2015-12-27

Bruce Lee - I pensieri più saggi del Piccolo Drago

Selezione delle frasi più belle e dei pensieri più significativi di Bruce Lee (San Francisco 1940 - Hong Kong 1973 attore, regista e maestro di arti marziali statunitense di origine cinese. A detta della moglie Linda Emery: "Bruce si considerava prima di tutto un cultore di arti marziali e poi un attore. Cominciò a prendere lezioni di kung-fu, nello stile wing-chun, a 13 anni, a scopo di difesa personale. Nei 19 anni che seguirono fece delle nozioni che via via acquisiva una scienza, un'arte, una filosofia e uno stile di vita. Coltivava il corpo per mezzo di esercizi fisici e lo spirito per mezzo di letture e meditazioni. E per 19 anni ha espresso per iscritto le sue idee e i suoi pensieri".
La sua riluttanza nei confronti di qualunque sistema e di ogni rigida schematizzazione, lo condussero a creare un proprio stile di arte marziale, il Jeet Kune Do (Via del pugno che intercetta), che è un'integrazione di stili diversi e un'arte sempre aperta a modificazioni e miglioramenti. "Spesso la gente mi chiede: 'Bruce, sei davvero così bravo?'. E io rispondo: 'Beh, se ti dico che sono bravo, probabilmente penserai che mi stia vantando, e se ti dico che non lo sono, penserai che mento'. lo ho l'assoluta certezza di non essere un numero due, ma ho anche abbastanza buon senso per realizzare che non può esservi nessun numero uno".
Oggi per milioni di persone nel mondo, Bruce Lee è un vero e proprio mito, nato soprattutto dopo l'uscita dei suoi ultimi film: Il furore della Cina colpisce ancora (1971), Dalla Cina con furore (1972), L'urlo di Chen terrorizza anche l'Occidente (1972) e I 3 dell'operazione Drago (1973). Dopo lo strepitoso successo di questi suoi film, Bruce Lee muore, a soli 33 anni, a causa di un'edema cerebrale. Alcuni anni prima aveva affermato: "Non so quale sia il significato della morte, ma non ho paura di morire e continuo, senza fermarmi, ad andare avanti. Anche se io, Bruce Lee, un giorno dovessi morire senza aver realizzato tutte le mie ambizioni, non avrò rimpianti. Ho fatto ciò che ho voluto e l'ho fatto con sincerità e al meglio delle mie capacità. Non posso chiedere di più alla vita". E inoltre: "Io sono un uomo fortunato, e non perché I miei film hanno battuto tutti i record d'incassi in varie parti del mondo: sono fortunato perché ho Linda, una buona moglie che non ha eguali. Perché dico questo? In primo luogo, credo che all'interno di una coppia debba maturare una sorta di amicizia, e Linda e io abbiamo questo rapporto: ci comprendiamo reciprocamente, come due vecchi amici, e quindi il tempo che trascorriamo insieme è sempre felice. Mia moglie è la cosa più bella che mi sia mai capitata: mia moglie, non Il furore della Cina colpisce ancora".
In questa pagina sono raccolti tutti gli aforismi più interessanti di Bruce Lee [secondo Aforismario] sui più svariati argomenti: la vita, la mente, la saggezza, le arti marziali, ecc., in cui il "Piccolo Drago" integra in maniera personale le sue conoscenze della filosofia occidentale, del Taoismo e del Buddhismo Zen. Chi, conoscendolo superficialmente, pensa che Bruce Lee sia stato soltanto un bravo artista marziale prestato al cinema, leggendo le riflessioni riportate qui di seguito (e soprattutto leggendo i suoi libri pubblicati postumi), resterà sicuramente sorpreso nello scoprire un pensatore di grande profondità e una persona autentica come poche. Come presentazione di questa raccolta, riportiamo alcune parole che lo stesso Bruce Lee scrisse alla fine di un suo testo: "Nella migliore delle ipotesi, queste poche riflessioni non sono altro che "il dito che punta la luna": non prendete il dito per la luna, e non fissate intensamente il dito, perché perdereste di vista la maestà del cielo. Dopo tutto, la funzione del dito consiste nell'allontanare lo sguardo da sé, dirigendolo verso quella luce che lo illumina insieme a tutto il resto".
Bruce Lee (1940-1973) attore e maestro di arti marziali statunitense*
Jeet Kune Do
Tao of Jeet Kune Do, 1975 (postumo)
© Edizioni Mediterranee - Selezione Aforismario

Bisogna cercare l'equilibrio muovendosi, non stando fermi.

Creare schemi fissi, incapaci di adeguarsi alle circostanze, è peggio che costruire una gabbia. La verità è fuori di essi.

Essere maturi non significa diventare schiavi della concettualizzazione. Significa capire come si è fatti dentro.

Il combattimento è una questione di movimento. Si tratta di trovare un bersaglio, evitando di diventare un bersaglio.

Il Jeet Kune Do non gira intorno alle cose, non prende strade secondarie, va diritto allo scopo. La distanza più breve tra due punti è la semplicità.

In ogni ardente desiderio conta più il desiderio della cosa desiderata.

L'arte del Jeet Kune Do consiste nel semplificare. È essere se stessi, è la realtà nella sua essenza; ed essenza significa libertà nel vero senso del termine: non lasciarti condizionare da vincoli, limitazioni, parzializzazioni, complessità.

La base del Jeet Kune Do è l'autoconoscenza, che è indispensabile non solo per apprendere un'arte marziale, ma anche per vivere da esseri umani.

La paura nasce dall'insicurezza. Quando siamo assolutamente sicuri di qualcosa, di valere, per esempio, o anche di non valere, non abbiamo paura. Quindi anche la sicurezza di non valere può essere fonte di coraggio. Quando siamo assolutamente disperati o assolutamente potenti ci sembra possibile tutto. Entrambi gli stati d'animo ci rendono fiduciosi.

La strada maestra è l'azione. La via che porta alla conquista della fiducia in se stessi e della stima di sé stessi è l'azione.

La verità non ha una sua via. La verità è viva e perciò mutevole.

Liberati dal conformismo. Non essere schiavo degli stili. Non essere troppo ligio alle regole. Osserva soltanto.
Puoi ottenere molto nella vita, se sei pronto a sacrificare molto per ottenerlo. (Bruce Lee)
Noi crediamo più nelle cose che imitiamo che in quelle che creiamo noi stessi. Le cose che hanno radici in noi non ci ispirano la stessa fiducia, non ci danno la stessa assoluta sicurezza. L'insicurezza deriva dalla solitudine, e quando imitiamo non siamo soli. È cosi per la maggior parte di noi; noi siamo ciò che gli altri dicono che siamo. Ci conosciamo «per sentito dire».

Non correre, cammina. Non cercare; quello che cerchi arriverà mentre meno te lo aspetti.

Non prefiggerti nulla. Passa in fretta come il non-esistente, e sii calmo come la purezza. Quelli che vincono perdono. Non precedere gli altri, seguili sempre.

Pensare all'esito del combattimento è un grosso sbaglio; non pensare a come finirà, se con la vittoria o la sconfitta. Lascia che la natura segua il suo corso e i tuoi strumenti colpiranno al momento giusto.

Per esprimere te stesso in libertà devi morire a tutto ciò che è passato. Dal "vecchio" trai sicurezza, dal "nuovo" mobilità.

Quando senti dire che il Jeet Kune Do è diverso da "questo" o da "quello", non ti formalizzare: è soltanto un nome.

Smetti di pensare senza smettere. Applica le tecniche senza applicarle.

Vuota la tua coppa affinché possa essere riempita, per partecipare della totalità fa' il vuoto dentro di te.
Se farai un asino di te stesso, ci sarà sempre qualcuno pronto a cavalcarti. (Bruce Lee)
Bruce Lee "Dragon"
The Bruce Lee Story, 1989
© Edizioni Mediterranee

Le cinture servono per tener su i pantaloni! [1 - vedi note Aforismario]

Le tre chiavi per il successo: perseveranza, perseveranza e perseveranza. (Bruce Lee)
La perfezione del corpo
L'arte di esprimere al meglio il fisico e la mente
The Art of Expressing the Human Body, 1998
© Mondadori - Selezione Aforismario

Allenarsi per la forza e la flessibilità è indispensabile. Dovete usarle per aiutare l'esecuzione delle vostre tecniche. Le tecniche da sole non sono di nessuna utilità se non le sosterrete con la forza e la flessibilità.

In definitiva tutte le forme di conoscenza portano alla conoscenza di se stessi.

La forza viene dall'addome. È il centro di gravità e la sorgente della vera potenza.

Pensi che un combattimento sia un solo colpo? Un calcio? Finché non sei in grado di eseguire combinazioni insieme senza neanche pensarci, finché non capisci come tenerti in movimento e come avere resistenza, assumi una guardia del corpo o conduci una vita più pacifica.

Usate le vostre idee per creare nuovi modi di migliorare il funzionamento del corpo nel kung fu – al diavolo le opinioni e i metodi convenzionali.

Bisogna cercare l'equilibrio muovendosi, non stando fermi. (Bruce Lee)
Pensieri che colpiscono
Striking Thoughts, 2000 (postumo)
© Edizioni Mediterranee - Selezione Aforismario

Attendi con la tranquilla forza della pazienza, che il forte serba con grande cura. Non c'è da temere che una volontà forte possa non imporsi; la cosa più importante è non dissipare prematuramente la tua energia nel tentativo di ottenere con la forza qualcosa per cui il tempo non è ancora maturo.

Che cosa significa determinato? Non significa forse "avere una volontà propria"? L'istinto del gregge richiede adattamento e subordinazione, ma l'umanità eleva ai più alti onori non il mansueto, il pusillanime, il pigro, ma proprio l'uomo determinato, l'eroe.

Ci viene detto che il vero talento crea da solo le proprie opportunità. Ma a volte sembra che un intenso desiderio crei non solo le opportunità, ma anche i talenti.

Coloro che non sanno di camminare nelle tenebre non cercheranno mai la luce.

Cos'è la sconfitta? Nient'altro che educazione, il primo passo verso qualcosa di meglio.

Crescere significa andare oltre la recitazione di un ruolo e riempire i buchi della personalità in modo da reintegrare la persona nella sua totalità.

Devi realizzare il fatto che tu semplicemente "vivi" e non "vivi per".

Essere umili verso i superiori è un dovere, verso gli eguali è cortesia, verso gli inferiori è nobiltà, verso tutti è la salvezza.

Fuggi la banalità e scarta tutto ciò che è superfluo.

I veri amici sono come i diamanti, preziosi e rari. I falsi amici sono come le foglie d'autunno, si trovano ovunque.

Il ricordo è l'unico paradiso dal quale nessuno potrà mai allontanarci.

Il potere spirituale della volontà dell'uomo è in grado di superare tutti gli ostacoli.

Io rispetto la fede, ma è il dubbio che ti educa.

Cos'è la sconfitta? Nient'altro che educazione, il primo passo verso qualcosa di meglio.
(Bruce Lee - foto: L'urlo di Chen terrorizza anche l'occidente 1972)
La conoscenza vi darà potere, il carattere rispetto.

La felicità è buona per il corpo, ma il dolore rafforza lo spirito.

La filosofia di per sé è la malattia stessa per la quale pretende di rappresentare la cura: l'uomo veramente saggio non insegue la saggezza, ma vive la sua vita, ed è proprio in questo che manifesta la propria saggezza.

La lontananza nell'amore è come acqua sul fuoco: se è poca lo ravviva, ma se è troppa lo spegne.

La maggior parte delle persone parla senza ascoltare. Ben pochi ascoltano senza parlare. È assai raro trovare qualcuno che sappia parlare e ascoltare.

La mente intelligente è in continuo apprendimento, senza mai giungere a conclusioni: gli stili e i modelli sono giunti a una conclusione, quindi hanno cessato di essere intelligenti.

La mente intelligente è una mente curiosa: non è soddisfatta delle spiegazioni né dalle conclusioni, e non si abbandona alla fede, perché anche la fede è una forma di conclusione.

La saggezza non consiste nel cercare di strappare il bene dal male, ma nell'imparare a "cavalcare" entrambi, proprio come un tappo di sughero si adatta alla cresta e al solco dell'onda.

La stupidità assume due forme, loquace o silenziosa: la seconda è sopportabile.

La vita vive, e nel suo fluire non sorgono domande: ciò accade perché la vita è un presente vivo! Quindi, per goderla pienamente, devi pensare che la vita è, semplicemente.

L'errore non è nel fallimento, ma in uno scopo meschino: nelle grandi imprese, la gloria viene anche dal fallimento. 

L'esibizionismo rappresenta l'idea di gloria dello sciocco.

L'eterna condizione del successo consiste nell'avere uno scopo.

Le tre chiavi per il successo: perseveranza, perseveranza e perseveranza.
Nessun uomo può essere vinto, se non cede allo scoraggiamento.

Non esiste arma più letale della volontà.

Non esistono incidenti tanto sfortunati da cui il saggio non possa trarre vantaggio, come non esistono circostanze tanto fortunate che lo sciocco non possa volgere a proprio danno.

Non puoi chiamare il vento, ma devi lasciare la finestra aperta.

Non sono uno di quelli che non credono all'amore a prima vista, ma preferisco sempre dare una seconda occhiata.

Nulla esiste tranne il qui e ora.

Quelle che detesto nel modo più assoluto sono le persone che parlano più di quanto siano capaci di fare, nonché coloro che usano la falsa umiltà per nascondere la propria riprovevole inadeguatezza,
Svuota la tua mente. Sii senza forma. Senza limiti, come l'acqua. Se metti dell'acqua in un tazza,
l'acqua diviene tazza. Se la metti in una teiera, diventa teiera. L'acqua può fluire, o spezzare.
Sii come acqua, amico mio. (Bruce Lee - foto: I 3 dell'Operazione Drago 1973)
Sapere non basta: dobbiamo applicare ciò che sappiamo. Volere non basta: dobbiamo agire.

Se amate la vita, non perdete tempo, perché la vita è fatta di tempo.

Se farai un asino di te stesso, ci sarà sempre qualcuno pronto a cavalcarti.

Se non vuoi scivolare domani, di' la verità oggi.

Se ognuno di noi aiutasse il proprio vicino, nessun uomo resterebbe privo di aiuto.

Se passi troppo tempo a pensare a una cosa, non riuscirai mai a portarla a compimento.

Se pensi che una cosa sia impossibile, lo diventerà. Il pessimismo spunta le armi di cui hai bisogno per vincere.

Se vuoi fare bene il tuo dovere, devi sempre farne un pochino di più.

Senza frustrazioni, non potrai mai scoprire se sei in grado di fare qualcosa da solo. Si cresce attraverso i conflitti.

Sii ciò che sei, e l'onestà verso te stesso occupi un posto ben definito e vitale nel processo di continua crescita che ti porta a diventare un essere umano "autentico", non finto.

Sii come l'acqua, che ha forma eppure non ne possiede nessuna. È l'elemento più adattabile sulla terra, eppure riesce a penetrare la roccia più dura. Non ha forma propria, eppure può prendere quella di qualsiasi contenitore: versata in una coppa, diviene quella stessa coppa. In un vaso, prende la forma del vaso e arriccia gli steli dei fiori. In una teiera, diviene la teiera. Osserva con attenzione l'adattabilità dell'acqua: se viene compressa con forza, si riverserà rapidamente fuori dal recipiente, ma se la versi con calma, uscirà lentamente. A volte può muoversi in modo illogico, perfino correre in salita, perché sceglie qualsiasi via aperta per raggiungere il mare. Può fluire rapidamente o lentamente, ma il suo scopo è inesorabile, il suo destino sicuro. [2 - vedi note Aforismario]

Solo le azioni conferiscono forza alla vita, e solo la moderazione le conferisce fascino.

Un uomo saggio impara da una domanda sciocca più di quanto uno sciocco possa imparare da una risposta saggia.

Vivere davvero è vivere per gli altri.

Vivi accontentandoti di modeste disponibilità economiche; ricerca l'eleganza invece del lusso, la perfezione piuttosto che il fascino. Sii degno, non rispettabile, benestante, non ricco; studia molto, pensa serenamente, parla con gentilezza, agisci sinceramente; sopporta tutto con letizia, fai tutto in modo efficiente, attendi le conclusioni, non affrettarti mai. In una parola, lascia che lo spirito, spontaneo e inconscio, cresca attraverso il quotidiano.

La stupidità assume due forme, loquace o silenziosa:
la seconda è sopportabile. (Bruce Lee)
Libri di Bruce Lee consigliati
Jeet kune do
Il libro segreto di Bruce Lee
Traduzione: S. Bonarelli 
Editore: Edizioni Mediterranee, 1983

Per la prima volta appare in Italia un libro scritto completamente e soltanto da Bruce Lee. Il materiale raccolto in quest'opera rappresenta in realtà una sorta di diario segreto e di guida personale al combattimento, che Bruce Lee ha sviluppato in tanti anni di pratica e di studi. Infatti, Bruce Lee, creatore di questo nuovo, formidabile stile di lotta, aveva anche una ricchissima biblioteca dedicata alle Arti Marziali, dalla quale attingeva ispirazione e insegnamenti. Il Jeet Kune Do è un sistema di lotta «totale». Esso non è precisamente definibile, poiché in continua evoluzione, ma è certo che chiunque riesca a compenetrarsi completamente nei suoi principi e nei suoi insegnamenti diviene pressoché imbattibile. Nella definizione dello stesso Bruce Lee, il Jeet Kune Do può adottare tutte le forme e tutti gli stili, si serve di tutti i metodi e non è condizionato da nessuno di essi: usa tutte le tecniche utili al suo scopo, che è unicamente quello della vittoria finale. Il libro è ricchissimo di illustrazioni dello stesso Bruce Lee, che spiegano chiaramente le azioni e i movimenti da compiere. Inoltre, le caratteristiche,
le qualità e la personalità del vero combattente vengono delineate sia sotto il profilo tecnico e pratico, sia sotto quello psicologico. L'opera si rivelerà pertanto preziosissima per tutti coloro che praticano un'arte marziale, o comunque uno sport competitivo che li pone di fronte a un avversario, quali il pugilato, la lotta e la scherma. Il Jeet Kune Do non ha limiti. Serve piuttosto come inizio. Non ha uno stile, una base, però riescono a capirlo più facilmente gli individui che conoscono sé stessi, le proprie capacità, le proprie «armi». Probabilmente nulla di quanto è affermato in questo libro ha un valore definitivo, assoluto, e privo di eccezioni. Nessun libro del resto potrebbe illustrare le arti marziali in modo esauriente. Questa è un'opera che indica l'indirizzo seguito da Bruce nei suoi studi. Le sue ricerche sono rimaste incompiute; molti interrogativi − alcuni semplici, altri complessi − sono rimasti senza risposta. Anche i disegni sono spesso senza spiegazione e danno un'idea soltanto vaga di ciò che vogliono indicare. Ma se fanno nascere un'idea, se fanno sorgere un dubbio, servono già a qualcosa. Il Jeet Kune Do non ha limiti ben definiti, salvo quelli che tracciate voi stessi.

Pensieri che colpiscono
Gli aforismi di Bruce Lee per la vita di tutti i giorni 
Traduzione: Andrea Tranquilli
Editore: Edizioni Mediterranee, 2003

Con oltre 800 annotazioni riguardanti più di 70 argomenti che spaziano dalla spiritualità alla liberazione personale e dalla vita familiare al cinema, Pensieri che colpiscono rappresenta una straordinaria e immediata sintesi delle convinzioni che informarono tutta la vita del "Piccolo Drago". Ciò che egli lesse e scrisse diede un forte impulso alla sua esistenza e alla sua eccezionale carriera, aiutandolo a superare, apparentemente senza sforzo, enormi ostacoli e a vivere felice. Per tutta la vita Bruce Lee fu di grande ispirazione per la sua famiglia, gli amici, gli allievi i colleghi, insegnando a ciascuno a vivere e a dissipare dubbi e confusioni. Pensieri che colpiscono contiene proprio quell'ispirazione e quella saggezza: attinge alle fonti più elevate della psicologia e della filosofia occidentali, come anche alla saggezza asiatica - soprattutto al Taoismo e al Buddhismo Zen - e filtra tutto attraverso un acume grandissimo e una freschezza senza pari.

Note
  1. "Le cinture servono per tener su i pantaloni!": con questa affermazione, Bruce Lee si riferisce all'inutilità della classificazione dei gradi in cinture, esistente nelle arti marziali.
  2. Durante un'intervista, Bruce Lee ha espresso lo stesso concetto con altre parole: "Non essere un'unica forma, adattala e costruiscila su te stesso e lasciala crescere: sii come l'acqua. Svuota la tua mente. Sii senza forma. Senza limiti, come l'acqua. Se metti dell'acqua in un tazza, l'acqua diviene tazza. Se la metti in una bottiglia, diventa bottiglia. In una teiera, diventa teiera. L'acqua può fluire, o spezzare. Sii come acqua, amico mio".
  3. *Lo sapevi? Per ingrandire le immagini presenti su Aforismario basta cliccarci sopra.
  4. Se desideri condividere questa pagina sui tuoi social network preferiti (Facebook,Twitter, Google+, ecc.), clicca sulle rispettive icone qui in basso.

Nessun commento: