2016-04-15

Enciclopedia e Wikipedia - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta dei migliori aforismi e delle frasi più istruttive sull'enciclopedia e su Wikipedia. "L'enciclopedia è un'opera in cui sono raccolte e ordinate sistematicamente nozioni di tutte le discipline o di una sola di esse. La parola viene dal greco ἐγκύκλιος παιδεία, «istruzione circolare, insieme di dottrine che formano un’educazione completa»". (Enciclopedia Treccani).
Il primo grande tentativo di sistemazione del sapere è costituito dal corpus delle opere di Aristotele. L'enciclopedia più antica che si è tramandata è la Naturalis historia (Storia naturale), scritta nel I secolo da Plinio il Vecchio. Tra le più note e importanti enciclopedie moderne vi è l'Enciclopedia o Dizionario ragionato delle scienze, delle arti e dei mestieri, pubblicata nel XVIII secolo in lingua francese da un vasto gruppo di intellettuali sotto la direzione di Denis Diderot e con la collaborazione di d'Alembert. Altre importanti enciclopedie sono: L'Enciclopedia Britannica (Encyclopædia Britannica, or, A dictionary of arts and sciences, compiled upon a new plan) e, in Italia, l'Enciclopedia Treccani, nome con cui è comunemente nota l'Enciclopedia Italiana di scienze, lettere ed arti, la cui prima edizione fu pubblicata nel 1929.
Se si parla di enciclopedia, oggi non si può non menzionare Wikipedia (cui è dedicato un intero paragrafo di citazioni), un'enciclopedia online a contenuto aperto, collaborativa, multilingue e gratuita, nata nel 2001 per iniziativa di Jimmy Wales e Larry Sanger. La parola "Wikipedia" significa "cultura veloce", dal termine hawaiano wiki (veloce) con il suffisso -pedia (dal greco antico paideia, formazione).
Su Aforismario trovi anche una raccolta di citazioni correlata a questa dedicata al vocabolario e al dizionario.
Non c'è al mondo oggetto librario più fascinoso,
seducente, innamorativo di una Enciclopedia. (Giorgio Manganelli)
1. Enciclopedia
© Aforismario

Se potessi, scriverei una gigantesca enciclopedia sulle parole "fortuna" e "coincidenza". È con queste parole che si scrive il Linguaggio Universale.
Paulo Coelho, L'alchimista, 1988

[Scopo dell'enciclopedia è] raccogliere le conoscenze sparse sulla faccia della terra, esporne ai nostri contemporanei il sistema generale e trasmetterle ai posteri, affinché l'opera dei secoli passati non sia stata inutile per i secoli a venire; affinché i nostri nipoti, resi più istruiti, diventino nello stesso tempo più virtuosi e felici; e affinché noi non dobbiamo morire senza aver ben meritato del genere umano.
Denis Diderot, Enciclopedia, 1751/80

Un'enciclopedia non può essere fatta su commissione. è lavoro che va condotto innanzi con tenacia piuttosto che iniziato con ardore.
Denis Diderot, Enciclopedia, 1751/80

Ho imparato che per molte cose, in passato, ho potuto fidarmi del sapere altrui, riservo i miei dubbi a qualche settore specializzato del sapere, e per il resto mi fido dell'Enciclopedia.
Umberto Eco, Sei passeggiate nei boschi narrativi, 1994

Tizio? Un'enciclopedia vivente! Solo che qualcuno le ha strappato quasi tutte le pagine.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

Gli mancava l'ultima parte dell'enciclopedia. Non sapeva cos'è la "vita".
Stanisław Jerzy Lec, Nuovi pensieri spettinati, 1964

Chi almeno nella superficie non è uomo enciclopedico, non può veramente considerarsi (ed oggi non si considera) come gran letterato, o insigne in veruna disciplina intellettuale.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

Se non perfettamente, almeno quanto è possibile, è realmente necessario di esser uomo enciclopedico, non per darsi a tutte le discipline e non perfezionarsi o distinguersi in nessuna, ma per esser quanto è possibile perfetto in una sola.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

Non c'è al mondo oggetto librario più fascinoso, seducente, innamorativo di una Enciclopedia.
Giorgio Manganelli, Il rumore sottile della prosa, 1994

Quei compatti volumi in cui l’universo si sbriciola e ricompone, secondo l’incredibile superstizione dell’ordine alfabetico, irretisce irreparabilmente. Andromeda e Alfieri Vittorio, babirussa e Beethoven, giraffa gnosi Granada Guzzi... Come si può non amare una ‘cosa’ del genere?
Giorgio Manganelli, Il rumore sottile della prosa, 1994

Malgrado la vasta e attendibile documentazione scientifica, le cifre ed i grafici, l’enciclopedia resta, a mio avviso, un genere letterario, vicino, almeno quanto i nonsense, ai carmina, agli incantamenti; è, insomma, magia razionalizzata.
Giorgio Manganelli, Il rumore sottile della prosa, 1994

Vi è qualcosa di stupendamente arcaico in questi tentativi di ridisporre alfabeticamente il mondo, questa macchinosa, ma non codarda, classificazione, questo tendenzialmente infinito indice del mondo. 
Giorgio Manganelli, Il rumore sottile della prosa, 1994

L'enciclopedia mondiale, la biblioteca universale, esiste, ed è il mondo stesso. 
Alberto Manguel, La biblioteca di notte, 2006

L'enciclopedie sono il prodotto più turpe e più utile dell'ingegno umano.
Carlo Michelstaedter, Sfugge la vita, 1905 (postumo, 2004)

Quanto sarebbe benemerita un'enciclopedia di tutte le nozioni utili da ignorare.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

Enciclopedia significa «saper tutto», ossia scienza "circolare", scienza "conchiusa". Enciclopedia significa scienza composta di tutte le cognizioni e di cognizioni omogenee − "spiritualmente" omogenee. È in questo senso che l’Enciclopedia è un’arma, un’arma polemica. Si capisce così l’enciclopedismo dei rinascimentisti, si capisce l’enciclopedismo degli enciclopedisti francesi: non si capisce la ragione di una enciclopedia compilata oggi, meno che come guida di notizie pratiche, ossia che tradisce la propria natura e manca al proprio scopo.
Alberto Savinio, Nuova enciclopedia, 1977 (postumo)

Oggi non c’è possibilità di enciclopedia. Oggi non c’è possibilità di saper tutto. Oggi non c’è possibilità di una scienza circolare, di una scienza conchiusa. Oggi non c’è omogeneità di cognizioni. Oggi non c’è affinità spirituale tra le cognizioni. Oggi non c’è comune tendenza delle conoscenze. Oggi c’è profondo squilibrio tra le conoscenze. Questa la ragione [della] "crisi della civiltà".
Alberto Savinio, Nuova enciclopedia, 1977 (postumo)

Come ci può essere equilibrio, come ci può essere civiltà - che significa omogeneità nella polis - se alcuni uomini pensano alla curvatura dello spazio e al sesso dei metalli, e altri contemporaneamente pensano all'architettura tolemaica dell’universo? E poiché d’altra parte non c’è speranza che idee così lontane possano riunirsi e fondersi, conviene rassegnarsi a una crisi perpetua e sempre più grave della civiltà. Rinunciamo dunque a un ritorno alla omogeneità delle idee, ossia a un tipo passato di civiltà, e adoperiamoci a far convivere nella maniera meno cruenta le idee più disparate, ivi comprese le idee più disperate.
Alberto Savinio, Nuova enciclopedia, 1977 (postumo)

Il World Wide Web ha le potenzialità per svilupparsi in un'enciclopedia universale che copra tutti i campi della conoscenza e in una biblioteca completa di corsi per la formazione. 
Richard Stallman, L'Enciclopedia Universale Libera e le risorse per l'apprendimento, 1999

Ogni nuovo secolo chiede una nuova enciclopedia.
Niccolò Tommaseo, Pensieri morali, 1845

Il destino [dell'Enciclopedia] è stato quello di tutte le imprese utili, di quasi tutti i buoni libri [...], di quasi tutte le verità nuove, degli esperimenti contro l’orrore del vuoto, sulla rotazione terreste, sull'uso dell’emetico, sulla gravitazione, sull’inoculazione. Tutto questo fu dapprima condannato, e poi accolto con la tardiva gratitudine del pubblico.
Voltaire, Dizionario filosofico, 1764

Wikipedia è come una salsiccia: è possibile che ti piaccia il gusto,
ma non devi necessariamente sapere come è fatta. (Jimmy Wales)
2. Wikipedia
© Aforismario

Wikipedia, l'enciclopedia online più completa e consultata del mondo, ha un problema. Non si tratta – come capita di solito – di raccolta fondi o di rapporti con un Paese che applica la censura; stavolta c'è un serio problema strutturale. Come ha dichiarato il cofondatore Jimmy Wales durante l'incontro annuale Wikimania, ogni 100 collaboratori di Wikipedia 91 sono uomini, quindi le donne sono solo 9.
Camilla Baresani, su Corriere della Sera, 2012

All'epoca dei media, ognuno era famoso per 15 minuti. Nell'era di Wikipedia, chiunque può essere un esperto in cinque minuti.
Stephen Colbert, "Be an Expert on Anything", su Wired Magazine, 2006

Wikipedia è un miracolo imperfetto.
Renzo Davoli, su Unibo magazine, 2006

Se Wikipedia è talvolta vittima della propria libertà, non dimentichiamo però che le altre fonti di informazione sono vittime di condizionamenti di mercato o politici.
Renzo Davoli, su Unibo magazine, 2006

L'esplosione di Wikipedia e dei blog dimostra come sia in atto una rivolta alla volontà di organizzare la conoscenza dall'alto, preconfezionata. L'uomo culturale vuole essere co-protagonista e non spettatore.
Renzo Davoli, su Unibo magazine, 2006

La scienza è la somma totale di una grande moltitudine di misteri. È un argomento senza fine tra una grande moltitudine di voci. Assomiglia a Wikipedia molto più di quanto non assomigli all'Enciclopedia Britannica.
Freeman Dyson, su The New York Review of Books, 2011

Chi controlla a Wikipedia non solo i testi ma anche le loro correzioni? O agisce una sorta di compensazione statistica, per cui una notizia falsa verrà prima o poi individuata?
Umberto Eco, su L'espresso, 2006

Wikipedia sarebbe un bell'esempio di quello che Charles Sanders Peirce chiamava la Comunità (scientifica) la quale per una sorta di felice omeostasi espunge gli errori e legittima le nuove scoperte portando così avanti, come lui diceva, la torcia della verità.
Umberto Eco, su L'espresso, 2006

Quanto ci si deve fidare di Wikipedia? Molto e, nello stesso tempo, molto poco. Molto, perché ogni voce è sottoposta al controllo di migliaia di utenti; poco, perché questo controllo non sempre avviene e, sotto lo scudo protettivo dell’enciclopedia open source, possono girare in rete molte bufale.
Aldo Grasso, su Corriere della Sera.it, 2010

Ogni sistema aperto ha bisogno di un controllo delle fonti. Va anche detto però che alcune voci di Wikipedia sono eccezionali, per completezza e scrittura, un vero regalo dell’Anonimo Enciclopedista alla democratizzazione del sapere, alla trasformazione della scienza in gaia scienza.
Aldo Grasso, su Corriere della Sera.it, 2010

Wikipedia fonda il suo sogno su un altro sogno: il senso di responsabilità di una comunità scientifica. E ai sogni, ogni tanto, bisogna crederci.
Aldo Grasso, su Corriere della Sera.it, 2010

Per quanto vicina – in qualche punto della sua vita – al raggiungimento della credibilità, una voce di Wikipedia è sempre aperta a qualche ficcanaso poco informato o semi acculturato.
Robert McHenry, L'Enciclopedia basata sulla fiducia, 2004

L'utente che visita Wikipedia per apprendere qualche argomento, per confermare qualche dato di fatto, è piuttosto nella posizione dell'avventore di un bagno pubblico. Potrebbe essere palesemente sporco, così che egli sa di dover fare molta attenzione, o potrebbe sembrare discretamente pulito, così che egli potrebbe farsi cullare dal falso senso di sicurezza. Ciò che certamente non può sapere è chi ha usato i servizi prima di lui.
Robert McHenry, L'Enciclopedia basata sulla fiducia, 2004

Wikipedia è un'enciclopedia libera, frutto di un'intelligenza collettiva che esalta la condivisione del sapere e il suo libero accesso. Wikipedia è una fonte informativa in continuo divenire che consente il superamento della staticità dei tradizionali supporti enciclopedici cartacei e che è sottoposta ad una costante opera di monitoraggio/revisione effettuata dagli utenti stessi.
Motivazione premio WWW 2005, Il Sole 24 Ore, 2005

Wikipedia è ormai estremamente affidabile, e ha fatto passi da gigante in questo senso negli ultimi anni. Diciamo che ha avviato un circuito virtuoso che la porta a migliorare costantemente, e questo è il punto chiave. È un selfcorrecting medium, uno strumento in cui tutti intervengono per inserire e precisare continuamente i contenuti, dove si dimostra al suo meglio l'intelligenza collettiva, in tutti e due i sensi della parola.
Nicholas Negroponte, su Corriere della Sera, 2010

Wikipedia, in poche parole, è un'enciclopedia che mira a portare la conoscenza a quante più persone è possibile. Il che significa: 1) minori barriere finanziarie in accesso (non si paga per consultarla), 2) minori barriere linguistiche (Wikipedia esiste in più di 200 lingue), 3) minori barriere che ne limitino l'utilizzo (Wikipedia ha adottato una licenza libera che permette a chiunque di riutilizzare i contenuti). Infine, una cosa insolita, Wikipedia è un lavoro collettivo, con un accesso aperto alle discussioni.
Florence Nibart-Devouard, WikiNotizie, 2006

Il presupposto di Wikipedia è che il continuo miglioramento porterà alla perfezione. Tale presupposto non è assolutamente dimostrato.
Ted Pappas, su The Guardian, 2004

In sintesi [il principio di Wikipedia] è dare la possibilità di disegnare il vostro ritratto pubblico al vostro peggior nemico. Il principio base è la deresponsabilizzazione assoluta, dove viene scambiato per "censura" l'intento di impedire una dittatura dell'anonimato, il contrario della libertà di stampa e di espressione.
Massimiliano Parente, su il Giornale.it, 2011

Ricordo l’impatto iniziale che ebbe Wikipedia. I primi ad accorgersi che si trattava di una cosa molto seria, con un impatto enorme, furono alcuni scrittori che – tipicamente affetti da un narcisismo maniacale – scoprirono delle imprecisioni nelle loro biografie. Fu il panico, quindi ebbe inizio uno sforzo esagerato per rettificare e correggere la minima inesattezza: perché, in fondo, quel che conta è ciò che si scrive su Wikipedia a proposito di te; la verità diventa irrilevante se non è «convalidata» su Internet.
Federico Rampini, Voi avete gli orologi, noi abbiamo il tempo, 2012

Wikipedia è una cattedrale che cresce spontaneamente, senza disegni e architetti grazie alla collaborazione di parecchie migliaia di muratori volontari. È inevitabile, in queste condizioni, che qualche colonna sia sghemba, qualche arco mal calcolato, qualche pietra difettosa, qualche prospettiva ingannevole.
Sergio Romano, su Corriere della Sera.it, 2007

Non è facile prevedere l'esito dell'esperimento sociologico-culturale di massa di Wikipedia, ma credo che in ogni caso questo tentativo di ricostruire dal basso uno strumento condivisibile di conoscenza, al quale stanno partecipando milioni di volontari di tutto il mondo, costituisca un'esperienza da cui non si potrà prescindere in futuro e autorizza qualche timida speranza.
Lucio Russo, La cultura componibile, 2008

Il problema di Wikipedia è che funziona solo in pratica. In teoria, non potrà mai funzionare.
Miikka Ryokas, cit. su The New York Times, 2007

Wikipedia è solo un piccolo progetto, una minuscola parte di quella che Tim O'Reilly chiama "l'architettura della partecipazione".
Clay Shirky, Milioni di cervelli all’opera, su Internazionale, 2008

Se tutti i suoi utenti più entusiasti smettessero di tenerci, Wikipedia sparirebbe nel giro di una settimana, travolta da vandali e spam. Se in questo momento avete accesso a Wikipedia, vuol dire che anche oggi i buoni hanno vinto.
Clay Shirky, Buon compleanno Wikipedia, su Internazionale, 2011

Immagina un mondo in cui ognuno possa avere libero accesso a tutto il patrimonio della conoscenza umana. Questo è il nostro scopo.
Slogan della Fondazione Wikimedia

Wikipedia è come una salsiccia: è possibile che ti piaccia il gusto, ma non devi necessariamente sapere come è fatta.
Jimmy Wales, su The Guardian, 2004

Wikipedia non è propaganda, è informazione di base.
Jimmy Wales, WikiNotizie, 22 febbraio 2006

L'enciclopedia on-line Wikipedia è un esempio impressionante di intelligenza collettiva globale in funzione.
Dennis Wilkinson e Bernardo Huberman, Assessing the value of cooperation in Wikipedia, 2007

Wikipedia, l'enciclopedia libera.
[Wikipedia, the Free Encyclopedia].
Slogan di Wikipedia

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Vocabolario

Nessun commento: