2015-07-09

Avventura - Frasi avventurose su Imprese ed Esplorazioni

Raccolta di aforismi e frasi entusiasmanti sull'avventura, gli avventurieri, lo spirito avventuroso che spinge a compiere grandi imprese, l'esplorazione e gli esploratori. Su Aforismario trovi anche una grande raccolta di citazioni sul viaggio (vedi la sezione "Azioni" nel menu a destra).
La vita è la più bella delle avventure
ma solo l'avventuriero lo scopre. (Gilbert Keith Chesterton)
1. Avventura
© Aforismario

L'avventura permette che vi accada l'inaspettato. L'esplorazione è sperimentare ciò che non avete mai provato prima.
Richard Aldington, Morte di un eroe, 1930

L'avventura è soltanto cattiva pianificazione.
Roald Amundsen, XX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

I ragazzi son capaci di vedere l'avventura in una comune pozzanghera di acqua sporca.
Robert Baden-Powell, Il libro dei capi, 1918

Tu parti dal ruscello della fanciullezza per un viaggio avventuroso; di là passi nel fiume dell'adolescenza; poi sbocchi nell'oceano della virilità per arrivare al porto che vuoi raggiungere. Incontrerai sulla tua rotta difficoltà e pericoli, banchi e tempeste. Ma senza avventura, la vita sarebbe terribilmente monotona. Se saprai manovrare con cura, navigando con lealtà e gioiosa persistenza, non c'è ragione perché il tuo viaggio non debba essere un completo successo; poco importa quanto piccolo fosse il ruscello dal quale un giorno partisti.
Robert Baden-Powell, La strada verso il successo, 1922

Quando tutto sembra cancellato, allora parti per l’avventura: apriti la strada con coraggio. Quando ti sembrano cancellati l’entusiasmo, la speranza, l’amore, questi tre sentimenti meravigliosi, allora parti per l’avventura con coraggio. L’avventura della tua vita. Questa tua vita, oggi, qui, con questi pesi. Questa materia con cui si costruisce il miracolo di una cattedrale di gioia.
Robert Baden-Powell (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Se trovi lo spirito della giovinezza dentro di te, con i ricordi di adesso e i sogni di allora, potrai farlo rivivere e cercare una strada nell'avventura che chiamiamo vita, verso un destino migliore.
Sergio Bambarén, Il delfino, 1995

La più grande avventura è quella che ci porta alla scoperta di noi stessi.
Romano Battaglia, Incanto, 2008

Nei giovani tutti i desideri diventano avventure, nei vecchi si trasformano in paure.
Romano Battaglia, L’uomo che vendeva il cielo, 2011

L'avventura per me è una spinta personale più che un fatto esplorativo inteso nel senso più comune. Nei grandi silenzi, nei grandi spazi, ho trovato una mia ragione di essere, un modo di vivere a misura d'uomo.
Walter Bonatti, In terre lontane, 1997

Il bello dell'avventura è sognarla, dare aria all'immaginazione, poi si potrà anche tentare di dare materia ai propri sogni. Per questo la fantasia deve accompagnarci sempre.
Walter Bonatti, In terre lontane, 1997

L'avventura [...] non dovrà mai avere lo scopo di fuggire bensì quello di raggiungere qualcosa, di appagare il bisogno che è nell'uomo di andare oltre e di vedere, conoscere, misurarsi, provarsi e sapere. Queste sono le motivazioni che avevano spinto Ulisse oltre i confini del mondo conosciuto, e che spingono ancora molti di noi, nel Duemila: una pulsione che sta alla base dei misteriosi perché della vita.
Walter Bonatti, In terre lontane, 1997

Non scambiamo allora l'avventura con lo spettacolo architettato e costruito, non mortifichiamola con il business che ne può nascere, non confondiamola insomma con i tanti imbrogli del momento, i quali, oltre al resto, hanno il demerito di svilire e svuotare di significato quello che è soprattutto un impulso disinteressato dell'animo.
Walter Bonatti, In terre lontane, 1997

Nel caos delle moderne contraddizioni oggi si cerca l’avventura e si finisce per comprarla preconfezionata. Si inventa il falso rischio e gli si dà il nome di «prova di sopravvivenza» (che comunque risulterà sempre assicurata). Si esaltano imprese solitarie, ma accompagnate da apparecchi radio o altri bipbip del momento, che all'occorrenza serviranno a levare questi «eroi delle solitudini» dal pasticcio. Preordinate realizzazioni da Guinness dei primati, ovviamente assistite e ben protette da un’organizzazione al seguito. Inoltre, per qualche inconfessato vantaggio si passa per impresa qualcosa che impresa non è, o non lo è più da lungo tempo.
Walter Bonatti, I miei Ricordi, 2008 [1]

Chiediamoci fino a che punto l’avventura resti una scelta di vita cui dedicare il meglio di sé per realizzarla e realizzarsi senza sconfinare in qualcos'altro di puramente affaristico: indecente esempio quindi da proporre a un giovane proselito dell’avventura.
Walter Bonatti, I miei Ricordi, 2008 [1]

Forse l’avventura è cominciata proprio il giorno in cui la scimmia è discesa dall'albero, per curiosità.
ibidem

L’avventura non può più manifestarsi là dove nell'uomo scadono l’ingegno, l’immaginazione, la responsabilità; là dove si demoliscono, o almeno si banalizzano, fattori naturali come l’ignoto e la sorpresa. E ancora non può sussistere avventura là dove vengono alterate, persino distrutte peculiarità come l’incertezza, la precarietà, il coraggio, l’esaltazione, la solitudine, l’isolamento, il senso della ricerca e della scoperta, la sensazione dell’impossibile, il gusto dell’improvvisazione, del mettersi alla prova con i propri mezzi, e non ultimo, senza più inventiva. Tutte cose che oggi sono ormai represse o addirittura cancellate nel quotidiano.
Walter Bonatti, I miei Ricordi, 2008 [1]

L’avventura è per sua definizione la scoperta, la sorpresa, l’andare con interesse verso ciò che non si conosce. Tutto invece appare calcolato e interessato negli attuali exploit.
ibidem

L’avventura è un impegno che coinvolge tutto l’essere e sa cavar fuori dal profondo ciò che di meglio e di umano è rimasto in noi. Là dove il «mazzo» non è stato truccato per vincere a ogni costo, esistono ancora il gioco, la sorpresa, la fantasia, l’entusiasmo della riuscita e il dubbio della sconfitta. Dunque l’avventura.
Walter Bonatti, I miei Ricordi, 2008 [1]

L’avventura ho sempre voluto viverla, ieri come oggi, a misura d’uomo. È dunque per conservare questa preziosa dimensione che nelle mie imprese, quando è dipeso da me, ho rifiutato ogni tipo di organizzazione e di supporto tecnico.
Walter Bonatti, I miei Ricordi, 2008 [1]

Non può esserci avventura là dove mancano l’isolamento, l’incognita, la sorpresa. Fattori questi imprescindibili per una vera e classica avventura, dove, oltretutto, si mettono alla prova le ingegnose risorse dell’uomo, restituendo ai suoi personali limiti una più naturale dimensione.
Walter Bonatti, I miei Ricordi, 2008 [1]

Oggi tutti parlano di avventura, forse perché la realtà ne concede poca e sempre di meno. Le si attribuiscono però troppi significati, perdendo di vista quello vero. Ma attenzione: troppi «ci marciano» su quanto è stato ormai degradato a nuovo prodotto di consumo. Non confondiamo l’avventura con lo spettacolo, con il business che ne deriva. Non confondiamola insomma con qualche tipo di imbroglio e persuadiamoci anche che in questo nuovo e crescente desiderio generalizzato di inconsistente avventura, quasi sempre ci troviamo di fronte, più che ad avventurosi e ai loro fan, a vittime di una certa politica dell’avventura.
Walter Bonatti, I miei Ricordi, 2008 [1]

Solo finché c'è il gusto dell'abisso c'è avventura umana.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

Il crimine giovanile è, quasi sempre, per vuoti di avventura.
Guido Ceronetti, Pensieri del tè, 1987

La vita è la più bella delle avventure ma solo l'avventuriero lo scopre. 
Gilbert Keith Chesterton, Ortodossia, 1908

Un inconveniente è soltanto un'avventura considerata nel modo sbagliato; un'avventura è un inconveniente considerato nel modo giusto.
Gilbert Keith Chesterton, Tutto considerato, 1908

È il pazzo che è in noi ad obbligarci all'avventura; se ci abbandona, siamo perduti.
Emil Cioran, La tentazione di esistere, 1956

La vita, senza avventura, non ha alcuna grazia.
Paulo Coelho, Sulla sponda del fiume Piedra mi sono seduta e ho pianto, 1994

Il rischio di un 'avventura vale mille giorni di benessere e di comodità.
Paulo Coelho, Veronika decide di morire, 1998

Fai una promessa. Approfitta del fatto di avere scoperto una forza di cui ignoravi l'esistenza per dire a te stesso che, d'ora in poi, la utilizzerai sempre, ogni giorno che ti resta da vivere. Sforzati per promettere di scoprire un'altra montagna e di partire per una nuova avventura.
Paulo Coelho, Sono come il fiume che scorre, 2006

Se pensi che l'avventura sia pericolosa, prova con la routine: è letale
Paulo Coelho, su Twitter, 2012

Possiamo trasformare la vita in una specie d'avventura da libro illustrato, se vogliamo. Non c'è nessun limite a quello che si può inventare, se solo usiamo le risorse che adesso vengono rovesciate per alimentare questo mondo detestabile.
Andrea De Carlo, Due di due, 1989

La vita non un problema da risolvere, è un'avventura da vivere.
John Eldredge, Il Viaggio del desiderio, 2000 (attribuito a John Keats)

Essere donna è così affascinante. È un'avventura che richiede un tale coraggio, una sfida che non annoia mai.
Oriana Fallaci, Lettera a un bambino mai nato, 1975

Un modo per ottenere il massimo dalla vita è di considerarla come un'avventura.
William Feather, XX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La vita non ci dà mai quello che vogliamo nel momento che ci sembra adatto. Le avventure arrivano, ma non puntuali.
Edward Morgan Forster, Passaggio in India, 1924

Perché aver paura della morte? È la più bella avventura della vita!
Charles Frohman (ultime parole prima di morire, 1915)

Amare è un'avventura senza mappa né bussola dove solo la prudenza porta fuori strada.
Romain Gary, Chiaro di donna, 1977

La vita è la più monotona delle avventure: finisce sempre allo stesso modo.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

È la paura della morte che rende esaltante l'avventura umana.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Solo nell'avventura alcuni arrivano a conoscersi.
André Gide, Diario, 1887/1950

L'avventura non è al di fuori dell'uomo; è dentro.
David Grayson, Avventure in solitudine, 1913

Amo in te / l'avventura della nave che va verso il polo / amo in te / l'audacia dei giocatori delle grandi scoperte / amo in te le cose lontane amo in te l'impossibile / entro nei tuoi occhi come in un bosco / pieno di sole / e sudato affamato infuriato / ho la passione del cacciatore / per mordere nella tua carne. / amo in te l'impossibile / ma non la disperazione.
Nazim Hikmet, Lettere dal carcere a Munevver, 1943

La sicurezza è perlopiù una superstizione. Non esiste in natura, né i cuccioli di uomo riescono a provarla. Evitare il pericolo non è più sicuro, sul lungo periodo, che esservi esposti apertamente. O la vita è una avventura da vivere audacemente, oppure è niente.
Helen Keller, La porta aperta, 1957

Cos'è quella sensazione che si prova quando ci si allontana in macchina dalle persone e le si vede recedere nella pianura fino a diventare macchioline e disperdersi? – è il mondo troppo grande che ci sovrasta, è l’addio. Ma intanto ci si proietta in avanti verso una nuova folle avventura sotto il cielo.
Jack Kerouac, Sulla strada, 1957

Mentre si vive un'avventura, sembra qualcosa di eccezionale, ma poi, tornati a casa, quando ci si accinge a raccontarla, non si trovano le parole; quelle cose che parevano chissaché sono sparite, volate via, o non sembrano più così mirabolanti, e a poco a poco non viene in mente niente, dopotutto forse non è successo nulla e non si sa cosa dire.
Claudio Magris, Microcosmi, 1997

L'avventura più rischiosa, difficile e seducente si svolge a casa; è là che si gioca la vita, la capacità o incapacità di amare e di costruire, di avere e dare felicità, di crescere con coraggio o rattrappirsi nella paura; è là che ci si mette a rischio.
Claudio Magris, L'infinito viaggiare, 2005

Come ogni incontro, pure quello con i luoghi - e con chi ci vive - è avventuroso, ricco di promesse e di rischi.
Claudio Magris, L'infinito viaggiare, 2005

La vera avventura si realizza solo nel momento in cui non so quale sarà l’esito di una situazione. Tentare l’avventura significa cercare l’ignoto, forse l’impossibile. Allora mi sembra di essere su un’altra stella. Se faccio tutto nel modo giusto torno anche indietro, ma magari no.
Reinhold Messner, La mia vita al limite, 2006

L'inizio di ogni bella e grande avventura [...] penso sia sempre segnato da una commozione alla quale si dice "sì".
Ernesto Olivero, su 30Giorni, 2004

L'avventura non esiste. È nella fantasia di chi la insegue e, non appena riesce a toccarla con un dito, svanisce per fare capolino da tutt'altra parte, sotto una diversa forma, ai limiti dell'immaginazione.
Pierre Mac Orland, Piccolo manuale del perfetto avventuriero, 1920

Vivere l'avventura è pericoloso, anche a grandi linee, giacché quel che se ne ricava non è altro, di solito, che una somma più o meno consistente di delusioni e di rimpianti.
Pierre Mac Orland, Piccolo manuale del perfetto avventuriero, 1920

Tutte le avventure sono comuni, ma non i loro segreti moventi.
François Mauriac, La provincia, 1926

Il vero nucleo dello spirito vitale di una persona è la passione per l'avventura. La gioia di vivere deriva dall'incontro con nuove esperienze, e quindi non esiste gioia più grande dell'avere un orizzonte in costante cambiamento, del trovarsi ogni giorno sotto un sole nuovo e diverso.
Christopher McCandless (Emile Hirsch), in Into the Wild, 2007

Voglio essere al di fuori delle etichette. Non voglio che tutta la mia vita sia compressa in un unica parola. Una storia. Voglio trovare qualcos'altro, che non si possa conoscere, un posto che non sia sulla mappa. Una vera avventura.
Chuck Palahniuk, Invisible Monsters, 1999

Una vita senza avventura è probabilmente noiosa, ma una vita in cui si lascia che l'avventura assuma qualsiasi forma sarà sicuramente breve.
Bertrand Russell, Autorità e individuo, 1949 

L'avventura: un evento che esce dall'ordinario, senza essere necessariamente straordinario. 
Jean-Paul Sartre, La nausea, 1938

Un'avventura è un risultato ragionevole. Due sono meglio, tre meritano di essere tramandate, e quattro... nessuno potrà mai contestare quattro avventure.
John Steinbeck, Le gesta di re Artù, 1976 (postumo)

Le avventure vengono e non vengono, a piacer loro.
ibidem

Non puoi riconoscere un'avventura dal suo inizio. La grandezza nasce piccola.
ibidem

Sono disposto ad accettare qualsiasi avventura che Dio mi mandi.
John Steinbeck, Le gesta di re Artù, 1976 (postumo)

Voi avete una vita perfettamente equilibrata quando la maggior parte di ciò che temete ha la palpitante prospettiva dell'avventura.
Nassim Nicholas Taleb, Il letto di Procuste, 2010

Gandalf.: Cerco qualcuno con cui condividere un'avventura che sto organizzando ed è molto difficile trovarlo.
Bilbo Baggins: Lo credo bene, da queste parti! Siamo gente tranquilla e alla buona e non sappiamo che farcene delle avventure. Brutte fastidiose scomode cose! Fanno far tardi a cena! Non riesco a capire cosa ci si trovi di bello!
John Ronald Reuel Tolkien, Lo Hobbit, 1937

Il pensiero è meraviglioso, ma ancor più meravigliosa è l’avventura.
Oscar Wilde, Il critico come artista, 1889

Chi non s'avventura, non ha ventura.
Proverbio

2. Avventuriero
© Aforismario

Il caso è la provvidenza degli avventurieri.
Napoleone Bonaparte, Aforismi e pensieri politici, morali e filosofici, XIX sec.

Sono cambiati i mezzi, le mete, addirittura i mondi, ma non l'uomo d'avventura con il suo grande cuore.
Walter Bonatti, In terre lontane, 1997

L’uomo d’avventura per sua formazione è uomo di ideali oltre che di fatti, e come tale non può corrompersi riducendo se stesso a portatore di pubblicità, dopo essersi venduto. Ma oggi c’è chi fa dell’avventura un prodotto, una comune operazione impostata sul tornaconto, e non mi riferisco certo alle agenzie di viaggio.
Walter Bonatti, I miei Ricordi, 2008

Un avventuriero è colui che fa sì che le avventure gli accadano, piuttosto che colui al quale le avventure capitano.
Guy Debord, lettera a Ivan Chtcheglov, 1953

Con un avventuriero non metterti in viaggio, per paura che ti diventi insopportabile; egli agirà secondo il suo capriccio e andrai con lui in rovina per la sua insipienza.
Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c

L’uomo è così debole che, quando un suo simile si presenta dicendo: «Posso tutto», come Bonaparte, o: «So tutto», come Maometto, questi risulta vincente e, per metà, ce l’ha già fatta. Da ciò deriva il successo di tanti avventurieri.
Alfred de Vigny, Diario di un poeta, 1867 (postumo)

Per l'animo avventuroso non esiste nulla di più devastante di un futuro certo.
(Into the Wild, Sean Penn © 2007 Paramount Vantage)
3. Spirito Avventuroso
© Aforismario

Fate che il vostro spirito avventuroso vi porti sempre ad andare avanti per scoprire il mondo che vi circonda con le sue stranezze e le sue meraviglie. Scoprirlo significherà, per voi, amarlo.
Anonimo (attribuito a Khalil Gibran)

Fra tutte le avversità della fortuna la più infelice maniera di mala ventura è l'essere stato avventuroso.
Boezio, Consolazione della filosofia, 524

Tra vent'anni sarete più delusi per le cose che non avete fatto che per quelle che avete fatto. Quindi levate l'ancora, allontanatevi dal porto sicuro, prendete con le vostre vele i venti. Esplorate, sognate, scoprite!
H. Jackson Brown Jr., P. S. I Love You, 1990 (attribuito a Mark Twain - vedi "Citazioni errate" su Aforismario)

C'è un piacere nei boschi inesplorati, / c'è un'estasi sulla spiaggia desolata, / c'è vita, laddove nessuno s'intromette, / accanto al mare profondo, e alla musica del suo sciabordare: / non è ch'io ami di meno l'uomo, ma la Natura di più.
George Gordon Byron, Il pellegrinaggio del giovane Aroldo, 1812/18

Non c’è nulla di più tortuoso delle vie dello spirito. Il modo in cui un uomo impara, se si guarda dall'adoperare subito ciò che impara, è più avventuroso e misterioso di qualsiasi viaggio d’esplorazione. Nello spirito infatti non è possibile prefiggersi o calcolare percorsi. Certo, anche là vi è qualcosa di simile ad approssimative carte geografiche, ma infinitamente più numerose sono le cose che di continuo seducono e sviano, da ogni parte.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973

Un guerriero della luce fa sempre qualcosa fuori del comune. Può  ballare per la strada mentre si reca al lavoro, guardare negli occhi uno sconosciuto e parlare di amore al primo incontro, difendere un'idea che può sembrare ridicola. I guerrieri della luce si permettono simili cose. Egli non ha paura di piangere per antiche pene, o di gioire per nuove scoperte. Quando sente che È giunto il momento, lascia tutto e parte per l'avventura tanto sognata. Quando capisce di essere al limite della resistenza, abbandona il combattimento, senza colpevolizzarsi per aver fatto un paio di follie inaspettate.
Paulo Coelho, Manuale del guerriero della luce, 1997

Io non credo che nel nostro mondo lo spirito d'avventura rischi di scomparire. Se vedo attorno a me qualcosa di vitale, è proprio questo spirito d'avventura che mi sembra impossibile da sradicare, e che ha molto in comune con la curiosità.
Marie Curie, Diario, 1934

Non si possono scoprire nuove terre senza accettare di perdere di vista la costa per un periodo molto lungo.
André Gide, I falsari, 1925

Se non si riesce a far funzionare la propria vita si può per lo meno andare via. Si può cambiare il modo di vivere, disfarsi della routine, vivere rischi veri. È una questione di dignità.
William Least Heat-Moon, Strade blu, 1988

C'è tanta gente infelice che tuttavia non prende l'iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito, ma in realtà per l'animo avventuroso di un uomo non esiste nulla di più devastante di un futuro certo.
Christopher McCandless (Emile Hirsch), in Into the Wild, 2007

Dio ha messo la felicità dappertutto e ovunque, in tutto ciò in cui possiamo fare esperienza. Abbiamo solo bisogno di cambiare il modo di guardare le cose.
ibidem

L'essenza dello spirito dell'uomo sta nelle nuove esperienze.
Christopher McCandless (Emile Hirsch), in Into the Wild, 2007

L'essere nomadi ci ha sempre riempiti di gioia. Nella nostra mente viene associato alla fuga da storia, oppressione, legge e noiose coercizioni, alla liberà assoluta, e la strada porta sempre a Ovest.
ibidem

Nella vita importa non già di essere forti, ma di sentirsi forti. Di essersi misurati almeno una volta, di essersi trovati almeno una volta nella condizione umana più antica, soli davanti alla pietra cieca e sorda, senza altri aiuti che le proprie mani, e la propria testa. [2]
Christopher McCandless (Emile Hirsch), in Into the Wild, 2007

Non dobbiamo che trovare il coraggio di rivoltarci contro lo stile di vita abituale e buttarci in un'esistenza non convenzionale.
Christopher McCandless (Emile Hirsch), in Into the Wild, 2007

Se vuoi qualcosa nella vita, allunga la mano e prendila...
ibidem

Per uccidere il falso essere interiore, suggella vittoriosamente la rivoluzione spirituale. Per non essere più avvelenato dalla civiltà, fugge, cammina solo sulla terra per perdersi nella natura selvaggia.
Christopher McCandless (Emile Hirsch), in Into the Wild, 2007

Polo Sud, Polo Nord, deserto del Gobi, K2, Chang Tang. Il mistero di tutto ciò sta nel fatto che io posso vivere le emozioni più forti solo se mi spingo fino al limite delle mie possibilità. Mentre lo faccio spero di non lasciarci la pelle e spero che anche al mio compagno non accada nulla, insomma che tutto vada per il meglio. So anche che se mi limito a fare qualche passeggiata non farò mai esperienze importanti.
Reinhold Messner, La mia vita al limite, 2006

Non posso vivere senza esperienze estreme. Tanto per definire il quadro della mia «malattia»: la voglia di vivere mettendo costantemente in gioco la vita.
Reinhold Messner, La mia vita al limite, 2006

Contro la mentalità del lavoro garantito in banca o statale, di una vita sicura ma monotona, io volevo, sognavo, pretendevo (ero molto giovane...) una vita spericolata: piena di avventure, di rischi, di incognite e di sorprese. Insomma, una vita vissuta intensamente.
Vasco Rossi, La versione di Vasco, 2011

Il bambino amato dai genitori accetta il loro affetto come una legge di natura. Non ci sta molto a pensare, sebbene la cosa sia di grande importanza per la sua felicità. Egli pensa al mondo, alle avventure che incontra sulla sua via, e a quelle ancor più meravigliose che incontrerà quando sarà grande. Ma dietro a tutti questi interessi esteriori, vi è la sensazione che l'affetto dei genitori lo proteggerà dal male. Il bimbo che, per una qualsiasi ragione, viene privato dell'affetto dei genitori, diventerà probabilmente timido e schivo, pieno di paure e di compassione per se stesso, e non più capace di affrontare il mondo con spirito di avventura
Bertrand Russell, La conquista della felicità, 1930

Ho attraversato i mari, mi son lasciato dietro città, ho risalito fiumi, mi sono addentrato in foreste, e sempre andavo verso altre città. Ho avuto delle donne, mi son battuto con dei tipi, e mai son potuto ritornare indietro, cosi come un disco non può girare al contrario. E dove mi conduceva tutto questo? A questo preciso istante.
Jean-Paul Sartre, La nausea, 1938

Ogni posto è una miniera. Basta lasciarcisi andare, darsi tempo, stare seduti in una casa da tè ad osservare la gente che passa, mettersi in un angolo del mercato, andare a farsi i capelli e poi seguire il bandolo di una matassa che può cominciare con una parola, con un incontro, con l'amico di un amico di una persona che si è appena incontrata e il posto più scialbo, più insignificante della terra diventa uno specchio del mondo, una finestra sulla vita, un teatro di umanità dinanzi al quale ci si potrebbe fermare senza più il bisogno di andare altrove. La miniera è esattamente là dove si è: basta scavare.
Tiziano Terzani, Un indovino mi disse, 1995

Tutti dobbiamo chiederci (e sempre) se quel che stiamo facendo migliora e arricchisce la nostra esistenza. O abbiamo tutti, per una qualche innaturale deformazione, perso l'istinto per quel che la vita dovrebbe essere, e cioè soprattutto un'occasione di felicità?
Tiziano Terzani, Un indovino mi disse, 1995

4. Impresa
© Aforismario

Qualsiasi impresa, anche la più nobile, anche la più utile, anche la più disinteressata, suscita sempre invidie, rancori, ostilità, odio. Chi si getta nell'azione, deve perciò prepararsi a combattere contro i nemici più imprevedibili e più subdoli. E se non vuol cedere all'amarezza e al cinismo, deve armarsi di una fede ardente, di un entusiasmo inestinguibile.
Francesco Alberoni, Abbiate coraggio, 1998

Chi ha moglie e figli ha consegnato ostaggi alla fortuna; moglie e figli rappresentano infatti un impedimento alle grandi imprese, così virtuose come malvagie.
Francis Bacon, Saggi, 1597/1625

È l'insicurezza che sprona gli uomini alle grandi imprese, grazie a essa uomini che in realtà non erano fatti per nessuna cosa, sono diventati capaci di tutto. Gli eroi sono il prodotto dell'insicurezza.
Thomas Bernhard, Gelo, 1963

Lode. Omaggio che porgiamo alle imprese che somigliano alle nostre ma non le eguagliano.
Ambrose Bierce, Il dizionario del diavolo, 1911

Nessuna impresa è mai stata compiuta da un uomo ragionevole.
Arthur Bloch, Legge di Bucy, La legge di Murphy, 1977

Le imprese che si basano su di una tenacia interiore devono essere mute e oscure; per poco uno le dichiari o se ne glori, tutto appare fatuo, senza senso o addirittura meschino. 
Italo Calvino, Il barone rampante, 1957

È proprio dell'uomo coraggioso parlare poco e compiere grandi imprese; è proprio dell'uomo di buon senso parlare poco e dire sempre cose ragionevoli.
Joseph Antoine Dinouart, L'arte di tacere, 1771

Nulla vale tanto a dare serenità all'animo come il non darsi troppo da fare, il non cacciarsi in imprese di difficile esito, e il non sforzarsi al di là delle proprie capacità, tutte cose che ad altro non servono se non a mettere il disordine nella nostra natura.
Epicuro, Sentenze e frammenti, IV-III sec. a.e.c.

Le grandi imprese di solito si compiono a prezzo di grandi pericoli. 
Erodoto, Storie, V sec. a.e.c.

Non c'è nulla di così umiliante come vedere gli sciocchi riuscire nelle imprese in cui noi siamo falliti.
Gustave Flaubert, L'educazione sentimentale, 1869

Nelle imprese ove non è rischio, non vi può essere gloria.
Giovanni Gaggino, Tesoro, 1900/17

L'errore più singolare è quello che si riferisce a noi stessi e alle nostre forze, quello per il quale ci dedichiamo a un compito degno, a un'impresa onorevole a cui siamo impari, per il quale aspiriamo a un fine che non potremo mai raggiungere.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Conservare in ogni impresa le proprie riserve. È il modo di garantire il proprio valore. Non si deve impegnare ogni volta tutto il proprio potere, né si devono sempre impiegare tutte le proprie forze.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

Intollerabile è l'impresa che richiede tutte le attività d'un uomo, con le ore contate e con una materia ben definita; più piacevoli son quelle che non arrecano noia e fastidio perché uniscono la varietà alla gravità: l'alternanza, infatti, rinverdisce il piacere.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

Saper mantenere viva l'attesa. Bisogna darle continuamente nuovi stimoli; il molto lasci sperare il più, e la più grande impresa ne faccia auspicar di maggiori.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

Agli uomini in generale manca la costanza nei propositi, e ciò fa si che le loro imprese quasi sempre rovinino. Il difetto di costanza si manifesta in due maniere, o col mutare disegno appena scelto o col mancare di coraggio alle prime contrarietà. 
Francesco Domenico Guerrazzi, Lettere, 1880 (postumo)

Chiunque voglia riuscire in un'impresa deve essere disposto a bruciare le navi o tagliare i ponti per impedirsi ogni possibilità di tornare sui suoi passi. Solo comportandosi così può essere certo di conservare lo stato mentale detto "ardente desiderio di riuscire", che è un principio essenziale del successo.
Napoleon Hill, Pensa e arricchisci te stesso, 1938

Esaminando in modo obiettivo i profeti, i filosofi, i capi religiosi e gli autori di miracoli del passato, si è indotti alla conclusione inevitabile che la tenacia, la concentrazione degli sforzi e la chiarezza di intenti sono sempre state al centro delle loro imprese.
Napoleon Hill, Pensa e arricchisci te stesso, 1938

Quando dovete decidere qualcosa, se vi fate condizionare dalle opinioni degli altri non riuscirete in nessuna impresa.
Napoleon Hill, Pensa e arricchisci te stesso, 1938

Per quanto clamorosa sia un'impresa, non deve essere considerata grande se non quando è l'effetto di un grande progetto.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

L'errore non è nel fallimento, ma in uno scopo meschino: nelle grandi imprese, la gloria viene anche dal fallimento.
Bruce Lee, Pensieri che colpiscono, 2000 (postumo)

Chiunque abbia mai una volta edificato un "nuovo cielo" trovò la potenza per questa impresa unicamente nel suo proprio inferno...
Friedrich Nietzsche, Genealogia della morale, 1887

L'uomo è nato per creare. La vocazione umana è di immaginare, inventare, osare nuove imprese.
Michael Novak, su Qualeimpresa, 1989

Mai gli uomini indietreggiano davanti a un ostacolo se saranno proposti grandi premi a chi tenta grandi imprese. 
Tito Livio, Ab urbe condita, 27 a.e.c. - 14 e.c.

Guardatevi da tutte le imprese per le quali occorrono abiti nuovi.
Henry David Thoreau, Walden, 1854

Sono cattivi esploratori quelli che pensano che non ci sia terra
se vedono solo mare. (Francis Bacon)
5. Esplorazione
© Aforismario

L'uomo deve dubitare: il dubbio è un atteggiamento di ricerca, di esplorazione: la certezza, soprattutto quella ideologica o dogmatica, possono forse renderlo più integrato, e in un certo senso più felice, ma con un costo intellettuale molto elevato, che è quello della sua rinuncia a dubitare, esplorare, e quindi pensare. 
Piero Angela, Da zero a tre anni, 1975

Sono cattivi esploratori quelli che pensano che non ci sia terra se vedono solo mare.
Francis Bacon, Sull'utilità e il progresso del sapere, 1605

Parlare di conquista e di esplorazione, così com'erano in passato, fa un po’ sorridere oggi, con il grande occhio della tecnica che vede e provvede a tutto. Il mondo si è molto ridotto e per lo più addomesticato: sappiamo ormai tutto e tutto possiamo. Una ragione in più per invertire la marcia verso i grandi spazi che sono in noi, e che rappresentano le ultime immense estensioni libere e sconosciute della Terra. Non possiamo guardare che dentro noi stessi per scoprire chi realmente siamo e che cosa vogliamo. Questa, non c’è dubbio, è avventura.
Walter Bonatti, I miei Ricordi, 2008

Le nostre prime esplorazioni sono la materia prima della nostra intelligenza.
Bruce Chatwin, Anatomia dell’irrequietezza, 1997 (postumo)

Non smetteremo di esplorare. E alla fine di tutto il nostro andare ritorneremo al punto di partenza per conoscerlo per la prima volta
Thomas Stearns Eliot, Quattro quartetti, 1945

È curioso osservare quale ideale di felicità amino gli uomini e in quali singolari posti essi cerchino la sua sorgente. Alcuni la cercano nell'ammucchiare ricchezze, alcuni nella superbia del potere, altri nelle conquiste dell'arte e della letteratura. Pochi la cercano nell'esplorazione del loro spirito o nel miglioramento della conoscenza. 
Helen Keller, Ottimismo, 1903

C'è una oscura regione della terra che manda per il mondo degli esploratori.
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

È molto probabile che una tappa decisiva nel misterioso processo dell'evoluzione dell'uomo sia rappresentata dal giorno in cui un essere, che stava esplorando con curiosità il suo ambiente, fermò la sua attenzione su sé stesso. 
Konrad Lorenz, Gli otto peccati capitali della nostra civiltà, 1973 

L'unico viaggio irrinunciabile è l'esplorazione dell'io.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

Note
  1. Walter Bonatti, I miei Ricordi © 2008 Baldini Castoldi Dalai editore.
  2. Secondo quanto riportato in molti siti web, la frase pronunciata nel film Into the Wild sarebbe una citazione di Primo Levi, tant'è che spesso la si attribuisce testualmente allo scrittore italiano. Ma esaminando tutte le opere di Primo Levi, non si trova alcun brano simile. L'unico passo che potrebbe aver ispirato - e soltanto ispirato - la frase è il seguente tratto da Il sistema periodico / Ferro (1975), in cui Primo Levi racconta di un'escursione in montagna col suo amico Sandro, grande amante dell'avventura, durante la quale si trovarono in una situazione difficile indicata con la locuzione "mangiare la carne dell'orso": "Era questa, la carne dell’orso: ed ora, che sono passati molti anni, rimpiango di averne mangiata poca, poiché, di tutto quanto la vita mi ha dato di buono, nulla ha avuto, neppure alla lontana, il sapore di quella carne, che è il sapore di essere forti e liberi, liberi anche di sbagliare, e padroni del proprio destino. Perciò sono grato a Sandro per avermi messo coscientemente nei guai, in quella ed in altre imprese".
  3. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Viaggio

Nessun commento: