2015-10-09

Caos ed Entropia - Frasi e citazioni caotiche

Raccolta di aforismi e riflessioni sul caos (con un paragrafo sul rapporto tra l'ordine e il caos) e l'entropia, che può essere definita, in estrema sintesi, come la graduale degenerazione di un sistema verso il massimo disordine. Su Aforismario trovi anche una raccolta di citazioni, strettamente correlata a questa, dedicata all'ordine e al disordine.
Bisogna avere ancora un caos dentro di sé
per partorire una stella danzante. (Friedrich Nietzsche)
1. Caos
© Aforismario

Se tutto quello che passa per la testa degli uomini fosse detto a parole ed eseguito coi fatti, l’universo precipiterebbe immediatamente nel caos.
Giuseppe Antonio Borgese, Rubé, 1921

Nel caos del mondo, la coscienza è una debole luce, preziosa ma fragile.
Louis-Ferdinand Céline, Il Dottor Semmelweis, 1924

Al culmine della disperazione, solo la passione dell'assurdo può rischiarare di una luce demoniaca il caos.
Emil Cioran, Al culmine della disperazione, 1934

Nell'edificio del pensiero non ho trovato nessuna categoria su cui riposare la fronte. In compenso, quale cuscino è il Caos!
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

La mia cosmogonia aggiunge al caos primordiale un’infinità di puntini sospensivi.
ibidem

Gli aztechi avevano ragione di credere che bisognava blandire gli dèi, offrir loro tutti i giorni sangue umano per impedire all'universo di crollare, di ricadere nel caos. Da lungo tempo non crediamo più negli dèi e ad essi non offriamo più sacrifici. Eppure il mondo esiste tuttora. Non c'è dubbio. Solo che non abbiamo più la fortuna di sapere perché non si dissolva all'istante.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

Ho sempre cercato i paesaggi anteriori a Dio. Da qui il mio debole per il Caos.
ibidem

Appartengo a coloro che, fra il sistema e il caos, propenderanno sempre per il caos.
Emil Cioran, Quaderni 1957-1972, 1997 (postumo)

Senza "caos" non c'è conoscenza. Senza una frequente rinuncia alla ragione non c'è progresso.
Paul Feyerabend, Contro il metodo, 1975

L'inconscio è la coscienza del caos.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

L'uomo, anche il più malvagio, il più imperfetto, è parte di un tutto che altrimenti non esisterebbe. Nell'economia e nell'armonia cosmiche ogni uomo è indispensabile, in virtù della sua unicità e irripetibilità. Senza di lui, il nulla o il caos.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Il sonno è un rituffarsi nel caos.
Christian Friedrich Hebbel, Diario, 1835/63

L'arte mette in disordine la vita. I poeti dell'umanità ristabiliscono ogni volta il caos.
Karl Kraus, Pro domo et mundo, 1912

Ben venga il caos, perché l'ordine non ha funzionato.
Karl Kraus (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Pensato nella prospettiva del caos, il mondo viene dichiarato simile a uno sbadiglio per la sua insignificanza, oppure a un grido di orrore per la sua crudeltà.
Vito Mancuso, Il principio passione, 2013

Tutti le emozioni più potenti provengono dal caos: paura, rabbia, amore − specialmente l'amore. L'amore è il caos in sé.
Kirsten Miller, The eternal ones, 2010

Le persone sono state create per essere amate e gli oggetti per essere usati. Se il mondo è nel caos, è perché gli oggetti vengono amati e le persone usate.
Jonathan Moldú (attribuzione incerta - fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Allegoria. Quei pensatori in cui tutte le stelle si muovono in orbite cicliche, non sono i più profondi; chi scruta entro se stesso come in un immenso spazio cosmico e porta in sé vie lattee, sa anche come siano irregolari tutte le vie lattee: esse conducono fin dentro al caos e al labirinto dell'esistenza.
Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, 1882

Bisogna avere ancora un caos dentro di sé per partorire una stella danzante. Io vi dico: voi avete ancora del caos dentro di voi.
Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85

Anche nella persona più saggia la ragione è un'eccezione: caos e necessità e vortice di stelle - questa
è la regola.
Friedrich Nietzsche, Frammenti postumi, 1869/89

Dovete conservare del caos dentro di voi
ibidem

Il caos continua a lavorare tuttora nel nostro spirito.
ibidem

Il mondo non è assolutamente un organismo, bensì il caos.
Friedrich Nietzsche, Frammenti postumi, 1869/89

Nel caos c'è la fertilità.
Anaïs Nin, Diario, 1966

Le nostre vere scoperte vengono dal caos, [...] dall'andare nella direzione che sembra sbagliata e stupida e sciocca.
Chuck Palahniuk, Invisible Monsters, 1999

C'è un principio buono che ha creato l'ordine, la luce e l'uomo, e un principio cattivo che ha creato il caos, le tenebre e la donna.
Pitagora, VI sec. a.e.c. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Adoro il caos, ma detesto l'imprecisione.
Mario Andrea Rigoni, Variazioni sull'impossibile, 1993

Io non credo che ci sia un’intelligenza superiore che ha pensato tutto questo, credo sia tutto un caso, un caos che noi cerchiamo di mettere in ordine. Il nostro lavoro è cercare di mettere ordine in questo caos... riusciamo a farlo per un po’, poi naturalmente torna il caos.
Vasco Rossi, La versione di Vasco, 2011

Il caos è il nome che diamo a tutto ciò che produce confusione nella nostra mente.
George Santayana, Dominazione e potere, 1951

Anche il caos si dispone attorno a un punto fermo, altrimenti non esisterebbe nemmeno il caos.
Arthur Schnitzler, Il libro dei motti e delle riflessioni, 1927

In ogni caos vi è un cosmo, in ogni disordine un ordine nascosto. (C. G. Jung)
2. Ordine e Caos
© Aforismario

Il caos era un ordine che la creazione ha sconvolto.
Anonimo

Nulla può esistere senza ordine, ma anche nulla può essere creato senza caos.
Anonimo (attribuito ad Albert Einstein)

Senza ordine non può esistere nulla, senza caos nulla può evolvere.
Anonimo

Il caos è spesso fonte di vita, laddove l'ordine genera abitudini.
Henry Adams, L'educazione di Henry Adams, 1918 (postumo)

Il caos è la legge della natura; l'ordine è il sogno dell'uomo.
ibidem

Il compito attuale dell'arte è di introdurre caos nell'ordine.
Theodor Adorno, Minima moralia, 1951

Nel caos in cui sprofondiamo vi è più logica che nell'ordine, l'ordine di morte in cui ci siamo mantenuti per tanti secoli e che si disgrega sotto i nostri passi automatici.
Albert Caraco, Breviario del Caos, 1982 (postumo)

La civiltà inizia con l'ordine, cresce con la libertà e muore con il caos.
Will Durant, Kay Lathrop Schuster, Hope for our broken world, 1969

Una tendina di velo ci separa dal caos, dal nulla.
Angelo Fiore, Il supplente, 1964

Non si può disprezzare il mondo, creato da Dio. Si possono disprezzare, e combattere, coloro che diabolicamente cercano di mutare in caos l'ordine visibile.
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

Studiare la storia significa abbandonarsi al caos, ma nello stesso tempo conservare la fede nell'ordine e nel senno.
Hermann Hesse, Il gioco delle perle di vetro, 1943

In ogni caos vi è un cosmo, in ogni disordine un ordine nascosto.
Carl Gustav Jung, Gli archetipi dell'inconscio collettivo, 1934/54

La vita è un equilibrio instabile, in quanto il caos preme in continuazione per tornare a scomporre l’ordine stabilito.
Vito Mancuso, Il principio passione, 2013

Ritengo che il caos vada ricondotto alla strutturale imperfezione dell’essere creato, che esce dalle mani di Dio non come perfettamente compiuto ma come strutturalmente impastato di logos e di caos, di ordine e di possibilità di infrangere l’ordine, conditio sine qua non per la nascita della libertà e dello spirito capace di amore.
Vito Mancuso, Il principio passione, 2013

Molta della razionalità che mettiamo nella nostra vita, e nel giudicare quella degli altri, non è affatto razionalità ma è quella che la mia psicanalista chiamava razionalizzazione: la giustificazione a posteriori, con argomenti che si sforzano di essere razionali, di impulsi emotivi istantanei e inspiegabili. È il tentativo di ingannare noi stessi e il caos in cui annaspiamo ogni giorno, fingendo un ordine che non esiste. 
Raul Montanari, L'esistenza di dio, 2006

L'ordine astrale in cui viviamo è un'eccezione; quest'ordine e la considerevole durata, di cui è la condizione, hanno reso nuovamente possibile l'eccezione delle eccezioni: la formazione dell'organico. Il carattere complessivo del mondo è invece caos per tutta l'eternità, non nel senso di un difetto di necessità, ma di un difetto di ordine, articolazione, forma, bellezza, sapienza e di tutto quanto sia espressione delle nostre estetiche nature umane.
Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, 1882

C’è un principio buono che ha creato l’ordine, la luce e l’uomo, e un principio cattivo che ha creato il caos, le tenebre e la donna. 
Pitagora, VI sec. a.e.c.

Sembra vi sia un qualche ordine nell'universo, nel movimento delle stelle, nella rotazione della Terra, nel mutare delle stagioni e anche nel ciclo della vita umana. Ma la vita umana è quasi sempre puro caos.
Katherine Anne Porter, Writers at Work interview, 1963

Il caos è un nome per ogni ordine che causa confusione nelle nostre menti.
George Santayana, Dominazioni e poteri, 1951

Il caos è un ordine da decifrare.
José Saramago, L'uomo duplicato, 2002

Noi cerchiamo, per quanto possibile, di far ordine dentro di noi, ma quest'ordine è sempre qualcosa di artificioso. Lo stato naturale è il caos.
Arthur Schnitzler, Il vasto dominio, 1911

Se la vita reale è un caos, nell'immaginazione c'è però qualche cosa di terribilmente logico.
Oscar Wilde, Il ritratto di Dorian Gray, 1891

3. Entropia
© Aforismario

C’è una legge inesorabile, la seconda legge della termodinamica, secondo cui in un sistema chiuso l’entropia, cioè il disordine, continua a crescere. Quando costruiamo un manufatto, una casa, una città, creiamo ordine, diminuiamo l’entropia di quel punto. Però, inesorabilmente, esportiamo il disordine da un’altra parte. E infatti, per creare quelle cose, dobbiamo scavare miniere, bruciare combustibile, espellere fumi. In seguito tutto ciò che abbiamo prodotto invecchia, si deteriora, diventa rottame. Accanto alla città, il luogo dell’ordine, cresce così la discarica, il luogo della mescolanza caotica, del disordine. Fino a poco tempo fa questo processo era lento, poteva essere compensato, riparato da meccanismi naturali. Ma con la crescita continua della popolazione, della produzione e dei consumi, procede in modo incontrollato e terrificante.
Francesco Alberoni, Valori, 1993

Alcune forme di energia sono più utili di altre. La misura della loro utilità è data dall'ordine che caratterizza una determinata forma di esistenza dell’energia: quanto più disordinata è questa forma, tanto meno essa è utile. Questo disordine, che fu chiamato «entropia», sembra aumentare in tutti i processi naturali. A un certo livello, la cosa non presenta alcun mistero. Il piano della nostra scrivania e la camera da letto dei nostri bambini sembrano evolvere da uno stato di ordine a uno stato di disordine, e mai viceversa. La probabilità che le cose si muovano dall'ordine al disordine è molto più elevata della probabilità contraria; nella pratica, quindi, è la prima tendenza che vediamo realizzarsi e non la seconda.
John D. Barrow, Le origini dell'universo, 1994

In ogni sistema isolato, composto da un gran numero di molecole, l'entropia — o disordine — aumenterà continuamente fino a quando il sistema non avrà infine raggiunto uno stato di massima entropia, noto anche come "morte termica"; in questo stato ogni attività sarà cessata, l'intero materiale essendo distribuito in modo uniforme e alla stessa temperatura. Secondo la fisica classica, l'universo nella sua totalità sta avviandosi verso un tale stato di massima entropia; esso si scarica e infine si fermerà.
Fritjof Capra, Il punto di svolta, 1982

Entropia è quella cosa per cui non si riesce a rimettere il dentifricio nel tubetto.
Melodie St. Ann Celestine (Evan Rachel Wood), in Basta che funzioni, 2009

Che cos'è l’entropia? È essenzialmente una disgrazia, un guaio che abbiamo passato e al quale non possiamo sottrarci. Adamo ed Eva quando furono cacciati dal Paradiso Terrestre udirono una voce risuonare dall'alto: «Tu uomo lavorerai con sudore e tu donna partorirai con dolore». Poi, dopo una piccola pausa, la voce aggiunse: «E tutti e due sarete perseguitati per i secoli dei secoli dall'entropia». Lì per lì i disgraziati capirono solo le prime due maledizioni. Per quanto riguarda la terza avrebbero dovuto aspettare fino al 1824, quando uno scienziato, tale Carnot, scoprì che per vivere meglio avevamo bisogno di molta energia e che, ogni volta che ne producevamo, una parte di questa energia se la squagliava per andarsi a mescolare con l’ambiente, generando disordine. Ebbene, la misura di questo disordine si chiama entropia, così come la misura del calore si chiama temperatura.
Luciano De Crescenzo, Ordine e disordine, 1996

Tutte le donne sono belle quando sono giovani. Poi subentra l'Entropia, ovvero il Secondo Principio della Termodinamica, e la situazione precipita.
Luciano De Crescenzo, La distrazione, 2000

Per il secondo principio della Termodinamica, anche detto dell'Entropia, un acquario può diventare una zuppa di pesce, ma una zuppa di pesce non potrà mai diventare un acquario.
Luciano De Crescenzo, I pensieri di Bellavista, 2005

L'entropia non perdona. È tutta colpa sua se sono diventato così come sono.
ibidem

L'entropia misura il grado di disordine di un sistema. È un dato di comune esperienza che, se si lasciano le cose a se stesse, il disordine tende ad aumentare. (Per rendersene conto, è sufficiente smettere di fare riparazioni in casa!). Si può creare ordine dal disordine (per esempio si può dipingere la casa), ma ciò richiede un dispendio di fatiche e di energia, cosa che conduce a una diminuzione dell'energia ordinata disponibile.
Stephen Hawking, Dal big bang ai buchi neri, 1988

La spiegazione che si dà di solito del perché non vediamo mai i cocci di una tazza riunirsi assieme a ricostituire l'oggetto integro è che questo fatto è proibito dalla seconda legge della termodinamica. Questa dice che in ogni sistema chiuso il disordine, o l'entropia, aumenta sempre col tempo. In altri termini, questa è una forma della legge di Murphy: le cose tendono sempre ad andare storte! Una tazza integra sul tavolo è in uno stato di alto ordine, mentre una tazza rotta sul pavimento è in uno stato di disordine. Si può passare facilmente dalla tazza sul tavolo nel passato alla tazza rotta sul
pavimento nel futuro, ma non viceversa.
Stephen Hawking, Dal big bang ai buchi neri, 1988

Non è corretto assumere solo il negativo come unico parametro-guida per valutare globalmente l’Universo, e questo perché, oltre all'entropia, è in gioco un altro parametro fondamentale, cioè la neghentropia o disordine negativo (cioè ordine in quanto aumento della complessità).
Vito Mancuso, Il principio passione, 2013

L'entropia è una sorta di legge dell'involuzione. Se consideriamo una qualsiasi cosa osservabile creata dall'uomo, ad esempio una cosa imponente come la sfinge, per quanto solida possa essere, nel corso dei millenni tenderà a sgretolarsi, fino a tornare a essere un cumulo di pietre senza forma.
Fabio Marchesi, La fisica dell'anima, 2004

Se lasciamo una tazza di caffè su un tavolo, può accadere che qualcuno, passando per caso frettolosamente da quelle parti urti senza volerlo il tavolo e senza accorgersene faccia cadere la tazza andandosene via. Troveremo la tazza a terra, in pezzi, e una macchia sul pavimento. Se lasciamo tutto così e ce ne andiamo, possiamo anche aspettare milioni di anni, ma la legge dell'Entropia dice che è impossibile che l'acqua evaporata dal caffè si riunisca alla macchia sul pavimento, che tutti i pezzi della tazza rotta si riuniscano e fondano ricreando una forma che possa contenere i! caffè, che il caffè vi ritorni dentro e che qualcuno che passa per caso di lì frettolosamente possa urtare la tazza in modo tale che possa ritornare sul tavolo con tutto il caffè dentro.
Fabio Marchesi, La fisica dell'anima, 2004

L'entropia è la quantità termodinamica che misura il livello di degradazione dell'energia di un sistema. Per il secondo principio dunque, ogni fenomeno, qualunque esso sia, si associa necessariamente a un aumento di entropia entro il sistema in cui si svolge.
Jacques Monod, Il caso e la necessità, 1970

Se l'aumento di entropia è una misura dell'aumento del disordine di un sistema, un aumento d'ordine corrisponde a una diminuzione di entropia o, come talvolta si preferisce dire, a un aumento di entropia negativa (o neghentropia).
Jacques Monod, Il caso e la necessità, 1970

Gli uomini debbono combattere su due fronti, se vogliono prepararsi un domani meno angustiato e crudele. Debbono combattere sì la reificazione, quella disumanizzazione che si sperava (e purtroppo pare non sia) contrassegno del solo mondo capitalistico. Ma anche seguitare a combattere lo struggle for life primordiale - contro la malattia, la vecchiaia, e le altre più generiche avversità della natura ostile, i vulcani e le valanghe, i terremoti e le tempeste, gli abissi divoratori del mare (e quanto prima quelli dello «spazio esterno» o cosmico), contro la siccità e il gelo, eccetera. Contro la morte, insomma, visto che la vita ancor oggi ha tutta l’aria di essere una situazione precaria, instabile e persino improbabile, in un universo la cui vocazione ultima è il silenzio e l’immobilità, il «grado zero» e cioè il livellamento al livello più basso: l’entropia.
Guido Morselli, Diario, 1938/73 (postumo 1988)

Perché il fumo delle sigarette non torna mai indietro? Perché le molecole si respingono l'una con l'altra? Perché una goccia di inchiostro non ritorna più come prima? Perché l'universo tende alla dissipazione. Questo è il principio dell'entropia. La tendenza dell'universo di evolvere il suo stato, in un caos crescente.
Nemo Nobody (Jared Leto), in Mr. Nobody, 2009

− Come va la vita?
− Come quella di chiunque: soggetta all'entropia, al decadimento e infine alla morte. Grazie per l'interessamento.
Penny (Kaley Cuoco) e Amy Farrah Fowler (Mayim Bialik), in The Big Bang Theory, 2007/...

Lo sforzo dell'umano è diretto piuttosto verso l'«essere più» che verso il benessere e, in definitiva, non sarei sorpreso che la sofferenza debba crescere nel mondo sociale come l'entropia nell'universo.
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1954

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Ordine e Disordine

Nessun commento: