2016-04-22

Vigliaccheria - Frasi su Viltà e Codardia

Raccolta dei migliori aforismi e delle frasi più ironiche sulla vigliaccheria, la viltà, la codardia, la pavidità e la pusillanimità. Tutti questi termini, pur con qualche leggera sfumatura di significato, sono tra loro sinonimi, e designano l'atteggiamento di chi manca di coraggio per affrontare situazioni difficili o rischiose, o di chi, per paura, evita di ribellarsi alle sopraffazioni o di assumersi la responsabilità delle proprie azioni.
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa dedicate alla paura e al confronto tra la viltà e il coraggio.
Tutti gli uomini sarebbero dei vigliacchi se osassero. (John Wilmot di Rochester)
1. Vigliaccheria
© Aforismario

Anche se la paura è uguale per tutti, ognuno è vigliacco a modo suo.
Mirko Badiale (Aforismi inediti su Aforismario)

Le più grandi canagliate della storia non sono state commesse dalle più grandi canaglie, ma dai vigliacchi e dagli incapaci. 
Georges Bernanos, La Via Crucis delle anime, 1943/45

Vigliacco. Chi, nell'emergenza del pericolo, pensa con le proprie gambe.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Quella rabbia che ti prende quando sei di fronte alla debolezza, alla vigliaccheria di qualcuno e riconosci, o hai paura di riconoscere, la tua debolezza, la tua vigliaccheria. Quando sei di fronte al fallimento di qualcuno e cerchi di distruggere la paura, che quello stesso fallimento prima o poi tocchi a te.
Gianrico Carofiglio, Il passato è una terra straniera, 2004

Che cos'è che spinge una persona a detestarsi? Forse la vigliaccheria. Oppure l'eterna paura di vivere nell'errore, di non fare ciò che gli altri si aspettano. 
Paulo Coelho, Veronika decide di morire, 1998

Ci lamentiamo copiosamente, ma diventiamo vigliacchi quando si tratta di assumere dei provvedimenti. Vogliamo che tutto cambi, ma ci rifiutiamo di cambiare noi stessi.
Paulo Coelho, Sono come il fiume che scorre, 2006

Sapere ciò che è giusto e non farlo è la peggiore vigliaccheria.
Confucio, Dialoghi, ca. 479/221 a.e.c. (postumo)

È normale avere paura. Come è normale piangere. Non vuol dire essere vigliacchi. Essere vigliacchi è fare finta di nulla, voltarsi dall'altra parte. Fregarsene.
Alessandro D'Avenia, Bianca come il latte, rossa come il sangue, 2010

Contagiosa è la vigliaccheria.
Carlo Dossi, Note azzurre, 1870/1907 (postumo 1912/64)

A tutto si abitua quel vigliacco che è l'uomo.
Fëdor Dostoevskij, Delitto e castigo, 1866

È un vigliacco l'uomo!... Ed è un vigliacco chi per questo lo chiama vigliacco.
ibidem

L'uomo è vigliacco per spirito di conservazione.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Ci sono uomini così vigliacchi che preferiscono ingraziarsi i persecutori piuttosto che solidarizzare con i compagni di sventura. Sembra che abbiano un solo desiderio: farsi perdonare colpe mai commesse da chi fraudolentemente gliele ha attribuite.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

"Lo spirito è forte ma la carne è debole". Questo valeva una volta, mentre oggi è il contrario: la carne - in questa civiltà medicalizzata, ospedalizzata, plastificata - è forte, ma lo spirito è invigliacchito dalla vanità e dall'avidità.
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

L’uomo è incline alla paura e alla vigliaccheria e, non appena sente il risveglio della tempesta, striscia nelle crepe e nelle caverne della terra e si nasconde.
Kahlil Gibran, Segreti del cuore, 1947 (postumo)

L'opinione che le cose umane si mettano da sé per la miglior via possibile, è tra quante opinioni nacquero mai dall'umana vigliaccheria, la più vigliacca.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

Quanta stoltezza, quanta vigliaccheria, quanta tristizia si nascondono talora sotto la maschera del buon senso.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

Chi vive veramente non può non essere cittadino, e parteggiare. Indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita.
Antonio Gramsci, Indifferenti, su La Città futura, 1917

Non era che un vigliacco e quella era la maggior sfortuna che un uomo potesse avere. 
Ernest Hemingway, Per chi suona la campana, 1940

Nella debolezza fisica risiede quasi sempre la causa della vigliaccheria personale.
Adolf Hitler, La mia battaglia, 1925/26

Un conservatore è un uomo troppo vigliacco per lottare e troppo grasso per scappare.
Elbert Hubbard, The Notebook, 1927 (postumo)

La vigliaccheria reciproca mantiene la pace.
Samuel Johnson (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La vigliaccheria chiede: è sicuro? L'opportunità chiede: è conveniente? La vanagloria chiede: è popolare? Ma la coscienza chiede: è giusto? Prima o poi arriva l'ora in cui bisogna prendere una posizione che non è né sicura, né conveniente, né popolare; ma bisogna prenderla, perché è giusta.
Martin Luther King, Remaining Awake Through a Great Revolution, 1968

Sono pochi i vigliacchi che conoscono tutta la loro paura.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

I vigliacchi devono avere il potere, altrimenti hanno paura.
Stanisław Jerzy Lec, Nuovi pensieri spettinati, 1964

La lampada familiare è una luminosa chioccia che cova delle uova putride di vigliaccheria. 
Filippo Tommaso Marinetti, Democrazia futurista, 1919

I calunniatori sono anche di solito vigliacchi.
Ippolito Nievo, Le confessioni di un italiano, 1867 (postumo)

Correre incontro al pericolo è una forma della vigliaccheria.
Aldo Palazzeschi, Spazzatura, 1915

Fortunatamente per il mondo e per loro stessi, quasi tutti gli uomini sono vigliacchi e non agiscono secondo le loro convinzioni. I nostri disastri derivano da qualche sciocco che ha "il coraggio delle sue opinioni".
Coventry Patmore, The Road, The Root, and the Flower, 1895

L'esperienza del pericolo rende vigliacchi ogni giorno di più. 
Cesare Pavese, La casa in collina, 1949

I vigliacchi non sono quelli che hanno paura di morire ma quelli che hanno paura di vivere.
Paola Poli (Aforismi inediti su Aforismario)

La coscienza è soltanto una parola che sogliono usare i vigliacchi, ed è stata inventata apposta per tenere in soggezione i forti.
William Shakespeare, Riccardo III, ca. 1592

Vana corsa, quando la vigliaccheria ci insegue e la prodezza fugge.
William Shakespeare, Sogno di una notte di mezza estate, 1596

È da vigliacchi sfogare la propria insoddisfazione sugli altri facendo loro del bene.
Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

Ci sono anche persone oneste a questo mondo. Peccato che in genere coincidano con le piú vigliacche.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

La saggezza è l’aspirazione dei vigliacchi.
ibidem

Tutti gli uomini sarebbero dei vigliacchi se osassero. 
John Wilmot II conte di Rochester, Una satira contro l'umanità, 1675

Il tempo non ci rende più saggi, solo più vigliacchi.
Carlos Ruiz Zafón, Marina, 1999

Meglio essere vigliacchi per un minuto che morti per il resto della vita.
[It is better to be a coward for a minute than dead for the rest of your life].
Proverbio irlandese (attribuito a Woody Allen - vedi "Citazioni errate" su Aforismario)

Vigliacco. Chi, nell'emergenza del pericolo, pensa con le proprie gambe. (Ambrose Bierce)
2. Viltà
© Aforismario

Dalla paura di tutti nasce nella tirannide la viltà dei più. 
Vittorio Alfieri, Della Tirannide, 1777

Posson qualche volta le donne consigliar l'uomo a viltà. Ma sempre sono pronte ad ammirarlo se non le ascolti.
Ugo Bernasconi, Parole alla buona gente, ca. 1933 (postumo 1987)

Sii sempre pronto a dire ciò che pensi, e il vile ti scanserà. 
William Blake, Proverbi infernali, in Il matrimonio del Cielo e dell'Inferno, 1790/93 

Ci si vendica di una viltà, commettendone un'altra.
Petrus Borel, Le coffret d'ébène, XIX sec.

Sento dir molto male della superbia dei grandi; ma non vi sarebbe la loro superbia senza la nostra viltà.
Gottfried August Bürger, Poesie, 1778

Che abiezione, che schifo, che senso di vomito sentirci crescere dentro quella stessa viltà e quell'impotenza che abbiamo disprezzato negli altri. 
Albert Camus, Caligola, 1944

Colui che dispera degli avvenimenti è un vile, ma colui che spera nella condizione umana è un pazzo.
Albert Camus, Taccuini, 1935/59 (postumo 1962/89)

Vile, veramente vile solo chi ha paura dei suoi ricordi.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973

Ogni possibile viltà diventa una meravigliosa speranza se uno sa riconoscerla. Ecco quel che penso. Non bisogna mai fare i difficili sul modo di evitarsi uno sbudellamento, né perder tempo a cercare le ragioni della persecuzione di cui sei oggetto. Sfuggirvi è quel che basta al saggio.
Louis-Ferdinand Céline, Viaggio al termine della notte, 1932

Il dir menzogne è l'unica arte della bassa capacità, e il solo rifugio dei vili.
Philip Dormer Stanhope Chesterfield, Lettere al figlio, 1737/68 (postumo 1774-1890)

Gli individui, come le nazioni, hanno virtù diverse e identici difetti. Nostro patrimonio comune è la viltà.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Nostro patrimonio comune è la viltà.
ibidem

Servirsi delle virtù dell'avversario per sconfiggerlo è una viltà senza pari.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Ogni pace si compra con delle viltà.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

La servitù nasce e vive dalla comune viltà. Tutte le declamazioni contro gli abusi della tirannide sono meno efficaci che il dire ai servi: contatevi.
Carlo Dossi, Note azzurre, 1870/1907 (postumo 1912/64)

È una bestia che sta sempre in agguato, la viltà. Ci morde tutti, ogni giorno, e son pochi coloro che non si lasciano sbranare da lei.
Oriana Fallaci, Lettera a un bambino mai nato, 1975 

Vili fino a quando un rischio li minaccia, gli umani diventan spavaldi dopo che il rischio è passato.
ibidem

Non difendere il proprio territorio, la propria casa, i propri figli, la propria dignità, la propria essenza, è contro Ragione. Accettare passivamente le sciocche o ciniche menzogne che ci vengono somministrate come l'arsenico nella minestra è contro Ragione. Assuefarsi, rassegnarsi, arrendersi per viltà o per pigrizia è contro Ragione. 
Oriana Fallaci, La forza della ragione, 2004

Nonviolenza e viltà sono termini in contraddizione. La nonviolenza è la più grande virtù, la viltà il più grande vizio. La nonviolenza scaturisce dall'amore, la viltà dall'odio. La nonviolenza subisce sempre, la viltà infligge sempre la sofferenza.
Mohandas Gandhi, Young India, 1929

Il «vile anonimo» è quello che scaglia il sasso e nasconde la mano. Noi siamo tutti un po' anonimi, non foss'altro perché nascondiamo il vero nome nostro e lo strozzino si fa chiamar banchiere, il letterato si fa chiamar poeta e il demagogo si fa chiamare padre della patria.
Domenico Giuliotti e Giovanni Papini, Dizionario dell'omo salvatico, 1923

Il buon Dio non rende liberi i popoli vili 
Adolf Hitler, La mia battaglia, 1925/26

La pigrizia e la viltà sono le cause per cui tanta parte degli uomini, dopo che la natura li ha da lungo tempo affrancati dall'eterodirezione (naturaliter maiorennes), tuttavia rimangono volentieri minorenni per l'intera vita e per cui riesce tanto facile agli altri erigersi a loro tutori. 
Immanuel Kant, Risposta alla domanda: che cos'è l'Illuminismo?, 1783

Il mondo è una lega di birbanti contro gli uomini da bene, e di vili contro i generosi.
Giacomo Leopardi, Pensieri, 1845 (postumo)

Molti vogliono e condursi teco vilmente, e che tu ad un tempo, sotto pena del loro odio, da un lato sii tanto accorto, che tu non dia impedimento alla loro viltà, dall'altro non li conoschi per vili.
Giacomo Leopardi, Pensieri, 1845 (postumo)

La natura degli uomini superbi e vili è, nelle prosperità esser insolenti e nelle avversità abietti e umili.
Niccolò Machiavelli, Istorie fiorentine, 1532 (postumo)

Gettarsi in mezzo ai nemici può essere il segno distintivo della viltà.
Friedrich Nietzsche, Aurora, 1881

Quando si è cristiani, di qualunque sesso si sia, non è permesso esser vili. L'anima del cristianesimo, se si può dir così, è il disprezzo di questa vita e l'amore dell'altra.
François de Salignac de La Mothe-Fénelon, L'educazione delle fanciulle, 1687

La viltà non salva nessuno dalla morte.
Gaio Sallustio Crispo, De bello Iugurthino, I sec. a.e.c.

Il più vile degli assassini è quello che ha dei rimorsi.
Jean-Paul Sartre, Le mosche, 1943

Porgere l’altra guancia, quando non è viltà, è prepotenza fatta a sé stessi.
Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

Come l'esperienza insegna, i più vili e codardi nel momento del pericolo si fanno tracotanti a parole e, con la lingua, assolutamente decisi.
Publio Cornelio Tacito, Storie, ca. 100

Non sempre chi s'arrabbia ha torto; il vile non va in collera mai.
Niccolò Tommaseo, Pensieri morali, 1845

Ci sono parecchie valide difese dalla tentazione, ma la più sicura è la viltà.
Mark Twain, Seguendo l'equatore, 1897

La coscienza e la viltà sono esattamente la stessa cosa. La coscienza è semplicemente il marchio di fabbrica della ditta. Tutto qui.
Oscar Wilde, Il ritratto di Dorian Gray, 1891

Alcuni, di fronte alla malvagità e alla cattiveria, si ritraggono non per viltà ma per ripugnanza a discutere con un insolente.
Marguerite Yourcenar, Archivi del nord, 1977

Meglio essere codardi per un minuto che morti per il resto della vita. (Proverbio irlandese)
3. Codardia
© Aforismario

Quando molti sognano e soltanto pochi realizzano, l'intero mondo si sente codardo.
Paulo Coelho, Veronika decide di morire, 1998

Se consenti a una persona codarda e vile di entrare nel tuo mondo, devi aspettarti di patire un dolore terribile. Non cercare di giustificarti incolpando il tuo prossimo, poiché è sempre il padrone che apre la porta di casa.
Paulo Coelho, Il manoscritto ritrovato ad Accra, 2012

La riflessione rende gli uomini codardi. 
William Hazlitt, Caratteristiche, 1823 (cfr. citazione di William Shakespeare)

Quegli stessi che credono grave, o maggiore che non è, ogni leggera malattia che loro sopravviene, caduti in qualche malattia grave o mortale, la credono leggera, o minore che non è. E la cagione d'ambedue le cose è la codardia che gli sforza a temere dove non è timore, e a sperare dove non è speranza.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

Esiste uomo tanto codardo da non preferire cadere almeno una volta piuttosto che vacillare in eterno?
Cormac McCarthy, Suttree, 1979

Non v'è che frode in uno scellerato; ma un codardo è peggio cento volte di un bicchier di vino adulterato; uno scellerato codardo. 
William Shakespeare, Enrico IV, 1598

La coscienza ci rende tutti codardi.
William Shakespeare, Amleto, 1602

Se il codardo corresse contro i nemici con la rapidità che li fugge, li spaventerebbe.
Niccolò Tommaseo, Pensieri morali, 1845

Peccare di silenzio, quando bisognerebbe protestare, fa di un uomo un codardo.
Ella Wheeler Wilcox, Protest, 1914

4. Pavidità
© Aforismario

Gli uomini sono pigri più ancora che pavidi e più di tutto temono proprio i fastidi che una onestà e nudità incondizionata imporrebbe loro.
Friedrich Nietzsche, Schopenhauer come educatore, 1874

In un partito c’era un uomo che era troppo timoroso e pavido per contraddire mai i suoi camerati: se ne aveva bisogno per ogni servizio, da lui si otteneva tutto, perché egli temeva la cattiva opinione dei suoi compagni più della morte; era una misera anima debole. Essi si accorsero di ciò e, sfruttando le suddette qualità, fecero di lui un eroe e alla fine addirittura un martire. Benché il pavido uomo dicesse intimamente sempre di no, con le labbra diceva sempre di sì, finanche sul patibolo, quando morì per le convinzioni del suo partito: al suo fianco stava cioè uno dei suoi vecchi compagni, che con lo sguardo e la parola lo tiranneggiò talmente, che egli veramente patì la morte nella maniera più compita. Viene da allora celebrato come martire e grande carattere.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano, 1878

Non voler offendere nessuno, non voler ledere nessuno può essere indice sia di un modo di pensare giusto, sia di un modo di pensare pavido.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano, 1878

Nessuno è tanto pavido da preferire di stare sempre in bilico, piuttosto che di cadere una volta per tutte.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

Guai ai cuori pavidi e alle mani indolenti e al peccatore che cammina su due strade! Guai al cuore indolente perché non ha fede; per questo non sarà protetto.
Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c.

5. Pusillanimità
© Aforismario

I prìncipi dell'intelligenza sono in genere borghesi pusillanimi.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

La gioventù ha a volte uno smisurato amor proprio, e l'amor proprio giovanile è quasi sempre pusillanime.  
Fëdor Dostoevskij, Il villaggio di Stepànčikovo, 1859 

L'ipocrisia è la prudenza dei pusillanimi.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Se non sei un pusillanime o un tristo, dirai: Meglio non avere ciò di cui s'è meritevoli, che essere immeritevoli di ciò che si ha. 
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

L'umiltà è un modo pusillanime di brillare un poco.
Multatuli, Idee, 1862/77

Del rango decide la quantità di potenza che tu sei: il resto è pusillanimità.
Friedrich Nietzsche, La volontà di potenza, 1901/06 (postumo)

Strappa l'oppresso dal potere dell'oppressore, non esser pusillanime quando giudichi.
Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c.

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Paura

Nessun commento: