2015-05-08

Gelosia e Possessività - 170 Frasi sui Gelosi

Raccolta di aforismi, frasi celebri, proverbi e battute divertenti sulla gelosia, le persone gelose e la possessività. Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sul tradimento in amore e sulla fedeltà e l'infedeltà di coppia.
Non l'amore è cieco, ma la gelosia. (Lawrence Durrell)
Foto: Il bacio (The Kiss) © Furman Stewart Baldwin, 1947
1. Gelosia
© Aforismario

La gelosia si presenta come scoperta che la persona che amiamo è attratta, affascinata da qualcosa che io non ho ed invece qualcun altro ha.
Francesco Alberoni, Innamoramento e amore, 1979

La gelosia è scoprire che l'amato dipende, per la realizzazione dei suoi desideri, da qualcosa che un altro possiede e noi no; che l'altro, non noi, dispone di qualcosa che ha valore per lui.
ibidem

Se la gelosia è immotivata - perché l'altro è realmente innamorato - allora la gelosia significa la nostra paura, il nostro non voler amare, il nostro non voler credere, il nostro non volerci aprire alla confidenza dello stato nascente.
Francesco Alberoni, Innamoramento e amore, 1979

La gelosia è un dispositivo essenziale del desiderio.
Francesco Alberoni, L'erotismo, 1986

La gelosia ha da entrar nell'amore, come nelle vivande la noce moscata. Ci ha da essere, ma non si ha da sentire.
Francesco Algarotti, Pensieri diversi, 1765 (postumo)

Di anno in anno, di scenata di gelosia in scenata di gelosia, anche la moglie più ingenua capisce che un marito sempre sul piede di guerra è un castigo che non merita.
Antonio Amurri, Come ammazzare il marito senza tanti perché,1976

Non esiste miglior afrodisiaco della gelosia.
Vannuccio Barbaro, Scartafacci (postumo, 2012)

La gelosia è per la donna una folle tortura perché è una radicale contestazione dell'amore: se il tradimento è sicuro bisogna o rinunciare a fare dell'amore una religione o rinunciare a quell'amore.
Simone de Beauvoir, Il secondo sesso, 1949

L'amore vive di alternanze, non mai ugualmente pieno dalle due parti. Corrisposto, s'ammorza. A rinfiammarlo, provvida è gelosia.
Ugo Bernasconi, Parole alla buona gente, ca. 1933 (postumo 1987)

L'ufficio della gelosia è di stimolar nell'amante l'anelito a superarsi per non dar luogo al rivale - vero o presunto che sia.
ibidem

Tanta è l'ustione che l'amore lascia nell'anima, che ancora duole gelosia quando già è spento l'amore.
Ugo Bernasconi, Parole alla buona gente, ca. 1933 (postumo 1987)

Gelosia. L'altra faccia dell'amore.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

La gelosia d'amore è un esasperato sentimento della proprietà.
Paul Brulat, Pensieri, 1919

La gelosia cercata come puro stimolo sessuale.
Francesco Burdin, Un milione di giorni, 2001

Assai m’inquieterebbe un’amante la cui falsa delicatezza e il cuore troppo pieno d’amore mi tormentassero notte e giorno. È un gran supplizio della vita l’eccessiva gelosia, ma penso sia tormento ancor maggiore un’estrema tranquillità.
Roger Bussy-Rabutin, Massime d'amore, 1664

La gelosia andrebbe incasellata in base a ciò che uno detesta di più: i suoi rivali pregressi, quelli
attualmente in carica o i prossimi venturi.
Elias Canetti, La tortura delle mosche, 1992

La gelosia implacabile è delle donne viriloidi - o rese tali dal climaterio - non delle molto femminili. Ansia di predominio sessuale propria dell'organismo e della psicologia viriloide.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

Un pizzico di gelosia può fare miracoli, due combinare un disastro.
Paolo Crepet, Sull'Amore, 2006

Una moglie per rieccitare, mediante la gelosia, l'amore addormentato del marito di lei, finge fuggire con un amico di entrambi. Difatti l'amore si risveglia nel marito che li insegue. Ma con Amore non si scherza. E la moglie s'innamora davvero dell'amico.
Paolo Crepet, Sull'Amore, 2006

Non l'amore è cieco, ma la gelosia.
Lawrence Durrell, Justine, 1957

La gelosia si forma senza alcun rispetto per quel che è, o che non è, o che forse non sarà mai; che è un trasporto che da un male immaginato trae un dolore reale.
Umberto Eco, L’isola del giorno prima, 1994

Se la gelosia nasce dall’intenso amore, chi non prova gelosia per l’amata non è amante, o ama a cuor leggero, tanto che si sa di amanti i quali, temendo che il loro amore si quieti, l’alimentano trovando a ogni costo ragioni di gelosia.
Umberto Eco, L’isola del giorno prima, 1994

Si ride del cornuto, del cervo (e quanti altri nomi non gli si danno!), quando asciuga con i baci le lacrime dell'adultera. Ma quanto meglio lasciarsi ingannare così che rodersi di gelosia e volgere tutto
in tragedia!
Erasmo da Rotterdam, Elogio della follia, 1509

Gelosia. Sempre seguita da «sfrenata».
Gustave Flaubert, Dizionario dei luoghi comuni, 1913 (postumo)

La gelosia uccide l'amore, ma lascia intatto il desiderio.
Carlos Fuentes, cit. su Corriere della sera, 1995

Dove nasce la gelosia? A sentir Freud il dramma della gelosia ha la sua prima radice nel complesso di Edipo, quando, fra i quattro e i sei anni, il bambino si identifica con il genitore dello stesso sesso, ma nello stesso tempo prova gelosia per il genitore dell'altro sesso che vorrebbe avere per sé. Questo nodo cruciale dell'evoluzione infantile ha le sue ripercussioni più o meno marcate in età adulta, dove l'amore esclusivo per il genitore del sesso opposto viene rivissuto ogni volta che si teme di perdere l'amore per la persona da cui si dipende emotivamente. Tutto ciò va letto non nel senso che i vissuti infantili sono la «causa» di vissuti emotivi adulti, ma nel senso che i vissuti infantili costituiscono il «modo» con cui da adulti facciamo esperienza nella nostra vita emotiva.
Umberto Galimberti, Le cose dell'amore, 2004

È un tormento, quello della gelosia, che altera la percezione, l'attenzione, la memoria, il pensiero
e il comportamento.
ibidem

Nella gelosia risuona l'eco di vissuti abbandonici sperimentati nell'infanzia e, rivivendoli in modo infantile, perché il bambino di un tempo è ancora vivo in noi, vogliamo «uccidere» chi ci ha privato dell'esclusività del nostro amore, o a questa esclusività si è sottratto.
Umberto Galimberti, Le cose dell'amore, 2004

La gelosia non è, come si crede, un segno dell'amore, ma un segno della concezione esclusivistica dell'amore, o, come dice Proust: «un inquieto bisogno di tirannia applicato alle cose d'amore».
ibidem

Quando la gelosia attorciglia l'anima, i maschi tendono a esternare la loro ossessione mettendo sul tavolo il problema, affrontando il loro rivale o aggredendo la loro compagna che, a differenza del rivale, è donna e per giunta a portata di mano. Le reazioni femminili tendono invece più all'interiorizzazione del dolore con vissuti di depressione, insicurezza e non di rado autoaccusa. E ciò è dovuto non tanto a un vissuto emozionale, quanto piuttosto a uno squilibrio di potere.
Umberto Galimberti, Le cose dell'amore, 2004

La gelosia è lo scotto che l'amore paga all'orgoglio.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Niente, come la gelosia, dà il senso della precarietà dell'amore.
ibidem

Spesso, la gelosia non è che un presentimento.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Niente è più pericoloso che essere gelosi delle donne altrui. Potrebbero diventare le nostre.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Ah, se fossimo gelosi delle nostre donne come lo siamo di quelle altrui!
ibidem

C'è un solo modo per guarire dalla gelosia: provocarla.
ibidem

Chi ama è geloso del presente non meno che del passato e del futuro.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

È del futuro di una donna che bisogna esser gelosi, non del suo passato.
ibidem

La differenza tra la gelosia e la fiducia è che la gelosia è una malattia, la fiducia una filosofia.
ibidem

La gelosia è quel sentimento che vorremmo ispirare a una donna che ci piace, mezz'ora dopo averla conosciuta.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

La gelosia ingiustificata è un veleno peggiore di quella motivata.
ibidem

Nella gelosia c'è più amor proprio che amore; nella possessività, più egoismo che passione.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Più che garantire la fedeltà, la gelosia, incoraggiando l'ipocrisia, garantisce il tradimento.
ibidem

Si è spesso gelosi della propria moglie più perché è bella che perché la si ama.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Tre categorie di matti: gli uomini per superbia, le ragazze per amore, le donne per gelosia.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Senza gelosia amano soltanto i cani.
Maksim Gorkij, L'affare degli Artamonov, 1925

Una persona competente e sicura di sé è incapace di ogni sorta di gelosia. La gelosia è invariabilmente sintomo di insicurezza neurotica.
Robert Anson Heinlein, Lazarus Long l'Immortale, 1973

La gelosia non perdona, però non mi dispiace esserne l'oggetto: perché si è gelosi di qualcuno solo quando se ne invidia il fascino.
Hideaki, in Le situazioni di Lui & Lei, 1998

La gelosia è capace di tutto, ma non è colpevole di nulla.
Victor Hugo, Oceano, XIX sec. (postumo 1989)

La gelosia è un misto d'amore, d'odio, d'avarizia e d'orgoglio.
Alphonse Karr (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Amare, venir ingannato, essere geloso - sono cose che capitano. Ma più scomoda è l'altra via: essere geloso, venire ingannato, amare!
Karl Kraus, Pro domo et mundo, 1912

La gelosia è un abbaiar di cani che attira i ladri.
ibidem

La gelosia è sempre ingiustificata, trovano le donne. Perché o è giustificata o è ingiustificata. Se è ingiustificata, allora è proprio ingiustificata. Ma se è giustificata, non è mica giustificata. Ecco. E così non resta altro che il desiderio di acciuffare una volta l'attimo in cui è giustificata!
Karl Kraus, Di notte, 1918

Il temperamento ha un ruolo importante nella gelosia, e questa non presuppone sempre una grande passione. Ciò nondimeno, un violento amore senza una suscettibilità è un paradosso. Spesso capita di soffrire da soli di tale suscettibilità. Si soffre di gelosia e si fanno soffrire gli altri.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

Quelle che ci trattano senza nessun riguardo, e non ci risparmiano nessuna occasione di gelosia, non meriterebbero da noi gelosia alcuna, se ci si regolasse più in base ai loro sentimenti e alla loro condotta che al nostro cuore.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

Si ricava questo bene dalla perfidia delle donne: che guarisce dalla gelosia.
ibidem

Se c’è un sospetto ingiusto, bizzarro e infondato cui sia stato dato una volta il nome di gelosia, quest’altra gelosia, essendo un sentimento giusto, naturale, fondato sulla ragione e sull'esperienza, parrebbe meritare un altro nome.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

La gelosia è il più grande di tutti i mali e quello che fa meno pietà a chi ne è causa.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Il rimedio della gelosia è la certezza di ciò che si teme, perché ciò provoca la fine della vita o la fine dell'amore; è un rimedio crudele, ma è più dolce dei dubbi e dei sospetti.
ibidem

La gelosia è in un certo senso giusta e ragionevole, poiché tende solo a conservare un bene che ci appartiene, o che crediamo ci appartenga; mentre l'invidia è un furore che non può sopportare il bene altrui.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

La gelosia nasce sempre con l'amore, ma non sempre muore con esso.
ibidem

Le civette si fanno un onore di essere gelose dei loro amanti, per nascondere che sono invidiose delle altre donne.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

La gelosia si nutre di sospetti, e si trasforma in furia o muore nel momento in cui il sospetto si tramuta in certezza.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Nella gelosia c’è più amor proprio che amore.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Le infedeltà dovrebbero estinguere l'amore, e non si dovrebbe essere gelosi quando si ha motivo di esserlo. Solo le persone che evitano di suscitare la gelosia meritano che se ne abbia per loro.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Sull'incertezza della gelosia. Più si parla della propria gelosia, più i risvolti spiacevoli appaiono sotto diversi aspetti; ogni minima circostanza li cambia, e fa sempre scoprire qualcosa di nuovo. Queste novità fanno rivedere sotto altre apparenze ciò che credevamo di aver osservato e pesato abbastanza; cerchiamo di attaccarci a un'opinione, ma questa non regge; tutto quanto vi è di più opposto e di più nascosto ci si presenta contemporaneamente; vogliamo odiare e vogliamo amare, ma amiamo ancora quando odiamo, e odiamo ancora quando amiamo; crediamo a tutto, e dubitiamo di tutto; ci vergogniamo e ci indispettiamo per aver creduto e per aver dubitato; ci tormentiamo incessantemente per rinsaldare la nostra opinione, ma non arriviamo mai a un punto fermo. I poeti potrebbero paragonare questa opinione alla fatica di Sisifo, perché come lui si fa rotolare un masso per una strada ardua e piena di pericoli: si vede la cima della montagna e ci si sforza di arrivarci, a volte si spera, ma non ci si arriva mai. Non si è abbastanza fortunati per esser certi di ciò che più si teme. Si è assoggettati a una perenne incertezza, che ci presenta successivamente beni e mali che ci sfuggono sempre.
François de La Rochefoucauld, Riflessioni varie, XVII sec. (postumo 1863)

Essere gelosi di qualcuno significa nominare il proprio successore.
Charles Joseph de Ligne, Scritti militari, letterari e sentimentali, 1795-1811

La gelosia non è altro che una forma di allergia, dove il «polline» è costituito dal rivale in amore. Per desensibilizzarti, basta che tu abbia la coscienza a posto: se commetti la tua parte di infedeltà, in via precauzionale, starai tranquilla. Male che vada, sarete sempre pari.
Gianni Monduzzi, Il manuale della playgirl, 1985 (introduzione)

La gelosia era così poco diffusa presso i Romani che gli autori che ci restano quasi mai parlano di tale passione; e l’eccesso giunse a tal segno che il potere pubblico dovette punire i mariti per la loro smodata indulgenza nei confronti delle mogli; e gli imperatori romani, nel continuo abuso che fecero del potere, non si curarono della fedeltà delle proprie mogli, quasi sempre accontentandosi di ripudiarle, e non di rado spingendo oltre la loro tolleranza.
Charles-Louis de Montesquieu, I miei pensieri, 1716/55 (postumo 1899/01)

Se nell'incertezza o nel timore di non essere amati, giungiamo a sospettare qualcun altro di esserlo, proviamo una pena chiamata gelosia. Ci viene assai più naturale attribuire il disprezzo di cui siamo oggetto all'iniquità di un rivale piuttosto che ai nostri difetti: la nostra vanità, infatti, ci soccorre sempre abbastanza da farci credere che saremmo stati amati, se un altro non avesse agito contro di noi. Odiamo chi si prende quel che crediamo esserci dovuto: in amore, s’immagina che il solo pretenderlo lo legittimi.
Charles-Louis de Montesquieu, I miei pensieri, 1716/55 (postumo 1899/01)

Quando le donne sono tenute segregate, inevitabilmente accadrà che ogni giorno si cerchi di segregarle ancor di più; allora l’effetto si trasformerà esso stesso in causa, e la vigilanza diverrà il motivo principale della vigilanza.
Charles-Louis de Montesquieu, I miei pensieri, 1716/55 (postumo 1899/01)

La gelosia è un bieco furore d'invidia d'amore.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

La gelosia può essere il pepe di una storia, ma entro certi limiti. Se deborda diventa una corazza per se stessi, oltre che per chi ne è l'oggetto. Senza contare che spesso gli ipergelosi sono persone che tendono a tradire: trasferiscono sull'altro le loro insicurezze e le loro smanie di possesso esclusivo, come a volerle esorcizzare.
Raffaele Morelli, Come risvegliare l'eros, 2003

V'è una gelosia villana che è un diffidare della persona amata; v'è una gelosia delicata che consiste nel diffidare di sé.
Filippo Pananti, Avventure e osservazioni sopra le coste di Barberia, 1817

Chi non è geloso anche delle mutandine della sua bella, non è innamorato.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

La morale sessuale è un palliativo della gelosia. Essa tende a evitare il confronto con la capacità virile di un altro. La gelosia è il timore di questo confronto.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

La gelosia è una specie di odio pazzo e sospettoso che fomenta ed affligge nelle sue smanie e ne' suoi furori che offende l'altrui merito e l'altrui virtù, e che alimenta la diffidenza contra all'amore e alla buona opinione degli altri.
Baldassarre Poli, Saggio d'un corso di filosofia, 1832

Dal momento in cui la gelosia è scoperta, essa è considerata da chi ne è oggetto come una diffidenza che legittima l'inganno.
Marcel Proust, Alla ricerca del tempo perduto, 1913/27

La gelosia è sovente solo un inquieto bisogno di tirannide applicato alle cose dell'amore.
Marcel Proust, Alla ricerca del tempo perduto, 1913/27

È incredibile come la gelosia, che passa il suo tempo a fare piccole supposizioni nel falso, abbia poca immaginazione nello scoprire il vero.
Marcel Proust, Alla ricerca del tempo perduto, 1913/27

Mostra a una donna di esserne geloso, e l’avrai spronata a escogitare nuove occasioni d’ingelosirti.
Guido Rojetti, L'amore è un terno (che ti lascia) secco, 2014

La gelosia è l’ossessione di scoprire ciò che non si vorrebbe.
Guido Rojetti, ibidem

Una sana gelosia può essere il miglior alleato della passione.
Guido Rojetti, L'amore è un terno (che ti lascia) secco, 2014

Per la gelosia, niente è più tremendo della risata.
Françoise Sagan, La disfatta, 1965

Quanto alla gelosia, bisogna evitare di provarne troppa e a lungo; è assai meglio infatti detestare la propria amante che perder tempo a detestare inutilmente i propri rivali.
Madeleine de Scudéry, Clélie, 1654/61

Quanto alla gelosia, è talmente impossibile amare senza provarla che chiunque riesca a controllarla nel cuore, dominando il suo sentimento, non ama molto la propria amante.
Madeleine de Scudéry, Clélie, 1654/61

Amore è gelosia
William Shakespeare, I due gentiluomini di Verona, ca. 1593

Ah quante donne sciocche innamorate non soggiogò la matta gelosia!
William Shakespeare, La commedia degli errori, 1594

Guardatevi dalla gelosia [...]. È un mostro dagli occhi verdi che dileggia il cibo di cui si nutre. Beato vive quel cornuto il quale, conscio della sua sorte, non ama la donna che lo tradisce: ma oh, come conta i minuti della sua dannazione chi ama e sospetta; sospetta e si strugge d'amore!
William Shakespeare, Otello, ca. 1604

La gelosia come il fuoco può accorciare le corna, ma le fa puzzare.
Jonathan Swift, Pensieri su vari argomenti, 1706/26

La gelosia è il principale movente della violenza maschile nella coppia e, troppo spesso, dell'omicidio. È un acido che corrode la relazione, distrugge la stima in se stessi e conduce ad atti estremi.
Cinzia Tani, Mia per sempre, 2013

La gelosia è un sentimento sano finché chi la prova mantiene il rispetto dell'altro. Prima di arrivare alla patologia vera e propria, ci sono svariati livelli di gelosia esagerata, a partire da quella che ha caratteristiche simili al disturbo ossessivo-compulsivo, in cui il dubbio dell'infedeltà impedisce di vivere serenamente e porta a controllare, spiare, interrogare il partner alla ricerca di segnali che confermino i sospetti.
Cinzia Tani, Mia per sempre, 2013

La donna raramente ci perdona d'essere gelosi; ma non ci perdonerà mai di non esserlo.
Paul-Jean Toulet, Monsieur du Paur, 1898

C’è una gelosia intellettuale, fatta di amor proprio e di senso dell’onore, che agisce come un imperativo categorico kantiano. Al contrario, Spinoza individua una gelosia viscerale. È, secondo lui, la sofferenza dell’uomo obbligato ad associare all'immagine del corpo della donna che ama quella delle parti sessuali di un altro uomo.
Michel Tournier, Diario estimo, 1993-2000

Son geloso di tutte le cose la cui bellezza non muore.
Oscar Wilde, Il ritratto di Dorian Gray, 1891

Desdemona (Suzanne Cloutier) e Otello (Orson Welles) in Otello, 1952
Il nome "Otello" è oggi usato antonomasticamente per indicare un uomo molto geloso.
2. Persone Gelose
© Aforismario

Al geloso basta il sospetto per essere felice.
Barbara Alberti (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il marito geloso è geloso a prescindere. Se la moglie è una racchiona alla quale farebbe forse l'occhiolino soltanto il più brutto gorilla dello Zoo, il marito è geloso ugualmente. Il suo comportamento è dunque quanto mai apprezzato, poiché anche la più bulldozer delle mogli si sente oggetto di possessività e bersaglio di attentati sessuali che nessuno si è mai sognato di farle.
Antonio Amurri, Come ammazzare il marito senza tanti perché,1976

Spesso i mariti gelosi hanno determinato nella loro donna una tale autosupervalutazione della propria femminilità da trasformare quella che era una moglie scialba e incolore in una stupenda adultera.
Antonio Amurri, Come ammazzare il marito senza tanti perché,1976

Come geloso, io soffro quattro volte: perché sono geloso, perché mi rimprovero di esserlo, perché temo che la mia gelosia finisca col ferire l'altro, perché mi lascio soggiogare da una banalità: soffro di essere escluso, di essere aggressivo, di essere pazzo e di essere come tutti gli altri.
Roland Barthes, Frammenti di un discorso amoroso, 1977

Geloso. Eccessivamente preoccupato di conservare una cosa che si può perdere solo se non vale la pena averla.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Di tutte le ardue imprese che si possono tentare al mondo, nessuna è difficile come la guarigione del geloso.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973

Sorveglia geloso la refurtiva che ha nel cuore.
Elias Canetti, Un regno di matite, 1996

Nella ricerca del tormento, nell'accanimento alla sofferenza, solo il geloso può competere con il martire. Eppure, si canonizza l'uno e si ridicolizza l'altro.
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

Ho conosciuto molte persone ossessionate dalla gelosia, non perché pensino che il marito o la moglie li tradiscano, ma per il fatto che non sono al centro dell’attenzione, come vorrebbero.
Paulo Coelho, Adulterio, 2014

O geloso, vuoi bella la tua amante, e poi vuoi che non piaccia ad alcuno!
Carlo Dossi, Note azzurre, 1870/1907 (postumo 1912/64)

Il geloso non è capace, né ha volontà, di immaginarsi l’opposto di ciò che teme, anzi non può godere che magnificando il proprio dolore, e soffrire del magnificato godimento da cui si sa escluso.
Umberto Eco, L’isola del giorno prima, 1994

Il geloso è come un ipocondriaco che diventa malato per paura di esserlo.
Umberto Eco, L’isola del giorno prima, 1994

Il geloso (che pure vuole o vorrebbe l’amata casta e fedele) non vuole né può pensarla se non come degna di gelosia, e dunque colpevole di tradimento, rinfocolando così nella sofferenza presente il piacere dell’amore assente.
Umberto Eco, L’isola del giorno prima, 1994

Chi è geloso è solito confondere l'amore con il bisogno di possesso che satura una carenza e che non riesce a esprimersi se non come amore dipendente, regressivo, infantile.
Umberto Galimberti, Le cose dell'amore, 2004

Il geloso diffida della verità con la stessa facilità con cui crede alle menzogne.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

La differenza tra una donna gelosa e una che finge di non esserlo, è che la prima si risparmia molte corna.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

I gelosi possiedono uno speciale istinto per fiutare e scoprire le passioncelle, così come i maiali
scovano i tartufi.
Victor Hugo, Oceano, XIX sec. (postumo 1989)

I gelosi sono dei pazzi ai quali talvolta si ha voglia di dare ragione.
Roger Judrin, Parole abitate, 1985

Quanto il sesso sia inessenziale e poco presente per l'uomo, si rivela nel fatto che persino i gelosi permettono che le loro mogli si muovano liberamente ai balli in maschera. Hanno dimenticato tutto quello che una volta si sono potuti permettere loro stessi con le mogli di altri e credono che dopo il loro matrimonio la generale licenza sia stata abolita. In sacrificio alla loro gelosia offrono la loro presenza. Ma che questa sia uno sprone e non una briglia, è cosa che non riescono a vedere. Una donna gelosa non lascerebbe mai andare il marito a una festa di carnevale.
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

Era talmente geloso che sentiva i tormenti dell'uomo che stava ingannando, e allora prendeva la donna per il collo.
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

Talvolta a un marito fa piacere avere una moglie gelosa: sente sempre parlare di ciò che ama.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Diceva un marito geloso alla moglie: Non t’accorgi, Diavolo che sei, che tu sei bella come un Angelo?
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

Conviene amare la moglie di un geloso. Egli serve a farle la guardia anche a nostro vantaggio.
Charles Joseph de Ligne, Scritti militari, letterari e sentimentali, 1795-1811

Geloso per geloso tanto vale dargli un motivo.
Francesca Mazzantini [1]

L’avaro soffre della sua passione più del povero, e il geloso più del cornuto. E c’è spesso minor danno nel perder la propria vigna che nel disputarla.
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/95

La pena di un uomo geloso deriva soprattutto dalla soddisfazione provata nell'esasperarlo. Più un uomo è geloso, più grave è l’affronto che riceve, e, per giusta conseguenza, più è geloso, più ha
ragione di esserlo, e più deve diventarlo.
Charles-Louis de Montesquieu, I miei pensieri, 1716/55 (postumo 1899/01)

Soffro di gelosia fin da quando ero piccolo... Quando scoprii che mia mamma era fuggita con un altro bambino.
Valerio Peretti [1]

Chi è geloso non solo abdica all'eleganza, ma anche all'orgoglio; in questo modo si mette da sé in una condizione di inferiorità che incoraggia e, in un certo senso, merita il tradimento.
Mario Andrea Rigoni, Variazioni sull'impossibile, 1993

Un geloso trova sempre più di quanto cerchi.
Madeleine de Scudéry, Choix de pensées, XVII sec.

I clamori avvelenati di una donna gelosa sono più micidiali dei denti di un cane idrofobo.
William Shakespeare, La commedia degli errori, 1594

Per i gelosi non c’è una ragione: son gelosi perché sono gelosi, e tanto basta. La gelosia è un mostro che si genera da sé, è figlia di se stessa.
William Shakespeare, Otello, ca. 1604

Non oso domandare al mio pensier geloso / ove tu possa essere o supporre cosa stia facendo, / ma in triste schiavitù io aspetto e solo penso / quanto tu renda felice chi ti sta vicino.
William Shakespeare, Sonetti, 1609

Sì, è molto difficile vivere sotto il despotismo in genere, ma sotto il despotismo di un geloso è orribile!
Sof'ja Tolstaja, Diari, 1862-1910

La mia donna ideale è la donna di un altro. No, pecché io so' pigro, sono uno che non mi va di uscire, allora se ci ho una donna che non può uscire, ci ha il marito geloso, se sta a' casa, nun po' ghi' a cena, nun po' ghi' al teatro, non può... quindi più che la donna ideale ci ho il marito ideale della donna ideale! Uno geloso.
Massimo Troisi, Il mondo intero proprio, (a cura di Marco Giusti), 1998

Che cosa curiosa, le donne brutte sono sempre gelose dei loro mariti, mentre le donne belle non lo sono mai. Le donne belle non ne hanno il tempo. Sono sempre occupate a essere gelose dei mariti delle altre!
Oscar Wilde, Una donna senza importanza, 1893

Non guardar nient’altro che non somigli a me. Io son geloso di ciò di cui si nutre la tua vista.
Oscar Wilde, Una tragedia fiorentina, 1894 (incompiuto)

La gelosia ha da entrar nell'amore, come nelle vivande la noce moscata.
Ci ha da essere, ma non si ha da sentire. (Francesco Algarotti)
Proverbi sulla Gelosia
  • Amore e gelosia nacquero insieme.
  • Amore e gelosia sono gemelli.
  • Amore e gelosia vanno in compagnia.
  • Buon amore vuole un po’ di gelosia.
  • Chi geloso vive, cornuto muore.
  • Chi ha bella donna e castello in frontiera, non ha mai pace nella lettiera.
  • Di cento donne novantanove sono gelose e una cieca.
  • Donna gelosa, donna pericolosa.
  • Dove è amore è gelosia.
  • Gelosia, la peggiore malattia.
  • Il geloso semina corna.
  • Ingannare un geloso raddoppia il piacere.
  • La gelosia è una passione che cerca avidamente quel che tormenta.
  • La gelosia scopre l'amore.
  • La gelosia viene per impotenza, per opinione e per esperienza.
  • Meglio il marito senz'amore, che con gelosia.
  • Meglio marito freddo che geloso.
  • Né amore senza gelosia né gloria senza invidia.
  • Nella gelosia c'è più amor proprio che amore.
  • Non c’è amore senza gelosia.
  • La gelosia chiude una finestra e apre dieci porte.
  • La gelosia è il tarlo dell’amore.
  • Meglio esser geloso che becco.
  • Meglio soffrir di gelosia che di corna.
  • Se vuoi condurre l'uomo a imbarbogire, fallo ingelosire.
  • Uomo geloso mezzo cornuto.
  • Uomo geloso, uomo pericoloso.
3. Possessività
© Aforismario

L'amore è paralizzato dal valore che l'io attribuisce a se stesso. Il suo amore gli appare come un "amare in più", e chi ama in più si mette dalla parte del torto. Egli si rende sospetto all'amata, e, respinto su se stesso, la sua inclinazione degenera in crudeltà possessiva e fantasia autodistruttiva.
Theodor Adorno, Minima moralia, 1951

Non credo alle persone che affermano di non essere mai state possessive. In realtà, non sono mai state veramente innamorate.
Romano Battaglia, Oltre l'amore, 2010

La possessività è il culmine di una pulsione onnipervasiva che distrugge qualsiasi cosa al suo passaggio. È come un virus folgorante, e prolifera come il germe della follia. All'inizio assume l'aspetto di una sorta di manovra d'accerchiamento di routine, quindi inoffensiva. Poi si trasforma in una specie di reticolato militare, per divenire infine una tecnica di perquisizione costante del territorio dell'altro. D'ora in poi nulla sarà più lasciato al caso, e il sistema di controllo si rivelerà calcolato nei minimi dettagli, come le strategie più sofisticate.
Malek Chebel, Il libro delle seduzioni, 1996

Lloyd deMause [2] ha fatto rilevare che, durante i due trascorsi millenni della storia occidentale, tante e così sconvolgenti sono le testimonianze di crudeltà nei confronti di bambini, dalla tortura fisica alla psichica, di incuria, di mera possessività e di sadismo, da indurre a credere che i genitori amorevoli siano l'eccezione anziché la regola.
Erich Fromm, Avere o essere?, 1976

La natura ha, per così dire, escogitato, con l'atto sessuale, il prototipo - o forse il simbolo - del godimento condiviso; ma, sul piano empirico, il rapporto erotico non è necessariamente un godimento condiviso: i partecipanti a esso sono assai spesso a tal punto narcisistici, preoccupati di sé e possessivi, che si può parlare soltanto di piacere simultaneo, non però condiviso.
Erich Fromm, Avere o essere?, 1976

Esiste la ben nota ideologia familiare del matrimonio aperto, secondo cui una molteplicità di relazioni sessuali garantisce salute e felicità. Da questo punto di vista l'onestà di dichiararlo diventa sinonimo di trasparenza, mentre la disonestà consiste nel tenere le cose nascoste. Date queste premesse, la fedeltà cessa di essere una virtù per apparire solo come un sintomo di possessività.
Umberto Galimberti, Le cose dell'amore, 2004

Se è vero che la gelosia proviene dalla parte più arcaica del nostro cervello, se non addirittura dalla nostra parentela animale, come farebbero pensare i combattimenti fra i galli, le zuffe fra i gatti, i duelli dei cervi sulla montagna, allora dalla gelosia non ci si difende ritenendosi immuni e quindi negandola, ma [...] «civilizzandola», separando progressivamente l'amore dalla possessività.
Umberto Galimberti, Le cose dell'amore, 2004

Nella gelosia c'è più amor proprio che amore; nella possessività, più egoismo che passione.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Nessuna donna è più possessiva di quella infedele. E ciò perché teme che anche il suo uomo lo sia.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Le persone che sono contro le relazioni extraconiugali in realtà vi insegnano in modo indiretto la possessività. Quando vi dico di non essere contro le relazioni extraconiugali vi sto insegnando la non-possessività.
Osho, Discorsi, 1953/90

Vasco Rossi, Liberi Liberi, 1989
Tango... (della Gelosia)
Vasco Rossi, Liberi liberi, 1989

Non è la gelosia / quello che sento / quello che sento dentro / È più una malattia / che non ci riesco / che non capisco proprio / Ma dimmi una bugia! / che cosa conta / se tu sei solo mia / che cosa importa / il resto è una follia / come un fantasma / il resto è colpa mia / colpa mia e basta / ma non andare via / Stammi vicino / stammi molto vicino / e non andare via / neanche con lo sguardo / quando mi siedi accanto / perché la gelosia / è solo questo / perché la gelosia / non è nient'altro / niente che colpa mia / perché senz'altro! / senz'altro che sei mia / e di chi altro / ma non andare via.

Note
  1. Battuta tratta da Gino e Michele, Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano. Opera omnia, Baldini e Castoldi, 1995.
  2. *Lloyd deMause: autore di "Storia dell'infanzia", 1974
  3. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Tradimento - Fedeltà e Infedeltà - Invidia

Nessun commento: