2016-04-03

Compassione - Frasi su Compatire, Compiangere e Commiserare

Raccolta delle frasi più toccanti e degli aforismi più significativi sulla compassione, il compatire, il compiangere e il commiserare. Tutti questi termini sono tra loro sinonimi, e indicano il sentimento di pietà e partecipazione al dolore e alle disgrazie altrui, così come espresso dal significato etimologico di "com-patire", verbo che deriva dal latino compăti, composto da con- e pati, "patire", dunque: "soffrire con", "sopportare insieme".
La compassione è generalmente considerata una grande virtù che contraddistingue le persone sensibili alle sofferenze altrui (sia che si tratti di esseri umani sia che si tratti di animali). Tuttavia in alcuni casi questi termini, e soprattutto il "compatire" e il "commiserare", possono essere usati anche per indicare un senso di superiorità mista a disprezzo, come per esempio nelle frasi del tipo: "Ti compatisco per la tua ignoranza".
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa dedicate all'empatia, alla pietà e alla misericordia.
Non basta essere colmi di compassione, bisogna agire. (Dalai Lama Tenzin Gyatso)
1. Compassione
© Aforismario

Umana cosa è aver compassione degli afflitti.
Giovanni Boccaccio, Decameron, XIV sec.

La compassione è la capacità, a volte fatale, di sentire cosa si prova a vivere mettendosi nei panni di qualcun altro. È la consapevolezza che non potrà mai esservi alcuna pace e gioia per me fino a quando non vi sarà pace e gioia anche per te.
Frederick Buechner, L'alfabeto della grazia, 1970

Al posto degli uomini abbiamo sostituito numeri e alla compassione nei confronti delle sofferenze umane abbiamo sostituito l'assillo dei riequilibri contabili.
Federico Caffè, Umanesimo del welfare, Micromega, 1986

Invecchiare significa passare dalla passione alla compassione.
Albert Camus, Taccuini, 1935/59 (postumo 1962/89)

Spia dell’autenticità della Compassione, la tenerezza ne restringe il campo. La compassione buddhista per tutti gli esseri viventi ne fa una pura dichiarazione di principio, è astratta come l’universale amore cristiano. La tenerezza non va oltre i pochi e qualche animale, si piglia cura di un
solo angelo ferito.
Guido Ceronetti, Insetti senza frontiere, 2009

Non c'è né vera compassione né vera tenerezza senza alimentazione rigorosamente vegetariana: dunque tutti i preti fuori.
Guido Ceronetti, Insetti senza frontiere, 2009

Non passione ci vuole, ma compassione, capacità cioè di estrarre dall'altro la radice prima del suo dolore e di farla propria senza esitazione.
Fëdor Dostoevskij, L'idiota, 1869

La compassione è la più importante e forse l'unica legge di vita dell'umanità intera.
Fëdor Dostoevskij, L'idiota, 1869

La condotta etica dell'uomo deve basarsi effettivamente sulla compassione, l'educazione e i legami sociali, senza ricorrere ad alcun principio religioso. Gli uomini sarebbero da compiangere se dovessero essere frenati dal timore di un castigo o dalla speranza di una ricompensa dopo la morte.
Albert Einstein, Come io vedo il mondo, 1934

Soccorri alle altrui miserie senza spappolarti di compassione.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

Chi si mostra compassionevole e altruista ed è pronto a difendere gli interessi dei suoi simili, non verrà mai abbandonato dai veri amici e, quando si troverà a dover affrontare un momento difficile della propria esistenza, saranno in molti ad accorrere in suo aiuto.
Tenzin Gyatso (Dalai Lama), I valori della vita, 1993

Il massimo grado di tranquillità interiore deriva dalla crescita dell’amore e della compassione. Quanto più ci preoccupiamo della felicità altrui, tanto più grande è il nostro senso di benessere.
Tenzin Gyatso (Dalai Lama), La via della tranquillità, 1998

Non basta essere colmi di compassione, bisogna agire.
ibidem

Ecco la religione che predico [...]. È semplice. Il suo tempio è il cuore. La sua dottrina è l’amore e la compassione. La sua morale, amare e rispettare gli altri, chiunque essi siano.
Tenzin Gyatso (Dalai Lama), I consigli del cuore, 2001

Coltiviamo l’amore e la compassione, due sentimenti che danno davvero un senso alla vita. Il resto è superfluo.
Tenzin Gyatso (Dalai Lama), I consigli del cuore, 2001

Chi non prova la minima esitazione né la minima compassione quando uccide un animale o lo fa soffrire, ovviamente farà più fatica di un altro a provarne nei confronti dei suoi congeneri.
Tenzin Gyatso (Dalai Lama), I consigli del cuore, 2001

L’amore e la compassione aprono il cammino alla nostra vita interiore riducendo lo stress, la sfiducia e la solitudine.
Tenzin Gyatso (Dalai Lama), Conosci te stesso, 2006

L’amore e la compassione: ingredienti essenziali della pace mondiale.
ibidem

La pratica della compassione e della saggezza, di per sé indispensabili a ognuno di noi, sono assolutamente fondamentali per coloro che hanno la responsabilità di governare gli affari interni, poiché il potere e l’opportunità di creare un modello di pace mondiale è nelle loro mani.
Tenzin Gyatso (Dalai Lama), Conosci te stesso, 2006

L’etica, la compassione, la modestia e la saggezza sono i pilastri di tutte le civiltà.
ibidem

Il vero amore e la vera compassione sorgono a partire dal rispetto per gli altri. Questo sentimento di empatia si ottiene riconoscendo che tu e tutti gli altri – siano essi amici, nemici o persone neutre – condividete una stessa aspirazione nel volere la felicità e nel non volere la sofferenza
Tenzin Gyatso (Dalai Lama), Conosci te stesso, 2006

Se vuoi che gli altri siano felici, pratica la compassione. Se vuoi essere felice, pratica la compassione.
[If you want others to be happy, practice compassion. If you want to be happy, practice compassion].
Tenzin Gyatso (Dalai Lama) (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La sola cosa degna di te è la compassione: invincibile, illimitata, incondizionata. Che l'odio mai ti faccia vedere nell'uomo la bestia.
Thích Nhất Hạnh, La via della trasformazione, 2004

L'umiltà raccoglie sempre compassione; mentre la durezza di cuore e la mancanza di fede raccolgono sempre eventi duri ed imprevisti.
Isacco di Ninive, Discorsi ascetici, I sec.

Se piangete per autocompassione, le vostre lacrime non hanno alcun senso, perché vi preoccupate soltanto di voi stessi.
Jiddu Krishnamurti, Andare incontro alla vita, 1991 (postumo)

Senza amore non potete avere compassione.
ibidem

Se in noi non c’è una compassione profonda, diventeremo sempre più spietati e disumani nelle nostre relazioni reciproche.
Jiddu Krishnamurti, Andare incontro alla vita, 1991 (postumo)

Noi non proviamo nessuna compassione. Abbiamo una gran quantità di conoscenze, una gran quantità di esperienze. Facciamo cose straordinarie dal punto di vista medico, scientifico, tecnologico, ma non proviamo alcuna compassione.
Jiddu Krishnamurti, Sulla paura, 1995 (postumo)

Compassione significa passione per tutti gli esseri umani, per gli animali, per la natura. E come può esserci compassione quando c’è la paura, quando la mente insegue costantemente il piacere?
Jiddu Krishnamurti, Sulla paura, 1995 (postumo)

La compassione non è difficile da procurarsi quando il cuore non è pieno delle astuzie della mente.
Jiddu Krishnamurti, Il silenzio della Mente, 2005 (postumo)

Non c'è nulla di più pesante della compassione. Nemmeno il nostro proprio dolore è così pesante come un dolore che si prova con un altro, verso un altro, al posto di un altro, moltiplicato dall'immaginazione, prolungato in centinaia di echi.
Milan Kundera, L'insostenibile leggerezza dell'essere, 1984

Salute e ricchezze, evitando agli uomini l’esperienza del male, ispirano loro durezza nei confronti dei loro simili; e le persone già provate dalle proprie sventure sono quelle che nella compassione più condividono quelle altrui.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

Un animo grande è superiore all'ingiuria, all'ingiustizia, al dolore, al dileggio; e sarebbe invulnerabile, se non soffrisse per compassione.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

La compassione che nasce nell'animo nostro alla vista di uno che soffre è un miracolo della natura che in quel punto ci fa provare un sentimento affatto indipendente dal nostro vantaggio o piacere, e tutto relativo agli altri, senza nessuna mescolanza di noi medesimi. E perciò appunto gli uomini compassionevoli sono sì rari,
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

La compassione è fonte d’amore.
ibidem

Non è cosa tanto nemica della compassione quanto il vedere uno sventurato che non è stato in niente migliorato, né ha punto appreso dalle lezioni della sventura, maestra somma della vita.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

La compassione è la prima lettera dell’alfabeto della morale, e per non sentirla bisogna avere il cuore impietrito.
Paolo Mantegazza, Il bene e il male, 1861

Tutti gli uomini hanno il sentimento di compassione verso gli altri. Se vediamo un bambino sul punto di cadere in un pozzo, tutti sentiamo un fremito di timore e di compassione, non perché vogliamo stringere amicizia coi genitori del bambino, non per aver lode dai concittadini e dagli amici o perché temiamo il biasimo. Da ciò vediamo che colui che non ha sentimento di compassione non è un uomo.
Mencio, III sec. a.e.c.

In tutti i tempi gli uomini più profondi hanno avuto compassione degli animali, proprio perché essi soffrono della vita, ma non hanno la forza di rivolgere la punta del dolore contro se stessi e di comprendere metafisicamente la loro esistenza; il vedere il dolore senza senso suscita anzi ribellione nel più profondo dell'anima.
Friedrich Nietzsche, Schopenhauer come educatore, 1874

Le nature compassionevoli, soccorrevoli nella disgrazia in ogni momento, sono di rado quelle che partecipano insieme alle gioie altrui: nella felicità degli altri esse non hanno niente da fare, sono superflue, non si sentono in possesso sella loro superiorità e mostrano perciò facilmente disappunto.
Friedrich Nietzsche, Umano, troppo umano, 1878

La sete di compassione è una sete di godimento di sé, e, in vero, a spese del prossimo.
ibidem

La compassione ha come compagna una particolare impudenza, perché, mentre ad ogni costo vuole aiutare, non si preoccupa né dei mezzi di guarigione, né della specie e causa della malattia, e ciancia disinvoltamente della salute e della reputazione del suo paziente.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

La compassione delle donne, che è chiacchierona, porta il letto del malato sul mercato pubblico.
ibidem

Nella dorata guaina della compassione si nasconde talvolta il pugnale dell'invidia.
ibidem

Se tutte le elemosine fossero date solo per compassione, i mendicanti sarebbero tutti quanti morti di fame.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

Si finge compassione quando si vuol apparire al di sopra del sentimento dell’inimicizia; ma di solito vanamente. E quando ci se ne accorge cresce fortemente proprio quel sentimento ostile.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

La compassione è il sentimento più piacevole per coloro che hanno scarso orgoglio e non hanno prospettive di grandi conquiste: per essi la preda facile – e questa è ogni sofferente – è qualcosa di estasiante. Si vanta la compassione come la virtù delle donne di piacere.
Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, 1882

Dove al mondo sono state commesse più stoltezze che presso i compassionevoli? E che cosa al mondo ha causato più dolore delle stoltezze dei compassionevoli? Guai a tutti coloro che amano, se non hanno anche un’altezza che sia al di sopra della loro compassione!
Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85

Davvero, non li sopporto i misericordiosi, che sono beati nella loro compassione: mancano troppo di
vergogna.
Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85

La compassione sta in contrasto con gli affetti tonici che corroborano l’energia del sentimento vitale: ha un effetto deprimente. Si perde forza quando si prova compassione. Con la compassione si accresce e si moltiplica ancora la perdita di forza che in sé già la sofferenza causa alla vita. La sofferenza stessa diventa, per la compassione, contagiosa; in determinate circostanze si può raggiungere con essa una perdita generale di vita e di energia vitale.
Friedrich Nietzsche, L'anticristo, 1888

Posto che si misuri la compassione dal valore delle reazioni che essa suole provocare, allora il suo carattere, pericoloso per la vita, appare in una luce ancora più chiara. La compassione interseca in complesso la legge dell’evoluzione, che è la legge della selezione. Conserva ciò che è maturo per il tramonto, oppone resistenza a favore dei diseredati e dei condannati della vita, dà alla vita stessa, con la folla di malriusciti di ogni specie che mantiene in vita, un aspetto cupo e problematico. Si è osato chiamare la compassione una virtù (in ogni morale aristocratica è considerata debolezza); si è andati oltre, si è fatta di essa la virtù, il terreno e l’origine di tutte le virtù, – però soltanto, una cosa che bisogna sempre tener presente, muovendo dal punto di vista di una filosofia che era nichilistica, che portava scritta sulla sua insegna la negazione della vita.
Friedrich Nietzsche, L'anticristo, 1888

Possiamo provare compassione solo fino a quando crediamo che la persona sofferente condivide con noi vulnerabilità e possibilità. 
Martha Nussbaum, Compassion and Terror, 2003

Il sesso è la forma più bassa dell’amore, quando chiedi tutto senza dare niente. La compassione è la forma più elevata dell’amore, quando dai tutto e non chiedi niente in cambio.
Osho, Discorsi, 1953-1990

Quest'uomo che t'indigna, o nacque da una razza diversa dalla tua o è un tuo fratello smarrito. In ognuno di tali casi, non merita la tua compassione?
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1954

Compassione e pietà sono assai differenti. Mentre la compassione riflette l'anelito del cuore a immedesimarsi e soffrire con l'altro, la pietà è una serie controllata di pensieri intesi ad assicurarci il distacco da chi soffre.
Paul C. Roud, Making Miracles cit. in Selezione dal Reader's Digest, 1997

La compassione è la risposta spontanea dell'amore; la pietà l'involontario riflesso della paura.
ibidem

La compassione (Mitleid, agape, caritas), che fa cadere la barriera che separa gli uomini, è in sé un mistero, ma come tale è anche il fondamento della morale.
Arthur Schopenhauer, Il mondo come volontà e rappresentazione, 1819

Ogni amore è compassione.
ibidem

Ogni vero e puro amore è compassione, e ogni amore che non è compassione è egoismo.
Arthur Schopenhauer, Il mondo come volontà e rappresentazione, 1819

L'uomo non troverà la pace interiore finché non imparerà ad estendere la sua compassione a tutti gli esseri viventi.
Albert Schweitzer (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La sua compassione per gli altri era talmente grande da rasentare la crudeltà, e la sua sofferenza per la sofferenza altrui era la sua unica gioia.
Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

Molti di coloro che sono profondamente insoddisfatti di sé stessi, trovano nella compassione e nell'altruismo – nel farsi, cioè, strumento degli altri – il loro unico valore.
Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

Nelle persone compassionevoli, l'afflizione viene sostituita più facilmente da un'altra afflizione che non dalla gioia.
Nassim Nicholas Taleb, Il letto di Procuste, 2010

Meglio essere invidiato che essere oggetto di compassione.
Talete, Frammenti, VII-VI sec. a.e.c.

L'amore è compassione, e più si ama, più si prova compassione.
Miguel de Unamuno (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Quanto ai poveri virtuosi, uno può averne compassione, ma è escluso che possa ammirarli.
Oscar Wilde, L'anima dell'uomo sotto il socialismo, 1891

La compassione e l'empatia per il più piccolo degli animali è una delle più nobili virtù che un uomo possa ricevere in dono.
Anonimo (attribuito a Charles Darwin)

Meglio invidia che falsa compassione.
Proverbio

2. Compatimento
© Aforismario

Dimostriamo compatimento per le sofferenze degli amici non con le lamentazioni, ma prendendoci cura di loro.
Epicuro, Sentenze vaticane, IV-III sec. a.e.c.

Quando si vive troppo a lungo, si perde il diritto di essere compatiti al momento della morte.
Franz Fischer, Aforismi, 1979

È più facile invidiare chi sta meglio che compatire chi sta peggio.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

È proprio degl'infelici ottenere il favore della gente, poiché questo favore, con la sua inutile simpatia, ha la pretesa di compensare il disfavore della fortuna; si vede perciò talvolta che chi nella prosperità era aborrito da tutti, vien da tutti compatito quando è vittima dell'avversità.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

Lo sventurato non bello, e maggiormente se vecchio, potrà esser compatito, ma difficilmente pianto. Così nelle tragedie, ne' poemi, ne' romanzi ec. come nella vita.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

I genitori si compatiscono, dei nonni si sorride, gli antenati si venerano. 
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

Non c'è gusto a soffrire se non c'è da chi farsi compatire.
ibidem

Sono disposto a patire ma rifiuto di essere compatito.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

Anche tu vorrai aiutare: ma soltanto coloro di cui capisci pienamente la pena, perché hanno in comune con te un solo dolore e una sola speranza – i tuoi amici, e soltanto nel modo in cui aiuti te stesso: – io li voglio rendere più coraggiosi, più resistenti, più semplici, più giocondi! Voglio insegnare loro quello che oggi così pochi capiscono, e meno di tutti quei predicatori del compatire: – il congioire!
Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, 1882

Non si può avere compatimento per gli altri, quando abbiamo troppo da soffrire per noi stessi.
Luigi Pirandello, La ragione degli altri, 1915

Molti si lasciano compatire atteggiandosi spesso a vittime per essere con più buona coscienza carnefici. 
Emilio Rega, Sursum Corda, 1993 

Se ti capita una disgrazia, il primo impulso del tuo amico non sarà il compatimento e neppure il desiderio di aiutarti, bensì la soddisfazione di aver previsto da tempo la sventura che ti sovrastava e, in secondo luogo, la convinzione che tu stesso ne sia la causa.
Arthur Schnitzler, Il libro dei motti e delle riflessioni, 1927

Figlio, soccorri tuo padre nella vecchiaia, non contristarlo durante la sua vita. Anche se perdesse il senno, compatiscilo e non disprezzarlo, mentre sei nel pieno vigore. Poiché la pietà verso il padre non sarà dimenticata, ti sarà computata a sconto dei peccati.
Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c.

Solo chi è molto infelice ha il diritto di compatire un altro.
Ludwig Wittgenstein, Pensieri diversi, 1914-1951 (postumo, 1977)

Proverbi sul Compatire
  • Chi patisce, compatisce.
  • Meglio essere invidiati che compatiti.
  • Per compatire bisogna aver patito.
3. Commiserazione
© Aforismario

Tutto ciò che vive, l'animale o l'insetto più ripugnante, trasale, non fa che trasalire; tutto ciò che vive, per il semplice fatto di vivere, merita commiserazione.
Emil Cioran, Il funesto demiurgo, 1969

Ottimismo e autocommiserazione sono i poli positivo e negativo della viltà contemporanea. 
Cyril Connolly, La tomba inquieta, 1944

Dodici minuti [...] corrispondono all'effettiva durata verificata del dolore genuino. Qualsiasi cosa oltre i dodici minuti è autocommiserazione, e tentativi inutili di far sembrare più importanti i primi dodici minuti.
Harlan Ellison, Idrogeno e idiozia, 1980

Si faccia avanti uno stoico a rivelare le umane risorse e a dire agli uomini che essi non sono salici bisognosi di appoggiarsi, ma possono e devono far da sé; e che con l'esercitare la fiducia in se stessi, nuovi poteri verranno alla luce; che un uomo è la parola fatta carne, nato per diffondere guarigione e salute per le nazioni; che dovrebbe vergognarsi della nostra compassione, e che nel momento in cui egli incomincerà ad agire da sé, gettando via dalla finestra leggi, libri, idolatrie e costumanze, non avremo più commiserazione per lui, ma gratitudine e rispetto; giacché un tale maestro riporterà a splendore la vita dell'uomo e renderà caro il suo nome alla storia universale.
Ralph Waldo Emerson, Fiducia in sé stessi, Saggi, 1841/44

L’inesperto della vita, e spesso anche l’esperto, in sui primi momenti che si conosce colto da qualche infortunio, massime dove egli non abbia colpa, se pure gli corrono all'animo gli amici e i familiari, o in generale gli uomini, non aspetta da loro altro che commiserazione e conforto, e, per tacere qui d’aiuto, che gli abbiano o più amore o più riguardo che innanzi; né cosa alcuna è sì lungi dal cadergli in pensiero, come vedersi, a causa della sventura occorsagli, quasi degradato nella società, diventato agli occhi del mondo quasi reo di qualche misfatto, venuto in disgrazia degli amici, gli amici e i conoscenti da tutti i lati in fuga, e di lontano rallegrarsi della cosa, e porre lui in derisione.
Giacomo Leopardi, Pensieri, 1845 (postumo)

Chi commisera il lupo non ha pietà delle pecore.
Proverbio

Nessuno è gran che da invidiare,
innumerevoli sono da compiangere molto. (Arthur Schopenhauer)
4. Compiangere
© Aforismario

Chi si rallegra del male altrui, non troverà chi compianga il suo. 
Riccardo Bacchelli, Il mulino del Po, 1938/40

Taluni hanno sventure; altri ossessioni. Quali sono maggiormente da compiangere?
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

Penso a tanti amici che non sono più, e provo pena per loro. Tuttavia non li ritengo proprio da compiangere, perché hanno risolto tutti i problemi, a cominciare da quello della morte.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

Si compiange il cieco che non ha mai visto i raggi del sole, il sordo che non ha mai udito gli accordi della natura, il muto che non ha mai potuto rendere la voce della sua anima e, per un falso pudore, non si vuol compiangere quella cecità del cuore, di quella sordità dell'anima, di quel mutismo della coscienza che rendono folle un'infelice e, suo malgrado, la fanno incapace di vedere il bene e di parlare il puro linguaggio dell'amore e della fede.
Alexandre Dumas (figlio), La signora delle camelie, 1848

Mentre tutti diffidano delle donne, io me la intendo benissimo con loro! Io non guardo se hanno mentito, se hanno tradito, se hanno peccato – o se nacquero perverse – perché io sento che hanno pianto – hanno sofferto per sentire o per tradire o per amare... io mi metto con loro e per loro e le frugo, frugo non per mania di sofferenza, ma perché il mio compianto femminile è più grande e più dettagliato, è più dolce e più completo che non il compianto che ne accordano gli uomini. 
Eleonora Duse, Lettera a Francesco D'Arcais, 1885

Un amante infelice merita di essere compianto; ma un amante riamato, che soffre ogni ora i tormenti dell'inferno, merita di essere rispettato.
Ugo Foscolo, Epistolario, 1794/1824

Da compiangere l'uomo che non sa parlare; da compiangere ancor più quello che non sa tacere.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

Spesso c'è più orgoglio che bontà nel compiangere le disgrazie dei nostri nemici; se dimostriamo loro della compassione, è solo per far pesare che siamo superiori.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Compiangere gli infelici non è contrario alla concupiscenza. Anzi, si è ben contenti di rendere questa testimonianza d’amicizia e, senza dar nulla, di guadagnarsi la reputazione di tenerezza.
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

Nessuno è così detestabile da non meritare compianto per il suo ruolo forzato nell'esistenza
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1954

Aver più coraggio è, spesso, non aver più nemmeno la forza di compiangersi.
ibidem

Qualunque sia il rimprovero che in me l'uomo fa all'uomo, non è possibile che la bestia non compianga la bestia.
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1954

Nessuno è gran che da invidiare, innumerevoli sono da compiangere molto.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Quando mi si annuncia con entusiasmo la nascita di un bambino, non so se compiangere di più il neonato o i suoi genitori.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Le azioni umane non vanno derise, compiante o detestate: vanno comprese.
Baruch Spinoza, Trattato politico, 1675/76 (incompiuto)

Solo il dolore fa crescere, ma il dolore va preso di petto, chi svicola o si compiange, è destinato a perdere.
Susanna Tamaro, Va' dove ti porta il cuore, 1994

Rimproveriamo gli sventurati per dispensarci dal compiangerli.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

Nessuno vuol essere compianto per i suoi errori.
ibidem

Noi biasimiamo molto i disgraziati per le loro minime colpe, e li compiangiamo poco per le loro maggiori disgrazie.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

Noi non sappiamo riconoscere il fascino delle violente agitazioni. Quelli stessi che noi compiangiamo per i loro guai, disprezzano viceversa la nostra quiete.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

Chi non ama le donne, il vino e il canto, pazzo è davvero e degno di compianto.
Proverbio

Compiangendo gli altri, consoliamo noi stessi.
Proverbio

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Amore del Prossimo

Nessun commento: