2015-05-24

Preghiera - Frasi sulla Supplica e l'Implorazione

Raccolta di aforismi, frasi celebri e proverbi sulla preghiera, sul pregare, il supplicare e l'implorare.
Quando si prega è meglio avere un cuore senza parole
che delle parole senza un cuore. (Gandhi)
1. Pregare
© Aforismario

Prega come se tutto dipendesse da Dio e lavora come se tutto dipendesse da te.
Anonimo (attribuito a Ignazio di Loyola) [1]

Dio e il soldato, durante la carestia e la guerra, vengono pregati, ma quando vi è la pace Dio è dimenticato e il soldato disprezzato.
Anonimo

Quando arrivarono i missionari, gli africani avevano la terra e i missionari avevano la Bibbia. Ci insegnarono a pregare a occhi chiusi. Quando li aprimmo, loro avevano la terra e noi la Bibbia.
Anonimo (attribuito a Jomo Kenyatta, Desmond Tutu e altri)

La preghiera è un dialogo che la parola di Dio conduce e dove noi non possiamo essere che gli ascoltatori.
Hans Urs von Balthasar, La preghiera contemplativa, 1955

Quanto più un essere umano impara veramente a pregare, tanto più profondamente capisce che tutto il suo balbettare con Dio non è che una risposta al discorso che Dio gli fa e che perciò vale anche l'altra cosa: che tra Dio e l'uomo ci si può intendere solo nella lingua di Dio.
Hans Urs von Balthasar, La preghiera contemplativa, 1955

Oggi non c'è più una persona ragionevole che preghi; l'era della contemplazione è passata, ora c'è l'azione: l'uomo non assume soltanto l'amministrazione del suo mondo, ma anche di se stesso, e fa di sé ciò che vuole.
Hans Urs von Balthasar, Chi è il cristiano? 1965

Il razionalista non sa più pregare, può ormai solo arrovellarsi con il raziocinio, infine può soltanto criticare.
Hans Urs von Balthasar, Con occhi semplici, 1970

La preghiera cristiana può riuscire solo sulla via che conduce a Dio ed è stata aperta da lui stesso, altrimenti essa si lancia nel mondo del vuoto e soggiace alla tentazione di scambiare questo per Dio o Dio per un nulla.
Hans Urs von Balthasar, Il rosario, 1978

L'unico mezzo per fermare il cammino inesorabile del tempo sono la preghiera e la meditazione, che restano ferme come pilastri a sorreggere le nostre incertezze.
Romano Battaglia, Foglie, 2009

V’è nella preghiera un’operazione magica. La preghiera è una delle grandi forze della dinamica intellettuale. Vi è la come una ricorrenza elettrica.
Charles Baudelaire, Razzi, 1855/62 (postumo 1887-1908)

Il rosario è un mezzo, un veicolo; è la preghiera messa alla portata di tutti.
Charles Baudelaire, Razzi, 1855/62 (postumo 1887-1908)

Per stare in piedi occorre saper stare in ginocchio.
Oreste Benzi, Una nuova schiavitù, 1999

L'uomo che non prega non solo non capisce, ma non capisce neanche di non capire.
Oreste Benzi, Pane quotidiano, 2008/11

Pregare. Pretendere che le leggi dell’universo vengano annullate a favore di un singolo postulante, il quale se ne confessa del tutto indegno.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Lo stesso gesto di pregare ogni mattina introduce a una giornata più aperta allo sperare; che non è mai solo per noi stessi, ma anche per gli altri, e perfino per quelli che non conosciamo.
Eugenio Borgna, intervista di Marina Corradi, su Avvenire, 2011

Sono d'accordo a far dire le preghiere a scuola, purché venga trovato un posto per l'algebra in chiesa.
Dylan Brody (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Solo un Dio ironico saprei pregare.
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987

Se la vita è questo piatto di cenere ch’è il nostro rancio quotidiano, sia concesso a ciascuno, secondo il suo stomaco, di vomitarlo e di chiedere il bis. E sia concessa la scelta fra la bestemmia e la preghiera, il rancore e la sottomissione; ma soprattutto sia data licenza di piangere: non tanto le lacrime virili dei forti, quanto il verso querulo, insostenibile dei neonati e degli agonizzanti. Chissà, quando non si possono commuovere gli dei col pianto, l’unica è stufarli col piagnisteo.
Gesualdo Bufalino, Bluff di parole, 1994

Ciò che dovremmo chiedere quando preghiamo è di svegliarci prima di morire. La vita può piantarci in asso da un momento all'altro. Non accontentiamoci semplicemente di una buona circolazione sanguigna.
Tony Campolo, cit.  in Selezione dal Reader's Digest, 1997

Quand’anche potessi credere, sarei ancora ben lungi dal poter pregare. Il pregare continuerebbe a sembrarmi il modo più sfacciato di seccare Dio, il peccato più nauseante di tutti, e dovrei intercalare ogni preghiera con lunghi periodi di espiazione.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973

L'infantilismo del pregare: si prega per ciò che comunque si ottiene, anziché per l'irraggiungibile.
ibidem

Chi lo facesse sul serio, dovrebbe prima raccogliere coraggio per molte settimane, per una sola preghiera.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973

Possono prendere il loro Dio nella bocca come pane. Possono, quando vogliono, nominarlo, chiamarlo, proclamarlo. Masticano il suo nome, inghiottono il suo corpo. E dicono ancora che per loro non c’è nulla di più alto di Dio. Sospetto che molti di quelli che pregano cerchino di arraffare da Dio una quantità di cose che non vogliono cedere mai più, e questo prima che un altro le abbia arraffate al loro posto. Il buffo è che tutti vogliono la stessa cosa, cioè quel che serve ai bisogni più comuni della vita, e però poi pregano tutti insieme. Assomigliano anche a un mucchio di mendicanti che si buttano tutti insieme, sciame molesto e sfacciato, su un unico forestiero.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973

Si versano più lacrime per le preghiere esaudite che per quelle non accolte.
Truman Capote, Preghiere esaudite, 1987 (postumo e incompiuto)

Il grado della nostra fede è il grado della nostra preghiera; la forza della nostra speranza è la forza della nostra preghiera; il calore della nostra carità è il calore della nostra fede.
Carlo Carretto, in Gian Carlo Sibilia. Un contemplativo sulle strade del mondo, 1996 (postumo)

Quando l'uomo torna alle religioni è segno che non resta altro da fare che pregare.
Pino Caruso, Ho dei pensieri che non condivido, 2009

Per queste tre ragioni un uomo malato, dice Meister Eckart, si rifiuta di pregare Dio di guarirlo (rinnegando implicitamente la religione dei Salmi): perché un Dio pieno d'amore non potrebbe tollerare la sua malattia se non avesse buone ragioni per volerlo malato; perché se Dio lo vuole malato, l'uomo non deve volersi sano; perché non è giusto pregare un Dio così grande e potente per una faccenda così piccola: sarebbe come fare una lunga strada per arrivare fino al Papa e una volta ammessi alla sua presenza fargli richiesta di una fava. Se tutti si vergognassero come quell'uomo di chiedere fave al cielo, la preghiera sparirebbe completamente dal mondo. In buona parte è già scomparsa perché si chiedono al mondo e non più al cielo guarigioni e salvezze di ogni tipo.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

«La preghiera è una guarigione» diceva Moham-mad secondo al-Bukhàri. È profondo che abbia detto: è una guarigione, ed è molto più esatto che guarisce. La preghiera non può guarire, ma è una guarigione: non dà la salute, è la salute. Il respiro del grande si avverte subito, rinfrescante.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

La Mantide è detta religiosa per la posizione di orante delle zampe anteriori, che pregando attanagliano e uccidono. Ma che cosa fa l'uomo che prega se non comportarsi da mantide? Con le
braccia annaspanti cerca di stringere Dio per divorarlo. Quasi sempre il colpo fallisce: ma il nostro istinto è teofagico.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

In una chiesa semideserta se ci sono tre o quattro vecchie in preghiera è come nessuno; se c’è un vecchio c’è qualcuno e il Dio non è solo; il vecchio ha un presente da confidare e un passato che gli rimorde.
Guido Ceronetti, Pensieri del tè, 1987

Un vecchio che non prega è un puro e semplice rottame muto.
ibidem

Non si è mai tanto in basso come quando si rimpiangono gli angeli — tranne quando si desidera pregare fino alla liquefazione del cervello.
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

Vi sono anime che Dio stesso non potrebbe salvare, dovesse mettersi in ginocchio e pregare per
loro.
ibidem

Il delicato che ragiona non può misurarsi con il beota che prega.
Emil Cioran, La tentazione di esistere, 1956

Senza la volontà di essere apprezzati lassù, senza la certezza di godervi una certa reputazione, non ci sarebbe preghiera. Il mortale che ha pregato sinceramente, sia pure una sola volta in vita sua, è approdato alla forma suprema della gloria. A quale altro successo potrà ormai aspirare? Giunto ai vertici della sua carriera, compiuta la sua missione quaggiù, potrà riposarsi tranquillamente per il resto dei suoi giorni.
Emil Cioran, La caduta nel tempo, 1964

Detto da un mendicante: «Quando si prega vicino a un fiore, cresce più in fretta».
Emil Cioran, Il funesto demiurgo, 1969

Nel bisogno di pregare entra in buona parte la paura di un imminente smottamento del cervello.
ibidem

Con che diritto vi mettete a pregare per me? Non ho bisogno di intercessori, me la caverò da solo. Da parte di un miserabile forse lo accetterei, ma da nessun altro, foss'anche un santo. Non posso tollerare che ci si preoccupi della mia salvezza. Poiché la pavento e la fuggo, che indiscrezione le vostre preghiere! Orientatele altrove; in ogni modo, non siamo al servizio degli stessi dèi. Se i miei sono impotenti, ho tutte le ragioni di credere che i vostri non lo siano meno. Anche supponendo che siano quali voi li immaginate, mancherebbe comunque loro il potere di guarirmi da un orrore più antico della mia memoria.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

In un libro gnostico del secondo secolo della nostra èra si legge: "la preghiera dell'uomo triste non ha mai la forza di salire fino a Dio"… Poiché si prega solo nello sconforto, se ne dedurrà che nessuna preghiera è mai giunta a destinazione.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

La voglia di pregare non ha nulla a che vedere con la fede. Nasce da uno sconforto particolare, e durerà altrettanto a lungo, anche se gli dèi e il loro ricordo svanissero per sempre.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

«Io mi permetto di pregare per lei». «Ben volentieri. Ma chi la ascolterà?».
Emil Cioran, Squartamento, 1979

Il Signore ascolta le preghiere di coloro che chiedono di dimenticare l'odio. Ma è sordo a chi vuole sfuggire all'amore.
Paulo Coelho, Monte Cinque, 1996

Caro Gesù Bambino, ti ringrazio per aver esaudito i miei desideri dell’anno scorso. Ti avevo chiesto di eliminare la fame nel mondo, e infatti quelli che avevano fame sono quasi tutti morti.
Giobbe Covatta, Parola di Giobbe, 1991

La preghiera bussa, il digiuno ottiene, la misericordia riceve. 
Pietro Crisologo, V sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Queste tre cose, preghiera, digiuno, misericordia, sono una cosa sola, e ricevono vita l'una dall'altra.
ibidem

Per il cattolico progressista la preghiera è un'autoesortazione.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Prima di fare lo stilita san Simeone aveva fatto l'asceta. Apparteneva a un gruppo di religiosi che non dormiva per poter pregare più a lungo. Chi crollava veniva subito svegliato dagli altri. Dopo tre giorni, però, san Simeone fu cacciato dal gruppo perché troppo ligio alla regola. Qualcuno deve avergli detto: "Simeò, c'hai rutto 'o ca***: facce durmì".
Luciano De Crescenzo, I pensieri di Bellavista, 2005

È necessario riflettere molto, ma in ogni caso è necessario pregare molto di più di quanto si rifletta.
Madeleine Delbrêl, in La gioia di credere, 1997 (postumo)

Pregare non è essere intelligenti ma presenti.
Madeleine Delbrêl, ibidem

La preghiera richiede il tempo per ciò che essa deve fare con del tempo: essere grida, sguardo, energia, strumento in ogni attività in cui deve intervenire.
Madeleine Delbrêl, in La gioia di credere, 1997 (postumo)

Non cercate tanto la forma della preghiera: basta che vi gettiate in ginocchio.
Jean Dolent, Façons d'exprimer, 1900

Il libro di preghiera suppone un'assai scarsa religiosità in chi ne fa uso. Indica che il suo lettore non trova bastante calore nel suo cuore verso la divinità, per formare da sé la frase sincera della gratitudine, che le bellezze della circostante natura non bastano ad elevarne l'anima, che egli ripete non suoi sentimenti. Così, in un campo più vasto, si dica di chi ha bisogno di chiesa per adempiere il cosiddetto dovere religioso e non gli par sufficiente la volta del cielo.
Carlo Dossi, Note azzurre, 1870/1907 (postumo 1912/64)

Che cos'è la preghiera? La preghiera è un'ascensione dell'intelletto.
Fëdor Dostoevskij, Quaderni e taccuini, 1860-/81

La preghiera pensata come un mezzo per realizzare un fine personale è una meschinità, è un furto. Suppone un dualismo e non una unità in natura e nella coscienza. Non appena l'uomo sarà tutt'uno con Dio, non pregherà più. Vedrà la preghiera in ogni atto.
Ralph Waldo Emerson, Saggi, 1841/44

Se gli dèi esaudissero le preghiere degli uomini, l'umanità verrebbe dissolta a causa di tutti i mali che gli uomini si invocano l'un l'altro.
Euripide, V sec. a.e.c. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

L'adorazione è preghiera, perciò non va eseguita con le labbra, ma con il cuore. Ecco perché possono levarla tanto il muto che il balbuziente, tanto l'ignorante che lo stupido. E le preghiere di coloro le cui lingue sono dolci come nettare, ma che hanno il cuore pieno di veleno, non vengono mai ascoltate. Colui che, perciò voglia pregare Dio, deve mondare il proprio cuore.
Mohandas Gandhi, su Young India, 1925

È meglio, quando si prega, avere un cuore senza parole piuttosto che delle parole senza un cuore. 
Mohandas Gandhi, su Young India, 1930

La preghiera è o postulativa o, nel suo senso più ampio, una comunione interiore. In entrambi i casi il risultato è lo stesso. Anche quando si prega per chiedere qualcosa, la richiesta dovrebbe riguardare la pulizia e la purificazione dell'anima, al fine di liberarla dagli strati di ignoranza e tenebra in cui è avvolta.
Mohandas Gandhi, su Young India, 1930

Chi brama di risvegliare il divino in sé deve ricorrere alla preghiera.
ibidem

La preghiera non è un mero esercizio della bocca o delle orecchie, né una mera ripetizione di formule vuote. Non serve a niente ripetere finché si vuole, se l'anima non è partecipe.
Mohandas Gandhi, su Young India, 1930

Alla preghiera non servono le parole
Mohandas Gandhi, Autobiografia, 1931

La preghiera non è un ozioso passatempo per vecchie signore. Propriamente compresa e applicata, è lo strumento d'azione più potente.
Mohandas Gandhi, Harijan, 1933/1948

Può pregare con sincerità solo colui che è convinto di avere Dio dentro di sé. Chi non possegga tale convinzione può fare a meno di pregare.
Mohandas Gandhi, su Harijan, 1946

Posso dire per esperienza che chi non prega è certamente un perdente.
ibidem

Vivere è una preghiera che solo l'amore di una donna può esaudire.
Romain Gary, Biglietto scaduto, 1975

A che serve pregare senza fare?
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Di sincero, nelle nostre preghiere, c'è solo il desiderio d'esser al più presto esauditi.
ibidem

Quando pregate, non siate simili agli ipocriti che amano pregare stando ritti nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, per essere visti dagli uomini. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Tu invece, quando preghi, entra nella tua camera e, chiusa la porta, prega il Padre tuo nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
Gesù di Nazaret, in Vangelo secondo Matteo, I sec.

Pregando poi, non sprecate parole come i pagani, i quali credono di venire ascoltati a forza di parole. Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno ancor prima che gliele chiediate. Voi dunque pregate così: Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome; venga il tuo regno; sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori, e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male.
Gesù di Nazaret, in Vangelo secondo Matteo, I sec.

Pregare sembra un atto di superbia: come oso rivolgermi a Dio? Ma Dio si è abbassato e si è fatto uomo, uomo come me.
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

Voi pregate nelle angustie e nel bisogno; ma io vorrei che pregaste anche nella gioia piena e nei giorni dell’abbondanza. Poiché che altro è la preghiera se non l’espansione di voi stessi nell’etere vivente? Ed è a voi di conforto versare nello spazio la vostra oscurità, ed è anche per voi di diletto versare all’esterno la gioia mattinale del vostro cuore. E se non potete fare a meno di piangere quando l’anima vi chiama alla preghiera, essa dovrebbe spingervi, comunque, fino al punto che attraverso le lacrime spunti il sorriso.
Kahlil Gibran, Il profeta, 1923

Quando pregate voi v’innalzate a incontrare nell’aria tutti coloro che in quel medesimo istante sono in preghiera, che mai, se non nella preghiera, potreste incontrare. Perciò non sia questa vostra visita a quell’invisibile tempio che estasi e dolce comunione. Poiché se intendeste entrare nel tempio non per altro che per chiedere, non ricevereste nulla: e se entrate per umiliarvi, non sarete innalzati: e se anche voleste entrare per intercedere per il bene di altri, non sarete esauditi. Basta già che voi entriate nell’invisibile tempio. Io non posso insegnarvi parole di preghiere. Dio non ascolta le vostre parole, a meno che Egli stesso non le pronunci attraverso le vostre labbra. Ed io non posso insegnarvi la preghiera dei mari, delle foreste, delle montagne. Ma voi, nati dai monti e dalle foreste e dal mare potete ritrovare nei vostri cuori la loro preghiera. E se solo state in ascolto nella quiete delle notti udrete mormorare: «Dio nostro, che sei la nostra ala, è la tua volontà che vuole in noi, È il tuo desiderio che desidera in noi, È il tuo impulso in noi che può trasformare le nostre notti, che sono le tue notti, in giorni che siano anche i tuoi giorni. Nulla possiamo noi chiederti, poiché tu conosci le nostre necessità prima ancora che nascano in noi: Sei tu la nostra necessità; e nel darci più di te stesso, tu ci dai tutto.
Kahlil Gibran, Il profeta, 1923

È preghiera il canto del cuore che trova la sua strada per il trono di Dio anche quando è impedito dai lamenti di migliaia di anime.
Kahlil Gibran, Massime spirituali, 1962 (postumo)

La preghiera è la forma oratoria dell’anima.
André Gide, Diario, 1887-1950

La preghiera del mattino dell'uomo moderno è la lettura del giornale. Ci permette di situarci quotidianamente nel nostro mondo storico.
Georg Wilhelm Friedrich Hegel, Scritti e bozze, 1799-1808

La nozione più assurda che l'homo sapiens abbia mai escogitato è che il Signore della Creazione, Fattore e Sovrano di tutti gli Universi, voglia l'adorazione zuccherina delle Sue creature, si lasci commuovere dalle loro preghiere, e diventi petulante se non viene fatto oggetto di tale adulazione. Eppure questa fantasia assurda, che non è sostenuta da un'ombra di prova, paga tutte le spese dell'industria più vecchia, più grande e meno produttiva della storia.
Robert Anson Heinlein, Lazarus Long l'Immortale, 1973

Il contemplatore chino su una fossa, il contadino curvo su un solco finiscono sempre col pregare. La terra, se guardata a lungo, vi costringe a guardare il cielo.
Victor Hugo, Oceano, XIX sec. (postumo 1989)

Pregate. Lo spirito umano fa più strada con le ginocchia che con i piedi.
ibidem

Le mani che aiutano sono più sante delle labbra che pregano.
Robert Green Ingersoll, The Children of the stage, 1899 (attribuito erroneamente a Sathya Sai Baba - vedi: "Citazioni errate" su Aforismario)

A chi ha bisogno di preghiera appassionata e di dolci parole, tu non dare invece di quelle un rimprovero, perché saresti causa della sua perdita e ti verrebbe richiesta la sua anima dalle tue mani.
Isacco di Ninive, Discorsi ascetici, I sec.

I solitari si uniscono a Dio in ogni momento, per mezzo della preghiera.
ibidem

Prima di inciampare, prega e chiedi.
ibidem

La preghiera è capace più di ogni altra cosa di avvicinare la mente a Dio, così che questi entri in comunione con essa e risplenda nelle sue condotte.
Isacco di Ninive, Discorsi ascetici, I sec.

La preghiera, anche se non muta il nostro destino, modifica tuttavia i sentimenti: vantaggio, questo, non minore dell'altro.
Joseph Joubert, Pensieri, 1838 (postumo)

Le preghiere più belle sono le preghiere disinteressate.
Joseph Joubert, Pensieri, 1838 (postumo)

L'atteggiamento di preghiera è originario e naturale, non soltanto negli uomini, ma anche in animali e piante; potremmo cercarlo anche nella materia – nei suoi tessuti, nelle sue vibrazioni.
Ernst Jünger, Due volte la cometa, 1987

Attento a che cosa preghi di ottenere, perché potresti essere esaudito.
Stephen King, I lupi del Calla, 2003

Quando brucia il tetto non serve né pregare né lavare il pavimento. Comunque pregare è più pratico.
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

La preghiera ha per fine il compimento della Legge. Pertanto, chi adempie qualche dovere prescritto dalla Legge compie una cosa che Iddio gradisce più della preghiera.
Marguerite Hessein de La Sablière, Massime cristiane, 1705 (postumo)

Ci facciamo impietosamente beffa di chi ricopia lettere d'amore dagli appositi "manuali" ecc., ma non di chi ogni giorno comunica con Dio con le stesse litanie composte da altri.
Stanisław Jerzy Lec, Nuovi pensieri spettinati, 1964

Ora et non labora.
Georg Lichtenberg, 1766/99 (postumo 1902/08)

Meno sono le parole, migliore è la preghiera.
Martin Lutero, XVI sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Aiutiamoci a vicenda nella preghiera, così potremo un giorno trovarci riuniti in Paradiso.
Giuseppe Marello, XIX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario) 

Il religioso perfetto prega così bene che ignora di pregare.
Jacques Maritain, Umanesimo integrale, 1936

Se dalla preghiera si alza un uomo migliore, la preghiera è esaudita.
George Meredith, La prova di Richard Feverel, 1859

È meglio non caricarsi di tante preghiere e pratiche di devozione, e farne poche con amore e fedeltà, malgrado il mondo, il diavolo e la carne. 
Louis Marie Grignion de Montfort, Trattato della vera devozione alla Santa Vergine, ca. 1712 (postumo 1843)

Quelli che non sanno che fare si mettono a pregare.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

Il mezzo migliore per cominciare bene ogni giornata è: svegliandosi pensare se non si possa in questa giornata procurare una gioia almeno a una persona. Se ciò potesse valere come un sostitutivo dell’abitudine religiosa della preghiera, il prossimo trarrebbe vantaggio da questo cambiamento.
Friedrich Nietzsche, Umano, troppo umano, 1878

Solo con due presupposti il pregare - questo costume di tempi antichi non ancora pienamente estinto - avrebbe senso : dovrebbe essere possibile determinare o dissuadere la divinità, e l'orante dovrebbe egli stesso sapere nel modo migliore di che cosa abbia bisogno e che cosa sia per lui veramente desiderabile. Entrambi i presupposti, accolti e mantenuti in tutte le altre religioni, furono però negati proprio dal cristianesimo; se esso ha ciononostante conservato la preghiera accanto alla sua fede in una onnisciente e onniprovvidente ragione in Dio, per la quale appunto questa preghiera diventa in fondo priva di senso, anzi blasfema, - anche in ciò dimostrò ancora una volta la sua ammirevole accortezza di serpente; giacché un chiaro comandamento «non devi pregare» avrebbe indotto i cristiani a diventare per noia non cristiani. Nel precetto cristiano ora et labora, l'ora tiene cioè il posto del piacere: e cosa avrebbero dovuto fare, senza l'ora, quegli infelici che rinunciarono al labora, i santi? - Ma discorrere con Dio, richiedergli ogni sorta di cose piacevoli, divertirsi un po' per il fatto di poter essere così stolti da avere ancora desideri, nonostante un padre cosi eccellente, - questa fu per i santi un ottima scoperta.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

Il pregare è nella religione ciò che è il pensiero nella filosofia. 
Novalis, Frammenti, 1795-1800

Il senso religioso prega come l'organo del pensiero pensa. 
ibidem

Attraverso la preghiera possiamo far entrare nel nostro cuore il dolore e la sofferenza di tutti, tutti i loro conflitti e le loro angosce, tutti i loro tormenti e tutte le guerre, tutta la fame, la solitudine e la miseria, non per una qualche nostra grande capacità psicologica o emotiva, ma perché il cuore di Dio è diventato una cosa sola con il nostro.
Henri Nouwen (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il potere della preghiera del cuore consiste precisamente nel trasformare in preghiera tutto ciò che è nella nostra mente.
Henri Nouwen, ibidem

Vivi considerando tutta la tua vita come una sola grande preghiera.
Origene di Alessandria, De principiis, III sec.

Gli uomini preghino, dovunque si trovino, alzando al cielo mani pure senza ira e senza contese. Alla stessa maniera facciano le donne, con abiti decenti, adornandosi di pudore e riservatezza, non di trecce e ornamenti d'oro, di perle o di vesti sontuose, ma di opere buone, come conviene a donne che fanno professione di pietà.
Paolo di Tarso, Prima lettera a Timoteo, ca. 50-60 e.c.

Chi prega è santo, ma chi fa, più santo.
Giovanni Pascoli, Nuovi poemetti, 1909

La massima sventura è la solitudine; tant’è vero che il supremo conforto − la religione − consiste nel trovare una compagnia che non falla, Dio. La preghiera è lo sfogo come con un amico.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

Il vero pregare non è borbottare molte parole alla guisa de' pagani, ma adorar Dio con semplicità, sì in parole, sì in azioni, e fare che le une e le altre sieno l'adempimento del suo santo volere.
Silvio Pellico, Le mie prigioni, 1832

Quando ero piccolo pregavo ogni notte per avere una bicicletta nuova. Poi ho capito che il Signore non fa questo genere di cose, allora ne ho rubata una e gli ho chiesto di perdonarmi.
Emo Philips (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La preghiera non è un'interruzione delle cose da fare, ma, al contrario, si interrompe talvolta la preghiera per fare delle cose, e anche nelle altre opere è necessario custodire uno spirito orante. 
Mauro Piacenza, su Il Foglio, 2011

In ogni epoca i cristiani hanno tentato di giungere all'essenza, al nocciolo del cristianesimo. Ebbene, il Vangelo stesso ce lo trasmette con il Padre Nostro. È in una preghiera, e non in una dottrina o in un insieme di dogmi, che è riassunto il messaggio di Gesù.
Ermes Ronchi, Il canto del pane, 1995 

Pregare è aprire, nella trama del tempo, delle finestre su Dio.
ibidem

Non c'è nessun maestro umano nella preghiera, come non c'è maestro nell'amore. Ad ognuno spetta edificare la sua preghiera, come ad ognuno tocca tessere il suo amore. Nessuno lo farà al posto nostro, nessuno lo farà meglio di noi.
Ermes Ronchi, Il canto del pane, 1995 

La preghiera più accetta è il tuo dolore.
Gerolamo Rovetta, Mater dolorosa, 1882

Le lacrime sono la preghiera del cuore.
ibidem

È troppo tardi dare quando si è pregati.
François des Rues, Le margherite francesi, 1598

La miglior preghiera al principio di un giorno è di non sciuparne i momenti preziosi.
John Ruskin, The Crown of Wilde Olive, 1866

Padre dell'orazione è il silenzio e sua madre è la solitudine.
Girolamo Savonarola, XV sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Chi crede in Dio può rivolgergli le sue preghiere, per chi lo conosce la preghiera si chiama lavoro.
Arthur Schnitzler, Il libro dei motti e delle riflessioni, 1927

In ogni tempo e in tutti i paesi, la grande maggioranza degli uomini trova assai più facile elemosinare il cielo con le preghiere che guadagnarselo col proprio operare.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Non siate sordi alle preghiere di un uomo caduto in disgrazia: spesso arriva a supplicare pietà, chi ebbe il potere di elargirne.
Lucio Anneo Seneca (il Vecchio), Controversiae, I sec.

È disdicevole, per un uomo che ha esercitato le attività più nobili, continuare ad affaticare gli dèi con i voti. Che bisogno c’è di preghiere? Renditi felice da te: lo sarai se avrai capito che veri beni sono quelli cui è commista la virtù; sono mali quelli cui è congiunto il vizio.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

Caro Signore: gli dèi sono stati buoni con me. Per la prima volta nella mia vita, tutto è assolutamente perfetto così com’è. Quindi questo è il patto: tu lasci tutto com’è adesso e io non ti chiederò niente di più. Se ti sta bene, non darmi assolutamente nessun segno. Ok, fatto. In segno di gratitudine, ti offro questo latte e questi biscotti. Se vuoi che li mangi al posto tuo, non darmi assolutamente nessun segno. Sarà fatto.
Bart Simpson, in Matt Groening, I Simpson, 1989/...

Caro Dio, tutta questa roba ce la siamo pagata noi, perciò grazie di niente.
ibidem

Non sono solitamente un uomo che prega, ma se sei lassù, per favore salvami, Superman.
Homer Simpson, in Matt Groening, I Simpson, 1989/...

C’è più passione per dio nell’improvvisa bestemmia di un povero disgraziato che nella raccolta preghiera del pio.
Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

Probabilmente anche alle pazienti orecchie di un dio risulterebbe difficile sopportare il fastidiosissimo stridìo prodotto dalla presuntuosa umiltà del pregare.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

«…ma liberaci dal male. Amen». Mai preghiera fu piú inascoltata.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Il frutto del silenzio è la preghiera / Il frutto della preghiera è la fede. 
Madre Teresa di Calcutta, Il cammino semplice, 1995

L'unica nobiltà dell'uomo, la sola via di salvezza consiste nel riscatto del tempo per mezzo della bellezza, della preghiera e dell'amore. Al di fuori di questo, i nostri desideri, le nostre passioni, i nostri atti non sono che "vanità e soffiar di vento", risacca del tempo che il tempo divora. 
Gustave Thibon, L'uomo maschera di Dio, 1955

La preghiera per il prossimo è come un aspetto inverso del martirio: la preghiera fa dell'uomo che prega un testimonio, la cauzione di un altro uomo davanti a Dio. Sei più vicino a me di quanto lo sia io stesso, perché sei tra Dio e me. 
Gustave Thibon, Il pane di ogni giorno, 1945

Pregare per qualcuno è come aderire, al tempo stesso, a Dio e all'uomo, è come realizzare il perfetto equilibrio tra questi due amori. 
Gustave Thibon, Il pane di ogni giorno, 1945

Chi prega ha una visione verticale della vita, chi non prega ha una visione soltanto orizzontale e perciò appiattita, incolore, instabile, oscura.
Agostino Trapè, Sant'Agostino: uomo e maestro di preghiera, 1995

La preghiera non ha solo un valore spirituale, ma anche un valore teologico, filosofico, apologetico, sociale; chi prega ha non solo un suo modo di credere, ma anche di pensare, di agire, di essere: chi non prega è dalla sponda opposta. 
Agostino Trapè, Sant'Agostino: uomo e maestro di preghiera, 1995

Per qualunque cosa uno preghi, prega sempre per un miracolo. Ogni preghiera si riduce a questa: "Buon Dio, concedimi che due più due non faccia quattro".
Ivan Turgenev, Preghiera, 1882

Una preghiera senza scopo è come una freccia senza arco. Uno scopo senza preghiera è come un arco senza freccia.
Ella Wheeler Wilcox (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Quando gli dèi vogliono punirci, esaudiscono le nostre preghiere.
Oscar Wilde, Un marito ideale, 1895

Pregare è pensare al senso della vita. 
Ludwig Wittgenstein, Quaderni 1914/16

Ora et labora.
(Prega e lavora).
Detto latino (motto dei monaci benedettini)

Non cercate tanto la forma della preghiera:
basta che vi gettiate in ginocchio. (Jean Dolent)
Proverbi sulla Preghiera
  • Caro costa quello che si compra pregando.
  • Chi prega, ammaestra sé stesso e gli altri.
  • Corta preghiera penetra in cielo.
  • Della sera la preghiera sale al cielo più sincera.
  • La bestemmia non aiuta e la preghiera non nuoce.
  • La breve orazione è quella che sale al cielo.
  • La preghiera corta arriva al cielo.
  • La preghiera è la chiave con cui si chiude il giorno e si apre la notte, si chiude la notte e si apre il giorno.
  • La preghiera è una chiave d'oro con cui apriamo lo scrigno di Dio.
  • La " " è una moneta che ha corso anche in cielo.
  • La " " egoistica è nemica di Dio.
  • La " " nella necessità è il rosso di sera di un miglior domani.
  • La " " sale in alto e l'esaudimento scende in basso.
  • La " " senza il lavoro è una zappa senza manico.
  • Lunga necessità e lunga preghiera stanno bene insieme.
  • Nessuna cosa è più cara di quella pagata con le preghiere.
  • Non si va in chiesa soltanto per pregare.
  • Non tutte le preghiere hanno in fondo l’Amen.
  • Orazione di capezzale, non fa né ben né male.
  • Per pregare non occorrono permessi.
  • Per una buona preghiera ci vuole coscienza netta, mani pure e cuor pio.
  • Perché a Dio piaccia la tua preghiera, deve essere breve, pura e sincera.
  • Più grande la necessità, più necessaria la preghiera.
  • Prega Dio di tre cose: di stare in buona parte, di non cominciar trist’arte e di non prendere ria moglie.
  • Pregando si va in cielo e mangiando si sta sulla terra.
  • Pregare e bene non fare è meglio bestemmiare.
  • Preghiera per forza non penetra in cielo.
  • Preghiera, fede, speranza e pazienza sono l'ornamento del cristiano.
  • Preghiere e lacrime toccano il cielo.
  • Quando infuria la tempesta, fervida è la preghiera.
  • Quando si giungono le mani, si devono raccogliere anche i pensieri.
  • Quanto più uno è pregato tanto più è ostinato.
  • Se non prega il cuore, poco vale il pregare della bocca.
  • Se uno non prega è inutile che stia in chiesa.
  • Senza la preghiera nulla si deve osare, e con la preghiera nulla paventare.
Quando gli dèi vogliono punirci, esaudiscono le nostre preghiere. (Oscar Wilde)
2. Supplicare / Implorare
© Aforismario

È cosa migliore implorare i santi, con devote preghiere e supplicarli umilmente affinché, dalla loro gloria, ci diano aiuto; migliore che andare indagando, con inutile ricerca, il segreto della loro condizione.
Anonimo, Imitazione di Cristo (attribuito a Tommaso da Kempis e altri), XV sec.

Non invocare venga il tuo regno se lo confondi con il successo materiale e la ricchezza. Non supplicare sia fatta la tua volontà se non l'accetti quando è difficile e dolorosa.
Romano Battaglia, Silenzio, 2005

Implorare. Chiedere qualcosa con un'insistenza proporzionata alla convinzione che la cosa non verrà concessa.
Ambrose Bierce, Il dizionario del diavolo, 1911

Tutta questa letteratura cattolica, preghiera supplicante, rispecchia il rapporto tra il servo e il padrone di vecchio tipo: un padrone insolente e vanitoso (quelli del "datemi del commendatore"). Continuo lustramento di scarpe. Ma Dio non ha scarpe.
Massimo Bontempelli, Il Bianco e il Nero, 1987

Ho spesso pensato che la gente tratti Dio abbastanza maleducatamente, e voi? Rivolgendogli triliardi e triliardi di preghiere ogni giorno, chiedendo e supplicando e implorando favori: fai questo, dammi quello, ho bisogno di una nuova auto, voglio un lavoro migliore. E la maggior parte di queste preghiere ha luogo di domenica: il sui giorno libero.
George Carlin, You are all diseased!, 1999

Mi sono aggirato intorno a Dio come un delatore: incapace di implorarlo, l’ho spiato.
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

Si crede veramente fino a quando non si sa chi implorare. Una religione è viva solo prima dell'elaborazione delle sue preghiere.
Emil Cioran, Il funesto demiurgo, 1969

È una cosa stolta supplicare gli dei per ottenere ciò che uno è in condizione di procurarsi da se stesso.
Epicuro, Sentenze vaticane, IV-III sec. a.e.c.

La supplica, l'adorazione, la preghiera non sono superstizioni, sono atti più reali del mangiare, del bere, del sedere o del camminare. Non è un'esagerazione dire che essi soli siano reali e che tutto il resto sia irreale.
Mohandas Gandhi, Autobiografia, 1931

L'amore non bisogna implorarlo e nemmeno esigerlo. L'amore deve avere la forza di attingere la certezza in sé stesso. Allora non sarà trascinato, ma trascinerà.
Hermann Hesse, Demian, 1919

Il miserabile, ogni qual volta ha il tempo di pensare, si fa piccolo davanti alla legge e meschino davanti alla società; si getta bocconi, supplica e cerca di toccare il tasto della compassione. Si sente che sa d'aver torto.
Victor Hugo, I miserabili, 1862

Il più grande peccatore, l'uomo più miserabile che supplica: «O Signore, abbi pietà di me» [Le.. 17, 13], è più vicino a Dio di colui che, dopo essersi mortificato per anni e anni in ogni genere di ascesi, compie un atto veramente buono e lo crede un merito davanti a Dio.
Søren Kierkegaard, Diario, 1834/55 (postumo 1909/49)

A dispetto di ogni forma di preghiera e di supplica, l’uomo continua a soffrire. Soltanto con la furia della comprensione può aver fine il dolore, ma l’altra strada è più facile, rispettabile e meno esigente.
Jiddu Krishnamurti, Taccuino, 1976

La supplica, nasce dall’autocommiserazione. Si prega quando si è in difficoltà, quando c’è il dolore; ma quando c’è felicità, gioia, non c’è supplica. Questa autocommiserazione, così profondamente radicata nell’uomo, è la radice della separazione. Ciò che è separato, o che si crede separato, sempre alla ricerca dell’identificazione con qualcosa che non sia separato, crea solo maggiore divisione e pena. Dal fondo di questa confusione si invoca il cielo, o il proprio marito, o qualche divinità della mente. Questa invocazione può trovare una risposta, ma la risposta è l’eco dell’autocommiserazione nella sua separazione.
Jiddu Krishnamurti, Meditazione, 1979

Il povero parla con suppliche, il ricco risponde con durezza.
Libro dei Proverbi, Antico Testamento, V sec. a.e.c.

Il sacrificio degli empi è in abominio al Signore, la supplica degli uomini retti gli è gradita.
ibidem

Stabilisci alle tue aspirazioni un limite che tu non possa oltrepassare nemmeno se lo volessi, e metti da parte una buona volta questi beni insidiosi che sono migliori nel desiderio che nella realtà. Se in essi vi fosse qualcosa di consistente, finirebbero per appagare: intanto eccitano la sete in chi beve. Mettiamo da parte le belle apparenze, e, riguardo a quel bene futuro che la sorte volubile ci prepara, perché dovremmo supplicare la fortuna che ce lo conceda? Piuttosto persuadiamoci a non chiederlo. Perché chiedere sempre? Perché affaticarsi tanto, in questo desiderio di accumulare, dimenticando la caducità umana?
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

Non respingere la supplica di un povero, non distogliere lo sguardo dall'indigente.
Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c.

Lamentarsi, supplicare e bere acqua è lecito a tutti.
Proverbio

Note
  1. La citazione di Ignazio di Loyola più fedele all'originale è probabilmente la seguente: "Agisci come se tutto dipendesse da te, sapendo poi che in realtà tutto dipende da Dio" (Actúa como si todo dependiera de ti, sabiendo que en realidad todo depende de Dios), cfr. Pedro de Ribadeneira, Vita di S. Ignazio di Loyola, 1998.
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Fede - Meditazione

Nessun commento: