2015-03-20

Pecore e Agnelli - Frasi su Gregge e Pastore

Raccolta di aforismi, frasi e proverbi sulla pecora, l'agnello, il gregge, il pastore e la lana. In alcuni casi i vari termini sono usati in senso figurato, per cui, ad esempio, la pecora può essere simbolo di mitezza e mansuetudine, ma anche di atteggiamento conformista e servile. Su Aforismario trovi anche una raccolta di citazioni correlata a questa dedicata al lupo, predatore per eccellenza di pecore e agnelli.
Creare l'uomo fu un'idea bizzarra e originale,
ma aggiungere la pecora fu una tautologia. (Mark Twain)
1. Pecora
© Aforismario

Come le pecorelle escon del chiuso / a una, a due, a tre, e l’altre stanno / timidette atterrando l’occhio e ’l muso; / e ciò che fa la prima, e l’altre fanno, / addossandosi a lei, s’ella s’arresta, / semplici e quete, e lo ’mperché  non sanno.
Dante Alighieri, Purgatorio, Divina Commedia, 1304/21

Se non ci fossero tante pecore, non ci sarebbero tanti lupi.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

È inutile per la pecora essere a favore del vegetarianismo mentre il lupo continua ad avere un'opinione diversa.
William Ralph Inge, Outspoken Essays, 1919

Si può passar sopra a un morso di lupo, ma non a un morso di pecora.
James Joyce, Ulisse, 1922

Una mucca o una pecora morte che giacciono in un pascolo sono considerate carogne. La stessa carcassa, trattata e appesa a un chiodo in macelleria, passa per cibo!
John Harvey Kellogg (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

"Finché il sole risplenderà su le sciagure umane", la pecora sarà mangiata dal lupo: rimane solo che chi sa e può non si faccia pecora.
Vilfredo Pareto, Un’applicazione di teorie sociologiche, 1900

Più pecore ove sono, ivi è più rogna; e un grand'ovile spesso è una grande fogna.
Cristoforo Poggiali, Proverbi, motti e sentenze ad uso ed istruzione del popolo, 1821

Fede e conoscenza rinchiuse nella medesima testa non vanno d'accordo; ci stanno come un lupo e una pecora chiusi nella medesima gabbia: e la conoscenza è il lupo che minaccia di divorare la vicina.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Se da un punto di vista biologico l’umano è affine alla scimmia, da un punto di vista psicologico mi pare lo sia ancora di più alla pecora, con la sua tendenza a stare in gregge e a seguire un pastore.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Non ogni pecora smarrita è una pecora che si è persa.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Creare l'uomo fu un'idea bizzarra e originale, ma aggiungere la pecora fu una tautologia.
Mark Twain, Notebook, 1935 (postumo)
Non ogni pecora smarrita è una pecora che si è persa. (Giovanni Soriano)
Proverbi sulle Pecore
  • A chi ha pecore e vigna la fortuna è benigna.
  • Chi ha pecore ha lana.
  • Chi ha pecore sempre ne perde qualcuna.
  • Chi pecora nasce, pecora pasce.
  • Chi pecora si fa il lupo se lo mangia.
  • È meglio vivere un giorno da leone che cent'anni da pecora.
  • La gente fa come le pecore: dove va una vanno tutte.
  • La pecora caca oro.
  • La " " che bela il lupo la strozza.
  • La " " che bela perde il boccone.
  • La " " ha l’oro sotto la coda.
  • La " " nel culo è benedetta e nella bocca maledetta.
  • La " " rende più da viva che da morta.
  • La " " rognosa ne guasta un branco.
  • La " " si paga tutti i debiti che fa.
  • La " " zoppa nel lupo intoppa.
  • La " " zoppa resta fuori del gregge.
  • Le pecore si contano a maggio e le carte a scopa.
  • Meglio pecora magra che lupo grasso.
  • Morso di pecora non passa la pelle.
  • Pecora ben curata ti calza, ti veste e ti fa un cappello.
  • " " che va sola va in bocca al lupo.
  • " " infetta ne ammorba una setta.
  • " " mal guardata è dal lupo divorata.
  • " " nera, pecora bianca: chi muore muore, chi campa campa.
  • Pecora segnata il lupo se la mangia.
  • Pecore e donne a casa di buon ora.
  • Per la pecora tanto vale finire in bocca al lupo che nelle mani del macellaio.
  • Poche pecore e molta vigna grossa rogna e grossa tigna.
  • Trista quella pecora che al lupo si confessa.
  • Triste è quella pecora che non vuol portare la sua lana.
  • Una pecora nera ci scappa sempre.
Perché ci fa orrore il pensiero di mangiare il nostro cane,
ma massacriamo a ogni Pasqua centinaia di agnelli per fare festa? (Umberto Veronesi)
2. Agnello
© Aforismario

La civiltà è la pelle d'agnello con cui la barbarie si camuffa.
Thomas Bailey Aldrich, Ponkapog Papers, 1903

Chi ti ha creato e ordinato di nutrirti al ruscello e sul prato; chi ti diede quell'abito di gioia, soffice, lanoso, splendente; chi ti diede sì tenera voce, per far gioire le valli? Agnellino, chi ti fece? Agnellino, Dio ti benedica!
William Blake, Canti dell'innocenza, 1789

L'autore instancabile di pensieri non per ciò è un pensatore: così come un macellaio di agnelli non può pretendere il titolo di assassino.
Francesco Burdin, Un milione di giorni, 2001

È proprio l’aspirazione dell’agnello a farsi lupo la causa della maggior parte degli avvenimenti. Coloro che non possiedono zanne sognano di averne; vogliono divorare a loro volta e ci riescono grazie alla bestialità del numero.
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

Se vi è un solo Creatore che ha fatto la tigre e l'agnello, il ghepardo e la gazzella, qual è il Suo gioco? È un sadico che si diverte ad assistere a spettacoli cruenti? Cerca di scongiurare la sovrappopolazione tra i mammiferi africani? Oppure ha interesse a mantenere alta l'audience dei documentari naturalistici di David Attenborough? Tutte queste supposizioni sono funzioni di utilità del tutto plausibili. All'atto pratico, ovviamente, sono del tutto false.
Richard Dawkins, Il fiume della vita, 1995

Ciascuno si procuri un agnello per famiglia, un agnello per casa. Se la famiglia fosse troppo piccola per consumare un agnello, si assocerà al suo vicino, al più prossimo della casa, secondo il numero delle persone; calcolerete come dovrà essere l'agnello, secondo quanto ciascuno può mangiarne. Il vostro agnello sia senza difetto, maschio, nato nell'anno; potrete sceglierlo tra le pecore o tra le capre e lo serberete fino al quattordici di questo mese: allora tutta l'assemblea della comunità d'Israele lo immolerà al tramonto. Preso un po' del suo sangue, lo porranno sui due stipiti e sull'architrave delle case, in cui lo dovranno mangiare. In quella notte ne mangeranno la carne arrostita al fuoco; la mangeranno con azzimi e con erbe amare. Non lo mangerete crudo, né bollito nell'acqua, ma solo arrostito al fuoco con la testa, le gambe e le viscere. Non ne dovete far avanzare fino al mattino: quello che al mattino sarà avanzato lo brucerete nel fuoco. Ecco in qual modo lo mangerete: con i fianchi cinti, i sandali ai piedi, il bastone in mano; lo mangerete in fretta. È la pasqua del Signore!
Esodo, Antico testamento, VI-V sec. a.e.c.

Andate: ecco io vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né bisaccia, né sandali e non salutate nessuno lungo la strada.
Gesù di Nazaret, in Vangelo secondo Luca, I sec.

Fu un unico Dio a creare il lupo e l'agnello e poi a sorridere "vedendo che questo era buono".
André Gide (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il lupo in vesti di agnello è meno pericoloso che l'agnello in qualunque altra veste che lo faccia apparire qualcosa di più d'un agnello.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Tutte le bestie giovani sono attraenti, ma l'agnello ha ricevuto una dose di fascino che è addirittura ingiusta nei confronti degli altri.
James Herriot, Creature grandi e piccole, 1974

Il lupo dimorerà insieme con l'agnello, la pantera si sdraierà accanto al capretto; il vitello e il leoncello pascoleranno insieme e un fanciullo li guiderà.
Isaia, Antico testamento, V sec. a.e.c.

Il lupo e l'agnello pascoleranno insieme, il leone mangerà la paglia come un bue, ma il serpente mangerà la polvere, non faranno né male né danno.
ibidem

Un prete è un agnello in un salotto e un leone in sagrestia.
John Keats, Lettere, 1817/20

Il Signore aggiunse a Mosè: "Quando nascerà un vitello o un agnello o un capretto, starà sette giorni sotto la madre; dall'ottavo giorno in poi, sarà gradito come vittima da consumare con il fuoco per il Signore".
Levitico, Antico testamento, VI-V sec. a.e.c.

Quello che identifichiamo come la nostra sensibilità è solo la più alta evoluzione del terrore di un agnello al suo sacrificio.
Mario Puzo, I folli muoiono, 1978

Noi assomigliamo agli agnelli che giuocano sul prato, mentre il beccaio ne sceglie già l'uno o l'altro con gli occhi: infatti non sappiamo nei nostri giorni buoni quale sventura, proprio allora, il destino ci sta preparando.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Non dobbiamo essere né briganti né agnellini, né pietosi né crudeli; troppo tenero è il carattere degli uni, troppo duro quello degli altri; il saggio deve essere equilibrato, e per agire da forte deve far ricorso alla forza, non all’ira.
Lucio Anneo Seneca, L'ira, I sec.

Che cosa vi può essere in comune tra il lupo e l'agnello? Lo stesso accade fra il peccatore e il pio.
Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c.

Chi non ha mai visto gli agnellini giocare, non avrà mai un'immagine chiara della gioia che può pervadere la vita.
Susanna Tamaro, su Corriere della Sera, 2010

Non c''è una differenza biologica tra animali. Perché allora ci fa orrore il pensiero di mangiare il nostro cane, ma massacriamo a ogni Pasqua migliaia di agnelli per fare festa?
Umberto Veronesi, su la Repubblica, 2008

Che diritto abbiamo di strappare l'agnellino alla pecora per gustare un cosciotto di agnello, e il vitello alla mucca per avere le "fettine" che le mamme umane amano tanto per i propri figli?
Umberto Veronesi, su Oggi, 2002
È giusto mangiare la carne di un agnellino? (Lisa Simpson © Matt Groening)
Proverbi sull'Agnello
  • Al lupo non mancano scuse per mangiar l’agnello.
  • Chi mangia l’agnello non tosa la pecora.
  • Da due volpi non nasce un agnello.
  • Dal lupo non nascono agnelli.
  • Dove il lupo trova l’agnello torna volentieri.
  • Estate o inverno il lupo mangia l’agnello.
  • L’agnello è sgozzato e la pecora pasce.
  • L’agnello è un animale sfortunato nasce cornuto e muore scannato.
  • L’agnello più vispo è quello che il lupo mangia per primo.
  • La pecora guarda sempre se ha dietro l’agnello.
  • Muoiono più agnelli a Pasqua che pecore in tutto l’anno.
  • Muoiono più agnelli che pecore.
  • Se vuoi vivere sano coricati con gli agnelli e alzati con le allodole.
3. Gregge
© Aforismario

I meccanismi della costituzione democratica sono costruiti per essere adoprati non dal gregge dei sudditi inerti, ma dal popolo dei cittadini responsabili: e trasformare i sudditi in cittadini è miracolo che solo la scuola può compiere.
Piero Calamandrei, Contro il privilegio dell'istruzione, 1946

Chi vuole dominare sugli uomini cerca di svilirli, di sottrarre loro forza di resistenza e diritti, finché siano dinanzi a lui impotenti come animali. Egli li trasforma in animali, e anche se non lo dice apertamente, dentro di sé è sempre ben cosciente di quanto poco gli importino; parlandone con i suoi confidenti, egli li definisce pecore o gregge.
Elias Canetti, Massa e potere, 1960

Le religioni storiche mondiali portano nel sangue un presentimento delle insidie della massa. […] Ciò che esse desiderano è, al contrario, un gregge duttile. È consueto considerare i fedeli come pecore e lodarli per la loro ubbidienza.
Elias Canetti, Massa e potere, 1960

Una volta nel gregge, è inutile che abbai: scodinzola.
Anton Cechov, Quaderni, 1891/1904

Nella civiltà occidentale contemporanea, l'unione col gruppo è la maniera più frequente per superare l’isolamento. È un’unione in cui l'individuo si annulla in una vasta comunità, e il suo scopo è quello di far parte del gregge. Se io sono uguale agli altri, sia nelle idee che nei costumi, non posso avere la sensazione di essere diverso. Sono salvo: salvo dal terrore della solitudine. Il sistema dittatoriale si vale di minacce e di terrore per ottenere questa uniformità; i paesi democratici, di suggestione e propaganda.
Erich Fromm, L'arte di amare, 1956

Anche se Dio non esistesse avrebbe il suo gregge.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

L'orgoglio deriva da un risultato raggiunto che non ha niente a che vedere con l'approvazione degli altri. È un'approvazione duramente conquistata che concediamo a noi stessi. Ci stimola a distanziarci dal gregge. Oggi tuttavia questa parola è stata così svilita da essere utilizzata soltanto per descrivere persone la cui sola distinzione consiste nel far parte del gregge.
Pat Jordan (fonte sconosciuta)

Tra il grigio delle pecore si celano i lupi, vale a dire quegli esseri che non hanno dimenticato che cos'è la libertà. E non soltanto questi lupi sono forti in sé stessi, c'è anche il rischio che, un brutto giorno, essi trasmettano le loro qualità alla massa e che il gregge si trasformi in un branco. È questo l'incubo dei potenti.
Ernst Jünger, Trattato del ribelle, 1952

La folla è un gregge che non può fare a meno di un padrone.
Gustave Le Bon, Psicologia delle folle, 1895

Chi considera gli uomini come un gregge e fugge da loro il più velocemente possibile, ne sarà certamente raggiunto e preso a cornate.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

La moralità è l'istinto del gregge nel singolo.
Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, 1882

Il piacere di essere gregge è più antico del piacere di essere io: e finché la buona coscienza si chiama gregge, solo la cattiva coscienza dice: io.
Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85

L'ideale borghese è la scomparsa del gregge, anche per l'egoistico interesse, a non averlo contro; e quanto meno la riduzione del gregge ai minimi termini, senza nessuna voglia di pascolarlo e tosarlo. Un ideale che non sarebbe tanto lontano se tanta gente non avesse tanta voglia di farsi pascolare e tosare.
Sergio Ricossa, Straborghese, 1980

L'ansia di bruciare la propria vita e di essere qualcuno fuori dal gregge rende le giovinezze impazienti di raggiungere un traguardo di piacere, di denaro e di orgoglio.
Nino Salvaneschi, Saper amare, 1942

Il grande gregge del genere umano ha sempre e dovunque necessariamente bisogno di capi, guide e consiglieri, nelle figure e secondo le occasioni più varie: tali sono i giudici, i governanti, i condottieri, i funzionari. i preti, i medici, i dotti, i filosofi, e così via, che hanno tutti insieme il compito di condurre, attraverso il labirinto della vita, questo genere umano, per la maggior parte estremamente
incapace e stolto.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Bisogna fare attenzione a non seguire, come pecore, il gregge di chi ci precede, perché non si va dove si deve andare, si va dove vanno tutti.
Lucio Anneo Seneca, Sulla felicità, I sec.

Mai metafora fu piú indovinata di quella con la quale i cristiani rappresentano sé stessi, e cioè quella del gregge. E in effetti, come definire quei placidi individui che amano stare assembrati nei verdi pascoli della fede e sotto la vigile guida di un pastore se non pecore? Sia chiaro: non c’è nulla di male nell’essere una pecora, è che desta qualche perplessità quando ad assumerne le sembianze è un bipede dalla stazione eretta che, in altre circostanze, si definisce “sapiens”.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Il desueto – ma neppure tanto – “egregio” col quale si usa iniziare certe missive, suscita il sospetto che il mittente, in maniera un po’ ipocrita, consideri il destinatario come individuo che si distingue dal gregge; di sicuro, è la sua ingenua ammissione del fatto che egli considera la maggior parte della gente nient’altro che gregge.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

I piani dell'anima umana sono infiniti. Bisogna soltanto saper camminare intrepidi sull'abisso: o si conquista la propria cima, o si perisce. Non sarà in ogni caso la vita grigia di quelli del gregge, che si accorge a malapena di esistere.
Stanisław Ignacy Witkiewicz, Insaziabilità, 1930

Proverbi sul Gregge
  • Chi pascola il gregge vive della sua lana.
  • Il gregge è simile al pastore.
  • Ogni gregge ha la sua pecora nera.
  • Tal è il gregge qual è chi lo regge.
4. Pastore
© Aforismario

Siate, Cristiani, a muovervi più gravi: / non siate come penna ad ogne vento, / e non crediate ch'ogne acqua vi lavi. / Avete il novo e 'l vecchio Testamento, / e 'l pastor de la Chiesa che vi guida; / questo vi basti a vostro salvamento. / Se mala cupidigia altro vi grida, / uomini siate, e non pecore matte, / sì che 'l Giudeo di voi tra voi non rida!
Dante Alighieri, Paradiso, Divina Commedia, 1304/21

Chiesa. Luogo in cui il pastore adora Dio e le donne adorano il pastore.
Ambrose Bierce, Il dizionario del diavolo, 1911

La chiesa è chiesa solo se e in quanto esiste per gli altri. Per cominciare, deve donare ogni suo avere agli indigenti. I pastori devono vivere esclusivamente dei contributi volontari della comunità, eventualmente devono esercitare una professione laica.
Dietrich Bonhoeffer, Resistenza e resa, 1947 (postumo)

La Chiesa, con il suo pastore alla testa, prende le difese degli arabi contro il popolo ebraico. Gli odi insanabili sono sempre quelli di famiglia.
Francesco Burdin, Un milione di giorni, 2001

Siamo in molti miliardi di troppo a chiedere il Paradiso in Terra, ed è l'Inferno quello che rendiamo inevitabile, con l'aiuti della nostra scienza, sotto il bastone dei nostri pastori imbecilli. Il futuro dirà che gli unici chiaroveggenti erano gli Anarchici e i Nichilisti.
Albert Caraco, Breviario del Caos, 1982 (postumo)

È lecito chiedersi come Caino e Abele abbiano potuto generare l’umanità. Un pastore e un agricoltore, anche tenuti in cattività insieme per quarant’anni, non avrebbero mai potuto farcela, anche se il pastore fosse stato un brasiliano operato.
Giobbe Covatta, Parola di Giobbe, 1991

Il buon pastore offre la vita per le pecore.
Gesù di Nazaret, in Vangelo secondo Giovanni, I sec.

L'uomo scevro di pregiudizi, l'uomo che ragiona e opera secondo la mente ed il cuore gli suggeriscono, non sente il bisogno di avere dei pastori, dei capitani, dei direttori.
Pietro Gori (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Nello spazio in cui vive un cacciatore possono vivere dieci pastori, cento contadini e mille giardinieri.
Alexander von Humboldt (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Precedi gli altri nella corsa? − Lo fai come pastore? o come eccezione? Un terzo caso sarebbe che ti fossi dato alla fuga...
Friedrich Nietzsche, Il crepuscolo degli idoli, 1888

Un grande spirito deve pur riconoscere gradualmente la sua missione e la sua posizione di fronte all'umanità, e giungere di conseguenza alla coscienza di non appartenere al gregge, bensì ai pastori, intendo dire agli educatori della stirpe umana.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Quando il pastore è cieco il gregge si disperde.
Isaac Bashevis Singer, Gimpel l'idiota, 1957

Le Chiese continueranno a prosperare fin quando al mondo ci saranno abbastanza pecore d’avere ancora bisogno d’un pastore.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Laddove c’è un gregge, c’è sempre un pastore nei paraggi.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Il buon pastore deve tosare le pecore, non scorticarle.
Svetonio, Vite dei Cesari, I/II sec.

Proverbi sui Pastori
  • Chi pasce le proprie pecore non può dirsi pecoraio.
  • I cattivi pastori guastano il gregge.
  • Il male dei pastori lo sentono anche le pecore.
  • Il pecoraio va lento e per non fare un passo ne fa cento.
  • La miseria dei pastori è la morte delle pecore.
  • Mentre i pastori s’azzuffano i lupi divorano le pecore.
  • Pastore lento per non fare un passo ne fa cento.
  • Più pastori, meno custodia.
  • Più sono pastori, meno sicure sono le pecore.
  • Quale il pastore, tale il cane.
  • Quando il pastore dorme il lupo canta.
  • Quando parla il pastore si parla di capre e di ricotta.
  • Vita di pastore vita di signore.
Anche se Dio veglia sul tuo gregge, abbi cura di affidarlo a un pastore.
Proverbio africano

5. Lana
© Aforismario

Faceva così freddo che i lupi mangiavano le pecore solo per la lana.
Anonimo

Ma come fa un fumatore a godersi la sua sigarettina dopo aver letto simili crudeltà: «Il fumo nuoce gravemente alla salute, provoca il cancro, il fumo fa più morti degli incidenti stradali». Ma come si fa? Sarebbe come scrivere sulle mutande di lana: «Queste mutande irritano e vi gratterete il culo tutta la vita!».
Antonio Albanese (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La lana vergine si ottiene con le pecore brutte.
Fichi d'India

Quando gli uomini si trascinano dietro alle donne, si sfilano come la lana sulla conocchia.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Un cassetto di calze di lana. Questo è sicurezza.
Linus, in Charles M. Schulz, Peanuts, 1950/2000

Le migliaia di giovani che affollano gli annuali raduni a essi dedicati dalla Chiesa cattolica, fanno ben sperare per il futuro gli accorti pastori cristiani: per qualche generazione ancora, un bel po’ di lana da tosare è assicurato.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Proverbi sulla Lana
  • Chi pascola il gregge vive della sua lana.
  • È meglio dar la lana che la pecora.
  • Quando il lupo è pecoraio non s’accontenta della lana.
  • Veste di lana, tien la pelle sana.
  • Vestila di seta, vestila di lana: la villana resta villana.
Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Lupo

Nessun commento: