2016-04-17

Inquietudine, Turbamento e Irrequietezza - Frasi perturbantti

Raccolta dei migliori aforismi e delle frasi più significative sull'inquietudine e l'irrequietezza, sul turbamento e la perturbazione. Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa dedicate all'ansia e alla preoccupazione.
Non sono i fatti in sé che turbano gli uomini, ma i giudizi che gli uomini formulano sui fatti.
(Epitteto)
1. Inquietudine
© Aforismario

Noi tutti siamo dei violenti, degli arrabbiati che, avendo smarrito la chiave della quiete, ormai hanno
accesso soltanto ai segreti dell'inquietudine.
Emil Cioran, La tentazione di esistere, 1956

L'uomo superiore è contento e sereno, l'uomo da poco è sempre inquieto e pieno d'affanno.
Confucio, Dialoghi, ca. 479/221 a.e.c. (postumo)

Nella vita, le due emozioni più futili sono il senso di colpa per ciò che è accaduto, e l'inquietudine per ciò che potrebbe accadere. Eccoli qui, i grandi sprechi! Inquietudine e Colpa − Colpa e Inquietudine.
Wayne Dyer, Le vostre zone erronee, 1976

Anche la quiete può dare inquietudine. Per timore che passi.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Solo l'inquietudine, che può ucciderlo, alimenta l'amore.
ibidem

Non affannatevi per il domani, perché il domani avrà già le sue inquietudini. A ciascun giorno basta la sua pena. 
Gesù di Nazaret, in Vangelo secondo Matteo, I sec.

Che cos'è l’uomo, se non un essere inquieto che vorrebbe sollevarsi da terra? Cosa, se non un anelito che si protende verso le stelle?
Kahlil Gibran, Gesù figlio dell'Uomo, 1928

Non deriva la nostra inquietudine da un'intima coscienza della nostra indegnità, da uno scontento di noi stessi, che sempre si collega con l'invidia e con una pazza vanità? 
Johann Wolfgang Goethe, I dolori del giovane Werther, 1774 

Basta una lieve inquietudine a corrugare una fronte.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

Se lo stato mentale è negativo, i beni materiali non significano niente. Oggi vi sono società assai progredite dal punto di vista materiale, nelle quali però molti individui sono infelici. Sotto la bell'apparenza della prosperità serpeggia un'inquietudine mentale che induce le persone a sentirsi frustrate, a litigare per un nonnulla, a far uso di droghe o alcol e, nella peggiore delle ipotesi, a suicidarsi.
Tenzin Gyatso (Dalai Lama), L'arte della felicità, 1998

Il tale diceva che noi venendo in questa vita, siamo come chi si corica in un letto duro e incomodo, che sentendovisi star male, non vi può star quieto, e però si rivolge cento volte da ogni parte, e proccura in vari modi di appianare, ammollire ec. il letto, cercando pur sempre e sperando di avervi a riposare e prender sonno, finché senz'aver dormito né riposato vien l'ora di alzarsi. Tale e da simil cagione è la nostra inquietudine nella vita, naturale e giusta scontentezza d'ogni stato; cure, studi ec. di mille generi per accomodarci e mitigare un poco questo letto; speranza di felicità o almen di riposo, e morte che previen l'effetto della speranza.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

Non rivangare quello che non può servire ad altro che a inquietarti inutilmente.
Alessandro Manzoni, I promessi sposi, 1827/42

La superficialità mi inquieta ma il profondo mi uccide. 
Alda Merini, Aforismi e magie, 1999

Un male incerto provoca inquietudine, perché, in fondo, si spera fino all'ultimo che non sia vero; ma un male sicuro, invece, infonde per qualche tempo una squallida tranquillità. 
Alberto Moravia, Il disprezzo, 1954

L'inquietudine dell'anima, che gli uomini filosofici sentono come una maledizione, è forse proprio la condizione da cui sgorga la loro superiore produttività. Se raggiungessero la pace completa, toglierebbero probabilmente le radici alla loro migliore attività e, così, si renderebbero inutili e superflui.
Friedrich Nietzsche, Frammenti postumi, 1869/89

Il male principale dell'uomo è l'inquieta curiosità delle cose che non può conoscere, e per lui è peggio trovarsi in questa inutile curiosità che nell'errore.
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

Condizione dell'uomo. Incostanza, noia, inquietudine.
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

Per non cadere in basso ai nostri stessi occhi, basta abituarsi a non avere ambizioni, né passioni, né desideri e speranze, né impulsi e neppure inquietudini. Per riuscirvi dobbiamo sempre ricordare che ci troviamo alla presenza di noi stessi, che non siamo mai soli
Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine, 1982 (postumo)

L'inquietudine metafisica aumenta nella proporzione in cui si cerca di calmarla: come quei pruriti inestinguibili che aumentano quando ci si gratta.
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1939


Se c’è un rimedio, a che serve inquietarsi? Limitatevi ad applicarlo. E se non c’è rimedio, a che serve inquietarsi? Serve solo ad acuire il dolore.
Śāntideva, VII sec., attribuito in Tenzin Gyatso (Dalai Lama), I consigli del cuore, 2001

L'inquietudine è tipica dell'esistenza.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

L’uomo è un animale inquieto e tuttavia non riesce a tollerare che lo s’inquieti.
Voltaire, Quaderni, XVIII sec. (postumo, 1952)

Poco con il timore di Dio è meglio di un gran tesoro con l'inquietudine.
Libro dei Proverbi, Antico Testamento, V sec. a.e.c.

2. Irrequietezza
© Aforismario

Tutti sono sempre più impazienti, più agitati e irrequieti. Le autostrade e le altre strade d'ogni genere sono affollate di gente che va un po' da per tutto, ovunque, ed è come se non andasse in nessun posto. I profughi della benzina, gli erranti del motore a scoppio.
Ray Bradbury, Fahrenheit 451, 1953

Noi viviamo nell'irrequietezza perché nessuno scopo potrebbe soddisfarci
Emil Cioran, Il funesto demiurgo, 1969

Il mare non è mai stato amico dell'uomo. Tutt'al più è stato complice della sua irrequietezza.
Joseph Conrad, Lo specchio del mare, 1906

Quanto più s'impara a non vivere più in istanti, bensì in anni, tanto più nobili si diventa. L'irrequietezza affannosa, il meschino affaccendarsi dello spirito diventano attività grande, tranquilla, semplice e vasta, e subentra la magnifica pazienza.
Novalis, Frammenti, 1795/1800

La principale malattia dell'uomo è la curiosità irrequieta delle cose che non può sapere.
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

Vuoi la pace? L'hai, ma con la morte. Vuoi la "vita" (cioè l'agitazione e la passionalità vitale)? L'hai, ma con l'irrequietezza, la fluttuazione continua tra mancanza e sazietà, tra contento e malcontento, tra gioia e dolore: l'hai, cioè, col tormento. La pace è la morte. La vita è il tormento.
Giuseppe Rensi, Frammenti d'una filosofia dell'errore e del dolore, del male e della morte, 1937

La nostra esistenza è qualcosa di essenzialmente irrequieto: per questo motivo l'inattività completa ci risulta tosto insopportabile, determinando la più spaventosa noia.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Sono ugualmente da biasimare e quelli che sono sempre inquieti e quelli che sempre rimangono apatici. Infatti il continuo agitarsi di una vita tumultuosa non è sana operosità, ma irrequietezza di una mente esaltata; e il considerare molesta ogni attività non è vera quiete, ma sintomo di inettitudine.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

3. Turbamento 
© Aforismario

Quando sei turbato per una qualche causa esterna in realtà non è questa che ti affligge, è il giudizio che formuli al riguardo, e il giudizio puoi cancellarlo istantaneamente. Se invece il turbamento ti proviene dall'interno, dal tuo umore o dal tuo carattere, nulla t’impedisce di correggere il tuo giudizio.
Marco Aurelio, Pensieri, ca. 166-179

Un saggio dovrebbe lasciare lo stato oscuro, e seguire lo stato luminoso. Dopo essere passato dalla vita in casa a quella del senza-casa, dovrebbe cercare la gioia nel suo ritiro dove credeva non essercene. Lasciando indietro tutti piaceri, e considerando nulla coma suo possedimento, il saggio dovrebbe purificarsi da tutti i turbamenti della mente.
Siddhārtha Gautama Buddha, Dhammapada (Versi della Legge), V sec. a.e.c.

Ho un’esperienza ben precisa d’un certo passaggio che compie la mia mente dal turbamento alla calma e dalla calma al turbamento, e non perché la causa dell’uno o dell’altro mai cessi, ma perché, siccome la ruota gira, si trova ora sopra, ora sotto.
Jean Domat, Pensieri, XVII sec.

Chi non è causa di turbamento a sé stesso non dà noia neanche agli altri.
Epicuro, Sentenze e frammenti, IV/III sec. a.e.c.

Bisogna ben valutare il fine che ci è dato, e far sì di riportare tutte le nostre opinioni a una certezza evidente; o tutto quanto sarà pieno di insicurezza di giudizio e di turbamento.
Epicuro, Massime capitali, IV/III sec. a.e.c.

Il giusto è privo in assoluto di turbamento, mentre l'ingiusto è ricolmo del turbamento più grande.
Epicuro, Massime capitali, IV/III sec. a.e.c.

Si è disposto nella maniera migliore contro il turbamento che proviene dall'esterno colui che si è reso affini le cose possibili e non del tutto estranee le impossibili.
Epicuro, Massime capitali, IV/III sec. a.e.c.

Non è possibile che quel che è per natura libero sia assoggettato a turbamenti o a impedimenti da altri se non da se stesso. Sono i giudizi a turbare l'uomo.
Epitteto, in Arriano (a cura di), Diatribe, ca. 108

Non sono i fatti in sé che turbano gli uomini, ma i giudizi che gli uomini formulano sui fatti.
Epitteto, in Arriano (a cura di), Manuale di Epitteto, ca. 120 [2]

C’è sempre turbamento, a meno che non siamo morti
Jiddu Krishnamurti, La mia strada è la tua strada, 1956

La forza d'animo dei saggi non è altro che l'arte di tener chiuso nel cuore il proprio turbamento.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

L'audacia è una forza straordinaria dell'anima che la innalza al di sopra dei turbamenti, dei disordini e delle emozioni che la vista dei grandi pericoli potrebbe suscitare in essa; ed è con questa forza che gli eroi mantengono la calma, e conservano il libero uso della loro ragione nelle evenienze più sorprendenti e più terribili.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

Dare forma al proprio turbamento distingue l'artista dall'intellettuale.
Kosta Mariano (Aforismi inediti su Aforismario)

Una cattiva azione, per quanto rimonti a un lontano passato, lascia sempre una scia d'involontario turbamento, un malessere morale di cui si ha una vaga coscienza e che non è altro se non rimorso.
Xavier de Montépin, La bella Angiolina, 1888

Non le cose, bensì le opinioni intorno alle cose che non esistono, hanno gettato il turbamento nell'uomo!
Friedrich Nietzsche, Aurora, 1881 [cfr. citazione di Epitteto]

Crediamo di essere i primi a provare certi turbamenti, non sapendo che l'amore è come la poesia, e che tutti gli amanti, anche i più mediocri, pensano d'innovare.
Raymond Radiguet, Il diavolo in corpo, 1923

Ogni turbamento non è altro che lo scomparire di un'illusione piacevole: chi è sempre capace di scansarla, non si fa mai velare da essa e vede con chiarezza la connessione delle cose, come essa è e non come se la immagina secondo il suo desiderio; costui è al sicuro dall'inquietudine.
Arthur Schopenhauer, Scritti postumi, 1804/60 (postumo 1966/75)

4. Perturbazione
© Aforismario

Ogni imbecille, basta che ne abbia voglia, può perturbare la mente più complicata.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973

Se trascuriamo la psicologia, tutta la nostra «vita interiore» prende l'andamento di una meteorologia affettiva, le cui perturbazioni non implicano alcun significato. Perché interessarsi alle macchinazioni degli spettri, agli stadi dell'apparenza?
Emil Cioran, La tentazione di esistere, 1956

Tutti i sogni sono sogni di comodità, ubbidiscono all'intento di continuare il sonno, anziché a quello di svegliarsi. Il sogno è il custode, non il perturbatore, del sonno.
Sigmund Freud, L'interpretazione dei sogni, 1899

Gli uomini prima sentono senz'avvertire; dappoi avvertiscono con animo perturbato e commosso; finalmente riflettono con mente pura.
Giambattista Vico, Degnità della Scienza nuova, 1725/44

Note
  1. Questa citazione di Arthur Somers Roche si trova su internet attribuita erroneamente a Robert Bloch e tradotta così: "L'ansia è un sottile rivolo di paura che si insinua nella mente. Se incoraggiata, scava un canale nel quale tutti gli altri pensieri vengono attirati". Il termine più fedele all'originale, però, non è "ansia" (anxiety), ma "preoccupazione" (worry): "Worry is a thin stream offear trickling through the mind. If encouraged, it cuts a channel into which all other thoughts are drained".
  2. Altre traduzioni della celebre frase di Epitteto sono: "Non i fatti turbano gli uomini, ma i giudizi sui fatti". "Ciò che turba gli uomini non sono le cose, ma le opinioni che essi hanno delle cose".

Nessun commento: