2015-07-02

Psicoanalisi e Psicoanalisti - 140 Aforismi, frasi e citazioni

Grande raccolta di aforismi, frasi celebri e riflessioni sulla psicoanalisi e gli psicoanalisti. L'ultimo paragrafo fa riferimento al transfert (o traslazione). A mo' d'introduzione, si riporta qui la definizione di psicoanalisi elaborata dallo stesso Freud: Psicoanalisi è il nome: 1) di un procedimento per l’indagine di processi psichici cui altrimenti sarebbe pressoché impossibile accedere; 2) di un metodo terapeutico (basato su tale indagine) per il trattamento dei disturbi nevrotici; 3) di una serie di conoscenze psicologiche acquisite per questa via che gradualmente si assommano e convergono in una nuova disciplina scientifica. [Sigmund Freud, in Max Marcuse (a cura di), Dizionario di sessuologia, 1923]. Vedi anche le raccolte di citazioni correlate a questa sull'inconscio, sul complesso edipico, la nevrosi e la psicoterapia.
La psicoanalisi si impara innanzitutto su sé stessi,
mediante lo studio della propria personalità. (Sigmund Freud)
1. Psicoanalisi
© Aforismario

La psicoanalisi si vanta di restituire agli uomini la loro capacità di godere, turbata dalle nevrosi. Come se la semplice espressione «capacità di godere» non bastasse a ridurre al minimo la medesima, ammesso che esista. E come se una felicità che è il prodotto di un calcolo non fosse il contrario della felicità, un'ulteriore irruzione di condotta istituzionalmente pianificata nell'ambito sempre più contratto dell'esperienza.
Theodor Adorno, Minima moralia, 1951

Nella psicoanalisi non c'è nient'altro di vero che le sue esagerazioni.
Theodor Adorno, Dialettica negativa, 1966

Nella psicoanalisi il paziente dice la verità perché, grazie al trasfert, riproduce in parte il processo che si attua spontaneamente nell'innamoramento. Però la forza dello stato nascente spezza, in poche ore o in pochi istanti, barriere inconsce che, nella psicoanalisi, resistono talvolta per anni. La cosa è possibile perché cessa la paura del passato. I due innamorati compiono una confessione reciproca e ciascuno ha il potere di assolvere l'altro dal suo passato.
Francesco Alberoni, Innamoramento e amore, 1979

Non credo che l'analisi mi possa aiutare. Mi ci vorrebbe una lobotomia.
Woody Allen, Stardust Memories, 1980

Sono stato in analisi per anni, non è successo niente! Il mio povero analista ne fu così frustrato che alla fine trasformò lo studio in un self-service vegetariano!
Woody Allen, Hannah e le sue sorelle, 1986

La psicoanalisi è un mito tenuto in vita dall'industria dei divani. 
Woody Allen (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Qualche viaggio insieme su e giù nell'ascensore e la personalità viene fuori meglio che sul lettino di Freud. 
Dino Basili, Tagliar corto, 1987

Una straordinaria scoperta, la psicoanalisi: fa sentire complesse anche le persone più semplici. 
Samuel Nathaniel Behrman (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La forza della psicoanalisi non risiede nella gran quantità di teorie a disposizione dell'analista, ma al contrario nel fatto che questo possa far fronte ad ogni circostanza che possa verosimilmente presentarglisi servendosi di una quantità ridotta di teorie.
Wilfred Bion, Apprendere dall'esperienza, 1962

Psicoanalisi. Dietrologia che spiega i rimossi dell'analista assai più che del paziente.
Gesualdo Bufalino, Bluff di parole, 1994

La più dolorosa illusione del trattamento psicoanalitico è l’eterno prestare orecchio al paziente. Questi trascorre ore e ore a parlare, ma in verità non viene nemmeno ascoltato, se non per quello che già si sa prima che egli abbia aperto bocca. Avrebbe anche potuto rimanere muto ad ogni seduta. Se non fosse così, tutta la teoria della psicoanalisi si sarebbe già da molto tempo dissolta in niente. Infatti un solo uomo cui veramente si presti orecchio porta a pensieri completamente nuovi. L’impresa dello psicoanalista consiste perciò nella resistenza verso il suo paziente, il quale può dire quello che vuole; il risultato è già noto e anticipato come in una inscalfibile sentenza dell’oracolo. La posa dell’ascoltare non è altro che arroganza.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973

Freud diventerà interessante solo dopo che ci saremo completamente dimenticati di lui per un lungo tratto di tempo.
Elias Canetti, Un regno di matite, 1996

La psicologia del profondo si presta a interpretazioni fideistiche e acritiche, e ciò accade perché non si occupa semplicemente della sfera razionale dell’uomo ma soprattutto di una materia oscura quanto affascinante connessa alla profondità della psiche inconscia.
Aldo Carotenuto, La nostalgia della memoria, 1988

Nella psicologia del profondo è impossibile fare esperimenti e previsioni, dal momento che il numero delle variabili in gioco è inclassificabile e pertanto rende impossibile il controllo; la realtà psichica non è manipolabile ai fini dell’obiettività scientifica, proprio perché il fenomeno è inafferrabile nella sua totalità. Questo significa, ed è molto importante ribadirlo proprio in ambito psicoterapeutico, che nessun discorso sulla psiche potrà mai essere esaustivo.
Aldo Carotenuto, La nostalgia della memoria, 1988

Inutile e limitante parlare di "scienza" per descrivere ciò che la psicoanalisi è in realtà: molto più saggio e proficuo sarà adottare l’espressione "arte della relazione".
Aldo Carotenuto, La nostalgia della memoria, 1988

La psicoanalisi si pone dinanzi al paziente e dinanzi al problema con lo stesso atteggiamento che vede il pittore innanzi a una tela bianca. La disposizione d’animo! Ecco l’elemento che anzitutto dovrebbe caratterizzare "l’esperto dell’inconscio", affiancato e sostenuto – naturalmente – da una generosa qualità empatica.
Aldo Carotenuto, Breve storia della psicoanalisi, 1999

Da quando la psicoanalisi venne al mondo, nacque anche l’accanimento dei suoi detrattori ed è probabile che questa lotta non abbia mai fine proprio perché la materia del contendere non ha le basi solide dei fatti incontrovertibili.
Aldo Carotenuto, Breve storia della psicoanalisi, 1999

Nonostante il fatto che alcune prospettive teoriche [...] tendano a sventolare la bandiera della scientificità, bandiera che pretende di assumere i colori della "verificabilità" e della "inconfutabilità", la psicoanalisi continua a delinearsi come una singolare forma d’arte, mentre le suddette prospettive teoriche rivelano le loro lacune e soprattutto la loro ingenuità.
Aldo Carotenuto, Breve storia della psicoanalisi, 1999

La psicoanalisi "funziona" quando "funziona" la relazione analista-paziente.
ibidem

Per fortuna le dottrine psicoanalitiche non si considerano religioni – anche se all'interno delle rispettive ’associazioni’ non mancano i sagrestani e i Grandi Sacerdoti, i fondamentalisti e gli eterodossi, i tribunali dell’Inquisizione e le scomuniche – e nemmeno, per la verità, le Lotte per le Investiture; ma si tratta di fenomeni degenerativi.
Aldo Carotenuto, Breve storia della psicoanalisi, 1999

La psicoanalisi è una confessione senza assoluzione.
Gilbert Keith Chesterton (attribuito)

La psicoanalisi, tecnica che pratichiamo a nostre spese, degrada i nostri rischi, i nostri pericoli, i nostri abissi; essa ci spoglia di tutte le nostre impurità, di tutto ciò che ci faceva curiosi di noi stessi. 
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

Niente di più fruttuoso che conservare il proprio segreto. Vi travaglia, vi rode, vi "minaccia". Anche quando è rivolta a Dio, la confessione è un attentato contro noi stessi, contro le energie del nostro essere. Le turbe, le vergogne, le paure da cui le terapie religiose o profane vogliono liberarci, costituiscono un patrimonio di cui a nessun prezzo dovremmo lasciarci defraudare. Dobbiamo difenderci dai nostri guaritori, e, a costo di perirne, preservare i nostri mali e i nostri peccati. Il confessionale: violazione di coscienze perpetrata in nome del cielo. E cosa dire di quell'altra violazione che è l'analisi psicologica! Laicizzato, prostituito, il confessionale s'installerà presto agli angoli delle strade: tranne qualche criminale, tutti aspirano ad avere un'anima pubblica, un'anima-manifesto.
Emil Cioran, La tentazione di esistere, 1956

Psicoanalisi, terapia sadica, dedita ad acuire i nostri mali più che a lenirli, e singolarmente esperta nell'arte di sostituire, ai nostri malesseri ingenui, malesseri lambiccati.
Emil Cioran, La caduta nel tempo, 1964

La psicoanalisi gode di considerazione solo presso anglosassoni e scandinavi, i quali hanno la sfortuna di sapersi controllare, mentre desta scarsissima curiosità presso i popoli latini.
Emil Cioran, La caduta nel tempo, 1964

La psicanalisi sarà un giorno totalmente screditata, su questo non c'è dubbio. Eppure, avrà distrutto i nostri ultimi resti d'ingenuità. Dopo la psicanalisi, non si potrà mai più essere innocenti. 
Emil Cioran, Il funesto demiurgo, 1969

Il modo più semplice con cui mi spiego la ragione della terapia psicoanalitica è che si nasce in un modo, poi si viene spinti ad essere diversi, e dunque si spende la vita intera provando a sgarbugliare la matassa e finalmente riallinearsi con chi veramente siamo.
Billy Corgan, su Jim Stapleton, 1996

Preferirei di gran lunga rimanere nelle tenebre in cui si trova chi non è stato psicanalizzato.
Albert Einstein, in Alice Calaprice, Pensieri di un uomo curioso, 1996

Ciò che vi è di nuovo in queste teorie [freudiane] non è vero e ciò che vi è di vero non è nuovo.
Hans Eysenck, Studio sperimentale sulle teorie freudiane, 1973 (parafrasi di Hermann Ebbinghaus - vedi citazione)

La psicoanalisi non è una scienza: è tutt'al più un processo medico, forse anche più simile alla stregoneria.
Richard Feynman, Sei pezzi facili, 1994

La psicoanalisi è una pseudo-scienza inventata da un ebreo per convincere i protestanti a comportarsi come i cattolici.
Ennio Flaiano, Frasario essenziale per passare inosservati in società, 1969 (postumo, 1986)

Di fronte alla incompletezza dei risultati delle mie analisi, non ho avuto scelta: ho dovuto seguire l'esempio di quei ricercatori la cui massima soddisfazione consiste nel riportare alla luce del sole le inestimabili – anche se ormai mutili – vestigia delle antiche civiltà: così ogni volta ho cercato di recuperare ciò che era stato seppellito, servendomi dei modelli più convincenti che ho potuto ricavare dalle altre analisi, e, da buon archeologo, non ho mai trascurato di indicare con precisione in ogni singolo caso in che punto dell'opera le strutture non sono più quelle originali, e cominciano invece i miei restauri.
Sigmund Freud, Il caso di Dora, 1901 [1]

Psicoanalisi. Una professione di curatori laici di anime, i quali non hanno bisogno di essere medici, e non dovrebbero essere sacerdoti.
Sigmund Freud, Lettere tra Freud e il pastore Pfister, 1909/39

La psicoanalisi si impara innanzitutto su sé stessi, mediante lo studio della propria personalità.
Sigmund Freud, Introduzione alla psicoanalisi, 1915/32

In psicoanalisi le cose sono solite essere un po' più complicate di quel che vorremmo. Se fossero così semplici, non ci sarebbe forse stato bisogno della psicoanalisi per portarle alla luce.
Sigmund Freud, ibidem

La psicoanalisi sta alla psichiatria all’incirca come l’istologia all’anatomia: quest’ultima studia le forme esterne degli organi, l’altra la loro configurazione a partire dai tessuti e dalle particelle elementari. Una contraddizione tra queste due specie di indagine, di cui una è la prosecuzione dell’altra, è difficile da concepire.
Sigmund Freud, Introduzione alla psicoanalisi, 1915/32

Noi siamo abituati a identificare lo psichico con il cosciente. La coscienza è da noi ritenuta addirittura la caratteristica che definisce lo psichico, la psicologia la dottrina dei contenuti della coscienza. Anzi, questa equiparazione ci sembra talmente ovvia che crediamo di avvertire come un palese controsenso ogni sua contestazione; tuttavia la psicoanalisi non può fare a meno di sollevare questa contestazione, né può accettare l’identità di cosciente e psichico.
Sigmund Freud, Introduzione alla psicoanalisi, 1915/32

L’importanza da noi attribuita al fattore sessuale è divenuta il più forte motivo – confessato o inconfessato – dell’ostilità verso la psicoanalisi. Dobbiamo esserne turbati? No; ciò dimostra soltanto quanto nevrotica sia l’intera nostra civiltà, posto che i cosiddetti normali non si comportano in modo molto diverso dai nevrotici.
Sigmund Freud, Il problema dell’analisi condotta da non medici, 1926

L’analisi ha un andamento assai poco appariscente, non fa uso di strumenti o di medicine, consiste solo in una conversazione e in una richiesta di comunicazioni.
Sigmund Freud, ibidem

Noi non desideriamo affatto che la psicoanalisi venga inghiottita dalla medicina e finisca col trovar posto nei trattati di psichiatria, al capitolo terapia, fra quegli altri procedimenti – come la suggestione ipnotica, l’autosuggestione e la persuasione – che nati dalla nostra ignoranza debbono la loro effimera efficacia soltanto all’inerzia e alla debolezza delle masse umane. Essa merita un destino migliore, e io spero che lo avrà.
Sigmund Freud, Il problema dell’analisi condotta da non medici, 1926

In quanto “psicologia del profondo”, o dottrina dell’inconscio psichico, [la psicoanalisi] può divenire indispensabile per tutte le scienze che studiano la storia delle origini della civiltà umana e delle sue grandi istituzioni, come l’arte, la religione e l’organizzazione sociale.
Sigmund Freud, Il problema dell’analisi condotta da non medici, 1926

La psicoanalisi è un pezzo di psicologia, ma non di psicologia medica secondo la vecchia accezione, o di psicologia dei processi morbosi, bensì di psicologia tout court: essa non è certo l’intera psicologia, ma piuttosto la sua struttura essenziale, forse addirittura il suo fondamento.
Sigmund Freud, ibidem (poscritto del 1927)

La psicoanalisi è un metodo di ricerca, uno strumento imparziale, come il calcolo infinitesimale ad esempio.
Sigmund Freud, L’avvenire di un’illusione, 1927

La psicoanalisi ha scarse prospettive di diventare beneamata o popolare. A parte che parecchi suoi contenuti offendono i sentimenti di molte persone, quasi altrettanto disturbante è il fatto che la nostra scienza comprende alcune ipotesi – non si sa se annoverarle fra i presupposti o fra i risultati della nostra ricerca – che certamente appaiono quanto mai stravaganti per il normale modo di pensare della maggior parte delle persone, e si pongono in radicale contraddizione con la mentalità imperante. 
Sigmund Freud, Alcune lezioni elementari di psicoanalisi, 1938 (postumo e incompiuto)

Fin troppo sovente filosofia e letteratura si sono gingillate con l’inconscio, mentre la scienza non sapeva che farsene. La psicoanalisi si è impadronita di questo concetto, lo ha preso sul serio e gli ha dato un nuovo contenuto. Le sue ricerche hanno portato alla conoscenza di caratteri finora insospettati dell’inconscio psichico e alla scoperta di alcune delle leggi che lo governano.
Sigmund Freud, Alcune lezioni elementari di psicoanalisi, 1938 (postumo e incompiuto)

La psicoanalisi mi sembra una forma moderna dell'ateismo.
Julien Green (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Lo psicoanalista differisce da tutti gli altri medici per il fatto di non aver alcun contatto fisico col paziente, il che contrasta con l'estrema intimità sul piano verbale. [...] Per di più, l'analista partecipa al paziente ciò che sa e ciò che scopre molto più di qualsiasi altro medico, cosa che lo avvicina alla professione dell'insegnante.
Ralph Greenson, Tecnica e pratica psicoanalitica, 1967/72

Freud è il padre della psicoanalisi: essa non ha madre.
Germaine Greer, L'eunuco femmina, 1970

Fortunatamente l'analisi non è l'unico mezzo per risolvere i conflitti interiori. La vita stessa rimane ancora l'autentica efficace terapista.
Karen Horney, I nostri conflitti interni, 1945

Spietata scuola di egoismo, la psicanalisi sfrutta con agghiacciante cinismo le brave figliole un po' smarrite e le trasforma in ignobili bagasce dall'egocentrismo delirante, incapaci di suscitare altro che un legittimo disgusto. 
Michel Houellebecq, L'estensione del dominio della lotta, 1994

Mostratemi un uomo sano di mente e lo curerò per voi.
Carl Gustav Jung (attribuito)

La psicoanalisi smaschera il poeta al primo sguardo, a lei non la si fa e lei sa con assoluta precisione che cosa significa veramente il Corno Magico del Fanciullo. E sia. Ma ormai sarebbe ora che nascesse una scienza dell'anima che, quando uno parla di sesso, gli sveli che in realtà si riferisce all'arte. Per questa carrozza di ritorno della simbolica mi offro come guidatore! Ma sarei già contento se si riuscisse a provare a uno che parla di psicologia che il suo inconscio in realtà intendeva dire un'altra cosa.
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

Una certa psicoanalisi è il mestiere di lascivi razionalisti che riconducono a cause sessuali tutto quel che esiste al mondo, salvo il loro mestiere.
Karl Kraus, Pro domo et mundo, 1912

La psicoanalisi è quella malattia mentale di cui crede di essere la terapia.
Karl Kraus, Di notte, 1918

La psicoanalisi è un gesto di vendetta, per mezzo del quale l'inferiorità si dà un contegno, se non addirittura un'aria superiore.
Karl Kraus, Di notte, 1918

Psicoanalisi: un coniglio che viene inghiottito dal Boa constrictor voleva semplicemente indagare com'era fatto dentro.
Karl Kraus, Di notte, 1918

La psicoanalisi è più una passione che una scienza: perché le manca la mano ferma nelle sue indagini, anzi perché questo difetto costituisce già da solo l'unico requisito per fare psicoanalisi.
Karl Kraus, Di notte, 1918

Resta soltanto un'unica giustificazione dell'esistenza della psicoanalisi: che in mancanza di meglio può essere utilizzata per smascherare la psicoanalisi.
Karl Kraus, Di notte, 1918

La psicoanalisi è la messa in discussione dello psicoanalista.
Jacques Lacan, Scritti, 1966

Forse la psicanalisi è il miglior soggetto da trattare per mezzo della psicoanalisi stessa.
René Magritte (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

I due principali rischi della psicoanalisi: che può fallire, e che se ha successo, non riuscirai mai a perdonare te stesso per tutti gli anni sprecati.
Mignon McLaughlin, The Second Neurotic's Notebook, 1966

La psicoanalisi sembra confinata a essere un codice antiquato che fornisce lo svago catartico di un gioco, anziché una guida alla vita. 
Marshall McLuhan, Gli strumenti del Comunicare, 1964

Non è del tutto giusto dire che la psicoanalisi sia un dialogo tra due. Si potrebbe dire con maggiori giustificazioni che si tratta di un monologo tenuto alla presenza di un interprete.
Jacob Levi Moreno, Psicodramma, 1946/69 (introduzione)

Nella migliore delle ipotesi, la psicoanalisi affascina ma non guarisce.
Orval Hobart Mowrer (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il freudismo e la psicoanalisi riposano su una gigantesca affabulazione, a sua volta fondata su una serie di leggende. Freud disprezzava la filosofia e i filosofi, ma non fu che un filosofo, autore di una soggettiva psicologia letteraria.
Michel Onfray, Crepuscolo di un idolo, 2010

Personalmente non ho dubbi che molto di quanto essi [Freud e Adler] affermano ha una considerevole importanza, e potrà ben svolgere un suo ruolo, un giorno, in una scienza psicologica controllabile. Ma questo non significa che le "osservazioni cliniche", che gli analisti ingenuamente considerano come conferme delle loro teorie, di fatto confermino queste ultime più di quanto facessero le conferme quotidiane riscontrate dagli astrologi nella loro pratica. E, quanto all'epica freudiana dell'Io, del Super-Io e dell'Es, non si può avanzare nessuna pretesa ad un suo stato scientifico, più fondatamente di quanto lo si possa fare per l'insieme delle favole omeriche dell'Olimpo. Queste teorie descrivono alcuni fatti, ma alla maniera dei miti. Esse contengono delle suggestioni psicologiche assai interessanti, ma in una forma non suscettibile di controllo.
Karl Popper, Congetture e confutazioni, 1963

Gli psicoanalisti tendono a parlare delle cosiddette "osservazioni cliniche" presentandole come osservazioni che invariabilmente sostengono la teoria psicoanalitica. Senonché, tali osservazioni sono sempre interpretate: e lo sono in accordo con la teoria psicoanalitica stabilita. Ciò solleva la seguente domanda: è legittimo pretendere che le osservazioni confermino la teoria? O detto in altro modo: possiamo forse concepire un comportamento umano non interpretabile in termini psicoanalitici? Se la risposta a questa domanda è negativa, allora possiamo sostenere, prima di ogni osservazione, che ogni concepibile esame dei fatti risulterà interpretabile alla luce della teoria psicoanalitica e che perciò sembrerà confermarla. Il punto è che, se questo può essere affermato prima di ogni osservazione, allora il tipo di sostegno da questa assicurato non può essere considerato come genuinamente empirico o frutto di osservazioni.
Karl Popper, Il mito della cornice, 1994

La psicoanalisi può di principio spiegare ogni più insolito comportamento umano. Essa, pertanto, non è empiricamente falsificabile, non è controllabile. Con ciò non intendo dire che Freud non abbia visto molte cose correttamente. Quello che, però, io affermo è che la sua teoria non ha natura di scienza empirica: essa non è affatto controllabile.
Karl Popper, Tutta la vita è risolvere problemi, 1994

La psicoanalisi è anche uno strumento di mediazione molto sensibile e fragile, che permette all'artista psicoanalista un contatto con quello che viene velato. Psicoanalizzare, interpretare psicoanaliticamente acquista il significato di svelare, di portare alla luce, di mettere in evidenza ciò che è nascosto, il fenomeno negato o cancellato
Salomon Resnik, Dialogo tra uno psicoanalista e un filosofo, 1996

Seduta psicoanalitica. Un grembo materno migliorato.
Géza Róheim (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La psicoanalisi ha inculcato nei genitori della classe istruita il terrore del male che possono inconsciamente fare ai loro figli. Se li baciano, possono far nascere in loro un complesso di Edipo; se non li baciano, possono provocare una manifestazione di gelosia. Se ordinano al bambino di fare questa o quella cosa, possono far nascere in lui il senso della colpa; se no, i bambini prendono delle abitudini che i genitori giudicano indesiderabili. Quando vedono il bambino succhiarsi il pollice, ne traggono ogni sorta di spaventose deduzioni, ma non sanno assolutamente che fare per indurlo a smettere. La paternità, che un tempo era un trionfante esercizio del potere, è diventata timida, ansiosa e piena di scrupoli di coscienza.
Bertrand Russell, La conquista della felicità, 1930

Psicoanalisi: massaggio dell'anima.
Italo Tavolato, Frammenti, 1914

Gli affetti non si ammalano, non sono aggressibili. È solo il cervello, la sua chimica, la sua architettura che si alterano, si decompongono, e di conseguenza, generano i sintomi della follia. Illuminato questo è facile la conseguenza: la psicoanalisi non è una scienza. È soltanto una congettura, che tutti possono variare a loro arbitrio, capriccio e fantasia.
Mario Tobino, Gli ultimi giorni di Magliano, 1982

Freud trasformò in lettino l'inginocchiatoio del confessionale e lo rese più comodo. Credo che sia qui il grande beneficio della psicoanalisi. 
Anacleto Verrecchia, Rapsodia viennese, 2003

− Devo andare, non posso trattenermi.
− Che devi fare?
− Ho un caso interessantissimo: due gemelli siamesi che soffrono di doppia personalità.
− E allora?
− Sono pagato da otto persone.
Woody Allen, Zelig, 1983

La psicoanalisi è un mito tenuto vivo dall'industria dei divani. (Woody Allen)
Foto: Woody Allen, Io e Annie © United Artists, 1977
2. Psicoanalisti
© Aforismario

Ero molto depresso, in quel periodo. Intendevo uccidermi ma ero in analisi, e i freudiani sono molto severi al riguardo, ti fanno pagare le sedute che perdi.
Woody Allen, Monologhi 1964-1968, 1999

L'anno scorso, ebbi difficoltà col fisico. Volevo dedurre dal reddito imponibile la spesa per lo psicanalista, in quanto "cure mediche", ma all'Ufficio Imposte Dirette mi dissero che rientrava sotto la voce "divertimenti". Si arrivò a un compromesso, rubricandola come "contributi religiosi".
ibidem

Sono stato a lungo in analisi. Una terapia rigorosamente freudiana. Il mio analista è morto due anni fa e io non me ne sono mai reso conto.
Woody Allen, Monologhi 1964-1968, 1999

Se solo sapessi dove sarà andato in vacanza il mio analista! Ma dov'è che se ne vanno tutti quanti d'agosto? Ogni estate c'è l'esodo degli analisti e la gente rimasta in città impazzisce fino ai primi di settembre. Ma poi? Anche se lo rintracciassi? Quel che gli dico gli dico, lui mi dice che è un problema sessuale. Ma che cavolata! Come può trattarsi di un problema sessuale? Non facevamo più neanche l'amore. Be', una volta ogni tanto. Ma lei però guardava la TV.
Woody Allen, Provaci ancora, Sam, 1972

Cosa avrebbe detto Freud se fosse stato ancora vivo? Probabilmente avrebbe detto: «Però, sono un bel po' longevo!».
Alessandro Bergonzoni, Le balene restino sedute, 1989

«Perché non si uccide?» mi ha chiesto oggi il mio psicanalista. È un bravo medico. Paterno. Comprensivo. Ma da quando ha messo gli occhi su mia moglie, viene fuori sempre più spesso con queste proposte del cavolo.
Romano Bertola, Le caramelle del diavolo, 1991

Le teorie rappresentano il referente concettuale cui l'analista rapporta la sofferenza del paziente. Questa operazione, anche se non esplicitata nella comunicazione analitica, assume un valore di
contenimento rispetto alla perdita di senso che vive il paziente, rispetto al panico che assale nel momento in cui non si hanno punti di riferimento interni.
Aldo Carotenuto, La nostalgia della memoria, 1988

Che lo vogliamo o no, siamo tutti psicoanalisti, amanti dei misteri del cuore e della mutanda, palombari degli orrori. Guai allo spirito dagli abissi chiari! 
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

La stessa espressione "strizza cervelli" rivolta genericamente agli analisti è fuorviante ed equivoca, assolutamente inadeguata, ancora una volta un residuo di una concezione psichiatrica localistica, in quanto non viene strizzato nessun cervello, ma semmai, nell'analisi valorizzato l'individuo con il suo disagio emotivo, esistenziale, fisico e spirituale insieme.
Vittorio Craia, Le nevrosi caratteriali universali, 1999

Le pareti di una camera da letto borghese racchiudono, per lo psicoanalista, lo spazio di ogni possibile spiegazione.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Noi psicoanalisti non eliminiamo le cause determinanti delle nevrosi: ci limitiamo ad aiutare il paziente a trasformare meglio le frustrazioni nevrotiche in valide compensazioni.
Helene Deutsch (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il vero psicanalista delle donne è il loro parrucchiere.
Ennio Flaiano, Frasario essenziale per passare inosservati in società, 1969 (postumo, 1986)

La preparazione per un’attività analitica non è tanto facile e semplice, il lavoro è pesante e la responsabilità grave. Quegli però che si è sottoposto a questo apprendistato, che è stato egli stesso analizzato, che ha appreso la psicologia dell’inconscio o almeno quel tanto che fino a oggi se ne conosce, che si è messo al corrente con le cognizioni scientifiche sulla sessualità, che ha imparata la delicata tecnica analitica, l’arte dell’interpretazione, il modo di trattare le resistenze e di maneggiare la traslazione, quegli non è più un profano nel campo della psicoanalisi. Egli è divenuto capace di intraprendere il trattamento di disturbi nevrotici, e col tempo sarà in grado di realizzare tutto ciò che a questa terapia si può chiedere.
Sigmund Freud, Il problema dell’analisi condotta da non medici, 1926

Non credo che i nostri successi terapeutici possano competere con quelli di Lourdes; le persone che credono ai miracoli della Santa Vergine sono molto più numerose di quelle che credono all'esistenza dell'inconscio.
Sigmund Freud, Introduzione alla psicoanalisi, 1915/32

Un uomo che va dallo psicoanalista dovrebbe farsi curare il cervello.
Samuel Goldwyn (attribuita)

Con l'alibi della ricostruzione dell'io, in realtà gli psicanalisti procedono a una scandalosa demolizione dell'essere umano. Innocenza, generosità, purezza... tutto ciò viene rapidamente triturato dalle loro rozze mani. 
Michel Houellebecq, L'estensione del dominio della lotta, 1994

Gli psicanalisti, pinguemente remunerati, supponenti e stupidi, annientano definitivamente nei loro cosiddetti pazienti qualunque attitudine all'amore, sia mentale che fisico; in pratica si comportano da veri e propri nemici dell'umanità. 
Michel Houellebecq, L'estensione del dominio della lotta, 1994

In nessun caso bisogna accordare la minima fiducia a una donna che sia passata per le mani degli psicanalisti. Meschinità, egoismo, arrogante ottusità, completa assenza di senso morale, cronica incapacità di amare: ecco il ritratto esaustivo di una donna "analizzata". 
Michel Houellebecq, L'estensione del dominio della lotta, 1994

− Oh, vai dallo psicoanalista?
− Sì... da quindici anni soli.
− Da quindici anni?
− Sì. Gli concedo un altro anno, poi vado a Lourdes.
Diane Keaton e Woody Allen, in Io e Annie, 1977

I nuovi investigatori dell'anima dicono che qualsiasi cosa deve essere ricondotta a cause sessuali. Per esempio si potrebbe spiegare il loro metodo come erotismo del padre confessore.
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

A Lourdes si può guarire. Ma quale magia dovrebbe emanare uno specialista in malattie nervose?
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

I figli di genitori psicoanalisti avvizziscono precocemente. Da neonato deve ammettere di aver provato sensazioni voluttuose sul vaso. Dopo gli viene chiesto che cosa gli è venuto in mente una volta che, andando a scuola, ha visto un cavallo che defecava. Uno così può dirsi fortunato se riesce a raggiungere l'età in cui potrà confessare un sogno in cui stuprava sua madre.
Karl Kraus, Pro domo et mundo, 1912

I malati sono tanti. Ma solo pochi sanno che possono farsi delle illusioni in proposito. Sono gli psicoanalisti.
Karl Kraus, Di notte, 1918

Essere psicoanalista, è semplicemente aprire gli occhi a questa evidenza che non c'è niente di più pasticciato della realtà umana.
Jacques Lacan, Il seminario, 1953-1980

Nello psicoanalista c'è una strana mescolanza del fool e del prete, direi del vescovo e del ciarlatano. 
Giorgio Manganelli, Antologia privata, 1989

Meglio dallo psicanalista che dal confessore. Per questo è sempre colpa tua, per quello è sempre colpa degli altri. 
Marcello Marchesi, Il malloppo, 1971

Per gli psicoanalisti l'essenza di una persona non è ciò che pensa o ciò che fa, bensì ciò che sente.
Jeffrey Moussaieff Masson e Susan McCarthy, Quando gli elefanti piangono, 1995

I Freudiani hanno diviso la personalità in tre parti distinte (Io, Es e Super lo) per farsi pagare da tutti e tre.
Gianni Monduzzi, Orgasmo e pregiudizio, 1997

Il mio psicanalista m’ha detto che devo imparare a fare le mie brave rinunce: ho rinunciato subito allo psicanalista.
Gianni Monduzzi, Orgasmo e pregiudizio, 1997

Lo psicanalista è un uomo che per risolvere i propri problemi si finge capace di risolvere quelli altrui.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

Lo psicanalista sta allo psichiatra come l'astrologo all'astronomo, come l'alchimista al chimico.
ibidem

Quando si parla di psicoanalisi io personalmente non ho pregiudizi rispetto alla scuola di formazione dell’altro; esigo bensì, come minimo, che il mestiere psicoanalitico si fondi su una «sapienza» che richiede formazione precisa, continua e piuttosto lunga. Per uno che ha esperienza nel campo è relativamente facile giudicare, attraverso la contemplazione e l’ascolto dell’altro, se dietro la maschera professionale e personale ci sia una vera formazione o no.
Salomon Resnik, Dialogo tra uno psicoanalista e un filosofo, 1996

Ho rinunciato ad andare dal mio psicoanalista perché s'intrometteva troppo nella mia vita privata.
Tennesse Williams (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Per gli psicologi l'oblio nasconde sempre un segreto: questi analisti si rifiutano di affrontare il vuoto desolato. 
Marguerite Yourcenar, Archivi del nord, 1977

Psicoamaglia
3. Transfert / Traslazione
© Aforismario

Non è vero che la traslazione compaia durante il trattamento psicoanalitico in modo più intenso e irrefrenabile che fuori di esso. Negli istituti psichiatrici, in cui i malati nervosi non vengono trattati con l’analisi, si osservano le intensità più alte e le forme più vergognose di una traslazione che giunge all’asservimento, e che possiede inoltre la più inequivocabile coloritura erotica.
Sigmund Freud, Dinamica della traslazione, 1912

La traslazione nella cura analitica ci appare in primo luogo, sempre e soltanto, come l’arma più forte della resistenza, e da ciò possiamo trarre la conclusione che l’intensità e la perseveranza della traslazione siano effetto ed espressione della resistenza.
Sigmund Freud, ibidem

È innegabile che il controllo dei fenomeni di traslazione crea allo psicoanalista le maggiori difficoltà, ma non bisogna dimenticare che proprio essi ci rendono il servizio inestimabile di rendere attuali e manifesti gli impulsi amorosi, occulti e dimenticati, dei malati. Infatti, checché se ne dica, nessuno può essere battuto in absentia o in effigie.
Sigmund Freud, Dinamica della traslazione, 1912

Quando dobbiamo iniziare le comunicazioni all’analizzato? Quando è il momento di svelargli il significato recondito delle sue idee improvvise, di introdurlo ai presupposti e alle procedure tecniche dell’analisi? La risposta non può essere che una sola: Non prima che si sia instaurata nel paziente una efficace traslazione, un vero e proprio rapporto con il medico.
Sigmund Freud, Nuovi consigli sulla tecnica della psicoanalisi, 1913/14

Mi si dice che alcuni medici che esercitano l’analisi spesso preparano le pazienti al manifestarsi della traslazione amorosa o addirittura le invitano “a innamorarsi soltanto del medico, perché in tal modo l’analisi può procedere rapidamente”. Non riesco a immaginare una tecnica più balorda. Si toglie in tal modo al fenomeno il persuasivo carattere della spontaneità, e ci si crea da soli degli ostacoli che saranno poi difficili da superare.
Sigmund Freud, Nuovi consigli sulla tecnica della psicoanalisi, 1913/14

L’esperimento di lasciarsi andare a sentimenti di tenerezza nei confronti della paziente non è sempre esente da pericoli. Non sempre ci si domina al punto da non trovarsi improvvisamente, un momento o l’altro, oltre i limiti che ci si era prefissati. Penso perciò che non si debba abbandonare quella impassibilità a cui si è pervenuti trattenendo la controtraslazione.
Sigmund Freud, ibidem

Ci si guardi bene dal respingere la traslazione amorosa, dallo scacciarla, dal dissuaderne la paziente; e ci si astenga altrettanto fermamente dal ricambiarla in qualunque modo. Si tenga in pugno la traslazione amorosa, ma la si tratti come qualche cosa di irreale, come una situazione che deve verificarsi durante la cura e va fatta risalire alle sue cause inconsce, aiutando in tal modo a ricondurre alla coscienza e quindi al controllo della paziente gli elementi latenti della sua vita amorosa.
Sigmund Freud, Nuovi consigli sulla tecnica della psicoanalisi, 1913/14

Il transfert designa in generale la condizione emotiva che caratterizza la relazione del paziente nei confronti dell'analista, e in senso specifico il trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce proprie del paziente. Il transfert dell'analista sul paziente è comunemente denominato controtransfert.
Umberto Galimberti, Dizionario di psicologia, 1992

Note

  1. Sigmund Freud, Opere Complete, a cura di Cesare Musatti © 2013 Bollati Boringhieri.
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Psicoterapia e Psicoterapeuti - Psiche e Inconscio - Complesso di Edipo

Nessun commento: