2015-09-15

Disoccupazione, Licenziamento e Precariato - Frasi e citazioni

Raccolta di aforismi e battute umoristiche (per sdrammatizzare un po') sulla disoccupazione, il licenziamento, il precariato, la mancanza e la ricerca di un'occupazione. Nella sezione "Economia" del menu a destra, trovi una grande raccolta di citazioni correlata a questa dedicata al lavoro.
Per uccidere un uomo, non serve togliergli la vita, basta togliergli il lavoro. (Enzo Biagi)
1. Disoccupazione
© Aforismario

I giovani sono una risorsa della società, la sua energia creativa potenziale. Ed è una rovina ritardarne tanto l'ingresso nel mondo del lavoro.
Francesco Alberoni, Abbiate coraggio, 1998

Con la crescita zero il Paese invecchia. Tra un po’ avremo un pensionato a carico di ogni disoccupato.
Altan

− Disoccupazione giovanile in aumento, onorevole.
− Ma dio bono, non invecchiano mai?
Altan

Dati Istat sul lavoro: l'Italia conta due milioni di disoccupati. E non ha ancora finito.
Stefano Andreoli e Alessandro Bonino (a cura di), Spinoza. Un libro serissimo, 2010

Secondo fonti Istat la disoccupazione in Italia è stabile. Sul divano.
Stefano Andreoli e Alessandro Bonino (a cura di), Spinoza. Una risata vi disseppellirà, 2011

Italia: record di giovani disoccupati. Siamo l'unico paese in cui non essere giovani è un sollievo.
ibidem

Un disoccupato al giorno si toglie la vita. Due milioni di giorni e usciamo dalla crisi.
Stefano Andreoli e Alessandro Bonino (a cura di), Spinoza. Qualcosa di completamente diverso, 2012

Per uccidere un uomo, non serve togliergli la vita, basta togliergli il lavoro.
Enzo Biagi, cit. in Pino Aprile, Terroni, 2010 [1]

La disoccupazione ha un solo vantaggio: gli incidenti sul lavoro sono rari.
Yvan Audouard (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Non avere lavoro non è solo non avere il necessario per vivere: no, noi possiamo mangiare tutti i giorni, andare alla Caritas o altre associazioni. Il problema è non portare il pane a casa, questo toglie la dignità
Jorge Mario Bergoglio (Papa Francesco), discorso all'Università del Molise, Campobasso, 2014

Non esiste peggiore povertà materiale di quella che non permette di guadagnarsi il pane e priva della dignità del lavoro.
Jorge Mario Bergoglio (papa Francesco), discorso, Città del Vaticano, 2014

La disoccupazione giovanile, l’informalità e la mancanza di diritti lavorativi non sono inevitabili, sono il risultato di una previa opzione sociale, di un sistema economico che mette i benefici al di sopra dell’uomo, se il beneficio è economico, al di sopra dell’umanità o al di sopra dell’uomo, sono effetti di una cultura dello scarto che considera l’essere umano di per sé come un bene di consumo, che si può usare e poi buttare.
Jorge Mario Bergoglio (papa Francesco), discorso, Città del Vaticano, 2014

Nessun male sociale può superare la frustrazione e la disgregazione che la disoccupazione arreca alle collettività umane. 
Federico Caffè, Scritti quotidiani, 2007 

Il peggio mestiere è quello di non averne alcuno.
Cesare Cantù, Attenzione!, 1871

Un religioso non può accettare una società dove ci sia una folla immensa di disoccupati, esposti per anni, decenni, l'intera vita, al pericolo di una disintegrazione morale, civile ed anche fisica. E il religioso farà due cose: farà sentire al disoccupato che, pur nel suo stato, egli ha una coscienza, un'intima dignità, un valore di persona; e si adopererà perché tutta la società si muova, costi quel che costi di sacrifici a tutti, perché il disoccupato possa lavorare; e sia davanti ai suoi figli lieto come ogni altro padre.
Aldo Capitini, Aggiunta religiosa all'opposizione, 1958

Un uomo che vuol lavorare e non trova lavoro è forse lo spettacolo più triste che l'ineguaglianza della fortuna possa offrire sulla terra.
Thomas Carlyle, Cartismo, 1839

Maria fu assunta in cielo perché non trovava lavoro in terra.
Comix [2]

E il Signore disse: “Donna, tu partorirai con gran dolore. Uomo, tu lavorerai con gran sudore, ammesso che troverai lavoro.
Giobbe Covatta, Parola di Giobbe, 1991

Fare il ministro del lavoro in un paese dove il lavoro non c’è, non è come fare il bidello della scuola a ferragosto?
Maurizio Crozza, a Ballarò, 2012

Ogni individuo ha diritto al lavoro, alla libera scelta dell'impiego, a giuste e soddisfacenti condizioni di lavoro e alla protezione contro la disoccupazione.
Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (Articolo 23), 1948

− Tu che lavoro fai?
− Niente.”
− Ah, e quando ti hanno eletto?
Giovanna Donini [5]

Se tu paghi la gente che non lavora e la tassi quando lavora, non esser sorpreso se produci disoccupazione.
Milton Friedman (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

L'esistenza di un disoccupato è una negazione al diritto di vivere peggiore della morte stessa. 
José Ortega y Gasset (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Mio figlio si è dato alla meditazione. Sempre meglio che rimanersene con le mani in mano per tutto il giorno.
Max Kauffmann [4]

A un colloquio di lavoro.
− Poiché lei ha intenzione di lavorare con noi, ma noi non la conosciamo, lei come si definirebbe?
− Come la nebbia del mare.
− Capisco. Perché lei è un tipo misterioso?
− No, perché prima delle dieci e mezzo, undici non mi alzo mai.
Luca Klobas [5]

− E il lavoro?
− Grazie a Dio, il lavoro non mi manca.
− Ah, l’hai trovato allora?
− No, non mi manca nel senso che ci sto bene senza!
Luca Klobas [5]

Prima di sposarmi non avevo fatto i conti con un dettaglio: mio cognato. Oggi mi ha chiesto: “Mi presti mille dollari fino al giorno di paga?” Gli ho risposto: “Quand'è il giorno di paga?” E lui: “Che ne so? Sei tu che lavori!”
David Letterman [5]

Recessione è quando il tuo vicino perde il lavoro. Depressione è quando lo perdi tu. Panico quando lo perde anche tua moglie.
Boris Makaresko (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario) [cfr. citazione di Harry Truman]

La prima rivoluzione tecnologica, col lavoro a catena, ha trasformato gli uomini in lavoratori incazzati. La seconda rivoluzione, con i computer, ha trasformato i lavoratori incazzati in disoccupati incazzati.
Gianni Monduzzi, Orgasmo e pregiudizio, 1997

Un uomo è povero non già quando non ha niente, ma quando non lavora.
Charles-Louis de Montesquieu, Lo spirito delle leggi, 1748

La disoccupazione è una cosa per il disoccupato e un altra per l'occupato. Per il disoccupato è come una malattia da cui deve guarire al più presto, se no muore; per l'occupato è una malattia che gira e lui deve stare attento a non prenderla se non vuole ammalarsi anche lui.
Alberto Moravia, Nuovi racconti romani, 1959 

Gran parte di ciò che oggi passa per depressione, non è altro che un corpo che chiede di poter lavorare.
Geoffrey Norman, su Esquire, 1979

Se a Milano non hai da fare o non lavori, ti senti in colpa. Anche se dormi un po’ di più al mattino, sembri un delinquente. A mio marito, se avesse abitato a Milano, avrebbero dato l’ergastolo.
Viviana Porro [5]

La disoccupazione dei lavoratori è inversamente proporzionale all'occupazione dei sindacalisti.
Sergio Ricossa, Scrivi che ti passa, 1999

Non lavorare per anni ti trasforma, essere trattati come mezze merde dai propri superiori, niente contratto, niente rispetto, niente danaro, ti uccide. 
Roberto Saviano, Gomorra, 2006

L'Italia è una Repubblica fondata sullo stage.
Beppe Severgnini, L'italiano, 2007

Lo stage − periodo gratuito di lavoro − sta diventando un aiuto stabile che i ragazzi italiani offrono alle aziende. Domanda: ma non doveva essere il contrario?
Beppe Severgnini, L'italiano, 2007

Il lavoro logora chi non ce l’ha.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

La perdita del posto di lavoro diventa una specie di tragedia cosmica, per cui si deve marciare per le strade, mentre dovrebbe essere un fenomeno normale nell'economia di un paese.
Franco Tatò, A scopo di lucro, 1995

Lo so, dovrei lavorare invece di cercare dei fessi da imbrogliare, ma non posso, perché nella vita ci sono più fessi che datori di lavoro.
Totò (Antonio De Curtis), in Totòtruffa 62, 1961

'A disoccupazione pure è un grave problema a Napoli, che pure stanno cercando di risolvere... di venirci incontro... stanno cercando di risolverlo con gli investimenti... no, soltanto ca poi, la volontà ce l'hanno misa... però hanno visto ca nu camion, eh... quante disoccupate ponno investi'?
Massimo Troisi, in La smorfia, 1997

Recessione è quando il tuo vicino perde il lavoro; depressione è quando lo perdi tu.
Harry Truman, su The Observer, 1958

Il guaio con disoccupazione è che nel minuto stesso in cui ti svegli la mattina, ti ritrovi all'opera.
Slappy White [4]
Ho perso il posto. - Finalmente qualcosa a tempo indeterminato.© Altan
2. Licenziamento
© Aforismario

Il governo introduce il licenziamento a voce. Già sperimentata l'assunzione al tatto.
Stefano Andreoli e Alessandro Bonino (a cura di), Spinoza. Una risata vi disseppellirà, 2011

Aumentano le morti sul lavoro. Adesso diranno che ci licenziano per salvarci la vita.
ibidem

Per la riforma dell'articolo 18 il Governo invoca il modello tedesco. Per ogni assunto verranno licenziati dieci operai.
Stefano Andreoli e Alessandro Bonino (a cura di), Spinoza. Qualcosa di completamente diverso, 2012

Oggi ho telefonato all’Agnelli [3] e gli ho detto: il mio posto di lavoro non si tocca! Lui m’ha risposto: «E chi lo tocca? Anzi mi fa schifo solo a guardarlo».
Angese [2]

L'"economia politica dell'insicurezza" ha fatto sì che le difese tradizionali venissero smantellate e le truppe che le formavano smobilitassero. Il lavoro è diventato "flessibile", il che significa semplicemente che ora è facile per i datori di lavoro licenziare i lavoratori a piacimento e senza indennizzo, e che l'azione solidale, ed efficace dei sindacati in difesa dei diritti dei lavoratori assomiglia sempre più a un'utopia.
Zygmunt Bauman, La solitudine del cittadino globale, 1999

Nel mondo darwiniano della lotta di tutti contro tutti, la cieca esecuzione dei compiti fissati dalle imprese si radica in questo senso di incertezza annichilente, nella paura, nello stress e nell'ansia generati dall'incertezza. E poi c'è l'arma decisiva: la minaccia costante, a tutti i livelli della gerarchia, del licenziamento, e quindi della perdita dei mezzi di sussistenza, dei diritti acquisiti, di un posto nella società e della dignità umana che esso comporta.
Zygmunt Bauman, La solitudine del cittadino globale, 1999

Un impiegato va dal principale per chiedere un aumento di stipendio, dicendogli: "Io qui faccio il lavoro di tre persone". E il capo replica: "Dammi il nome degli altri due che li licenzio". 
Milton Berle [2]

In ogni organizzazione c'e' sempre una persona che sa esattamente che cosa succede. Questa persona deve essere licenziata.
Arthur Bloch, Legge di Conway, La legge di Murphy II, 1980

L'informatore che hai fatto tanta fatica ad assicurarti sarà il primo a essere licenziato in una riorganizzazione.
Arthur Bloch, Legge di Joe, La legge di Murphy II, 1980

L'ultima persona che se ne è andata o che è stata licenziata sarà ritenuta responsabile di ogni cosa che va male, fino a che un'altra persona non se ne andrà o sarà licenziata.
Arthur Bloch, Corollario alle Leggi di Gore sulla progettazione, La legge di Murphy II, 1980

Niente va mai così male che non possa andar peggio licenziando l'allenatore.
Arthur Bloch, Legge di Murray, La legge di Murphy II, 1980

In ufficio. "Se il principale non ritira quello che ha detto, da domani non vengo più al lavoro." "Cosa ti ha detto?" "Che sono licenziato!"
Gino Bramieri, Io Bramieri vi racconto 400 barzellette, 1976

La vita non mi ha licenziato; m’ha solo messo in cassa integrazione.
Gesualdo Bufalino, Bluff di parole, 1994

La settimana scorsa ho detto a mia moglie: "Se tu imparassi a cucinare, io potrei licenziare il cuoco". Lei ha risposto: "E se tu imparassi a far l'amore, io potrei licenziare l'autista". 
Rodney Dangerfield (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Davvero i cassaintegrati e i licenziati hanno bisogno di un'assistenza psicologica per evitare drammi familiari, e non invece, più semplicemente, di un nuovo posto di lavoro?
Umberto Galimberti, I miti del nostro tempo, 2009

Se fossero gente tosta dovrebbero fare una legge che permetta ai cittadini di licenziarli se fanno gli imbecilli. Ma subito. Fischi? Fai i cori? Interrompi, insulti? Io, cittadino che ti ho votato, ti licenzio.
Luciana Littizzetto, Rivergination, 2006

Per democrazia non intendo affatto qualcosa di vago come "il governo del popolo" o "il governo della maggioranza", ma un insieme di istituzioni (e fra esse specialmente le elezioni generali, cioè il diritto del popolo di licenziare il governo) che permettano il controllo pubblico dei governanti e il loro licenziamento da parte dei governati e che consentano ai governati di ottenere riforme senza ricorrere alla violenza e anche contro la volontà dei governanti.
Karl Popper, La società aperta e i suoi nemici, 1945

Arbitrare: l'unico lavoro al mondo in cui puoi far cavolate tutti i giorni senza essere mai licenziato. 
Andy Roddick (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Nel mondo così com'è oggi, non soltanto molta gente è in miseria, ma la maggioranza di coloro che non lo sono vive nel timore giustificatissimo di diventarlo da un momento all'altro. Sul capo dei lavoratori grava la costante minaccia della disoccupazione; gli impiegati sanno che la loro ditta può fallire o licenziare parte del personale; gli uomini d'affari, anche i più ricchi, sanno che la perdita di tutti i loro quattrini non è affatto improbabile.
Bertrand Russell, Elogio dell'ozio, 1935

Nonostante tutto ciò che è stato fatto nei tempi più vicini a noi per migliorare la condizione delle donne, la grande maggioranza delle mogli dipende ancora finanziariamente dai mariti. Tale dipendenza, per varie ragioni, è peggiore di quella che lega un operaio al suo datore di lavoro. Un impiegato può anche licenziarsi, una moglie no.
Bertrand Russell, Elogio dell'ozio, 1935

Mentre apparentemente si aspira a dare «buone prestazioni», in realtà si pensa solo ai «buoni affari» e al guadagno. Ci s'impegna in una cosa - si afferma - per amore della cosa stessa, ma in realtà il fine è il guadagno che essa procura. Non si vorrebbe fare i censori, però siamo disposti a farlo purché se ne tragga vantaggi materiali; si vorrebbe giudicare, amministrare, ecc., nel modo migliore e più giusto, ma si ha paura del trasferimento o addirittura del licenziamento: in fondo, prima di tutto bisogna pur - vivere!
Max Stirner, L'unico e la sua proprietà, 1844

Lavoravo all'ufficio di collocamento. Quando mi licenziarono dovetti ripresentarmi il giorno dopo: arrivai a odiare quel lavoro.
Wally Wang [4]

Esiste solo un capo supremo: il cliente. Il cliente può licenziare tutti nell'azienda, dal presidente in giù, semplicemente spendendo i suoi soldi da un'altra parte. 
Sam Walton (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Un padrone non ha peggior nemico di un servo licenziato con ragione.
Proverbio

Essere precari stanca
3. Precariato
© Aforismario

In Italia un laureato su due è precario. L'altro lo invidia.
Stefano Andreoli e Alessandro Bonino (a cura di), Spinoza. Un libro serissimo, 2010

Migliaia di precari in piazza. Cercheranno di non calpestare i disoccupati.
Stefano Andreoli e Alessandro Bonino (a cura di), Spinoza. Una risata vi disseppellirà, 2011

Precaria di 63 anni ottiene la cattedra. Ma lei aveva chiesto la pensione.
Stefano Andreoli e Alessandro Bonino (a cura di), Spinoza. Qualcosa di completamente diverso, 2012

Sul piano sociale e psicologico, l'impatto più profondo della flessibilità consiste nel rendere precaria la posizione delle persone prese di mira e nel mantenerle precarie, con l'adozione di misure quali la sostituzione dei contratti a tempo indeterminato e garantiti dalla legge con assunzioni a termine o collaborazioni temporanee, che permettono il licenziamento immediato; la proroga dei contratti e l'offerta di un tipo di impiego che mina il principio dei diritti acquisiti accumulati con l'arma della valutazione permanente, che fa dipendere la remunerazione dei singoli lavoratori dai risultati conseguiti individualmente; la spinta alla competizione tra settori e rami della stessa impresa, che priva di ogni razionalità la posizione unitaria dei dipendenti. Tutte tecniche di assoggettamento che, nel complesso, producono una situazione di incertezza endemica e permanente.
Zygmunt Bauman, La solitudine del cittadino globale, 1999


Il fondamento ultimo di tutti i regimi economici che si pongono sotto il segno della libertà è perciò la violenza strutturale della disoccupazione, della precarietà e dell'implicita minaccia di licenziamento.
Pierre Bourdieu, L'essenza del neoliberalismo, su Le Monde diplomatique, 1998


Ho un impiego talmente precario che, quando la mattina vado a lavorare, lascio la macchina parcheggiata con le quattro frecce.
Bruce Ketta e Francesco Friggione [5]

Note
  1. La citazione di Enzo Biagi su diversi siti internet è attribuita a Pino Aprile, che in realtà la cita soltanto: "Ricordo le parole di Enzo Biagi, dopo che fu allontanato dalla Rai, per l'editto bulgaro dell'allora capo del governo, Silvio Berlusconi: «Per uccidere un uomo, non serve togliergli la vita, basta togliergli il lavoro». E lo vedemmo spegnersi". Pino Aprile, Terroni © Piemme, 2010
  2. Battuta tratta da Gino e Michele, Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano. Opera omnia, Baldini e Castoldi, 1995
  3. La battuta si riferisce all'avvocato Gianni Agnelli, ex presidente della FIAT.
  4. Battuta tratta da: Sol Brodski, Siamo seri, ridiamoci sopra, Pan, 2006
  5. Battuta tratta da Gino e Michele con Paolo Borraccetti, Le cicale 2010, Kowalski, 2009
  6. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Lavoro e Lavoratori

Nessun commento: