2016-02-10

Furbizia, Astuzia e Scaltrezza - 150 Frasi furbesche

Raccolta di aforismi, frasi e proverbi sulla furbizia, l'astuzia e la scaltrezza. Il furbo si contraddistingue per la sua abilità nel trarre vantaggio dalle situazioni in cui si viene a trovare, a volte anche a scapito degli altri, così come anche nell'evitare di cadere in inganni e tranelli e nel cavarsela da situazioni imbrogliate o pericolose. I termini "astuto" e "scaltro" sono sinonimi di "furbo", anche se sono connotati da una certa avvedutezza e sagacia che dà essi una sfumatura un po' meno negativa rispetto a quello di "furbo", specie nei termini spregiativi di "furbacchione" o "furbastro". Su Aforismario trovi anche una raccolta di citazioni correlata a questa dedicata alla simulazione e alla dissimulazione.
Conosciuti bene i furbi ci si vanta di essere fessi. (Mino Maccari)
Immagine: Pinocchio raggirato dal Gatto e la Volpe
1. Furbizia
© Aforismario

Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare. I furbi si fanno sostituire.
Roberto "Freak" Antoni (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Niente provoca più danno in uno Stato del fatto che i furbi passino per saggi.
Francis Bacon, Saggi, 1597/1625

La furbizia è la prostituzione dell'intelligenza.
Roberto Benigni (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Da noi il furbo è ritenuto un piccolo eroe da imitare. Chi "frega" gli altri solleva ammirazione.
Bruno Bozzetto (intervista - fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Le donne hanno un vantaggio sleale sugli uomini: quello che non riescono a ottenere facendo le furbe, l’ottengono facendo le tonte.
Yul Brynner, in Gino e Michele con Paolo Borraccetti, Le cicale 2010, 2009

Ci sono più sciocchi che furbi al mondo, altrimenti i furbi non avrebbero abbastanza per vivere.
Samuel Butler (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Quando due furbi s'incontrano, uno dei due è costretto a cambiare categoria.
Michelangelo Cammarata, Fiele di zagara, 2006

A partire da una certa età ogni furbo appare pericoloso.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973

La furbizia è l'idea che lo stupido ha dell'intelligenza.
Pino Caruso, Ho dei pensieri che non condivido, 2009

La furbizia non è un aspetto dell'intelligenza, ma la faccia nascosta della disonestà.
Pino Caruso, Appartengo a una generazione che deve ancora nascere, 2014

Per essere abbastanza furbo da guadagnare tutti quei soldi, devi essere abbastanza stupido da volerli.
Gilbert Keith Chesterton, A Miscellany of Men, 1912

In Italia quella tra cittadino e legalità è una relazione sofferta, la cultura di questo Paese di corporazioni è basata soprattutto su furbizia e privilegio.
Gherardo Colombo, su Corriere della sera, 2007

Il limite dei furbi è che non riescono ad esimersi dall'esibire i frutti della loro furbizia, prima o poi. 
Giorgio Faletti, Niente di vero tranne gli occhi, 2004

Con le volpi dobbiamo agire da volpi.
Thomas Fuller, Gnomologia, 1732

Il potere lo si conquista più con la furbizia che con l'intelligenza, ma più. con questa che con quella lo si conserva.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

La furbizia è più destrezza che. intelligenza.
ibidem

Se fosse un po' meno furbo sarebbe veramente furbo.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Alle furbe preferisco le putta**.
ibidem

Ogni volta che cerco di far il furbo qualcuno mi fa fesso.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

La furbizia sta all'intelligenza come una scorciatoia alla via maestra: è più breve, ma presenta molte più insidie.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

È più facile che sia furbo un cretino che un intelligente.
ibidem

L'italiano è abbastanza furbo per far fesso un altro, ma non abbastanza per evitare che un altro faccia fesso lui.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

La furbizia è un surrogato truffaldino dell'intelligenza. Se questa riscuote più credito, quella ottiene più successo.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Il mondo è dei furbi e noi siamo dei poveri fessi, quando compriamo e vendiamo.
Luca Goldoni, Dipende, 1980

La furberia e la malafede delle donne non sono mai a corto di argomenti, persino dei più imprevisti.
Anne e Serge Golon, Angelica e il pirata, 1961

L’Italia è il paese dei più furbi. Ieri ero a Roma, sono salito su un autobus e ho timbrato il biglietto: tlic-tlac. Il guidatore si è girato di scatto e ha detto: «Cosa cazzo è questo rumore?».
Beppe Grillo, in Gino e Michele, Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano. Opera omnia, 1995

La gente non migliora, diventa solo più furba. Quando diventi più furbo, non smetti di strappare le ali alle mosche, cerchi solo di trovare dei motivi migliori per farlo. 
Stephen King, Carrie, 1974

Con la gente che per furbizia ascolta ogni cosa e parla poco, parlate meno ancora; o se parlate molto, dite poco.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

Ha già fatto grandi passi nella furbizia chi giunge a considerarsi solo mediocremente furbo.
ibidem

La furbizia non è una qualità né troppo buona, né troppo cattiva: oscilla tra il vizio e la virtù. Non c’è incontro in cui non la si possa e, forse, non la si debba sostituire con la prudenza.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

La furbizia è l’occasione prossima della doppiezza; dall’una all’altra il passo è sdruccioloso; solo la menzogna ne fa la differenza; se la si aggiunge alla furbizia, si ha la doppiezza.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

Se vi fossero meno grulli, sarebbero meno i cosiddetti furbi o abili; e meno sarebbero quanti traggono vanità e altrettanta benemerenza dall’aver saputo, durante l’intero corso della loro vita, ingannare gli altri.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

A renderci tanto astiosi verso chi si comporta con noi con astuzia, è il fatto che si creda più furbo di noi.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Il modo sicuro di restare ingannati è di credersi più furbi degli altri.
ibidem

Si può essere più furbo di un altro, ma non più furbo di tutti gli altri.
ibidem

È una gran furbizia saper nascondere la propria furbizia.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Non è veramente furbo chi non teme, o presume e confida con certezza, di non poter essere ingannato, trappolato ec.: perché non conosce dunque e non apprezza a dovere le forze della sua stessa furberia.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

Conosciuti bene i furbi ci si vanta di essere fessi.
Mino Maccari, Asterischi, in Il Selvaggio, 1932

Il mondo è fatto a scale, chi è furbo prende l'ascensore.
Marcello Marchesi (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario).

La grande furberia degli uni consiste spesso nella stupidità degli altri.
Henry Maret, Pensieri e opinioni, 1903

Una delle eterne regole italiane: nel settore pubblico, tutto è difficile; la buona volontà è sgradita; la correttezza, sospetta. Per questo, le persone capaci continueranno a tenersi a distanza di sicurezza dalla "cosa pubblica", lasciando il posto ai furbastri (magari bravi) e alle mezze cartucce (magari oneste). Così, purtroppo, vanno le cose in questo bizzarro paese.
Indro Montanelli, su Corriere della Sera, 1996

Chi si proibisce qualcosa radicalmente e a lungo crederà quasi, imbattendosi per caso di nuovo nella stessa cosa, di stare scoprendola, È che felicità prova ogni scopritore! Facciamoci più furbi dei serpenti, che giacciono troppo a lungo nello stesso sole.
Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, 1882

L'intelligente trova il modo migliore di fare un lavoro, il furbo il modo migliore di fartelo fare.
Simone Noli (Aforismi inediti su Aforismario)

I furbi sono individui che conoscono la verità ma che la sostengono solo se è loro utile, altrimenti l'abbandonano.
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

La furbizia è la sorella stupida dell'intelligenza.
Paola Poli (Aforismi inediti su Aforismario)

I cittadini italiani si dividono in due categorie: i furbi e i fessi.
Giuseppe Prezzolini, Codice della vita italiana, 1921 [1]

Colui che sa è un fesso. Colui che riesce senza sapere è un furbo.
ibidem

L'Italiano ha un tale culto per la furbizia, che arriva persino all'ammirazione di chi se ne serve a suo danno. Il furbo è in alto in Italia non soltanto per la propria furbizia, ma per la reverenza che l'italiano in generale ha della furbizia stessa, alla quale principalmente fa appello per la riscossa e per la vendetta.
Giuseppe Prezzolini, Codice della vita italiana, 1921

Dovere: è quella parola che si trova nelle orazioni solenni dei furbi quando vogliono che i fessi marcino per loro.
ibidem

Il furbo è sempre in un posto che si è meritato non per le sue capacità, ma per la sua abilità a fingere di averle.
Giuseppe Prezzolini, Codice della vita italiana, 1921

I fessi hanno dei principi. I furbi soltanto dei fini.
ibidem

Il fesso si interessa al problema della produzione della ricchezza. Il furbo soprattutto a quello della distribuzione.
Giuseppe Prezzolini, Codice della vita italiana, 1921

I furbi non usano mai parole chiare. I fessi qualche volta.
ibidem

Il furbo è sempre in un posto che si è meritato non per le sue capacità, ma per la sua abilità a fingere di averle.
Giuseppe Prezzolini, Codice della vita italiana, 1921

Non bisogna confondere il furbo con l'intelligente. L'intelligente è spesso un fesso anche lui.
ibidem

Colui che sa è un fesso. Colui che riesce senza sapere è un furbo.
Giuseppe Prezzolini, Codice della vita italiana, 1921

Segni distintivi del furbo: pelliccia, automobile, teatro, restaurant, donne.
ibidem

Per andare avanti ci sono due sistemi. Uno è buono, ma l'altro è migliore. Il primo è leccare i furbi. Ma riesce meglio il secondo che consiste nel far loro paura: 1) perché non c'è furbo che non abbia qualche marachella da nascondere; 2) perché non c'è furbo che non preferisca il quieto vivere alla lotta, e la associazione con altri briganti alla guerra contro questi.
Giuseppe Prezzolini, Codice della vita italiana, 1921

I disonesti hanno fatto carriera. Ora li chiamano furbi.
Guido Rojetti, L'amore è un terno (che ti lascia) secco, 2014

Quando tra gli imbecilli e i furbi si stabilisce una alleanza, state ben attenti che il fascismo è alle porte
Leonardo Sciascia (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Che la furbizia sia caratteristica servile, e mai signorile, è la sola fondamentale scoperta politica che milioni di italiani devono ancora fare.
Michele Serra, su la Repubblica, 2006

Sapete chi era Bertoldo? Un personaggio letterario del Cinquecento: il contadino che s'atteggiava a difensore dell'esperienza contro l'istruzione, dell'improvvisazione contro la preparazione. È l'archetipo dell'italiano che s'arrangia; rappresenta l'orgoglio della furbizia impunita, ed è ancora tra noi. Qualche volta si fa chiamare assessore o diventa direttore di qualcosa; quasi sempre porta la giacca e guida una bella automobile. Cambia regione, lavoro, partito: non cambia abitudini. È affascinante e tragico, come tante maschere italiane.
Beppe Severgnini, La testa degli italiani, 2005

A giudicare da certi “vendutissimi” romanzetti e da certe “presunte” opere d’arte, sembrerebbe che i peggiori furbastri e doppiogiochisti che ci siano al mondo non si trovino tra le fila di affaristi senza scrupoli, di navigati contrabbandieri o di altri loschi individui che si aggirano ai margini della legge, no, ma in quell'insospettabile variegata categoria che comprende scrittori e artisti.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Tra i furbi e i fessi di prezzoliniana memoria, esiste una categoria intermedia, piú indefinita – e indefinibile –, nella quale rientrano tutti coloro i quali non sono abbastanza intelligenti per essere anche furbi, e che sono troppo disonesti per essere dei semplici fessi.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

È un’occupazione assai faticosa, per i furbi, dover sempre dissimulare la loro scarsa sincerità e rimediare alla parola mancata.
Madeleine de Souvré de Sablé, Massime, 1678 (postumo)

L'uomo diventa sempre piú furbo e piú debole. Anzi si capisce che la sua furbizia cresce in proporzione della sua debolezza.
Italo Svevo, La coscienza di Zeno, 1923

Facciamo più quello che è giusto, invece di quello che ci conviene. Educhiamo i figli ad essere onesti, non furbi.
Tiziano Terzani, Lettere contro la guerra, 2002

I furbi novizii simulano; i consumati dissimulano. Dan meno a fare, e dan meno nell'occhio.
Niccolò Tommaseo, Pensieri morali, 1845

Non è furbo chi s'avvede del bene e del male altrui; furbo è chi tace il bene o il male quando dorrebbe parlarlo, o dice e fa parere l'opposto.
Niccolò Tommaseo, Pensieri morali, 1845

Si può dominare con la forza, mai con la sola furbizia.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

È facile trarre in inganno anche i più furbi, proponendo loro delle cose che oltrepassino le loro capacità e interessino il loro cuore.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

L'uomo diventa sempre più furbo e più debole. Anzi si capisce che la sua furbizia cresce in proporzione della sua debolezza. 
Italo Svevo, La coscienza di Zeno, 1923

Certa gente non si rende conto che potrà credersi furba proporzionalmente a quanto tu sarai disposto a fare il fesso.
Xavier Wheel (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Autori sconosciuti
  • I furbi ci fottono sempre al momento giusto, nel posto giusto, col sorriso giusto. Camminano con sprezzo anche sopra la loro merda. (attribuito a Charles Bukowski)
  • I furbi credono di poter restare in alto con le stesse arti con cui sono saliti e perciò precipitano
  • Tutte le mattine si alzano un furbo e un coglione. Se si incontrano l'affare è fatto.
Niente provoca più danno in uno Stato del fatto che i furbi passino per saggi. (Francis Bacon)
Proverbi sulla Furbizia
  • Anche i più furbi ci cascano una volta.
  • Bisogna essere più furbi che santi.
  • Chi conosce il furbo, non lo compra.
  • Contro destino non vale furbizia.
  • Dopo aver fatto i furbi il Signore dovette fare gli sciocchi.
  • Dove non basta la pelle del leone bisogna attaccarvi quella della volpe.
  • Dovunque giri gli occhi per un furbo cento sciocchi.
  • È una mala cosa esser furbo, ma è peggio esser conosciuto per tale.
  • Furbo vuol dire minchione.
  • I furbi s’acchiappano coi furbi.
  • Il furbo è come il losco: quando si crede che guardi uno, guarda l'altro.
  • Il " " parla come un uomo onesto, ma pensa come un furbo.
  • Il " " può far lo scemo, ma lo scemo non può fare il furbo.
  • Il " " sa bene cosa pensa l’altro furbo.
  • Il " " sa prendere due piccioni con una fava.
  • Il furbo si conosce dalle belle parole.
  • La donna per piccola che sia, vince il diavolo in furberia.
  • Nessun furbo lo è tanto che un altro non lo sia più di lui.
  • Per conoscere un furbo ci vuole un furbo e mezzo.
  • Per ogni furbo si trova uno più furbo di lui.
  • Porgi il dito al furbo, e ti piglierà la mano.
  • Quando gli sciocchi vanno al mercato, i furbi fanno buoni affari.
  • Quando i furbi vanno in processione il diavolo porta la croce.
  • Se non ci fossero gli stupidi i furbi morirebbero di fame.
  • Se non ci fossero gli stupidi i furbi morirebbero di fame.
  • Tra furbo e furbo mai non ci si acciuffa.
La giustizia è la forza dei re, la furbizia è la forza della donna.
Proverbio cinese

Un figlio stupido è meglio di una figlia furba.
Proverbio cinese

Haud facile astutus fallit astutum.
[Non è facile che il furbo inganni il furbo].
Detto latino

Nequam per verba, odorem noscitur herba.
[Il furbo ingannatore si conosce dalle parole e l’erba dall’odore]
Detto latino

2. Astuzia
© Aforismario

Il semplice rifiuto di servirsi dell'astuzia è – in determinate circostanze – una forma superiore di astuzia.
Theodor Adorno, Minima moralia, 1951

Preferisco mille volte un furfante astuto a un pio allocco. Forse il primo non rispetterà le regole del gioco, ma ha lo spirito. E quando trovi un uomo dotato di spirito c'è sempre speranza per il mondo.
Paul Auster, Follie di Brooklyn, 2005

Gli dicono di essere umile come una colomba e astuto come un serpente. S’imbroglia: è astuto come una colomba e umile come un serpente. I risultati sono ottimi.
Dino Basili, Tagliar corto, 1987

Il diritto del più forte, del più astuto, abile o scaltro nel fare tutto ciò che occorre per sopravvivere al più debole e sventurato è una delle lezioni più terrificanti della storia.
Zygmunt Bauman, Amore liquido, 2003

Quanto più si deprimono socialmente i diritti della donna - e tanto più essa si rifà in privato con l'astuzia e la seduzione.
Ugo Bernasconi, Parole alla buona gente, ca. 1933 (postumo 1987)

Chi manca di coraggio è esuberante d'astuzia. 
William Blake, Proverbi infernali, in Il matrimonio del Cielo e dell'Inferno, 1790/93 

C’è qualcosa di così vile nell'astuzia che si preferirebbe avere la saggezza di un folle.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973

L'astuzia è un vizio, ma quando è onesta non è altro se non saggezza, cioè una virtù.
Giacomo Casanova, Storia della mia vita, 1960/62 (postumo)

La più grande astuzia del male è travestirsi da dio domestico e discreto, familiare e rassicurante.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Questa è la sorte comune di tutti i machiavellici: fanno i loro disegni così sottili che si rompono per la loro stessa finezza.
John Dryden, Sir Martin Mar-all, 1667

L'astuzia sta all'intelligenza come la prepotenza alla forza.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Siate astuti come i serpenti e puri come le colombe.
Gesù di Nazaret, in Vangelo di Tommaso, I-II sec.

L'astuzia è miope: vede bene soltanto ciò che ha sotto il naso, ma non vede lontano e perciò, spesso, finisce per cadere nella trappola che essa stessa ha teso.
Ivan Gončarov, Oblomov, 1859

È difficile seguire la giusta rotta nei rapporti umani, perché è seminata di scogli di discredito: la miglior cosa è mutar direzione, consultando l'astuto Ulisse per averne consiglio.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

Non c'è difesa contro l'astuzia che valga più dell'accortezza. Contro il furbo, ci vuole chi sappia intenderlo.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

L'ingenuità è una forza che gli astuti hanno torto di disprezzare.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

L'astuzia del serpente ammaestri la semplicità della colomba, e la semplicità della colomba moderi l'astuzia del serpente.
Gregorio Magno, Moralia in Job, 590

L'astuzia è l'arte di celare i nostri difetti, e di scoprire le debolezze degli altri.
William Hazlitt, Caratteristiche, 1823

Ricorda che ingannare, mentire, giocare d'astuzia, significa avvilirti, rimpicciolirti, riconoscerti debole prima del tempo, ed essere come lo schiavo che si riconosce inferiore al suo padrone. Fallo, se ti fa piacere, ma sappi che l'umanità ti considererà meschino, debole, e come tale ti tratterà. Non vedendo la tua forza, ti tratterà come un essere che merita compassione. Sii forte, invece.
Pëtr Kropotkin, La morale anarchica, 1890

Ha già fatto grandi passi nell'astuzia chi giunge a considerarsi solo mediamente astuto.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

L’astuzia non è una qualità né troppo buona, né troppo cattiva: oscilla tra il vizio e la virtù. Non c’è incontro in cui non la si possa e, forse, non la si debba sostituire con la prudenza.
ibidem

L’astuzia è l’occasione prossima della doppiezza; dall’una all’altra il passo è sdruccioloso; solo la menzogna ne fa la differenza; se la si aggiunge all’astuzia, si ha la doppiezza.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

Con la gente che per astuzia ascolta ogni cosa e parla poco, parlate meno ancora; o se parlate molto, dite poco.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

A renderci tanto astiosi verso chi si comporta con noi con astuzia, è il fatto che si creda più furbo di noi.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

È difficile giudicare se un comportamento chiaro, sincero e onesto sia un effetto di probità o di astuzia.
ibidem

I più abili affettano per tutta la vita di biasimare le astuzie per servirsene in qualche grande occasione e per qualche grande interesse.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

La più sottile di tutte le astuzie è di saper fingere di cadere nelle trappole che ci tendono, e non si è mai ingannati tanto facilmente come quando si pensa a ingannare gli altri.
ibidem

L'uso continuo dell'astuzia è sintomo di grettezza mentale, e quasi sempre accade che chi se ne serve per coprirsi da un lato, si scopre da un altro.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Talora basta essere rozzo per non essere ingannato da un uomo astuto.
ibidem

Siamo lontani dal credere che chi si fa abbindolare dalle nostre astuzie sembri tanto ridicolo quanto noi lo sembriamo a noi stessi quando ci facciamo abbindolare dalle astuzie altrui.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

L’astuzia, la quale appartiene all'ingegno, è usata moltissime volte per supplire la scarsità di esso ingegno, e per vincere maggior copia del medesimo in altri.
Giacomo Leopardi, Pensieri, 1845 (postumo)

Error grande, non meno che frequentissimo nella vita, credere gli uomini più astuti e più cattivi, e le azioni e gli andamenti loro più doppi, di quel che sono. Quasi non minore né meno comune che il suo contrario.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

Le astuzie della volpe non entrano nella testa del leone.
John Lyly, Eufue o L'anatomia dello spirito, 1578

Negli affari l'astuzia qualche volta riesce, ma in arte l'onestà è non solo la migliore, ma l'unica politica.
William Somerset Maugham, Il filo del rasoio, 1944

L'astuto è un uomo intelligente che ha paura di essere un imbecille.
Ugo Ojetti, Sessanta, 1937

Con l'abolizione del diritto della forza, fu posto in luogo del diritto del più forte il diritto del più astuto.
Arthur Schopenhauer, Scritti postumi, 1804/60 (postumo 1966/75)

Bisogna credere per forza che l'uomo abbia voluto vivere in società, dato che la società esiste; però, da quando esiste, l'uomo usa buona parte della sua energia e della sua astuzia per lottare contro di essa.
Georges Simenon, Il grande Bob, 1954

L'astuzia è una limitazione dello spirito; l'astuzia ti dice quello che non devi fare perché non sarebbe astuto.
John Steinbeck, XX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La prudenza è la maschera dell'astuzia. − O nessuna delle due è virtù, o entrambe.
Iginio Ugo Tarchetti, Pensieri, 1869

L'astuzia dell'uomo di mondo è un'astuzia sistematica, cioè la più semplice di tutte le astuzie.
Niccolò Tommaseo, Pensieri morali, 1845

Vedendo il modo di comportarsi degli uomini, si sarebbe tentati di pensare che la vita umana e le faccende terrene siano un giuoco serio, in cui tutte le astuzie son lecite per usurpare la roba d'altri a nostro rischio o vantaggio, e in cui il fortunato spoglia senza alcun disdoro il più sfortunato o il meno astuto.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

La vita della donna è irta d'insidia; e la donna se ne guarda con inesauribile astuzia. In tal modo l'arte dell'inganno le è propria, indissolubile dalla sua indole, come l'arte del vestire. 
Luciano Zuccoli, Per la sua bocca, 1930

Proverbi sull'Astuzia
  • All’astuzia di molinaro non v'è alcun riparo.
  • Astuzia di donne le vince tutte.
  • Chi non ha saggezza cerca l’astuzia.
  • Con la semplicità si va spesso più avanti che con l'astuzia.
  • È lieve astuzia ingannar gelosia, che tutto crede quand'è in frenesia.
  • Il magnanimo non ricorre all'astuzia.
  • Il semplice lo dice, l'astuto lo fa.
  • Il semplice parla e l'astuto ne approfitta.
  • In commercio il credito val più che tutte le astuzie.
  • In fatto di politica è più utile un po' di buon senso che molta astuzia.
  • In un anno il servo ha tutte le astuzie del padrone.
  • L’astuzia migliore è quella nascosta.
  • L’astuzia vince tutto meno la saggezza.
  • L’astuzia migliore è quella nascosta.
  • L'inganno e l'astuzia hanno le ali corte.
  • La gente troppo astuta non governa bene.
  • La più grande astuzia è quella di nascondere l'astuzia.
  • La saggezza val più della forza e dell'astuzia.
  • La saggezza vien da Dio, e l'astuzia dal diavolo.
  • Non è facile che l'astuto inganni l'astuto.
  • Scappare è mezza astuzia.
  • Senno vince astuzia.
  • Un uomo semplice può spesso ingannare un astuto.
  • Vincere è sempre vincere, sia con la forza che con l'astuzia.
3. Scaltrezza
© Aforismario

Il diritto del più forte, del più astuto, abile o scaltro nel fare tutto ciò che occorre per sopravvivere al più debole e sventurato è una delle lezioni più terrificanti della storia.
Zygmunt Bauman, Amore liquido, 2003

La furberia è una qualità italiana potente, però ci ha rovinato. Sarà meglio magari diventare scaltri: è una cosina un pochino più nobile.
Roberto Benigni, su la Repubblica, 1991

Una brava ragazza nata è ottusa laddove una qualsiasi si accontenta di essere sprovveduta o prevenuta o scaltra. 
Aldo Busi, Manuale della perfetta Mamma, 2000

Diventare migliore? Anche quando ci si riesce, in un’altra situazione non lo si sarebbe più, dunque non è che si è diventati migliori, ma solo scaltri.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973

C'è più scaltrezza nell'ingenuità di una donna che sagacia nell'intelligenza di un uomo.
Roberto Gervaso, L'amore è eterno finché dura, 2004

L'ingenuità è una forza che gli astuti hanno torto di disprezzare.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

Esistono uomini che prosperano in modo eccellente con scaltre menzogne di fronte a sé stessi e al mondo. 
Karl Jaspers, Psicopatologia generale, 1913/46

Tutti coloro che di regola hanno successo, posseggono una profonda scaltrezza nel far apparire sempre solo come forze le loro deficienze e debolezze; per cui le devono conoscere in modo straordinariamente chiaro e preciso.
Friedrich Nietzsche, Umano, troppo umano II, 1879/80

Nessuna donna fa un matrimonio d'interesse: tutte hanno l'accortezza, prima di sposare un milionario, d'innamorarsene.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

L'ignoranza è la vera innocenza. Il grande pensatore è lo scaltro per eccellenza.
Fernando Pessoa, La divina irrealtà delle cose, 2003 (postumo)

La donna scaltra sa vendersi, dove l'ingenua si concede.
Mathurin Régnier, Satire, 1608/13

La ferocia antica tende a esser sostituita dalla scaltrezza, e molti sociologi sono convinti che ciò sia serio progresso.
Georges Sorel, Considerazioni sulla violenza, 1908

Dietro la gioia e il sorriso ci può essere un temperamento ruvido, aspro e scaltro. Ma dietro il dolore non c'è che il dolore. L'angoscia, contrariamente al piacere, non si maschera mai. 
Oscar Wilde, De Profundis, 1897 (postumo, 1962)

Proverbi sulla Scaltrezza
  • I ladri più scaltri usan le mani di altri.
  • Lo scaltro con un dono si fa due amici.
  • Pazzi la sera e scaltri la mattina.
Note
  1. Per una lettura integrale del capitolo "Dei furbi e dei fessi", vedi la pagina di Aforismario dedicata alla citazioni di Giuseppe Prezzolini.

Nessun commento: