un uovo? Sembra incredibile!" "Beh! Incredibile non direi, se pensa che un uovo rappresenta per una gallina mezza giornata di lavoro!"
Gino Bramieri, Io Bramieri vi racconto 400 barzellette, 1976

È così vecchio che, quando ordina un uovo à la coque, gli chiedono di pagare in anticipo.
Milton Berle [1]

Fra amici. "Come mai ti sei separato subito da tua moglie, l'avevi decantata come la perla del focolare?" "Sì, ma quando ho visto che ha aperto l'uovo sodo con l'apriscatole, ho capito di avere sbagliato tutto."
Gino Bramieri, Io Bramieri vi racconto 400 barzellette, 1976

Come mai quando si tratta di noi, è un aborto, e quando si tratta di un pollo, è un'omelette?
George Carlin, Back in Town, 1996

È veramente un'avventura l'uovo e sta a noi, poi, saperne cogliere gli aspetti. Perciò l'uovo, volendo, può anche diventare quadrato.
Carlo Cracco, su Iris, 2011

Nessuna geometria ha ricavato la formula dell’uovo. Per il cerchio, la sfera c’è il pigreco, ma per la figura perfetta della vita non c’è quadratura.
Erri De Luca, Il peso della farfalla, 2009

Il passato è un uovo rotto, il futuro è un uovo appena covato.
[Le passé est un oeuf cassé, l'avenir est un oeuf couvé].
Paul Éluard, I sentieri e le strade della poesia, 1954

Probabilmente una delle cose più private del mondo è un uovo prima che si rompa.
Mary Frances Kennedy Fisher, cit. su Harper's Magazine, 1945

Le anatre depongono le loro uova in silenzio. Le galline invece schiamazzano come impazzite. Qual è la conseguenza? Tutto il mondo mangia uova di gallina.
Henry Ford (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Può essere segno di sagacia cercare in ogni cosa il pelo nell'uovo, ma chi si ostina in tale operazione non potrà sottrarsi alla nomea di sciocco.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

Non si critica un uovo perché non è un pollo.
Lin-chi, I sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario).

Una volta, quando andavi a comprare le uova, andavi dal lattaio e chiedevi sei uova, dodici uova, quello ti faceva un cartoccio con "Tuttosport" e tu arrivavi a casa con un magma di uova e di gusci e vivevi sereno. Adesso vai al supermercato e devi chiamare uno psicologo che ti aiuti a scegliere tra 850.000 tipi di uova, venti metri quadri di scaffali; non ci sono più le sei e le dodici, ci sono le tabelle da muratore di uova grosse così.
Luciana Littizzetto, Chelittichefazio, 2007

Ci sono: le uova fresche, extrafresche, freschissime, da bere, del contadino, categoria A, categoria 1 juniores, categoria B, C, under 16, quelle biologiche, quelle addizionate con le vitamine, quelle piccole, quelle medie, quelle grandi, quelle extralarge che sono dei meloni che ti si stringe il cuore a pensare a questa povera gallina, come ha fatto a tirar fuori quella roba lì...
Luciana Littizzetto, Chelittichefazio, 2007

Perché noi che ci spacciamo per la civiltà evoluta, come possiamo vivere in una civiltà che ha ottocento tipi di uova diverse? L'uovo è una cosa semplice, una cosa fatta col culo, normale, non ce ne potete mettere un miliardo.
Luciana Littizzetto, Chelittichefazio, 2007

Mi metto davanti allo scaffale e non so mai decidere, ci sono quelle fresche, poi quelle extrafresche, poi quelle freschissime, ma allora quelle extrafresche sono più fresche di quelle freschissime? E quelle freschissime sono più fresche di quelle da bere? Ma allora finisce che quelle da bere sono più fresche di quelle freschissime... Insomma, sono fresche, cos'hanno dentro? Il galletto Vallespluga?
Luciana Littizzetto, Chelittichefazio, 2007

La giovane attrice cominciò a chioccolare sul palcoscenico, ma invano cercammo il suo uovo.
Leo Longanesi, La sua signora, 1957

L'uovo nasce incolume e muore contrito.
Alda Merini, Cinque aforismi, 1995

Un uovo fritto, da una gallina è considerato interruzione di maternità?
Gianni Monduzzi, Orgasmo e pregiudizio, 1997

Siamo tutti fragili uova di fronte a una parte solida chiamata sistema
Haruki Murakami, discorso, Fiera internazionale del libro di Gerusalemme, 2009

L'uovo ha una forma perfetta, benché sia fatto col culo.
Bruno Munari, Verbale scritto, 1992

È curioso che le arti figurative non tengano le uova nella dovuta considerazione. È possibile passeggiare per le sale di un grande museo senza trovare una natura morta con uova. Primeggiano di gran lunga i vegetali. Eppure la loro forma è perfetta e si presterebbero volentieri come le bottiglie a infinite composizioni.
Luigi Pintor, Il nespolo, 2001

Faceva così caldo che abbiamo dovuto dare da mangiare dei cubetti di ghiaccio alle galline per evitare che ci deponessero uova sode.
Tony Randall [1]

Come nutrimento l’uovo è superiore a tutti gli altri cibi, presi in quantità non superiore al volume dell’uovo.
Talmud, II-V sec.

Posso cucinare ricette davvero complicate, ma ci vuole un vero talento per fare l’uovo perfetto.
Christine Teigen, XXI sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il buon vecchio uovo forma la base della vita quotidiana. Ferma il primo che incontri per via e domandagli di cosa sentirebbe maggiormente la mancanza, se delle uova o della moglie, e senti ciò che ti risponderà!
P. G. Wodehouse, L'amore tra polli, 1906

"Ahimè, un altro pollo di meno", diceva un avaro ogni volta che mangiava un uovo.
Anonimo

Proverbi sulle Uova
  • Chi vuole l’uovo sopporti la gallina.
  • D’uova bevute nessun si satolla.
  • In sei mesi l’uovo deve tornare uovo.
  • L’uovo ha gran sostanza che serve da pietanza.
  • La gallina fa l'uovo e il gallo sente bruciore al culo.
  • Le uova sono buone anche dopo Pasqua.
  • Meglio un uovo in padella che una beccaccia al bosco.
  • Meglio un uovo oggi che una gallina domani.
  • Non c’e` uovo che non guazzi.
  • Per amore dell’uovo si sopporta la gallina.
  • Quando le uova sono aggiustate nel paniere arriva sempre qualcuno che le rompe.
  • Un uovo appena nato vale un ducato.
  • Un uovo è nulla, due è una frulla, tre un che, quattro un fatto, cinque un tratto.
  • Un uovo tiene ritto un uomo.
  • Uovo fresco e vino rosso.
  • Uovo lungo, bianco e fresco.
  • Uovo senza sale non fa ne´ ben ne´ male.
  • Vale più un buon giorno con un uovo che un malanno con un bue.
Note
  1. Gino e Michele, Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano. Opera omnia, Baldini e Castoldi, 1995.
  2. Danilo Mainardi, Del cane, del gatto e di altri animali. Viaggio di un naturalista tra gli animali domestici © 1996 Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.
  3. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Uccelli

Nessun commento: