2016-04-08

Camminare e Passeggiare - Frasi per chi ama Andare a Piedi

Raccolta dei migliori aforismi e delle frasi più significative sul camminare, il passeggiare e l'andare a piedi. Camminare significa spostarsi a piedi da un punto a un altro; passeggiare significa camminare lentamente, per divertimento e distrazione o per esercizio fisico, spesso senza una meta precisa. Ma camminare può significare molto di più di quanto dica la sua semplice definizione. Esiste infatti una vera e propria "filosofia del camminare", che può essere intuita già dalle riflessioni riportate in questa pagina.
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa dedicate al cammino (inteso come percorso) e al pellegrinaggio.
Non c'è tristezza che, camminando, non si attenui e lentamente si sciolga. (Romano Battaglia)
1. Camminare
© Aforismario

Non puoi insegnare al granchio a camminare diritto.
Aristofane, La pace, 421 a.e.c.

Spesso, vivendo, commettiamo un altro errore: camminiamo troppo in fretta, senza gustare né vedere le piccole grandi cose dell'esistenza. Non bisogna essere ansiosi di arrivare: non sappiamo, e mai sapremo, che cosa ci riserva il destino.
Romano Battaglia, Il fiume della vita, 1992

Bisogna camminare nella direzione dei nostri sogni, altrimenti perdiamo l'incanto della vita.
Romano Battaglia, Foglie, 2009

Non c'è tristezza che, camminando, non si attenui e lentamente si sciolga.
Romano Battaglia, Foglie, 2009

Camminando si consumano le scarpe, ma si vede il mondo che ci circonda. Stando fermi si consuma il cervello e non si vede niente.
Romano Battaglia, L’uomo che vendeva il cielo, 2011

Gli uomini camminano insieme, parlano insieme, dormono insieme, ma non si conoscono. Se gli uomini si conoscessero non camminerebbero insieme, non parlerebbero insieme, non dormirebbero insieme. 
Thomas Bernhard, Perturbamento, 1967

Quando uno è solo cammina più rapidamente. 
Napoleone Bonaparte, Aforismi e pensieri politici, morali e filosofici, XIX sec.

È così difficile stare dentro le scarpe di una donna sola. Per questo ne servono di veramente speciali. Per camminare un po' più allegramente.
Carrie Bradshaw (Sarah Jessica Parker), in Sex and the City, 1998-2004

Il camminare presuppone che a ogni passo il mondo cambi in qualche suo aspetto e pure che qualcosa cambi in noi.
Italo Calvino, Collezione di sabbia, 1984

Camminare non è semplicemente terapeutico per l'individuo ma è un'attività poetica che può guarire il mondo dei suoi mali.
Bruce Chatwin, Che ci faccio qui?,1989

Quando le tue gambe sono stanche, cammina con il cuore.
[When your legs are tired, walk with your heart].
Paulo Coelho, su Twitter, 2010

Camminare vi impedisce di lambiccarvi con interrogativi senza risposta, mentre a letto si rimugina l'insolubile fino alla vertigine.
Emil Cioran, Al culmine della disperazione, 1934

Essendo stato abolito l'uso delle gambe, il camminatore, in mezzo a quei paralitici al volante, ha un'aria da eccentrico o da proscritto; presto farà la figura del mostro.
Emil Cioran, La caduta nel tempo, 1964

Le idee vengono camminando, diceva Nietzsche. Il camminare dissipa il pensiero, professava Sankara. Le due tesi sono ugualmente fondate, quindi ugualmente vere, e chiunque può accertarsene nello spazio di un'ora, talvolta di un minuto…
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

Nessuna città dovrebbe essere tanto grande che un uomo una mattina non possa uscirne camminando. 
Cyril Connolly, La tomba inquieta, 1944

La vita è un labirinto nel quale si prende la strada sbagliata prima ancora di aver imparato a camminare.
Cyril Connolly, La tomba inquieta, 1944

Mi avvicino di due passi, lei si allontana di due passi. Cammino per dieci passi e l'orizzonte si sposta di dieci passi più in là. Per quanto io cammini, non la raggiungerò mai. A cosa serve l'utopia? Serve proprio a questo: a camminare. 
Eduardo Galeano, Parole in cammino, 1998

Chi cammina dietro agli altri non deve pretendere di arrivare dove quelli non arrivarono.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

Nel camminare, il vero segno della sicurezza è una giusta lentezza. Intendo, con questo, una lentezza del camminatore che non è l’esatto contrario della velocità. In primo luogo, è l’estrema regolarità del passo, la sua uniformità. Al punto che potremmo quasi dire che il buon camminatore scivola
Frédéric Gros, Andare a piedi. Filosofia del camminare, 2009 [1]

Camminare ci mette sulla verticale dell’asse della vita.
ibidem

Non si fa niente camminando, si cammina e basta. Ma non aver altro da fare che camminare permette di ritrovare il puro sentimento di essere, di riscoprire la semplice gioia di esistere
Frédéric Gros, Andare a piedi. Filosofia del camminare, 2009

Camminare: non si è trovato niente di meglio per andare più lentamente.
ibidem

È incredibile come, camminando a lungo e spingendosi lontano, uno arrivi a domandarsi come poteva trovare interessanti certi fatti. In confronto al lento respiro delle cose, l’ansimare quotidiano pare un’agitazione vana, morbosa.
Frédéric Gros, Andare a piedi. Filosofia del camminare, 2009

L’atto di camminare senza fretta è un atto di rivolta. È una presa di posizione contro i valori borghesi, contro una vita incentrata sugli obiettivi da raggiungere, contro i troppi impegni, il trambusto, le seccature. Per lo spirito creativo, l’atto di camminare riconcilia lavoro e gioco.
Tom Hodgkinson, L'ozio come stile di vita, 2004

Il sole non è mai così bello come il giorno in cui ci si mette in cammino.
Jean Giono, XX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Le idee fisse sono come, per esempio, i crampi ai piedi − il miglior rimedio è camminarci sopra.
Søren Kierkegaard, Diario, 1834/55

Non perdere la voglia di camminare: io, camminando ogni giorno, raggiungo uno stato di benessere e mi lascio alle spalle ogni malanno; i pensieri migliori li ho avuti mentre camminavo, e non conosco pensiero così gravoso da non poter essere lasciato alle spalle con una camminata... ma stando fermi si arriva sempre più vicini a sentirsi malati... Perciò basta continuare a camminare, e andrà tutto bene.
Søren Kierkegaard, lettera a Jette, 1847

Non c'è cammino troppo lungo per chi cammina lentamente, senza sforzarsi; non c'è meta troppo alta per chi vi si prepara con la pazienza.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

Si cammina per nessun motivo, per il piacere di gustare il tempo che passa, di concedersi una deviazione per meglio ritrovarsi alla fine del cammino, per scoprire luoghi e volti sconosciuti, per aumentare la conoscenza corporea di un mondo inesauribile di sensi e sensorialità; o anche, semplicemente, per rispondere all'invito della strada.
David Le Breton, Il mondo a piedi. Elogio della marcia, 2000 [1]

L’atto del camminare riporta l’uomo alla coscienza felice della propria esistenza, immerge in una forma attiva di meditazione che sollecita la piena partecipazione di tutti i sensi.
David Le Breton, Il mondo a piedi. Elogio della marcia, 2000

Camminare significa aprirsi al mondo.
ibidem

Spesso camminare è un espediente per riprendere contatto con se stessi.
David Le Breton, Il mondo a piedi. Elogio della marcia, 2000

Perdere tempo a camminare appare come un atto anacronistico in un mondo dominato dalla fretta. Poiché introduce una dimensione dilettevole del tempo, come dei luoghi, il camminare rappresenta uno scarto, uno sberleffo alla modernità.
David Le Breton, Il mondo a piedi. Elogio della marcia, 2000 [1]

Raro cade chi ben cammina. 
Leonardo da Vinci, Codice Atlantico, 1478-1518

Fatti per correre o per rallentare, c'è anche chi ha deciso di camminare al passo che gli pare.
Luciano Ligabue, Fuoritempo, 1994

Il vero miracolo non è volare in aria o camminare sulle acque, ma camminare sulla terra.
Lin-chi, I sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Viandante, non c’è sentiero, / il sentiero si fa camminando.
[Caminante, no hay camino, / se hace camino al andar].
Antonio Machado, Proverbios y cantares, Campos de Castilla, 1912

Ogni scarpa una camminata, ogni camminata una diversa concezione del mondo.
Nanni Moretti, in Bianca, 1983

La mia vita è un'illusione, ma solo grazie a questo riesco a camminare.
Diego Ruud Nicolis (Aforismi inediti su Aforismario)

Star seduti il meno possibile; non fidarsi dei pensieri che non sono nati all'aria aperta e in movimento – che non sono una festa anche per i muscoli. Tutti i pregiudizi vengono dagli intestini. Il sedere di pietra – l’ho già detto una volta – è il vero peccato contro lo spirito santo.
Friedrich Nietzsche, Ecce homo, 1888

Chi cammina talvolta cade. Solo chi sta seduto non cade mai.
Sandro Pertini, su L'Europeo, 1973

Devi imparare a correre prima di camminare...
Brad Pitt, in Ocean's Thirteen, 2007

Come diceva Zarathustra, nella vita, che tu cammini e ti muovi, o ti siedi e lo aspetti, prima o poi uno stronzo lo incontri.
Paolo Rossi, Si fa presto a dire pirla, 1992

Si potesse nella vita tenere il passo del vero camminatore: lo stesso in discesa che in salita.
Camillo Sbarbaro, Fuochi fatui, 1956/67

Uno stupido che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
Jacques Séguéla, Fils de pub, 1983

Il nostro camminare è un cadere continuamente trattenuto
Arthur Schopenhauer, Scritti postumi, 1804/60 (postumo 1966/75)

Stare al mondo significa stare con i piedi perennemente immersi in un pantano. È inutile, dunque, fare troppo gli schizzinosi: bisogna imparare a camminare nella melma.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

“Ogni volta che vuoi giudicare qualcuno, cammina prima per tre lune nei suoi mocassini.” Dobbiamo diventare dei grandi camminatori, non credi? Camminare, camminare e camminare ancora, uno a fianco dell’altro, scambiandoci le scarpe, uno nelle scarpe dell’altro. Camminare pensando al giorno in cui siamo venuti al mondo e a quello in cui ce andremo. Camminare accanto alla fragilità, nella nudità, senza toghe, senza indici levati. Dobbiamo camminare per costruire un mondo la cui base non siano più il giudizio e il pregiudizio, ma l’umiltà e la comprensione.
Susanna Tamaro, Cara Mathilda, 1997

Quando non puoi più correre, cammina veloce. Quando non puoi più camminare veloce, cammina. Quando non puoi più camminare, usa il bastone. Però non trattenerti mai!
Madre Teresa di Calcutta (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Leggi il tuo destino, vedi ciò che ti sta davanti, e cammina nel futuro.
Henry David Thoreau, Walden, 1854

Se sei pronto a lasciare il padre e la madre, e il fratello e la sorella, e la moglie e il figlio e gli amici, e a non rivederli mai più; se hai pagato i tuoi debiti, e fatto testamento, se hai sistemato i tuoi affari, e se sei un uomo libero, allora sei pronto a metterti in cammino.
Henry David Thoreau, Camminare, 1862

Il cammino si fa da soli: in due è una scampagnata.
Fabio Volo, Un posto nel mondo, 2006 [cfr. citazione di Robert Louis Stevenson]

Non camminare davanti a me, potrei non seguirti. Non camminare dietro di me, potrei non condurti. Cammina semplicemente accanto a me e sii mio amico.
[Ne marche pas devant moi, je ne suivrai peut-être pas. Ne marche pas derrière moi, je ne te guiderai peut-être pas. Marche juste à côté de moi et sois mon ami].
Anonimo (attribuito ad Albert Camus)

Il vero miracolo non è volare in aria o camminare sulle acque,
ma camminare sulla terra. (Lin-chi)
Proverbi sul Camminare
  • A chi cammina non mancano osterie.
  • Cammina diritto e spera in Dio.
  • Chi cammina a occhi chiusi si rompe il capo.
  • Chi cammina diritto vive afflitto, che cammina stortino vive benino, chi cammina stortone vive benone.
  • Chi cammina inciampa.
  • Chi cammina col bastone cammina con tre piedi.
  • Chi cammina nel mezzo non cade nel fosso.
  • Chi ha cammina e chi spera vola.
  • Chi inciampa e non cade, avanza cammino.
  • Chi mal cammina peggio corre.
  • Chi vuole andar sano cammini per il piano.
  • Dopo cena cammina, dopo pranzo riposa.
  • Dopo desinare non camminare; dopo cena con dolce lena.
  • La gallina che cammina torna a casa colla pancia piena. (cit. in Giovanni Verga, I Malavoglia, 1881)
  • Prima di camminare s’impara a cascare.
Proverbi africani
  • Chi cammina sui carboni ardenti si brucerà i piedi.
  • Il giovane cammina più veloce dell'anziano, ma l'anziano conosce la strada.
  • Quando la gamba non cammina, lo stomaco non mangia.
  • Se sai camminare, sai anche danzare; se sai parlare, sai anche cantare; se sai pensare, sai
  • anche sognare.
Non giudicare il tuo vicino finché non avrai camminato per due lune nelle sue scarpe.
Detto dei Nativi Americani

Chi è stato morso dal serpente anche solo una volta avrà sempre paura di camminare nell'erba alta.
Proverbio cinese

Il passo di chi sa camminare non lascia traccia.
Proverbio cinese

Non ti affrettare, il buon camminatore arriva.
Detto egiziano

Prima di amare impara a camminare sulla neve senza lasciare traccia.
Proverbio turco

Nelle passeggiate ci si ritrova. (Charles Dufresny)
2. Passeggiare
© Aforismario

Mi piacciono le lunghe passeggiate, soprattutto quando le fanno persone che mi annoiano.
Fred Allen (attribuita anche a Noel Coward - fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Dalle passeggiate nel bosco si può imparare molto di più che dalle pagine dei libri.
Romano Battaglia, Foglie, 2009

Quanti nodi vengono al pettine passeggiando nel bosco: sembra quasi che la linfa vitale della vegetazione tiri fuori dalla nostra anima tutto quello che spesso nascondiamo.
Romano Battaglia, Foglie, 2009

Bisogna saper cogliere i piccoli doni che la vita ci offre ogni giorno: un uccello caduto dal nido, una carezza affettuosa, una parola buona, una passeggiata in campagna, il primo caffè del mattino, una boccata d’aria fresca, il verso di un gabbiano.
Romano Battaglia, Fra le braccia del vento, 2012

La felicità è accarezzare un cucciolo caldo caldo, è stare a letto mentre fuori piove, è passeggiare sull'erba a piedi nudi, è il singhiozzo dopo che è passato.
Charlie Brown, in Charles M. Schulz, Peanuts, 1950-2000 

Passeggiavo a un'ora tarda in quel viale alberato, quando mi cadde davanti ai piedi una castagna. Il rumore che fece spaccandosi, l'eco che tale rumore suscitò in me, e un trasalimento sproporzionato rispetto a quell'incidente infimo, mi immersero nel miracolo, nell'ebbrezza del definitivo, come se non ci fossero più interrogativi ma solo risposte. Ero stordito da mille evidenze inattese, di cui non sapevo che fare… Così per poco non attinsi il supremo. Ma giudicai preferibile continuare la passeggiata.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

Nelle passeggiate ci si ritrova.
Charles Dufresny, Divertimenti seri e faceti, 1698/1707

Passeggiare significa in primo luogo fare uno sberleffo alle costrizioni: scelgo io il mio percorso, il mio ritmo e le mie rappresentazioni.
Frédéric Gros, Andare a piedi. Filosofia del camminare, 2009 [1]

Si può passeggiare con una pistola carica, si può passeggiare con una pistola scarica, ma non si può passeggiare con una pistola che non si sa se sia carica o scarica.
Friedrich Hebbel, Diari, 1835-1863 (postumo 1885/87)

In questi luoghi di generale affluenza, dove le donne si riuniscono per sfoggiare una bella stoffa e per godere del successo della loro acconciatura, non si passeggia con una compagna per il bisogno di conversare; ci si accosta per farsi coraggio sul palcoscenico, per familiarizzare col pubblico e rinsaldarsi contro la critica: è proprio qui che si parla senza dirsi nulla, o meglio, che si parla per i passanti, per quegli stessi a favore dei quali si alza la voce, si gesticola e si scherza, si china distrattamente il capo, si passa e ripassa.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

Il suo divertimento era di passeggiare contando le stelle
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

Nelle mie passeggiate solitarie per le città, suol destarmi piacevolissime sensazioni e bellissime immagini la vista dell'interno delle stanze che io guardo di sotto dalla strada per le loro finestre aperte. Le quali stanze nulla mi desterebbero se io le guardassi stando dentro. Non è questa un'immagine della vita umana, de' suoi stati, de' beni e diletti suoi?
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

Nella mia passeggiata solitaria, a un certo momento mi accorgo che un cane mi segue, poi mi si accompagna e più avanti sempre più mi intrattiene in affettuosi trastulli. Al ritorno, nello stesso luogo in cui è apparso, fingendo interesse ai giochi della sua coda, mi abbandona. Incontri nella vita disinteressati e puri.
Fausto Melotti, Linee, 1975/78

In ogni passeggiata nella natura si riceve molto di più di quanto si cerca.
[In every walk with nature one receives far more than he seeks].
John Muir, Mormon Lilies, 1877

Amo passeggiare a mio piacimento, e fermarmi quando ne ho voglia. La vita girovaga è quella che fa per me. Andare a piedi con bel tempo in un bel paese, senza fretta, e avere come meta del mio percorso un oggetto piacevole: ecco, di tutti i modi di vivere, quello che più mi aggrada.
Jean-Jacques Rosseau, Le confessioni, 1782/89

Fare una passeggiata lungo la riva del mare e annegare in una pozzanghera lì accanto: ecco un destino davvero tragicomico.
Arthur Schnitzler, Il libro dei motti e delle riflessioni, 1927

Di tanto in tanto – specie in momenti di sconforto – sarebbe consigliabile una salutare passeggiata tra i viali di un cimitero; cosí, giusto per sentirsi un po’ piú vivi.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Passeggiare all'aria aperta, dove le uniche voci che si sentono sono quelle della natura, è il modo migliore per smoccolarsi lo spirito.
Anacleto Verrecchia, Diario del Gran Paradiso, 1997

Dopo pranzo riposa, dopo cena passeggia.
Regole Sanitarie Salernitane, IX-X secolo

Proverbi sul Passeggiare
  • Chi passeggia amoreggia.
  • Donna che canta vuol marito e uomo che passeggia è innamorato.
  • Dopo pranzo sta, dopo cena va’.
  • Il sole di marzo prendilo passeggiando.
  • Il troppo passeggiare stufa la comare.
  • Val più un incontro che molto passeggiare.
Mi piacciono le lunghe passeggiate,
soprattutto quando le fanno persone che mi annoiano. (Fred Allen)
3. Andare a piedi
© Aforismario

La vera casa dell'Uomo non è una casa, ma la Strada, e la vita stessa è un viaggio da fare a piedi.
Bruce Chatwin, Che ci faccio qui?, 1989

Uscire dalla città, a piedi, è faticosissimo. T'investe la lava bollente del brutto, del rumore, strade sopra strade, tremendi ponti di ferro, treni, camion, Tir, corsie con sbarramenti, impraticabili autostrade, un vero teatro di guerra. 
Guido Ceronetti, Viaggio in Italia, 1983

La superbia è il cavallo dei ricchi: la povera gente va a piedi.
Emilio De Marchi, Demetrio Pianelli, 1890

Un compagno allegro è una carrozza in un viaggio a piedi.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Che cos'è un passo? È il possibile di fronte al tutto
Gian Maria Polidoro (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Non ho mai tanto pensato, tanto vissuto, mai sono esistito e con tanta fedeltà a me stesso, se così posso dire, quanto in quei viaggi che ho compiuto da solo e a piedi.
Jean-Jacques Rosseau, Le confessioni, 1782/89

Per essere davvero piacevole, un giro a piedi dev'essere fatto da soli. Se lo fate in gruppo, o anche in due soltanto, al giro a piedi resta solamente il nome, diventa qualcos'altro che ricorda più il picnic.
Robert Louis Stevenson, Walking Tours, in Essays, 1918

Il giro a piedi va fatto da soli, perché la libertà è un requisito essenziale; dovete infatti essere sempre liberi di fermarvi o di continuare, e di seguire questo o quel tragitto secondo il vostro capriccio; e perché dovete procedere al vostro passo.
Robert Louis Stevenson, Walking Tours, in Essays, 1918

Il viaggiatore più svelto è quello che va a piedi.
Henry David Thoreau, Walden, 1854

Chi non può andare in carrozza vada a piedi.
Proverbio

Libro consigliato da Aforismario

Andare a piedi
Filosofia del camminare 
Autore: Frédéric Gros
Editore: Garzanti, 2013

Camminare non è uno sport. Mettere un piede davanti all'altro è un gioco da bambini. Nessun risultato, nessun numero quando ci s’incontra: il camminatore dirà quale strada ha preso, quale sentiero offre il miglior panorama, quale vista si gode da quel certo promontorio. Si è provato, è vero, a creare un nuovo mercato di accessori: calzature rivoluzionarie, calzini fantastici, zaini ipertecnici, pantaloni estremamente funzionali... Si cerca, sì, di insinuarvi uno spirito sportivo: non si cammina più, si fa «trekking». Sono in vendita bastoncini affusolati che fanno somigliare chi cammina a un improbabile sciatore. Ma ci si ferma qui. Non si può andare oltre. Camminare: non si è trovato niente di meglio per andare più lentamente. Per camminare, occorrono anzitutto due gambe. Il resto è inutile. Volete andare più veloci? In tal caso, non camminate, fate altro: guidate, sciate, volate. Non camminate. E poi, camminando, c’è un solo primato che conta: l’intensità del cielo, lo splendore dei paesaggi. Camminare non è uno sport. È pur vero che, una volta in piedi, l’uomo non sa star fermo.

Note

  1. David Le Breton, Il mondo a piedi. Elogio della marcia. Traduzione di Ester Dornetti © Feltrinelli 2001

Nessun commento: