2015-05-22

Cattolicesimo e Cattolici - Frasi sulla Religione Cattolica

Raccolta di aforismi religiosi e di frasi celebri sul Cattolicesimo e i Cattolici. Nel paragrafo finale sono riportate anche diverse citazioni contro la religione cattolica. Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sul Papa e sul Cristianesimo.
Non è un mestiere facile far l'uomo libero e il cattolico fedele. (Primo Mazzolari)
1. Cattolicesimo
© Aforismario

Il cattolicesimo per me è muori subito e paghi dopo.
Woody Allen, in Hannah e le sue sorelle, 1986

Se avessi intenzione di convertirmi a qualche religione probabilmente sceglierei il cattolicesimo perché ha, in definitiva, sante e la Vergine Maria.
Margaret Atwood, cit. su Ontario Review Press, 1990

La confessione cattolica, che del cristianesimo eterno è una manifestazione storica transitoria, si rivela senza dubbio in contrasto insanabile con i postulati della mentalità contemporanea.
Ernesto Bonaiuti, Religio, 1934

Le superstizioni sono la vera religione del popolo, mica il cattolicesimo o l'islamismo!
Aldo Busi, Le persone normali, 1992

Chi ha avuto una educazione cattolica è troppo spaventato per potere ragionare.
Pino Caruso, Ho dei pensieri che non condivido, 2009

Nei suoi momenti migliori il cattolicesimo fu sanguinario, come si addice a ogni religione veramente ispirata.
Emil Cioran, La tentazione di esistere, 1956

Il cattolicesimo insegna quel che un uomo vorrebbe credere e non osa.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Il cattolicesimo non risolve tutti i problemi ma è l'unica dottrina che li pone tutti.
ibidem

Sono convinto che alcune attività politiche e sociali delle organizzazioni cattoliche siano pregiudizievoli e perfino pericolose per la comunità nel suo insieme, qui e ovunque. Citerò soltanto la lotta contro il controllo delle nascite in un'epoca in cui la sovrappopolazione è diventata in vari paesi una seria minaccia alla salute della gente e un grave ostacolo a ogni tentativo di organizzare la pace sul pianeta.
Albert Einstein, a un lettore del Brooklyn Tablet, 1954

Qualunque cosa si dica, il cattolicesimo è ancora la forma più accettabile di indifferenza religiosa.
Anatole France, Storia comica, 1903

Il sacrificio è frutto dell’educazione cattolica, e io non rinuncio a un bel niente.
Giorgio Gaber, in Guido Harari, Quando parla Gaber, 2011

Molti italiani, pur modestamente credenti, ritengono il cattolicesimo un patrimonio nazionale irrinunciabile. La Chiesa, da parte sua ha assorbito virtù e vizi degli italiani, in un condizionamento reciproco che ha fatto della religione una caratteristica subculturale, più che un'adesione di fede.
Giordano Bruno Guerri, Gli italiani sotto la Chiesa, 1992

Uno dei punti qualificanti del cattolicesimo è che la fede si riceve solo attraverso la testimonianza di altri, e che dunque l'uomo ha sempre bisogno della Chiesa come intermediaria.
Stanley Hauerwas, intervista di Carlo Dignola, su Tracce, 2007

Grande idea quella della religione cattolica che gli uomini importanti siano qualcosa agli occhi della divinità, e possano influirvi con la mediazione.
Christian Friedrich Hebbel, Diario, 1835/63

La religione Cattolica non si mantiene meglio delle altre, dopo tanti secoli, se non per la somma cura dell’antichità, e del conservare lo stato primitivo, e bandire la novità.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

Noia e scetticismo ingrassano la fede cattolica.
Leo Longanesi, La sua signora, 1957

La fede cattolica non può orientarsi come obbedienza all'autorità del Magistero pontificio, perché tale autorità è in continua e talora incoerente evoluzione, mentre la fede, se veramente è un sentiero spirituale e non politico, ha necessariamente a che fare con l'eternità della dimensione divina.
Vito Mancuso, Io e Dio, 2011

La religione cattolica è fra tutte le religioni (della maomettana non so nulla) la più pericolosa dal punto di vista morale, perché pretende di essere la sola vera e, quindi, coltiva nei suoi adepti quella coscienza di un privilegio: l'idea, cioè, che non tutti hanno la fortuna di essere cattolici.
Mary McCarthy, Ricordi di un'educazione cattolica, 1957

Il cattolicesimo è stato il capolavoro dell'Italia, perché ha conservato il germe cristiano, che è negazione dello Stato, in una forma adatta alla realtà del mondo. Il cristianesimo, del resto, neanche i protestanti han potuto applicarlo in modo integrale. Il cristianesimo predica il perdono dei delitti, l'amore del nemico, la fraternità, l'eguaglianza, la pace universale, il possesso comune dei beni: questi sono i concetti di Cristo e con essi non si governa uno Stato.
Giuseppe Prezzolini, Il Cattolicismo rosso, 1908

Il Cattolicismo, la religione più positiva che ci possa essere, tutto sforzo di accomodare col mondo e con le sue forze reali l'idealismo cristiano, il profetismo ebraico, la negazione orientale, è stata sviluppata principalmente dal popolo italiano. Noi ci dimentichiamo sempre che da secoli il Cattolicismo è una religione dotata di una idea universale, ma servita da uno stato maggiore sempre in maggioranza italiano. È il più grande sforzo e il più grande risultato storico cui sia giunto il popolo italiano. Questo sembra essersi religiosamente esaurito nello sforzo di foggiare una religione sociale piena di compromessi, d'equilibri, di abitudini, di tradizioni e di contemperamenti, nella quale l'umanità e il genio creativo della religiosità, il senso mistico e il miracolo, sono con ogni cautela sottomessi ad una preveggente burocrazia. Il Cattolicismo ha negato il libero esame, ha tenuto lontano dal popolo il Vangelo e la Bibbia senza annotazioni, ha cercato sempre di dare una verità «fatta» di cui gli uomini potessero accontentarsi.
Giuseppe Prezzolini, Ideario, 1967

La letteratura cattolica contemporanea è immensa, ma di scarso valore e di poca efficacia sugli spiriti.
ibidem

Sotto molti aspetti il Cattolicismo contemporaneo, per vivere, ha dovuto in Italia imitare gli avversari; imitazione del giornalismo liberale furono per molto tempo i giornali del trust cattolico; imitazione del Partito Socialista fu il Partito Popolare; imitazione della dottrina storica, positivista o idealista, secondo i movimenti, è stato il Neotomismo.
Giuseppe Prezzolini, Ideario, 1967

Ad ogni mutamento della situazione politica cambiano, a quanto pare, tutti i principi, meno uno: la potenza del cattolicesimo.
Carl Schmitt, Cattolicesimo romano e forma politica, 1923

Errare è umano, pentirsi è divino, perseverare nel pentirsi è cattolico.
Mirco Stefanon, Niente di nuovo sotto l'ombelico, 1993

Grande raduno di fedeli cattolici in Piazza San Pietro
2. Cattolici
© Aforismario

Non credo nei rapporti extra-coniugali. Credo che le persone dovrebbero accoppiarsi a vita, come i piccioni e i cattolici.
Woody Allen, in Manhattan, 1979

Era bellissimo essere cattolico e andare a confessarsi: ogni settimana, incominciavi tutto da capo.
Calogero "C" Aniello (Francis Capra), in Bronx, 1993

Tra i cattolici c’è di tutto: anche qualche cristiano.
Pino Caruso, Ho dei pensieri che non condivido, 2009

Il rispetto dei cattolici per la Bibbia è enorme e si manifesta soprattutto nel tenersene a rispettosa distanza.
Paul Claudel, Memorie improvvisate, 1954

Il cattolico autentico non sta al di qua ma al di là della bestemmia. Il miscredente si stupisce che i suoi argomenti non allarmino il cattolico, dimenticando che il cattolico è un miscredente sconfitto. Le sue obiezioni sono i fondamenti della nostra fede.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Che cos'è la filosofia per il cattolico se non il modo in cui l'intelligenza vive la fede?
ibidem

È un perfetto cattolico solo chi edifica la cattedrale della sua anima su cripte pagane.
ibidem

Il cattolico deve semplificare la sua vita e complicare il suo pensiero.
ibidem

Il cattolico di sinistra ha ragione quando individua nel borghese il ricco della parabola, ma ha torto quando identifica il proletariato militante con i poveri del Vangelo.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Il vero cattolico dissimula la propria fede. Non perché se ne vergogni, ma perché non sia la fede a vergognarsi di lui.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

I cattolici hanno perso finanche la simpatica capacità di peccare senza argomentare che il peccato non esiste.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

L'assillo del cattolico progressista non è la città celeste dell'Apocalisse, ma la città-giardino.
ibidem

L'obbedienza del cattolico si è tramutata in un'infinita docilità a tutti i venti del mondo.
ibidem

Per il cattolico progressista la preghiera è un'autoesortazione.
ibidem

Progressisti atei e progressisti cattolici hanno rinunciato gli uni alla bestemmia, gli altri alla preghiera, per condividere, gli uni e gli altri, lo stesso culto delle fognature suburbane.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Certo i cattolici hanno un vizio maledetto: pensare alla forza della modernità e ignorare come questa modernità, nei limiti in cui pensa di voler negare la trascendenza religiosa, attraversi oggi la sua massima crisi, riconosciuta anche da certi scrittori laici.
Augusto Del Noce, su Il Sabato, 1985

Gli italiani sono cattolici e laici, ma anche ai più laici piace la benedizione del papa. Non si sa mai.
Giorgio Gaber, Un’idiozia conquistata a fatica, 1998-2000

Gli italiani saranno "cattivi"; fino a quando, fingendo di essere cristiani, saranno cattolici senza via di scampo e senza Stato.
Giordano Bruno Guerri, Gli italiani sotto la Chiesa, 1992

Tutti coloro che passano dal protestantesimo al cattolicesimo tendono ad essere piuttosto fanatici. Il loro protestantesimo non è stato ripudiato integralmente, ma si è solamente inabissato nell'inconscio ove è costantemente al lavoro come controstimolo al cattolicesimo di nuova acquisizione. Quindi, il neofita sente il dovere di difendere fanaticamente la fede che ha abbracciato. Nel paranoico abbiamo esattamente la stessa condizione: egli si sente costretto a difendersi contro ogni critica esterna perché il suo sistema delirante è fortemente attaccato all'interno.
Carl Gustav Jung, Importanza dell'inconscio in psicopatologia, 1914

Le persone troppo cattoliche arrivano facilmente a essere un po' pagane e nient'affatto cristiane.
Alphonse Karr, XIX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

I modernisti sono gli unici cattolici ortodossi rimasti. Infatti essi credono che la Chiesa creda alle dottrine che proclama, e credono anche che sia importante la fede di coloro che devono diffondere la fede.
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

Credete voi che il buon Dio sia cattolico?
Georg Lichtenberg, Aforismi, 1766/99 (postumo 1902/08)

È rassicurante apprendere che per essere un buon cattolico non ti serve altro che un'erezione e una doccia fredda.
Daniele Luttazzi, Bollito misto con mostarda, 2005

Non sono cattolico. Sono cristiano monofisita: non riconosco le decisioni del concilio di Calcedonia nel V secolo.
Daniele Luttazzi, Bollito misto con mostarda, 2005

Il male di moltissimi cattolici è che somigliano maledettamente ai protestanti.
Mino Maccari, Punture, in Il Selvaggio, 1928

Non è un mestiere facile far l'uomo libero e il cattolico fedele.
Primo Mazzolari, Lettere, 1917/59

Il 66% dei cattolici fa sesso una volta a settimana. Il numero sarebbe stato più basso, ma hanno contato anche i preti.
Dennis Miller (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Come protestante, la mia religione mi sembrava misera, non però la mia vita. E ora, da cattolico, la mia vita è misera, non però la mia religione.
John Henry Newman, Diari, XIX sec.

Il cattolico è un ragazzo che arriva sulla strada e che trova ottimo il paletto segnaletico che c'è per tutti.
Charles Péguy (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Papà era ateo, mamma cattolica. Così mentre lei mi obbligava a dire le preghiere prima di cena, lui mi obbligava a bestemmiare dopo la frutta.
Valerio Peretti, cit. in Gino e Michele, Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano. Opera omnia, 1995

Ho l'impressione, dopo esser stato con preti, frati e cattolici, che molto più facilmente essi ignorino il pensiero moderno, che non i pensatori moderni ignorino ciò che è il Cattolicismo.
Giuseppe Prezzolini, Ideario, 1967

In questo paese "spezzettato" i cattolici sono ormai l'unica realtà popolare, dinamica, pacifica, creativa, di forti radici culturali e tradizionali. Hanno un pensiero solido, ideali grandi, facce pulite e nel loro Dna l'eredità del più importante movimento politico della storia italiana: la Democrazia Cristiana.
Antonio Socci, su Libero, 2006

I cattolici si dividono in due categorie: quelli che non lo sono e quelli che pensano di esserlo.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Un "cattolico progressista”: un ossimoro vivente.
ibidem

Avere la sicurezza di trovare sempre un crocifisso appeso alle pareti degli edifici pubblici – come accade in tutti i paesi laicamente arretrati – è un’esigenza legittima da parte dei cattolici, i quali, com’è noto, hanno sempre bisogno di qualcosa che gli ricordi di esserlo.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Sicuro di un perdono dall'alto – umano o divino che sia –, il cattolico, piuttosto che esimersi dal commettere i peccati cui ama di piú indulgere, preferisce autoproclamarsi “peccatore”, e ciò, a volte, persino con malcelato compiacimento. Forse unico caso tra i fedeli delle varie confessioni religiose, il cattolico è un peccatore con la coscienza tranquilla.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Per un vero cattolico l'universalità della Chiesa è la prospettiva normale della sua vita e la sua azione missionaria non è che la risposta spontanea della sua gratitudine per il dono della fede ricevuta.
Paolo Tanzella, su Messis, 1959

Grazie a Dio sono cresciuto in una famiglia cattolica: il sesso sarà sempre una cosa sporca per me.
John Waters (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Quei cattolici osservanti non si chiedevano se il lusso delle chiese non insultasse la miseria de poveri.
Marguerite Yourcenar, Archivi del nord, 1977

3. Contro il Cattolicesimo e i Cattolici
© Aforismario

Il detto neotestamentario: «Chi non è con me è contro di me», è sempre stato caro agli antisemiti. È un tratto essenziale del dominio, respingere nel campo avversario, in nome della semplice differenza, chiunque non s'identifica con esso: non per niente cattolicesimo è il termine greco per il latino totalità, realizzato dai nazisti. Essa significa l'equiparazione del diverso (che si tratti della «deviazione» o dell'«altra razza») con l'avversario.
Theodor Adorno, Minima moralia, 1951

Secondo una statistica del Vaticano, i cattolici nel mondo sono in aumento. Un dato che nemmeno Dio riesce a spiegarsi.
Stefano Andreoli e Alessandro Bonino (a cura di), Spinoza. Qualcosa di completamente diverso, 2012

L'educazione cattolica (ricordati che l'ha elaborata il seminario, cosa ancor più spaventosa della caserma), dopo il Concilio di Trento, t'insegna a vedere tutti quanti superiori a te; allora per poterti adattare finisci col ridurti veramente inferiore ad essi, e col cercare di crearti a tua volta degli inferiori. In questo modo non sei mai libero in nessun senso (il libero vero è colui che aborre così dal comandare come dall'obbedire).
Massimo Bontempelli, Il Bianco e il Nero, 1987

Il cattolicesimo ha menomato la parola di Cristo per porre l'uomo in situazione servile. Societamorfismo.
ibidem

Tutta questa letteratura cattolica, preghiera supplicante, rispecchia il rapporto tra il servo e il padrone di vecchio tipo: un padrone insolente e vanitoso (quelli del "datemi del commendatore"). Continuo lustramento di scarpe. Ma Dio non ha scarpe.
Massimo Bontempelli, Il Bianco e il Nero, 1987

Avendo i cattolici una doppia morale, hanno un corpo doppio in cui fanno alternare la loro unica anima, che stress, e quello pure lo offrono a Dio e a te finiscono sempre col dare quello sporco, praticamente un passaporto per il Reparto Infettivi Terminali.
Aldo Busi, Per un'Apocalisse più svelta, 1999

Il corpo cattolico è sporco, essendo di necessità pura solo l'anima che si monda dal peccato originale (capirai che originalità!).
Aldo Busi, Per un'Apocalisse più svelta, 1999

Non si può ascrivere alla Chiesa cattolica tutta la responsabilità dell'abiezione umana e politica e sociale e economica che essa crea in Italia... nelle Filippine, in Sudamerica, in Africa, in Germania... e non fino al punto di alleggerire la responsabilità del singolo individuo che si fa cattolico, non fino a diventare essa il capro espiatorio dello stato di indigenza culturale e civile del mio paese e dei suoi fedeli; no, esiste la responsabilità individuale, altrettanto imperdonabile, di tutti coloro che sono consapevoli dell'inganno cui sottostanno e al cui dispotico trionfo contribuiscono senza fare niente per abbatterlo.
Aldo Busi, E io, che ho le rose fiorite anche d'inverno?, 2004

Senza dubbio l'istituzione più oppressiva di tutti i tempi fu l'Inquisizione. Non potrò mai convertirmi al cattolicesimo, una religione che ha potuto dar vita a qualcosa di così mostruoso.
Emil Cioran, Quaderni, 1957/72 (postumo 1997)

Il cattolicesimo romano è peggiore dello stesso ateismo, a parere mio. Sì, io sono proprio di questo parere! L’ateismo predica il nulla, mentre il cattolicesimo si spinge al di là e predica un Cristo travisato, un Cristo calunniato dallo stesso cattolicesimo, e oltraggiato, un Cristo contrario alla verità! Il cattolicesimo predica l’Anticristo
Fëdor Dostoevskij, L’idiota, 1869

Il cattolicesimo romano non è nemmeno una religione, ma è la continuazione dell’impero romano, e tutto in esso è sottoposto a questa idea, cominciando dalla fede. Il papa vi ha conquistato il trono terrestre ed ha alzato la spada. Da quei tempi, ogni cosa prosegue in tal modo, solo che alle spade hanno aggiunto la menzogna, la furberia, l’infingimento, il fanatismo, la superstizione, la scelleratezza, trastullandosi coi piú sacri, piú sinceri, piú ardenti sentimenti, i migliori sentimenti del popolo.
Fëdor Dostoevskij, L’idiota, 1869

Sono convinto che alcune attività politiche e sociali delle organizzazioni cattoliche siano pregiudizievoli e perfino pericolose per la comunità nel suo insieme, qui e ovunque. Citerò soltanto la lotta contro il controllo delle nascite in un'epoca in cui la sovrappopolazione è diventata in vari paesi una seria minaccia alla salute della gente e un grave ostacolo a ogni tentativo di organizzare la pace sul pianeta.
Albert Einstein, su Brooklyn Tablet, 1954

Cristiani, non tutti possono esserlo: è questione di fede, e diciamo anche, di grazia. Cattolici, tutti possono esserlo: è questione di volontà, di convenzione, di interesse.
Giuseppe Prezzolini, Il Centivio, 1906

La dinamica peccato-perdono è la quintessenza del cattolicesimo reale. Nel corso dei secoli, si è tradotta in un codice di comportamento semplice quanto efficace: posso fare quello che voglio, sempre. Il monumentale menefreghismo degli italiani, che infrangono sistematicamente ogni tipo di legge, regolamento, direttiva o prescrizione, non è che l'applicazione concreta, efficace e pienamente soddisfatta della secolare predicazione cattolica sul peccato e sul perdono.
Fabrizio Rondolino, L'Italia non esiste, 2011

I caratteri fondamentali del cattolicesimo reale sono indistinguibili dal carattere degli italiani. L'Italia dei condoni è la figlia diletta dell'Italia dei preti.
Fabrizio Rondolino, L'Italia non esiste, 2011

La religione cattolica insegna a elemosinare il paradiso perché a meritarselo sarebbe troppo scomodo.
Arthur Schopenhauer, Scritti postumi, 1804/60 (postumo 1966/75)

Il cattolicesimo è una grande forza universale che attraversa i secoli; caratteristica, questa, che lo avvicina molto alla stupidità.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

La mamma dei cattolici è sempre incinta.
ibidem

Se un giorno il fascismo sarà curato con la psicoanalisi – come afferma ironicamente Flaiano – nulla ci vieta di sperare che anche il cattolicesimo, in futuro, potrà essere debellato con la psichiatria.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

I cattolici, in genere, rappresentano il massimo esempio d’ipocrisia umana: nobilissime virtú a parole e i peggiori vizi in pratica; e un popolo che in maggioranza si dice cattolico non può che essere un popolo marcio sin dalle radici.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Ammettiamo pure per un momento che dio esista e che i cattolici vi credano per davvero, resterebbe ugualmente un grosso problema da risolvere: quale credibilità potrebbero avere i cattolici per un dio?
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Il cattolico ha un tale rispetto per gli insegnamenti evangelici e per i precetti che gli sono impartiti da Madre Chiesa, da ritenersi del tutto indegno di metterli in pratica.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Parafrasando la metafora usata da Benedetto Croce per definire la Divina Commedia, si potrebbe dire che la religione cattolica – ma anche la religione in genere – è un muro di stupidità che sostiene l’edera della fede.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Se si pensa che, dalle prime forme di vita apparse sulla terra, sono stati necessari qualcosa come tre miliardi e seicento milioni di anni di complicatissimi processi evolutivi per arrivare a ottenere come risultato un cattolico, un prete o un qualsiasi baciapile, si può dire che la natura, con l’umano, abbia voluto semplicemente scherzare, oppure – eventualità da non escludere – che si tratti del piú clamoroso abbaglio che le sia mai capitato di prendere dall'avvento del Big Bang in qua.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Tra la figura già di per sé poco nobile del politico e quella – con rispetto parlando – del tutto ignobile del prete, esiste una figura intermedia – particolarmente diffusa in Italia – che è quella del “politico cattolico”. A questi, in tutti i paesi dove vive e vegeta, è affidato il delicatissimo compito di inoculare i valori del cattolicesimo all'interno del corpo statale e dell’intera società civile, coniugando in maniera esemplare l’attività dell’intrallazzo per eccellenza (la politica) con l’ipocrisia e il clericalismo del cattolico medio. (Volendo fare un paragone, si potrebbe dire che il politico cattolico sta allo Stato come la zanzara anofele sta all'organismo umano). Questa commistione di fede e politica è all'origine delle più disastrose conseguenze per uno Stato che vorrebbe essere laico, al punto che le perversioni sociali e civili da essa prodotte meriterebbero di figurare in un trattato di “patologia politica”, se – come dovrebbe – ne esistesse uno.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Se il vostro occhio destro vi offende, strappatevelo; se il vostro braccio destro vi offende, tagliatevelo. E se la vostra ragione vi offende, diventate cattolico.
Israel Zangwill, I sognatori del ghetto, 1898

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Cristianesimo - Religione

Nessun commento: