2016-02-10

Avidità - Frasi e citazioni su Cupidigia e Bramosia

Raccolta di frasi e aforismi sull'avidità, la cupidigia e la bramosia, tutti termini che designano un desiderio intenso, ardente e smodato, in genere rivolto nei confronti di beni materiali, primo fra tutti il denaro, ma non di rado anche di beni immateriali, come il potere, il successo, ecc. Dal termine cupidigia deriva quello di "cùpido" (con l'accento sulla "u"), per designare chi è arso dal desiderio di possesso, che a volte si confonde col termine Cupìdo (con l'accento sulla "i"), che è invece il nome dato dagli antichi Romani al dio dell’amore (corrispondente al dio greco Eros), la cui etimologia riporta al termine "bramosia". Tra l'altro, sia detto per inciso, in tedesco e in inglese Liebe e love vengono dal sanscrito lobha, che significa, guarda caso, avidità. Su Aforismario trovi anche una raccolta di citazioni correlata a questa dedicata al desiderio.
L'avidità in tutte le sue forme: l'avidità di vita, di amore, di sapere, di denaro,
ha improntato lo slancio in avanti di tutta l'umanità.
(Gordon Gekko / Michael Douglas - Wall Street - Oliver Stone © 20th Century Fox 1987)
1. Avidità
© Aforismario

Mai l'occhio dell'avido dirà, così come non lo dicono il mare e l'inferno: mi basta.
Mateo Alemán, Vita del picaro Guzmán de Alfarache, 1599/1604

Percorri pure tutta la città, le piazze, le case, i templi: se qualcuno affermerà di non volere più di quello che gli basti − la natura infatti è contenta di poco − ritieni di avere trovato la fenice.
Poggio Bracciolini, Dialogo dell'avarizia, 1425/28

Nessuno tu troverai che non brami qualcosa più del necessario, nessuno che non voglia che molto gli avanzi.
ibidem

Dall'avidità viene il cordoglio, dall'avidità viene la paura; colui che è libero dall'avidità non conosce né il cordoglio, né la paura.
Siddhārtha Gautama Buddha, Dhammapada (Versi della Legge), V sec. a.e.c.

La vita può essere felice e magnifica, ma noi l'abbiamo dimenticato. L'avidità ha avvelenato i nostri cuori, ha precipitato il mondo nell'odio, ci ha condotti a passo d'oca a far le cose più abiette. Abbiamo i mezzi per spaziare ma ci siamo chiusi in noi stessi. 
Charlie Chaplin, in Il grande dittatore, 1940

Il delitto non è conseguenza della povertà. Per citare Barnes e Teeters: "La massima parte dei reati viene commessa per avidità, non per bisogno".
Michael Crichton, La grande rapina al treno, 1975

Chiamano benessere gli inferni autostradali, gli squallidi ipermercati, le solitudini urbane, le avidità forsennate... 
Carlo Dante, Aforismi, 2007

L'avidità del bottegaio mi meraviglia meno della serietà con cui la sazia.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Ciò che chiamiamo disperazione spesso non è altro che la dolorosa avidità d'una speranza non esaudita.
George Eliot, Middlemarch, 1874

Le ricchezze dei vicini eccitano l'avidità di popoli che già vedono nella conquista della ricchezza uno dei primi scopi della loro esistenza.
Friedrich Engels, L'origine della famiglia, della proprietà privata e dello Stato, 1884

A proposito dell’argomento del denaro e del possesso è facile dimostrare l’esistenza di tracce di un comportamento equivoco anche nella maggior parte delle persone cosiddette oneste. Può darsi che in generale l’avidità primitiva del lattante che cerca d’impossessarsi di tutti gli oggetti (per metterseli in bocca) sia stata corretta soltanto parzialmente dall'incivilimento e dall'educazione.
Sigmund Freud, Psicopatologia della vita quotidiana, 1901

Innumerevoli uomini civili, che indietreggerebbero inorriditi di fronte all'omicidio o all'incesto, se sono sicuri di rimanere impuniti, non si precludono il soddisfacimento della loro avidità, della loro smania aggressiva, delle loro bramosie sessuali, e non si astengono dal danneggiare gli altri con la menzogna, l’inganno, la calunnia; e così è certamente stato sempre, fin dagli albori della civiltà.
Sigmund Freud, L’avvenire di un’illusione, 1927

L'avidità è un pozzo senza fondo, che esaurisce la persona nello sforzo incessante di soddisfare il bisogno senza mai raggiungere la soddisfazione.
Erich Fromm, Fuga dalla libertà, 1941

Nel mondo c’è a sufficienza per i bisogni di tutti, ma non per l’avidità.
Mahatma Gandhi (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Sostituite all'avidità l'amore e tutto andrà bene.
ibidem

L'avidità, non trovo una parola migliore, è valida, l'avidità è giusta, l'avidità funziona, l'avidità chiarifica, penetra e cattura l'essenza dello spirito evolutivo. L'avidità in tutte le sue forme: l'avidità di vita, di amore, di sapere, di denaro, ha improntato lo slancio in avanti di tutta l'umanità.
Gordon Gekko (Michael Douglas), in Oliver Stone, Wall Street, 1987

Una volta ho detto "l'avidità è giusta"... a quanto pare è diventata legge. Perché, vedete, è l'avidità che spinge il mio amico barista a comprare tre case che non può permettersi senza dare l'anticipo; ed è l'avidità che spinge i vostri genitori a chiedere un mutuo di 250.000 dollari sulla casa che ne vale 200. E con quei 50 correre al centro commerciale a comprare la TV al plasma, l'ultimo cellulare, il computer e già che ci sono anche un SUV. E perché non anche la seconda casa?
Gordon Gekko (Michael Douglas), in Oliver Stone, Wall Street: il denaro non dorme mai, 2010 

Mi sembra che l'avidità sia diventata ancora più avida, e con l'aggiunta di un pizzico di invidia. 
ibidem

La gente nuoterà nella merda se ci metti un po' di dollari dentro.
Sir Guy Grand (Peter Sellers), in The Magic Christian, 1970

L'uomo avido di potere incontra la sua rovina nel potere, l'uomo bramoso di denaro nel denaro, il sottomesso nella servitù, il gaudente nel piacere.
Hermann Hesse, Il lupo della steppa, 1927

L'avidità è il pungolo dell'operosità.
David Hume, XVIII sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Esistono anime sordide, impastate di fango e d’immondezza, sedotte dal profitto e dall'interesse, come le anime belle lo sono dalla gloria e dalla virtù; capaci di una sola voluttà, quella di lucrare o di non rimetterci; bramose e avide del dieci per cento; unicamente ansiose dei loro debitori; sempre inquiete per il calo o il discredito delle monete; sprofondate e come sommerse in contratti, titoli e pergamene. Individui del genere non sono né parenti, né amici, né cittadini, né cristiani, e forse neppure uomini: hanno denaro
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

Un uomo avveduto deve mettere ordine nei suoi interessi e ricondurli ciascuno nel proprio campo. Spesso la nostra avidità turba questo stato facendoci inseguire contemporaneamente tante cose al punto che, per desiderare troppo le meno importanti, falliamo le più considerevoli.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Non c'è colpa più grande che assecondare i desideri. Non c'è sventura più grande che non sapersi accontentare. Non c'è difetto più grande della sete di guadagno. Perché chi sa che abbastanza è abbastanza ha sempre a sufficienza.
Lao Tzu, Tao Te Ching, ca. V sec. a.e.c.

La mancanza di denaro rende l'uomo meschino e avido, gli inasprisce il carattere e gli fa vedere il mondo da un punto di vista volgare.
William Somerset Maugham, Schiavo d'amore, 1915

Il giusto atteggiamento nei confronti del denaro è quello di un avido disprezzo.
Henry Miller

Non si deve far nulla che non sia ragionevole, ma bisogna ben guardarsi dal fare tutte le cose che lo sono. Per tutta la vita ho visto persone che perdevano le loro sostanze per ambizione e si rovinavano per avidità.
Charles-Louis de Montesquieu, I miei pensieri, 1716/55 (postumo 1899/01)

Il chiedere parità di diritti, come fanno i socialisti della casta assoggettata, non è mai il prodotto della giustizia, bensì dell'avidità. Quando alla belva si mettono e poi si tolgono continuamente da sotto il naso pezzi di carne sanguinolenta, finché da ultimo essa ruggisce: credete voi che questo ruggito significhi giustizia?
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano, 1878

Vi è anche un egoismo, troppo povero, affamato, che vuoi sempre rubare, l'egoismo dei malati, l'egoismo malato. Con occhio di ladro esso guarda a tutto quanto luccica; con l'avidità della farne conta i bocconi a chi ha da mangiare in abbondanza ; e sempre si insinua alla tavola di coloro che donano. Malattia parla da tale bramosia, e degenerazione invisibile; l'avidità ladresca di questo egoismo parla di un corpo infermo.
Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85

Così viviamo, noi tutti! Ci impadroniamo avidamente delle cose, e abbiamo occhi insaziabili; poi, con altrettanta avidità, traiamo da esse ciò che ci piace e ci serve - finalmente lasciamo il resto (tutto quello di cui non sono venuti a capo né il nostro appetito né i nostri denti) agli altri.
Friedrich Nietzsche, Frammenti postumi, 1869/89

L'attaccamento al denaro è la radice di tutti i mali; per il suo sfrenato desiderio alcuni hanno deviato dalla fede e si sono da sé stessi tormentati con molti dolori.
Paolo di Tarso, Prima lettera a Timoteo, ca. 50-60

Per la nostra avidità il molto è poco; per la nostra necessità il poco è molto.
Francisco de Quevedo, Opere, XVII sec.

Ciascuno ha la sua avidità e quello che ne appare distaccato lo è soltanto da ciò che si apprezza ordinariamente.
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1939

L'avidità non ama che il denaro, cosa non certo tipica dei saggi; questa forma di avidità è simile a un veleno mortale; illanguidisce il corpo e l'animo dell'uomo; è sempre inesauribile e insaziabile, né l'abbondanza, né la penuria di mezzi riescono a placarla. 
Gaio Sallustio Crispo, La congiura di Catilina, 43/40 a.e.c.

La ricchezza è come l'acqua di mare: quanto più se ne beve, tanto più si ha sete.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Chi vive nella prosperità è avido dei beni altrui, ed è esposto all'altrui avidità. Finché niente basta a te, tu non basterai agli altri.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

Un terreno di pochi iugeri basta per saziare un toro; una selva è sufficiente per molti elefanti. Per saziare l’uomo c’è bisogno della terra e del mare.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

E che? Dopo averci dato un corpo così piccolo, la natura ci avrebbe dato un appetito così insaziabile da superare l’avidità delle bestie più grosse e più voraci? Niente di tutto questo. Quanto poco esige da noi la natura! Essa si contenta di poco. Non è la fame del nostro ventre quella che ci costa molto, ma l’intemperanza.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

Disgraziati! Non capite che la vostra avidità supera la capienza del vostro ventre?
ibidem

La folle avidità degli uomini divide tutte le cose in possessi e in proprietà esclusive, e pensa che ciò che è un bene comune non sia anche di ciascuno. Ma il saggio niente considera maggiormente suo che quel bene di cui ha in comune la proprietà col genere umano.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

l’avidità di danaro non è mai senza pena, per quanto quest’avidità sia in se stessa una pena sufficiente. Quante lacrime e quante fatiche richiede! Com'è misera per quello che non ha, e come è misera per ciò che si è procurata!
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

Il desiderio di arricchirsi a ogni costo, la passione degli affari, l’avidità di guadagno, la ricerca del benessere e dei godimenti materiali sono pertanto, in questa società le passioni più comuni. Si diffondono facilmente in tutte le classi, penetrano fino a quelle che erano state fino allora più estranee ad esse, e arriveranno ben presto a indebolire e degradare la nazione intera se niente le fermerà.
Alexis de Tocqueville, L'Antico regime e la Rivoluzione, 1856.

I più sono traditi dall'avidità propria piuttosto che dalla malizia altrui. Questa s'è servita di quella.
Niccolò Tommaseo, Pensieri morali, 1845

L'avidità, la rabbia e la stupidità vanno sempre insieme. Quando nel mondo accade qualcosa di male, se osserviamo con attenzione, vedremo che è in relazione con queste tre cose. Se guardiamo ciò che vi è di buono, ci accorgeremo che non manca di saggezza, umiltà e coraggio.
Yamamoto Tsunetomo, Hagakure, 1709-1716 (postumo 1906)

Coloro che hanno molto sono spesso avidi. Coloro che hanno poco, lo mettono sempre in comune.
Oscar Wilde, De Profundis, 1897 (postumo, 1962)

Le persone troppo ambiziose mancano sempre di tutto, e per avidità si fanno trascinare da assurdi desideri.
Anonimo
Per la nostra avidità il molto è poco; per la nostra necessità il poco è molto. (Francisco de Quevedo)
2. Cupidigia
© Aforismario

La sensibilità moderna, invece di esigere la repressione della cupidigia, esige la soppressione dell'oggetto che la suscita.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

La cupidigia mera e cruda fu lo spirito motore della civiltà dal suo primo giorno a oggi; ricchezza, e sempre ricchezza, poi ancora ricchezza.
Friedrich Engels, L'origine della famiglia, della proprietà privata e dello Stato, 1884

Se non vi fosse cupidigia, non vi sarebbe motivo di armamenti.
Mohandas Gandhi, Antiche come le montagne, 1958 (postumo)

La cupidigia, l'avere come orizzonte della propria vita l'arricchimento e l'accumulazione di beni o la soddisfazione di bisogni artificiali si risolve facilmente in angoscia e in nevrosi.
Luciano Pedro Mendes de Almeida, su 30Giorni, 2003

Una cieca cupidigia ci spinge verso cose che ci nuoceranno e, in ogni caso, non ci appagheranno mai. E non comprendiamo che, se qualche cosa avesse la capacità di appagarci, già l’avremmo trovata; né pensiamo quanto sia meglio non chiedere niente, quale segno di superiorità sia dichiararsi soddisfatti e non dipendere dalla fortuna.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

Chiunque pensa sempre di ottenere qualcosa dimentica ciò che ha già ottenuto. Il peggiore male della cupidigia sta nella sua ingratitudine.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

Che cosa ci fa dimenticare il bene ricevuto? La cupidigia di ricevere: il nostro pensiero si volge non a quanto abbiamo ricevuto, ma a quello che desideriamo ancora chiedere. Le ricchezze, gli onori, la potenza e gli altri beni fallaci, tanto valutati da noi ma in realtà privi di un effettivo valore, ci allontanano dalla giusta via.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

Tutti questi beni che ci allettano con un piacere appariscente ma ingannevole, denaro posizione sociale potenza e tanti altri che abbagliano la cieca cupidigia dell’umanità, si posseggono con fatica, si guardano con invidia, finiscono per schiacciare quelli stessi che se ne fregiano; sono più una minaccia che un vantaggio; sono labili e incerti, e mai il loro possesso è tranquillo
Lucio Anneo Seneca, Consolazione a Polibio, I sec.

Proverbi sulla Cupidigia
  • Assai manca a chi assai desidera.
  • Chi ha gli occhi più grandi della gola alla fine strozza.
  • Chi non s’accontenta dell’onesto rompe il manico e perde il canestro.
  • Chi troppo vuole, nulla stringe.
  • Dov'è cupidità, non è carità.
  • La cupidigia è un paese in cui il grano è sempre in seme, il vino sempre in uva.
  • L'uomo è più cupido di acquistare il denaro altrui, che di conservare il proprio.
  • Quattro cupidigie rendono infelici la maggior parte degli uomini: la cupidigia di aver molto, di saper molto, di viver molto, e di divenir grande.
3. Bramosia
© Aforismario

Quando le bramosie individuali si riuniscono in gruppo, si è soliti chiamarle nobili aspirazioni del popolo.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Sei la bellezza che mi vive negli occhi, la bramosia del mio cuore, la vita senza fine della mia anima.
Kahlil Gibran, Terra, in Pensieri e meditazioni, 1960 (postumo)

La bramosia ha il pregio di facilitare le cose più ardue.
Guido Rojetti, L'amore è un terno (che ti lascia) secco, 2014

Aver bramosia di tutto è, in fondo, non averne per niente. Non si è così avidi che per mancanza di una vera mancanza.
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1939

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Desiderio - Avarizia

Nessun commento: