2016-01-09

Pudore e Pudicizia - Frasi pudibonde

Raccolta di frasi e aforismi sul pudore, la pudicizia, la verecondia e le persone pudiche. Il termine "pudore" deriva dal latino pudere "provare vergogna", e indica il senso di riserbo, vergogna e disagio nei confronti di parole, allusioni, atti, comportamenti che riguardano la sfera sessuale. Il senso del pudore varia da persona a persona, a secondo dell'epoca e della società di riferimento. In senso più esteso, la parola pudore indica ritegno, discrezione e un atteggiamento di rispetto della sensibilità altrui. [Detto tra parentesi: il termine "pudico" si pronuncia con l'accento sulla "i"; pertanto, si dice "pudìco" e non "pùdico", con l'accento sulla "u"]. In questa raccolta si segnalano le profonde riflessioni di Stendhal sul pudore, tratte dal suo libro Sull'amore, scritto nei primi decenni dell'Ottocento. Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa dedicate alla vergogna e alla timidezza.
Il pudore offre all'amore l'aiuto dell'immaginazione, ed è come dargli la vita.
(Stendhal - foto: Antonio Corradini, La Pudicizia velata, 1752)
1. Pudore
© Aforismario

È la voglia di fottere che fa arrossire la gente, non il pudore.
Anonimo, (attr. Jean-Baptiste Boyer d'Argens), Thérèse Philosophe, 1748 

Chi non ha il pudore dei sentimenti, non ne avrà nemmeno la profondità.
Amedeo Ansaldi, Manuale di scetticismo, 2014

Il pudore [...] è come un vestito: quanto più è consumato tanto minor cura se ne ha.
Apuleio, Sulla magia e in sua difesa, II sec.

Il pudore non è più suscettivo di analisi di quel che sia la coscienza; e forse per far comprendere istintivamente ciò, basterà chiamare il pudore coscienza del corpo: perché l'una dirige verso il bene i nostri sentimenti e le menome azioni del pensiero nostro, come l'altro presiede ai movimenti esterni. Le azioni che, ledendo i nostri interessi, disobbediscono alle leggi della coscienza ci feriscono più fortemente di tutte le altre e, ripetute, fanno nascer l'odio. È lo stesso degli atti contrari al pudore relativamente all'amore, che non è che l'espressione di tutta la nostra sensibilità.
Honoré de Balzac, Fisiologia del matrimonio, 1829

Gli amanti ignorano il pudore.
ibidem

Quando due esseri sono uniti dal piacere, tutte le convenzioni sociali dormono. Questa situazione nasconde uno scoglio sul quale si sono infrante molte imbarcazioni. Un marito è perduto se dimentica una sola volta che esiste un pudore indipendentemente dai veli. − L'amore coniugale non deve mai porre o toglier la sua benda che a proposito.
Honoré de Balzac, Fisiologia del matrimonio, 1829

Il pudore è l'intelligenza della donna.
Libero Bovio, Don Liberato si spassa, 1937

C'è da chiedersi se, a volte, il pudore non mascheri una voglia ossessiva di spudoratezza.
Pino Caruso, Ho dei pensieri che non condivido, 2009

Il senso del pudore non dovrebbe riguardare il sesso (lì basta il senso della misura), ma la dirittura morale.
Pino Caruso, Appartengo a una generazione che deve ancora nascere, 2014

La sguaiatezza verbale dei pornografi deriva il più delle volte da un eccesso di pudore, dalla vergogna di mettere in mostra la loro «anima» e soprattutto di nominarla: in nessuna lingua esiste parola più indecente.
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

Si incontra la Sottigliezza [...] nelle donne. Condannate al pudore, devono camuffare i loro desideri e mentire: la menzogna è una forma di talento, mentre il rispetto della «verità» va di pari passo con la grossolanità e la pesantezza.
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

Il vero pudore è nascondere ciò che non è bello far vedere.
Georges Courteline, La filosofia di Georges Courteline, 1922

La nudità sensuale è l'efflorescenza del pudore.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977

Il pudore inventò il vestito per maggiormente godere la nudità.
Carlo Dossi, Note azzurre, 1870/1907 (postumo 1912/64)

Una donna, quando si spoglia della sua veste, si spoglia anche del suo pudore.
Erodoto, Storie, V sec. a.e.c.

Che il pudore sia anche una questione di mercato lo conferma il fatto che la donna lo ha usato spesso, per non dir quasi sempre, in modo strumentale, per rendersi attraente agli occhi dell'uomo. Era un falso pudore. Ma nel teatrino erotico la rappresentazione vale la realtà.
Massimo Fini, Dizionario erotico, 2000

La femmina, di suo, non è pudica (semmai lo è molto di più l'uomo). È, al contrario, esibizionista.
ibidem

Ci sono voluti migliaia di anni di repressione e di martellamento da parte dell'uomo per creare il pudore femminile, cioè per fare della femmina una donna. E allora la vergogna, i rossori, i ritegni sono entrati a far parte del gioco erotico.
Massimo Fini, Dizionario erotico, 2000

Gli uomini non hanno che due freni, il pudore e la forca.
Ugo Foscolo, Epistolario, 1794/1824

Le donne hanno per certi atti il senso del pudore assai meno sviluppato che l'uomo. La loro femminilità è ad un tempo arma e difesa.
Carlo Maria Franzero, Il fanciullo meraviglioso, 1920

Se chiamiamo "intimo" ciò che si nega all'estraneo per concederlo a chi si vuol fare entrare nel proprio segreto profondo e spesso ignoto a noi stessi, allora il pudore, che difende la nostra intimità, difende la nostra libertà.
Umberto Galimberti, I vizi capitali e i nuovi vizi, 2003

Il pudore non è una faccenda di vesti, sottovesti o intimo abbigliamento, ma una sorta di vigilanza dove si decide il grado di apertura e di chiusura verso l'altro. Si può infatti essere nudi senza nulla concedere, senza aprire all'altro neppure una fessura della propria anima.
Umberto Galimberti, I vizi capitali e i nuovi vizi, 2003

Dio non ha pudore perché non ha corpo. L'animale non ha pudore perché non ha il senso della propria individualità. L'uomo, che ha corpo e individualità, esprime nel pudore la dialettica contrastante di queste due dimensioni che così intimamente lo costituiscono e lo lacerano.
Umberto Galimberti, Le cose dell'amore, 2004

Il pudore è un tentativo di mantenere la propria soggettività in modo da essere segretamente se stessi in presenza degli altri.
Umberto Galimberti, L'ospite inquietante, 2007

Il pudore è la grazia più commovente che possa abbellire la donna; esso è la prova certa dell'innocenza.
Madame de Genlis (Stéphanie Félicité du Crest de Saint-Aubin), Pensieri, 1830

Il pudore è il più malizioso complice del peccato.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Quale miglior afrodisiaco del pudore?
ibidem

Il pudore non evita il peccato: lo complica.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

C'è chi, per rifarsi la verginità, è pronto a perdere il pudore.
ibidem

Il pudore è la meno ipocrita delle ipocrisie.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Il pudore è un velo che dà piacere solo quando lo si squarcia.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Perde il pudore solo chi non l'ha mai avuto.
ibidem

Una donna la si conquista anche perdendo, e facendole perdere, il pudore. Perdendo invece il pudore con un amico, si perde l'amico.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Il pudore è una delicata forma d'ipocrisia.
Rémy de Gourmont, Orme sulla sabbia, 1914

Il pudore sessuale è un progresso sull'esibizionismo delle scimmie.
ibidem

Chi non ha nessuna specie d'ideale, non può avere nessuna specie di pudore.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

Il pudore è pur sempre la più sicura e natural difesa che la donna abbia contro l'insolenza e la mala fede del maschio.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

Tra tutti gli strani «reati» che gli esseri umani hanno inventato dal nulla, il più sorprendente è la «bestemmia»... mentre «oscenità» e «indecenza contraria al comune senso del pudore» sono in lizza per il secondo e il terzo posto.
Robert Anson Heinlein, Lazarus Long l'Immortale, 1973

Il pudore è sublime, perché è la natura che si difende. La schifiltosità è odiosa, perché è una maschera. Sotto il pudore è una donna; sotto la schifiltosità non è che una ridicola preziosa.
Arsène Houssaye, Il libro di mezzanotte, 1887

Il pudore, questa epidermide dell'anima.
Victor Hugo, I miserabili, 1862

Pudore. Se manca alla nostra predisposizione, metterlo nella volontà.
Joseph Joubert, Pensieri, 1838 (postumo)

Ella aveva un tale pudore che arrossiva quando non la si coglieva in peccato.
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

La moralità è ciò che, pur senza essere osceno, offende grossolanamente il mio senso del pudore.
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

La bellezza senza pudore è un fiore staccato da suo stelo.
Jean-François Marmontel, Insegnamenti di un padre ai propri figli, 1806

Unire l'estrema audacia all'estremo pudore è una questione di stile.
François Mauriac, Il romanzo, 1928

Il pudore si addice "naturalmente" alle donne come a un sacerdote la responsabilità del suo tempio e del Dio che vi abita.
Lea Melandri, Come nasce il sogno d'amore, 1988

Il pudore, come il solletico, si manifesta con stimoli lievi. Quando la vita ti strofina forte, i pudori vanno a farsi fottere.
Gianni Monduzzi, Orgasmo e pregiudizio, 1997

Perché Poppea pensò di nascondere le bellezze del suo volto, se non per renderle più preziose ai suoi amanti? Perché si sono velate fin sotto ai calcagni quelle bellezze che ognuna desidera mostrare, che ognuno desidera vedere? Perché esse coprono di tanti impedimenti sovrapposti le parti dove principalmente risiede il nostro desiderio e il loro? E a che servono quei grossi bastioni di cui le nostre hanno cominciato a guarnirsi i fianchi, se non ad allettare la nostra voglia e attirarci ad esse allontanandocene?
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/88

A che serve l’arte di questo pudore verginale? questa composta freddezza, questo contegno severo, questo far professione d’ignorare le cose che esse sanno meglio di noi che gliele insegniamo, se non ad accrescere in noi il desiderio di vincere, divorare e calpestare con la nostra voglia tutto questo apparato e questi ostacoli? Poiché c’è non solo del piacere, ma anche della gloria, nel far impazzire e corrompere quella delicata dolcezza e quel pudore infantile, e ridurre alla mercé del nostro ardore una gravità fiera e imperiosa.
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/88

Il pudore si addice a tutti: bisogna tuttavia saperlo vincere, pur senza mai perderlo.
Charles-Louis de Montesquieu, I miei pensieri, 1716-55 (postumo 1899-01)

Istintivamente l’uomo che ha delle idee, le circonda di segreto e nel manifestarle anche a un confidente prova un intimo disagio simile a quello che una donna prova a mostrare il proprio corpo nudo. Vi è nell'uomo un pudore intellettuale non diverso dal pudore fisico della donna.
Guido Morselli, Diario, 1938/73 (postumo 1988)

Con la bellezza delle donne cresce m genere il loro pudore.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano, 1878

Il pudore esiste dovunque ci sia un «mistero».
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano, 1878

I poeti non hanno pudore verso le loro esperienze intime: le sfruttano.
Friedrich Nietzsche, Al di là del bene e del male, 1886

Negli uomini duri il trasporto dell'animo appartiene al pudore ed è qualcosa di prezioso.
Friedrich Nietzsche, Al di là del bene e del male, 1886

Gli uomini preghino, dovunque si trovino, alzando al cielo mani pure senza ira e senza contese. Alla stessa maniera facciano le donne, con abiti decenti, adornandosi di pudore e riservatezza, non di trecce e ornamenti d'oro, di perle o di vesti sontuose, ma di opere buone, come conviene a donne che fanno professione di pietà.
Paolo di Tarso, Prima lettera a Timoteo, ca. 50-60 e.c.

La bellezza di un corpo nudo la notano solamente le razze vestite. Il pudore vale soprattutto per la sensualità, come l’ostacolo per l’energia. L’artificiosità è la maniera per godere della naturalità.
Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine, 1982 (postumo)

L’uomo prova un’istintiva gratitudine per la donna che, sacrificando un po’ del suo pudore, dimostra di voler piacere a uno solo, sfidando la malignità degli altri
Luigi Pirandello, Diana e la Tuda, 1926

Il pudore è un affetto necessario perché senza di esso si perde anche il senso dell'onore. Ma se il pudore sia soverchio riesce incomodo, forma il carattere timido e debole, né si può più per esso aspirare ai beni e alla grandezza della virtù.
Baldassarre Poli, Saggio d'un corso di filosofia, 1832

Tutte le giovinetto oneste sanno circondare di mistero le prime apprensioni del loro cuore.
Marcel Prévost, Le semivergini, 1894

Il pudore non è che un artificio che conferisce maggior valore all'abbandono.
Henri de Régnier, Lui o le donne e l'amore, 1928

Una donna che arrossisce alle avance di un uomo non scaturisce un manifesto pudore, bensì esterna un malcelato desiderio.
Guido Rojetti, L'amore è un terno (che ti lascia) secco, 2014

Il pudore era il metodo di corteggiamento più usato dalle donne.
ibidem

Il pudore è la virtù che il vizio sa meno imitare e che imita più spesso.
Joseph Sanial-Dubay, Pensieri sull'uomo, il mondo e i costumi, 1813

Il velo del pudore occulta più vaghezze che non possa offrirne la più bella nudità.
Joseph Sanial-Dubay (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Per le donne, non si sarebbe dovuto inventar mai altro belletto che il pudore.
ibidem

Il pudore e, in particolare, il timore di essere sorpreso in stato di nudità, non sono che specificazioni simboliche della vergogna originale: il corpo simbolizza qui la nostra oggettività senza difesa. Vestirsi, significa dissimulare la propria oggettività, reclamare il diritto di vedere senza essere visto, cioè d'essere puro soggetto. Per questo il simbolo biblico della caduta, dopo il peccato originale, è il fatto che Adamo ed Eva “capiscono di essere nudi”.
Jean-Paul Sartre, L'essere e il nulla, 1943

Il sentimento del pudore consiste in un ritorno dell'individuo su sé stesso, volto a proteggere il proprio sé profondo dalla sfera pubblica.
Max Scheler, Pudore e sentimento del pudore, 1933

Né Dio né l'animale possono provare pudore. Soltanto l'uomo non può farne a meno.
Max Scheler, Pudore e sentimento del pudore, 1933

Una comunità umana non può sopravvivere a lungo alla perdita del pudore. Pretendere di farne a meno, significa aprire la strada al ritorno della bestialità
Monique Selz, Il Pudore, 2005

Il pudore non può essere insegnato, può nascere.
Publilio Siro, Sentenze, I sec. a.e.c.

Cosa malinconica la fusione di due corpi estranei, o quasi. Piacere sommario, misto d'inquietudine e di sospetti. L'antico pudore rinasce e rende incerti e goffi anche i più rotti alle galanterie se la grande ondata dell'amore non arriva a rendere puri e sani tutti gli atti e i più segreti e vivi, della carne infiammata.
Ardengo Soffici, La giostra dei sensi, 1918

Il pudore è insegnato molto presto alle bambine dalle loro madri, e con un'estrema sollecitudine, si direbbe quasi per spirito di corpo; il fatto è che le donne si prendono cura in anticipo della felicità dell'amante che esse avranno.
Stendhal, Sull'amore, 1822

Il pudore dà piaceri che lusingano molto l'amante; gli fa sentire quali leggi si trasgrediscono per lui.
ibidem

Il pudore offre all'amore l'aiuto dell'immaginazione, ed è come dargli la vita.
Stendhal, Sull'amore, 1822

L'eccesso di pudore e la sua severità scoraggiano all'amore le anime sensibili e timide, proprio quelle che sono fatte per dare e provare le delizie dell'amore.
Stendhal, Sull'amore, 1822

L'impero del pudore è tale che una donna tenera arriva a tradirsi nei riguardi del suo amante piuttosto con dei fatti che con delle parole.
ibidem

La sola cosa che vedo biasimevole nel pudore, è il fatto di condurre all'abitudine di mentire
ibidem

Nelle donne tenere che non hanno avuto molti amanti, il pudore è un ostacolo alla disinvoltura dei modi, e ciò le espone a lasciarsi un po' guidare dalle loro amiche che non hanno da rimproverarsi la stessa mancanza. Esse prestano attenzione ad ogni caso particolare, invece di rimettersi ciecamente all'abitudine. Il loro pudore delicato comunica alle loro azioni un che di impacciato; a forza di esser naturali esse danno l'impressione di mancare di naturalezza; ma questa goffaggine ha della grazia celeste.
Stendhal, Sull'amore, 1822

Ciò che fa sì che le donne, quando diventano autrici, giungano raramente al sublime, e ciò che dà grazia ai loro più piccoli biglietti, è che esse non osano mai esser franche se non a metà: essere franche sarebbe per loro come uscire senza scialletto.
ibidem

Per una donna timida e sensibile non deve esserci nulla al di sopra del supplizio di essersi permessa in presenza di un uomo, qualcosa di cui essa crede di dover arrossire; sono convinto che una donna, un po' fiera, preferirebbe mille morti.
Stendhal, Sull'amore, 1822

L'inconveniente del pudore, è che esso getta continuamente nella menzogna.
ibidem

Quanto all'utilità del pudore, esso è ciò che genera l'amore; non si potrebbe più contestargli nulla. Per il meccanismo del sentimento niente è più semplice. L'anima si occupa ad aver vergogna invece di occuparsi a desiderare; ci si proibiscono i desideri, e i desideri conducono alle azioni.
Stendhal, Sull'amore, 1822

Il desiderio di piacere mette per sempre il pudore, la delicatezza e tutte le grazie femminili al sicuro da qualsiasi educazione. È come se si temesse di insegnare agli usignoli a non cantare in primavera.
ibidem

Una donna del Madagascar lascia vedere senza pensarci ciò che qui si nasconde di più, ma morirebbe di vergogna piuttosto di mostrare il suo braccio. È chiaro che tre quarti del pudore sono appresi.
Stendhal, Sull'amore, 1822

Il pudore della gente per bene offende il mio pudore.
Italo Tavolato, Frammenti, su Lacerba, 1913

In certe donne il pudore è un precetto del Galateo, in altre è timore, in altre è rimorso.
Niccolò Tommaseo, Dizionarietto morale, 1867

Il pudore dimostra insieme la gentilezza e dell'anima e dell’ingegno.
Niccolò Tommaseo, Dizionarietto morale, 1867

È assai ameno che si sia imposto come una legge il pudore alle donne quando esse non stimano negli uomini altro che la sfrontatezza.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

Da dove deriva questa sorta di pudore? È forse l’istinto di accendere i desideri velando quello che ci si divertiva a scoprire?
Voltaire, Dizionario filosofico, 1764

La bellezza senza pudore è un fiore staccato da suo stelo. (Jean-François Marmontel)
2. Pudicizia
© Aforismario

Qual è la dote più bella di una sposa? La verecondia.
Biante, Frammenti, VI sec. a.e.c.

Era così pudica che, invece di dargliela, preferì fargliela avere.
Comix [1]

Cosa sono realmente le gambe lo sapevano bene in epoca vittoriana quando, con opportuna pudicizia, coprivano anche quelle delle sedie. 
Massimo Fini, Dizionario erotico, 2000

La femmina, di suo, non è pudica (semmai lo è molto di più l'uomo). È, al contrario, esibizionista.
ibidem

Nella bellezza, per quanto si faccia pudica, c'è sempre qualcosa di ardito.
ibidem

Fra gli uomini resta sempre una certa pudicizia virile che impedisce confidenze troppo personali sulla propria vita sentimentale e sessuale. Le donne sanno essere molto meno amiche (anzi non lo sono quasi mai, l'amicizia è un fatto maschile, implica una lealtà estranea alla femmina), ma sono capaci di instaurare fra loro una intimità sconvolgente.
Massimo Fini, Dizionario erotico, 2000

Una vera signora si spoglia della dignità assieme ai suoi vestiti e fa del suo meglio per fare la puttana. In altre occasioni, puoi essere pudica e dignitosa come richiede la tua immagine. 
Robert Anson Heinlein, Lazarus Long l'Immortale, 1973

Meno si è spirito, e tanto meno si è pudichi.
Søren Kierkegaard, Diario, 1834/55 (postumo 1909/49)

Le leggi della pudicizia rientrano nel diritto naturale e devono essere sentite da tutte le nazioni del mondo. 
Charles-Louis de Montesquieu, Lo spirito delle leggi, 1748

Le donne più pudiche sono quelle che nell'amore meno tardano a scoprirsi e ad abbandonarsi.
Guido Morselli, Diario, 1938/73 (postumo 1988)

Ci sono nobili donne con una certa povertà di spirito che, per esprimere la loro estrema dedizione, non sanno cavarsela in altro modo che offrendo la loro virtù e pudicizia: è questo per loro il bene supremo. E spesso il dono è accettato senza che obblighi tanto profondamente quanto la donatrice aveva supposto - una storia molto melanconica!
Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, 1882

Dovunque è impedito l'appagamento di un istinto, sorge una nuova condizione, e si ha anche un tormento e un appagamento che sono in un certo senso più pudichi: in tal modo si fa germogliare un ideale - qualcosa che è insieme sensuale e al disopra della sensualità.
Friedrich Nietzsche, Frammenti postumi, 1869/89

Un tempo alle giovani donne era imposto di essere pudiche, modeste, caste: l'autostima, semmai, nasceva dalla consapevolezza delle proprie virtù e dall'approvazione altrui. Il modello era quello della sposa onesta e devota, della madre conciliante e generosa: a queste icone le ragazze cercavano di assomigliare, dal rispetto di queste regole di vita dipendeva la loro autostima. La sessualità? Un mondo sconosciuto, dominio dei maschi
Willy Pasini, L'autostima, 2001

Conserva la santa purezza dell'innocenza e la superba pudicizia; chi s'è abituato ad affogare i sensi nei viziosi godimenti ancora giovane, fattosi uomo diventa cupo e sanguinario, e la sua mente innanzi tempo s'oscura. 
Aleksandr Puškin, Borìs Godunòv, 1831

È disonesto chi pretende dalla propria moglie la pudicizia, quando seduce quelle degli altri;
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

È un dono del Signore una donna silenziosa, non c'è compenso per una donna educata. Grazia su grazia è una donna pudica, non si può valutare il peso di un'anima modesta.
Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c.

Proverbi sul Pudore
  • Bellezza e pudore non van per mano.
  • Chi ha perduto il pudore, ha il cuore morto.
  • Il pudore della donna cade con la sua veste.
  • Il pudore difende la bellezza come la spina, la rosa.
  • Il pudore è il coraggio delle donne.
  • Il pudore è negli occhi.
  • Il pudore non s’insegna.
  • Una moglie pudica non deve farsi trovar sola.
Il pudore è negli occhi.
Proverbio greco (cit. in Aristotele, Retorica, IV sec. a.e.c.)

Note
  1. Battuta tratta da Gino e Michele, Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano. Opera omnia, Baldini e Castoldi, 1995

Nessun commento: