2016-04-30

Dormire - 200 Frasi sul Sonno e l'Addormentarsi

Raccolta dei migliori aforismi, delle frasi più sonnolente e dei proverbi più popolari sul sonno, il dormire e l'addormentarsi. Alcuni piccoli paragrafi sono dedicati, inoltre, allo sbadiglio e al letargo. Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sul russare, l'insonnia, il sonnambulismo e lo svegliarsi. Infine, nella sezione "Frasi per ogni occasione" puoi trovare una selezione di frasi che è possibile usare per augurare la buonanotte.
Il sonno è per l'uomo ciò che la carica è per l'orologio. (Arthur Schopenhauer)
Foto: Charlie Chaplin e Paulette Goddard in Tempi moderni, 1936
1. Sonno
© Aforismario

Il sonno è un appetito che reclama la sua parte: occorre rispettare gli orari giusti di somministrazione, ma bisogna anche rispettare le quantità giuste.
Piero Angela, I misteri del sonno, 1994

– Il suo ideale di felicità terrena?
– Sei ore di sonno filate.
Gesualdo Bufalino, Bluff di parole, 1994

Dice Ippocrate che è mortale la malattia in cui il sonno è doloroso, non mortale quella in cui dà sollievo. Con laudano, morfina, barbiturici, abbiamo perso di vista questa distinzione.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

Benedetto sia chi inventò il sonno, cappa che copre tutti gli umani pensieri, cibo che toglie la fame, acqua che estingue la sete, fuoco per cui fugge il freddo, freddo che tempra l'ardore, moneta generale con cui tutto si compra, bilancia e peso che rende eguale il re al pastore e il saggio allo zotico.
Miguel de Cervantes, Don Chisciotte della Mancia, 1605/15

Il sonno non ha in sé altro di cattivo, da quanto ho inteso dire più volte, se non che rassomiglia alla morte, passando poca differenza da uomo morto ad addormentato.
Miguel de Cervantes, Don Chisciotte della Mancia, 1605/15

La vita è una malattia alleviata ogni circa sedici ore dal sonno. Certo questo è solo un palliativo: la cura è la morte.
Nicolas de Chamfort, Massime e pensieri, 1795 (postumo)

Amici, non piangete, è soltanto sonno arretrato.
Walter Chiari (Epitaffio)

Il sonno è immagine della morte.
Marco Tullio Cicerone, Tuscolane, ca. 45 a.e.c.

Il sonno servirebbe a qualcosa se, ogni volta che ci si addormenta, ci si esercitasse a vedersi morire: dopo qualche anno di allenamento, la morte avrebbe perso tutto il suo prestigio e apparirebbe soltanto come una formalità o una seccatura.
Emil Cioran, Il funesto demiurgo, 1969

Il segreto dell’uomo, il segreto della vita è il sonno. È il sonno a rendere possibile la vita. Sono assolutamente convinto che se si impedisse all'umanità di dormire si perpetrerebbero massacri senza precedenti, la storia finirebbe.
Emil Cioran, Un apolide metafisico, 1995

Dolce è il sonno del lavoratore, poco o molto che mangi; ma la sazietà del ricco non lo lascia dormire.
Ecclesiaste, Antico Testamento, sec. IV-III a.e.c.

Il sonno è l'unica condizione adatta all'inattività; lo stato di coscienza è quello in cui la pigrizia non dovrebbe trovar posto.
Erich Fromm, L'arte di amare, 1956

"Prendere sonno". In realtà è il sonno a prenderci, gettandoci in un mondo stralunato, non di rado piacevole.
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

Quel sonno mirabile, di cui dormono solo i fortunati che non sanno che siano né emorroidi, né pulci, né troppo elevate capacità intellettuali.
Nikolaj Gogol', Le anime morte, 1842

Il sonno della ragione genera mostri.
Francisco Goya, I capricci, 1799

Il giorno privo di contese concilia una notte di sonno.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

Il sonno è un rituffarsi nel caos.
Christian Friedrich Hebbel, Diario, 1835/63

Svegliare una persona quando non è necessario non dovrebbe essere considerato un reato capitale. La prima volta, voglio dire.
Robert Anson Heinlein, Lazarus Long l'Immortale, 1973

Il sonno è la morte senza responsabilità.
Fran Lebowitz, Metropolitan Life, 1974

O dormiente, che cosa è sonno? Il sonno ha similitudine colla morte. O perché non fai adunque tale opera che dopo la morte tu abbi similitudine di perfetto vivo, che vivendo farsi col sonno simile ai tristi morti?
Leonardo da Vinci, Codice Atlantico, ca. 1479/1518

Gran magistero della natura fu quello d’interrompere, per modo di dire, la vita col sonno. Questa interruzione è quasi una rinnovazione, e il risvegliarsi come un rinascimento. [...] Oltre alla gran varietà che nasce da questi continui interrompimenti, che fanno di una vita sola come tante vite. E lo staccare una giornata dall'altra è un sommo rimedio contro la monotonia dell’esistenza. Né questa
si poteva diversificare e variare maggiormente, che componendola in gran parte quasi del suo contrario, cioè di una specie di morte.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

Un certo torpore dell'animo e del corpo che è cagionato talvolta dall'avvicinamento del sonno, è piacevolissimo. Il sonno stesso non è piacevole se non in quanto è torpore, dimenticanza, riposo dai desideri, dai timori, dalle speranze, e dalle passioni d'ogni sorta.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

Il sonno è come gli uomini: amico dei felici, s'allontana da chi soffre.
Guido Milanesi, Rahatea, 1940

Cosa ha a che fare la notte con il sonno?
John Milton, Como, 1634

Il sonno è una condizione che è quasi impossibile simulare. Non vi è osservatore così distratto da non distinguere subito se una persona trovata in atto di dormire finge o dorme veramente. A maggior ragione, si capisce, è quasi impossibile imitare l’aspetto della morte. Ma in questo caso vi sono ragioni diverse: la maschera («facies» direbbero i fisiologi) del cadavere è determinata dai processi biologici di disfacimento che s’iniziano immediatamente dopo il decesso. Nel caso della persona dormiente, invece, ciò che distingue il suo aspetto da quello della veglia deve essere essenzialmente qualche cosa di psichico. L’assenza del pensiero? Io direi piuttosto l’allentamento della volontà, la scomparsa di quella tensione che essa conferisce durante la veglia a ogni tratto del nostro viso come a tutto l’atteggiamento della nostra persona. C’è chi si imbruttisce nel sonno, chi si abbellisce. In genere però assumiamo un aspetto più prossimo a quello che doveva essere il nostro da fanciulli. Anche al nostro viso come ai nostri muscoli e alla nostra anima il sonno è apportatore di sincerità e di libertà.
Guido Morselli, Diario, 1938/73 (postumo 1988)

Non c’è niente che assomigli così poco al sonno come la morte. Il sonno è dolcezza, e tutti lo desiderano, la morte è condanna, il sonno è pausa e intervallo, la morte è immutabile stato, il sonno è restauro, la morte distruzione.
Guido Morselli, Diario, 1938/73 (postumo 1988)

Non è il sonno a provocare il sogno. È il sogno che chiama il sonno.
Roger Munier, Il meno del mondo, 1982

Morte e Sonno gemelli.
Omero, Iliade, ca. IX sec. a.e.c.

Che è il sonno, se non l'immagine della gelida morte.
Publio Ovidio Nasone, Amores, ca. 20 a.e.c.

Onorate e rispettate il sonno! Questa è la prima cosa! Ed evitate tutti quelli che dormono male e stanno svegli la notte! Perfino il ladro ha rispetto per il sonno: sempre sguscia via silenzioso nella notte.
Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85

Non voglio molti onori né grandi tesori: ciò infiamma la milza. Ma non si dorme bene senza un buon nome e un tesoruccio.
Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85

Pace con Dio e con il vicino: così vuole il buon sonno. E pace anche col diavolo del vicino! Altrimenti ti si aggirerà per la casa, di notte.
ibidem

Quando viene la notte, mi guardo bene dall’invocare il sonno! Non vuole essere invocato, il sonno, che è il signore delle virtù! Ma penso a ciò che ho fatto e pensato durante il giorno. Ruminando mi interrogo, paziente come una vacca: quali sono stati allora i tuoi dieci superamenti? E quali sono state le dieci riconciliazioni e le dieci verità e le dieci risate con cui il mio cuore ha fatto bene a se stesso? Meditando tali cose e cullato da quaranta pensieri, sono a un tratto assalito dal sonno, il non chiamato, il signore delle virtù.
Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85

Il sonno è l'immagine della morte, dite; ma io dico che è piuttosto l'immagine della vita.
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

Nessuno, al di fuori della fede, è sicuro di dormire o di essere sveglio, dal momento che durante il sonno siamo certi di essere svegli come quando lo siamo veramente. Crediamo di vedere gli spazi, le figure, i movimenti, sentiamo trascorrere il tempo, lo misuriamo, e infine agiamo come da svegli. Così che, passando metà della vita nel sonno, per nostra stessa ammissione o qualunque cosa ce ne sembri, noi non abbiamo alcuna idea della verità, essendo allora tutte le nostre percezioni illusorie. Chi sa se l'altra metà della vita, durante la quale crediamo di essere svegli, non sia un altro tipo di sonno, un po' diverso dal primo, da cui ci risvegliamo quando pensiamo di dormire?
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

Non c’è niente di più errato del ritenere la morte simile al sonno. Perché dovrebbe esserlo se la morte non assomiglia al sonno? L’essenza del sonno è il destarsi da esso, ma dalla morte non ci si desta.
Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine, 1982 (postumo)

Il sonno è per tutto quanto l'uomo ciò che la carica è per l'orologio.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

È esperienza comune che un problema difficile la sera si risolva la mattina, dopo che il comitato del sonno ci ha lavorato sopra
John Steinbeck, Quel fantastico giovedì, 1954

Non andartene, amore, senza avvertirmi. / Ho vegliato tutta la notte e ora i miei occhi / sono pesanti di sonno. / Ho paura di perderti mentre dormo. / Non andartene, amore, senza avvertirmi.
Rabindranath Tagore, Gitanjali, 1910

L'oscurità risveglia il sonno.
Paul Valéry, Cattivi pensieri, 1942

Sono stato arrestato perché camminavo nel sonno di qualcun altro.
Steven Wright

Proverbi sul Sonno
  • Buona cena, buon sonno.
  • Chi ha sonno trova presto dove dormire.
  • Chi non ha nulla da perdere ha sonni tranquilli.
  • Chi non ha sonno sente anche tessere i ragni.
  • Chi più ha sonno, meno dorme.
  • Chi si cava tutti i sonni non si cava tutte le voglie.
  • Chi va a letto con l’ignoranza fa un buon sonno.
  • I pensieri sono ladri del sonno.
  • Il concepito in sonno è il partorito della veglia.
  • Il sonno è mezza salute.
  • "   " è mezzo pasto.
  • "   " è parente della morte.
  • "   " inganna.
  • "   " ti fa povero.
  • Più si dorme e più si ha sonno.
  • Sonno chiama sonno.
  • Un sonno tira l’altro.
Dormire in due rende la notte meno opaca. (Malcolm de Chazal)
2. Dormire
© Aforismario

A volte dorme di più lo sveglio che il dormiente.
Aldo (Aldo Baglio), in Tre uomini e una gamba, 1997

Il leone e il vitello giaceranno insieme, ma il vitello dormirà ben poco.
Woody Allen, Citarsi addosso, 1975

Il mondo si divide in buoni e cattivi. I buoni dormono meglio ma i cattivi da svegli si divertono di più.
Woody Allen, Effetti collaterali, 1980

Dio pensa nel genio, sogna nel poeta e dorme nella restante umanità.
Peter Altenberg, Prodromos, 1906

In un sistema produttivo-competitivo, chi dorme è spesso considerato un individuo svogliato, un pigro; è una sciocchezza: se un individuo ha bisogno di dormire più a lungo, deve dormire di più (e, se è necessario che si alzi presto al mattino, deve naturalmente andare a letto prima). Ma l'idea che la gente produttiva debba dormire poco è un'assurdità, che fa il paio con quella dell'uomo virile che «sa reggere» l'alcol: gli ospedali e i cimiteri sono pieni di personaggi di questo tipo. L'importante, semmai, è essere in piena efficienza mentale durante la giornata lavorativa, e se una deprivazione di sonno compromette in qualche modo questa efficienza, il proverbio va rovesciato e riformulato così: «Chi non dorme (bene) non piglia pesci»
Piero Angela, I misteri del sonno, 1994

I desideri sono la cosa più importante che abbiamo e non si può prenderli in giro più di tanto. Così, alle volte, vale la pena di non dormire per star dietro ad un proprio desiderio.
Alessandro Baricco, Castelli di rabbia, 1991

Ci sono persone al mondo che si accontentano del pranzo, della cena e di un letto per dormire. Sono gli esseri semplici che sanno ammirare le stelle del cielo e le piccole cose.
Romano Battaglia, Foglie, 2009

Quando dormiamo siamo tutti uguali, morfeonauti inermi nel colorato gorgo, e non conta cosa si sogna, se no saremmo tutti in galera.
Stefano Benni, Margherita dolcevita, 2005

Gli uomini camminano insieme, parlano insieme, dormono insieme, ma non si conoscono. Se gli uomini si conoscessero non camminerebbero insieme, non parlerebbero insieme, non dormirebbero insieme.
Thomas Bernhard, Perturbamento, 1967

Al mattino pensa. A mezzogiorno agisci. Alla sera mangia. Quando è notte dormi.
William Blake, Proverbi infernali, in Il matrimonio del Cielo e dell'Inferno, 1790/93

Dormire è distrarsi dal mondo.
Jorge Luis Borges, Finzioni, 1944

Troppo spesso, l'unica via d'uscita è dormire.
Charles Bukowski, Bach, come back, in Bone palace ballet, 1997 (postumo)

Nella prossima vita voglio essere un gatto. Dormire venti ore al giorno e aspettare che ti diano da mangiare. Starsene seduti a leccarsi il culo. Gli umani sono dei poveretti, rabbiosi e fissati.
Charles Bukowski, Il capitano è fuori a pranzo, 1998 (postumo)

Non potremo mai più odiare chi abbiamo veduto dormire.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973

"Chi dorme non piglia pesci". Ma se non vuole pigliarne, dormire lo aiuta.
Pino Caruso, Ho dei pensieri che non condivido, 2009

Hai dei dispiaceri? Fissa lo sguardo su un bambino che dorme e non è tormentato da nessuna preoccupazione, né turbato da pensieri: imparerai qualcosa da quell’innocenza e ti sentirai completamente sollevato.
François-René de Chateaubriand, Pensieri, riflessioni e massime, XIX sec.

Dormire in due rende la notte meno opaca.
Malcolm de Chazal, Senso plastico, 1948

Se si potesse dormire ventiquattr'ore su ventiquattro, si raggiungerebbe presto l'inerzia primordiale, la beatitudine di quell'ininterrotto torpore anteriore alla Genesi - sogno di ogni coscienza esasperata di se stessa.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

Perché si dorme? Non tanto per riposare, quanto per. dimenticare.
Emil Cioran, Un apolide metafisico, 1995

La gente che dorme sotto la coperta del conformismo riposa bene, si fa le sue belle otto ore di sonno, ma fa sogni squallidi.
Mark Cirino, L'amore inutile, 1998

La guerra fra i sessi è l'unica in cui i nemici dormono regolarmente insieme.
Quentin Crisp, Manners from Heaven, 1984

Per essere felici, bisogna dormire molto e defecare bene. L'insonne e suo cugino lo stitico, sono i dannati della terra.
Frédéric Dard, I pensieri di San Antonio, 1996

Meglio essere in due che uno solo, perché due hanno un miglior compenso nella fatica. Infatti, se vengono a cadere, l'uno rialza l'altro. Guai invece a chi è solo: se cade, non ha nessuno che lo rialzi. Inoltre, se due dormono insieme, si possono riscaldare; ma uno solo come fa a riscaldarsi?
Ecclesiaste, Antico Testamento, sec. IV-III a.e.c.

Nella notte, quando ha spento la vista degli occhi, accende a se stesso una luce; da vivo, mentre dorme, l'uomo si avvicina a un morto; da sveglio, si avvicina a uno che dorme.
Eraclito, Frammenti, VI-V sec. a.e.c.

Nell'amore di gruppo c'è almeno il vantaggio che uno può dormire.
Ennio Flaiano, Frasario essenziale per passare inosservati in società, 1969 (postumo, 1986)

La televisione mi fa dormire e mi lascia sempre insoddisfatto, come i veri sonniferi.
Ennio Flaiano, Don't forget, 1967/72 (postumo, 1976)

Non c'è che una sola cosa al mondo che possa dormire veramente bene − è un cadavere.
Xavier Forneret (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il desiderio di dormire [...] dev'essere ogni volta incluso tra i motivi della formazione del sogno e ogni sogno riuscito è un appagamento di questo desiderio.
Sigmund Freud, L'interpretazione dei sogni, 1900

Devo andare dal veterinario. Ho dei problemi a dormire. Mi sembra di essere appena andato a letto quando, BOOM! dodici o tredici ore dopo eccomi già sveglio!
Garfield, in Jim Davis, Garfield, 1978/... 

Se fossimo stati creati per schizzare fuori dal letto appena svegli, dormiremmo tutti nel tostapane.
Garfield (Jim Davis - attribuito)

La notte porta consiglio. A condizione che si dorma.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Il guanciale è come una muta sibilla, e il dormire sulle questioni difficili, val più che il vegliare quando ci cadono addosso.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

Mai dormire in tre in un letto, o ci si sveglierà in tre in un letto.
Gunter Grass [1]

Se pensi di essere troppo piccolo per fare la differenza, prova a dormire con una zanzara.
Tenzin Gyatso (Dalai Lama - fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Certe donne sono belle, anche dormendo, di una bellezza che non è quella del sonno.
Roger Judrin, Parole abitate, 1985

Meglio dormire libero in un letto scomodo che dormire prigioniero in un letto comodo.
Jack Kerouac, I vagabondi del Dharma, 1958

L'amore non si manifesta col desiderio di fare l'amore (desiderio che si applica a una quantità infinita di donne) ma col desiderio di dormire insieme (desiderio che si applica ad un'unica donna).
Milan Kundera, L'insostenibile leggerezza dell'essere, 1984

Dimmi con chi dormi e ti dirò chi sogni.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

Se si potesse scontare la morte dormendola a rate!
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

Siccome una giornata bene spesa dà lieto dormire, così una vita bene usata dà lieto morire.
Leonardo da Vinci, Codice Trivulziano, 1487/90

Chi raccoglie d'estate è previdente; chi dorme al tempo della mietitura si disonora.
Libro dei Proverbi, Antico Testamento, V secolo a.e.c.

Fino a quando, pigro, te ne starai a dormire? Quando ti scuoterai dal sonno? Un po' dormire, un po' sonnecchiare, un po' incrociare le braccia per riposare e intanto giunge a te la miseria, come un vagabondo, e l'indigenza, come un mendicante.
Libro dei Proverbi, Antico Testamento, V secolo a.e.c.

Ai nevrotici piacerebbe dormire tutto il tempo, ed essere svegliati solo quando ci sono buone notizie.
Mignon McLaughlin, Il secondo taccuino del nevrotico, 1966

È meglio dormire con un cannibale sobrio che con un cristiano ubriaco.
Herman Melville, Moby Dick, 1851

Il poeta non dorme mai ma in compenso muore spesso.
Alda Merini, La vita facile, 1992

Lo fanno gli uccelli lo fanno le api facciamolo anche noi: andiamo a dormire.
Vasco Mirandola [1]

La vera stanchezza non è quando vorresti dormire: è quando non ti accorgi che stai già dormendo.
Gianni Monduzzi, Orgasmo e pregiudizio, 1997

Dormire non è arte dappoco: intanto, per dormire, bisogna vegliare tutto il giorno. Dieci volte al giorno devi superare te stesso: ciò procura una buona stanchezza ed è papavero per l'anima.
Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85

Lo sanno pochi: ma per ben dormire bisogna avere tutte le virtù. Farò falsa testimonianza? Commetterò adulterio? Mi indurrò a concupire la serva del vicino? Tutto ciò si concilia male col buon sonno. E anche quando si hanno tutte le virtù, bisogna saper fare ancora una cosa: mandare a dormire, al momento opportuno, anche le virtù.
Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85

Abbiamo bisogno di dormire per dare abbastanza spazio al sogno.
Erik Orsenna, I cavalieri del congiuntivo, 2004

Impossibile guardare un gatto che dorme e sentirsi nervosi.
Jane Pauley (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Quando la donna con cui dormo ha capito che ognuno deve dormire dal suo lato. Che ci si può abbracciare prima, o quando ci svegliamo la mattina, ma quando si dorme bisogna stare ognuno per i fatti suoi. Dividendo il letto con la stessa meticolosità con cui si tracciava la linea di divisione del banco con il compagno di banco, a scuola.
Francesco Piccolo, Momenti di trascurabile felicità, 2010

Un uomo che dorme tiene intorno a sé, in cerchio, il filo delle ore, gli ordini degli anni e dei mondi.
Marcel Proust, Dalla parte di Swann, 1913

Del piacere di dormire si può godere soltanto da svegli.
Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

Dormire è anche un poter prendere riposo dalla continua presenza di sé stessi.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Ninna nanna, pija sonno / ché se dormi nun vedrai / tante infamie e tanti guai / che succedeno ner monno / fra le spade e li fucilli / de li popoli civilli...
Trilussa, La ninna-nanna de la guerra, in Da la guerra a la pace, 1914-1919

Oggi ho saltato il mio pisolino dopo pranzo. Dormivo ancora.
Henny Youngman [1]

Proverbi sul Dormire
  • Aprile dolce dormire.
  • Chi dorme dal lato manco ha cuore franco; chi dorme dal lato dritto ha cuore afflitto.
  • Chi dorme, non piglia pesci.
  • Chi più dorme, meno vive.
  • Chi dorme coi cani, si alza con le pulci.
  • Chi dorme quando può, non dorme quando vuole.
  • Chi non può dormire trova il letto mal fatto.
  • Chi non può dormire riposa.
  • Chi dorme fino a tardi in mattinata, va mendicando tutta la giornata.
  • Chi più dorme, più dormirebbe.
  • Chi ben dorme non sente le pulci.
  • Chi dorme più d’otto ore asino nasce e asino muore.
  • Chi è povero dorme tranquillo.
  • Chi non può dormire con Venere dorma con Bacco.
  • Chi vuol dormire non faccia prestiti.
  • Il troppo dormire fa impoverire.
  • Il giovane dormendo guarisce, il vecchio si finisce.
  • La notte è fatta per dormire.
  • Meglio dormire solo in un fienile che sotto un baldacchino con una vecchia matta.
  • Non destare il can che dorme.
  • Non si dorme per dormire, si dorme per agire.
  • Più si dorme e più si dormirebbe.
  • Quel che dorme fino a giorno, avrà spesso danno e scorno.
  • Se vuoi diventare vecchio mangia al caldo e dormi al freddo.
  • Un buon dormire tanto fa come un buon mangiare.
  • Vegliare alla luna e dormire al sole non fa né pro né onore.
Chiuso per sonno
3 Addormentarsi e Coricarsi
© Aforismario

La donna è in primo luogo, al tempo dell'infanzia, la madre, la madre che è una veste, una gonna tra le cui pieghe ci siamo rifugiati da bambini, per cercarvi un angolo caldo dove addormentarci.
Alain-Fournier, Il corpo della donna, 1907

Se siamo senza volontà, sull'orlo del baratro, in bilico tra la vita e il non aver più voglia di nulla, il mondo che ci circonda non desta interesse e non desideriamo altro che venga la sera per addormentarci e dimenticare tutto.
Romano Battaglia, Com'è dolce sapere che esisti, 2006

Siamo sempre insicuri: prima di addormentarci la sera pensiamo al domani e quando inizia il nuovo giorno ci preoccupiamo di quello che verrà. Corriamo col pensiero verso il futuro, come se qualcuno fosse al crocevia ad attenderci, in realtà è un affanno inutile perché non sappiamo niente del domani, di ciò che accadrà.
Romano Battaglia, Com'è dolce sapere che esisti, 2006

A proposito del sonno, avventura sinistra di tutte le sere, si può dire che gli uomini s’addormentano ogni giorno con un’audacia che sarebbe inintelligibile, se noi non sapessimo che è il risultato dell’ignoranza del pericolo.
Charles Baudelaire, Razzi, 1855/62 (postumo 1887-1908)

La disgrazia che si perpetua produce sull'anima l’effetto della vecchiaia sul corpo: non ci si può più muovere; ci si corica.
Charles Baudelaire, Razzi, 1855/62 (postumo 1887-1908)

Nel fondo della sventura, siate elastici: mai addormentati ma sul punto di scivolare nel sonno.
Saul Bellow, Le avventure di Augie March, 1953

C’è un’età in cui qualche mese di vita in più basta a sviluppare talune facoltà sino allora sepolte in un cuore mezzo chiuso: ci si corica bambini e ci si sveglia uomini.
François-René de Chateaubriand, Pensieri, riflessioni e massime, XIX sec.

Ci si addormenta sempre con una contentezza che non si può descrivere, si scivola nel sonno e si è felici di sprofondarvisi. Se ci si risveglia malvolentieri, è perché non si abbandona senza pena l'incoscienza, vero e unico paradiso. Quanto dire che l'uomo non è appagato se non quando cessa di essere uomo.
Emil Cioran, Squartamento, 1979

Se si avesse una percezione infallibile di ciò che si è, si conserverebbe tanto coraggio quanto basta per coricarsi, ma non certo per alzarsi.
Emil Cioran, Squartamento, 1979

Da piccolo avevo un sacco di brufoli. Un giorno, in biblioteca, mi sono addormentato. Al mio risveglio un cieco mi stava leggendo la faccia.
Rodney Dangerfield

Io... io dormirò tranquillo... perché so che il mio peggior nemico... veglia su di me.
Clint Eastwood, in Sergio Leone, Il buono,il brutto, il cattivo, 1966

Cercava la verità nella fica: e tutto quello che otteneva era di addormentarcisi sopra − dopo.
Ennio Flaiano, Appunti, 1950/72 (postumo in Diario degli errori)

Quanto sarebbero buoni gli uomini, se ogni sera prima di addormentarsi rievocassero gli avvenimenti della giornata e riflettessero a ciò che v'è stato di buono e di cattivo nella loro condotta! Involontariamente cercheresti allora ogni giorno di correggerti, ed è probabile che dopo qualche tempo avresti ottenuto un risultato.
Anna Frank, Diario, 1942/44 (postumo 1947)

Quando vogliamo addormentarci [...]: chiudiamo gli occhi – le nostre porte sensoriali più importanti – e ci sforziamo di allontanare ogni stimolo dagli altri sensi, oppure ogni variazione degli stimoli che agiscono su di essi. Poi ci addormentiamo, anche se il nostro sforzo non riesce mai completamente. Non possiamo tenere gli stimoli assolutamente lontani dagli organi di senso, e neppure sopprimere integralmente l’eccitabilità di questi ultimi. Stimoli più intensi riescono sempre a svegliarci, e ciò dimostra che anche nel sonno la psiche permane in contatto continuo col mondo extracorporeo.
Sigmund Freud, L'interpretazione dei sogni, 1900

Perché la vita psichica non si addormenta? Probabilmente perché qualcosa non lascia in pace la psiche. Su di essa agiscono stimoli ai quali bisogna reagire. Il sogno è quindi il modo con il quale la psiche reagisce agli stimoli che agiscono durante lo stato di sonno.
Sigmund Freud, Introduzione alla psicoanalisi, 1915/32

Checché se ne dica, niente è più scomodo che addormentarsi fra le braccia d'una donna.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

La casa è il vostro corpo più grande. Vive nel sole e si addormenta nella quiete della notte; e non è senza sogni.
Kahlil Gibran, Il profeta, 1923

La faccia dell'uomo addormentato manifesta molte cose che la faccia dell'uomo desto nasconde.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

Ognuno di noi, da che viene al mondo, è come uno che si corica in un letto duro e disagiato: dove subito posto, sentendosi stare incomodamente, comincia a rivolgersi sull’uno e sull’altro fianco, e mutar luogo e giacitura a ogni poco; e dura così tutta la notte, sempre sperando di poter prendere alla fine un poco di sonno, e alcune volte credendo essere in punto di addormentarsi; finché venuta l’ora, senza essersi mai riposato, si leva.
Giacomo Leopardi, Detti memorabili di Filippo Ottonieri, Operette morali, 1827/34

L'addormentarsi non è un punto, ma uno spazio progressivo più o meno breve, un appoco appoco più o meno rapido; e lo stesso si dovrà dir della morte. Di più è certo che i momenti i quali precedono immediatamente il sonno, e il punto o lo spazio dell'addormentarsi definitivamente (sebbene impercettibile), è dilettevole.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

È bello andare a dormire, perché ci si sveglierà. È il mezzo più rapido di fare il mattino.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

Io vivere vorrei addormentato / entro il dolce rumore della vita.
Sandro Penna, Poesie, 1939

È tanto calmo che, quando va a dormire, sono le pecore che contano lui.
Don "Pinky" Pincus (Ricky Jay), Il colpo, 2001

Preoccuparsi soprattutto di due momenti della giornata: di quando ci si addormenta e di quando ci si risveglia. Perché in entrambi occorre sottoporre a un esame gli atti già compiuti e quelli ancora da compiere, dando conto a sé stessi delle azioni compiute e prevedendo quelle future.
Pitagora, in Porfirio, Vita di Pitagora, III sec.

Ogni giorno è una piccola vita, ogni risveglio e ogni levata una piccola nascita, ogni fresco mattino una piccola gioventù, e ogni andare a letto e addormentarsi una piccola morte.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Si dica ciò che si vuole! Il momento più felice di chi è felice è quando si addormenta, come il momento più infelice di chi è infelice è quando si risveglia.
Arthur Schopenhauer, Scritti postumi, 1804/60 (postumo 1966/75)

Prima di addormentarti, ricorda alla mente questo insegnamento: «O Mente, hai fatto tutto, hai avuto tutto, hai dato tutto, hai pensato tutto. Non preoccuparti di nulla. Non devi dare più nulla. Riposati. Medita: il mondo è irreale, e tutto passa e trapassa». Dopo questo avrai un sonno calmo e tranquillo, e la mente libera dalle cure.
Swami Sivananda, La salute e la felicità, 1950

L'amore non è qualche parolina mormorata a fior di labbra prima di addormentarsi. L'amore si nutre con gesti concreti, di dimostrazioni, di devozione nelle cose che facciamo giorno per giorno.
Nicholas Sparks, Come la prima volta, 2003

Noi pezzenti mettiamo al mondo troppi figli... è vero, ma la colpa non è tutta nostra, è anche della miseria. Quelli che hanno le possibilità, la sera escono, vanno al cinema, al night; al mattino si coricano stanchi e si addormentano subito. Noi povera gente, soprattutto d'inverno, quando si fa buio presto e fa tanto freddo, la sera alle nove andiamo a nanna. E sapete come succede: da cosa nasce cosa.
Totò (Antonio De Curtis), in Il coraggio, 1955

Per farmi addormentare mio padre mi lanciava in aria. Purtroppo non era mai lì quando tornavo giù.
Robin Williams [1]

La musica deve servire ad addormentare i bambini, non a lodare Iddio.
Huldrych Zwingli (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Proverbi su Andare a Dormire
  • Al tramonto va a letto anche il sole.
  • Acquista buona fama e mettiti a letto.
  • Bisogna andare a letto con le galline e alzarsi col gallo.
  • Chi ha fretta s’addormenta prima d’entrare a letto.
  • Chi ha nemici non s'addormenti.
  • Chi non ha lumi vada a letto al buio.
  • Chi s’addormenta non sa se si sveglia.
  • Chi si corica coi cani si leva con le pulci.
  • Chi va a dormire a pancia vuota, passa la notte senza riposo.
  • Chi va a letto a pancia piena tutta la notte si dimena.
  • Chi " " coi cenci, coi cenci si leva.
  • Chi " " con la fame sogna pagnotte.
  • Chi " " con le galline si leva coi galli.
  • Chi " " senza cena tutta la notte si dimena.
  • Chi a letto con la sete se ne va si alza la mattina in sanità .
  • Chi vuol viver sano e lesto ceni poco e a letto presto.
  • Chi va a letto stanco non sente le pulci.
  • L’albero cresce anche quando si va a letto.
  • Meglio andare a letto con una magra cena che alzarsi con grassi debiti.
  • Meglio andare a letto senza mangiare che senza lume.
  • Meglio un moccolo che andare a letto al buio.
  • Non è ancora andato a letto chi ha da avere la mala notte.
  • Non tutti quelli che vanno a letto vanno per dormire.
  • Presto a letto e presto alzato sarai sano e fortunato.
  • Prima d’andare a letto guarda il fuoco e poi il paletto.
  • Quando è notte anche i matti vanno a letto.
  • Se vuoi vivere sano coricati con gli agnelli e alzati con le allodole.
4. Sbadiglio per Sonno
© Aforismario

L'uomo sbadiglia quando ha sonno, quando si sveglia, quando ha appetito, quando s'annoia: il che dimostra che lo sbadiglio è segno di buona salute e del regolare svolgimento delle funzioni animali.
Vincenzo Cardarelli, Parole all'orecchio, 1929

Quando gli animali sbadigliano assumono un volto umano.
Karl Kraus, Di notte, 1918

L’altro giorno non riuscivo a capire se sbadigliavo per il sonno o per la fame. E così, nel dubbio, mi son mangiato un cuscino.
Antonio Ricci [1]

Lo sbadiglio non vuol mentire: o che ha sonno o che vorrebbe dormire, o che ha qualche cosa che non può dire.
Proverbio

5. Letargo
© Aforismario
Il letargo è qui inteso per lo più come inerzia spirituale o morale.

Senza moto la vita non è che un letargo
Domenico Cirillo, Discorsi accademici, 1787

I romanzi stanno nella realtà come in letargo. Aspettano solo di essere riconosciuti.
Cesare Garboli, Trenta poesie famigliari di Giovanni Pascoli, 1990

Il letargo è caratterizzato dall'arresto delle attività di relazione, da un cambiamento dello stato di coscienza ma anche da un lungo intervallo tra cena e colazione: un ciclo naturale di digiuno che si associa a indispensabili processi di recupero fisici e psichici. Lo stesso letargo degli animali può essere visto come un lungo sonno rigeneratore, qualcosa che va ben oltre l'adattamento alla stagione fredda.
Sebastiano Magnano, su Il Giornale, 2006

Piuttosto che impiegare il tempo preferisco dormirlo; da qui la mia profonda invidia per tutti gli animali da letargo.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Il riposo a voi sia, non letargo, ma preparazione di nuove forze e pensieri.
Niccolò Tommaseo, Pensieri morali, 1845

Nella troppa disuguaglianza delle fortune, egualmente che nella perfetta eguaglianza, l'annua riproduzione si restringe al puro necessario, e l'industria s'annienta, poiché il popolo cade nel letargo.
Pietro Verri, Discorsi, 1781

Non esistono lingue morte ma solo cervelli in letargo.
Carlos Ruiz Zafón, L'ombra del vento, 2001

Note
  1. Battuta tratta da Gino e Michele, Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano. Opera omnia, Baldini e Castoldi, 1995.
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Insonnia - RussareBuonanotte

Nessun commento: