2015-11-22

Esercito, Soldati e Generali - Frasi sui Militari

Raccolta di aforismi e pensieri sull'esercito, i soldati, i militari e i generali. Un paragrafo, inoltre, è dedicato al termine "militare" considerato come aggettivo. Su Aforismario trovi altre due raccolte di citazioni correlate a questa, dedicate alla guerra e alle armi.
Alla fine è sempre un plotone di soldati a salvare la civiltà. (Oswald Spengler)
1. Esercito
© Aforismario

È stato detto, che il più pazzo popolo del mondo sarebbe un popolo di savi, come il più cattivo esercito sarebbe un esercito di capitani.
Francesco Algarotti, Pensieri diversi, 1765 (postumo)

Due eserciti che si combattono sono un grande esercito che si suicida.
[Deux armées aux prises, c'est une grande armée qui se suicide].
Henri Barbusse, Il fuoco, 1916

Esercito. Categoria del tutto improduttiva che difende il suolo della patria divorando tutto ciò che potrebbe attirare un nemico o fargli desiderare di invaderlo.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Quando un esercito dei bianchi combatte gli indiani e vince, questa è considerata una grande vittoria, ma se sono i bianchi ad essere sconfitti, allora è chiamata massacro.
Chiksika, XVIII sec.

Quanto più una cosa è importante, tanto meno importa il numero dei suoi difensori. Se per difendere una nazione c'è bisogno di un esercito, per difendere un'idea basta un solo uomo.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

È una macchina diabolica, l'esercito, e il militarismo un ingranaggio mortale.
Oriana Fallaci, Insciallah, 1990

Dio è sempre con i battaglioni più forti.
Federico il Grande (Federico II re di Prussia), lettera alla duchessa di Sassonia-Gotha, 1760

Quanto valga l’uomo di coraggio è cosa incredibile! Un uomo può mettere in fuga un esercito e non è esagerazione. Io ho veduto degli eserciti colti dal panico fuggire davanti non ad un uomo solo ma a meno d’un uomo, davanti ad un pericolo immaginario.
Giuseppe Garibaldi, Clelia o Il governo dei preti, 1870

In cima all'educazione militare deve esserci ciò che già al vecchio esercito fu attribuito come merito sommo: alla scuola dell'esercito il ragazzo deve essere trasformato in un uomo, deve non solo imparare ad obbedire ma altresì acquistarsi le premesse del futuro comando. Deve imparare a tacere non solo quando è rimproverato a ragione, ma anche quando è rimproverato a torto.
Adolf Hitler, La mia battaglia, 1925/26

Si può resistere all'invasione degli eserciti; non si resiste all'invasione delle idee.
Victor Hugo, Storia di un delitto, 1877/78

Gli eserciti permanenti (miles perpetuus) devono col tempo del tutto cessare. Infatti essi minacciano incessantemente di guerra altri stati con la disposizione ad apparirvi sempre preparati; li istigano a superarsi l'un l'altro nella moltitudine degli armati, che non conosce limiti, e, poiché, per le spese dedicatevi, la pace infine diventa ancor più opprimente di una guerra breve, per disfarsi di questo fardello sono essi stessi causa di guerre d'aggressione; a ciò si aggiunge che venir assoldati per uccidere o essere uccisi appare includere un uso degli esseri umani come semplici macchine e utensili nella mano di un altro (lo Stato) che mal si concilia col diritto dell'umanità nella nostra propria persona.
Immanuel Kant, Per la pace perpetua, 1795

Uno dei principi fondamentali della guerriglia è che per vincere basta non perdere; un esercito regolare, invece, per non perdere deve vincere. 
Henry Kissinger, Gli anni alla Casa Bianca, 1980

Il valore d'un soldato non lo si giudica in tempo di pace o di quiete, ma nell'ora dell'assalto. Francesco Olgiati, Schemi di conferenze, 1938

Il cosiddetto dio degli eserciti è sempre dalla parte della nazione che ha la migliore artiglieria, i migliori generali.
Ernest Renan, Dialoghi e frammenti filosofici, 1876

Dove s'accampano gli eserciti crescono sterpi e rovi; al seguito di grandi guerre ci sono anni di carestia.
Lao Tzu, Tao Te Ching, ca. V sec. a.e.c.

Chi è veramente esperto nell'arte della guerra sa vincere l’esercito nemico senza dare battaglia, prendere le sue città senza assieparle, e rovesciarne lo Stato senza operazioni prolungate.
Sun Tzu, L'arte della guerra, ca. V sec. a.e.c.

Se l’esercito è disunito e confuso, i sovrani vicini avranno terreno facile per creare turbamenti. Questo è il senso del detto: “Un esercito indisciplinato ne conduce alla vittoria un altro”.
Sun Tzu, L'arte della guerra, ca. V sec. a.e.c.

Un esercito vittorioso prima vince, poi dà battaglia; un esercito destinato alla sconfitta prima dà battaglia, poi spera di vincere. 
Sun Tzu, L'arte della guerra, ca. V sec. a.e.c.

Un sovrano può danneggiare il proprio esercito in tre modi. Il primo modo è quando, senza conoscere la situazione, ordina alle truppe di avanzare o ritirarsi nelle circostanza sbagliate. Questo vuol dire “legare l’esercito”. Il secondo modo è quando, senza conoscere l’Arte della Guerra, assume il comando dell’esercito. Ciò provoca incertezza tra gli ufficiali. Il terzo modo è quando, pur senza conoscere l’arte delle manovre, dirige le operazioni militari. Ciò determina incertezza fra le truppe.
Sun Tzu, L'arte della guerra, ca. V sec. a.e.c.

I bambini giocano ai soldati. Ciò è comprensibile.
Ma perché i soldati giocano a fare i bambini? (Karl Kraus)
2. Soldati
© Aforismario

Dio e il soldato, durante la carestia e la guerra, vengono pregati, ma quando vi è la pace Dio è dimenticato e il soldato disprezzato.
Anonimo

L'entusiasmo è come un buon soldato; ma, stupido come un soldato, può esser messo in valore soltanto da chi lo guida.
J.H. Rosny Aîné, Pensieri erranti, 1924

Se un soldato non può che vincere, non è un buon soldato, è un buon macellaio.
Alberto Asor Rosa, Fuori dall'Occidente, 1992

Tra gli uomini grandi non vi sono che il poeta, il prete e il soldato. L’uomo che canta, l’uomo che sacrifica e si sacrifica. Il resto è fatto per la frusta.
Charles Baudelaire, Il mio cuore messo a nudo, 1859/66 (postumo 1887/1908)

Recluta. La si distingue dai civili per la divisa e dai soldati per l'andatura.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Storia. Resoconto per lo più falso di eventi per lo più irrilevanti provocati da sovrani per lo più mascalzoni e da soldati per lo più folli.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Soldati valorosi. ma senza esperienza, sono meglio disposti a battere il nemico. Aggiungetevi una razione di acquavite prima di condurli al fuoco, e voi sarete sicuro della vittoria.
Napoleone Bonaparte, Aforismi e pensieri politici, morali e filosofici, XIX sec.

Il soldato, non è mai in terra straniera ogni qualvolta serve sotto le bandiere nazionali, dov'è la bandiera là pure è la patria.
Napoleone Bonaparte, Aforismi e pensieri politici, morali e filosofici, XIX sec.

Un soldato è un disoccupato armato.
Gaston Bouthould, Le guerre, 1951

Per un soldato, dice il Mahabharata, peccato è morire di malattia in casa, e peccato è non uccidere il nemico. Siamo nel rito, sono massime giustissime. Valgono per gli ultimi, disprezzati soldati di mestiere, che combattono qua e là, per gli arruolati di Tercios e Légions, per il corpo dei Marines. Ma abbiamo infranto tutti gli ordini: immensi eserciti esistono per coscrizione obbligatoria, costituiti di soldati che non sono veri soldati, perché il loro reclutamento è forzato. Il peccato, per loro, è di non morire in casa, di malattia non contratta in guerra, ed è legittimo anche rifiutarsi di uccidere, dal
momento che non è il loro mestiere. Si fa di tutto per nascondere ai forzati della guerra queste verità, ma è un serpente che morde sovente nel calcagno le truppe coscritte. Sanno di non essere dei samurai, e neppure dei legionari stranieri, e senza il sistema di coercizioni illegali adoperato da tutti gli Stati per indurre tutti i ripugnanti a combattere, non agirebbero né patirebbero da soldati.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

Il vero soldato mente a sé stesso quando dice di odiare la guerra. Egli ama in modo profondo la guerra. E non perché sia un uomo particolarmente malvagio, assetato di sangue, ma perché ama la vitalità che (per quanto paradossale possa sembrare) la guerra porta dentro di sé. 
Oriana Fallaci, Insciallah, 1990

O soldato, che sei condannato dalla crudele legge dell’uomo ad abbandonare il tuo amico, i tuoi piccoli e i parenti, per andare a morire sul campo di battaglia nel nome dell’avidità camuffata da dovere.
Kahlil Gibran, Una lacrima e un sorriso, 1914

Un uomo, inquadrato in una compagnia o in un battaglione, circondato dai suoi camerati, si slancerà più volentieri all'assalto che se si trovasse solo. Nello stuolo, si sente alquanto nascosto, quand'anche vi fossero mille argomenti per credere l'opposto. 
Adolf Hitler, La mia battaglia, 1925/26

Per tenere fermi al loro dovere uomini deboli, vacillanti o poltroni, c'è e vi fu sempre un solo mezzo: far sapere al disertore che la diserzione gli apporterà appunto quello che vuole evitare. Al fronte, si può morire: come disertore, si deve morire.
Adolf Hitler, La mia battaglia, 1925/26

I bambini giocano ai soldati. Ciò è comprensibile. Ma perché i soldati giocano a fare i bambini?
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

Si vede chiaramente dalla guerra in corso che razza di animale sia un soldato. Si lascia utilizzare per instaurare la libertà, per opprimerla, per rovesciare i re, per mantenerli sul trono.
Georg Lichtenberg, Aforismi, 1766/99 (postumo 1902/08)

Come i bambini giocano ai soldati, così per farla finita con le guerre - basterebbe che i soldati giocassero ai bambini.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

Soldati. Operatori di pace.
Giuseppe Pontiggia, Le sabbie immobili, 1991

I soldati sono cittadini di una grigia terra di morte.
Siegfried Sassoon, Dreamers, in War Poems, 1919

Il destino di noi soldati è quello di uccidere uomini che sono già tutti condannati a morte dalla natura. Non è pazzesco?
Carlo Sgorlon, L'armata dei fiumi perduti, 1985

Alla fine è sempre un plotone di soldati a salvare la civiltà.
Oswald Spengler, Il tramonto dell'Occidente, 1918/23

Il soldato che si rifiuta di prestare servizio in una guerra ingiusta è applaudito da coloro che non rifiutano di sostenere l'ingiusto governo che fa quella guerra.
Henry David Thoreau, Disobbedienza civile, 1849

I soldati si mettono in ginocchio quando sparano: forse per chiedere perdono dell'assassinio.
Voltaire, Le sottisier, 1880 (postumo)

Proverbi sui Soldati
  • Ai soldati i pericoli, al general l'onore.
  • Ai soldati le ferite e ai capitani l’onore.
  • Amore di soldato dura un’ora, ogni paese lascia una signora.
  • Carne di porco e uomini di guerra durano poco.
  • Chi del soldato s’innamora, suona la tromba e addio cara signora.
  • Chi non è buon soldato non sarà buon capitano.
  • Chi non sa dove battere il capo si fa frate oppur soldato.
  • Dove il soldato va pianta la tenda e l’amore fa.
  • I soldati sono carne da cannone.
  • Il buon soldato esce dal prato.
  • Il giovane soldato sogna la battaglia e il vecchio non vuol più dormire sulla paglia.
  • Il mondo senza pace è il danaro del soldato.
  • Il sangue del soldato fa grande il capitano.
  • Il soldato per far male è ben pagato.
  • L’amore del soldato dura un’ora: ogni paese un fiasco e una signora.
  • Meglio il pane del soldato che quello del mendicante.
  • Quando il mondo va sossopra, il soldato vale oro.
  • Soldato che fugge è buono per un’altra battaglia.
  • Soldato e porco bella vita che dura poco.
  • Un prode soldato non muor volentieri in letto.
  • Un soldato non deve temere nulla, fuorché un cattivo nome.
È una macchina diabolica, l'esercito,
e il militarismo un ingranaggio mortale. (Oriana Fallaci)
3. Militari
© Aforismario

Non bisogna disperare degli imbecilli. Con un po' di allenamento si può riuscire a farne dei militari.
Pierre Desproges (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

L'odio verso chi si arricchisce per la guerra e vive di essa ha fatto spesso passare in seconda linea l'avversione verso coloro che hanno fondato la loro esistenza sulla possibilità, l'attesa, l'onnipotenza della guerra: i militari e i diplomatici. Costoro avvelenano anche la pace con pensieri di guerra.
Arthur Schnitzler, Il libro dei motti e delle riflessioni, 1927

La guerra è una cosa troppo seria per lasciarla ai militari.
Charles-Maurice di Talleyrand-Périgord, XVIII-XIX sec. (attribuito)

Non sono i militari a dare il via alle guerre. Sono i politici.
William Westmoreland, XX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

4. Militare (aggettivo)
© Aforismario

Ai conservatori non frega un cazzo di te finché non raggiungi l'età del militare. Allora pensano che sei a posto, proprio quello che stavano cercando! I conservatori vogliono bambini vivi per farli diventare soldati morti. 
George Carlin, Back in Town, 1996

Mentre le funzioni economiche un tempo rappresentavano solo una parte secondaria, esse ora stanno al primo posto. Di fronte a loro vediamo arretrare sempre più le funzioni militari, amministrative, religiose. 
Émile Durkheim, La divisione del lavoro sociale, 1893

Credo che democrazia e spirito militare siano una contraddizione di termini. Un democratico non fa affidamento sulla forza delle armi che il suo Stato può ostentare davanti al mondo, ma sulla forza morale che il suo Stato può mettere a disposizione del mondo.
Mohandas Gandhi, su Harijan, 1947

In cima all'educazione militare deve esserci ciò che già al vecchio esercito fu attribuito come merito sommo: alla scuola dell'esercito il ragazzo deve essere trasformato in un uomo, deve non solo imparare ad obbedire ma altresì acquistarsi le premesse del futuro comando. Deve imparare a tacere non solo quando è rimproverato a ragione, ma anche quando è rimproverato a torto.
Adolf Hitler, La mia battaglia, 1925/26

Ci sono tre tipi d'intelligenza: l'intelligenza umana, l'intelligenza animale e l'intelligenza militare. 
Aldous Huxley, Punto contro punto, 1928

È strano il matrimonio. È come il militare: tutti lo schifano ma non immagini quanti si arruolano.
Jack Lemmon, Non per soldi... ma per denaro, 1966 

L'intelligenza militare è una contraddizione in termini. 
Groucho Marx (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

L'esistenza del militarismo è la dimostrazione migliore del grado di ignoranza, di servile sottomissione, di crudeltà, di barbarie a cui è arrivata la società umana. Quando della gente può fare l'apoteosi del militarismo e della guerra senza che la collera popolare si rovesci su di essa, si può affermare con certezza assoluta che la società è sull'orlo della decadenza e perciò sulla soglia della barbarie, o è una accolita di belve in veste umana. 
Bruno Misefari, in Pia Zanolli-Misefari, Utopia? No!, 1976

L'amore è una milizia, e anche Cupido ha i suoi campi militari.
Publio Ovidio Nasone, Amores, ca. 20 a.e.c.

La cosa più complicata nelle operazioni militari sta nel conformare la propria strategia alle intenzioni del nemico.
Sun Tzu, L'arte della guerra, VI-V sec. a.e.c. (attribuito)

Sono un uomo di mondo: ho fatto tre anni di militare a Cuneo.
Totò (Antonio de Curtis), in Totò a colori, 1952

L'onore è 'l più nobile stimolo del valor militare. 
Giambattista Vico, Degnità della Scienza nuova, 1725/44

È un delitto sfruttare il patriottismo ai fini dell'odio, è un delitto fare del potere militare il dio moderno, quando tutta la scienza umana è al lavoro per il progresso della verità e della giustizia.
Émile Zola, Io accuso…!, 1898

4. Generale
© Aforismario

Generali e medici entrano in Paradiso attraverso la porta dei fornitori.
Tristan Bernard (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

I soldati vincono le battaglie e i generali se ne prendono il merito.
Napoleone Bonaparte, Aforismi e pensieri politici, morali e filosofici, XIX sec.

II più gran generale, con soldati senza entusiasmo, non è che un ignorante.
Napoleone Bonaparte, Aforismi e pensieri politici, morali e filosofici, XIX sec.

Non si è uomini di spirito per il solo fatto di avere molte idee, come non basta avere molti soldati per essere buoni generali.
Nicolas de Chamfort, Massime e pensieri, 1795 (postumo)

Generale, dietro la stazione / lo vedi il treno che portava al sole, / non fa più fermate neanche per pisciare, / si va dritti a casa senza più pensare, / che la guerra è bella anche se fa male, / che torneremo ancora a cantare / e a farci fare l'amore, l'amore dalle infermiere.
Francesco De Gregori, Generale, 1978 

Un grande dottore uccide più gente che un grande generale.
Gottfried Wilhelm Leibniz (attribuita)

Dopo aver analizzato le situazione per rilevarne i vantaggi, il generale deve creare le circostanze che contribuiscano a realizzare i suoi obiettivi, schierando le truppe nel modo più opportuno.
Sun Tzu, L'arte della guerra, ca. V sec. a.e.c.

Cinque qualità pericolose possono riscontrarsi nel carattere di un generale. Sono queste: Se è troppo temerario, può venire ucciso. Se tiene troppo alla vita, sarà fatto sicuramente prigioniero. Se è iroso, cede alle provocazioni. Se tiene tropo al proprio decoro, è sensibile alle calunnie. Se è di natura compassionevole, puoi farlo vivere nel tormento. Questi cinque tratti caratteriali per un generale sono difetti. Per le operazioni militare sono catastrofi. La rovina dell’esercito e la morte del generale stesso sono il risultato di tali difetti.
Sun Tzu, L'arte della guerra, ca. V sec. a.e.c.

Di solito, chi ha occupato per primo il campo di battaglia e attende il nemico, è riposato; chi invece arriva più tardi e si impegna all’ultimo momento nella battaglia, è affaticato. Per questo il generale esperto non va, ma fa in modo che sia il nemico a venire: non si lascia condurre da lui.
Sun Tzu, L'arte della guerra, ca. V sec. a.e.c.

Il generale esperto attacca la strategia del meno esperto. Questa è la prima cosa da fare.
ibidem

Il generale esperto crea situazioni grazie alle quali non potrà essere battuto, e non si lascia sfuggire alcuna occasione di porre in condizioni di inferiorità il nemico.
Sun Tzu, L'arte della guerra, ca. V sec. a.e.c.

Il generale esperto si equipaggia in patria ma si approvvigiona a spese del nemico. Così l’esercito non manca mai di cibo.
ibidem

Il generale esperto non va, ma fa in modo che sia il nemico a venire: non si lascia condurre da lui.
ibidem

Il generale esperto induce il nemico a muoversi, e ad assumere un certo schieramento. Lo adesca con qualcosa che il nemico è sicuro di prendere e, attirandolo, con l’illusione di un piccolo vantaggio, lo aspetta in forze. È per questo che il generale espero prepara la vittoria studiando la situazione. Non si affida ai
subordinati.
Sun Tzu, L'arte della guerra, ca. V sec. a.e.c.

Il generale esperto logora il nemico tenendolo costantemente sotto pressione. Lo fa correre dappertutto adescandolo con vantaggi illusori.
ibidem

L’invincibilità, dipende soltanto da noi stessi; la vulnerabilità del nemico dipende soltanto da lui. Ne consegue che in una guerra un abile generale può rendersi invincibile, pur se non può indurre un nemico a diventare vulnerabile.
Sun Tzu, L'arte della guerra, ca. V sec. a.e.c.

L’obbiettivo essenziale della guerra è la vittoria, non le operazioni prolungate. Per questo, un generale che conosce l’arte della guerra diventa giudice della sorte del suo popolo e arbitro dei destini della nazione.
ibidem

Se il generale è incapace di controllare la propria impazienza e lancia le truppe all'assalto delle mura come uno sciame di formiche, ne farà massacrare un terzo senza prendere la città. Simili attacchi sono manifestazioni di stupidità assassina.
Sun Tzu, L'arte della guerra, ca. V sec. a.e.c.

Al soldato il bottino, al generale la gloria.
Proverbio

Sotto un generale energico non vi son soldati deboli.
Proverbio

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Guerra e Pace - BattagliaArmi da Fuoco

Nessun commento: