2015-12-20

George Bernard Shaw - Le frasi più brillanti

Selezione dei migliori aforismi e delle frasi più significative di George Bernard Shaw (Dublino 1856 - Ayot St Lawrence 1950) scrittore, drammaturgo, critico musicale e aforista irlandese. Aderì alla Fabian Society, il movimento socialista che ebbe profonda influenza sugli intellettuali inglesi. Dopo un infelice esordio come romanziere, entrò nel mondo del giornalismo e dal 1890 al 1894 fu un ascoltatissimo critico musicale, dallo stile caustico e brillante. Nel 1925 il premio Nobel per la letteratura coronò l’attività letteraria di un enfant terrible, di un dissacratore saggio, ormai divenuto una solida istituzione dell’anticonformismo. George Bernard Shaw, come il suo celebre concittadino Oscar Wilde, fu un abile creatore di frasi a effetto, come si può vedere già da questa raccolta.
George Bernard Shaw Dublino 1856 - Ayot St Lawrence 1950
Scrittore e drammaturgo irlandese
Cesare e Cleopatra
Caesar and Cleopatra, 1893

Quando uno stupido fa qualcosa di cui si vergogna, dice sempre che è il suo dovere.

Il mondo
The World, 1893

Il patriottismo è, fondamentalmente, la convinzione che un particolare paese è il migliore del mondo perché ci siete nati.

La professione della signora Warren
Mrs Warren's profession, 1894

Le persone che si lamentano del proprio stato danno sempre la colpa alle circostanze. Le persone che vanno avanti in questo mondo sono quelle che si danno da fare e cercano le circostanze che vogliono e se non riescono a trovarle, le creano.

Non ci sono segreti custoditi meglio di quello che tutti conoscono.

Il discepolo del diavolo
The Devil's Disciple, 1897

Il peggior peccato contro i nostri simili non è l'odio ma l'indifferenza: questa è l'essenza dell'inumanità.

Candida
Candida, 1898

L'uomo può arrampicarsi sulle vette più alte; ma non può rimanervi a lungo.

Commedie, piacevoli e spiacevoli
Plays Pleasant and Unpleasant, 1898

C'è una sola religione, benché ne esistano un centinaio di versioni.

Il wagneriano perfetto
The Perfect Wagnerite, 1898

La libertà è una cosa ottima; ma non può cominciare se non dopo che la società ha pagato il suo debito alla Natura guadagnandosi da vivere. Fin che questo non è assicurato, non può esservi altra libertà che quella di vivere a spese degli altri; libertà, questa, molto apprezzata ai nostri giorni, tanto è vero che averla o non averla è ciò che distingue il signore dal volgo. Ma non è affatto salutare dal punto di vista del bene comune.

Uno dei punti deboli che l'esperienza scopre nelle teorie anarchiche è l'appoggiarsi che esse fanno sul progresso già compiuto da quella cosa che si chiama «Uomo». Questa cosa non esiste nel mondo. Esiste una moltitudine di uomini: alcuni sono gran furfanti, alcuni sono grandi uomini di Stato, alcuni sono l'uno e l'altro; c'è poi una grande maggioranza capace di sbrigare i propri affari personali, ma non di comprendere col pensiero l'organizzazione sociale, o di affrontare i problemi che nascono dalla convivenza dei loro simili in enormi agglomerazioni. Se per «Uomo» s'intende il tipo di questa maggioranza, l'«Uomo» allora non ha fatto nessun progresso; anzi non ha fatto che resistere al progresso.

La conversione del capitano Brassbound
Captain Brassbound's Conversion, 1900

Niente rende un uomo più egoista del suo lavoro.

Quando vuoi fare qualcosa contro la legge, prima consulta sempre un bravo avvocato.

Chi può, fa. Chi non può, insegna. George Bernard Shaw
Uomo e superuomo
Man and superman, 1903 - Selezione Aforismario

La vera gioia della vita [...] consiste nell'essere una forza della natura e non un grumo agitato di guai e di rancori che recrimina perché l'universo non si dedica a renderlo felice.
[Lettera dedicatoria per Arthur Bingham Walkley]

Non fare agli altri ciò che vorresti essi facessero a te. Potrebbero avere gusti diversi dai tuoi.

Non resistere mai alla tentazione: prova ogni cosa: non cedere su ciò che è bene.

Non amare il tuo prossimo come te stesso. Se sei in buoni rapporti con te stesso, è un'impertinenza; se sei in cattivi rapporti con te stesso, e un'ingiuria.

La regola d'oro è che non esistono regole d'oro.

L'arte di governare è l'organizzazione dell'idolatria.

La burocrazia consiste in funzionari; l'aristocrazia, in idoli; la democrazia, in idolatri.

Il selvaggio s'inchina davanti a idoli di legno e di pietra; l'uomo civile di fronte a idoli di carne e sangue.

Se la mente minore potesse misurare la maggiore come un metro da falegname può misurare una piramide, il suffragio universale avrebbe uno scopo. Cosi com'è, non risolve il problema politico.

La democrazia sostituisce l'elezione dovuta a molti incompetenti dandone incarico a pochi corrotti.

Le repubbliche democratiche non possono fare a meno di idoli nazionali cosi come le monarchie non possono fare a meno di pubblici funzionari.

Colui che confonde la licenza politica con la libertà e l'eguaglianza politica con la simiglianza non ha mai riflettuto per cinque minuti di fila sull'una o sull'altra.

Niente può essere incondizionato: di conseguenza, niente può essere libero.

La libertà significa responsabilità. È per questo che la maggior parte degli uomini la temono.

Quando un uomo insegna una cosa che non sa a qualcuno che non ha attitudine a saperla, e gli dà un certificato di profitto, il primo ha compiuto l'educazione di un signore.

La mente dello sciocco digerisce la filosofia in follia, la scienza in superstizione, l'arte in pedanteria. Da qui, l'educazione universitaria.

I bambini meglio allevati sono quelli che hanno veduto i loro genitori quali sono. L'ipocrisia non è il primo dovere del genitore.

Il più vile degli aborzionisti è quello che tenta di plasmare il carattere di un bambino.

Chi può, fa. Chi non può, insegna.

Un uomo dotto è un ozioso che ammazza il tempo studiando. State in guardia contro la sua falsa conoscenza: è più pericolosa dell'ignoranza.

L'attività è la sola strada che conduce alla conoscenza.

Tutti gli sciocchi credono a quello che dicono i loro insegnanti, e chiamano la loro credulità scienza o moralità con la stessa fiducia con cui i loro padri la chiamavano rivelazione divina.

Nessun uomo che conosce a fondo la propria lingua sa padroneggiarne un'altra.

Nessun uomo può essere un puro specialista senza essere rigorosamente un cretino.

Il matrimonio è popolare perché unisce il colmo della tentazione col massimo delle occasioni.

L'assassinio sul patibolo è la peggior forma di assassinio, perché è investito dell'approvazione della società.

Il delitto non è che lo spaccio al minuto di quanto, nella vendita all'ingrosso, chiamiamo legge penale.

Quando un uomo vuol assassinare una tigre, dice che è sport; quando la tigre vuole assassinare lui, egli dice che è ferocia. La differenza tra Delitto e Giustizia non è maggiore di questa.

L'individuo più ansioso che sia nella prigione, è il direttore.

I titoli distinguono il mediocre, mettono in imbarazzo il superiore e sono svergognati dall'inferiore.

I grandi uomini rifiutano titoli perché ne sono gelosi.

La proprietà, secondo Proudhon, è furto. È la sola verità assoluta che sia stata pronunciata su questo argomento.

Guardatevi dall'uomo il cui dio è nei cieli.

La virtù consiste non nell'astenersi dal vizio, ma nel non desiderarlo.

La grandezza non è che una delle sensazioni di piccolezza. In paradiso un angelo non è nessuno di speciale.

Colui che desidera un'intera vita di felicità con una bella donna desidera godere il sapore del vino avendone sempre piena la bocca.

L'uomo che ha mal di denti considera felici tutti coloro che hanno i denti sani. L'uomo colpito dalla povertà commette lo stesso errore nei riguardi dell'uomo ricco.

In un mondo brutto e infelice, l'uomo più ricco non può acquistare che bruttezza e infelicità.

L'"ego" incosciente è il vero genio. Il vostro respiro funziona male appena il vostro ego cosciente se ne immischia.

L'uomo ragionevole si adatta al mondo: l'uomo non ragionevole persiste nel tentativo di adattare il mondo a se stesso. Quindi, ogni progresso dipende dall'uomo non ragionevole.

Gli uomini sono saggi non in proporzione alla loro esperienza, ma alla loro capacità di esperienza.

L'inferno è lastricato di buone intenzioni, non di cattive.

Coloro che provvedono alla povertà e alla malattia sono complici nei due delitti peggiori.

La vita livella tutti gli uomini: la morte rivela il più eminente.

Non sprecate il vostro tempo con questioni sociali. Il male di cui soffrono i poveri è la povertà: il male di cui soffrono i ricchi è l'inutilità.

Ci riferiscono che quando creò il mondo, Jehovah disse che andava bene. Che cosa direbbe adesso?

Qualsiasi uomo che abbia passato la quarantina è un manigoldo.

Se i malvagi prosperano e i più capaci sopravvivono, la natura dev'essere il Dio dei manigoldi.

Se la storia si ripete, e accade sempre l'inatteso, quanto incapace dev'essere l'Uomo a imparare dall'esperienza.

È pericoloso essere sinceri, a meno che siate anche stupidi.

L'abnegazione ci mette in grado di sacrificare gli altri senza arrossire.

Se cominciate per sacrificare voi stesso a coloro che amate, finite per odiare coloro ai quali avete sacrificato voi stesso.

Sono un milionario. Questa è la mia religione. (G. B. Shaw)
L'altra isola di John Bull
John Bull's other island, 1904

Ci sono solo due qualità nel mondo: l'efficienza e l'inefficienza; e ci sono soltanto due generi di persone: l'efficiente e l'inefficiente.

Fa' in modo che si veda che stai adulando un uomo, perché ciò che lo lusinga realmente è il fatto che tu pensi che valga la pena lusingarlo.

Il Maggiore Barbara
Major Barbara, 1905

Sono un milionario. Questa è la mia religione!

Non sa niente, e crede di saper tutto. Questo fa chiaramente prevedere una carriera politica.

Il dilemma del dottore
The doctor's dilemma, 1906

La moda, dopo tutto, è soltanto un'epidemia creata ad arte (prefazione).

La moralità consiste nel sospettare gli altri di non essere legalmente sposati.

Tutte le professioni sono cospirazioni contro i profani.

Non cercare di vivere per sempre. Non avrai successo.

La vita non cessa di essere divertente quando le persone muoiono più di quanto non cessa di essere seria quando la gente ride.

Oh!, il matrimonio
Getting Married, 1908

La vita familiare come la concepiamo noi non ci è più naturale di quanto sia naturale una gabbia a un cacatua.

Quando due persone sono sotto l'influenza della più violenta, più folle, più illusoria e più transitoria delle passioni, sono tenute a giurare che continueranno a rimanere in quello stato di eccitazione anormale ed estenuante, finché morte non li separi.

Il processo di Blanco Posnet
The Shewing-Up of Blanco Posnet, 1909

L'assassinio è la forma estrema di censura.

I fidanzati impossibili 
Misalliance, 1910

Una vacanza perpetua è una definizione calzante di inferno.

Il segreto per essere infelice è avere abbastanza tempo per preoccuparsi se si è felici o no.

Fanny's First Play
Fanny's First Play, 1911

Tutto ciò che i giovani possono fare per i vecchi è scandalizzarli e tenerli aggiornati.

Non sa nulla, e crede di sapere tutto. Questo fa
chiaramente prevedere una carriera politica. (George Bernard Shaw)
Pigmalione
Pygmalion, 1912 - Selezione Aforismario

Ah che brutta faccenda esser nati poveri.

Ci sono tante donne no? che se vogliono vivere in pace con il proprio marito, devono dargli da bere! E sempre stato così! Quando un uomo è sobrio si accorge di avere una coscienza, e allora diventa un disgraziato!

Chi di noi sa quello che deve fare? E sapendolo, si sarebbe disposti a farlo?

È proprio tempo di pensare all'avvenire, quando non c'è più nessun avvenire a cui pensare.

Ecco quello che mi manda in bestia: la gente stupida non sà della propria stupidità.

Felice è l'uomo che può vivere della sua passione!

I piccoli risparmi formano le grandi ricchezze: questo è valido sia per i denari che per le abitudini.

Il grande segreto [...] non è nel possedere buone oppure cattive maniere, ma nell'adoperare le stesse maniere con tutti.

In fondo che cos'è la vita se non una serie di ispirate sciocchezze? La difficoltà consiste nel trovare il modo di commetterle.

Indipendenza? libertà? illusione della borghesia. Tutti dipendiamo, inevitabilmente, l'uno dall'altro. Tutti al mondo,

Io sono un uomo che pensa, e mi occupo di politica, di religione, e di riforme sociali, come di tante altre perdite di tempo – e vi assicuro che da qualunque parte mi rigiriate è una vita da cani.

La vostra anima è il vostro specchio: è tutta voi.

Matrimonio! Che bruttissima parola! Di quelle che ti fanno capire in che guaio ti sei ficcato!

Casa Cuorinfranto
Heartbreak house, 1920

Quando abbiamo i parenti in casa, dobbiamo pensare a tutte le loro buone qualità, altrimenti sarebbe impossibile sopportarli. ma quando sono via, ci consoliamo della loro assenza indugiando sui loro vizi.

C'è chi vede le cose come sono e dice: "Perché?".
Io invece sogno cose mai esistite e dico: "Perché no?". (George Bernard Shaw)
Torniamo a Matusalemme
Back to Matuselah, 1920

C'è chi vede le cose come sono e dice: "Perché?". Io invece sogno cose mai esistite e dico: "Perché no?".

La danza è un tentativo molto rozzo di penetrare nel ritmo della vita.

Il silenzio è la più perfetta espressione del disprezzo.

Mi piace la convalescenza: è la cosa per cui vale la pena di ammalarsi.

Guida per la donna intelligente
The Intelligent Woman's Guide to Socialism and Capitalism, 1928
Selezione Aforismario

Il più grande servizio sociale che chiunque possa rendere al Paese e all'umanità è forse quello di allevare una famiglia.

Le sole persone che ricavano qualche specifica soddisfazione dall'esser più ricche delle altre sono quelle che amano l'ozio e che s'illudono d'esser migliori dei loro vicini e d'esser trattate come tali.

Non vi è ricchezza senza lavoro.

Quando vedete la moglie di un uomo ricco (o chiunque altro) scuotere la testa per deplorare la prodigalità dei poveri e lamentare che non tutti fanno economia, abbiate pietà per l'ignoranza di quella signora, ma non irritate i poveri ripetendo loro le sciocchezze di questa donna.

Sono soltanto le doti intellettuali e morali quelle che contano: prendete cura di esse e la felicità prenderà cura di sé stessa.

Un ubriaco è molto più felice d'un astemio ed è per questo che molti infelici si danno al bere.

Quando un uomo vuole uccidere una tigre, lo chiama sport;
quando una tigre vuole uccidere lui, la chiama ferocia. 
(George Bernard Shaw - foto: Ernest Hemingway con leopardo)
Citazioni attribuite
Qualche frase "dubbia" attribuita a George Bernard Shaw.
Se tu hai una mela e io ho una mela, e ce le scambiamo, tu e io abbiamo sempre una mela per uno. Ma se tu hai un'idea e io ho un'idea, e ce le scambiamo, allora ognuno di noi avrà due idee.
Questa citazione è attribuita a George Bernard Shaw; molti libri, tutti i siti italiani di citazioni e persino Wikipedia Italia gliela attribuiscono senza incertezze, eppure non esiste alcuna prova che possa attestarne la paternità. Per quanto se ne sa, la frase pare sia stata pronunciata per la prima volta nel 1949 durante una trasmissione della NBC da Charles Franklin Brannan, Segretario dell'Agricoltura degli Stati Uniti d'America dal 1948 al 1953, il quale ha probabilmente ripreso un detto anonimo in cui al posto delle mele si parlava di dollari (cfr. News Bulletin of the Institute of International Education, 1949).
 Gli scout sono dei bambini vestiti da cretini, guidati da cretini vestiti da bambini.
La maggior parte di noi nasce con l'aiuto del medico e muore allo stesso modo.
Libro di George Bernard Shaw consigliato
Pigmalione
Traduttore F. Saba Sardi
Editore Mondadori

Prendendo spunto da un mito dell'antichità classica - Pigmalione, lo scultore cipriota che s'innamora della propria statua Galatea e tanto l'ama da infonderle la vita per poi sposarla - Shaw mette in scena un'impeccabile comedy of manners. Henry Higgins, eccentrico professore di fonetica, scommette con il colonnello Pickering, autorevole studioso di dialetti indiani, si essere capace di educare alla perfetta pronuncia, una misera fioraia, Liza Doolittle, che parla un cockney atroce, fino a farla scambiare per una duchessa a una festa. Pigmalione, questa moderna favola di Cenerentola, è un apologo, solo in apparenza frivolo, sulle differenze di classe che l'accento e la pronuncia rivelano, soprattutto in Inghilterra, ieri come oggi. Un apologo sorretto da un torrente di aforismi, paradossi e trovate comiche sapientemente amalgamati in un dialogo pirotecnico, inimitabile. Più volte riproposta nei teatri di tutto il mondo, famosa nei musical prima e nella versione cinematografica poi come My Fair Lady, è la commedia di Shaw più riuscita e fortunata.

Nessun commento: