2015-09-12

Biancheria intima e Lingerie - Frasi su Mutande, Calze e Reggiseno

Raccolta di aforismi e battute divertenti sugli indumenti intimi o lingerie (dal francese "linge", "biancheria"), e in particolare: mutande (o slip), calze (e collant) e reggiseno. Nella sezione "Moda" trovi tutte le altre raccolte di citazioni che riguardano l'abbigliamento.
Se l'amore è cieco, perché la lingerie è così popolare?
(foto: Sophia Loren e Marcello Mastroianni in Ieri, oggi, domani, 1963)
1. Biancheria intima / Lingerie
© Aforismario

Se l'amore è cieco, perché la lingerie è così popolare?
Anonimo

L'intimo è un diritto umano inalienabile.
Rebecca Bloomwood (Isla Fisher), in I Love Shopping, 2009

Un valido aiuto per migliorare le forme femminili e contrastare la forza di gravità, è fornito dalla "biancheria intima", ovvero un insieme di impalcature, contrafforti e strutture che servono ad alzare, comprimere e compattare in modo direttamente proporzionale all'età.
Giobbe Covatta, Sesso? Fai da te!, 1996

Una vera signora è una donna che non mostra mai la propria biancheria intima sena volerlo.
Lillian Day [1]

Per l'uomo, la donna sfugge, è imprendibile. La biancheria che si stende sul suo corpo offre degli appigli su di una superficie inafferrabile. Un po' come fanno le fessure nella roccia per lo scalatore, i concetti della filosofia per il pensatore, le parole nella vita per tutti noi.
Paolo Euron, Codice d'amore non per principianti, 2015

Prima di tutto è importante essere belle dentro. Che c'entra l'anima... Belle sotto, intendo. Sotto i vestiti. Con un bel completino intimo. il resto poi è tutto in discesa.
Luciana Littizzetto, Col cavolo, 2004

Io ho sempre pensato che se una cosa non si vede, tanto vale non star lì a perder tempo a occuparsene. Una mutanda vale l'altra. Sbagliatissimo. Per la donna di classe l'intimo è un caposaldo e il pizzo una pietra miliare.
Luciana Littizzetto, Col cavolo, 2004

La magia di un buon intimo, tanto buono da essere chiamato lingerie, è infinita. Una donna etero con indosso un bel capo di lingerie (come quelli di livello stratosferico che i negozi specializzati vendono solo alle «clienti speciali») è in grado di far girare la testa perfino a un’altra donna etero.
Caitlin Moran, Ci vogliono le palle per essere una donna, 2011 [3]

Ah, se solo il mondo sapesse quanto siamo splendide sotto tutti quei vestiti!
Caitlin Moran, ibidem

Indossare brillantemente la lingerie è un talento fondamentale per ogni donna, tanto fondamentale che hanno perfino istituito dei concorsi per stabilire chi sia la più brava: Miss America, Miss Mondo, Miss Universo. Pur chiamandosi «prova costume», la parte della gara in cui le ragazze sfilano in costume da bagno è in realtà la prova «mutande e reggiseno».
Caitlin Moran, Ci vogliono le palle per essere una donna, 2011 [3]

Nel XXI secolo le scelte di biancheria intima non sono più un segreto per nessuno: gonne a tubino, jeans aderentissimi e leggings consentono di seguire perfettamente il contorno delle mutande del proprietario, come se di fronte avessimo la mappa sotterranea di un antico sistema fognario.
Caitlin Moran, Ci vogliono le palle per essere una donna, 2011 [3]

Ah, se solo il mondo sapesse quanto siamo splendide
sotto tutti quei vestiti! (Caitlin Moran)
2. Mutande / Slip
© Aforismario

 È inutile che le chiamiate mutande se poi non ve le cambiate mai.
Anonimo

Non cambiare mai, mutande a parte!
Anonimo, su Comix

Queste mutandine mi danno un fastidio incredibile. Me le ha prestate un mio amico di Milano, un creativo. Sono di Eternit perlinato. Io le ho coibentate per non disperdere fonti di calore. Naturalmente le ho personalizzate, fanno parte della mia lingerie. Davanti c'è scritto: "I have a dream" e di dietro: "Mission impossible".
Antonio Albanese [1]

La maturità di una persona non si misura dall'età ma dal modo in cui reagisce svegliandosi in pieno centro in mutande.
Woody Allen, Citarsi addosso, 1975

Un po’ d’adulterio è il minimo indispensabile per tenersi di buon umore, per non scappare di casa, per far fruttare il capitale speso in mutande fantasia.
Natalia Aspesi, Lui visto da lei, 1978

Il calcio è stupendamente rappresentato dalla nostra nazionale: si vedono undici ragionieri in mutande allo sbaraglio, senza nessuna remora, senza nessun decoro. È il nostro governo e il nostro sottogoverno in mutande.
Carmelo Bene, al Maurizio Costanzo Show, 1994

Le mutande sono come i governi, c'è sempre qualcuno che le vuol far cadere.
Paola Borboni [1]

Io dico alle donne che la faccia è la mia esperienza e le mani sono la mia anima. Qualunque cosa, pur di tirare giù quelle mutandine.
Charles Bukowski, su Rolling Stone magazine, 1976

Adoro le mutande ripiene.
Gianni Carino [2]

Che lo vogliamo o no, siamo tutti psicoanalisti, amanti dei misteri del cuore e della mutanda, palombari degli orrori. Guai allo spirito dagli abissi chiari!
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

Omicidi, crimini, povertà. Queste cose non mi spaventano. Quello che mi spaventa sono le celebrità sulle riviste, la televisione con cinquecento canali, il nome di un tizio sulle mie mutande, i farmaci per capelli, il viagra, poche calorie.
Tyler Durden (Brad Pitt), in Fight Club, 1999

Le mutandine, per la loro capacità evocativa, mantengono una forte carica erotica anche da sole. La loro autonomia è confermata, oltre che dal feticismo che si concentra su questo indumento più che su ogni altro, dal fatto che in epoche più pudiche non potevano essere nominate, alla pari degli organi sessuali, e venivano chiamate les inexpressibles, le indicibili.
Massimo Fini, Dizionario erotico, 2000

L'ideale è una lavandaia senza mutande presa di spalle.
Ennio Flaiano, Frasario essenziale per passare inosservati in società, 1969 (postumo)

I ventenni s'innamorano e si disinnamorano più spesso di quanto si cambiano le mutande... Cosa che dovrebbero fare più spesso!
Gregory House (Hugh Laurie), in Dr. House - Medical Division, 2004/12

Da anni il rapporto più intimo che aveva con i suoi genitali era quando gli stirava le mutande.
Carla La Sorte [2]

Così dicono gli esperti. Tre anni. L'amore vero dura tre anni. Qualcosina in più di mille giorni. Dopodiché buongiorno bignola, ciao contadina. Non è più la stessa cosa. Prima saliva il desiderio e calavano le mutande, poi succede il contrario.
Luciana Littizzetto, Col cavolo, 2004

La crisi della coppia segue curve inesorabili. I primi mesi si alza il desiderio e calano le mutande. Poi, col tempo, i movimenti si invertono: il desiderio cala e le mutande risalgono fin quasi alle ascelle.
Luciana Littizzetto, Col cavolo, 2004

Quello che secondo me deve essere proprio bandito dal commercio è lo slip con l'elasticone alto con la marca stampigliata sopra che si fa sbucare dal jeans. Lo slip parlante che sembra che dica: "Minchia quanto sono figo. Sono troppo avanti". Ecco, bravo amore, vai ancora un po' più avanti così mi sprofondi nel vuoto e ci liberiamo di te.
Luciana Littizzetto, Rivergination, 2006

Alcuni uomini in mutande sono ridicoli. Togliendosele, peggiorano.
Giancarlo Magalli (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il sorriso, la dignità e le mutande sono le uniche cose che nessuno deve mai riuscire a portarti via senza il tuo permesso.
Clelia Moccia (Aforismi inediti su Aforismario)

Non sono ancora due secoli che le donne francesi hanno cominciato a portare le mutande, ma ben presto, peraltro, si sono liberate di quell'impedimento.
Charles-Louis de Montesquieu, I miei pensieri, 1716/55 (postumo 1899/01)

I diritti basilari delle donne prevedono di poter indossare mutande che aderiscano alle loro parti esterne come se fossero stelle marine e che non debbano essere lentamente risucchiate nei recessi interni per via dell’attrito cinetico.
Caitlin Moran, Ci vogliono le palle per essere una donna, 2011 [3]

Qui lo dico e qui non lo nego: sono a favore dei mutandoni. Le accanite femministe HANNO BISOGNO di mutandoni, supermutandoni. In questo momento ne indosso un paio che credo sia stato usato come coperta ignifuga nelle prime quarantotto ore del grande incendio di Londra: si estendono dalla fine della coscia all’ombelico e sono eventualmente riadattabili come casa di campagna in cui rifugiarsi nel weekend. Se dovessi candidarmi alle elezioni, lo farei soltanto per fondare un partito il cui slogan sarebbe: «Rimettiamo i braghettoni alle donne».
Caitlin Moran, Ci vogliono le palle per essere una donna, 2011 [3]

Oggi pochissime donne indossano un paio di mutande che stiano loro bene. Invece di portare qualcosa che, in maniera rassicurante, copra entrambe le natiche, tutte indossano degli accessori gluteali, dei ninnoli da culo. Ormai si parla solo di slip bassi, slip midi, perizoma, bikini, tanga, brasiliane e culottine. Queste partizioni strette ed elastiche che corrono sul didietro sono, in termini di comodità ed estetica, crudeli quanto la divisione tra India e Pakistan, perché generano dislocazioni fisiche dagli effetti catastrofici: intere parti del corpo vengono spaccate in due o sono costrette a intraprendere vaste migrazioni.
Caitlin Moran, Ci vogliono le palle per essere una donna, 2011 [3]

Non mi piacciono i segreti: sanno di mutande sporche.
Peter Vaughan, in La leggenda del pianista sull'oceano, 1998

Ho sognato di essere le mutande di Sharon Stone. Che incubo! Sempre chiuso in quel cassetto! Vincent [1]

Decisione numero uno: ovviamente perdere dieci chili. Numero due: mettere sempre a lavare le mutande della sera prima. Ugualmente importante: trovare un ragazzo dolce e carino con cui uscire.
Renée Zellweger, in Il diario di Bridget Jones, 2001

3. Calze / Collant
© Aforismario

Ho sognato di essere il collant di Ursula Andress.
Woody Allen [2]

Le feci tener su le calze e le scarpe coi tacchi alti. sono un freak. il corpo al naturale non lo reggo, ho bisogno di farmi ingannare. gli psichiatri hanno un termine specifico per questo, e io ho un termine specifico per gli psichiatri.
Charles Bukowski, Taccuino di un vecchio sporcaccione, 1969

Vedi la vita la sanno fregare / con la verdura che non mangiano mai / gli occhiali neri e le cuffie alle orecchie / ed i calzini che non lavano mai... che non lavano mai...
Luca Carboni, Li vedi, 1984

Se non ci fossero le calze, le gambe delle donne sarebbero soltanto mezzi di locomozione. 
Jean Cocteau (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Calze. Costituiscono oggi il più grosso problema del vestiario femminile. Il reggicalze è datato, improponibile, sa irrimediabilmente di baldracca. Può essere utilizzato per fare un po' di teatro, ma è impraticabile come indumento d'uso comune e quotidiano. Le autoreggenti sono volgari. Il collant è mortale. Sconcia la perfetta simmetria del bikini, è antiestetico in quella riga che taglia a metà, repellente nella pecetta sul cavallo. Ma soprattutto "chiude", impedisce allo sguardo e alla mano di insinuarsi, che è l'eterno desiderio del maschio davanti a una donna vestita. È la cintura di castità dei tempi moderni. Da che esiste ha fatto inabissare la tensione erotica fra i sessi a livelli vicini allo zero. Gli va attribuita una buona parte di responsabilità nel crollo delle nascite.
Massimo Fini, Dizionario erotico, 2000

I calzini sono mal congegnati, le cuciture sono all'interno e fanno male alle dita dei piedi.
William Forrester (Sean Connery), in Scoprendo Forrester, 2000

Piuttosto perdonare un brutto piede che delle brutte calze.
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

Per l'uomo sano basta la donna. Per l'uomo erotico basta la calza per giungere alla donna. Per l'uomo malato basta la calza.
Karl Kraus, Pro domo et mundo, 1912

Un cassetto di calze di lana. Questo è sicurezza.
Linus, in Charles M. Schulz, Peanuts, 1950/2000

La televisione è sensuale come le calze a rete.
Marshall McLuhan, Gli strumenti del comunicare, 1964

Ciò che rende belle le calze è un paio di belle gambe dentro.
Gianni Monduzzi, Orgasmo e pregiudizio, 1997

Le calze autoreggenti, siano esse nere, con la riga o senza, inducono alla scop*** immediata e spontanea, da farsi in piedi mentre ancora state dicendo: «Ha quindi bisogno della mia firma per questo pacco?»
Caitlin Moran, Ci vogliono le palle per essere una donna, 2011 [3]

Al giorno d’oggi si fa una valigia con l’occhio alla bilancia per non superare il peso consentito in aereo. Se lui aggiunge una cravatta, lei deve rinunciare a un paio di calze.
Paul Morand, Il viaggio, 1927

La vera porcellina il reggicalze non l’ha sulla coscia, ma sulla testa.
Zuzzurro e Gaspare [2]

Proverbi sulle calze
  • Calze, fiche e berrette mai furon troppo strette.
  • Due piedi non stanno bene in una calza.
  • Le calzette e le ricchezze chi se le leva e chi se le mette.
  • Meglio rovinarsi le calze che le gambe.
  • Santa Bibiana scarpe di ferro e calze di lana.
  • Tutti i gusti son gusti, diceva quello che ciucciava i calzini.
Reggiseno: indumento femminile che spesso promette più di quanto mantiene.
4. Reggiseno
© Aforismario

Il reggiseno è un ideale di democrazia: divide la destra dalla sinistra, sostiene le masse e attira a sé il popolo.
Anonimo

Le taglie di un reggiseno: priva, seconda, terza, quanta.
Anonimo

Reggiseno: indumento femminile che spesso promette più di quanto mantiene.
Anonimo

Il reggiseno [...] È come mettere le tette in gabbia!
Lily Aldrin (Alyson Hannigan), in How I Met Your Mother, 2005/14

È il reggiseno che salva la donna, che le impedisce di spandersi, di diventare una superficie. Il reggiseno è l'architettura della donna. Allo stesso modo di come il ponto è l'architettura del fiume.
Bertrand Blier, Existe en Blanc, 1998

Una donna è [...] è un fiume che scorre, un po' triste, si pensa ad annegarsi. Infilatele un reggiseno, e subito si raddrizza, i suoi occhi iniziano a fiammeggiare, diventa bella come una frustata, il suo corpo vi sfida e voi iniziate a tremare. Tremate d'emozione. La bellezza fa tremare.
Bertrand Blier, Existe en Blanc, 1998

Il seno ben avviluppato, la bretella ben tesa, un arco con la freccia, la freccia è il suo sguardo, mai lo sguardo di una donna risulterà tanto pericoloso come quando è in reggiseno.
Bertrand Blier, Existe en Blanc, 1998

Sconsiglio il desiderio di passare all'attacco che si impossessa di tutti gli uomini, quando ci troviamo aggrediti. Strappare il reggiseno, ad esempio, e gettarlo dalla finestra. E dopo, triste bruto, che cosa farai dopo? I più bei seni del mondo saranno sempre più belli se tu li lasci nel loro scrigno.
Bertrand Blier, Existe en Blanc, 1998

Feticismo. È questa la perversione di chi preferisce un reggiseno o una scarpa alla persona che la indossa. Tale comportamento comporta grandi vantaggi pratici: è molto più facile infatti procurarsi un reggiseno vuoto che un reggiseno pieno.
Giobbe Covatta, Sesso? Fai da te!, 1996

La "donna balena", detta a volte donna orca perché quando la si vede si dice: «Orca miseria che zizze!» Questo tipo di donna usa come reggiseno la stessa imbracatura che si utilizza negli acquari per sollevare i cetacei da cui prende il nome.
Giobbe Covatta, Sesso? Fai da te!, 1996

Un accessorio utilizzato dalle donne per valorizzare il busto è il "reggiseno", un indumento intimo che ha avuto alterne fortune. Vi è stato infatti un periodo, negli anni Settanta, in cui le donne bruciavano i reggiseni in piazza; se le stesse donne lo facessero oggi inciamperebbero, per cui il reggiseno è tornato di moda. E dopo anni e anni di ricerca su ferretti, stecche e balconcino, si è finalmente arrivati al mitico Wonderbra, che riesce a convogliare sul davanti brandelli di pelle ripescati anche da dietro le orecchie. La raccomandazione è quella di non slacciarlo mai perché, per via di un incantesimo, quando questo accadesse tutto, come in un flipper, tornerebbe al posto suo e la delusione sarebbe enorme.
Giobbe Covatta, Sesso? Fai da te!, 1996

Reggiseno. In America succede una cosa strana. Un uomo si volta (oppure fischia, se ha l’abitudine di farlo) ammirando quello che è chiaramente un artificio. È una cosa molto commovente, che prova quanto siano idealisti gli uomini.
Marlene Dietrich, Dizionario di buone maniere, 1962

Scommetto che per te il mondo è un grande reggiseno che aspetta di essere slacciato.
Don Draper (Jon Hamm), in Mad Men, 2007/...

Una donna è veramente nuda, in quanto donna, solo quando è semivestita. Perché la degradazione rilevi, è quindi necessario che sul corpo nudo di lei resti qualche elemento che ricordi la donna. Possono essere gli orecchini, la collana, i braccialetti, l'orologio, la catenella intorno alla vita o al piede, il reggiseno, la camicetta, le scarpe.
Massimo Fini, Dizionario erotico, 2000

Dopo cinquecento anni, continuavano a metterli dietro, i fermagli dei reggiseni.
Joe Haldeman, Guerra eterna, 1974

Il seno [...] è diventato il tema dominante della cultura americana: letterature, pubblicità, tutti i settori dello spettacolo, ovunque! Io scommetto quello che vuole che se le donne americane smettessero di portare il reggipetto tutta la vostra economia nazionale crollerebbe sull'istante!
Algernon Hawthorne (Terry-Thomas), in Questo pazzo, pazzo, pazzo, pazzo mondo, 1963

Il reggiseno deve sostenere qualcosa che per colpa di un calcolo errato è più pesante del dovuto, e perciò ha bisogno di un’armatura. supplementare, un po’ come il balcone di un edificio costruito con imperizia, che si deve puntellare con pilastri e sostegni perché non crolli. In altre parole: il reggiseno rivela l’aspetto tecnico del corpo femminile.
Milan Kundera, L'immortalità,  1990

Quando incontrava una sua conoscente senza reggiseno, ad esempio la moglie di un amico o una collega, constatava con sorpresa che non era lei a vergognarsi, ma lui. Era in imbarazzo e non sapeva dove mettere gli occhi. Cercava di evitare di posarli sul seno, ma non era possibile, perché i seni nudi si vedono anche se l’uomo guarda una mano o gli occhi di una donna.
Milan Kundera, L'immortalità,  1990

La relazione con l'intimo non è mica così facile. Parliamo del reggiseno. Inferno di ogni donna che si meriti questo nome. Se sei dinamica e proiettata a tutta birra nella performance, c'è il reggiseno sportivo. Completamente elasticizzato. Bello, per carità. Però non è che regge. Spalma. Di due tette non te ne rimane neanche più una. Solo un leggero spessore a livello del décolleté. Poi ci sono i reggiseni fantasia. Di tulle, garza, retino per le farfalle. Quelli nascono molli e finiscono mosci. Sembran fatti di cicles. Son reggiseni senza carattere. Abulici. Seguono impassibili la discesa della tetta senza opporre resistenza. Non reggono neanche la durata. Due giri di lavatrice ed è come legarsi al petto la pelle del salame.
Luciana Littizzetto, Col cavolo, 2004

Col push up perdi il seno e ti ritrovi al suo posto un mostruoso siluro che spara sul davanti come un unicorno. Un cofano puntuto. Un imbuto da damigiana ma rovesciato. Se invece di seno sei sprovvista puoi sempre tuffarti tra le braccia di un reggiseno a olio. Ripieno di bagna cauda. Oppure con le coppe. Una a destra e una a sinistra. Primo e secondo premio. A meno che non voglia farti sollevare il tutto dal reggiseno col ferretto. Che in realtà è una putrella di ghisa che va ad appoggiarsi esattamente sulla piega della costola e a lungo andare te la lima.
Luciana Littizzetto, Col cavolo, 2004

Il classico reggiseno a balconcino, che ti fa quel bel davanzale adatto ad appoggiare vasetti di primule, ciuffi di mimosa e in estate anche il dondolo e l'ombrellone. Da un po' però 'sti balconcini
hanno la ringhiera sempre più bassa. Devi stare attenta. Se ti sporgi troppo finisce che ti ritrovi le tette al pian terreno.
Luciana Littizzetto, Col cavolo, 2004

Oggi ci si aspetta poco dalla filosofia, poiché si è già soddisfatti di considerare come Assoluto qualsiasi cosa sia avvolta da un reggiseno.
Marshall McLuhan, La sposa meccanica, 1951

I reggiseni sono una viltà naturale delle donne, mettono in evidenza le grazie dell'apocalisse. Essi servono, fatti a balconcino o a coppette, per sollevare qualche cosa che volgarmente cadrebbe. Il reggiseno è scherzoso e ammiccante e lascia prevedere lo scioglimento del tutto. I suoi legacci sono impropri, messi lì apposta per scatenare l'inferno.
Alda Merini, La vita facile, 1996

Credo che il reggiseno sia il pezzo più scabroso del guardaroba femminile. Se non ne siete convinte fate questo test: provate a lanciarne uno a un ragazzino di nove anni. Reagirà come se gli aveste tirato in testa un topo vivo. Scapperà via urlando e con le mani alzate. Non è in grado di affrontare la scabrosità del reggiseno.
Caitlin Moran, Ci vogliono le palle per essere una donna, 2011 [3]

Oh, Reggiseno, mio Reggiseno, ti adoro! Sei l’equivalente intimo del prezzemolo: stai bene con tutto. Infilando nel giusto reggiseno ciò che è avanzato delle vostre mammelle con l’aiuto di una vanga o di uno dei vostri cari, vedrete che la materia grezza verrà modellata in due dolci collinette.
Caitlin Moran, Ci vogliono le palle per essere una donna, 2011 [3]

A qualsiasi idiota che vi dica: «Sei una femminista? Allora bruci i reggiseni, eh? EH? Bruci i reggiseni, femminista?» dovrete rispondere con massima calma: «Stolto, STOLTO. Il reggiseno è un mio amico, un amico di petto, il mio amico del cuore.
Caitlin Moran, Ci vogliono le palle per essere una donna, 2011 [3]

Ti ho detto / che secondo me era meglio la seconda, / ma tu / hai voluto mettere la terza... / Per forza adesso ti ballano le tette...
Flavio Oreglio, Poesie catartiche, 2003

I reggiseni push-up o la biancheria intima (ormai non più nascosta, ma esibita come parte stessa dell'abbigliamento) sono la manifestazione concreta dell'autostima femminile in funzione dello sguardo maschile, e non mirano necessariamente a una conquista sessuale. In maniera analoga, un'automobile molto potente o una barca veloce rafforzano (grazie allo sguardo e all'ammirazione o invidia degli altri) l'autostima maschile.
Willy Pasini, L'autostima, 2001

Negli anni '60, come ogni brava femminista in erba, ho bruciato il mio reggiseno, ma adesso che siamo negli anni '90 ho capito che la Playtex mi "sosteneva" decisamente meglio di qualsiasi uomo abbia conosciuto.
Susan Sweetzer, cit. in Amanda Newman, le donne vengono da Venere, gli uomini dall'Inferno, 1999

Con una mano le ho slacciato il reggiseno. Con una mano. Era di quelli meravigliosi con la chiusura di plastica che basta mettere un dito dietro e, tic, si slacciano subito. Non era di quelli tremendi con i gancetti che magari riesci a sganciarne solamente uno e l’altro si prende tutta la tensione e non riesci più ad aprirlo e dallo sforzo le dita ti diventano dei würstel.
Fabio Volo, È una vita che ti aspetto - 2003

Note
  1. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  2. Battuta tratta da Gino e Michele, Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano. Opera omnia, Baldini e Castoldi, 1995
  3. Caitlin Moran, Ci vogliono le palle per essere una donna. Traduzione di Sara Chiappara © Sperling e Kupfer, 2011
  4. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: ModaAbbigliamento

Nessun commento: