2015-03-16

Lodi e Complimenti - Frasi sugli Elogi

Raccolta dei migliori aforismi e delle frasi più belle sulle lodi, gli elogi e i complimenti. Su Aforismario trovi anche una raccolta di citazioni simile a questa dedicata all'adulazione e alla lusinga.
La gente ti chiede una critica, ma in realtà vuole soltanto una lode. (William S. Maugham)
1. Lode
© Aforismario

Il vero castigo di chi compra le lodi è ch'egli finisce col credere alle lodi pagate.
Ugo Bernasconi, Parole alla buona gente, ca. 1933 (postumo 1987)

Lode. Omaggio da noi reso a opere che somigliano alle nostre, ma naturalmente non le eguagliano.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Una lode estesa anche ad altri vale meno che nulla.
Francesco Burdin, Un milione di giorni, 2001

Un uomo che viene lodato è un uomo che viene messo in catene.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

Qualsiasi uomo può essere lodato, e a ragione. Anche soltanto stando in piedi su due gambe fa qualcosa che una mucca non sa fare.
Gilbert Keith Chesterton, L'utopia degli usurai, 1917

La lode falsa non fa meno piacere di quella sincera.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

La piccola lode di un nemico ci fa più piacere del grande elogio di un amico.
ibidem

Se certe nostre lodi fossero davvero meritate, preferiremmo non farle.
ibidem

Le lodi che più piacciono agli uomini sono quelle immeritate perché gli fanno credere di possedere le virtù che non hanno.
Roberto Gervaso, L'amore è eterno finché dura, 2004

L'invidioso mi loda senza saperlo.
Kahlil Gibran, Sabbia e spuma, 1926

Il migliore fra gli uomini è colui che arrossisce quando lo lodi e rimane in silenzio quando lo diffami.
Kahlil Gibran, Massime spirituali, 1962 (postumo)

Amiamo persino le lodi che non crediamo sincere.
Jean Giraudoux, La guerra di Troia non si farà, 1935

Se uno loda un altro, si mette alla pari con lui.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Un uomo, una donna, un discorso, un'azione, una città, una cosa degna di lode devono essere lodati; mentre deve essere biasimato ciò che è indegno. Uguale errore e incapacità è biasimare ciò che deve essere lodato e lodare ciò che deve essere biasimato.
Gorgia, Encomio di Elena, V sec. a.e.c.

La lode tiepida di una cosa bella è un'offesa.
Jean-Auguste-Dominque Ingres, Note e pensieri, 1870 (postumo)

La lode d'uno sciocco o d'un ignorante, lungi dall'incoraggiarci, deve farci avvisati di un qualche errore.
Jean-Auguste-Dominque Ingres, Note e pensieri, 1870 (postumo)

Ammasso di epiteti, cattiva lode: sono i fatti che danno lode, e la maniera di raccontarli.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

La genialità e i grandi talenti spesso mancano, talvolta anche le sole occasioni: certuni possono essere lodati per ciò che hanno fatto, talaltri per quel che avrebbero fatto.
ibidem

Con tutto l’orgoglio di cui siamo gonfi e l’eminente opinione che abbiamo di noi stessi e della bontà del nostro giudizio, è strano che tralasciamo di servircene per sentenziare sul merito altrui. La rinomanza, il favore popolare, quello del Principe, ci travolgono come un torrente: lodiamo ciò che è lodato, molto più di ciò che è lodevole.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

È una mancanza di cortesia lodare smodatamente, alla presenza di coloro che inducete a cantare o a suonare uno strumento, una persona dotata degli stessi talenti; come lodare al cospetto di coloro che leggono versi propri un altro poeta.
ibidem

Non so se ci sia cosa al mondo che maggiormente costi approvare e lodare di ciò che più è degno di approvazione e di lode, e se la virtù, il merito, la bellezza, le buone azioni, le belle opere producano un effetto più naturale e più certo dell’invidia, della gelosia e dell’antipatia. Non del santo un devoto un altro devoto. Se una bella donna approva la bellezza di un’altra donna, si può desumere che ha di meglio di ciò che approva. Se un poeta loda i versi di un altro poeta, c’è da scommettere che sono brutti e incoerenti.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

Ci sarebbe una sorta di ferocia nel respingere indiscriminatamente ogni genere di lode: occorre essere sensibili a quelle che provengono da gente onesta, che sinceramente loda in noi cose lodevoli.
ibidem

Morendo ci si guadagna la lode di quanti ci sopravvivono, sovente senz’altro merito che quello di non esistere più.
ibidem

Spesso facciamo mostra di lodare eccessivamente uomini piuttosto mediocri, innalzandoli, se fosse possibile, fino all'altezza di quanti eccellono, o perché siamo stanchi di ammirare sempre le stesse persone, o perché la loro gloria, così condivisa, offende meno la nostra vista, apparendoci meno intollerabile.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

Sembra che le nostre azioni abbiano una buona o una cattiva stella a cui dobbiamo gran parte della lode e del biasimo che riscuotono.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

È indizio di un merito straordinario vedere che coloro che più lo invidiano sono costretti a lodarlo.
ibidem

Esaltiamo le buone qualità degli altri più per stima delle nostre opinioni che per stima dei loro meriti: vogliamo attirarci delle lodi mentre fingiamo di tributarne.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Di solito si loda soltanto per essere lodati.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

La modestia, che in apparenza rifiuta le lodi, in realtà è soltanto un desiderio di averne di più sottili.
ibidem

Pochi sono così assennati da preferire il biasimo utile alla lode traditrice.
ibidem

Il rifiuto delle lodi è un desiderio di essere lodato due volte.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

In un certo senso, lodare di cuore le belle azioni è un modo per prendervi parte.
ibidem

Dicano pure di noi tutto il bene che vogliono, non ci diranno mai niente di buono.
ibidem

Pochi sono così assennati da preferire il biasimo utile alla lode traditrice.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Non si ha bisogno di essere lodati quando si è sicuri di sé stessi. Chi ricerca la lode dubita del proprio valore.
Gustave Le Bon, Aforismi dei tempi presenti, 1913

L'uomo è così inclinato alla lode, che anche in quelle cose dov'egli non ha mai né cercato né curato di esser lodevole, e ch'egli stima di nessun pregio, ancora in queste l'esser lodato lo compiace. Anzi spesso lo indurrà a cercar di rialzare presso se stesso il pregio e l'opinione di quella tal cosa minima nella quale è stato lodato; e a persuadersi che essa, o l'essere lodevole in essa, non sia del tutto minimo nell'opinione altrui.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

Non solo noi diveniamo insensibili alla lode, e non mai al biasimo, come dico altrove, ma in qualunque tempo, le lodi di mille persone stimabilissime, non ci consolano, non fanno contrappeso al dolore che ci dà il biasimo, un motteggio, un disprezzo di persona disprezzatissima, di un facchino.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

La gente ti chiede una critica, ma in realtà vuole soltanto una lode.
William Somerset Maugham, Schiavo d'amore, 1915

Noi lodiamo le persone in proporzione alla stima che esse nutrono nei nostri confronti.
Charles-Louis de Montesquieu, I miei pensieri, 1716-55  (postumo 1899-01)

Giusto è bene, che chi professa una scienza od arte, la stimi e la lodi; ma non è si facilmente da perdonargli, se troppo la stima ed esalta, perché in fine questo è un lodare se stesso col pretesto di contar le glorie della sua professione.
Ludovico Antonio Muratori, Dei difetti della giurisprudenza, 1742

Quando i buoni amici lodano l’uomo d’ingegno, molto spesso egli se ne mostrerà lieto per cortesia e benevolenza, ma in verità la cosa gli è indifferente. Il suo vero essere è affatto inerte a tale riguardo e non è possibile smuoverlo di un passo fuori dal sole o dall’ombra in cui si trova; ma con la lode gli uomini vogliono procurare una gioia e li si rattristerebbe, se non ci si rallegrasse della loro lode.
Friedrich Nietzsche, Umano, troppo umano, 1878

La lode insincera lascia dietro di sé assai più rimorsi del biasimo insincero, probabilmente solo perché, con l’eccessivo lodare, abbiamo compromesso il nostro giudizio molto più che con un eccessivo e persino ingiusto biasimare.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

Nella lode v'è più invadenza che nel biasimo.
Friedrich Nietzsche, Al di là del bene e del male, 1886

Per taluni rallegrarsi di una lode è soltanto una gentilezza del cuore e precisamente l'opposto di una vanità dello spirito.
Friedrich Nietzsche, Al di là del bene e del male, 1886

La lode è positiva, ma scava in profondità ed è invadente; il biasimo è negativo, ma leggero e superficiale, cioè molto meno coinvolgente.
Sandro Pandolfi, Il tempo verticale, 2011

Volete che si pensi bene di voi? Non lodatevi.
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

Puoi capire il carattere di una persona dal modo come accoglie le lodi.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, ca. 62/65

Non lodare un uomo prima che abbia parlato, poiché questa è la prova degli uomini.
Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c.

Nei rapporti migliori, anche i più amichevoli, i più semplici, l'adulazione e la lode sono altrettanto necessari del grasso alle ruote perché girino.
Lev Tolstoj, Guerra e pace, 1865/69

È un grande segno di mediocrità lodare sempre moderatamente.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

Amiamo a volte persino le lodi che non crediamo sincere.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

Le lodi mi rendono umile, ma quando mi insultano so di aver toccato le stelle.
Oscar Wilde (da interviste e conversazioni)

Proverbi sulla Lode
  • A ciascun piace meglio esser lodato che biasimato.
  • Al mercato biasima ciò che in casa poi loderai.
  • Bisogna esser parchi così di lode, come di biasimo.
  • Chi ci loda si deve fuggire, e chi c'ingiuria si deve soffrire.
  • Chi loda per interesse vorrebbe esser fratello del lodato.
  • Chi ti loda sul viso è tuo nemico.
  • Chi loda per interesse vorrebbe essere al posto del lodato.
  • Chi loda san Pietro, non biasima san Paolo.
  • Chi mente lodandosi, non dice il vero biasimandosi.
  • Ciò che non si sa lodare, non si deve nemmeno biasimare.
  • Con la lode e col biasimo bisogna andar riguardati come col fuoco.
  • Guarda chi tu lodi, ché non te ne venga biasimo.
  • Guardati da chi ti loda.
  • Il troppo lodare è mezzo biasimare.
  • Io lodo chi è buono, e lo biasimo se divien cattivo.
  • La lode fa gli amici, il biasimo i nemici.
  • La lode non fa grandi, il biasimo non fa piccoli.
  • Loda in modo da poter biasimare, e biasima in modo da poter lodare.
  • Lodar il proprio figlio è lodar se stesso; biasimare il proprio padre è svergognar se stesso.
  • Lode aperta e biasimo segreto son cari agli amici.
  • Non bisogna lodare e biasimare nello stesso tempo.
  • Non lodare né biasimare alcuno, prima di conoscerlo per bene.
  • Oggi lodato, doman biasimato.
  • Ognuno ha il suo lodatore e il suo biasimatore.
  • Quel che uno loda, l'altro biasima.
  • Si acquista facilmente la lode, ma più facilmente il biasimo.
Le lodi mi rendono umile, ma quando mi insultano so di aver toccato le stelle
2. Elogio
© Aforismario

Un giudizio negativo vi soddisfa ancora più di un elogio, a patto che vi si senta la gelosia.
Jean Baudrillard, Cool memories. Diari 1980-1985, 1987

Elogio. Apprezzamento riservato a chi gode i vantaggi di essere ricco e potente, o il privilegio di essere morto.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Il poeta ha bisogno di elogi. Senza elogi intristisci e muore. Come qualunque altro uomo.
Francesco Burdin, Un milione di giorni, 2001

Meglio perire per mano degli stupidi che averne gli elogi.
Anton Čechov, Quaderni, 1891/1904

Eccettuati i pazzi, non vi è nessuno che sia indifferente all'elogio o al biasimo; finché rimaniamo appena un po' normali, siamo sensibili a entrambi; se vi diventiamo refrattari, che cosa ci resta da cercare in mezzo ai nostri simili? È senza dubbio umiliante reagire come loro; d'altra parte, è difficile innalzarsi al di sopra di tutte le miserie che li opprimono e li appagano.
Emil Cioran, La caduta nel tempo, 1964

Se ognuno di noi confessasse il suo desiderio più segreto, quello che ispira tutti i suoi progetti e tutte le sue azioni, direbbe: «Voglio essere elogiato». Nessuno però vi si lascerà indurre, giacché è meno disonorevole commettere un abominio che proclamare una debolezza così miserevole e umiliante, nata da un sentimento di solitudine e di insicurezza del quale soffrono, con uguale intensità, i reietti e i fortunati.
Emil Cioran, La caduta nel tempo, 1964

Ci sono elogi che offendono più di tanti insulti.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Ciò che più m'imbarazza sono gli elogi meritati.
ibidem

Gli elogi meritati sono quelli che meno volentieri dispensiamo.
ibidem

Le orazioni funebri ci fanno tessere quegli elogi del morto che, in vita, mai gli avremmo tributato.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Meglio l'elogio della critica, ma meglio la critica del silenzio.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Non c'è elogio che non si tributi alla prudenza. Eppure essa non è in grado di tutelarci dalla minima evenienza.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Nulla dovrebbe umiliare gli uomini che hanno meritato grandi elogi quanto la cura che prodigano nel farsi valere per le piccole cose.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Rifiutare un elogio è come desiderare di essere elogiato due volte.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Gli elogi annoiano. Le critiche suscitano interesse. Le polemiche vendono.
Andrea Mucciolo, Prendi nota, 2010

Finché ti si elogia, credi pure sempre che non sei ancora nella tua strada, bensì su quella di un altro.
Friedrich Nietzsche, Umano, troppo umano II, 1879/80

Rallegrarsi di un elogio è per alcuni solo una cortesia del cuore – e proprio il contrario di una vanità della mente.
Friedrich Nietzsche, Al di là del bene e del male, 1886

Come i poeti amano le loro opere e i padri i loro figli, così anche quelli che si sono arricchiti s'occupano con premura dei propri averi perché è opera loro, oltre che, come gli altri, per l'utilità che ne ricavano. Perciò la loro compagnia è molesta, dal momento che non sono disposti ad elogiare altro che la ricchezza.
Platone, Repubblica, IV sec. a.e.c.

Elogio funebre. La metà di questi elogi gli sarebbero bastati quando era vivo.
Jules Renard, Diario, 1887/1910 (postumo, 1925-27)

Testa e cuore costituiscono la totalità dell'uomo, come la volontà e la rappresentazione: una volta che si siano elogiati testa e cuore, non v'è più nulla da criticare.
Arthur Schopenhauer, Il primato della volontà sull'intelletto, 1966/75 (postumo)

Uno scrittore non dimentica mai la prima volta che accetta qualche moneta o un elogio in cambio di una storia. Non dimentica mai la prima volta che avverte nel sangue il dolce veleno della vanità e crede che, se riuscirà a nascondere a tutti la sua mancanza di talento, il sogno della letteratura potrà dargli un tetto sulla testa, un piatto caldo alla fine della giornata e soprattutto quanto più desidera: il suo nome stampato su un miserabile pezzo di carta che vivrà sicuramente più a lungo di lui. Uno scrittore è condannato a ricordare quell'istante, perché a quel punto è già perduto e la sua anima ha ormai un prezzo.
Carlos Ruiz Zafón, Il gioco dell'angelo, 2008

3. Complimento
© Aforismario

Complimento. Un prestito che dà un interesse.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Un complimento è la vittoria della cortesia sulla sincerità.
Ralph Boller, cit. in Markus R. Ronner, Die Treffende Pointe, 1974

C'è una specie di rispetto e di deferenza nel mentire. Ogni volta che mentiamo a qualcuno, gli facciamo il complimento di riconoscere la sua superiorità.
Samuel Butler, Taccuini, 1912 (postumo)

Il miglior modo di consolare uno sventurato è di assicurargli che una maledizione certa pesa su di lui. Questo genere di adulazione lo aiuta a sopportare meglio le sue prove, dato che l'idea di maledizione implica elezione, sciagura di qualità. Perfino nell'agonia un complimento ha effetto.
Emil Cioran, Squartamento, 1979

Si dovrebbe importunare qualcuno soltanto per annunciargli un cataclisma o per fargli un complimento che gli desse le vertigini.
Emil Cioran, Squartamento, 1979

Tre quarti della vita di un uomo civile va in complimenti, congratulazioni, condoglianze, e difatti, ogni giorno, ci arrivano lettere e biglietti di visita inutili che obbligano a risposte ancora più inutili. Oh venisse una legge ad abolire, almeno per un secolo, l'uso dell'alfabeto!
Carlo Dossi, Note azzurre, 1870/1907 (postumo 1912/64)

Largo ai giovani! Un bel complimento davvero! Largo si fa ai vecchi.
Mino Maccari, Asterischi, su Il Selvaggio, 1932

Per sballato che sia, un complimento ha sempre il merito della generosità.
Gianna Manzini, La sparviera, 1956

Complimento. Bugia in abito di gala.
John Garland Pollard, A Connotary, 1932

Coloro che dicono nulla potersi fare di profittevole in questo mondo senza aiuto d'arti disoneste, fanno al proprio ingegno un ben povero complimento.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

Il complimento è un po' come il bacio attraverso il velo, la voluttà pur nascondendovisi vi mette la sua dolce punta.
Victor Hugo, I miserabili, 1862

L'eterno sogno del boia: i complimenti del condannato per la qualità dell'esecuzione.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

Per fare un complimento a una donna bisogna pensare come una donna, parlare come una donna e mentire come un uomo.
Flavio Oreglio, Non è stato facile cadere così in basso, 2007

Ricorda i complimenti che ricevi, scordati gli insulti. Se ci riesci veramente, dimmi come si fa.
Mary Schmich, Usa la crema solare, 1997

Il mondo non è stato mai felice da quando la bassa adulazione fu chiamata complimento.
William Shakespeare, La dodicesima notte, ca. 1600

Le persone riservano abitualmente complimenti a coloro che non minacciano il loro orgoglio; quanto agli altri, li elogiano spesso chiamandoli «arroganti».
Nassim Nicholas Taleb, Il letto di Procuste, 2010

Se non riuscite a ottenere un complimento in nessun altro modo, piuttosto che niente pagatelo.
Mark Twain, Taccuini, 1935 (postumo)

Le donne non sono mai disarmate dai complimenti. Gli uomini sì. È questa la differenza fra i due sessi.
Oscar Wilde, Un marito ideale, 1895

Proverbi sui Complimenti
  • I complimenti piacciono a tutti.
  • I " " costano poco e a volte rendono.
  • I " " sono polvere negli occhi.
  • I complimenti vengono dalla bocca, vanno agli orecchi e non arrivano al cuore.
Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Adulazione, Lusinga e Lecchini - Merito e Meritocrazia

Nessun commento: