Aforismi e Aforisti Contemporanei

Selezione dei migliori aforismi scritti da aforisti contemporanei. Com'è noto, quello dell'aforisma è un genere letterario abbastanza marginale, specie in Italia. Sebbene le citazioni siano molto presenti in tutti i media (si possono trovare frasi dei più disparati autori sui siti internet, sui quotidiani, sulle riviste, ecc.), gli aforismi veri e propri, cioè creati originariamente come tali, e soprattutto i loro autori, non hanno molto spazio né particolare visibilità. Per cercare di ovviare anche solo in minima parte a questa condizione di marginalità culturale e letteraria, Aforismario offre uno spazio gratuito a tutti i nuovi scrittori di aforismi che, avendo pubblicato almeno un libro di genere aforistico, desiderano aderirvi.
Aforisti contemporanei by Aforismario
Spazio gratuito per aforisti
Per partecipare a questa iniziativa, che è e sarà sempre gratuita, è sufficiente farne esplicita richiesta tramite email inviando il proprio libro di aforismi in formato digitale (ebook in pdf o epub), e autorizzando Aforismario a pubblicare su questa pagina del sito almeno 20 aforismi da ogni libro inviato. Gli autori che arriveranno a pubblicare un totale di almeno 60 aforismi, avranno diritto a un'intera pagina, con una breve nota biografica, immagine dell'autore e delle copertine dei libri pubblicati. Per dare maggior visibilità a tutti gli aforisti e alle loro opere, gli aforismi inviati potranno essere pubblicati anche nelle varie pagine del sito Aforismario dedicate alle citazioni su vari argomenti.
Invia i tuoi ebook di aforismi a:
Autori contemporanei di aforismi
Gli autori sono elencati in ordine alfabetico. Tutti gli aforismi sono accompagnati dalle fonti bibliografiche (con titolo del libro, editore e anno di pubblicazione).

Giovanni Abrami
San Pietro del Carso 1941 - Aforista italiano. Vedi i migliori aforismi di Giovanni Abrami

Edoardo Albinati
Roma 1956 - Scrittore, poeta e aforista italiano
Orti di guerra 
© Fazi 2007
  1. In un paese di vecchi e nuovi credenti, mi trovo a mio agio con ragazzi di diciassette anni che non credono a nulla. 
  2. La lettura preferita di mio nonno era l'Apocalisse, ma forse preferita non è la parola giusta, visto che lo turbava tanto che si ammazzò. 
  3. In loro, nel loro corpo, era presente un'altissima percentuale di carne di porco, di cui si sono nutriti per tutta la gioventù sotto forma di prosciutti, salami, culatelli, ciccioli, lonza e sanguinaccio. 
  4. Brutto segno, in politica, quando alla borghesia si scalda il cuore. Io la preferisco fredda, sensata, arida, come si conviene. 
  5. Gli occhi degli angeli di pietra sono colmi di lacrime pisciate dai piccioni. 
  6. Dio prese il monte Sinai, lo sollevò in aria e disse al popolo eletto: "Osservate la mia legge, o ve lo rovescio sul cranio". 
  7. Il servo intelligente di un padrone sciocco pensa che è meglio così, poiché a ruoli invertiti non saprebbe cosa farsene di un servo sciocco. 
  8. A noi interessano solo le marziane, quelle che sulla terra non sanno camminare.
  9. Viene un tempo in cui i libri è più opportuno mangiarli che pubblicarli. Nutrimento, nascondimento.
Sergio Angeli
Bologna 1946 - Pubblicista e aforista italiano
Aforismi, invidia e aceto balsamico
Ricette per una cucina più etica che etnica © FAeBA 2005
  1. Non è bene pensare che il bene, da qualunque parte provenga, sia comunque bene.
  2. La differenza che intercorre fra pettegolezzo e informazione è davvero minima. Il pettegolezzo, infatti, altro non è se non informazione in corso di verifica.
  3. Esistono intellettuali intellettuali e intellettuali intelligenti.
  4. La realtà è come un romanzo: sempre migliorabile.
  5. Non è dato conoscere in natura alcunché di così veloce nel correre come gli anni dai cinquanta in poi.
  6. Seduttore è chi sa farsi bello agli occhi di colei da cui ha deciso di farsi sedurre.
  7. L'Italia è un paese a stragrande maggioranza di religione catodica.
  8. Oggigiorno tutto è semplicemente virtuale: anche la virtù.
  9. L'arrogante perseguendo l'affermazione incondizionata dell'io, è il bruco del dispotismo. Per spiccare il volo gli basta solo una claque più o meno cospicua di sostenitori su cui contare.
  10. Il successo negli affari ottiene a colui che ne è l'artefice la qualifica di affarista. L'insuccesso, quella di truffatore.
  11. L'omelia deve essere come la minigonna: breve, concisa e aperta al mistero.
  12. I matrimoni politici hanno la stessa dinamica di quelli fra coniugi: nascono da una vigorosa passione; avvampano per un po' di vivido ardore, in cui l'uno non può fare a meno dell'altro, per poi spegnersi d'improvviso ai primi seri contrasti.
Amedeo Ansaldi
Milano 1957 - Traduttore e aforista italiano. A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Amedeo Ansaldi

Vannuccio Barbaro
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Vannuccio Barbaro.

Silvana Baroni
Medica, psicoanalista e aforista italiana. Leggi i migliori aforismi di Silvana Baroni
Federico Basso Zaffagno
Savona 1980 - Imprenditore e aforista italiano
Il re del proprio mondo
Gli aforismi contro l'incertezza della banalità © Genesi 2012
  1. Non scegliere è solo un altro modo per rinunciare a crescere.
  2. Il modo più veloce per raggiungere una meta è bruciarsi i ponti alle spalle, per evitare la tentazione di tornare alla protezione della consuetudine.
  3. Ciò che è gratuito è stato pagato da un altro.
  4. Essere antipatici è l'arte della sincerità; la simpatia è un metodo di conquista.
  5. Dove c'è fiducia c'è speranza.
  6. Io sono il tempo che mi manca.
  7. La tempra si forma nello scontro tra fuoco e materia, perché ciò che non brucia è destinato a restare.
  8. La fedeltà è il riconoscimento di non essere superficiali e la convinzione di non essere stati casuali.
  9. L'unico amore interminabile è quello dimenticato.
  10. Ogni scelta comporta una forma di pericolo ed è appunto questo a misurare il motivo.
  11. Chi non conosce il potere della rinuncia non potrà mai avere un diritto alla conquista.
  12. Il paradiso è la ricompensa per avere evitato l'inferno che alcuni si creano in terra.
Paolo Bianchi
Roma, 1986 - Aforista italiano
Aforismi liberi
Kimerik 2010
  1. Non ho brutti ricordi di quando non ero ancora nato.
  2. L'Egoismo, ipocrita e falso per necessità, sposò l'Altruismo e se ne fece gran vanto.
  3. I veri e unici segreti sono segreti per chiunque.
  4. Lo stupido confonde, l'accorto distingue, il saggio accomuna e chi è grande unisce.
  5. I giorni davvero importanti non sono mai segnati in agenda.
  6. Un bicchiere disseta di più, ma una goccia si assapora meglio.
  7. L'ottimismo non è il contrario del pessimismo, è un suo stato avanzato.
  8. Di fatto esistono tante religioni quanti sono i religiosi.
  9. È il futuro, non il passato, ad essere davvero commovente.
  10. Morire è ricongiungersi con ciò che è perfetto.
Paolo Bordonali
Docente di filosofia e aforista italiano. Leggi  i migliori aforismi di Paolo Bordonali

Philippe Bouvard
Coulommiers 1929 - Giornalista, umorista e presentatore televisivo francese 
Massime al minimo
Maximes au minimum, 1999
  1. Chiamiamo "malafede" le convinzioni altrui che non condividiamo.
  2. Dio non esiste, ma bisogna far finta di crederci. Ciò gli fa talmente piacere...
  3. Il sapere alimenta l'immaginazione, l'erudizione la sterilizza.
  4. Il talento consiste nel dire le stesse stupidaggini degli altri, ma più elegantemente...
  5. La modestia è l'arte di far dire da altri tutto il bene che pensiamo di noi stessi.
  6. La modestia è, per definizione, l'unico sentimento che cessa di esistere nel momento in cui si comincia a evocarlo.
  7. Se gli uomini non avessero la mania di sposare donne molto più giovani di loro, ci sarebbero meno vedove.
  8. Un artista è uno che è riuscito a trasformare dei difetti caratteriali in qualità professionali.
Carlo Bucci
Avvocato e aforista italiano. Vedi i migliori aforismi di Carlo Bucci

Valeriu Butulescu
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Valeriu Butulescu

Rinaldo Caddeo
Milano 1952 - Poeta e aforista italiano. Leggi i migliori aforismi di Rinaldo Caddeo

Michelangelo Cammarata
Gela 1941 - Poeta e aforista italiano. Vedi i migliori aforismi di Michelangelo Cammarata

Manuel Cappello
Sarezzo 1977 - Aforista italiano
Aforismi di un futuro
È stata questa contro il vuoto la cura, 2011
  1. Ho deciso di rifiutare lo sguardo. Prima però, l'ho diffuso per un istante, dal centro fino ai bordi.
  2. L'occhio tutto raccoglie quel che vede, la pelle soltanto ci dice le cose che hanno senso.
  3. Lo stupido cugino di velocità è la fretta.
  4. Le frasi devon cominciare e devon finire, come ci fosse un pubblico sempre.
  5. Una buona lettura può essere impalcatura, un arco per costruire. Asciugatosi il ricordo, essa poi più non serve: si regge la volta da sé.
  6. Per scrivere, ci vuole incoscienza.
  7. Come puoi risolvere il futuro, se prima non hai risolto il mattino?
  8. Bisogna amare a più non posso, fino a farsi così male da sentire indifferenza; per la morte.
  9. L'uomo non può soddisfare le aspettative dell'uomo.
  10. Il punto di uscita è un buon punto di partenza.
  11. È vero che gli uomini per il denaro fan di tutto, ma è anche vero che vi rinunciano di continuo, in cambio di altro.
  12. Quando soffia il vento, si vede ciò che ha un peso.
Pino Caruso
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Pino Caruso.

Alberto Casiraghy
Osnago 1952 - Aforista, editore e illustratore italiano. A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Alberto Casiraghy

Antonio Castronuovo
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Antonio Castronuovo.

Riccardo Cataldi
Aforista italiano
Massime e minime
Il senso della vita in oltre 250 detti acidi, arguti, paradossali © Eco 2005
  1. Da giovane ambivo a rivoluzionare il mondo. Adesso mi accontento di non inciampare per strada.
  2. Chi non ha nulla da dire è più saggio di chi pretende di spiegare tutto.
  3. Lo sgambetto riesce meglio quando si cede il passo.
  4. Per molti aspetti, la felicità non è altro che la pratica quotidiana della rassegnazione.
  5. Tutti gli uomini nascono liberi, ma poi si sposano.
  6. La calma è la virtù professata da chi non ha fretta.
  7. Il bello della vita è che non si sa mai come andrà a finire. Il brutto è che finisce sempre allo stesso modo.
  8. Il diavolo è più onesto di tutti: almeno non promette il paradiso.
  9. Criticare gli altri aiuta a sopportarsi.
  10. Alcuni si nutrono di certezze, altri di convinzioni. Così, e non altrimenti, nascono molti conflitti.
  11. Praticato con moderazione, il vizio diventa virtù.
  12. Capita di far la pace dopo un addio e di lasciarsi per sempre con un arrivederci
  13. Qualche vecchio muore da saggio, ma nessun saggio muore giovane.
Guido Ceronetti
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Guido Ceronetti.

Marco Chierici
Parma 1961- Imprenditore e aforista italiano
Acuità
Dal tormento di un granello di sabbia © Tipografie Riunite Donati 2008
  1. Fragilità non è solo donna.
  2. La legge è uguale per tutti. Sì, col cazzo!
  3. Io sono per vivere la vita a 359 gradi, c'è sempre un angolino che non vale la pena sperimentare. 
  4. La solitudine è come un'arma affilata: può ferirti se la prendi per la lama, ma può aiutarti a combattere se la prendi per il manico.
  5. Chi non ha denaro sta meglio morto. Da morto puoi rilassarti senza soldi, qui in vita no.
  6. Se nessuno lo fa, non è un buon motivo per non farlo.
  7. Non desiderare la donna d'altri? It's impossible.
  8. Forse bisognerebbe raccogliere le firme per aggiornare i dieci comandamenti.
  9. Tutto questo tempo in così poco tempo!
  10. Ricordi di essere sposato da molto tempo quando non ti preoccupi più dove sia tua moglie.
  11. La tua vita è come un libro, ma non sai a che pagina sei. Bel giallo!
Giuseppe Cicero
Montreal 1966 - Aforista italiano
Aforismi e poche parole
  1. La lettura non può prescindere da ciò che è scritto © Mannarino 2013
  2. Il ricordo nasce col pensiero e il pensiero spesso dal ricordo.
  3. Il pugno chiuso non ha mai consentito la stretta di mano.
  4. È dal prevalere dell'interesse sul buonsenso che nascono le vere crisi.
  5. La società incivile è come la spazzatura: appena si mette in mostra diventa un problema.
  6. La salute è come il denaro, indispensabile alla serenità.
  7. Se sei poco convinto non parlarne, ma se sei convinto parlane comunque poco.
  8. Dio ha iniziato l'umanità, l'uomo ha fatto il resto.
  9. Il tempo vola quando la mente sorvola.
  10. La felicità è in ognuno di noi. Basta non cercarla.
  11. Tutto ciò che ci circonda può essere circoscritto solo con il senso della misura.
  12. La politica delle false promesse finirà per lasciarci in mutande.
  13. Partendo dal proprio sogno ogni meta è raggiungibile finché l'aspirazione ti accompagna.
Guido Clericetti
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Guido Clericetti

Giorgio Colarizi
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Giorgio Colarizi

Carmine Colella
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Carmine Colella

Andrzej Coryell
Varsavia 1949
L'ermellino vestito da re
Gronostaj ubrany w króla, 2007
[Traduzione dal polacco a cura di Marco Valenti].
  1. L’aforisma preferito di Dio: sono stato pensato, dunque sono.
  2. Non importa che la ribellione degli angeli si sia conclusa con una vittoria o con una sconfitta, ciò che conta è che si siano ribellati. 
  3. Per l’autobiografia di Satana Dio pagherebbe qualsiasi prezzo.
  4. Là, dove finisce l’infinito, ne inizia un altro.
  5. Si può ammazzare il tempo solo per difesa personale.
  6. E le periferie del tempo hanno la propria piazza, con la torre e l’orologio.
  7. Con i frammenti del passato si compongono mosaici per il futuro.
  8. Esistono quattro tipi di persone: Quelli che sanno vivere e sanno morire. Quelli che sanno vivere ma non sanno morire. Quelli che non sanno vivere ma sanno morire. E quelli che non sanno vivere e non sanno morire
  9. L’ultima ora ha più secondi.
  10. Temo l’introduzione della legge dell’uomo nella giungla.
  11. Anche nuda, una donna sa essere abbigliata.
  12. Apprezzo molto una donna con cui si può stabilire il prezzo per il quale non può essere comprata.
  13. Quando le frecce dell’amore mancano il bersaglio, colpiscono persone innocenti a caso.
  14. Talvolta si ha l’occasione di esser fedeli.
  15. Il mestiere più antico del mondo è il cliente.
  16. Qual è il giorno in cui Dio creò gli atei?
  17. Visse come un errore, una volta corretto morì.
  18. L’alfabeto è stato inventato dagli analfabeti.
L'infedeltà sopra ogni fedeltà
Niewierność nad wiernościami, 2015
[Traduzione dal polacco a cura di Marco Valenti].
  1. Non bisogna temere la morte, perché finché ci siamo lei non c’è, quando c’è lei non ci siamo più noi” – ripeto con fiducia assieme a Epicuro. Il problema si pone nel momento in cui la Morte s’intrufola all'improvviso tra il “finché ci siamo” e il “non ci siamo più”.
Paolo Costa
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Paolo Costa

Liomax D'Arrigo
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Liomax D'Arrigo.

Carlo Dante
Roma 1960 - Aforista italiano. A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Carlo Dante

Luciano De Crescenzo
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Luciano De Crescenzo.

Maura Del Serra
Pistoia 1948 - Poetessa, traduttrice e aforista italiana.
Aforismi
Ocra gialla 1995
  1. Leggere il giornale - e certi libri - è un esercizio zen: insegna che il pieno è uguale al vuoto.
  2. Il vero altro è se stesso. Quando si urta contro un altro, si chiede scusa; quando si urta contro se stessi si chiede pace.
  3. Prima di poter volare, l'anima deve fare un bagno di polvere, come gli uccelli.
  4. Non possiamo leggere la nostra vita, perché siamo il palmo stesso della mano divina.
  5. Tempo: illusoria sostanza delle forme create.
  6. La più nobile letteratura è specchio della poesia, la più nobile poesia specchio della verità, la pi nobile verità è specchio dell'amore.
  7. La poesia è il corpo astrale del poeta.
  8. Fare dell'arte un'opera di vita.
  9. Niente garantisce al chicco la sua rinascita, se non il desiderio della luce.
  10. Santo è chi parla con Dio degli degli uomini e con gli uomini di Dio.
Ilma Derini
Santa Vittoria di Gualtieri 1926
[lma Derini: fusione dei nomi dei veri autori: Ildo Cigarini e Mauro Degola]
Ciliegie sotto spirito
Aforismi di una ottuagenaria emiliana © Aliberti 2011
  1. L'amore è il sale della vita che spesso si sparge sulle nostre ferite
  2. Scrittori e poeti parlano al nostro cuore perché non trovano il loro
  3. Aveva la mente sgombra di pregiudizi, praticamente vuota
  4. Il solo modo femminile per "conservare" un segreto è condividerlo
  5. La sincerità fra un uomo e una donna è un lusso che non ci si può permettere
  6. Gli affari di cuore quasi mai sono un affare
  7. Quando hai perso tutto la povertà è un lusso
  8. L'amicizia come la pubblicità non sempre può mantenere ciò che promette
  9. Oggi il lavoro più diffuso è cercare un lavoro
  10. Sulla lapide di marmo nascosta da una fitta siepe nell'angolo più lontano di un cimitero dimenticato
  11. vorrei inciso un solo nome: Appartata
Vittorio Deriu
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Vittorio Deriu

Francesco Paolo Ettari
Napoli 1978 - Aforista italiano
Trafficante di pensieri
Vicoli della mente, viali del cuore - Auto-edito 2012
  1. Se vuoi compagnia cerca una persona che conosce l’importanza delle cose. Se vuoi condivisione cerca una persona che si accorge di ciò che per te è importante.
  2. L’amore è un’emozione divenuta adulta.
  3. Gli ostacoli sono quelle barriere che troviamo lungo un percorso, o che a volte costruiamo noi, per capire quanto desideriamo ciò che stiamo raggiungendo nel saltarli.
  4. La paura è insita nell’uomo. Il coraggioso non è colui che dice di non temere, ma colui che ne è consapevole e convive serenamente con la propria paura, senza temerla.
  5. Il pensiero ha la capacità di ridimensionare il tempo, le emozioni hanno la capacità di fermarlo, la vita è il luogo meraviglioso dove ciò accade.
  6. Il desiderio è l’unico motore che mantiene vivi i presupposti affinché la volontà incontri la circostanza.
  7. Libertà non è sapersi muovere tra milioni di spazi, ma saper mantenere il proprio spazio tra milioni di persone.
  8. La felicità non è una meta, la meta è capirlo.
  9. Il cambiamento non è un cancello automatico esterno, ma una porta interna che si apre solo con la chiave del desiderio.
Luigi Ferlazzo Natoli
Messina 1940 - Docente di diritto e aforista italiano
Aforismi per un anno
Le verità di Louis Job, 2002
  1. La speranza subisce nel tempo tanti colpi, ma è una fortezza inespugnabile.
  2. La vera comunione con Dio è la solidarietà nei confronti del prossimo.
  3. Lottare per l'apparenza e vivere per la sostanza.
  4. Appaio dunque sono.
  5. Chi crede solo in se stesso è povero.
  6. Sono più numerosi i cretini che i cattivi.
  7. Chi ha dubbi sulla propria intelligenza è quasi sempre intelligente.
  8. Evitare di essere inflessibili con gli altri e tolleranti con se stessi.
  9. È più facile raccogliere consensi da morti che da vivi.
  10. L'ignoranza possiede certezze, la saggezza dubbi.
  11. Il comandamento, che li comprende tutti, è uno solo: amiamoci gli uni gli altri come Dio ci ha amato.
Carlo Ferrario
Milano, 1931, musicista, musicologo, scrittore e aforista italiano. Vedi i migliori aforismi di Carlo Ferrario

Beno Fignon
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Beno Fignon

Franz Fischer
Vienna 1928 - Medico, saggista e aforista austriaco. Vedi i migliori aforismi di Franz Fischer

Alessandro Franci
Firenze 1954 - Scrittore e aforista italiano
La pena uguale
© Gazebo 2009
  1. Troviamo maggiori difficoltà ad attuare ciò che vorremmo rispetto a ciò che ci viene chiesto. Meno impegnativo esaudire gli altri.
  2. L'abitudine è sosia della morte.
  3. L'ingenuità è priva di pregiudizi.
  4. La sofferenza rende sinceri. 
  5. O si è se stessi fino in fondo, o si è qualcun altro.
  6. Il "senso del dovere" porta con sé il principio di asservimento.
  7. Confessarsi (a noi stessi) è mentirsi coscientemente; non riusciremo a dirci la verità. Ciò che ci diciamo è vero, sostanzialmente, in ogni parte; ma non è tutto.
  8. Il vuoto che c'è alle spalle perseguita quanto quello aperto lì davanti.
  9. Si nasce involontariamente, tutto il resto dipende da noi.
  10. Un test psicofisico per essere ammessi alla vita.
  11. L'ansia guarda sempre al futuro. 
  12. La speranza come schiavitù. Un modo per delegare la propria sorte. 
  13. Che differenza c'è tra uno scheletro ed un altro?
  14. Riportare a galla ciò che la normalità affonda nell'oblio.
  15. Quelle volte che nasce un problema, se ne risolviamo un altro.
  16. In genere ci si protegge quasi esclusivamente dagli uomini; sempre più raro rimanere vittima di qualche altro animale.
  17. Ogni domanda è un'esigenza.
  18. Viaggiare è cibo per ruminanti.
  19. Si può essere credibili mentendo, come dire la verità e non essere creduti.
  20. Anche il tacere, se ben meditato, fa parte del linguaggio.
  21. Non è l'avvenimento che ha un senso; è il giudizio che se ne dà. La differenza è quasi esclusivamente l'aspetto narrativo; cioè il valore è nel racconto non nell'avvenimento.
Roberto Gervaso
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Roberto Gervaso.

Fausto Gianfranceschi
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Fausto Gianfranceschi.

Giordano Bruno Guerri
Monticiano 1950 - Scrittore, giornalista e storico italiano
Pensieri scorretti
© UTET 2007
  1. A molti scrittori di aforismi è mancata la pazienza di pensare più a lungo.
  2. Battesimo. Rito magico compiuto da alcuni colpevoli su un innocente.
  3. Il blog è la dimostrazione moderna che l'elemento più importante di un giornale è l'editore.
  4. La calma è la virtù dei calmi.
  5. Tutti sono felici all'uscita di una chiesa, perché dentro hanno avuto paura.
  6. Comandare è più volgare che obbedire.
  7. Ogni compromesso è un'automutilazione.
  8. Cosa mangia un Dio che ha basato la vita sulla catena alimentare?
  9. Ecc. Espressione usata da chi non ha più nulla da dire.
  10. Non si vota mai per qualcuno, ma contro qualcun altro.
  11. Gli intellettuali si sforzano di stabilire certezze, mentre il loro mestiere è seminare dubbi.
  12. Internet. Oceano dove molti navigano su una zattera.
  13. A molti morire fa solo bene.
  14. Ai gatti neri porta sfortuna essere attraversati da un'auto.
Galgano Guidotti
Aforista italiano
In Italia son già milletré
© L'Ossessione Espressa 2013
  1. Il predominio della finanza ha prodotto generazioni senza interessi nella vita.
  2. Ci sono cose per immaginare le quali occorre una grande mancanza di fantasia.
  3. È ora di guardare con speranza al proprio passato.
  4. Non bisogna temere di essere se stessi. Basta evitare di farlo quando si è in compagnia.
  5. Il vero dramma della solitudine è che c’è sempre qualcuno che vuole impedirti di viverla in pace.
  6. L’imbecille di turno che recita: “Io canto fuori dal coro” di solito ignora secoli di tradizione polifonica.
  7. Si vive in un’epoca nella quale l’unica condizione per un’esistenza autentica è diventata il suicidio.
  8. Si ama sempre la stessa donna nelle diverse donne che si amano, finché non si incontra il vero amore.
  9. Credere che un amore debba durare nel tempo significa non aver compreso che l’amore può solo durare oltre il tempo.
  10. L’uomo è ciò che pensa.
  11. C’è una vita prima della morte?
Beni Sascha Horowitz
Lugano 1930 - Aforista svizzero. A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Beni Sascha Horowitz

Roland Jaccard
Losanna, 1941 - Scrittore e aforista svizzero
Dizionario del perfetto cinico
© Excelsior 1881, 1982
  1. Come sopportare l'idea che qualcun altro, a parte sé stessi, possa essere Dio?
  2. Invece di adattamento, non sarebbe meglio parlare di sottomissione?
  3. Quale donna, se le donne fossero "assennate", accetterebbe una malattia lunga un anno in cambio di un minuto di epilessia?
  4. La metafisica è un sistema di ipotesi che servono a soddisfare un po' lo spirito e esercitarlo molto.
  5. Rimaniamo estasiati di fronte a una madre che mette al mondo un bambino e copriamo di disprezzo l'omicida. Perché questa disparità di trattamento?
  6. Le ragazze sono dei giocattoli pericolosi. Anche le più dolci lasciano un sapore amaro.
  7. La grande forza del potere, che sia religioso o politico: provocare il senso di colpa da cui pretende di liberarci.
  8. Più che di saper vivere, non è meglio parlare di "saper fingere"?
Alejandro Jodorowsky
(Tocopilla 1929). Scrittore, drammaturgo, poeta, saggista  e cineasta cileno naturalizzato francese. A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Alejandro Jodorowsky

Caterina Kotia Marchese
Palermo 1971 - Scrittrice e aforista italiana
Over the word
Se il dubbio è un macigno la certezza è un colpo in canna © Irda Edizioni 2013
  1. I ricordi sono cicatrici.
  2. Forse è l'idea di trovare la felicità con un'altra persona, che fa unire due persone, ma ancor di più che le fa separare.
  3. Come ci si può liberare della trappola, se la stessa trappola è la via di fuga?
  4. Se accetti la vita con pienezza e non vuoi vivere nella mediocrità, accetti di pungerti, per goderti il profumo delle rose.
  5. Sapere è molto importante, ma per vivere è necessario dimenticare.
  6. Meglio non giudicare male gli altri. Poi si è costretti a essere migliori.
  7. Dio e diavolo spesso sono scuse dell'uomo per assolvere se stesso.
  8. Fidati, non ti fidare. 
  9. L'essere umano ha bisogno di superare mille tempeste, per gioire di un arcobaleno.
  10. Se vuoi diventare qualcuno, incomincia a essere nessuno.
  11. Le donne vorrebbero stare con un angelo, ma poi finiscono con un lupo.
  12. In realtà tutte vorrebbero un angelo-lupo.
  13. La vecchiaia inizia dal disincanto.
Nunzio La Fauci
Palermo, 1953 - Linguista e aforista italiano. A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Nunzio La Fauci

Antonio La Penna
Bisaccia 1925 - Latinista e aforista italiano
Aforismi e autoschediasmi
Riflessioni sparse su cultura e politica degli ultimi cinquant'anni
(1958-2004) Società Editrice Fiorentina 2005
  1. È facile essere coerenti, quando si hanno poche idee; ancora più facile, se non se ne ha nessuna. 
  2. Governare, cioè gestire l'esistente, cioè rimescolare l'immutabile fogna.
  3. Il mio tempo non è moneta. Per fortuna! Quindi non sto a lamentarmi di averlo sprecato.
  4. Abbiamo, come molti altri paesi, una gran copia di politicanti, ma forse nessun uomo politico.
  5. Ci sono state, e ci sono, molte buone ragioni per liberarsi dello storicismo; ma è illusorio ogni tentativo di liberarsi della storia. 
  6. Non è veramente eretico chi vuol esserlo (magari per desiderio di celebrità, per esibizionismo), ma chi è costretto ad esserlo. 
  7. È difficile scrivere una buona opera; ma molto più difficile trovare chi sappia capirla a fondo e valutarla adeguatamente. 
  8. Per dovere si possono fare molte cose che non piacciono; ma per dovere non si può penetrare una donna. Verità elementare, ma di cui la morale coniugale (non solo quella cristiana) tiene poco o nessun conto. 
  9. L'eros nella sua integrità è una delle pochissime esperienze che possono tentare un ateo a forme di panteismo o di misticismo.
Grégoire Lacroix
Parigi 1933 - Scrittore, giornalista e poeta francese
Gli euforismi di Gregorio
Les Euphorismes de Grégoire, 2003
[Traduzione dal francese a cura di Aforismario]
  1. Non è il mare che fa le onde, è il vento...
  2. Il peggior dei crimini è quello di ammazzare il tempo.
  3. Perché fare le cose a metà, quando un quarto è sufficiente?
  4. Non si è adulti che quando si è presa la misura della propria insignificanza.
  5. Io non credo in Dio e ho tutte le ragioni per pensare che la cosa sia reciproco.
  6. La principale differenza tra l'uomo e la donna, è la donna.
  7. Quando la stragrande maggioranza di una popolazione è ben al di sotto della media, non v'è motivo di preoccuparsi.
  8. In amore come in politica, non c'è bisogno di aver ragione, è sufficiente essere convincenti.
  9. Una cosa m'inquieta: se il Paradiso ha una porta, significa che ci sono dei muri...
  10. L'idea fissa è paralizzante per il cervello quanto i crampi per i muscoli.
  11. Tutto sommato, l'egoismo degli altri è una benedizione perché consente di giustificare il nostro.
  12. Si è sempre prigionieri delle persone che hanno bisogno di noi. Il modo migliore per liberarsene è di rendersi inutili.
  13. La mancanza di tempo è il travestimento favorito della pigrizia. 
  14. Il dubbio è per gli spiriti forti ciò che il rischio è per i coraggiosi.
  15. Credere in Dio è sacralizzare un'ipotesi.
  16. Fare dei progetti significa prendere l'avvenire in ostaggio.
  17. L'umorismo è ciò che evita alla lucidità di affondare nell'amarezza.
Claudio Lamparelli
Scrittore e traduttore italiano
Aforismi su Dio
© Mondadori 1995
  1. Quando consideriamo gli dèi pagani, sorridiamo. Ma forse, un giorno, qualcuno sorriderà così delle nostre immagini di Dio.
  2. Il problema di Dio è che deve passare comunque attraverso le nostre anime e le nostre interpretazioni. Questo ci dice anche che Dio è incertezza.
  3. Se l'aldilà fosse un'apertura improvvisa dell'inconscio, per i più sarebbe l'inferno.
  4. Le religioni non muoiono: cessano di essere vive; e proseguono come tradizioni.
  5. La differenza fra religione e spiritualità? La prima incomincia dove finisce l'altra.
  6. Il guaio di chi ama tutti in generale è che non ama nessuno in particolare.
  7. Per chi cerca una spiegazione ultima delle cose, Dio può costituire una grande tentazione. Ma, talvolta, è bene resistere alle tentazioni.
  8. L'antica concezione del rapporto fra l'uomo e Dio ci ha portati a comandamenti espressi in forma negativa: non uccidere, non rubare, non desiderare, ecc. Una nuova concezione di questo rapporto ci dovrebbe portare a comandamenti espressi in forma positiva: sii te stesso, vivi la tua vita fino in fondo, gioisci, ecc.
  9. Se lo scopo del Diavolo è quello di tentare l'uomo, appare abbastanza inutile.
  10. La logica ha già fatto notare che, se non c'è nessuna verità, neppure questa può essere la verità.
  11. Abbiamo avuto una decadenza della spiritualità quando ai saggi, che erano modelli di serenità e di equilibrato godimento dell'esistenza, abbiamo sostituito i santi, che sono modelli di sacrificio di sé.
  12. Un Dio che avesse voluto far fallire l'uomo, gli avrebbe dato come meta la perfezione.
Yves Lecomte
Pallanza 1930-2012 - Poeta e aforista francese. A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Yves Lecomte

Menotti Lerro
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Menotti Lerro

Alessia S. Lorenzi
Insegnante e aforista italiana. A questa autrice è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Alessia S. Lorenzi

Claudia Magnasco
Nuoro 1973 - Poetessa e aforista italiana. A questa autrice è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Claudia Magnasco.

Paolo Manetti
Scrittore e aforista italiano
I taccuini di Ulisse - Aforismi e altri scritti, 2009
  1. Poesia è noia, studio, solitudine; indifferenza e sofferenza di sapere che è impossibile fare.
  2. Il poeta fa di un niente un fare che aspira a tornare al nulla di cui è figlio.
  3. Poiché gli animali non sanno di dover morire, nei loro occhi c'è l'eternità o almeno la felicità.
  4. Tutto ciò che l'uomo non è capace di fronteggiare o evitare, viene chiamato destino.
  5. La storia della civiltà non è altro che la storia delle illusioni escogitate dall'uomo per nascondersi la mancanza di senso del mondo.
  6. Il nulla, e sulla superficie quel barbaglio che si chiama vita.
  7. Quello che si chiama pensiero negativo è, forse, il solo pensiero possibile; l'altro, quello positivo, è in odore di orgoglio e di sogni, di riparo consolatorio per ragazzi spauriti.
Stefano Manferlotti
Napoli 1948 - Docente di letteratura, saggista e aforista italiano
Aforismi miei e altrui
© Libreria Dante e Descartes 2006
  1. Le persone che amiamo, se sono belle, restano tali; se non lo sono, lo diventano.
  2. Dio è l'errore dell'uomo.
  3. Il vero commerciante non dà mai nulla per scontato.
  4. A fare solo cose intelligenti si diventa cretini.
  5. L’odio è un grande sentimento. Bisogna esserne degni. 
  6. Fino ad una certa età gli anni si festeggiano, dopo si commemorano.
  7. Ci sono momenti nella vita, dolorosi, in cui le parole “Dio” e “Diavolo” sembrano sinonimi.
  8. L’ostile è l’uomo. 
  9. La religione può trasformare il dolore in speranza, ma solo l'arte sa trasformarlo in bellezza.
  10. Non bisogna accanirsi contro i mediocri: hanno già ricevuto la loro punizione nell'essere quello che sono.
Emanuele Marcuccio
Palermo 1974 - Poeta e aforista italiano
Pensieri minimi e massime
© Photocity Edizioni 2012
  1. Il dolore è come il mare, nel suo indistinto ondeggiare e rifluire incessante.
  2. Felicità è essere capaci di guardare il mondo con meraviglia.
  3. Ognuno si crede in diritto di giudicare una persona, quando invece neppure sappiamo noi chi siamo veramente. Ogni uomo è un mistero a se stesso.
  4. Un cuore incapace di perdono, è un cuore debole e fragile come l'argilla e l'ira lo consumerà.
  5. Spesso il poeta raccoglie sogni che altri hanno disperso e, cerca di far rivivere quei sogni emozionando.
  6. Il silenzio parla al poeta e il poeta osserva anche nel buio.
  7. L'offesa è l'arma della mediocrità e non è mai una scelta intelligente.
  8. L'ispirazione non segue un ordine precostituito, è caos, siamo noi che cerchiamo di dargli un ordine con la scrittura.
  9. La poesia è anima che si fa parola.
  10. La poesia è voce nel silenzio e visione nel buio.
Luigi Mascheroni
Varese 1967 - Giornalista e aforista italiano
Manuale della cultura italiana
Cose da dire, da fare e da pensare per ben figurare nei salotti italiani © Excelsior 1881, 2010
  1. AMBIZIONE. Tutti gli scrittori ne abbondano, pochissimi a ragion veduta.
  2. BELLEZZA. Parola da evitare. Meglio estetica.
  3. COPIARE. È proibito, ma si può plagiare.
  4. DUBBI. Quando si scrive, meglio non averne.
  5. EDUCAZIONE. La buona educazione non sta nel non dire cazzate, ma nel non mostrare di accorgersi se un altro le dice.
  6. FICTION. "La finzione è la verità dello scrittore". Impossibile che qualcuno controbatta.
  7. GURU. Tutti millantatori
  8. INETTI. Sono dappertutto, ma chissà perché soprattutto vicino a voi.
  9. IPOCRISIA. Negarla, sarebbe ipocrita.
  10. MANOSCRITTI. I cassetti ne sono pieni.
  11. PREMIAZIONI. Imbarazzanti, per il premiato. Insopportabili, per il pubblico.
  12. RECENSIONI. Un male necessario.
  13. SCRUPOLI. Inutili.
  14. TACERE. L'arte più apprezzata.
Mogol
(Giulio Rapetti Mogol) Milano 1936 - Paroliere e aforista italiano
Le ciliegie di Mogol
Pensieri e parole © Mondadori 2006
  1. Non si nasce giovani, lo si diventa.
  2. Si invecchia per lasciare il mondo con meno dolore.
  3. Il canto che non emoziona è un esercizio acrobatico delle corde vocali.
  4. Arriviamo dal grembo di mamma Natura e là ritorneremo. Nessuna paura.
  5. Il segreto è osare.
  6. La verità ai più non piace, come lo specchio alle persone brutte.
  7. Poeta è non solo colui che sa comunicare profonde emozioni, ma anche chi è in grado di riceverle.
Le ciliegie e le amarene
Aforismi, pensieri e parole © Minerva Edizioni 2012
  1. Bisogna permettere al destino di recitare la sua parte di attore.
  2. Il corpo è la parte solida dell'anima.
  3. Una donna che preferisce essere più bella che intelligente va perdonata e consolata.
  4. Nessuna paura, l'aldilà non è un posto nuovo. Ci siamo già stati prima di nascere.
  5. La giovinezza è la primavera dell'anima e può durare tutta la vita.
  6. È facile sentirsi grandi artisti. Basta non avere autocritica.
  7. S i invecchia per lasciare il mondo con meno dolore.
  8. Tutti sappiamo che bisognerebbe dedicare più tempo alle persone che ci vogliono bene, ma incredibilmente lo dimentichiamo.
  9. La bugia è l'arma dei perdenti.
  10. Le curve delle belle donne sono un regalino ai passanti.
  11. Se in origine eravamo delle scimmie perché non potremmo rinascere colombe?
  12. I bambini camminano in discesa, gli adulti in piano, gli anziani in salita. Perché il cielo è su.
Gabriele Moneta
Chiaravalle - Avvocato, docente universitario e aforista italiano. Leggi i migliori aforismi di Gabriele Moneta

Sandro Montalto
(Biella 1978), bibliotecario, critico letterario, poeta e aforista italiano. Leggi i migliori aforismi di Sandro Montalto

Anna Maria Mori
Pola 1936 - Giornalista e scrittrice italiana
Femminile irregolare
  1. Uomini e donne aggiornamenti sull'uso © Sperling & Kupfer 2002
  2. Gli uomini cercano la propria affermazione. Le donne l'approvazione. 
  3. Gli uomini che possono permettersi di essere smisurati nei fatti sono generalmente prudenti e misurati nelle parole. Le donne, alle quali non è concesso di essere smisurate nei fatti, sono generalmente esagerate e massimaliste nelle parole. 
  4. Gli uomini fanno le cose senza dirlo. Le donne spesso dicono le cose senza farle. 
  5. Gli uomini usano il lavoro per fare carriera, per ottenere maggiori riconoscimenti, soldi, gradi, per emergere, affermarsi. Le donne vivono il lavoro con la passione, l'emozione, l'ostinazione, anche cieca, con le quali hanno sempre vissuto l'amore e gli amori.
  6. Le donne sono forti con qualche momento di debolezza, che gli uomini non sopportano. Gli uomini sono deboli con qualche momento di prepotenza.
  7. Le donne abituate da sempre a fare i conti con il tempo e con i tempi, riescono a dare un tempo a ogni cosa, e trovare il tempo per più cose insieme. Per gli uomini, il tempo è unico e infinito. Lo vivono assolutisticamente, in funzione dell’unica cosa che al momento gli interessa e raramente è una donna.
  8. Le donne non sanno vivere senza sapere quello che avviene dentro di loro. Gli uomini non sanno vivere senza sapere quello che succede fuori di loro: nel mondo.
  9. È più facile perdonare ad una donna la sua bruttezza che la sua intelligenza.
Roberto Morpurgo
Milano, 1959 - Scrittore, poeta e aforista italiano. Leggi i migliori aforismi di Roberto Morpurgo

Andrea Mucciolo
Roma 1978 - Aforista italiano
Prendi nota
Poesie sensuali e dell'abbandono © Eracle 2010
  1. Ci sono più uomini giudicati per il colore delle loro cravatte che per il valore delle loro azioni.
  2. Gli elogi annoiano. Le critiche suscitano interesse. Le polemiche vendono.
  3. Molte amicizie sono a senso unico. Nessun cartello ti avvisa. Tu imbocchi dalla parte sbagliata e alla fine vai a sbattere.
  4. I bivi non ci abituano alle scelte, ma soltanto ai rammarichi.
  5. Le cose che di sicuro hanno il prezzo più alto da pagare, sono le proprie scelte.
  6. Ai giorni nostri, in questo paese, con l'attuale saturazione di libri che stiamo osservando, con il prepotente disinteresse verso i libri che non siano di grandi autori famosi, pubblicare un libro e tentare di farsi conoscere come scrittori è, a detta di molti, un'idea da manicomio. Ma per mia fortuna, sono abbastanza matto per portare avanti questa idea.
  7. Non mi sforzo per diventare meglio di come sembrano gli altri, ma solo per non diventare peggio di come sono realmente.
  8. Imparo sempre molto dagli altri, soprattutto dalle persone che detesto.
  9. Il finto amico ti inviterà a fare un viaggio assieme a lui, dividendo le spese della benzina. Il vero amico, ti aiuterà invece a spingere la macchina, anche in salita, quando la benzina sarà finita.
  10. La mia libertà non esiste: esiste solo il mio abbattere le barriere, oggi e domani.
Giorgio Nardone
Arezzo 1958 - Psicologo e psicoterapeuta italiano
Cambiare occhi toccare il cuore
Aforismi terapeutici © Ponte alle Grazie 2007
  1. Nella sofferenza come nella gioia si è comunque soli.
  2. Se non fai, sei colpevole perché non fai; se fai, sei colpevole perché fai, ma non come dovresti.
  3. Per le persone che non si stimano, il successo vale zero, l'insuccesso vale doppio.
  4. A nessuno è concesso di evitare la peggiore delle compagnie, quella di se stesso.
  5. I genitori non si scelgono, si subiscono.
  6. L'amore allo stato puro è quello non corrisposto.
  7. Si può stare soli solo a patto di sapere che qualcuno sta bramando per te. 
  8. Dobbiamo usare il futuro come motore che ci spinge avanti e non come un muro contro il quale sbattere.
  9. L'autostima si costruisce, non si eredita.
  10. In natura esiste la paura, non il coraggio, che altro non è che la paura vinta.
  11. Si è sconfitti solo quando ci si arrende.
  12. Se cambi il tuo atteggiamento verso le cose, finisci per cambiare le cose.
  13. La mancanza di speranza nella vita non è un fatto, è solo un punto di vista.
  14. Per credere nella possibilità di essere felici, si deve prima toccare il fondo della disillusione.
  15. La vita è un mistero da svelare, non un problema da risolvere.
  16. Voler cancellare gli errori commessi nel passato significa ripeterli anche nel presente.
  17. L'infelicità è l'assenza di desideri.
  18. I nostri limiti sono quelli che ci autoponiamo.
  19. Se ci si preoccupa troppo di ciò che può venire dopo, lo si sta già realizzando.
  20. La cosa che più rovina i rapporti sentimentali è trasformarli in un banco di mutuo soccorso.
  21. Se non puoi vivere senza una persona, non sei in grado nemmeno di vivere con lei. 
  22. La psicoterapia è costruire realtà inventate che producono effetti concreti.
  23. Sapere cosa fare, non significa saperlo fare.
  24. L'irrazionalità di una passione vince sempre sulla razionalità di una spiegazione.
  25. Solo chi è fragile si irrigidisce.
  26. Esistono paure quante se ne possono inventare.
  27. Nel momento in cui ti soffermi a pensare se ami o meno una persona, hai già la risposta.
  28. Un uomo è ricco in proporzione al numero di cose a cui può permettersi di rinunciare.
Ivan Orsini
Aforista italiano
I colori della vita
© Simple 2012
  1. È con l'inganno che si entra nel cuore di una donna e con calcolate dosi di sincerità se ne conserva il posto.
  2. Se ogni cosa ha il suo tempo, impiegheremmo diversamente il tempo che buttiamo nell'inseguire i sogni e nel fuggire dalle paure.
  3. Le uniche amiche che può avere un uomo sono la moglie e l'amante.
  4. Negli errori che commettiamo non c'è nulla di sbagliato.
  5. L'umiltà è la virtù dei vinti. 
  6. Chi è stato lasciato dalla propria donna ha un compito difficile da portare a termine: lasciare la propria donna.
  7. Le passioni sono solo dei vizi legalizzati.
  8. Le donne non sposano l'uomo ma il sogno.
  9. Le donne sono maestre dell'aritmetica: addizionano pretese, sottraggono tempo al tuo tempo, moltiplicano le spese ed infine dividono i padri dai loro figli.
  10. Ogni umano ha la sua realtà e il suo sogno, nonché la sua utopia: la somma di entrambe.
Davide Ortisi
Augusta - Scrittore e aforista italiano
Filosofia in pillole
Dentro l'economia, la comunicazione, la politica e l'arte © Armando 2013
  1. Non bisogna confondere la solitudine con lo star da soli; in solitudine non si è mai soli anzi si è in compagnia con i propri pensieri e con se stessi, è un momento per riguardare, riflettere crescere con se stessi. Star da soli significa essere isolati dal mondo interno ed esterno.
  2. Il tempo visto dal presente al futuro, passa molto lentamente; il tempo visto dal presente al passato, passa velocemente.
  3. Nella vita può capitare di tradire chi si ama e di essere fedeli a chi non si ama.
  4. Se hai incontrato una donna affascinante e non la rivedi più, era soltanto una stella cadente.
  5. L’uomo ragionevole si adatta al mondo, l’uomo irragionevole vuole che il mondo si adatti a lui.
  6. Studiare è l’antitesi della scuola; studiare significa desiderare, genera desiderio di conoscenza; la scuola significa palestra, ozio, congrega, svago, il luogo in cui ci si rilassa il luogo dove si insegna ma non si apprende.
  7. Le masse devono capire che attraverso i media non sono più consumatrici, ma consumate.
  8. Il potere da una parte si è sempre accompagnato all'esercizio abusivo del dominio sugli altri, e dall'altra parte alla seduzione da parte delle vittime.
  9. La filosofia crea dubbi, la religione li cela.
Sandro Pandolfi
Salisano 1947 - Giornalista e aforista italiano
Il tempo verticale
Aforismi, massime e dediche di pietra, 2011
  1. La luna degli innamorati è piena di luce; quella degli scienziati, piena di ciottoli.
  2. Amiamo chi ci ama, non chi ci merita.
  3. "Troppo" e "poco", in amore, non hanno un senso preciso perché, in amore, si vive al di sopra di ogni senso della misura.
  4. L'amore si nutre di certezze; la gelosia, di dubbi.
  5. Il destino è soprattutto ciò che non accade.
  6. I se e i ma non fanno la Storia, ma solo il destino di ogni uomo.
  7. Tutto ciò che non capiamo ci irrita e finisce col far parte della nostra ignoranza.
  8. "Tutto e subito" è la più moderna delle bestemmie.
  9. La ricchezza è uno status economico; la povertà, a lungo andare, un modo di essere.
  10. Chi è felice dà molto; chi è infelice è avaro.
Mauro Parrini
Carmignano, 1961 - Docente di filosofia e aforista italiano. A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Mauro Parrini

Selene Pascasi
L'Aquila 1971 - Avvocatessa, giornalista, scrittrice e poetessa italiana. Leggi le frasi più belle di Selene Pascasi

Marino Piazzolla
San Ferdinando di Puglia 1910 - Roma 1985 - Scrittore, poeta e aforista italiano. A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Marino Piazzolla

Mario Postizzi
Giubiasco 1952 - Giurista e aforista italiano
Hommelettes
© Aragno 2007
  1. Segno particolare: scrittore brevilineo.
  2. L'errore maschera la verità, il dubbio macera la certezza.
  3. Non c'è età esperta delle situazioni disperate.
  4. L'uomo ha conquistato lo spazio, non il tempo.
  5. Morire non deve essere particolarmente difficile. Bene o male, prima o poi, ci riescono tutti. 
  6. Non basta tenere gli occhi aperti. Bisogna essere svegli.
  7. Chi divorzia adotta una massima di Leibniz: "Non discutiamo più, calcoliamo". 
  8. Per la donna il tempo diventa un problema estetico; per l'uomo, idraulico.
  9. Si perde la testa quando sarebbe fondamentale usarla. 
  10. Una forma di impiccagione: pendere dalle labbra altrui.
Enzo Raffaele
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Enzo Raffaele

Emilio Rega
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Emilio Rega

Mario Andrea Rigoni
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Mario Andrea Rigoni.

Guido Rojetti
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Guido Rojetti.

Giuseppe Rosato
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Giuseppe Rosato

Robert Sabatier
Parigi 1923 - Poeta, scrittore e aforista francese.
Il libro dell'irragionevolezza sorridente
Le livre de la déraison souriante, 1991
[Traduzione dal francese di Giovanni Soriano]
  1. Che la pigrizia sia uno dei peccati capitali ci fa dubitare degli altri sei.
  2. Chi non è padrone di sé trova ben presto un altro padrone. 
  3. Dio è una soluzione che moltiplica i problemi fingendo di risolverli.
  4. I fallimenti altrui sembrano esistere solamente per farci credere al nostro successo.  
  5. Il voto è la politica del meno peggio.
  6. La migliore forma di suicidio è quella di sparare nello specchio. 
  7. La vecchiaia è il periodo in cui i compleanni non sono più delle feste.
  8. L'amore è l'incontro di due miopi che il tempo renderà presbiti.
  9. L'uomo che ascolta è il nemico naturale di colui che parla.
  10. Se Dio fosse visibile, l'ateismo diventerebbe una fede.
Marco Sartorelli
Torino 1962 - Giornalista e aforista italiano
Efemere - Aforismi apocrifi, 2004
  1. Volevo una vita senza se.
  2. Guardatevi: spermatozoi in cravatta.
  3. Nulla sa il pesce della foresta, eppure nuota felice.
  4. Il temerario dice "t'amo". Il folle aggiunge "per sempre".
  5. I bianchi calpestarono il mio popolo. Poi costruirono la statua della Libertà.
  6. Speravo di svegliarmi. Invece era la mia vita.
  7. Un ossimoro: serena vecchiaia.
  8. Che presunzione: l'uomo a Sua immagine e somiglianza!
Alberto Schön
Padova 1934 - Medico, psicoanalista e aforista italiano
Infallibili errori
Disforismi: pensieri su mondi vari e psicoanalisi © CLEUP 2006
  1. Le mamme buone, a volte, fanno figli di buona mamma.
  2. Ogni volta che s'impara meglio a stare da soli, si scopre di saper stare meglio con gli altri. E viceversa.
  3. Ogni capienza ha un limite.
  4. Era l'alfiere della modestia. Aveva perfino una modesta megalomania.
  5. Ci sono sempre meno perle da dare ai porci.
  6. Alcuni analisti devono avere pazienti straordinariamente pazienti. E viceversa.
  7. Sentirsi parte della natura permette di esistere senza che serva un perché.
  8. Anche per sospirare occorre un po' d'aria. 
  9. La generosità scarseggia. Sarà perché chi ne ha non la spartisce?
  10. La solitudine permette di apprezzare la compagnia e viceversa. La folla fa odiare l'una e l'altra.
  11. Sono fortunato: ho un metodo schöntifico.
  12. Per decenni andò in cerca di guai con molto successo. Poi scoprì la fatica di evitarli.
  13. Più conosco gli uomini e meno stimo i cani.
  14. Esagerare, ma con equilibrio.
  15. Cerca di essere cattivo prima che lo sia la vita.
  16. La scadenza dei farmaci cancella ogni illusione sul passare del tempo.
  17. Quando il medico mortifica il paziente vivo, quello è accanimento terapeutico.
Manlio Sgalambro
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Manlio Sgalambro.

Umberto Silva
Pellio Intelvi 1943 - Psicoanalista, scrittore e aforista italiano
Uomo che scrive nella notte
2012
  1. Ci si addolora per i peccati commessi, ci si rallegra per quelli che ci attendono.
  2. Dopo il nazismo non si può più credere in Dio, dopo il comunismo si deve credere nel Diavolo.
  3. In ciascuno c'è qualcosa di buono che lo perseguiter fino alla fine dei suoi giorni.
  4. L'aforisma è il fossile di una lacrima. 
  5. La felicità rende felici?
  6. Le cose non stanno mai così.
  7. Quando sarai sicuro della tua strada prendine un'altra.
  8. Se l'amico scrive un brutto libro e glielo dici, allora davvero gli sei amico. Sempre che il libro sia davvero brutto.
  9. Se si ha bisogno di più di tre righe per dire una grande verità o una piccola perfidia, già si sta mentendo.
  10. Si vuole quel che non si desidera.
  11. Spiegare un testo è detestarlo.
Charles Simić
Belgrado 1938 - Poeta e aforista statunitense di origine serba
Il mostro ama il suo labirinto
Monster Loves His Labyrinth 2008 © Adelphi 2012
  1. Non dimentichiamo che anche Romeo e Giulietta ogni tanto scoreggiavano e si grattavano il culo.
  2. Le fotografie ci mostrano quello che non abbiamo le parole per dire.
  3. L'utopia: una sostanziosa torta al cioccolato protetta dalle mosche sotto una campana di vetro.
  4. Il poeta vede quello che il filosofo pensa.
  5. Il nazionalismo è amore per l'odore della nostra merda collettiva.
  6. Qualunque ideologia o fede che non sia insaporita dall'odio non ha alcuna possibilità di successo popolare. Per essere veri credenti bisogna essere campioni d'odio.
  7. La stupidità sta conoscendo un revival nazionale. Basta accendere la TV per vedere il suo largo bonario sorriso.
  8. L'ambizione segreta di ogni opera letteraria è quella di obbligare dèi e diavoli ad accorgersi di lei.
  9. Qualunque cosa è uno specchio, a guardarla abbastanza a lungo.
  10. Dove il conformismo è considerato un ideale, la poesia non è la benvenuta.
  11. Gli orrori del nostro tempo ci faranno provare nostalgia di quelli del passato.
  12. Il miglior argomento a favore del vino, del tabacco, del sesso e dei discorsi a vanvera consiste nel fatto che ogni maggioranza cosiddetta morale li condanna.
  13. Faccio parte di quella minoranza che si rifiuta di far parte di qualsiasi minoranza ufficialmente definita.
  14. Tra la verità che si sente dire e la verità che si vede, preferisco la verità silenziosa di ciò che viene visto.
  15. Notte d’autunno fredda e ventosa. Sull'angolo, una barbona parla con Dio; lui, come al solito, non ha niente da dire.
Giovanni Soriano
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Giovanni Soriano.

Maria Luisa Spaziani
Torino 1924 - Roma 2014 -  Poetessa e aforista italiana
Aforismi, 1993
  1. Sono sincera, ma non per questo devi credere che io dica la verità.
  2. Nessuno è più odioso di chi si ostina a voler avere ragione e poi in effetti ce l'ha.
  3. Diventata immortale, ebbe appena il tempo di compiacersene.
  4. E ora parliamo un po' di te. Mi ami?
  5. La vita mi ha dato fin troppo. Ma forse non mi ha dato il meglio.
  6. E se Parigi non valesse una messa?
  7. Sovente abbiamo mentito. Se avessimo detto la verità, il risultato sarebbe stato lo stesso.
  8. "Lei è una santa!" dicono al mio passaggio. Ma io ho un alibi di ferro.
  9. Un film è un'illusione ottica. come probabilmente tutto il resto.
  10. Usciti dal Paradiso Terrestre si misero a parlare in prosa.
  11. La rabbia impotente che si prova contro chi ci ha rubato un'idea secoli o decenni fa.
  12. Le pietre che mi avete lanciate sono state un ottimo materiale da costruzione.
  13. Oggi la poesia è un movimento clandestino di resistenza.
  14. Invecchiare non sarà niente se nel frattempo saremo rimasti giovani.
  15. E se per una volta ridessimo sul latte versato?
  16. In principio c'era il Verbo. Il guaio cominciò con le coniugazioni.
  17. Se Dio c'è, non venitecelo a dire troppo tardi.
  18. Quel presago stringimento di cuore quando a sera guardi una vetrina e di colpo si spengono le luci.
Marino Tarizzo
Pont Canavese - Umorista e aforista italiano
Aforismi, 2008
  1. I bambini nascono stronzi o imparano subito dai genitori?
  2. Se nascendo si comincia a morire la morte può essere un cammino estremamente vitale.
  3. Il maschio operaio prima si lava le mani. L'intellettuale maschio posticipa. Ma è mentre entrambi accolgono l'urgenza del bisogno che, coccolando il proprio io, si ricompone la frattura tra proletariato e intellettuali.
  4. Io sono fermamente convinto che le donne siano migliori degli uomini. Il guaio è che lo sono anche loro.
  5. Le donne, se non ci fossero, bisognerebbe inventarle. E sicuramente verrebbero meglio.
  6. Capita che a volte il dopo sia una sigaretta. Il dopo ancora un cancro ai polmoni. C'était la vie.
Marcella Tarozzi Goldsmith
A questa autrice è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Marcella Tarozzi Goldsmith

Pietro Tartamella
Camporeale 1948 - Scrittore, poeta e aforista italiano
Quisquiglie di pèrla
Aforismi, Pensieri, Riflessigli, 17 Haikù e un Corbèllo © Edizioni Angolo Manzoni 2010
  1. Chi tace sènte.
  2. Spesso ci sorprèndono i comportamenti strani delle persone. È perché dimentichiamo che non esiste nessuno che non abbia un qualche male.
  3. Gli uòmini comuni sono convinti che il potere che essi hanno per incìdere sul mondo è praticamente nullo. Non si rèndono conto di quanto questa convinzione abbia già molto inciso sul mondo.
  4. Molti uòmini e dònne incontrerài che con presunzione e arroganza vorranno insegnarti l'umiltà.
  5. Quando si è giòvani non c'è tempo per pensare alla saggezza. Quando si divènta vècchi, non c'è tèmpo.
  6. Un amore normale tiène in pièdi i mille matrimòni che si cèlebrano ogni giorno. Un amore grande li distrugge.
  7. Sapér ascoltare non è tanto un segno di rispètto, quanto un segno di generosità, se non piuttòsto un segno della pròpria attitùdine alla filosofìa.
  8. Tutti gli uòmini, nell'arco della loro vita, hanno in sostanza dùe veri grandi problèmi da risòlvere. Il primo è come far passare il tèmpo, il secondo come fermarlo.
  9. È triste non potér realizzare tutte le còse che si desìderano. Ma è ancora più triste non desiderare più tutte le còse che si sono realizzate.
Massimo Tortola
Isernia 1978 - Poeta e musicista italiano
La dittatura delle lettere maiuscole
© Joker 2011
  1. Anticipare la propria rovina in versi: essere poeti. 
  2. Parlare è per me un intimo dolore: un torto al silenzio subacqueo da cui provengo.
  3. La libertà è la certezza di aver cancellato la parola rimorso. 
  4. Chi disimpara la noia, la solitudine, la possessione esclusiva della donna, sale senza esitazioni la scala al di là delle nubi.
  5. Dal momento che ho sempre saputo di essere solo, proverò mai l'ebbrezza di sentirmi solo?
  6. Non nego la meraviglia della vita.
  7. Ricordo solo più frequentemente che l'esordio nel mondo avvenne fra pianti e urla, ma forse furono pianti e urla di gioia.
  8. Lo standard per il desideroso d'astrazione è l'eccezionale.
  9. Il cuscino è la palestra del sognatore.
  10. Pregare è il sintomo attraverso cui si manifestano gli infedeli.
  11. Untori della più bassa specie, i poeti vengono consacrati e premiati.
  12. Ma voi premiereste chi divulga malattie?
Ramon Trinca
Sondalo 1979 - Pittore, poeta e aforista italiano. A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Ramon Trinca

Luigi Trucillo
Napoli 1955 - Poeta e aforista italiano. A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Luigi Trucillo

Pier Paolo Vaccari
Pistoia 1932 - Aforista italiano
La rosa di ghiaccio
Pezzettini, aforismi, stralci, brandelli... ilmiolibro 2012
  1. Nella storia non ci sono eventi iniziali, ma solo eventi finali. 
  2. La poesia è quanto di più vicino e al tempo stesso quanto di più lontano dal mondo della natura. 
  3. Ci sono malattie mortali e malattie “vitali”. Malattie che paiono mortali conferiscono a volte la vita. 
  4. Il passato ci sostiene e ci giustifica. Per questo un laico è tenuto a studiare le religioni; cosa a rigore non necessaria per un credente.
  5. Anche gli Dei sono figli di Dio. 
  6. I forti, non i deboli, hanno bisogno della protezione del cielo. 
  7. L’eternità non è un tempo senza fine, ma un tempo senza inizio. 
  8. Il viso è un velo, dietro al quale può scorrere a volte silenzioso un fiume di angoscia. 
  9. È inutile desiderare la morte: viene da sé. Ogni cosa ha il suo compimento.
  10. Il presente è dei giovani; il futuro dei vecchi. 
  11. La parola è azione storica; esiste solo nel momento in cui viene pronunciata, e naturalmente nella memoria. 
  12. La storia è un tornare indietro per andare avanti.
Giuseppe Valente
Cosenza - Avvocato e aforista italiano
Aforismi senza "ismi", 2011
  1. Se l’infinito fosse finito, sarebbero finiti i dubbi infiniti dell’uomo.
  2. Spesso il «cuore» ti porta a volere bene persone che invece ti vogliono male: questa è la vera cecità irrazionale del sentimento.
  3. Le coppie tra cui non c'è vero amore sono relazioni di mutuo soccorso: forse è meglio l'ascetismo francescano.
  4. Quando non si riesce a "partorire" idee, mi chiedo se esista una "menopausa" del pensiero.
  5. Volere e dovere: questa è l’antinomia della morale.
  6. Il vero disordine è un ordine senza ordine, il vero ordine è un disordine senza disordine: il primo genera «rivoluzione», il secondo il suo contrario.
  7. Sono ciò che sono, non ciò che altri vorrebbero che io fossi, altrimenti diventerei la proiezione del bieco egoismo altrui. 
  8. Più ore dormi, meno ore vivi: non dormire ti allunga la vita.
  9. Mi piace vegliare per non essere svegliato, altrimenti perdo il sogno.
  10. La Chiesa di Gesù Cristo non impone, ma propone; lo Stato dei «Cesari» impone, non propone: non tutto è come sembra.
  11. Il «lieto fine» è l’inizio di una «storia» che non avrà mai fine.
Paul Asia Valenti
Torino 1962 - Scrittore e aforista italiano
Io amo me stesso ma è amore non corrisposto
© L'Autore Libri Firenze, 2012
  • A volte si ha la fortuna di non ottenere ciò che più si desidera, seppur lo si comprenderà con il senno di poi...
  • Cos'è la sigaretta se non una banana per la scimmia dell’anima?
  • La vita premia i coraggiosi ma punisce gli incoscienti.
  • La vita è breve, oppure è troppo lunga perché ci si possa concedere il lusso di viverla male.
  • Morire non è una condanna; morire è, finalmente, essere assolti.
  • Niente impedisce d'essere in buoni rapporti con gli altri come il sentirsi a disagio con se stessi.
  • Perché crediamo di vivere le nostre vite, quando poi sono le nostre vite a vivere noi?
  • Soltanto i deboli e gli ottusi di questo mondo sanno dove stanno andando, e ben raramente il viaggio vale la pena.
  • Spesso ci si tende a chiudersi in sé e farsi forti della propria debolezza.
  • Spesso, è meglio perdere che non partecipare.
Marcello Valgattarri
Piombino 1933 - Geometra e aforista italiano
Aforismi e note di un ex psicotico, 2005
  1. Il denaro è come l'amore. Se lo metti in circolo, ritorna.
  2. Le scuse sono sempre doverose, ma è più importante non sbagliare. Io cerco di comportarmi così.
  3. L'ex psicotico, anche se ha imparato a vivere nel presente, non dimentica quando nel passato era preda della paura. Adesso, per l'azione combinata del presente e del passato, può andare più a fondo nei problemi di chi ha sempre vissuto nel presente e non ha mai avuto paura.
  4. L'uomo ha inventato la moralità, ne adotta il linguaggio, ma in pratica ne tradisce spesso il significato.
  5. Per imparare veramente, si deve prima sbagliare.
Giusi Vanella
Se i dolci facessero dimagrire, io sarei anoressica.
Aforismi spiritosi per golose e golosi © Malatempora 2008
  • Capisco che è ora di trovare la linea quando ho troppe curve.
  • Donna crescente, uomo galante; donna calante, uomo fuggente.
  • I piaceri della carne finiscono quando si passa all’insalata.
  • Il futuro del verbo spendere: sarò povero!
  • La dieta è la prova che l'inferno esiste.
Mario Vassalle
A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Mario Vassalle.

Cesare Viviani
Siena 1947 - Scrittore, poeta e aforista italiano
  1. Pensieri per una poetica della veste, 1988
  2. Il dirsi superiori è la superiorità degli uomini.
  3. Anche il miracolo ha i suoi limiti.
  4. L'intelligenza non sta nel sapere: è piuttosto saltare senza cadere.
  5. Lo spirito non è ciò che spazia e libera, ma ciò che frena e limita.
  6. C'è un punto in cui il nuovo non interessa più.
  7. La salita aumenta l'angoscia.
  8. L'errore è dire che la perfezione non è di questo mondo.
  9. Alla fine scopri che il tuo vero grande amore è stata una porta.
  10. Una frase è vera quando nessun altro può capirla se non colui al quale è rivolta.
  11. Gli esempi sono una caratteristica degli uomini: non esistono in natura.
  12. Il tempo rende utile l'incomprensibile.
  13. Una volta spezzata, non si può più ricostruire una fede.
Il sogno dell'interpretazione
Costa e Nolan © 1989
  1. La malattia è un eccesso di capacità.
  2. La diversità non è reazione alla norma, ma estraneità ad essa.
  3. L'analisi può dirsi il viaggio che porta dall'esigenza dei contenuti all'esperienza delle forme.
  4. Non si può parlare del nuovo prima di averlo conosciuto, né dopo averlo conosciuto.
  5. La realtà è irriducibile come il sogno.
  6. Il tragico non è il fatto di non sapere cosa vogliono dire le cose, ma il fatto che le cose non vogliono dire niente.
  7. Fare del sogno un interlocutore coerente significa avviare i sogni alla compiacenza.
  8. La raffigurazione ideale del rapporto analitico è data dalla condizione di due persone che, sedute accanto, guardano un film.
  9. La paura di cambiare non è la paura di scoprire cose brutte, ma cose belle.
  10. L'analisi (così come l'interpretazione) non s'insegna: s'impara.
  11. L'impossibilità di nascondere la vita crea l'inconscio.
Valentino Zeichen
Fiume 1938 - Scrittore e poeta italiano
Aforismi d'autunno 2010
  1. Ai gradi militari ho preferito quelli alcolici.
  2. Sono transitati secoli dentro i miei anni e (io) non vi ho fatto caso.
  3. Gli anni sono come docili cavalli al pascolo la cui indolenza ci rassicura, quando partono all’improvviso al galoppo numerico.
  4. Mentre si è giovani si viene costantemente sollecitati a conseguire al più presto la “maturità. Poi ci si avvede che la vecchiaia la fornisce gratuitamente.
  5. La mira dell’artista deve essere superiore a quella dell’arciere poiché punta all’infinito.
  6. Il tempo è un soggetto senza “oggetto”, perciò la gioventù non lo considera essendogli, al momento, creditrice.
  7. Evito sempre di fare drammi: E semmai li scrivo.
Piero Zino
Novi Ligure 1960 - Aforista italiano. A questo autore è stata dedicata un'intera pagina del sito Aforismario. Vedi i migliori aforismi di Piero Zino
Vedi la sezione principale:

Note
  1. Nella sezione "Aforistica" del sito Aforismario trovi anche una pagina dedicata agli autori di aforismi inediti.
  2. Se desideri condividere questa pagina sui tuoi social network preferiti (facebook, twitter, Google+, ecc.), clicca sulle rispettive icone qui in basso.

Nessun commento: