2015-09-01

Conoscere Sé stessi e gli Altri - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta dei migliori aforismi e delle frasi più intense sulla conoscenza di sé stessi e degli altri, due aspetti strettamente legati tra loro perché, come si dice spesso, chi non conosce sé stesso non può arrivare a conoscere nemmeno gli altri. Come si vedrà leggendo le citazioni riportate di seguito, in epoca moderna l'antico precetto delfico: "Conosci te stesso" è stato ribadito più volte da maestri spirituali, filosofi e psicologi, ma non di rado è stato anche messo in discussione: è davvero utile per tutti conoscersi? e fino a che punto è possibile farlo? Se sei interessato a questo tipo si argomenti, nella sezione "Psicologia" del sito Aforismario trovi anche una raccolta di citazioni correlata a questa dedicata all'essere sé stessi, sulla scorta dell'ammonimento pindarico "Diventa quello che sei".
Chi conosce gli altri è sapiente, chi conosce sé stesso è illuminato. (Lao Tzu)
1. Conoscenza di sé e degli altri
© Aforismario

La conoscenza del prossimo ha questo di speciale: passa necessariamente attraverso la conoscenza di se stesso.
Italo Calvino, Palomar, 1983 

Quanto più capirai te stessa, tanto più comprenderai il mondo.
Paulo Coelho, Brida, 1990

Talvolta è più facile conoscere gli altri che noi stessi, e ciò perché l'uomo ha vizi, virtù, eroismi, viltà che si vedono meglio dal di fuori.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Mi dicono: "Se conoscessi te stesso conosceresti tutti gli uomini". Rispondo: "Solo cercando tutti gli uomini conoscerò me stesso".
Kahlil Gibran, Sabbia e spuma, 1926

Nessuno che non conosca sé stesso può conoscere l'altro.
Carl Gustav Jung, Civiltà in transizione, Scritti 1918-1939, 1974 (postumo)

Per conoscere se stessi è necessario conoscere gli altri.
Miyamoto Musashi, Il libro dei cinque anelli, 1642

Prendi coscienza di te stesso e riconoscerai i tuoi limiti; se riconoscerai i tuoi limiti sarai pronto ad accogliere gli altri per completarti ed arricchirti.
Michel Quoist, Riuscire (Réussir, 1960

Vuoi conoscerti, vedi la condotta degli altri; vuoi comprendere gli altri, guarda in cuor tuo.
Friedrich Schiller, Votivtafeln, 1796 

Solo conoscendomi, cioè conoscendo la mia interiorità, posso parlare all'interiorità dell'altro.
Susanna Tamaro, Cara Mathilda, 1997

È inutile saper leggere e scrivere, conoscere il sanscrito e l'intera letteratura, se non si conosce se stessi.
Tiziano Terzani, Un altro giro di giostra, Milano, 2004

Chi conosce gli altri è sapiente, chi conosce sé stesso è illuminato.
Lao Tzu, Tao Te Ching, ca. V sec. a.e.c.

Conoscere l'altro e sé stessi – cento battaglie senza rischi; non conoscere l'altro e conoscere sé stessi – a volte vittoria, a volte sconfitta; non conoscere l'altro né sé stessi – ogni battaglia è un rischio certo.
Sun Tzu, L'arte della guerra, ca. V sec. a.e.c.

Conosci il nemico come conosci te stesso. Se fari così, anche in mezzo a cento battaglie non ti troverai mai in pericolo.
ibidem

Per conoscere qualcosa di sé bisogna conoscere tutto degli altri.
Oscar Wilde, Il critico come artista, 1889

Γνῶθι σεαυτόν - Know thyself - Conosci te stesso
2. Conosci te stesso
© Aforismario

Conosci te stesso. 
Anonimo, VII sec. a.e.c. (antica iscrizione sull'architrave del tempio di Apollo a Delfi; attribuita a Socrate e altri - vedi "Citazioni errate" su Aforismario)

"Conosci te stesso," dice il filosofo. Fossi matto!
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987

Nulla mi sembra più falso della massima socratica: "Conosci te stesso". La vera via verso la conoscenza dovrebbe essere piuttosto: "Dimentica te stesso".
Paul Claudel, Memorie improvvisate, 1954

Il «conosci te stesso» della filosofia greca è una grande stupidaggine. Mai conosceremo né noi né altri.
Anatole France, Il giardino di Epicuro, 1895

"Conosci te stesso." Ma ne vale poi la pena?
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

"Conosci te stesso": mai sentenza è stata più difficile da eseguire. Quanto a conoscere gli altri, nessun oracolo prova nemmeno a suggerirtelo.
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

Conosci te stesso. Massima tanto perniciosa quanto brutta. Chiunque si osservi arresta il proprio sviluppo. Il bruco che cercasse di "conoscersi bene" non diventerebbe mai farfalla.
André Gide, I nuovi nutrimenti, 1935

Se prendiamo il detto significativo: Conosci te stesso, non dobbiamo interpretarlo in senso ascetico. Con esso non s'intende affatto l'autognosi dei nostri ipocondriaci, umoristi e eautontimorumeni  [3] moderni; bensì esso significa molto semplicemente: fa' in qualche modo attenzione a te stesso, prendi coscienza di te stesso, in maniera da renderti conto del rapporto in cui vieni a trovarti coi tuoi simili e col mondo. A ciò non si richiedono affatto tormenti psicologici; ogni uomo sano sa e sperimenta ciò che il detto effettivamente significa: è un buon consiglio, che può essere in pratica di grandissimo vantaggio per tutti.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Conosci te stesso (e non rompere il cazz* a me).
Corrado Guzzanti, Millenovecentonovantadieci, 2008

Conosci te stesso? Potrai rispondere di sì senza paura di sbagliare quando scoprirai in te stesso più difetti di quanti ne vedano gli altri.
Friedrich Hebbel, Diario, 1835/63

Il paganesimo diceva: conosci te stesso. Il Cristianesimo dice: no, questo non è che il preambolo. Conosci te stesso - e poi guàrdati nello specchio della Parola per conoscerti veramente. Non c'è alcuna vera conoscenza di se stesso, senza la conoscenza di Dio. Specchiarsi qui è stare davanti a Dio.
Søren Kierkegaard, Diario, 1834/55 (postumo 1909/49)

Coloro che nascondono qualcosa di sé a se stessi e coloro che a se stessi si nascondono come tutto, sono uguali in ciò, che commettono un furto nella camera del tesoro della conoscenza: dal che risulta contro quale reato ci metta in guardia il detto: «conosci te stesso».
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

«Conosci te stesso» è tutta la scienza. Solo alla fine della conoscenza di tutte le cose, l'uomo avrà conosciuto sé stesso. Le cose infatti sono soltanto i limiti dell'uomo.
Friedrich Nietzsche, Aurora, 1881

Quanti sono gli uomini che sono capaci d'osservare? E, tra i pochi che ne sono capaci, quanti sono coloro che osservano se medesimi? «Ognuno è a se stesso il più lontano», questo sanno, non senza disagio, quelli che scrutano i visceri: e la massima «conosci te stesso», in bocca a un dio e indirizzata a degli uomini, è quasi una malvagità.
Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, 1882

Una cosa, quando è spiegata, cessa di interessarci. Cosa intendeva quel dio che suggerì: "Conosci te stesso!". Voleva forse dire: "Cessa di interessarti a te stesso! Diventa obiettivo!".
Friedrich Nietzsche, Al di là del bene e del male, 1886

Ogni religione dice: "Conosci te stesso! ". Ma come puoi conoscere veramente te stesso? In questo caso chi sarà colui che conosce e chi sarà colui che viene conosciuto? La conoscenza infatti implica una divisione. Io posso conoscere te, tu puoi conoscere me, ma come puoi conoscere te stesso? E se cerchi di conoscere, ciò che conoscerai non sarà te stesso. L’autoconoscenza è impossibile. Ma perché è sempre stato detto: "Conosci te stesso?". E’ stato detto perché solo attraverso lo sforzo di conoscere se stessi si arriva alla dimensione dell’inconoscibile.
Osho, Discorsi, 1953/90

Nessuno si è mai conosciuto, nessuno mai si conoscerà. E tutti coloro che hanno conosciuto lo sapevano: ciò che è vasto, immenso, il Supremo, rimane inconoscibile. Si insiste: conosci te stesso! Anch'io insisto: conosci te stesso! − solo per portarti a un punto da cui improvvisamente diventi consapevole che questa è la porta dell’inconoscibile. Solo facendo degli sforzi per conoscere te stesso, arriverai a conoscere l’inconoscibile.
ibidem

Conoscersi significa errare e l’oracolo che ha detto "Conosci te stesso" ha proposto un compito più grave delle fatiche di Ercole e un enigma più oscuro di quello della Sfinge.
Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine, 1982 (postumo)

Conosci te stesso, non presumere d'investigare Dio; l'uomo è lo studio più adatto all'umanità.
Alexander Pope, Saggio sull'Uomo, 1734

Diciamo ai confusi, Conosci te stesso, come se conoscere se stessi non fosse la quinta e più difficile delle operazioni aritmetiche umane.
José Saramago, La caverna, 2001

La conoscenza di sé stessi è il fondamento di tutte le virtù, così come l’ignoranza di se stessi è l’origine di tutti i vizi.
Étienne-François de Vernage, Nuove riflessioni, 1690

"Conosci te stesso" è un ottimo precetto, ma sta soltanto a Dio il metterlo in pratica: chi altri se non Lui può conoscere la propria essenza?
Voltaire, Dizionario filosofico, 1764

«Conosci te stesso!» era scritto sul portale del mondo antico. Sul portale del mondo nuovo dovrà essere scritto: «Sii te stesso».
Oscar Wilde, L'anima dell'uomo sotto il socialismo, 1891

La vera vocazione di ognuno è una sola: conoscere sé stessi. (Hermann Hesse)
3. Conoscere sé stessi
© Aforismario

Chi si conosce bene, fa poco conto di sé stesso né si compiace della lode altrui.
Anonimo, Imitazione di Cristo (attribuito a Tommaso da Kempis e altri), XV sec.

Il tuo compito è quello di scoprire il tuo mondo e poi darti a esso con tutto il cuore.
Anonimo (attribuito a Buddha)

Gli uomini vanno ad ammirare le vette dei monti, le onde enormi del mare, le correnti amplissime dei fiumi, la circonferenza dell'Oceano, le orbite degli astri, mentre trascurano sé stessi.
Agostino d'Ippona, Confessioni, 397-400

Conoscere sé stessi è il principio di ogni sapienza.
Aristotele (attribuzione incerta - fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Ascoltare il proprio cuore non è semplice. Scoprire chi sei non è semplice. Ci vogliono tanto lavoro duro e coraggio per arrivare a conoscere chi sei e che cosa vuoi.
Sue Bender, cit in Linda Georgian, How to Attract Your Ideal Mate, 1999

Sono effettivamente ciò che gli altri dicono di me? Oppure sono solamente ciò che io conosco di me stesso?
Dietrich Bonhoeffer, XX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Porto in me un individuo irrivelato. Mi conosce, ma non so niente di lui, eccetto che la mia persona è la sua ombra con i suoi appetiti inconfessabili e il suo bisogno di segreto.
Joë Bousquet, XX sec. [1]

Scavando ben a fondo nella nostra personalità, rischiamo d'imbatterci in uno sconosciuto.
Michelangelo Cammarata, Fiele di zagara, 2006 [2]

Scopri chi sei e segui te stesso.
Landon Rolands Carter (Shane West), in I passi dell'amore - A Walk to Remember, 2002

Senza quel minimo di cultura che ci fa conoscere noi stessi, vivremmo tutta la vita con uno sconosciuto.
Pino Caruso, Ho dei pensieri che non condivido, 2009

Si può conoscere il cosmo, ma non il proprio ego; il proprio io è più distante di ogni altra stella.
Gilbert Keith Chesterton, Ortodossia, 1908

La conoscenza di sé si paga sempre troppo cara. Come d'altronde la conoscenza in genere.
Emil Cioran, La caduta nel tempo, 1964

Chi non è mai solo, non può veramente conoscere se stesso.
Paulo Coelho, Il manoscritto ritrovato ad Accra, 2012

Nessuno che conosca se stesso si può assolvere.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

La conoscenza di sé è una nascita alla propria luce, al proprio sole. L'uomo che conosce sé stesso è un uomo vivo.
Marie-Madeleine Davy, La conoscenza di sé,1960

A ogni uomo è concesso conoscere sé stesso ed essere saggio.
Eraclito, Frammenti, VI-V sec. a.e.c.

Ho indagato me stesso.
ibidem

Conoscere se stesso. Dopodiché diventa impossibile vivere insieme con se stesso.
Ennio Flaiano, Autobiografia del blu di Prussia, 1974

Ci sono tre cose davvero dure: l'acciaio, il diamante e conoscere sé stessi.
Benjamin Franklin, Almanacco del Povero Riccardo, 1732/58

Potremmo fare tutti i tentativi che vogliamo, ma non riusciremo mai a conoscere appieno noi stessi, specialmente la nostra parte peggiore. Ciò può accadere soltanto se non siamo arrabbiati con i nostri critici, ma accettiamo senza offenderci qualsiasi loro affermazione.
Mahatma Gandhi [1]

L'uomo non ama riflettere non solo per pigrizia, ma anche per paura di conoscersi meglio,
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

L'uomo è condannato a conoscersi poco e male.
ibidem

L'uomo si conosce poco perché, in fondo, ha paura di conoscersi meglio.
ibidem

L'uomo, per conoscersi, deve guardarsi dentro. Alla donna basta farsi guardare.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

L'uomo preferisce più amarsi che conoscersi.
ibidem

Niente, più della vanità, impedisce all'uomo di conoscersi.
ibidem

Per sentire e conoscere quel che abbiamo dentro, dobbiamo soffrire. Senza dolore la vita sarebbe stupida, anche se troppo dolore può renderla insopportabile.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Più conosciamo noi stessi, più conosciamo Dio.
ibidem

Solo quando gli dicono: "Per te, è finita", l'uomo può finalmente capire chi è, imparare veramente a conoscersi.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Sorridere di se stessi aiuta a conoscersi meglio.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Colui che conosce tutto, ma ignora se stesso, è privo di ogni cosa.
Gesù di Nazaret, in Vangelo secondo Tommaso, I-II sec.

Conoscete quale sia il vostro vero valore, e non vi perderete.
Kahlil Gibran, La voce del maestro, 1963 (postumo)

Come si può conoscere sé stessi? Con la contemplazione mai, sì però con l'agire. Cerca di fare il tuo dovere e saprai subito che cosa hai dentro.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

L'uomo non può conoscere certe sue qualità se non conversando con gli uomini; non ne può conoscere certe altre se non in solitudine.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

Il viaggio più lungo è il viaggio interiore.
Dag Hammarskjöld, Tracce di cammino, 1963 (postumo)

Ciò che ci sta alle spalle e ciò che ci sta di fronte, sono ben poca cosa rispetto a ciò che è dentro di noi.
Henry Stanley Haskins, Meditazioni a Wall Street, 1940 (attribuito erroneamente a Ralph Waldo Emerson e altri)

La vera vocazione di ognuno è una sola, quella di conoscere sé stessi.
Hermann Hesse, Demian, 1919

Per gli uomini non esiste nessunissimo dovere, tranne uno: cercare sé stessi, consolidarsi in sé, procedere a tentativi per la propria via ovunque essa conduca. 
Hermann Hesse, Demian, 1919

Noi possiamo reciprocamente intenderci, ma quanto a interpretarci, ciascuno lo può solo per sé stesso. 
Hermann Hesse, Demian, 1919

La vita di ogni uomo è una via verso sé stesso, il tentativo di una via, l'accenno di un sentiero.  
Hermann Hesse, Demian, 1919

È dalle piccole cose che conosciamo noi stessi. 
Oliver Wendell Holmes (senior), L'autocrate della prima colazione, 1858

Sappiamo chi siamo solo quando sappiamo chi non siamo e spesso solo quando sappiamo contro chi siamo.
Samuel Huntington, Lo scontro delle civiltà e il nuovo ordine mondiale, 1996

Si fa di tutto, anche le cose più strane, pur di sfuggire alla propria anima.
Carl Gustav Jung, Psicologia e alchimia, 1944

La vostra visione apparirà più chiara soltanto quando guarderete nel vostro cuore. Chi guarda l'esterno, sogna. Chi guarda all'interno, si sveglia.
Carl Gustav Jung, Lettere, 1973 (postumo)

In ognuno di noi vi è un altro che noi non conosciamo e che ci parla attraverso il sogno, comunicandoci come "egli" ci veda diversamente da come ci vediamo "noi".
Carl Gustav Jung, Civiltà in transizione, Scritti 1918-1939, 1974 (postumo)

Tutto ciò che ci irrita negli altri può portarci a capire noi stessi.
Carl Gustav Jung, XX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Conosci te stesso non significa: Ossèrvati. Ossèrvati è la parola del serpente. Significa: Fàtti padrone delle tue azioni. Ma tu lo sei già, sei padrone delle tue azioni. Questa frase, pertanto, significa: Ignòrati! Distruggiti! Dunque una cosa cattiva. E solo chi si china profondamente ne ode anche il messaggio buono, che dice: "Per fare di te stesso quello che sei".
Franz Kafka, Quaderni in ottavo, 1916/18

La via più breve per giungere a se stessi gira intorno al mondo.
Hermann Graf Keyserling, XX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Le occasioni ci rivelano agli altri e ancor più a noi stessi.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

– Chi conosce chi? Tu conosci te stessa?
– Non del tutto, ma a volte mi sembra di conoscermi bene. Poi all'improvviso capita qualcosa, ti guardi da fuori e pensi: «Sei tu o non sei tu?». Ti succede mai?
– Di continuo.
Kirill Lavrov e Inna Gulaya, in Lunga felice vita, 1966

La conoscenza di sé è la strada verso la libertà.
Bruce Lee, Pensieri che colpiscono, 2000 (postumo)

Se tu stesso non conosci la tua identità, chi potrà fartela conoscere? Gli altri possono darti un nome o un numero, ma non potranno mai dirti chi sei veramente. Questo è qualcosa che puoi scoprire solo dentro te stesso.
Thomas Merton, Nessun uomo è un'isola, 1955

Pregiudizio io chiamo non già il fatto di ignorare certe cose, ma di ignorare se stessi.
Montesquieu, Lo spirito delle leggi, 1748 (prefazione*

Nel corso della vita, a poco a poco, scopriamo chi siamo veramente. E man mano che ci scopriamo, ci perdiamo.
Haruki Murakami, L'incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio, 2013

Ciò che sappiamo di noi stessi e che conserviamo nella memoria, non è così decisivo come si crede per la felicità della nostra vita. Un bel giorno ci piomba addosso quel che gli altri sanno di noi (o credono di sapere) – e allora ci rendiamo conto che è la cosa più importante. Per noi è più facile sbrigarcela con la cattiva coscienza che con la cattiva reputazione.
Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, 1882

Ciò che uno ha è, proprio per chi lo ha, molto ben nascosto; e tra tutte le miniere la propria è quella che viene scavata per ultima.
Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85

Andare sulla luna non è poi così lontano. Il viaggio più lontano è quello dentro noi stessi.
Anaïs Nin, Diario, 1966

L'erotismo è una delle basi di conoscenza di sé, tanto indispensabile quanto la poesia.
Anaïs Nin, Essere donna e altri saggi, 1977

Bisogna conoscere il proprio segreto.
Swami Nithyananda, XXI sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Conoscere sé stessi non significa sedere in silenzio ripetendo internamente: io sono Brahma, io sono l'anima, io sono Dio, io sono questo o quest'altro, tutte sciocchezze. Conoscere sé stessi significa conoscere tutti i propri aspetti, tutte le proprie potenzialità: l'assassino, il peccatore, il criminale, il santo, la virtù, il dio, il diavolo; conoscere tutti gli aspetti, l'intera gamma delle possibilità.
Osho, Discorsi, 1953/90

Conoscere sé stessi dovrebbe essere lo scopo principale di ogni persona intelligente, altrimenti si può arrivare a conoscere il mondo intero ma restare ignoranti rispetto a sé stessi.
Osho, Discorsi, 1953/90

Bisogna conoscere sé stessi. Anche se questo non servisse a trovare la verità, servirebbe a regolare la propria vita, e non c'è nulla di più giusto.
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

Che cosa non sonnecchia sotto la scorza di noialtri. Bisognerebbe avere il coraggio di svegliarsi e trovare se stessi. O almeno parlarne. Si parla troppo poco a questo mondo.
Cesare Pavese, La spiaggia, 1942

L’anima umana è un abisso scuro e vischioso, un pozzo che non si usa nel mondo superficiale. Nessuno amerebbe se stesso se si conoscesse, e così, se non ci fosse la vanità, che è il sangue della vita spirituale, moriremmo di anemia nell'anima.
Cesare Pavese, La spiaggia, 1942

Ciò che conosciamo di noi è [...] solamente una parte, e forse piccolissima, di ciò che siamo a nostra insaputa.
Luigi Pirandello, L'avemaria di Bobbio, Novelle per un anno, 1922/37

Possiamo vedere e conoscere soltanto ciò che di noi è morto. Conoscersi è morire.
Luigi Pirandello, La carriola, in Novelle per un anno, 1922

Mi fissai [...] in questo proposito disperato: d’andare inseguendo quell'estraneo ch’era in me e che mi sfuggiva; che non potevo fermare davanti a uno specchio perché subito diventava me quale io mi conoscevo; quell'uno che viveva per gli altri e che io non potevo conoscere; che gli altri vedevano vivere e io no. Lo volevo vedere e conoscere anch'io così come gli altri lo vedevano e conoscevano.
Luigi Pirandello, Uno, nessuno e centomila, 1925

Di ciò che posso essere io per me, non solo non potete saper nulla voi, ma nulla neppure io stesso.
ibidem

Non mi conoscevo affatto, non avevo per me alcuna realtà mia propria, ero in uno stato come di illusione continua, quasi fluido, malleabile; mi conoscevano gli altri, ciascuno a suo modo, secondo la realtà che m'avevano data.
Luigi Pirandello, Uno, nessuno e centomila, 1925

Difficile indagare su sé stessi: implica prendersi responsabilità, mettersi in discussione, studiare e studiarsi. È davvero molto meno complicato attribuire le eventuali mancanze a qualche divinità astratta.
Vera Q, Io sono morto, 2013

A conoscersi troppo bene, si finisce per non conoscersi più.
Charles Régismanset, Nuove contraddizioni, 1939

La felicità sta nel conoscere i propri limiti e nell'amarli.
Romain Rolland, Gian Cristoforo, 1904/12 

Colui che conosce sé stesso è il solo padrone di sé / e, senza possedere un regno, è veramente un re.
Pierre de Ronsard, Istituzione per l'adolescenza del cristianissimo re Carlo IX, 1562

La miglior conoscenza che possiamo acquisire è quella di noi stessi.
François des Rues, Le margherite francesi, 1598

O uomo! Viaggia da te stesso in te stesso.
Gialal al-Din Rumi, XIII sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Se non esci da te stesso, non puoi sapere chi sei.
José Saramago, Il racconto dell'isola sconosciuta, 1997

Nessuno si conosce, fin quando è soltanto sé stesso e non è insieme un altro.
Wilhelm August von Schlegel, XIX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La conoscenza di sé non rappresenta quasi mai il primo passo verso un miglioramento, ma spesso l'ultimo verso il narcisismo.
Arthur Schnitzler, Il libro dei motti e delle riflessioni, 1927

Gli amici si dicono sinceri, ma in realtà sinceri sono i nemici. Si dovrebbe quindi utilizzare il biasimo di questi ultimi, come una medicina amara, per conoscere sé stessi.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Se uno conosce troppo sé stesso, smette di salutarsi.
Ramón Gómez de la Serna, Greguerías, 1917/55

È dalle situazioni più difficili che si impara a conoscere maggiormente sé stessi.
Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

Un limite invalicabile alla conoscenza di sé è quello di non potersi mai vedere con altri occhi che non siano i propri, il non poter mai essere, cioè, altri da sé stessi.
Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

Crede in sé stesso, non conoscendosi.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Quando ascolto qualcuno raccontare di aver affrontato lunghi e faticosi viaggi per andare alla “ricerca di sé stesso, quel che mi chiedo – e che mi verrebbe da chiedergli – non è tanto se alla fine sia riuscito a trovarsi, ma, piuttosto, se sia valsa la pena di fare cosí tanta strada per cosí poco.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

La salute non analizza se stessa e neppure si guarda allo specchio. Solo noi malati sappiamo qualche cosa di noi stessi.
Italo Svevo, La coscienza di Zeno, 1923

Gli eventi e gli incontri non sono zavorre o vicoli di cui non si conosce l'uscita, ma piuttosto specchi – piccoli, grandi, convessi, concavi, ondulati, deformanti, scheggianti, oscurati – capaci comunque, con il loro riflesso, di farci conoscere una parte ancora ignota di noi stessi.
Susanna Tamaro, Ascolta la mia voce, 2006

Solo quando ci siamo perduti - in altre parole, solo quando abbiamo perduto il mondo - cominciamo a trovare noi stessi, e a capire dove siamo, e l'infinita ampiezza delle nostre relazioni.
Henry David Thoreau, Walden o Vita nei boschi, 1854

Conoscere se stessi significa non riconoscersi.
Anacleto Verrecchia, Rapsodia viennese,2003

Il vero sciocco, colui che gli dèi deridono e distruggono, è colui che non conosce sé stesso.
Oscar Wilde, De Profundis, 1905/59 (postumo)

Non perdere mai di vista questa importante verità, che nessuno può essere veramente grande fin quando non ha maturato la conoscenza di sé stesso, conoscenza che può essere acquisita soltanto nei momenti di solitudine.
Johann Georg Zimmermann, La solitudine, 1756/84

Saper nuotare e andare a cavallo è bene, ma conoscere se stessi è meglio.
Proverbio africano
Sono l'unica persona al mondo che vorrei conoscere a fondo. (Oscar Wilde)
4. Conoscere gli altri
© Aforismario

L'unico metodo infallibile per conoscere il prossimo è giudicarlo dalle apparenze.
Antonio Amurri, Qui lo dico e qui lo nego, 1990 

Perché due si conoscano a fondo è necessario siano sé stessi, ma di solito non si è sé stessi fino a quando non ci si conosce a fondo.
Vannuccio Barbaro, Scartafacci (postumo, 2012)

L'unico modo per conoscere una persona è amarla senza speranza.
Walter Benjamin (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

È più facile amare gli altri che sé. Degli altri si conosce il meglio, l'antologia...
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987

È veramente arguto che in moltissime lingue antiche conoscere una donna significhi «andare a letto con lei»: come se la donna non potesse esser conosciuta altrimenti! Se i patriarchi hanno fatto una simile scoperta, vuol dire che erano ben più progrediti di quanto si crede.
Nicolas de Chamfort, Massime e pensieri, 1795/1953 (postumo)

Non è grave se gli altri non ti conoscono, è grave se tu non conosci gli altri.
Confucio, Dialoghi, ca. 479/221 a.e.c. (postumo)

Se avete in animo di conoscere un uomo, allora non dovete far attenzione al modo in cui sta in silenzio, o parla, o piange; nemmeno se è animato da idee elevate. Nulla di tutto ciò! – Guardate piuttosto come ride. 
Fëdor Dostoevskij, Memorie dalla casa dei morti, 1861

Per amarsi a lungo bisogna conoscersi poco.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Ci si sposa o quando ci si conosce bene o quando non ci si conosce affatto.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Dio ha fatto gli uomini diversi fra loro perché potessero meglio conoscersi.
ibidem

Ho conosciuto molti uomini, ma credo di non aver mai conosciuto un Uomo.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Per conoscere a fondo una donna, bisogna averne conosciute superficialmente tante.
ibidem

Volete conoscere una donna? Guardatela, studia tela, ma non interrogatela.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Ci accade coi libri come con le nuove conoscenze. In un primo tempo siamo tutti contenti di trovare in generale consenso, di sentirei amichevolmente compresi in qualche lato principale della nostra esistenza; ma poi, a mano a mano che la conoscenza progredisce, si manifestano anche le differenze. Allora la cosa essenziale di un comportamento ragionevole è di non ritrarsi subito spaventati, come avviene talvolta in gioventù, bensì di tener ben saldi i punti di concordanza e di chiarirsi perfettamente le differenze; senza per ciò volersi mettere d'accordo.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Puoi conoscere il cuore di un uomo già dal modo in cui egli tratta le bestie. 
Immanuel Kant (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

È più facile conoscere l'uomo in generale che conoscere un uomo in particolare.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Come si può conoscere l'amico certo? Nelle cose incerte. 
Ortensio Lando, Quattro libri de' dubbi con le soluzioni a ciascun dubbio accomodate, 1552

Mancando altri mezzi, non si può conoscere meglio il carattere di un uomo che nel momento in cui prende a male uno scherzo.
Georg Lichtenberg, Aforismi, 1766/99 (postumo 1902/08)

Sentirsi spinti a conoscere qualcuno fino a penetrare tutti i suoi segreti, con tutte le conseguenze che ne deriveranno: ecco quello che si è soliti chiamare, con un termine fiacco e generico, amore. La conoscenza, quando è totale, non è mai un idillio.
Sándor Márai, Confessioni di un borghese, 1934

Nella Bibbia l'uomo e la donna «si conoscono» quando una vita sigilla l'altra con le parole e i gesti dell'amore. E questa «conoscenza» è il massimo che un essere umano possa dare a un altro essere umano.
Sándor Márai, La sorella, 1946

Attraverso l'esperienza si potrà forse pervenire alla conoscenza degli uomini, mai del singolo individuo.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

L'inconveniente è che per conoscere gli uomini occorre frequentarli.
ibidem

Se esistessero lenti e microscopi anche per sentimenti e pensieri, quale immenso progresso per la conoscenza dell'uomo.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

Gli uomini invidiosi dal fiuto più sottile cercano di non conoscere con maggior precisione il loro rivale per potersi sentire superiori a lui.
Friedrich Nietzsche, Aurora, 1881

Se vuoi conoscere la vera natura di un uomo, devi dargli un grande potere. 
Pittaco, VII-VI sec. a.e.c.

Fare l'amore con una donna è esplorare un'intimità personale totale. Non c'è esperienza al mondo comparabile, per conoscere una persona.
Tiziano Scarpa, Kamikaze d'Occidente, 2003

Il fascino di certe donne sta tutto nel non conoscerle.
Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

Tutti lo consideravano un mediocre, ma conoscendolo di persona ci si rendeva subito conto di quanto fosse sopravvalutato.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Può la complessità di un essere umano giungere a conoscere la complessità di un altro essere umano?
Susanna Tamaro, Ascolta la mia voce, 2006

Una conoscenza che inizia con un complimento diverrà di sicuro una vera amicizia. Comincia nel modo giusto.
Oscar Wilde, Un marito ideale, 1895

Sono l'unica persona al mondo che vorrei conoscere a fondo.
Oscar Wilde (in conversazione)

Proverbi sul conoscere sé stessi e gli altri
  • Chi conosce sé stesso conosce molto.
  • Chi conosce sé stesso non disprezza gli altri.
  • Chi misura sé stesso, misura tutto il mondo.
  • Chi non conosce sé stesso, non sa quello che vale e si dà a buon mercato.
  • Ciascuno è noto a sé stesso più che ad altrui.
  • Conoscere sé stesso è la prima delle scienze.
  • È dotto chi ha imparato a conoscere sé stesso.
  • Impara quello che sei e quello che diverrai.
  • L'arte più difficile è quella di conoscere sé stesso.
  • Molti san tutto, ma di sé stessi nulla.
  • Se ciascuno conoscesse sé stesso, nessuno si farebbe beffe dell'altro.
Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. Alcuni siti di aforismi attribuiscono questa citazione di Michelangelo Cammarata a Michelangelo Buonarroti [sic!].
  3. Eautontimorumeni: punitori di sé stessi (cfr. cit. di Goethe).
  4. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Essere sé stessi - Noi e gli Altri

Nessun commento: