2015-06-01

Frasi contro la Donna - Misoginia e Maschilismo

Raccolta di frasi sarcastiche contro la donna e di aforismi maschilisti scritti o pronunciati da personaggi più o meno noti e più o meno ostili al genere femminile, dall'antichità a oggi. La raccolta si apre con un paragrafo dedicato alla misoginia, termine che deriva dal greco miso- (contro) e -gino (donna), e indica l'atteggiamento di avversione per le donne e il sesso femminile.
Su Aforismario trovi anche una raccolta che fa da controparte a questa, con citazioni contro gli uomini tipiche della misandria.
La donna è la porta dell'inferno. (Tertulliano)
1. Misoginia
© Aforismario

Per quanto un uomo disprezzi le donne, nulla !'inorgoglisce tanto quanto il favore di una donna. Anche il misogino che crede di volerle sfuggire, spera, nel suo segreto, di cattivarsi con quell'atteggiamento "eroico" la considerazione delle donne.
Ugo Bernasconi, Parole alla buona gente, ca. 1933 (postumo 1987)

Non ero un misantropo o un misogino ma mi piaceva star solo. Si stava bene seduti tutti soli in uno spazio ristretto a fumare e a bere. Avevo sempre fatto ottima compagnia a me stesso.
Charles Bukowski, Panino al prosciutto, 1982

Una donna deve essere un genio di forza e di intraprendenza e di pazienza e di spirito di sopportazione per vivere in una società misogina come la nostra senza aver almeno partorito un alibi che la assolva dall'abominio di non essere servita a niente, nemmeno a aumentare il fatturato delle aziende dei pannolini e degli omogeneizzati e della canapa indiana.
Aldo Busi, Manuale della perfetta Mamma, 2000

Forse non riesco ad essere misantropo perché non sono misogino, perché non potrei mai odiare le donne. In tutto sono meno colpevoli dell’uomo, anche se stanno facendo grandi sforzi per superarlo in demenza; non ci riusciranno.
Guido Ceronetti, Pensieri del tè, 1987

Misogino. Ha capito tutto: loro ci guadagnano sempre. E non si presta. È il vero sadico.
Massimo Fini, Dizionario erotico, 2000

Tutta la filosofia, tutte le religioni, occidentali e orientali, e quasi tutta la letteratura, dalla Genesi al Deuteronomio ai Codici di Manu, a Platone ad Aristotele a Pitagora a Paola a Tertulliano a Sant'Agostino a San Tommaso, per finire a Rousseau a Kant a Hegel a Fichte a Schopenhauer a Nietzsche a Malthus a Kierkegaard a Lombroso, sono animate da una misoginia ossessiva, e a volte ridicola, che non esprime altro che l'autentico terrore che l'uomo ha della femmina.
Massimo Fini, Dizionario erotico, 2000

Non sono misogino. La fidanzata, avessi il giardino, la terrei.
Walter Fontana (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Molti uomini dopo una prima dolorosa esperienza rompono definitivamente ogni rapporto con l’infido sesso femminile e diventano misogini.
Sigmund Freud, Psicogenesi di un caso di omosessualità femminile, 1920

Misoginia. Avversione per le donne, riscontrabile in ugual misura sia nelle donne che negli uomini, per effetto di un conflitto omosessuale latente.
Umberto Galimberti, Dizionario di psicologia, 1992

La differenza tra il misantropo e il misogino è che il primo non ama gli uomini, e il secondo conosce le donne.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Misogino: un uomo che odia le donne tanto quanto le donne si odiano tra di loro.
[Misogynist: A man who hates women as much as women hate one another].
Henry Louis Mencken, Un libro burlesco, 1916

Misogini. «La donna è il nostro nemico» - chi, essendo uomo, si esprime cosi con gli uomini, lascia parlare dentro di sé l'istinto indomabile che non soltanto odia se stesso, ma anche i propri mezzi.
Friedrich Nietzsche, Aurora, 1881

Non sempre la misoginia è indizio di spirito critico e di intelligenza. Talvolta è solo frutto di omosessualità.
Marcel Proust, All'ombra delle fanciulle in fiore, 1919

Misogini e misandriche sono uniti dall’avversione che li divide.
Guido Rojetti, L'amore è un terno (che ti lascia) secco, 2014

Misogino: un uomo che odia le donne tanto quanto le donne si odiano tra di loro.
(Henry Louis Mencken)
2. Maschilismo / Androcentrismo
© Aforismario

L'uomo è per natura superiore, la donna inferiore; il primo comanda, l'altra ubbidisce, nell'uno v'è il coraggio della deliberazione, nell'altra quello della subordinazione.
Aristotele, Politica, IV sec. a.e.c.

A cosa servono le donne da quando hanno inventato i piatti di plastica? 
Rocco Barbaro (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Che follia chiedere l'uguaglianza per le donne! [...] Esse sono solo macchine per la produzione di figli.
Napoleone Bonaparte, Aforismi e pensieri politici, morali e filosofici, XIX sec.

Le donne sono nate per soffriggere.
Gianni Boncompagni (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Da quando in qua è permesso alla donna di rinnegare il suo sesso, di farsi uomo?... [La natura] ha detto alla donna: sii donna. Le cure dell'infanzia, le faccende domestiche, le varie preoccupazioni della maternità, ecco il tuo lavoro.
Pierre Chaumette, discorso, Parigi, 1793 (cit. in Simone de Beauvoir, Il secondo sesso, 1949)

Come in ogni altro campo, nella scienza occorre spianare la strada alle donne. Eppure non lo si prenda male se considero i possibili risultati con un certo scetticismo. Mi riferisco a certi ostacoli nel sistema femminile che dobbiamo considerare dei dati di natura e che ci impediscono di applicare alle donne gli stessi criteri di aspettativa.
Albert Einstein, in Alice Calaprice, Pensieri di un uomo curioso, 1996

La natura vuole, dalla donna, amore e dedizione materna.
Paul Julius Möbius, Sull'inferiorità mentale della donna, 1900

Tutto il significato della vita della donna dipende da ciò, che la fanciulla trovi l'uomo che le si confaccia.
Paul Julius Möbius, Sull'inferiorità mentale della donna, 1900

Impigliarsi nella questione di fondo «uomo e donna», negare, a questo proposito, l'antagonismo abissale e la necessità di una tensione eternamente ostile, sognare forse di eguali diritti, di un'eguale educazione, di eguali esigenze e doveri : tutto ciò è un tipico indice di una mente superficiale, e un pensatore, che si sia mostrato superficiale su questo punto pericoloso - superficiale nell'istinto! - può in generale cadere in sospetto o, peggio ancora, viene a tradirsi, a scoprirsi : probabilmente per tutte le questioni di fondo della vita, anche di quella avvenire, sarà sempre troppo «corto» e non potrà scendere in nessuna profondità. Un uomo, invece, che ha abissi nel suo spirito come nelle sue brame, e anche quella profondità della benevolenza che è capace di severità e di durezza e viene facilmente scambiata con esse, può pensare riguardo alla donna sempre soltanto alla maniera orientale - deve concepire la donna come un possesso, come una proprietà che si può chiudere a chiave, come un qualcosa che è predestinato alla servitù e che si perfeziona in essa - egli deve, a questo punto, fondarsi sull'immensa ragione asiatica, sull'asiatica superiorità dell'istinto, come fecero una volta i Greci, questi migliori eredi e discepoli dell'Asia, i quali, com'è noto, da Omero sino all'età di Pericle, con il crescere della loro cultura e la loro estensione di forza, divennero di pari passo anche più rigidi verso la donna, insomma più orientali. Quanto ciò fosse stato necessario, logico e anche umanamente auspicabile, è cosa su cui mediterà ognuno per conto proprio.
Friedrich Nietzsche, Al di là del bene e del male, 1886

Di ogni uomo il capo è Cristo, e capo della donna è l'uomo, e capo di Cristo è Dio.
Paolo di Tarso, Lettere ai Corinzi, I sec.

L'uomo non deve coprirsi il capo, poiché egli è immagine e gloria di Dio; la donna invece è gloria dell'uomo. E infatti non l'uomo deriva dalla donna, ma la donna dall'uomo; né l'uomo fu creato per la donna, ma la donna per l'uomo. Per questo la donna deve portare sul capo un segno della sua dipendenza.
Paolo di Tarso, Lettere ai Corinzi, I sec.

Come in tutte le comunità dei fedeli, le donne nelle assemblee tacciano perché non è loro permesso parlare; stiano invece sottomesse, come dice anche la legge. Se vogliono imparare qualche cosa, interroghino a casa i loro mariti, perché è sconveniente per una donna parlare in assemblea.
Paolo di Tarso, Lettere ai Corinzi, I sec.

Le mogli siano sottomesse ai mariti come al Signore; il marito infatti è capo della moglie, come anche Cristo è capo della Chiesa, lui che è il salvatore del suo corpo. E come la Chiesa sta sottomessa a Cristo, così anche le mogli siano soggette ai loro mariti in tutto.
Paolo di Tarso, Lettera agli Efesini, I sec.

La donna impari in silenzio, con tutta sottomissione. Non concedo a nessuna donna di insegnare, né di dettare legge all'uomo; piuttosto se ne stia in atteggiamento tranquillo. Perché prima è stato formato Adamo e poi Eva; e non fu Adamo ad essere ingannato, ma fu la donna che, ingannata, si rese colpevole di trasgressione. Essa potrà essere salvata partorendo figli, a condizione di perseverare nella fede, nella carità e nella santificazione, con modestia.
Paolo di Tarso, Lettere a Timoteo, I sec.

L'uomo per il campo e la donna per il focolare; l'uomo per la spada e lei per l'ago; l'uomo con la testa e la donna col cuore; l'uomo per il comando e la donna per l'obbedienza: tutto il resto è confusione.
Alfred Tennyson, La principessa, 1847

Le donne, prese nell'insieme, sono veramente deficienti rispetto agli uomini?
Un vecchio proverbio ci dà la risposta: "Capelli lunghi, cervello corto".
(Paul Julius Möbius)
3. Contro la Donna
© Aforismario

Come ogni idiota vorrebbe essere saggio, così ogni donna vorrebbe essere uomo.
Anonimo (attribuito a Torquato Tasso - vedi "Citazioni errate" su Aforismario)

Nulla si trova così da ogni parte stomacoso, quanto una femmina sbardellata e sporca.
Leon Battista Alberti, Della famiglia, 1433/41

Non c'è nulla al mondo peggio delle donne impudiche, tranne forse le donne.
Aristofane, Tesmoforiazuse, 411 a.e.c.

La femmina è un maschio mancato.
Aristotele, Fisica, IV sec. a.e.c.

Le donne preferiscono non capire niente piuttosto che capire che hanno torto.
Marcel Arnac (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Le donne, quando non amano, hanno tutto il sangue freddo di un vecchio avvocato.
Honoré de Balzac, Onorina, 1844

Mi sono sempre stupito che si permettesse alle donne di entrare nelle chiese. Che conversazione possono mai avere con Dio?
Charles Baudelaire, Il mio cuore messo a nudo, 1859/66 (postumo, 1887 - 1908)

La donna è il contrario del Dandy. Dunque deve fare orrore. La donna ha fame e vuol mangiare. Sete, e vuol bere. È in fregola e vuol essere chiavata. Bel merito! La donna è naturale, ossia abominevole. Dunque è sempre volgare, ossia il contrario del Dandy.
Charles Baudelaire, Il mio cuore messo a nudo, 1859/66 (postumo, 1887 - 1908)

Donna. Animale il cui habitat è generalmente in prossimità di quello dell'uomo, suscettibile sia pure in modo rudimentale di addomesticamento. Gli zoologi più antichi tendevano ad attribuirle un certo grado di tradizionale domesticità, acquisito durante un precedente periodo di cattività, ma gli studiosi del periodo postsusananthoniano negano che tale periodo sia mai esistito e sostengono che l'aggressività tipica della specie risale all'alba stessa della creazione. È senz'altro il più diffuso fra gli animali da preda, e infesta tutte le parti abitate o abitabili del globo, dalle profumate foreste della Groenlandia alle disadorne spiagge dell'India. L'etimologia generalmente proposta ("donna", da "donnola") è nettamente sbagliata; essa appartiene infatti all'ordine dei Felini, come dimostrano i suoi movimenti flessuosi e aggraziati, specie nella varietà americana ("Felis Pugnans"). L'animale mangia di tutto e con un po' di buona volontà le si può insegnare a stare zitta.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

L'intelligenza, come l'infarto, risparmia abbastanza le donne...
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987

Le donne sono animali fondamentalmente stupidi ma si concentrano sul maschio con un impegno così totale da riuscire spesso a sconfiggerlo quando lui pensa ad altro. 
Charles Bukowski, Taccuino di un vecchio sporcaccione, 1969

La donna non è niente più che alcune parole scritte da un ragazzino in un cesso pubblico.
Charles Bukowski (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Non meritano pietà le donne: sono troppo beate di essere stupide e ignoranti, di delegare gli uomini a pensare anche per loro - o le altre donne, madre in testa. Piene di inveterati rammendi che le sceme chiamano “essere femminili”.
Aldo Busi, Sodomie in corpo 11, 1988

A ciascuno di noi è destinata una donna. Se riusciamo a sfuggirle siamo salvi.
Samuel Butler (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Soltanto il vero libertino conosce quanto vi sia di orribile nella donna.
Arrigo Cajumi, Pensieri di un libertino, 1947/50

La donna, fuori dell'amore, è noiosa. Non sa. Bisogna vivere con una e tacere. O andare a letto con tutte e fare. Ciò che più importa è altrove.
Albert Camus, Taccuini (postumo 1962/89)

Le donne hanno sei labbra: due per dire cazzate, quattro per farsele perdonare. 
Dario Cassini (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La donna è un animale incapace di cultura e di ingegno, e quando si tenta di spiegare la sua sterilità tirando in ballo le condizioni storiche, si dà soltanto una dimostrazione della più crassa ignoranza.
Emil Cioran, Al culmine della disperazione, 1934

Ogni donna dovrebbe essere accecata dalla vergogna al pensiero di essere donna.
Clemente Alessandrino, II sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Certe donne si dovrebbero picchiare a intervalli regolari, come gong.
Noël Coward, Vite private, 1930

Ma che cos'è la donna? Solo uno fra i tanti simpatici errori della Natura.
Hannah Cowley, Who's the Dupe, 1779

Qual è il colore della donna? Fra il marrone chiaro e il marrone scuro: praticamente fra i due maroni.
Raul Cremona (Omen)

La donna è quella cosa che sta di fianco all'uomo nei momenti difficili: momenti difficili che l'uomo non avrebbe se non ci fosse la donna.
Raul Cremona (Omen)

Non ci son più le donne di una volta: simpatiche, gentili, sottomesse e vestite di bianco come tutti gli altri elettrodomestici.
Raul Cremona (Omen)

Il cane è la bestia, che io, dopo la donna, preferisco.
Carlo Dossi, Note azzurre, 1870/1907 (postumo 1912/64)

Se gli uomini vedessero quello che è sotto la pelle, così come accade con la lince di Beozia, rabbrividirebbero alla visione della donna. Tutta quella grazia consiste di mucosità e di sangue, di umori e di bile. Se si pensa a ciò che si nasconde nelle narici, nella gola e nel ventre, non si troverà che lordume. E se ti ripugna toccare il muco o lo sterco con la punta del dito, come mai potremmo desiderare di abbracciare il sacco stesso che contiene lo sterco? 
Umberto Eco, Il nome della rosa, 1980 

Affiancare all'uomo la donna, animale, sì, stolto e sciocco, ma deliziosamente spassoso, che nella convivenza addolcisce con un pizzico di follia la malinconica gravità del temperamento maschile.
Erasmo da Rotterdam, Elogio della follia, 1509

La donna è il peggiore dei mali.
Euripide, Ippolito, 428 a.e.c.

Le donne non sono altro che organi genitali articolati e dotati della facoltà di spendere tutto il denaro che uno possiede.
William Faulkner, Zanzare, 1927

Ricordatevi, o giovani, che le donne sono bestie. Non potete acchiapparle perché non hanno la coda, ma se le picchiate in testa sentono.
Beppe Fenoglio, La malora, 1954

Basta osservare una donna allo sportello di una banca, vedere come si stirino le sue labbra e divengano sottili, come si induriscano i lineamenti e i gesti, come si muovano avide le mani, con quale puntigliosità controlli le operazioni, per capire le balle che, angelicandola, ci ha raccontato il Romanticismo.
Massimo Fini, Dizionario erotico, 2000

I cuori delle donne sono come quei mobiletti col segreto, pieni di cassetti messi gli uni dentro gli altri; ci si arrabatta, ci si rompe le unghie e nel fondo si trova qualche fiore secco, qualche granello di polvere, o il vuoto!
Gustave Flaubert, L'educazione sentimentale, 1869

Le donne? Una razza inferiore, come i negri, i poveri e i pazzi. Incapaci di libertà, come i bambini. Destinate a piangere, a gridare, a sparlare del prossimo e a cambiare opinione e pettinatura ogni giorno. A letto e in cucina talvolta danno piacere. Al di fuori di questo, causano solo dispiaceri.
Eduardo Galeano, Parole in cammino, 1993 

La donna è un animale debole e malato per natura.
Ferdinando Galiani, Dialogo sulle donne, 1796 (postumo)

La donna è un male necessario.
Aulo Gellio, Le notti attiche, II sec. (cfr. citazione di Euripide)

La moralità di una donna consiste nel credere profondamente alle proprie menzogne.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

La miglior arma con cui si deve combattere la donna è la condiscendenza, e quella più crudele è l'oblio. 
Ivan Gončarov, Una storia comune, 1847

Minor male ti farà un uomo che ti perseguita di una donna che ti segue.
Baltasar Gracián y Morales, Il criticone, 1651/57

La donna è il più potente strumento di dolore che Dio abbia dato all'uomo. 
Joris Karl Huysmans, cit. in Fernando Palazzi, Dizionario degli aneddoti, 1989

Due sono i giorni veramente belli che una donna dà: quando uno la sposa e quando, morta, la porta al sepolcro.
Ipponatte di Efeso (attribuito), Frammento, VI-V sec. a.e.c. 

Una donna è soltanto una donna, ma un buon sigaro è una bella fumata.
Rudyard Kipling, The Betrothed, 1886

Le donne si dividono in tre categorie: le puttane, le stronze e le rompiballe. La puttana la dà a tutti. La stronza la dà a tutti meno che a te. La rompiballe la dà a te, solo a te, sempre a te.
Blanche Knott (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Se una donna ha da dire cose intelligenti, le dica con il capo velato. Ma perfino in quel caso il silenzio di un bel volto è ancora più suggestivo.
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

Talvolta la donna è un utile surrogato dell'onanismo. Naturalmente ci vuole un sovrappiù di fantasia. 
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

Una donna deve avere un aspetto così intelligente che la sua stupidità si presenti poi come una piacevole sorpresa.
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

Di tutte le nostre virtù si può dire ciò che un poeta italiano dice dell'onestà delle donne, che spesso altro non è che l'arte di sembrare oneste.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678 [1]

Le donne preferiscono sempre gli uomini insignificanti, perché somigliano a loro.
Pär Lagerkvist, Il nano, 1944

Vedo che sono entrati alcuni topi, non importa, lasciateli squittire.
David Lloyd George, (quando alcune suffragette interruppero una seduta alla Camera dei Comuni)

L'ottusità dolorifica della donna ci spiega perché così facilmente ricada nella gravidanza malgrado i dolori del parto e malgrado prenda così poca parte ai piaceri dell'amore. La donna sente meno come pensa meno, e così anche pel sesso si conferma la gran massima di Aristotele: Nihil est in intellectu quod prius non fuerit in sensu. [2]
Cesare Lombroso e Guglielmo Ferrero, La donna delinquente, la prostituta e la donna normale, 1893

Dio ha creato Adamo padrone e signore di tutte le creature viventi, ma poi Eva ha rovinato ogni cosa.
Martin Lutero, Discorsi a tavola, 1566 (postumo)

Le donne sono come le galline, se schiamazzano non preoccupatevene.
William Somerset Maugham, La Signora Craddock, 1902

Le donne, prese nell'insieme, sono veramente deficienti rispetto agli uomini? Un vecchio proverbio ci dà la risposta: "Capelli lunghi, cervello corto", ma la sapienza moderna non vuol saperne; per essa, l'intelligenza femminile sta, per lo meno, all'altezza di quella degli uomini.
Paul Julius Möbius, Sull'inferiorità mentale della donna, 1900

Il genere umano sarebbe rimasto nel suo stato originario se non fossero esistite altro che le donne. Ogni progresso è opera dell'uomo.
Paul Julius Möbius, Sull'inferiorità mentale della donna, 1900

La lingua è l'arma delle donne, poiché la loro debolezza fisica impedisce loro di lottare con le pugna, la loro debolezza mentale le obbliga a rinunziare alla prova dei fatti, per cui non resta loro che la piena delle parole.
Paul Julius Möbius, Sull'inferiorità mentale della donna, 1900

Non appena un uomo imprende un lavoro femminile, si fa sarto, tessitore, cuoco, ecc., tosto produce un lavoro migliore di quello della donna.
Paul Julius Möbius, Sull'inferiorità mentale della donna, 1900

Resta completamente dimostrato, che, nella donna, sono meno sviluppate che nell'uomo porzioni del cervello, le quali sono della massima importanza per la vita psichica, quali le circonvoluzioni del lobo frontale e temporale, e che questa differenza esiste fin dalla nascita.
Paul Julius Möbius, Sull'inferiorità mentale della donna, 1900

Compiango chi si fida di una donna! Anche la migliore è sempre artefice di malizie.
Molière, La scuola dei mariti, 1661

Non avere delle idee, questo è il modo più sicuro per una donna di non averne di false. 
Henry de Montherlant, Le ragazze da marito, 1936

Ci sono donne che, per quanto la si cerchi in loro, non hanno interiorità, sono pure maschere. È da compiangere l’uomo che ha a che fare con tali esseri quasi spettrali, necessariamente insoddisfacenti; ma proprio esse possono eccitare al massimo il desiderio dell’uomo: egli cerca la loro anima – e continua a cercare.
Friedrich Nietzsche, Umano, troppo umano, 1878

Vai a donne? Non dimenticare la frusta.
Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85

Per troppo tempo si nasconde nella donna uno schiavo e un tiranno. Perciò la donna non è ancora capace di amicizia: conosce soltanto l'amore.
Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85

Confrontando nel loro complesso uomo e donna, è lecito dire questo: la donna non avrebbe l'arte di abbellirsi, se non avesse l'istinto del ruolo secondario.
Friedrich Nietzsche, Al di là del bene e del male, 1886

Amo le donne che sorridono perché spesso mantenere un sorriso ti impedisce di parlare.
Flavio Oreglio (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Era il tipo di donna che si incontra solo una volta nella vita. Se sei sfigato, due. 
Daniele Panebarco (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Le donne erano stupide e smorfiose: l'infatuazione degli uomini le rendeva necessarie; bastava mettersi d'accordo e non cercarle più, per togliere a tutte la superbia.
Cesare Pavese, La spiaggia, 1942

Le donne mentono, mentono sempre e ad ogni costo. E non c'è da stupirsi: hanno la menzogna nei genitali stessi. Chi saprà mai quando una donna ha goduto?
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/1950 (postumo, 1952)

Le puttane battono a soldi. Ma quale donna si dà altro che a ragion veduta?
ibidem

Nella vita succede a tutti di incontrare una troia. A pochissimi di conoscere una donna amante e onesta. Su cento, novantanove sono troie.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/1950 (postumo, 1952)

Sono un popolo nemico, le donne, come il popolo tedesco.
ibidem

Nessuna donna fa un matrimonio d'interesse: tutte hanno l'accortezza, prima di sposare un milionario, d'innamorarsene.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/1950 (postumo, 1952)

C’è un principio buono che ha creato l’ordine, la luce e l’uomo, e un principio cattivo che ha creato il caos, le tenebre e la donna. 
Pitagora, VI sec. a.e.c.

L'intelligenza nelle donne è una anomalia che si incontra eccezionalmente come l'albinismo, il mancinismo, l'ermafroditismo, la polidattilia. 
Pitigrilli (Dino Segre - fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La donna sa muovere meglio il corpo che il cervello.
Enrique Jardiel Poncela, Massime minime, 1937

Se picchiate una donna con un fiore, usate una rosa. Per via delle spine. 
Henri de Régnier, Lui o le donne e l'amore, 1928

Le donne sono creature instabili: se dai loro qualcosa in mano non sono contente finché non l'hanno distrutto. 
Efraim Medina Reyes, La sessualità della Pantera Rosa, 2004

Certe donne hanno il cervello come le loro borsette. Pieno di cose inutili.
Guido Rojetti, L'amore è un terno (che ti lascia) secco, 2014

Il destino di una donna è di essere come una cagna o una lupa: deve appartenere a tutti quelli che la vogliono.
Donatien Alphonse François de Sade, La filosofia nel boudoir, 1797

Una donna è senz'altro in grado di sostituire adeguatamente con la cattiveria il coraggio che le manca per suicidarsi.
Arthur Schnitzler, Il libro dei motti e delle riflessioni, 1927

Il sesso femminile, di statura bassa, di spalle strette, di fianchi larghi e di gambe corte, poteva essere stato chiamato il bel sesso soltanto dall'intelletto maschile obnubilato dall'istinto sessuale: in quell'istinto, cioè, risiede tutta la bellezza femminile.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Le donne sono adatte a curarci ed educarci nell'infanzia, appunto perché esse stesse sono puerili, sciocche e miopi, in una parola tutto il tempo della loro vita rimangono grandi bambini: esse occupano una specie di gradino intermedio fra il bambino e l'uomo, che è il vero essere umano.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Gli antichi e i popoli orientali hanno considerato le donne, e perciò hanno riconosciuto la posizione loro adeguata molto meglio di noi con la nostra galanteria francese all'antica, con la sciocca venerazione per il sesso femminile, fiore supremo della stupidità cristiano-germanica, che è servito soltanto a rendere le donne arroganti e sfacciate, tanto che alle volte ci vengono in mente le scimmie sacre di Benares, le quali, consce della propria santità e inviolabilità, si permettono ogni cosa.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Se i greci realmente non davano alle donne il permesso di assistere agli spettacoli teatrali, fecero bene, almeno nei loro teatri si sarà potuto sentire qualche cosa. 
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Ha chiesto molte volte al cuore di essere sincero e il cuore gli ha risposto che le belle donne andrebbero impiccate ed arse.
Rocco Scotellaro, Uno si distrae al bivio, 1974

Non è vero che le donne non vadano mai oltre la superficie delle cose, a volte, infatti, non colgono neppure quella.
Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

Si dice intelligente una donna quando ragiona come un uomo.
Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

Meglio essere in balia di uno spietato aguzzino che di una donna, anche se pochi potrebbero accorgersi della differenza.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Si passino in rassegna, senza troppi pregiudizi, tutti i possibili campi dello scibile umano: dalla letteratura alla poesia, dalla musica alla pittura, dalla danza alla recitazione, dalla moda alla culinaria, dalla filosofia all’astronomia, dalla medicina all’informatica, dalla fisica alla chimica e cosí via, e si noterà – senza con questo voler riesumare la salma ormai putrefatta di Möbius – che l’unica attività nella quale la donna eccelle in maniera incontestabile rispetto all’uomo è quella della valletta in TV.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Seppure, come Giobbe, maledico il giorno della mia nascita, come certi saggi dell’antichità – ma soltanto per ignobili motivi fisiologici – ringrazio comunque la sorte di non avermi fatto donna.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Il sesso femminile, se lo si lascia fare, è crudele, ambizioso e avido di potere.
Publio Cornelio Tacito, I-II sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Dare a una donna del raziocinio, delle idee, dello spirito, è mettere un coltello nelle mani di un bambino.
Hippolyte Taine, Vita e opinioni di M. Frédéric-Thomas Graindorge, 1867

La donna è la porta dell'inferno.
Tertulliano, De cultu foeminarum, 197-206

Vi sono alcune bassezze che sono troppo basse anche per un uomo − la donna, la sola amabile donna, può arrischiarsi a commetterle.
William Makepeace Thackeray, A Shabby Genteel Story, 1840

Dai tempi di Adamo in poi, si può dire che non vi sia mai stato nel mondo un guaio in cui non fosse mescolata una donna.
William Makepeace Thackeray, Le memorie di Barry Lyndon, 1844

Oggetto necessario, la donna, per preservare la specie.
Tommaso d'Aquino, Commentari, XIII sec.

La donna è un capolavoro abortito, il grande errore della creazione.
Iginio Ugo Tarchetti, Pensieri, 1869

Se le donne avessero nel loro corpo le stesse attrattive che hanno nel loro spirito, vedremmo al mondo più uomini saggi e meno innamorati e poeti.
John Vanbrugh, Esopo, 1696/97

La donna è quel che si è trovato di meglio per sostituire l'uomo quando si ha la scarogna di non essere pederasti.
Boris Vian, Poesie e canzoni, 1966

Temo che le donne apprezzino la crudeltà, la crudeltà perfetta, più di qualsiasi altra cosa. I loro istinti sono mirabilmente primitivi. Noi le abbiamo emancipate, ma esse sono rimaste, come prima, delle schiave in cerca di un padrone. Amano esser dominate.
Oscar Wilde, Il ritratto di Dorian Gray, 1891

La vita della donna è irta d'insidia; e la donna se ne guarda con inesauribile astuzia. In tal modo l'arte dell'inganno le è propria, indissolubile dalla sua indole, come l'arte del vestire. 
Luciano Zuccoli, Per la sua bocca, 1930

Benedetto sia Dio nostro Signore e Signore di tutti i mondi per non avermi fatto donna.
Preghiera ebraica

Bibbia
Alla donna disse: "Moltiplicherò i tuoi dolori e le tue gravidanze, con dolore partorirai figli. Verso tuo marito sarà il tuo istinto, ma egli ti dominerà".
Genesi, Antico Testamento, VI-V sec a.e.c.

Quando una donna sarà rimasta incinta e darà alla luce un maschio, sarà immonda per sette giorni; sarà immonda come nel tempo delle sue regole. L'ottavo giorno si circonciderà il bambino. Poi essa resterà ancora trentatré giorni a purificarsi dal suo sangue; non toccherà alcuna cosa santa e non entrerà nel santuario, finché non siano compiuti i giorni della sua purificazione. Ma, se partorisce una femmina sarà immonda due settimane come al tempo delle sue regole; resterà sessantasei giorni a purificarsi del suo sangue.
Levitico, Antico Testamento, VI-V sec a.e.c.

Trovo che amara più della morte è la donna, la quale è tutta lacci: una rete il suo cuore, catene le sue braccia. Chi è gradito a Dio la sfugge ma il peccatore ne resta preso.
Ecclesiaste, Antico Testamento, IV-III sec. a.e.c.

Ogni malizia è nulla, di fronte alla malizia di una donna, possa piombarle addosso la sorte del peccatore! Come una salita sabbiosa per i piedi di un vecchio, tale la donna linguacciuta per un uomo pacifico.
Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c.

Meglio la cattiveria di un uomo che la bontà di una donna,
Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c.

Dalla donna ha avuto inizio il peccato, per causa sua tutti moriamo. Non dare all'acqua un'uscita né libertà di parlare a una donna malvagia. Se non cammina al cenno della tua mano, toglila dalla tua presenza.
Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c.

Un anello d'oro al naso d'un porco, tale è la donna bella ma priva di senno.
Libro dei Proverbi, Antico Testamento, V sec. a.e.c.
Evoluzione dell'uomo e della donna...
Proverbi contro la Donna
  • Al cavallo sprone e alla donna bastone.
  • Alla donna basta tanto cervello da mettersi al coperto quando piove.
  • Ara nel mare e nella rena semina, chi crede alle parole della femmina.
  • Chi dice donna, dice danno.
  • Chi vuol vivere e star sano dalle donne stia lontano.
  • Contro due donne neanche il diavolo può metterci il becco.
  • Da cattiva donna guardati e della buona non ti fidare per nulla.
  • Da una donna vecchia si guarda anche il diavolo.
  • Dal bue dinanzi, dal mulo di dietro e dalla donna, da tutte le parti.
  • Dal mare sale e dalla donna male.
  • Dal mare sale, e dalla donna male.
  • Dio creò l’uomo e si riposò, poi fece la donna e non ebbe più pace.
  • Donna che piange, caval che suda bugiardi come Giuda.
  • Donna e gatto chi non li conosce cari li paga.
  • Donna sboccata, donna scostumata.
  • Donne e bistecche, più si battono e più diventano tenere.
  • Dove il diavolo non vuole andare manda la donna.
  • La donna è il diavolo della casa.
  • La " " è la furia della casa.
  • La " " è la maledizione della casa.
  • La " " è la rovina dell’uomo.
  • La " " trista è la rovina della casa.
  • Le donne han lunghi capelli e corto cervello.
  • Le " " hanno il cervello di gallina.
  • Le " " hanno lunghe vesti e corto cervello.
  • Le " " sono buone solo per il letto.
  • Le teste delle donne sono come le corna: dure, torte e vuote.
  • Mare, fuoco e donna, triplice male.
  • Non credere a donna quand'anche sia morta.
  • Quando la donna grida il diavolo scodinzola.
  • Tre "d" rovinano l'uomo: diavolo, denaro e donna.
  • Troie ce ne son tante, ma come le donne!
  • Una buona donna è sempre una cattiva bestia.
  • Una donna ha due lacrime sincere e cento d’inganno.
  • Una donna, un papero e un tacchino hanno tanto cervello per uno.
Quando torni a casa, batti tua moglie: tu non sai perché, ma lei sì.
Proverbio cinese

Note
  1. Il poeta cui si riferisce La Rochefoucauld è Battista Guarini: "Ch'altro al fin l'onestate / non è che un'arte di parere onesta" (Il pastor fido, 1589).
  2. Nihil est in intellectu quod prius non fuerit in sensu: Niente è nell'intelletto, che prima non sia stato nei sensi. Si tratta di un detto scolastico attribuito ad Aristotele.
  3. Vedi anche: Frasi Femministe e Misandriche contro gli Uomini - Aforismi sul confronto tra Uomini e Donne

Nessun commento: