2015-10-29

Autori di Aforismi Inediti M-Q

Elenco degli autori di aforismi inediti le cui iniziali del cognome dalla M alla Q. Per leggere le istruzioni su come inviare i tuoi aforismi vai alla pagina principale degli Aforismi inediti. Tutti gli autori che riescono a pubblicare almeno 500 aforismi, avranno a disposizione un'intera pagina personale sul sito Aforismario.
Aforismi inediti by Aforismario
Marcello Macrì
(Tropea, 1984)
  1. È talmente difficile amare se stessi che si preferisce amare gli altri.
  2. Quando hai un dubbio bevi un bicchiere di vino, non risolverai il dubbio ma questo sparirà.
  3. La democrazia è come una bella donna; all'inizio la vogliono tutti, nel tempo si combatte per averla, ottenuta la si maltratta e si dimentica di apprezzarla.
  4. Se Cupido fosse stato donna, avremmo provato amore soltanto per le nostre scarpe.
  5. Gli aforismi sono come le lasagne, utili nelle occasioni speciali.
  6. Non contare mai sul tempo, appena ti serve è già passato.
Giuseppe Malavenda
  1. A vedere per primi le cose si può passare per sognatori.
  2. L'equilibrio è necessario in tutte le cose, tanto quanto è sicuro che la morte segue la vita.
Antonio Manfreda
(Clusone, 1977)
  1. Bisognerebbe tutti cominciare la giornata con una bastonata fra i denti. Tutto quello che verrebbe dopo lo supereremmo agevolmente. 
  2. Se ti senti come la maggior parte della gente. Non c'è nulla di cui vergognarsi, la maggior parte lo è.
  3. Solo chi può sopportare la verità, ha il diritto di esigerla.
Valentina Mantega
(1981)
  1. Non è il respiro a renderti vivo ma i momenti che te lo tolgono.
  2. Esplorando i fondali del mio essere ho compreso di saper volare.
  3. Ogni pietra ha un cuore che batte.
  4. L'altezza di certi piedistalli provoca le vertigini.
Vincenzo Marchese
(Latiano, 1984)
  1. La gente confonde il credere in Dio con la fede in Dio. Credere è convinzione che Dio esiste. Avere fede è abbandonarsi completamente alla volontà di Dio qualunque cosa accada. Credere è facile. Avere fede è la sfida di ogni cristiano.
  2. Tutti i maschi hanno i testicoli. Molte donne hanno le palle. 
  3. Il colore dell'amore è quello degli occhi di chi ami. 
  4. Smettiamo di amare le persone ma non le nostre malinconie.
  5. La disoccupazione è sette domeniche ma nessuna festa.
  6. La distanza si misura in chilometri e in differenze.
  7. Così social dietro uno schermo, così asociali nella realtà. 
  8. Tre cose strozzano nella vita: le cravatte, le preoccupazioni e la massa.
  9. Bisogna amare se stessi ma non esagerare con la mano.
  10. Non accendo mai la tv; mi spegne.
  11. L'amore non si cerca. Ti trova.
  12. Quando hai l'autostima bassa vai a trovare tua nonna. O per amore o per demenza senile ti farà sentire una persona fantastica.
  13. Nasciamo tela. Moriamo dipinti. E come in tutte le opere c'è chi riesce a far capolavori, quadri anonimi, croste o vere schifezze.
  14. La vita ci mette davanti ad un bivio. Se è stronza una rotonda.
  15. Se vuoi fare una domanda scomoda a Dio chiedigli della sua Chiesa.
  16. L'infelicità è un reato con un colpevole e molti complici.
  17. Non vi può essere meritocrazia in una società senza che vi sia prima eguaglianza.
Davi Marco
  1. Il corpo ha idee che la mente deve comunque giustificare.
Claudio Mare
(Roma, 1970) 
  1. Ottimismo e pessimismo sono malattie della vista.
  2. Non è l'Amore troppo grande ma noi troppo piccoli.
  3. La suprema espressione dell'intelligenza è l'umiltà.
  4. La differenza tra sogno e realtà la fa la convinzione che ne esista una.
  5. Di tutti gli idiomi che l'uomo ha inventato, non ce n'è uno adeguato all'espressione dell'anima; le orecchie non son fatte per ascoltare il silenzio, né la bocca per pronunciarlo.
  6. La solitudine è la maledizione di chi fugge da se stesso e la benedizione di chi si cerca.
  7. Anche se il mondo appare avvolto senza speranza dall'ombra, la strada del proprio destino è sempre illuminata.
  8. Il mistero è il riflesso dell'ignoranza.
  9. La rassegnazione, se trasformata in accettazione, assume il medesimo sapore dell'ottimismo.
  10. L'amore è uno spintone in direzioni che il buon senso non si sognerebbe mai di farci percorrere.
  11. È invero assai triste farsi colmare ed avvelenare dall'amarezza delle esperienze; divenire tanto avvezzi al peggio da finire per scorgerlo ovunque, anche dove non c'è.
  12. In un mondo di sordi, che si taccia o si urli non fa la benché minima differenza; allora tanto vale tacere.
  13. La stupidità è il non dubitare mai delle proprie convinzioni.
  14. Rimandare è quasi sempre rimpiangere.
  15. È proprio l'intendere il nostro rapporto con la vita come una lotta a fare di noi degli eterni sconfitti.
Kosta Mariano 
(Torre Annunziata 1985)
  1. Abbiamo più a cuore le qualità che ci mancano che quelle che possediamo.
  2. C'è un amore che può favorire tutti gli altri, ossia l'amore per se stessi.
  3. Certe compagnie ti fanno capire quanto sia importante la solitudine.
  4. Chi diffida di se stesso, anche quando pensa di aver ragione, è sempre sulla buona strada.
  5. Digerire le delusioni ci aiuta a ritrovare l'appetito per la vita.
  6. Gli anziani sono la memoria in una società che soffre d'amnesie.
  7. I nodi d'amore più sono stretti più fanno male.
  8. I popoli combattono le guerre che i governi dichiarano.
  9. Il matrimonio è il coronamento della monotonia.
  10. Il tempo è come il vento, invisibile,ma quando passa muta tutto intorno a sé.
  11. L’onesta da sola vale ben poco, ci vuole anche il coraggio per difendersi da chi non lo è.
  12. La felicità come tutti gli stati d'animo ha una durata mutevole, di solito dura un intervallo di tempo che va dall'incoscienza alla presa di coscienza di averla persa.
  13. La libertà non muore in una cella, muore dentro di noi, quando ci rassegniamo alla nostra condizione.
  14. La pazzia è il punto di vista alternativo sulla realtà,magari l’unico e solo.
  15. La tempesta nasce sempre da un alito di vento.
  16. La timidezza è l'arte di parlare col silenzio.
  17. L'amore e l'intelligenza non si conciliano, perché per amore si finisce sempre per fare qualche cosa di stupido.
  18. Mentre voi cercate un colpevole, io trovo una soluzione.
  19. Nella lunghezza delle catene ci si può essere molta più libertà di colui che ne possiede senza vincoli ma non sa cosa farsene.
  20. Nessuno ha i numeri vincenti per l'amore, è tutto un colpo di fortuna.
  21. Non abbiamo bisogno di coraggio per essere impavidi, abbiamo bisogno di paure.
  22. Non c'è abbastanza tempo nella vita di due amanti per fare un per sempre.
  23. Non ci si perde allontanandosi ma smettendo di cercarsi.
  24. Non tutti gli amori si sviluppano nelle regioni del cuore.
  25. Per il narciso è un rivale chiunque pretende di amarlo più di se stesso.
  26. Quando si sta male non si ha bisogno di qualcuno che ci consigli, piuttosto di qualcuno che ci conforti.
  27. Quando stai lottando per un ideale e ti volti per vedere se c'è qualcuno che ti segue, non meravigliarti se ci troverai solo la tua ombra, le masse amano gli idealisti ma preferiscono i martiri.
  28. Quando un individuo decide di farsi del male,autodistruggendosi,ci mette il doppio dell'impegno che impiegherebbe volendosi bene e cercando di essere migliore e felice.
  29. Quanti sbagli occorre fare, prima di riuscire a fare la cosa giusta?
  30. Si odia facilmente quello che non si può avere più.
  31. Si può attendere il piacere così a lungo,da non saperlo più riconoscere.
  32. Si può credere che ci sia qualcosa d'infinito solo avendo a che fare con qualche stupido.
  33. Spesso si finisce per criticare gli altri per motivare se stessi.
  34. Talvolta si vive di più dormendo che da svegli.
  35. Tutto cambia, inutile farsi uccidere per un opinione.
  36. Una fiamma che resiste al vento prima o poi giungerà ai piedi del cielo.
  37. Il lavoro debilita l'uomo.
  38. In un paese che procede a passo di gambero l'unico motto possibile é indietro tutta.
  39. La gioventù è un prestito che bisogna far fruttare, perché il saldo con gli interessi ci tornerà nella vecchiaia.
  40. Conoscere se stessi è un compito che finiamo di svolgere l'ultimo giorno della nostra vita.
  41. Non c'è cosa che si regala tanto generosamente quanto ciò che non si possiede.
  42. Per ipocrisia si dicono le migliori verità.
  43. Fiamma al vento è la passione che si dimena per non spegnersi.
  44. Tra due amanti poche volte finisce in pareggio.
  45. L'amore perfetto sopravvive anche alla sua fine.
  46. Tra la culla dei ricordi e l'altare delle speranze c'è la consapevolezza dei doveri.
  47. Crescere significa anche darsi dei limiti.
  48. Quanto più si riesce ad essere convincenti con le parole, tanto più si otterrà senza sudare.
  49. Si finisce per diventare schiavi delle proprie capacità, solo chi è inutile è veramente libero.
  50. L'unica arma che abbiamo per difenderci dall'imperfezione della nostra condizione è l'umorismo.
  51. La religione affonda le sue radici più che nello spirito, nel pregiudizio.
  52. I saggi hanno da sempre aperto sentieri spirituali, avendo il coraggio di non seguire l'altrui opinione.
  53. La fortuna è come una donna innamorata, finché lo resterà compiacerà i tuoi desideri,ma quando cesserà di esserlo, ti lascerà senza darti una spiegazione.
  54. La cultura rende l'uomo libero dal pregiudizio che lo incatena.
  55. Insegna meglio chi ha vissuto, che chi ha studiato.
  56. La solitudine è combattere da soli, non stare da soli.
  57. L'esitare é una forma di dubbio, e in quanto tale ci dà tempo per riflettere.
  58. Non bisogna parlare mai di ciò che non si sa, se non si vuol sembrare poco credibili in quello che si sa.
  59. Quando la fortuna gira dalla nostra parte é solo per prendersi gioco di noi.
  60. Le persone di spirito non hanno mai precluso a nessuno di entrare nelle loro cerchie, mentre gli sciocchi preferiscono starsene con i loro simili.
  61. Il critico dovrebbe fungere da giardiniere per l'artista, annaffiarlo con le sue critiche per farlo crescere, e sfoltirlo dalle idee superficiali.
  62. Si è più sicuri dell'infelicità perciò spesso ci rassegniamo ad essa.
  63. L'ambizioso si serve delle persone come gradini nella sua personale scala per arrivare al successo.
  64. Nel labirinto delle parole si finisce spesso per non trovare l'uscita.
  65. Dare forma al proprio turbamento distingue l'artista dall'intellettuale.
  66. Il presente non può essere associato a nessuno stato d'animo, perché è troppo distratto dal passato e dal futuro.
  67. Più proviamo ad essere qualcosa, più sembriamo qualcosa che con il nostro atteggiamento volevamo evitare.
  68. L'ignoranza per quanto sia disdicevole agli occhi altrui, è il segreto per essere felici e più a lungo.
  69. L'animo umano non è che un grosso pasticcio.
  70. La testa è come il cilindro di un mago, bisogna scavarci dentro per tirarci fuori qualcosa.
  71. Il sogno è il riflesso enigmatico della realtà interiore.
  72. Sono le cattive abitudini ad invogliare ai buoni propositi.
  73. Le cattive abitudini, come erbacce, attecchiscono in fretta e sono difficili da estirpare.
  74. Non fidarti di chi ti dice che sei importante, fidati di chi te lo dimostra.
  75. Talvolta si finge solamente di vivere per non morire.
  76. I figli hanno bisogno di due cose: di un posto dove tornare ogni qualvolta ne hanno bisogno o volontà ed una rampa da cui fargli spiccare il volo.
  77. La bellezza è misurabile tramite le emozioni che trasmette.
  78. Ciò che mi nutre nel contempo mi divora.
  79. Nel secolo del consumismo, i desideri di oggi riempiranno le discariche domani.
  80. Ci sono degli amori di sopravvivenza, quelli a cui ti aggrappi quando la solitudine ti porta alla deriva, sono amori salvagente ma proprio come salvagente non ci si può stare aggrappati per sempre.
  81. L'indifferenza fa più morti di qualsiasi male o arma.
  82. Ci stiamo spogliando dell'essenziale per vestirci di superfluo.
  83. La grandezza di un uomo si vede non solo dai buoni esempi che cerca di seguire, ma anche dalla fermezza con cui cerca di desistere dai cattivi.
  84. Non sai quanto puoi essere triste, finché la tristezza è l'unica scelta che hai.
  85. Se vuoi imparare qualcosa, prova ad essere come una spugna nell'oceano che assorbe solo ciò che gli serve.
  86. Per paura si commettono più errori di quelli che avremmo fatto avendo più coraggio.
  87. Il dramma della nostra epoca é che anche la stupidità si è messa a pensare.
  88. Il pensiero eccita più dell'atto, perché esso é come benzina sul fuoco, mentre la copulazione é l'acqua che spegne il fuoco.
  89. Esiste onanismo molto più fidato ed appassionato di rapporti di coppia.
  90. La verità è in ognuno di noi, perché ognuno di noi ne fornisce un punto di vista.
  91. Il domani ci spaventa più di qualsiasi cosa, per la sua ignota natura, ma se conoscessimo in anticipo il futuro, ci resterebbe solo da rassegnarci.
  92. Quando ti attaccano, non sentirti in obbligo di contraccambiare, limitati ad esercitare la tua condizione di superiorità.
  93. Non v'è amore più sincero quanto quello non meritato.
  94. In ogni sconfitta c'è sempre un premio di consolazione, la lezione che hai imparato perdendo qualcosa.
  95. La maggioranza delle persone prima di parlare, dovrebbe contare finché non gli sopraggiunge l'eterno riposo.
  96. Non c'è coppia là dove i difetti dell'uno non si incastrano con quelli del partner.
  97. La vita non ci guarda in faccia, figuriamoci nel cuore.
  98. Nasciamo senza nulla, moriamo senza portare via nulla, e nel mezzo ci affanniamo per possedere qualcosa.
  99. Immenso valore ha l'amore che doni agli altri, soprattutto sapendo che è l'unica cosa che hai.
  100. Bisogna amare quando ci si sente pronti, non quando ci si sente soli.
  101. Più sacrifici costa la tua vita e più acquista valore.
  102. Esulta anche delle tue sconfitte esse sono il volano per l'introspezione e il cambiamento. 
  103. Senza ostacoli, non c'è il rischio di caduta, ma senza cadere non si acquisisce la dimestichezza nel rialzarsi e continuare ad andare avanti.
  104. Il silenzio rende dignitosa ogni sofferenza.
  105. Tutto ciò che luccica segretamente è prezioso.
  106. La sincerità non fa sfoggio di belle parole, la sincerità non vuole colpire l'orecchio, ma il cuore.
  107. Per quanto ridotta ognuno di noi ha intorno una cerchia di ammiratori e una di detrattori, bisogna spesso diffidare dai primi e provare ad aprirsi ai secondi.
  108. Per il narcisista il mondo non è altro che la proiezione della sua bellezza.
  109. Il consumismo è la disciplina che ci insegna a consumare convulsamente senza saziarci.
  110. I genitori moderni preferiscono negarsi ai loro figli per non fargli mancare niente di superfluo.
  111. Si parla tanto di crisi economica, ma la vera crisi è quella delle idee.
  112. Se vuoi veramente sentirti diverso, prova ad essere te stesso, oltre che diverso sarai anche unico.
  113. Un fotografia del sole per quando ci si sforzi non può mica riscaldare.
  114. Amare senza ragione è l'unica ragione dell'amore, amare senza certezza é l'unica certezza dell'amore.
  115. Ci si considera spesso vittime delle malefatte altrui ma spesso non si è altro che complici involontari.
  116. L'amore deve essere l'incontro tra due libertà, se non vuole diventare una prigione.
  117. La vita non è altro che la costante ricerca dell'equilibrio.
  118. Le parole sono come cavalli selvaggi che corrono a briglia sciolta, solo una lunga riflessione può addomesticarle.
  119. Anche il male ha i suoi eroi.
  120. Non tutti i talenti sono fatti per essere riconosciuti.
  121. La bellezza esteriore è una beffa che il tempo si fa di noi.
  122. C'è tanto da tacere se si vuol continuare a farsi ascoltare.
  123. Capita che i geni nascano sempre molte generazioni prima di riuscire ad essere compresi.
  124. Non si può essere immortali per sempre.
  125. I poeti sono i portavoce di Dio, nei loro versi la sua parole trova pace.
  126. Solo Dio può dire se credo in lui.
  127. Una sola voce produce tanti suoni mentre tante voci producono un solo rumore.
  128. Nell'esitazione si sceglie di tergiversare.
  129. Se una persona ha un amico immaginario é pazzo, se tante persone hanno lo stesso amico immaginario è religione.
  130. L'anima è visibile solo nelle opere degli uomini che la vestono di materia.
  131. I pensieri più sono complicati e più ci attirano, come in una spirale senza fine.
  132. Si può prendere in considerazione di fare progetti, quando si mettono in preventivo i fallimenti.
  133. Non si può giudicare un uomo per come vive, ma per cosa morirebbe.
  134. Ci si può vantare di qualità che non si hanno a vita finché qualcuno non trova io coraggio di dimostrarci il contrario.
  135. Chi cerca lodi non le merita quanto crede.
  136. Il cuore è il metronomo dei pensieri.
  137. Quando si segue la folla ci si dimentica presto dove ci si è prefissati d'arrivare.
  138. Quando si fa parte di un gruppo i mediocri si sentono superiori rispetto a quel che sono, viceversa i superiori finiscono per sentirsi mediocri.
  139. Una rivoluzione dura il tempo di scandalizzare il mondo.
  140. Esistono svariati modi d'amare, ma di certo il più diffuso tra tutti questi è fingere di farlo.
  141. L'amore vede senza guardare mentre l'orgoglio guarda senza vedere.
  142. Un insegnamento senza umiltà è inutile ostentazione di un presunto saccente.
Carmen Maringola
  1. Abitudine: l’abito che ci sta più comodo.
  2. Il mondo è un libro che si legge per tutta la vita senza mai riuscire ad arrivare alla fine.
  3. La solitudine è il luogo più idoneo in cui si può incontrare l'Io e il silenzio l’unico modo di parlargli.
Daniela Marrocco
  1. Un dubbio può aprire il cammino a nuove scoperte. Troppi dubbi sono le sabbie mobili dove affondiamo, mentre il nostro sguardo si impegna a decidere quale via seguire.
  2. Un punto interrogativo è un gancio da afferrare per andare verso una verità. Solo che per ottenerla è necessario modificare il punto di vista, ponendosi qualche volta a testa in giù.
Gabriele Martufi
(Charleroi, 1969)
  1. La conoscenza raddoppia i dubbi e dimezza le certezze.  
  2. Mille uomini non possono cambiare il mondo, due innamorati possono farlo.
  3. La solitudine è per il pensiero ciò che la sorgente è per il fiume. 
  4. La solitudine a volte è la miglior compagna. Non fa mai domande inopportune e spesso dà delle risposte
  5. La vita è come una bilancia: da una parte vi è la ragione, dall'altra il cuore. Sta a noi cercare di non perdere l'equilibrio. 
  6. La gente ha sempre la bocca piena di parole e la testa vuota di pensieri.
  7. Quando non riusciamo a dimenticare, non ci resta che perdonare. 
  8. La verità illumina, il dogma abbaglia.
  9. Gli uomini vivono di sogni e muoiono di realtà.
Dinko Matkovic
  1. Il povero prega Dio, il ricco lo ringrazia.
  2. Non dimenticate che i diavoli sono angeli convertiti.
  3. Nessun aiuto dal cucchiaio nel piatto vuoto.
Antonio Mattina
(Palermo 1982)
  1. Uno sguardo si esprime con gli occhi di chi osserva.
Salvatore Mauriello
  1. La differenza fondamentale tra la “Dittatura” e quella che potremmo definire la “Democrazia in pratica” è solo nel fatto che la prima ti impone il suo giogo con la violenza e l’autoritarismo. La seconda ti impone il suo giogo con la giustificazione condita da una parvenza di partecipazione.
  2. La filosofia del politico non è nel fare ma nel dire di fare, egli non è caratterizzato dall’azione ma vive e prolifica nell'ipotesi di essa.
Clelia Moccia
  1. Il sorriso, la dignità e le mutande sono le uniche cose che nessuno deve mai riuscire a portarti via senza il tuo permesso.
  2. Non ci sarebbe stata tanta letteratura se le donne si fossero concesse più facilmente e si fossero fatte desiderare meno. E questo spiega anche il motivo per cui ora non ce n’è granché.
  3. Il miglior inchiostro per un poeta è un cuore dilaniato e sopraffatto dal dolore. Un tormento nuovo di zecca renderebbe poeta perfino un analfabeta.
Massimo Roberto Modenese
 (Verona 1965)
  1. "La legge è uguale per tutti". Sì... per tutti quelli che non hanno il potere, non hanno una buona protezione politica e non hanno la disponibilità economica per corromperla!... 
  2. “Non avrai altro Dio all’infuori di me”. E per fortuna! Ne ho già a sufficienza di uno solo... Figuriamoci averne più di uno: si metterebbero pure questi a litigare tra loro per contendersi il primo scranno in paradiso e per insediarsi nel Governo Teocratico Universale...! E poi dicono che siamo noi umani quelli affetti da egocentrismo e da narcisismo...!?
  3. “Non commettere atti impuri”. Perlomeno, cerca di essere sufficientemente furbo da non farti cogliere sul fatto e da non andare a confidarlo a qualcun’altro...
  4. “Non desiderare la roba d’altri”. Rubala e basta senza farti sorprendere in flagranza di reato.
  5. “Non dire falsa testimonianza”. Come no! Prova a dire sempre la verità... così poi, o ti ricoverano in psichiatria o ti condannano alla galera.
  6. “Non giudicare mai un uomo dall’apparenza”. No, ma puoi giudicarlo sicuramente dal grado della sua Imbecillità!...
  7. “Non nominare il nome di Dio invano”. Nominalo solamente quando sei fuori di te dalla rabbia e intendi accusarlo per averti regalato un inferno come questo.
  8. “Non rubare”. Non rubare al di fuori della legge; ruba solamente a norma di legge! 
  9. ”Chi è senza peccato...” sta sprecando una vita inutilmente 
  10. A me il sesso piace farlo di nascosto, le tentazioni o le trasgressioni sono piacevoli proprio perché sono vissute di nascosto, violando le regole della condotta morale pubblica... Se ad esempio una tendenza sessuale come l’omosessualità diventa qualcosa di lecito, di consentito, di legale o peggio, qualcosa che è moralmente permesso, non è più una trasgressione!... E allora che gusto c’è a praticarla?
  11. A mio giudizio, questo pianeta non è nient’altro che un immenso Manicomio!... Dovrebbero mettere un gigantesco tabellone visibile dallo spazio sul quale si legge: "Danger, Keep off! Madhouse. It’s very dangerous approaching to this planet and its civilization".
  12. Agli esseri umani della nostra razza piace essere maltrattati: preferiscono essere illusi e presi in giro, piuttosto che riconoscere la realtà dei fatti... se ti comporti in modo sincero e rispettoso nei loro confronti, troveranno un pretesto per ribellarsi e vendicarsi su di te... 
  13. Amare significa concedere al prossimo l’affetto, il rispetto e il perdono che molto spesso non si merita.
  14. Amare tutti in generale è il metodo più efficace per non amare nessuno nello specifico.
  15. Chi è corto di mente crede di avere sempre il diritto di dare il buon esempio a tutti. 
  16. Chi non ha propositi o non coltiva sogni prestigiosi anche un po’ ambiziosi nella propria vita, a prescindere dalla loro realizzazione, è destinato a vivere male e a sopportare una sgradevole esistenza... 
  17. Chi possiede denaro e sa produrre Business è qualcuno, chi non possiede denaro non è nessuno. Più ricco sei e più sei Importate, più povero sei e più tu non sei nessuno...
  18. Ci si prende sempre cura dei problemi degli altri per evitare di occuparsi dei propri...
  19. Costa molta più fatica fare un complimento o usare una gentilezza che attribuire un’accusa.
  20. È sorprendente rendersi conto di quanto talento siano dotate le teste vuote di parlare puntualmente a sproposito in ogni occasione... 
  21. E’ nostra predisposizione odiare sempre gli altri nella misura in cui odiamo profondamente noi stessi...
  22. E’ un nostro dovere perdonare sempre la condotta e le colpe del prossimo in quanto noi stessi per primi abbiamo sempre qualche colpa da farci perdonare.
  23. Finiamola una volta per tutte di prenderci tutti per il Didietro e ammettiamo onestamente la realtà dei fatti e la verità della reale situazione in cui siamo costretti a vivere senza Pseudo-Moralismi... L’altruismo, la moralità, l’amore nella forma umana o altri raggiri psicologici mondani simili non sono il principale motore che fa sopravvivere il mondo o che fa scampare la civiltà umana dall’estinzione...
  24. Gli affetti familiari e confidenziali più vicini a noi, purtroppo sono sempre i più prevenuti e i più maldisposti a riconoscere i nostri meriti, ma sono sempre i più bendisposti a coltivare pregiudizi e sottovalutazioni nei nostri confronti... (“Nemo propheta acceptus est in patria sua”).
  25. Gli esseri umani hanno continuamente la tendenza di associare irrazionalmente la spiritualità all’ordine, all’altruismo, alla bellezza, all’amore mondano, al pacifismo, alla tranquillità, alla felicità... La spiritualità ha dei criteri di esprimersi e di amministrarsi nella nostra dimensione materiale molto diversi dall’idea che abbiamo solitamente tutti noi nell’immaginario collettivo. 
  26. Gli esseri umani sono infedeli per natura: l’infedeltà ci viene spontanea in modo istintivo... E’ il mantenerci fedeli che richiede per noi uno sforzo costante e consapevole.
  27. Gli esseri umani spendono tutto il tempo della loro vita ad ingegnarsi nel tentativo di costruirsi una Maschera sociale e conformistica dietro la quale potersi nascondere da sé stessi e dagli altri...
  28. Gli individui dotati di una personalità masochistica o autolesionistica hanno la tendenza cronica di provocare inconsciamente delle reazioni di vendetta in altre persone, allo scopo di soddisfare i propri impulsi di autopunizione maniacale.
  29. Gli individui massificati sono insopportabili!... Fate uno sforzo ogni tanto e cercate di costruirvi una vostra originale personalità! Non è necessario che possa piacere a tutti, l’importante è che voi ne abbiate una... Col tempo imparerete a plasmare la vostra personalità in modo tale che possa piacere anche agli altri o quantomeno che possa essere facilmente tollerata anche dagli altri.
  30. Hai mai provato a fare del sesso con una persona che stai odiando profondamente?... Non c’è nulla di più eccitante e di più trasgressivo...
  31. I privilegi rafforzano la passività.
  32. I sogni di successo personali rimangono spesso irrealizzati, ma aiutano molto a vivere meglio o a trovare quella forza interiore necessaria per lottare e difenderci nella vita allo scopo di raggiungere le nostre mete 
  33. Il cretino parla sempre quando se ne dovrebbe stare zitto e se ne sta zitto quando sarebbe necessario parlare. 
  34. Il destino perseguita sempre le persone leali, quelle innocue e quelle ingenue... mentre invece protegge sempre con amorevole cura gli individui malvagi.
  35. Il dubbio accresce nell’uomo l’intelligenza... solamente gli idioti sono sempre certi delle loro pseudo-verità.
  36. Il tradimento si esprime con lo stesso principio della vendetta: "La vendetta è un piatto che va consumato freddo"; il tradimento è un piatto che va consumato di nascosto.
  37. In amore, meno conoscete il vostro compagno e più durevole sarà la vostra relazione.
  38. In questo mondo non esistono e non sono mai esistiti gli Innocenti: siamo tutti colpevoli di qualcosa...!
  39. In questo mondo non esistono innocenti, né santi, né fenomeni, né potenti, né persone importanti, né sani di mente, ma esistono solo trucchi e mascheramenti per farli apparire tali!...
  40. In questo mondo, il diritto di vivere dignitosamente in una condizione gratificante è concesso solamente ai mediocri e ai ladri.
  41. In questo mondo, possedere un quoziente intellettivo molto elevato sembra essere più una condanna che una virtù.
  42. In una relazione di coppia stabile e durevole trovi sempre una persona tra i due che ama di più in Quantità e l’altra che ama di più in Qualità.
  43. Insegnano di più dieci sconfitte che cento successi...
  44. Invidio profondamente il successo altrui, quello di coloro i quali sono diventati ricchi e famosi, tuttavia sarei molto meno tormentato nel caso in cui questi se lo meritassero...
  45. L’amare nella forma umana in una relazione sentimentale non è altro che la migliore combinazione tra tornaconto, compromesso e illusione.
  46. L’amore è far sentire un’altra persona uguale a te stesso, farla sentire al proprio pari, farla sentire allo stesso nostro livello, né inferiore né superiore.
  47.  L’amore è la nostra esigenza inconscia, legata ad una reminiscenza, di reintegrarsi in Dio...
  48. L’amore mondano espresso nelle relazioni di coppia è una compensazione delle proprie insicurezze, delle proprie debolezze e dei propri difetti.
  49. L’amore mondano, inteso come gratificazione passionale ed emotiva dei sensi, è un affetto espresso in modo ossessivo su una specifica persona. 
  50. L’amore non si dimostra pronunciando semplicemente delle convenzionali locuzioni; l’amore si dimostra con la propria costante presenza, con la propria costante dedizione, con il proprio costante perdono e con il proprio costante rispetto nei confronti del proprio compagno d’affetto. 
  51. L’anima inizia a parlare quando tu inizi a rispettare il tuo silenzio interiore... 
  52. L’essere umano condanna sempre negli altri i difetti respinti e disapprovati che non riesce a correggere di sé stesso.
  53. L’essere umano è cronicamente affetto dalla psicopatologia del giudizio facile ed infondato: non si fa perdere la minima occasione e il minimo pretesto ideale per accusare il prossimo di non essere conforme alle regole, agli insegnamenti, ai principi, ai canoni o ai divieti morali con cui egli è stato civilizzato dalla società, dallo stato, dalla religione, dalle tradizioni e dai costumi culturali del suo ambiente vitale. Tutto questo perché la società ha la tendenza di imporre ed inculcare una certa tipologia di cultura ai propri individui, limitandone il libero esercizio del pensiero soggettivo, uniformandolo alla volontà della maggioranza e perché la società mira a massificare e a globalizzare tutti i suoi membri costituenti.
  54. L’ignorante fa della sua stessa ignoranza un pregio di cui vantarsi. 
  55. L’inferno è solo un’immensa Panzana inventata per nutrire e soggiogare i poveri di spirito!... Nessuno di noi andrà mai all’inferno, a quello della tradizione cristiana... Noi qui... siamo già all’inferno! In realtà, questa nostra esistenza che stiamo vivendo sul nostro pianeta è il nostro esclusivo Inferno. Di confortante, comunque, c’è che lo possiamo anche peggiorare se vogliamo...
  56. L’intelligenza e la sensibilità sono armi a doppio taglio: procurano più guai e sofferenze che vantaggi...
  57. L’odio è la proiezione del proprio Egotismo e del proprio Narcisismo esasperati su altre persone.
  58. L’unica persona che ho incontrato nella mia vita e che sia stata in grado realmente di annientarmi totalmente nella mia dignità è me stesso!... 
  59. L’uomo manifesta il proprio istinto di trasgressione nella follia; la donna esprime il proprio istinto di trasgressione nel raggiro psicologico.
  60. L’uomo usa la parola per illudere... le persone usano la propria indole interiore per deludere 
  61. La forza della disperazione e un rancore profondo aiutano a crearsi le proprie armi di difesa.
  62. La maggioranza degli esseri umani di questa civiltà terrestre trascorre tutta la propria esistenza coltivando l’indifferenza verso se stessi e verso gli altri... senza così acquisire dalle proprie esperienze materiali una significativa e necessaria Critica Interiore: un’esperienza materiale, terrena priva di un’adeguata elaborazione mentale e razionale non vale nulla ed è totalmente inutile dal punto di vista evolutivo...
  63. La Presunzione è l’oppio dei popoli
  64. La rappresentazione immaginaria del demonio, quella concepita dalla chiesa cristiana, è il nostro capro espiatorio simbolico ideale; è la proiezione dei nostri complessi di colpa, delle nostre irresponsabilità, dei nostri istinti rifiutati e dei nostri rimorsi di coscienza dai quali siamo cronicamente perseguitati. 
  65. La saggezza non deriva dalla vecchiaia, la saggezza è il prodotto delle esperienze vissute e fatte proprie.
  66. La sopravvivenza di qualsiasi individuo su questo pianeta è dovuta esclusivamente al possesso di denaro, allo sviluppo dell’economia soggettiva e collettiva. Se hai denaro puoi vivere, se non hai denaro devi soccombere e diventi un parassita che grava sulla società...
  67. La specializzazione dei sessi è solo esteriore; è solo apparente; è solamente anatomica. Le persone sono tutte diverse tra di loro, ma istintivamente siamo tutti uguali. Gli istinti sono identici per tutti!...
  68. La Superbia nutre gli stolti. La Pretesa sfama gli imbecilli. L’arroganza sazia i mediocri. L’immodestia ristora i somari.
  69. Ladri si nasce, non si diventa...
  70. Le brave persone, al giorno d’oggi, non piacciono più a nessuno: sono considerate noiose, fesse, inesperte e poco pratiche.
  71. Le contraddizioni, le incoerenze della nostra personalità ce le creiamo da noi stessi proprio per rendere la nostra vita un po’ più speziata, più saporita, un po’ meno insipida...
  72. Le cose più irresistibili della vita sono quelle che si commettono di nascosto...
  73. Le persone astute, i malvagi e coloro che hanno l’abitudine di rubare lo spazio e l’energia vitale altrui riescono sempre ad uscire vincenti dalle situazioni rischiose e dalle azioni d’ingiustizia morale, facendo ricadere le loro colpe sulle loro vittime sacrificali e facendo subire i danni da loro causati a qualcun’altro.
  74. Le rappresentazioni simboliche del male sono utilizzate generalmente da noi con lo scopo di fare da deterrente psicologico con cui reprimere gli stessi istinti che hanno indotto la mente umana a concepirle.
  75. Le Tentazioni non devono essere represse, ma devono essere esaurite: indebolite nella loro attrattiva, nella loro proprietà seduttiva in esse contenute.
  76. Le vie per il manicomio sono infinite...
  77. Meglio stringere un’alleanza con il tempo dato che esso rappresenta per noi un avversario molto temibile: questo eviterà a noi di soffrire durante le attese. 
  78. Negare l’esistenza di Dio è come negare l’esistenza di noi stessi... 
  79. Nella maggioranza dei casi i genitori si limitano semplicemente a modellare i propri eredi sulla base della propria educazione ereditata a loro volta, sulla base delle proprie esperienze fatte, della propria cultura, del proprio quoziente d’intelligenza, ma soprattutto sulla base dei propri disturbi mentali ereditati dai loro ascendenti.
  80. Nella maggioranza dei casi, la spiritualità non è altro che un pretesto che tu vai a cercare quando hai bisogno di esorcizzare lo squallore della tua vita...
  81. Nella nostra società raramente si incontrano coppie di genitori che siano realmente qualificati per trasmettere un valido esempio ai propri figli... 
  82. Nella vita, la cosa importante non è avere valori morali, ma l’importante è dare l’illusione di possederli.
  83. Nelle nostre quotidiane relazioni sociali, credo che sia molto più importante saper tollerare gli altri, anziché saper amare generalmente... poiché se sei capace di tollerare il prossimo, concordi e convivi con tutti, contrariamente se sai solo amare chiunque in modo generico, rischi di finire con l’amare solamente chi ti fa comodo.
  84. Nelle situazioni critiche di pericolo, spesso è meglio un’ottima e dignitosa ritirata che una pessima vittoria da codardi 
  85. Noi esseri umani cerchiamo sempre di provocare il disordine nelle nostre vite, grazie al quale poterci creare una sensazione di libertà, di sollievo e di indipendenza dall’oppressione esercitata dall’esistenza materiale. 
  86. Non ci si dovrebbe mai dimenticare di miscelare la saggezza con un po’ di follia.
  87. Non ci si rende mai conto realmente di cosa sia veramente un corpo biologico fintantoché il tuo corpo non si ammala gravemente.
  88. Non esiste nessun demonio da nessuna parte. L’unico demonio che io conosca sta nell’intimo della nostra mente... Il demonio in realtà è soltanto una straordinaria trappola per allocchi di grande successo.
  89. Non giudicare mai gli altri, non criticare mai il prossimo, non incolpare ed accusare mai nessuno... Prima o poi, diventerai tutto ciò che hai odiato.
  90. Non rivelare mai a nessuno che non sia fidato, di essere per qualche motivo temporaneo felice. Questi inizierà prontamente a fare di tutto per farti diventare Infelice o farti ritornare di nuovo triste!
  91. Odia il prossimo tuo come te stesso.
  92. Ogni essere umano appartenete ad una società civile ha il diritto di manifestare almeno 15 minuti al giorno di irrazionalità.
  93. Personalmente, nelle mie relazioni d’amore, i momenti più belli che ho vissuto sono stati quando ci si salutava a tarda notte per tornarcene finalmente ognuno a casa propria...
  94. Quando hai conosciuto a fondo i meccanismi mentali, cioè la mente di un essere umano qualsiasi, poi hai conosciuto la mente di chiunque...
  95. Quando prendiamo la decisione di correggere il nostro carattere o la nostra personalità per migliorarci, in realtà significa che stiamo sostituendo i nostri difetti vecchi con degl’altri nuovi.
  96. Quando qualcuno non ha proprio nulla da insegnare a nessuno, l’unica attività a cui si dedica assiduamente con ostinazione, determinazione e zelo è il mettersi a fare il maestro di vita onnisciente ed onnipotente con chiunque gli arrivi a distanza di tiro 
  97. Quando scopri un difetto di una persona, poi arrivi a conoscere anche tutti gli altri che le appartengono: quando ne hai individuato uno e lo hai smascherato, in un secondo momento escono fuori allo scoperto reattivamente anche tutti gli altri difetti, ad uno ad uno, concatenati tra loro...
  98. Quando sei un individuo mediocre, quando non sai fare nulla nella vita, quando non possiedi quel senso di umiltà che ti conduce a renderti conto che non sei nessuno, che la tua esistenza è totalmente inutile, l’unica cosa che ti rimane da fare è metterti a criticare i talenti, le vocazioni, le abilità delle persone brillanti, virtuose, intraprendenti, più intelligenti di te!... Brevemente, dedichi tutta la tua vita a sminuire e a svalutare invidiosamente l’intelligenza e la genialità altrui delle quali non sei dotato.
  99. Quando si è innamorati di qualcuno, si entra sentimentalmente in una dimensione spazio-temporale dove tutti i sogni si avverano e dove la magia dell’amore ti fa vedere meravigliosa qualsiasi cosa... perfino la tristezza e il dolore!...
  100. Se possedessimo tutti la facoltà di saper leggere i pensieri nella mente dei nostri familiari, dei nostri parenti, dei nostri coniugi e dei nostri amici, saremmo tutti condannati a vivere da soli come un eremita, poiché ci troveremmo costretti a prendere la decisione di non frequentare più nessuno a causa della delusione subita. 
  101. Se pretendi di far comprendere qualcosa ad una testa vuota, significa che tu sei ancora più idiota di lui. 
  102. Se ti rifiuti di affrontare un ostacolo, una difficoltà nella tua vita, quest’ultima ti sottoporrà ad un ostacolo, ad una difficoltà molto maggiori e più difficili ai quali non ti potrai opporre.
  103. Se vuoi ottenere successo in questa società, devi nascere mediocre e superficiale...
  104. Selezionate sempre molto bene i vostri interlocutori prima di confidare a loro qualcosa di personale: non tutti hanno le stesse esperienze, la stessa cultura, lo stesso talento, lo stesso quoziente d’intelligenza, gli stessi valori e lo stesso codice di condotta morale.
  105. Si sa che il sesso piace a tutti, ma che bisogno c’è di andare a dire a tutto il mondo cosa ti piace fare?
  106. Solitamente, le teste vuote si fanno riconoscere subito per il fatto che hanno sempre l’autoconvinzione di possedere il dono divino della verità rivelata. 
  107. Tieniti usualmente alla larga da tutti quei soggetti che cercano di riportarti a rivivere il tuo passato sofferto, tormentato e che tentano in vari modi di inibire psicologicamente la tua evoluzione individuale.
  108. Tutte le strade portano al manicomio...
  109. Tutto quello che è permesso ed è stato stabilito legale dalla società non è considerato reato, anche nel caso in cui questo lecito entra in conflitto con i nostri principi etico-morali...
  110. Tutto quello che non si conosce, quello che non si comprende, quello che non si patisce sulla propria pelle non fa mai soffrire.
  111. Un basso quoziente intellettivo, un basso quoziente di raziocinio e un basso quoziente di sensibilità sono tre potenti ed efficienti meccanismi difensivi per evitare di afferrare e penetrare coscientemente i dettagli, gli aspetti più profondi e più impercettibili della realtà materiale: in questo modo eviti una sofferenza oltremisura.
  112. Vivere in un corpo biologico è un lavoro veramente sporco, ma qualcuno lo deve pur fare.
Costanza Morchio
(Ovada, 1997)
  1. La differenza tra "piacere", "voler bene" e "amare" è la stessa differenza tra "per adesso", "per un tempo" e "per sempre".
Marko Morciano
  1. Non sfidate mai il vostro cuore, è una sfida persa in partenza.
  2. Alcune persone sono come delle canzoni, è impossibile dimenticarle.
  3. È difficile diventare davvero importante per una persona, perché ognuno ha già qualcuno di importante nella propria vita, che non ha spazio per nessun altro.
  4. Se avete un pezzo di cuore di ferro, prendetevene cura, in realtà, è la parte più fragile di noi.
Davide Morelli
(Pontedera 1972)
  1. Fare esperienza vuol dire anche sporcarsi l'anima.
  2. Anche noi scemi del villaggio ci siamo evoluti: siamo diventati scemi del villaggio globale.
  3. Gli ignoranti copiano. I postmoderni citano. I manieristi cercano di emulare. I professori si documentano. Gli artisti si ispirano. Quindi i più creativi sono quei critici letterari che recensiscono libri senza averli mai letti.
  4. La fedeltà logora anche i più monogami.
  5. Un tempo esistevano i malati immaginari. Ora tutti si fanno l'autodiagnosi consultando internet. Siamo tutti malati virtuali.
  6. Teoricamente la cultura è il pane di domani. Praticamente la finanza con le sue speculazioni è il cibo avvelenato di oggi.
  7. Siamo tutti viandanti e nessuno sa quando finisce il cammino.
  8. I comici e i politici talvolta si scambiano mestiere.
  9. Abbiamo avuto il progresso tecnologico ma non lo sviluppo storico.
  10. L'unica cosa immutabile è l'eterno divenire.
  11. Non so più a chi credere: tanto vale che creda in me stesso !
  12. La vita non è un gioco a somma zero. La vita non è un gioco.
  13. Tu cerca e alla fine sarai trovato.
  14. Comunque non lamentiamoci troppo del progresso. Ricordiamoci anche dei nostri avi che morivano prematuramente per una influenza, un ascesso o di tetano.
  15. La civiltà dell'immagine suggestiona anche gli individui meno suggestionabili.
  16. Ognuno è un assassino nel teatrino infelice del proprio inconscio.
  17. Il potere è la sublimazione del sesso o una grande facilitazione per fare sesso.
  18. Non necessariamente un alleato è un amico: spesso è solo un alleato.
  19. Questa è l'epoca in cui gli stessi amanti sono cornuti.
  20. Nonostante una rassicurante quotidianità un attimo prima puoi esserci e un attimo dopo puoi non esserci più.
  21. Nella vita sono rari gli istanti in cui ci sentiamo davvero vivi.
  22. Chi usa la parola "basito" mi basisce.
  23. Il colmo per un magro? Morire il Giovedì grasso.
  24. Molti confondono il giudizio di Dio con il giudizio dei bigotti.
  25. L'Italia è un Paese dalle virtù private e dai vizi pubblici.
  26. Ci sono fondamentalmente quattro tipi  di persone, che hanno atteggiamenti diversi nei confronti della vita: gli illusi, gli ottimisti, i pessimisti, i realisti. Gli illusi e gli ottimisti non vanno presi neanche in considerazione. I realisti sono i più equilibrati. I pessimisti i più lungimiranti.
  27. La fantasia è deleteria quando diventa gelosia.
  28. C'è una cosa peggiore della stupidità: la presunzione di sentirsi intelligenti.
  29. Nessun gruppo di persone vuole sentirsi chiamare "gente".
  30. Il tempo dà ragione sempre troppo in ritardo. Molto spesso dà ragione ai cadaveri.
  31. Chi ama troppo finisce per essere un masochista. Chi viene amato troppo finisce per essere un sadico. Ma non è questione di cattiveria o di carattere. È solo la spietata legge della domanda e dell'offerta.
  32. Il popolo è sovrano solo quando gli si vuole propinare delle cretinate a basso costo.
  33. Quando subiamo un ingiustizia dimenticare è più facile che perdonare.
  34. Non vedo sulla faccia della Terra un nuovo Confucio, un nuovo Socrate, un nuovo Cristo, un nuovo Platone, un nuovo Cartesio, un nuovo Kant, un nuovo Freud, un nuovo Marx. È il segno che stiamo regredendo o che forse tutto è già stato fatto e scritto?
  35. Le disgrazie talvolta fortificano. Più spesso deprimono.
  36. Rigurgito anti-intellettuale: preferisco il sentimentalismo al decostruzionismo.
  37. Bisogna essere cauti ed evitare di essere caustici.
  38. Ci sono in giro persone più false delle banconote del Monopoli.
  39. L'abitudine è una schiavitù autoimposta e al tempo stesso una piacevole conferma che niente ci ha sconvolto la vita.
  40. Talvolta per giungere alla verità bisogna capovolgere la realtà.
  41. L'etica cristiana è basata sull'intenzione e sul perdono, ma molti cristiani se lo scordano
  42. Le donne, appena diventano madri, spostano la maggior parte del loro narcisismo sui figli.
  43. Quando si invecchia si diventa tutti salutisti.
  44. Lavorare meno, lavorare tutti. Ma chi glielo dice a certi stakanovisti?
  45. Nessuno muore mai in pace perché ci sarebbero tante altre cose da fare e nessuna esistenza è mai pienamente compiuta.
  46. Chi dice che oggi l'unica trasgressione è la normalità non ha ancora capito che la normalità non esiste.
  47. Chi dice che la fortuna non esiste è stato abbastanza fortunato da non aver conosciuto la sfortuna, anche se non lo ammetterà mai.
  48. Dovendo scegliere tra i due, tutti vorrebbero essere come Don Chisciotte piuttosto  che come Sancho Panza. Tutti preferirebbero essere considerati pazzi piuttosto che persone semplici dotate di buon senso.
  49. È sempre più difficile essere originali. Io modestamente non lo sono.
  50. Starsene  in santa pace è solo un modo di dire.
  51. La cosa più triste è pagare per gli errori altrui.
  52. Giovinezza fa rima con avventatezza. Adolescenza fa rima con incoscienza.
  53. Chi usa eccessivamente la parola "sostanzialmente" ha poca sostanza nei suoi discorsi.
  54. Molti italiani se ne fregano del colore politico del governo. Per loro l'importante è tirare a campare.
  55. Il sesso un tempo era anche trasgressione. Oggi è solo uno sfogo.
  56. I vincitori scrivono la storia e ai posteri di tutti gli altri (neutrali e perdenti) non resta che impararla.
  57. È meglio vivere che pensare e scrivere.
  58. Le persone colte per stare con gli altri senza crearsi dei problemi non devono mai dare sfoggio di cultura e devono usare la diglossia.
  59. La diversità in genere è arricchimento, ma va saputa gestire: altrimenti è una fonte inesauribile di problemi.
  60. L'arte non è morta, ma moribonda.
  61. Ogni scrittura per essere un minimo decente deve avere un sottofondo di autoironia.
  62. Un tempo prima di scrivere studiavano Croce, De Sanctis, Lukacs. Studiavano la poesia ingenua di Schiller, il pensiero poetante di Holderlin, la critica del giudizio kantiana. Oggi scriviamo tutti senza più tutte queste sovrastrutture ideologiche ed estetiche. Purtroppo o per fortuna.
  63. Il reality show è interessante da un punto di vista psichiatrico. Sono interessanti l'esibizionismo dei partecipanti, i meccanismi di identificazione con i protagonisti da parte del pubblico, il voyeurismo di milioni di spettatori.
  64. Il presupposto di molti è che Dio sia innocente. E se invece avesse creato il male per divertirsi?
  65. Lo stoicismo,l'epicureismo, l'ateismo e l'agnosticismo vanno bene quando si gode di ottima salute. Per altri momenti nutro dei seri dubbi.
  66. I giovani nella stragrande maggioranza sono solo dei consumatori. Guai per il mercato se diventassero consumatori critici!
  67. Se non dai ragione a uno stupido significa che sei altrettanto stupido.
  68. Di santa c'è solo la pace e non la guerra.
  69. Guerra santa, guerra civile, bomba intelligente sono solo gli ossimori più stupidi del linguaggio umano.
  70. Molti cercano di raggiungere un modello prefissato. Pochi ce la fanno. Sono una rarità quelli che lo superano.
  71. Carpe diem? Ma se viviamo sempre nel passato prossimo.
  72. Mai prendersi troppo sul serio. Mai prendersi. Piuttosto lasciarsi: lasciarsi andare senza esagerare.
  73. Oggi solo i preti usano la parola "anima".
  74. Per molti uomini è un tabù parlare di sentimenti. Per molte donne è un tabù parlare di sesso. Eppure entrambi vogliono sia sentimento che sesso.
  75. Un paradosso sociale è che persone intelligenti possono formare un gruppo stupido.
  76. Nell'innamoramento vengono accentuati i pregi ed eliminati i difetti. Una volta passato che delusione constatare realmente l'oggetto del desiderio!
  77. Un tempo c'erano le favole ed ogni favola aveva una morale. Oggi nessuno crede più alle favole e manca una morale.
  78. L'amore non esiste. Esiste solo l'innamoramento prima e il volersi bene durante il matrimonio. Il mondo va avanti grazie all'inganno.
  79. Se ragionassimo sempre a rigor di logica e se parlassimo sempre con cognizione di causa in poco tempo impazziremmo tutti.
  80. I dialoghi sono sempre più monologhi camuffati.
  81. Gli italiani sono sospesi tra religione e superstizione.
  82. È difficile trovare una linea di demarcazione tra autostima e presunzione.
  83. Andare dal dentista è sempre antipatico, anche se il dentista è gentile e simpatico.
  84. La società scoraggia a tutti i livelli il senso critico perché chi lo possiede è un pessimo consumatore.
  85. L'altruismo è anche un ottimo modo per stare bene con se stessi.
  86. Strana razza l'intellettuale: più scrive in modo incomprensibile, più viene ritenuto intelligente e colto.
  87. Farsi dare del cretino da un cretino significa ricevere un complimento. Infatti meno per meno fa più e la doppia negazione afferma.
  88. Nessuno è intelligente come pensa di essere.
  89. Ci sono sempre più persone esibizioniste, che non hanno niente di speciale da esibire.
  90. La voce della coscienza è sempre più rauca.
  91. Forse la cultura origina da quel che gli psicologi chiamano faustismo, ovvero dal desiderio di lasciare tracce indelebili per i posteri. Tutto questo per vincere la morte.
  92. Certi grandi imprenditori pensano di stare giocando a Monopoli. Certi grandi politici pensano di stare giocando a Risiko.
  93. Chi ti sottovaluta ti avvantaggia.
  94. Oggi c'è poco spazio per la metafora e l'affabulazione in generale: è la civiltà o l'inciviltà dell'immagine.
  95. L'autoironia è la migliore arma contro la propria stupidità.
  96. È impossibile non pensare a niente ed è difficile pensare di questi tempi.
  97. Le beghine,non avendo una vita propria, spettegolano sulla vita altrui.
  98. Il futuro è un libro intonso di cui si conosce l'ultima pagina.
  99. I vecchi sono giovani invecchiati troppo presto.
  100. Purtroppo non esiste solo il conformismo. C'è anche il conformismo dell'anticonformismo.
  101. I soldi non fanno la felicità, ma eliminano molte cause di infelicità.
  102. In Italia la verità se arriva subito è scomoda, se arriva tardi è scontata. Comunque non arriva mai in tempo.
  103. Scrutare l'abisso, ma fermarsi sull'orlo del precipizio.
  104. La conoscenza di noi stessi è discontinua ed extralogica. Di questo abbiamo timore ed allora cerchiamo superficialmente gli altri. Negli altri troviamo la cattiveria ed allora ci rifugiamo nuovamente in noi stessi.
  105. Forse tutto è già stato scritto. Forse si tratta solo di riscrivere o di scrivere delle minuscole note a margine.
  106. Esistono soltanto istanti felici. Siamo ingannati dalla memoria quando ci ricordiamo di periodi felici.
  107. Poche parole sono insufficienti. Troppe parole confondono. Nessuno sa mai quante sono le parole giuste.
  108. Quel treno fermo su quel binario morto quante vite e quanti amori ha trasportato!
  109. Le falsità che dicono sul nostro conto ci fanno assolutamente meno male delle verità che dicono sul nostro conto.
  110. Il passato per quanto possibile va conservato. Il presente per quanto possibile va colto. Il futuro per quanto possibile va pianificato.
  111. Per vivere bene non importa capire. Il raziocinio spesso è un ostacolo.
  112. Triste realtà: dobbiamo sempre indossare delle maschere e sottostare al gioco delle parti.
  113. Non so se Dio esista. Ma se esiste sembra far di tutto per far credere che non esista.
  114. Paradosso della coscienza: diamo del lei a certi lestofanti e diamo del tu a Dio quando preghiamo.
  115. Non sopporto chi ostenta la sua cultura. Non sopporto chi ostenta la sua ignoranza. Non sopporto chi ostenta. Non sopporto chi non sopporta. Non sopporto neanche me.
  116. Non tutti gli individui intelligenti sono creativi, ma tutti i creativi sono anche persone intelligenti.
  117. Le letture fortificano l'intelligenza. Un paio di belle gambe femminili la nullificano in un istante.
  118. Un computer non avrà mai inconscio, emozioni, libido, sentimenti. Non disprezziamo questo nostro impasto di nervi, sangue ed ormoni tipicamente umano.
  119. Un buon amico è uno che ti presenta le ragazze.
  120. Il dovere non è altro che il rovescio del diritto.
  121. Ad un certo punto i genitori muoiono o devono essere assistiti perché sono infermi. È allora che i figli, ormai maturi, rimpiangono come non mai la spensierata giovinezza.
  122. Tra internazionalismo e nazionalismo alla fine vinse la globalizzazione.
  123. Espressioni verbali che rendono subito snob una persona: "stato dell'arte", "momento topico", "esecrabile", "apotropaico", "non possiamo esimerci ".
  124. Al massimo generalizzate, ma non discriminate.
  125. Peggio di tutti stanno i quarantenni: non hanno lo slancio vitale dei ventenni e neanche la pensione dei settantenni.
  126. Trovo che l'immagine più poetica sia quella di raggi di sole, che filtrano dalle imposte e illuminano il pulviscolo. Se si dovesse salvare una sola immagine poetica io personalmente sceglierei quei corpuscoli sospesi e illuminati.
  127. Non sarà una società multirazziale né multirazzista. Sarà una società asociale.
  128. La prolificità non è mai sinonimo di qualità. Comunque anche gli scrittori devono mangiare: perdoniamoli.
  129. È un esercizio pericoloso smascherare la cafonaggine altrui ed è molto più utile smascherare la propria.
  130. Non confondiamo la spigliatezza con il talento.
  131. Ci vuole sia la teoria che la pratica. Con la sola teoria l'uomo rischia di finire nel pozzo come Talete. Con la sola pratica rischia invece di finire come il tacchino induttivista di Russell.
  132. È un peccato non commettere certi peccati.
  133. Un dubbio non è altro che una certezza intelligente.
  134. La vita è assurda. Bisogna esserne consapevoli, ma vivere come se non lo fosse.
  135. Il tempo libero per molti è noia o sballo. Niente altro.
  136. Gli scienziati studiano l'infinitamente piccolo e l'infinitamente grande. Peccato che gli esseri umani sono finiti e di media grandezza !
  137. La maggioranza dei borghesi usa i libri come soprammobili.
  138. Chi pensa che si stava meglio quando si stava peggio si sbaglia. È soltanto che allora era più giovane. 
  139. In Italia per stare comodi bisogna essere accomodanti.
  140. C'è un abuso della libertà di parola, mentre è in disuso la libertà di pensiero.
  141. Certe donne cercano nel loro uomo il padre e trovano soltanto un bambino attempato.
  142. Ci autoassolviamo sempre perché facciamo cadere sempre le nostre colpe in prescrizione.
  143. La legge è piena di cavilli. In politica regnano invece gli intrallazzi.
  144. L'unica cosa certa  nella vita è l'incertezza.
  145. Bella la morte che elimina ogni sofferenza! Tremenda la morte che elimina ogni speranza! 
  146. Non si vedono più in giro nasi aquilini, orecchi a sventola, doppi menti. Tanti scelgono di rifarsi piuttosto che di accettarsi.
  147. "Ama il prossimo tuo come te stesso". E chi odia se stesso? 
  148. Quando le compagne di scuola non vengono più guardate negli occhi l'innocenza è perduta per sempre. 
  149. Tra tutte le donne che scendono a compromessi solo le più belle fanno carriera.
  150. Le regole si possono applicare in modo elastico o fiscale. Ma spesso in Italia non si applicano affatto.
  151. I barboni sono dei santi laici.
  152. Io non sono un fallito qualunque: sono un fallito totalmente riuscito.
  153. Parla come mangi e scrivi come caghi.
  154. E se Satana fosse uno pseudonimo di Dio ?
  155. Molte identità sono specchi in frantumi.
  156. Sono se sempre più i moralisti senza morale.
  157. È così difficile pensare per un'ora senza rimuginare le proprie fantasie erotiche.
  158. La noia è per certi versi autoalienazione.
  159. Fallire è un poco morire.
  160. Prima di pensare a salvarsi l'anima bisognerebbe pensare a salvarsi la pelle.
  161. La fantasia al potere ? Forse no. Ma non dovrebbe nemmeno trovarsi nell'ufficio oggetti smarriti.
  162. Il matrimonio può essere un'istituzione superata per i coniugi, ma è necessaria per i figli piccoli e gli amanti pigri.
  163. Gli sbadigli e il riso sono socialmente contagiosi. Il buon senso mai.
  164. La maggioranza delle persone arrivate pensano che sia esclusivamente per merito loro. La maggioranza delle persone che non c'è l'ha fatta pensano che sia esclusivamente per sfortuna. 
  165. Il più grande difetto della giovinezza è l'incoscienza. Il più grande pregio è la spensieratezza. 
  166. Gli italiani di oggi sono più formali,  ma meno gentili di un tempo.
  167. Siamo così sicuri quando giudichiamo gli altri. Siamo così pieni di dubbi quando giudichiamo noi stessi.
  168. Che senso ha essere ricchi se poi si hanno dei pessimi gusti e si comprano solo schifezze ?
  169. Chi vuole l'uomo forte lo vada a cercare in palestra.
  170. Gli amici possono essere simili. La persona amata è meglio se è complementare.
  171. L'ozio è il padre dei vizi e il patrigno dei liberi pensatori.
  172. Un tempo chiedevano l'autografo ai vip. Oggi chiedono di farsi l'autoscatto. È il nuovo modo di elemosinare la fama.
  173. Aveva sempre la battuta pronta ma viveva a scoppio ritardato.
  174. Ero troppo in anticipo per la mia generazione e troppo in ritardo per la generazione successiva.
  175. Un aforisma non è altro che una battuta un poco saggia. Niente altro.
  176. Mi dispiace ma non ho un'idea romantica dell'amore. Non credo nemmeno che esista l'amore: passata la giovinezza in buona parte dei casi noi uomini guardiamo esclusivamente alla bellezza femminile e in buona parte dei casi le donne si concedono ai loro mariti per avere una nuova lavastovoglie. 
  177. In Italia in fondo è da tempo immemorabile che stiamo vivendo un compromesso tra monogamia e poligamia: sarebbe l'ora di istituzionalizzare lo status dell'amante.
  178. Per Montesquieu le leggi dovevano essere "poche, chiare, semplici". In Italia facciamo esattamente il contrario.
  179. Non bisognerebbe mai dare nulla per scontato,  nemmeno per i saldi di fine stagione.
  180. Basta una folata di vento e il destino fa crollare tutti i nostri castelli di carte.
  181. Dopo aver pianto tutte le lacrime non restano che le risate isteriche.
  182. Stare in società significa anche avere a che fare con ipocrisie, sorrisi di circostanza e mani sudaticce da stringere.
  183. Per amare ci vuole l'incoscienza piuttosto che il coraggio.
  184. Solo Dio riesce a starsene in perfetta solitudine.
  185. Bisognerebbe evitare di dire le bugie superflue e le verità cattive, se anche queste non sono necessarie.
  186. La notorietà senza i soldi non è altro che un frigorifero vuoto.
  187. Pochi sanno apprezzare la gioventù quando sono giovani.
  188. Non è detto che la scuola formi. Alcune volte invece può deformare le menti.
  189. Le persone sposate vivono più dei single, ma si annoiano anche di più.
  190. Mi piace scrivere che non ho niente da scrivere invece di non scrivere.
  191. La vita è una ruota che gira e la morte non sbaglia mai la mira.
  192. La morte è solo l'ultima porta della vita. Bisogna però vedere se è anche la prima porta di un'altra vita.
  193. Da giovani non ci si immagina minimamente quanto si rimpiangerà la gioventù da vecchi.
  194. Anche tutta quella autodistruzione giovanile in fondo era vitalismo.
  195. Abbiamo mille escatologie e mille metafisiche, ma nessuna certezza assoluta: cerca per quel che puoi di goderti la vita.
  196. Abbiamo molti sogni, ma siamo tutti immensamente contenti quando siamo seduti sul coperchio del water e sappiamo di avere un intero rotolo di carta igienica a nostra disposizione.
  197. I nostri posteri saranno anime che si intrecceranno nel vuoto multimediale. 
  198. Guardarsi. Incontrarsi. Conoscersi. Amarsi. Ignorarsi. Dimenticarsi.
  199. Non facciamo altro che dibatterci tra il quotidiano e la storia.
  200. Quelli che sanno capire la vita non sono mai riusciti a viverla. Coloro che sanno viverla non sono mai riusciti a capirla.
  201. L'essere più solo è un bambino, che ascolta il coito dei genitori nella stanza accanto.
  202. Il vero dramma è questo: il tempo perso non tornerà più e non verrà mai risarcito in alcun modo.
  203. L’uomo non è più misura di tutte le cose come pensava Protagora. L’uomo oggi è una cosa, che misura tutte le altre cose.
  204. La passione è morta. L'erotismo è morto. È rimasta la pornografia, che produce comportamenti stereotipati.
  205. Non bisogna essere troppo lontani e nemmeno troppo vicini. È sempre così difficile trovare la giusta distanza.
  206. Contraddizione: si sentiva cosmopolita e odiava la sua famiglia.
  207. In Italia anche i circoli virtuosi, prima o poi, diventano viziosi.
  208. Quando le notti sono insonni i giorni sono sonnambuli.
  209. Cittadino del mondo? È già così difficile essere cittadini della propria città!
  210. A che serve essere impeccabili se poi bisogna morire ?
  211. Purtroppo il buon senso non coincide quasi mai con il senso comune. Il senso comune è il giudizio affrettato di molti. Il buon senso è la saggezza di pochi.
  212. Essere ritardatari è un lusso, che solo quelli che comandano si possono permettere.
  213. Un poco alla volta si perdono i sogni come i capelli sul cuscino.
  214. Io cerco di pensare con la mia testa e mi accorgo sempre più che è inopportuno.
  215. Nulla può competere con il potere dei mass media: sia il rivoluzionario che il reazionario sono telecomandati.
  216. Basta poco per essere felici. Basta ricordarsi che, nonostante tutto, siamo ancora vivi.
  217. Siamo nani sulle spalle dei giganti. Ma spesso siamo nani miopi e non sappiamo vedere molto lontano.
  218. Per voler bene agli altri bisogna prima voler bene a noi stessi. Quindi l'altruista è una persona che sa nascondere in modo magistrale il proprio egoismo.
  219. Quanti economisti vanno a fare la spesa ?
  220. "La bellezza salverà il mondo"? Può darsi.  La bellezza, quella femminile, può anche causare disastri. Si pensi al naso di Cleopatra.
  221. La vita ha un solo senso: quello che le dai.
  222. I ragazzi possono solo offendere senza ferire le ragazze.  Queste ultime invece possono ferire senza bisogno di offendere: a loro basta non ricambiare uno sguardo.
  223. La verità spesso è troppo amara. Va edulcorata con qualche bugia.
  224. La logica umana ha bisogno del verosimile. La psiche ha bisogno invece del plausibile.
  225. Il rapporto tra essere e pensiero non ti causa alcun problema se hai dei problemi maggiori come quello di non saper come mangiare.
Roberto Mori
  1. Certe volte le parole sono come la polvere... con un soffio di vento volano via, altre invece diventano come cemento e restano per sempre.
Simone Motta
  1. L'invidia è il motore di ricerca più usato.
Marcello Murasso
  1. L'aforisma dice poco e fa ragionare molto, le storie inventate dicono molto e fanno ragionare poco.
  2. La vita ha una forma molto particolare, quella scolpita nella nostra mente.
Katia Muzzupappa
  1. Se non si hanno le armi per combattere è più saggio scappare che soccombere.
  2. Meglio indossare rigide corazze che soffici abiti, per chi è senza pelle.
Andrea Nicola
(Gorizia, 1978)
  1. Per sapere chi sei, devi prima sapere chi non sei, prosciugherai così il mare dell'illusione e troverai la vera essenza del Sé nel vento, nessun desiderio e paura ma Amore incondizionato.
  2. Smettendo di cercare si trova.
  3. Spesso parliamo senza comunicare, sentiamo senza ascoltare, tocchiamo senza sentire, giudichiamo prima di giudicare noi stessi, un mondo montato al contrario può essere capovolto dalla crescita della consapevolezza.
  4. Chi predica tanto l’umiltà dovrebbe anche metterla in pratica.
Davide DesmoPsiche Nobile
  1. Un pensiero avvicina. Distanzia. È muto. Non afono. Silente come un tuono. Scalfisce. Rilassa. Terrorizza. Libera. È precipuo. È il volo di un petalo. Leggiadro. Di una leggiadria magniloquente. Cogito.
Diego Ruud Nicolis
  1. L'unico modo per fuggire dall'amore è fuggire da se stessi.
  2. Un sogno non lo trovi in un cassetto ma solo nel cuore della persona che ti ama. 
  3. La mia vita è un'illusione, ma solo grazie a questo riesco a camminare.
Simone Noli
  1. Viviamo pensando di essere eterni: per questo stipuliamo mutui quarantennali.
  2. In Italia se manipoli fatti per avere dei soldi sei un truffatore se lo fai per avere potere sei un politico.
  3. Politica: l'arte di stare dalla parte giusta ancora prima di sapere qual è.
  4. L'intelligente trova il modo migliore di fare un lavoro, il furbo il modo migliore di fartelo fare.
  5. La democrazia degli stupidi è il reame dei furbi.
Salvatore Noschese
  1. Di me alcuni parleranno benissimo, altri malissimo e tutti avranno i loro buoni motivi per farlo. 
  2. È notoriamente inutile spiegare un concetto molto profondo ad individui troppo superficiali.
Francesco Nunziata
(San Gennaro Vesuviano, 1987)
  1. La vita e un continuo viaggio di conoscenza, solo chi riuscirà a fare tesoro di tutto ciò avrà vissuto con grande intelligenza.
Debora Oliosi
(Treviso)
  1. La vera sfida consiste nel riuscire a fare in modo che la tua vita ti somigli.
Marco Oliverio
(Pavia, 1989)
  1. A conti fatti, il sesso più a buon mercato rimane quello che si fa a pagamento.
  2. A volte ci si può fraintendere parlando lo stesso linguaggio, ma chi dà voce all'emozione non può essere frainteso.
  3. Bisogna essere davvero molto sciocchi o molto tristi per desiderare una vita normale.
  4. Bisognerebbe sposare uno sconosciuto per evitare brutte sorprese.
  5. Capita di sentirsi come un pesce rosso; vivere soffocando in un posto che ti va stretto oppure saltarne fuori e soffocare. 
  6. C'è forse qualcosa di più frustrante del soffrire: è il non riuscire a divertirsi quando lo si vorrebbe.
  7. Certi insegnanti assomigliano a quei banchi di scuola che si scoprono piccoli una volta cresciuti.
  8. Che ci sia una possibilità su dieci o una possibilità su un miliardo l'uomo ci crederà allo stesso modo.
  9. Checché se ne dica, il corpo è prigioniero dell'anima; non se ne libera definitivamente se non con la morte.
  10. Chi ce l'ha con il mondo estende il proprio risentimento che, verosimilmente, è causato da una manciata di esseri umani.
  11. Chi ha generato un figlio, perpetuando la vita, di conseguenza considera l'esistenza umana una faccenda tutto sommato piacevole. Ebbene, costui non ha più diritto a lamentarsene.
  12. Ci piace pensare di essere stati felici una volta, per giustificarci di non esserlo più.
  13. Ci sono cose talmente personali che raccontiamo soltanto agli sconosciuti.
  14. Ci sono paeselli tenuti in vita dalla gente che muore.
  15. Ci sono persone che non diresti mai vecchie, se non sapessi la loro età.
  16. Ci vogliono anni per imparare a parlare, decenni per imparare a tacere.
  17. Ciò che trattiene gli individui potenzialmente violenti dal commettere crimini sono le leggi, la pigrizia, ma soprattutto la codardia. 
  18. Confesso di essermi macchiato di un crimine orribile: non ho vissuto. Con l'aggravante della premeditazione e dei futili motivi.
  19. Conviene perdonare quando si è troppo pigri o codardi per vendicarsi.
  20. Dai propri errori non si impara quasi niente; ma il tipo di errore dice molte cose di chi sbaglia.
  21. Di quello che diciamo noi quasi niente ci rimane, ma di quello che dicono gli altri non ci sfugge niente.
  22. Dio ha creato il Mondo e poi se ne è dimenticato.
  23. Dio ha più seguaci, ma il Diavolo ha più credibilità.
  24. Dio vede l'insieme, i dettagli li lascia al Diavolo. 
  25. Dio: uomo alto circa tre metri che si fa crescere la barba, che non fa sesso e che non gioca a dadi.
  26. Dire la verità è una cattiva abitudine che si impara da bambini.
  27. È il caso di dirlo: morto un Dio ne fanno un altro.
  28. È la fragilità che spinge sempre a costruire qualcosa di solido.
  29. Fai del male e preparati al peggio, fai del bene e aspettati niente.
  30. Fallire dove molti sciocchi sono riusciti - è davvero un fallimento?
  31. Fare la televisione è un toccasana per l'umore. Chi la fa è sempre sorridente e ammaliante, mentre chi la guarda è generalmente triste e annoiato.
  32. Gli animali godono del beneficio del dubbio: non potendo parlare, non sappiamo quello che pensano davvero.
  33. Gli annunci di incontri sono pieni di persone che si dichiarano intelligenti, di aspetto piacevole, atletiche e benestanti. Non si capisce come soggetti tanto dotati debbano ricorrere a simili mezzi…
  34. Gli Atei a volte si divertono sbeffeggiando Dio; ma si guardano bene dallo sfidare i demoni.
  35. Gli italiani non sono un popolo rivoltoso, ma non togliete loro la televisione!
  36. Governare non è poi così difficile; basta dare ascolto al popolo e poi fare l'esatto contrario.
  37. Gran parte del fascino che gli animali esercitano sull'uomo è dovuta alla mancanza della parola.
  38. I bambini imparano ben presto a mentire, non tanto per imitazione degli adulti, quanto per difendersi da essi.
  39. I casi sono due: o Dio è solo un'illusione o è uno straordinario illusionista.
  40. I diritti che non si possono vendere non sono diritti.
  41. I diritti sono interessanti solo quando diventano privilegi.
  42. I genitori fanno di tutto per i figli; ogni tanto fanno perfino il loro bene.
  43. I grandi personaggi rinascono con la propria morte.
  44. I maestri non lasciano niente al caso, e se spargono con cura elementi di apparente casualità qua e là, lo fanno per ottenere un effetto.
  45. I pessimisti dicono che la vita inizia con il pianto del neonato; in realtà, ancor prima, c'è la nausea della gravidanza.
  46. I piccoli sentimenti hanno bisogno di grandi parole per stare in piedi.
  47. I politici dichiarano spesso di prendersi le responsabilità, mai le colpe.
  48. I risparmiatori pensano continuamente al futuro, senza il coraggio di viverlo mai.
  49. I sogni degli altri ci appaiono sempre così insensati e irrealizzabili da farci dubitare della bontà dei nostri.
  50. I valori sono un vanto per le aziende, ma non hanno nessun valore se non sono accompagnati dal profitto.
  51. Il corpo femminile è forse più bello, ma quello maschile è più pratico.
  52. Il funerale è l'unico rito che si celebra senza l'iniziato.
  53. Il futuro è in mano ai giovani, ma è in tasca ai vecchi.
  54. Il geloso non se la passa male; vuol dire che ha ancora qualcosa da difendere.
  55. Il guaio di questa epoca è che si giudica con la ragione ciò che attiene al sentimento e con il sentimento ciò che attiene alla ragione.
  56. Il matrimonio è solitamente la proposta che un uomo fa a una donna, sotto la manipolazione di quest'ultima.
  57. Il matrimonio inizia con una finzione e termina con una verità. 
  58. Il matrimonio perfetto è quello che non è mai stato celebrato.
  59. il matrimonio sia una messa in scena lo si capisce subito da come la donna si finga sorpresa di fronte all'uomo di turno che le chiede la mano.
  60. Il mio terrore è che gli altri mi vedano come io vedo me stesso.
  61. Il modo più economico e sicuro per essere felici è mangiarsi una fetta di torta dopo un lungo digiuno.
  62. Il Paradiso è il risarcimento dell'essere vissuto povero senza aver mai ammazzato o derubato nessuno. Giusto. Ma se il Paradiso non esiste chi glielo dice al povero?
  63. Il passato di certa gente si riassume tutto in un curriculum vitae.
  64. Il popolo non può mai essere sovrano, al massimo complice.
  65. Il popolo odia i politici, ma non quanto i politici odiano il popolo.
  66. Il prezzo giusto da dare a chi si vende è il disprezzo.
  67. Il secondo comandamento è una tautologia: Dio viene sempre nominato invano.
  68. Il solitario è uno a cui bastano i propri problemi.
  69. Il successo non è ottenere quello che vogliono tutti, ma riuscire dove nessuno è mai riuscito.
  70. Il suicidio è una vigliaccata che richiede coraggio.
  71. Il televisore è straordinario perché contiene tutto e riempie il vuoto.
  72. Il tempo è convertibile in denaro, ma ai poveri viene applicato un tasso di cambio decisamente svantaggioso.
  73. Il tempo impiegato nel lavoro è quello che frutta di meno.
  74. Il tempo libero presuppone l'esistenza di un tempo non-libero. Di conseguenza, chi ha del tempo libero è in realtà uno schiavo.
  75. Il tempo rende giustizia, quando ormai è troppo tardi.
  76. Il vero bene non deve avere secondi fini; deve essere fine a se stesso.
  77. Il vero ostacolo per chi vuole conoscere è quello di non scordare ciò che ha già appreso.
  78. In un mondo globalizzato fino al midollo, beccarsi del razzista è quasi un complimento.
  79. La civiltà di un popolo si misura dal modo in cui tratta i propri criminali.
  80. La Crisi ha pur avuto dei risvolti positivi, bisogna ammetterlo: sono calati i matrimoni e le nascite.
  81. La determinante di un tiro di dadi è la propria mano per il vincitore; il dado per il superstizioso; la cattiva sorte per il perdente.
  82. La fantasia umana anticipa sempre il progresso, sicché, quand'anche questo si compie, non stupisce nessuno.
  83. La felicità è accidentale, il dolore necessario.
  84. La felicità è così rara che quando la si vede negli altri viene da pensare che l'abbiano rubata a noi.
  85. La forza del progresso è tale che ogni generazione cresce più stupidamente della precedente.
  86. La fotografia è una ladra: ruba il presente e restituisce solo il ricordo.
  87. La gente non chiacchiera per conoscersi, ma per scordarsi.
  88. La giovinezza passa talmente veloce che la si può solo rincorrere.
  89. La maggior parte delle unioni e dei legami tra esseri umani non nasce da una reale comunanza di idee e valori. è sempre l'inerzia e il quieto vivere che hanno la meglio alla lunga.
  90. La mania del ventunesimo secolo è il clic fotografico.
  91. La morte non è un attimo, bensì un processo che dura una vita.
  92. La nascita è un contratto di cui ignoriamo completamente il contenuto, che ci fanno firmare senza leggere, con una clausola rescissoria elevatissima.
  93. La normalità è la condizione inferiore dell'essere umano.
  94. La nostra vita è sempre cara a qualcuno; mentre le mosche ci vorrebbero morti, le zanzare ci preferiscono vivi.
  95. La pazienza è una virtù che si acquista nostro malgrado.
  96. La pornografia non è volgare per quello che mostra, ma per ciò che non fa vedere: la sensualità, l'emozione, il sentimento.
  97. La scelta vegetariana sarebbe da ammirare, se non fosse per l'antipatia dei vegetariani.
  98. La sofferenza è una montagna impervia dalla quale si gode una visuale privilegiata.
  99. La vecchiaia ha meno responsabilità della gioventù: quando si è giovani divertirsi e godere della vita diventano un dovere; un piacere quando si è vecchi.
  100. La verità è sempre pericolosa sia per chi la dice sia per chi la sente. Ma chi la dice rischia di più.
  101. La verità non è mai giusta; occorre sempre giustificarla.
  102. La vita ci è stata data gratis...doveva pur esserci la fregatura!
  103. La vita è talmente effimera che perderne un attimo equivale a non vivere affatto.
  104. La vita è troppo breve per giungere a compimento di qualsiasi impresa, troppo lunga per non intraprenderne nessuna.
  105. La vita è un nulla che si divora.
  106. La vita non è un dono; assomiglia di più a un prestito pagabile in tante rate con interessi variabili.
  107. La vita ti obbliga a giocare una partita che sai già di perdere.
  108. L'aforisma è come il delitto; quelli perfetti sono privi di firma.
  109. L'alcol è un liquido invisibile ma i suoi effetti sotto gli occhi di tutti.
  110. L'amore è come un teorema: si parte da ipotesi che bisogna poi dimostrare, spesso per assurdo.
  111. Le api pagano a caro prezzo la puntura che infliggono: a dimostrazione di quanto è difficile fare del male senza subirne danno.
  112. Le bugie hanno le gambe corte, il naso lungo, ma piacciono comunque.
  113. Le cattive notizie giungono sempre al momento sbagliato.
  114. Le cose che diamo per certe sono quelle che conosciamo di meno.
  115. Le donne sono sempre più vittime della violenza maschile; è lecito supporre che siano i maschi più violenti a fare colpo sulle donne.
  116. Le donne sono sempre pronte per l'amore e per il nuovo, soprattutto quando dichiarano di non esserlo.
  117. Le donne vogliono vedere due tipi di dichiarazione: quelle d'amore e quelle dei redditi.
  118. Le donne, impostrici per natura, attribuiscono grande importanza all'arte del trucco e del parrucco.
  119. Le imposture dell'uomo mirano sempre a ottenere un vantaggio nell'immediato, mentre quelle delle donne sono più lungimiranti: con le loro menzogne si assicurano l'avvenire.
  120. Le leggi non scritte solitamente sono quelle con le pene più dure.
  121. Le persone interessanti sono quelle che sembrano sempre svelare un mistero senza mai arrivare a farlo.
  122. L'eleganza è una posa che imita la naturalezza.
  123. L'errore fondamentale, da cui tutti gli altri derivano, è la nascita: e non ne ricordiamo nulla.
  124. L'illusione della gente è il business più redditizio.
  125. L'infelice è colui che non si è ancora abituato all'infelicità.
  126. L'Inferno è, per molti, una consolazione rispetto alla prospettiva del nulla.
  127. L'unità di misura della vita non è l'anno ma l'attimo.
  128. L'uomo come molti animali è solitamente gregario, è però l'unico che si illude di mantenere la propria individualità nel gregge.
  129. L'uomo, fin dalla nascita, è il progetto di una donna. 
  130. Matrimonio: tentativo di rendere eterno qualcosa che dovrebbe durare un quarto d'ora.
  131. Molta gente si accontenta di sopravvivere semplicemente perché vivere costerebbe troppo caro.
  132. Molti italiani si lamentano perché non trovano un lavoro; i restanti si lamentano perché l'hanno trovato.
  133. Nascere è umano, proliferare è diabolico.
  134. Nel cuore di un uomo c'è amore per pochi, odio per alcuni, indifferenza per tutti gli altri.
  135. Nel pericolo e nel delirio gli uomini si aggregano come le sardine nei banchi.
  136. Nel silenzio i saggi si interrogano, gli stupidi si rispondono.
  137. Nella vita bisogna saper perdonare, finché non si presenta l'occasione di vendicarsi.
  138. Nella vita di ogni uomo capita quel raro momento di lucidità in cui tutto gli appare vano e privo di scopo. Ma non dura molto: è l'attimo di transizione dall'inutilità della vita precedente all'inutilità della vita successiva.
  139. Niente come il dolore induce l'uomo a fare paragoni con gli altri.
  140. Niente di più comune di un politico grasso. Ma come può, uno che non riesce nemmeno a governare il proprio stomaco, dirigere alcunché?
  141. Niente di più volgare che giustificare con la testa qualcosa che viene dal cuore.
  142. Non c'è mai stata una parola tanto sospetta quanto "gratis".
  143. Non è che non mi piacciono i cani; è che finiscono con l'assomigliare ai padroni.
  144. Non è leggendo ma scrivendo che si imparano cose nuove.
  145. Non esiste situazione tanto drammatica o tragica, da non poterne trarre un sotterraneo, seppur masochista, piacere personale.
  146. Non fossimo nati, staremmo tutti da Dio.
  147. Non si desidera tanto l'essere felici, quanto il poterlo mostrare agli altri. La felicità è uno status symbol.
  148. Non si regala facilmente ciò che si è pagato col sangue.
  149. Non vi è che una sola tragedia nella vita: diventare ciò che non si è.
  150. Ognuno è l'architetto della propria prigione.
  151. Penso che gli uomini dovrebbero trattare meglio gli animali, ma soprattutto che gli animalisti dovrebbero trattare meglio gli uomini.
  152. Penso che la maggior parte dei litigi sarebbe evitata se i litiganti conoscessero un lessico più ampio.
  153. Per concepire un mondo peggiore di questo, ovvero l'Inferno, i nostri antenati hanno dovuto sbizzarrirsi con la fantasia. Molto più naturale immaginarsi un mondo migliore di quello in cui viviamo.
  154. Per farsi voler bene, spesso, è sufficiente essere presenti. 
  155. Per organizzare una vendetta servono un nemico, una donna e un piano. Di quest'ultimo si può anche fare a meno.
  156. Per un portiere di calcio i tiri più insidiosi sono quelli che vengono deviati. Nel gioco come nella vita, i brutti colpi sono quelli assolutamente imprevedibili.
  157. Perché le donne soffrono molto? Perché impiegano maggiore cura nella scelta dell'abito da sposa che nella scelta del marito.
  158. Perdersi nella folla è come bersi un liquore invisibile; un cocktail di stupidità e ignoranza.
  159. Piangere non è sinonimo di sconfitta; è anzi vittoria, di un'emozione se non altro.
  160. Più conosco la gente, più amo me stesso.
  161. Possiamo manipolare la realtà, non i sogni; soltanto quando sogniamo siamo autentici.
  162. Pregare non costa nulla; è proprio su questo che Dio ha costruito la sua fortuna.
  163. Probabilmente è vero che Dio è morto; ma le idee di devozione e fanatismo che a Egli si rifacevano non lo sono affatto; semplicemente hanno cambiato destinatario. I fedeli di oggi adorano la tecnologia e i pixel, la mela ha preso il posto della croce, e Steve Jobs il posto del Nazareno. Gli uomini hanno aggiornato Dio, non potendo fare a meno di averne uno.
  164. Quando mento difficilmente mi tradisco, ma quando dico la verità tendo istintivamente a proteggermi il cranio.
  165. Quando tra due persone c'è ancora dell'odio, allora è possibile andare d'accordo; ma se c'è noia, no, lì è davvero finita.
  166. Quando tutti fanno la stessa cosa, so esattamente che quello è il momento di non agire.
  167. Razzista: chi preferisce sborsare fior fior di soldi per un cane di razza quando i canili regalano graziosi bastardi.
  168. Rinuncerei a tutti i miei diritti per un solo privilegio.
  169. Sbagliare è imparare. Sì, imparare a sbagliare.
  170. Sbagliare è umano, ma negare lo sbaglio lo è ancora di più.
  171. Se dovessi torturare un uomo gli leggerei il futuro con tutti i dettagli: con chi si sposerà, quando morirà, quanti figli avrà.
  172. Se i vecchi elargissero soldi come dispensano consigli, i giovani li rispetterebbero di più.
  173. Se non ci fosse il denaro, non si saprebbe più in che Dio credere.
  174. Se non volete ferire nessuno siate gentili; ma se volete ferire qualcuno siate sinceri.
  175. Si amano gli animali, più che per i loro pregi, per i difetti dell'uomo.
  176. Si nasce tutti diversi, ma si finisce con l'assomigliarsi dopo un po' che si è vissuto. La vita è una livella.
  177. Siamo tutti inutili: per questo la gente si dibatte tra mille impegni; per scordarsi della propria inutilità.
  178. Solo gli sciocchi desiderano conoscere il futuro, spogliando la vita dei suoi imprevisti e delle sue sorprese.
  179. Soltanto chi gode della nostra fiducia può farci del male.
  180. Sono pochi i libri che non fanno rimpiangere una bella pianta.
  181. Spesso è con superficialità che vengono inflitte le ferite profonde.
  182. Spesso la gente finge di perdonare per vendicarsi meglio. 
  183. Strana faccenda la Crisi economica: muoiono più persone di diabete che di fame.
  184. Talvolta il passato ci appare più indecifrabile del futuro.
  185. Trasgredire la legge a volte è necessario, disubbidire i propri principi è sempre imperdonabile.
  186. Tutte le leggi umane derivano dall'incapacità di rispettarne una sola: ama il prossimo tuo come te stesso.
  187. Tutti dovrebbero vedere cresce i propri figli, ma nessuno dovrebbe vedere invecchiare i propri genitori.
  188. Tutti hanno un corpo perché era in dotazione, ma pochi si occupano della sua manutenzione.
  189. Tutti raccontano bugie, ma solo i politici lo fanno di professione.
  190. Tutti sono eroi con le paure degli altri.
  191. Ubriacarsi è perdersi dentro una folla che non esiste.
  192. Un mondo in cui si fa la coda anche per pagare è capace di ogni assurdità.
  193. Un racconto riuscito non è quello che piace a tutti, ma quello che tutti leggono fino alla fine.
  194. Un uomo senza futuro e senza progetti è poco desiderabile agli occhi di una donna, quanto una donna con figli a carico per un uomo.
  195. Una bugia ben raccontata è ben più credibile di una verità esposta in modo maldestro.
  196. Una cosa è sicura: siamo stati truffati. Se avessimo saputo qualcosa in più sulla vita, non avremmo mai firmato il nostro certificato di nascita. Ma ora: contro chi fare causa?
  197. Una generazione che passa le giornate a scattare fotografie ha chiaramente perso la capacità di godere di ogni cosa.
  198. Vestirsi alla moda: spendere un patrimonio per essere scontati.
  199. Vivere invidiando i morti; questo è vivere morendo.
Gabriele Palombo
  1. L’amore per se stessi è preliminare a qualsiasi altra forma di amore.
  2. Il destino o si cambia o si subisce.
  3. Più si è capaci di perdonare, più si è umili. Più si è umili, più si è saggi. Più si è umili e saggi, più si è forti. 
  4. Sapere è credere. Credere senza sapere è superstizione.
  5. La massa è il maglio per esercitare la volontà di potere dei tiranni.
  6. Le persone si attraggono con la seduzione e si conquistano con l’amore.
  7. L’umiltà eleva l’uomo. La superbia lo inabissa.
  8. Chi conosce il dolore conosce la Vita.
  9. Dove finisce l’avidità comincia la ricchezza.
  10. Promettete alla massa il Paradiso e vi seguirà fino all’Inferno!
  11. La massa mantiene il clero per farsi soggiogare spiritualmente, sostiene la politica per farsi dominare, finanzia le banche per farsi derubare.
  12. Ciò che mantiene in essere e alimenta di più le religioni è la volontà di dominio delle istituzioni religiose e la paura della vita e l’angoscia della morte delle masse. 
  13. Il potere emargina e condanna le ossessioni e le superstizioni individuali e legalizza e osanna quelle collettive perché si nutre di esse.
  14. L’immagine di Dio è sempre stata ed è tuttora usata come alibi per tutte le debolezze e inadempienze, ottusità e follie umane.
  15. La maggior parte degli esseri umani non cerca la verità: vuole imporre la propria.*
  16. La religione è ubriacatura e nutrimento per la massa, conservazione e rendita per il potere, paralisi e veleno per la cultura e la vita.
  17. Sono le religioni istituzionalizzate e le masse incolte, la palla al piede dell’umanità.
Daniele Panigada
(Treviglio, 1980)
  1. La felicità la lascio agli altri, a me basta sopravvivere.
  2. A volte è meglio non fare un bilancio della situazione per restare con l'illusione che tutto vada bene. 
  3. Quando si è arrivati alla frutta l'importante è che poi arrivi sempre il dolce.
  4. Dare fiducia a qualcuno è il primo passo, il secondo è comprare la vaselina.
  5. Non importa che il bicchiere sia mezzo pieno o mezzo vuoto, ma trovare la bottiglia da cui attingere.
  6. Quando si è arrivati alla frutta l'importante è che poi arrivi sempre il dolce.
  7. Anche io creo, ma la Domenica non riposo.
Samuele Papiro
  1. Scrivere aforismi è una cosa che fanno in molti. Saper scrivere aforismi è una cosa che fanno in pochi.
Sara Pazzafini
(Comacchio)
  1. Solo chi nuota nel fango della vita può creare magnifiche illusioni.
  2. Credo che mi sentirei molto meglio, se io non fossi sempre con me.
  3. Sarebbe sempre meglio non cercare di capire perché le cose ci vanno male, potremmo stare ancora peggio.
  4. È quando si ha torto che si trovano le migliori ragioni.
  5. Dignità non fa mai rima con compromesso.
  6. La menzogna nasce da un'esigenza che la verità non appaga.
  7. La miglior menzogna è quella a cui siamo disposti a credere.
  8. È sempre utile avere un'abitudine in cui crogiolare la propria pochezza.
Paolo Pedana
  1. Le persone a volte sprecano molto tempo ad immaginare come sarebbero le cose e spendono sempre meno tempo a realizzarle.
  2. Nella vita perderemo molte persone e alla fine perderemo pure noi stessi.
  3. Se riusciamo a vedere qualcosa di invisibile possiamo anche creare qualcosa di impossibile
  4. La lezione dell'innamoramento è l'unica che ci insegna a rifare sempre lo stesso errore in modo corretto.
  5. Essere troppo realisti è la principale causa di morte dell'anima umana.
Luca Perego
  1. La vita è democratica a metà: tutti hanno problemi, ma solo pochi soluzioni percorribili.
  2. Le soluzioni preconfezionate sono spendibili solo nei concorsi pubblici.
  3. L’istituzione che dovrebbe garantirci un futuro ha il nome di un participio passato e spende tutto il suo tempo per privarci del presente – lo Stato.
  4. Nella vita tutto si paga: solo le disgrazie sono gratis!
  5. Si può piangere dal ridere, ma non viceversa.
Pasquale Perfetto
  1. Eppure tutta la nostra vita non copre neanche un attimo di eternità.
  2. I disonesti sono come gli scogli a pelo d’acqua: te ne accorgi quando ci vai a sbattere.
  3. Viviamo di attese che giungono quando meno ce l'aspettiamo.
Pierpaolo Perretta
  1. Ognuno è le scelte che fa.
  2. Seduto ho avuto tante idee, ma è alzando il culo che le ho realizzate.
  3. Selfie ergo sum.
Giuseppe Perruzza
(Pisa, 1965)
  1. Il limite si riconosce soltanto quando lo hai già superato.
Dario Petrantoni
(Caltanissetta, 1988)
  1. L'immaginazione è un'affascinante potere di libertà che sa di speranza.
Valeria Petrucci
  1. Molte donne non sanno manovrare una macchina, ma quasi tutte sanno manovrare la volontà di un uomo.
Antonio Piazza
  1. Gli alberi sono più saggi degli uomini: più puntano verso il cielo, più ramificano sotto la superficie.
Stefano Pierazzoli
(Firenze 1989)
  1. Non è Dio a giocare a dadi con l'universo, ma il tempo a giocare a monopoli con lo spazio.
  2. Il cambiamento che vuole la maggioranza è quello a 360 gradi: un ritorno al punto di partenza.
  3. Non facciamo più testo, facciamo numero.
  4. Il genio è un uomo privo di teorie, poiché ha già scoperto come confutarle.
  5. Fate che gli altri si dimentichino di voi. Potreste tornargli in mente per un prestito.
  6. La quiete pubblica passa attraverso anestesie private.
  7. La questua, iperbolizzando, è la retta da pagare per ascoltare una parabola.
  8. La realtà è un insieme di menzogne approvate dalla maggioranza dei pensieri.
  9. Per toccare un arcobaleno occorre salire le scale di grigi.
  10. Il vantaggio della dentiera è togliere il dubbio che quel sorriso sia falso.
  11. Tra tutte le verità possibili la realtà è la più confutata.
  12. C'è bisogno di nuovi fulcri piuttosto che di nuove leve.
  13. Il “qui e ora” è il purgatorio. La memoria è l'inferno.
  14. I tipi medi sono coloro che comprano con sconto del 50% sul doppio del prezzo.
  15. Cercare di vincere la paura è gioco d'azzardo: il banco vince sempre.
  16. La natura e gli stupidi hanno in comune la ciclicità distruttiva.
  17. E mentre la realtà usciva dai loro occhi, credevano entrasse.
  18. L'innamoramento trasforma: bachi nel cervello in farfalle nello stomaco.
  19. È la banalità dei necrologi a far mancare le motivazioni per resuscitare.
  20. Si ama col cuore giusto perché non va di citare altri organi solitari.
Paola Poli
(Bari 1973)


  1. Non si perdona mai agli altri ciò che si è così magistralmente bravi a perdonare a se stessi.
  2. Il giudizio è la parola del l'ignoranza, la calunnia la voce della vigliaccheria.
  3. La solitudine non è una scelta ma una fuga obbligata.
  4. Si vive con la paura di morire. Si muore con la paura di non aver vissuto.
  5. L'amore è la più grande menzogna che l'uomo abbia inventato, perché si ama solo fintanto che non ci si accorge che l'oggetto del nostro desiderio altri non è che un essere diverso da ciò che vorremmo, e cioè una nostra esatta copia. Cerchiamo negli altri noi stessi e quando ci rendiamo conto che ciò è impossibile smettiamo di provare ogni tipo di sentimento. L'amore è ahimè la maggiore espressione dell'egocentrismo umano.
  6. Amare veramente qualcuno significa saperlo aspettare una vita solo per vivere un istante.
  7. La furbizia è la sorella stupida dell'intelligenza.
  8. I saggi hanno i dubbi, gli stupidi le certezze.
  9. È quando smettiamo di cercare, che finalmente troviamo!
  10. In Italia dove finisce la mafia, comincia la politica.
  11. Non so se sono nata con la camicia, sicuro è che morirò in mutande!
  12. Nella vita è meglio pagare le conseguenze di scelte sbagliate, che subire quelle di scelte mai fatte.
  13. Le bugie più grandi sono quelle che raccontiamo a noi stessi.
  14. Si vive respirando si muore sospirando.
  15. Cogito ergo sum disse la donna. Coito ergo sum le rispose l'uomo.
  16. La pazienza ha un limite, la stupidità no.
  17. Nella vita si resta fedeli solo alle proprie illusioni.
  18. La peggior prigione è quella che non ha le sbarre.
  19. La certezza della morte è l'unico vero conforto nella sopportazione della vita.
  20. Gli amici veri li riconosci subito, sono quelli che quando stai nella merda prendono una vanga e cominciano a spalare.
  21. La vita è come la roulette, un grande giramento di palle!
  22. Puoi combattere il freddo del corpo ma mai quello dell'anima.
  23. Non è il sapere che ci rende migliore degli altri ma è tentare di essere migliori che ci rende sapienti.
  24. Vivere a contatto coi miei simili, è la miglior purga naturale per eliminare la velenosa utopia, che possa esistere la felicità.
  25. La depressione è vedere il buio quando fuori splende il sole.
  26. Il miglior insegnante è quello che non smette mai d'imparare. 
  27. Certe volte devi fingerti veramente stupida per vedere fino a che punto una persona che si crede furba possa diventare esilarante.
  28. Non si ha paura di essere soli ma si ha paura di sentirsi soli.
  29. L'amore per gli uomini è come un fiammifero, si accende in un attimo, brucia lentamente ed infine si spegne inesorabile, il tutto, nel tempo di un refolo.
  30. La verità è l'abito del coraggioso, la menzogna il vestito del vigliacco.
  31. Le donne hanno mille risorse, per il semplice fatto che devono compensare le novecentonovantanove che non hanno gli uomini.
  32. Essere o non essere... nel frattempo appariamo!
  33. Il coraggio non consiste nel fare una cosa difficile, ma nel realizzarne una che il mondo credeva impossibile.
  34. La coscienza pulita è spesso il frutto di una vita sporcata dal compromesso.
  35. Le aspettative deluse sono le sorelle dei sogni infranti, figli di una madre crudele, che è la vita.
  36. La noia altro non è che l'assenza di fantasia.
  37. La gelosia è il carburante dell'amore che infiammandosi lo accende.
  38. Viviamo in una società che corre sempre, ma che ahimè non arriva mai da nessuna parte.
  39. È rincorrendo ciò che non abbiamo che spesso perdiamo anche quel poco che era nostro.
  40. Quando smetti di amare finalmente ricominci a vedere.
  41. In questa società essere una donna è difficile, essere una donna intelligente è una condanna.
  42. Ho deciso di diventare una persona migliore; COMINCIO DOMANI.
  43. La saggezza e la forza sono frutti di un unico albero, la sofferenza.
  44. Nella vita anche per essere felici ci vuole coraggio.
  45. Il buongiorno è un gesto quotidiano, che ha l'incanto di un dono spartano, come un fiore regalato da lontano o la dolcezza delle parole ti amo.
  46. Destino e fatalità sono gli scudi dell'uomo pavido.
  47. Non bisogna mai soffrire per la lontananza dei corpi quando si possiede la vicinanza dell'anima. 
  48. Le parole più belle oggi non sono ti amo ma... È INDETERMINATO!
  49. La stupidità è come i diamanti, dura per sempre!
  50. La felicità è svegliarsi la mattina, l'infelicità pure!
  51. In nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo... eppure la madre a qualcosa sarà servita!
  52. L'abitudine è la morfina dell'anima.
  53. Esiste un tempo per parlare, finito il quale è meglio tacere.
  54. La famiglia è dove ti senti a casa, anche quando la casa non c'è!
  55. Chi mente agli altri mente prima di tutti a se stesso.
  56. Nella vita indossi talmente tante maschere che spesso finisci per scordarti anche qual è il tuo vero volto.
  57. L'amore non si grida, l'amore in silenzio si dimostra. 
  58. Quando prendi una decisione potrebbe essere sbagliata, quando non la prendi lo è sicuramente.
  59. L'amore è il più grande sbaglio degli uomini ma fra gli errori l'unico che valga sempre la pena ripetere.
  60. Il silenzio è la voce di chi ha finito le parole.
  61. Smetti di vivere quando smetti di soffrire 
  62. Essere se stessi in questo mondo è la più grande fortuna è la più grande condanna!
  63. La saggezza è la sofferenza invecchiata.
  64. Per quanto nella vita cerchino sempre di distruggerla è proprio la capacità di sognare che ci rende dissimili dalle bestie. 
  65. La coscienza pulita è per le persone fare quello che è convenzionalmente richiesto non quello che è moralmente giusto.
  66. Si scappa dalla realtà rifugiandosi nelle utopie ma è solo un passaggio transitorio all'infelicità.
  67. Sbaglio quindi sono!
  68. I diamanti sono una merce rara nel mondo ma mai quanto l'intelligenza!
  69. Chi pensa di non sbagliare mai, HA GIÀ COMINCIATO!
  70. La poesia nasce nell'anima di chi la crea e muore negli occhi di chi non riesce a capirla.
  71. Ci sono poche certezze nella vita, ma non ne sono sicura.
  72. L'uomo ha un solo baricentro, il proprio ego.
  73. In questo mondo siamo solidali quando dobbiamo inviare un sms per un uomo lontano ma siamo indifferenti di fronte a un vicino che muore!
  74. Quando nella vita smetti di combattere c'è un solo vincitore la rassegnazione!
  75. Le poesie sono gli epitaffi dell'anima.
  76. Nella mia vita ho conosciuto molte donne che hanno partorito ma pochissime madri.
  77. Ho fatto una scelta sbagliata ma non ho sbagliato a scegliere.
  78. Non mi fido degli astemi nascondono troppe verità.
  79. Temo una sola malattia nell'uomo, la cattiveria.
  80. In tempi di crisi ricevere una multa è sempre meno drammatico che ricevere un invito a un matrimonio.
  81. I vigliacchi non sono quelli che hanno paura di morire ma quelli che hanno paura di vivere.
  82. Scrivo cose deprimenti perché quelle allegre mi mettono di cattivo umore.
  83. Un sinonimo di prigione? Matrimonio!
  84. Il pregiudizio è come un verdetto che una volta emesso, seppur sbagliato, diventa comunque condanna.
  85. Ci illudiamo di essere liberi ma in fondo siamo tutti prigionieri di qualcosa.
  86. È davvero esilarante vedere dove possa arrivare un uomo che si crede furbo, spesso al capolinea della sua ignoranza.
  87. Gli status symbol sono oggetti essenzialmente inutili ma socialmente necessari.
  88. Non è vero che sono asociale perché con me stessa mi trovo benissimo.
  89. I preti e i politici sono accomunati da due cose, il pulpito da cui parlano e le menzogne di cui si vestono.
  90. Chi parla troppo spesso non ha niente da dire.
  91. Gli uomini hanno un solo difetto, i cromosomi.
  92. Le utopie altro non sono che un rifugio dalla realtà.
  93. L'ingenuità la paghi sempre a caro prezzo con la moneta della fiducia.
  94. La maturità arriva quando smetti di cercare ciò che non hai per goderti appieno quel poco che possiedi.
  95. Adoro gli insuccessi altrui rendono meno avvilenti quelli miei!
  96. L'ottimista vede la vita di tanti colori e non sa sceglierne uno, il pessimista invece è più fortunato VEDE TUTTO NERO!
  97. Mi piace guardare la gente quando non sa di essere osservata, la naturalezza con cui si muove ride parla, tutta però sfuma quando il teatro della vita prende forma e da essere sì comincia inesorabilmente ad apparire.
  98. La sensibilità è la condanna dell'anima.
  99. Nulla è più pericoloso che cadere nella tentazione di essere felici.
  100. Se Dante avesse vissuto nei giorni nostri avrebbe scritto solo l'Inferno.
  101. Non mi definisco una pessimista ma una una diversamente ottimista.
  102. Quando provo ad essere felice mi intristisco.
  103. Scrivere è come respirare quando smetti di farlo vuol dire che stai morendo.


Alessia Porta
(San Gavino Monreale, 1983)
  1. L'eccessiva convinzione annienta le menti.
  2. Materialmente ricolmi, mentalmente svuotati.
  3. Il silenzio, altro non è che il confine tra noi e gli altri.
  4. Italia: Paese di larghe intese ma di strette vedute.
Cristina Prina
  1. Non rimpiango ciò che persi. Rimpiango ciò che non ebbi.
  2. Ad una bella donna si perdona tutto. Persino l'intelligenza.
  3. Varcando il confine dell'ovvio, esploriamo la dimensione del possibile.
  4. Scegliere è come trovarsi davanti al precipizio: se arretri ti salvi ma se avanzi forse potresti anche volare.
Per conoscere tutti gli altri aforisti, vai su:
Elenco completo degli autori inediti

Note
  1. La proprietà intellettuale degli aforismi pubblicati in questa pagina è dei loro rispettivi autori. È possibile citare l'aforisma di un autore riportando sempre nome e cognome e la fonte: "Aforismi inediti su Aforismario".
  2. Nel 2009, Aforismario ha fondato un gruppo facebook dove è possibile condividere i propri aforismi e commentare quelli degli altri. Sono escluse, ovviamente, le citazioni di autori noti. Il gruppo, rispetto a quelli dello stesso genere, è oggi tra i più attivi e frequentati. Per iscriverti vai al: Gruppo Facebook di Aforismi Inediti
  3. Se desideri condividere questa pagina sui tuoi social network preferiti (Facebook, Twitter, Google+, ecc.), clicca sulle rispettive icone qui in basso.

Nessun commento: