2016-05-21

Barba, Baffi e Barbiere - Frasi e proverbi barbuti

Raccolta di aforismi, frasi, proverbi e battute divertenti sulla barba, i baffi e il barbiere. Come ha osservato Alberto Savinio: "La dignità dell’uomo risiedeva fino a non molti anni sono nella barba, e, prima dell’abbigliamento chiuso, anche nel pelo delle altre parti del corpo. Ambizione suprema dell’uomo era di somigliare al leone (la Parigi dell’Ottocento soprannominò i suoi elegantoni lions, come dire «re della selva parigina») e la donna turca, che almeno fino alla riformata Turchia di Kemàl Atatùrk apprezzava più le qualità fisiche che le morali, non poteva fare complimento più gradito al suo uomo che chiamandolo aslanùm, che significa «mio leone»". (Nuova enciclopedia, 1977).
Su Aforismario trovi anche una raccolta di frasi e citazioni correlata a questa dedicata ai peli e ai capelli.
La barba di un uomo è parte intangibile di lui! (David Herbert Lawrence)
1. Barba
© Aforismario

La barba sono le mutande della faccia.
Diego Abatantuono, a Che tempo che fa, Rai 3, 2007

Barba. I peli che abitualmente si tagliano coloro che giustamente detestano l'assurda usanza cinese di radersi il capo.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Come m'immagino Dio? Capelli bianchi, barba lunga e niente uccello.
Charles Bukowski, Musica per organi caldi, 1983

La barba la portano gli avari per non comprare la cravatta.
Jean Charles (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Dio, nella sua divina previdenza, non ha dato la barba alle donne perché esse non sarebbero state capaci di tacere mentre venivano rasate.
Alexandre Dumas (padre) (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Dice: «come mai hai un cerotto sul collo?» Perché ho usato un rasoio trilama... sul serio! Dunque: la prima lama tira fuori il pelo, la seconda lo taglia, la terza non ci ha niente da fa’, e mi ha tagliato!
Fiorello [1]

Scorgo la barba e il mantello, ma non il filosofo.
Aulo Gellio, Notti attiche, II sec.

I nostri moralisti o hanno la barba o la fanno venire.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Gli uomini vogliono di nuovo la barba e le donne il seno. Un tempo avevano asserito che le caratteristiche sessuali erano superflue e le avevano abolite. Quale fu la conseguenza? Che le donne sentirono la mancanza della barba, e gli uomini del seno.
Karl Kraus, Die Fackel, 1906/13

Le barbe non mi ingannano più. Ormai so bene quale sesso porta i pantaloni in casa.
Karl Kraus, Di notte, 1918

Chi avrebbe pensato che la barba di un uomo fa parte intangibile di lui! Credevo che gli uomini portassero la barba come portano le cravatte, per figura, né più né meno.
David Herbert Lawrence, Il purosangue, 1925

È impossibile portare la fiaccola della verità in mezzo alla folla senza bruciare qua e là una barba o una parrucca.
Georg Lichtenberg, Aforismi, 1766/99 (postumo 1902/08)

Certo che farsi la barba tutti i giorni deve essere una discreta rottura di scatole. Ma la maggior parte dei maschi ormai si è attrezzata col trilama. Non so come mai, ma io ho sempre pensato che l'inventore del trilama sia un insicuro. È così poco convinto che basti una delle sue lamette che per precauzione ne aggiunge altre due. La prima lama stordisce il pelo, la seconda lo rade al suolo, la terza lo convince con le cattive a non crescere più.
Luciana Littizzetto, La principessa sul pisello, 2002

Strano. Non so se ci avete fatto caso. La maggior parte dei calvi si fa crescere la barba. Quando il cranio si dirada si rinfoltisce il mento. È un gioco di vasi comunicanti. lo credo che sia una questione di tranquillità psicologica. Forse i pelati si vogliono convincere che i loro sono capelli anarchici. Come dire: non crescono nel posto giusto ma crescono.
Luciana Littizzetto, La principessa sul pisello, 2002

Se i filosofi si misurassero in base alla barba, il primo posto spetterebbe alle capre.
Luciano di Samosata, II sec.

Le grandi epoche della prosa sono le epoche in cui gli uomini si radono. Le grandi epoche della poesia sono quelle in cui si fanno crescere la barba
Robert Lynd [3]

L'uomo si distingue dagli animali da parecchi tratti notevoli. Paga le tasse, ascolta rock and roll, si rade i peli del viso e cucina buona parte del suo cibo.
Philippe Meyer, I progressi del progresso, 1998

La barba è fatta di peli che crescono verso il basso, dalla testa verso il resto del corpo. È il ponte tra la mente e il cuore, tra i pensieri e le azioni, la teoria e la pratica, le buone intenzioni e le buone azioni. Quindi non tagliamo la barba, ma lasciamola crescere liberamente, per aprire un flusso diretto tra gli ideali e le filosofie della nostra mente e il nostro stile di vita di tutti i giorni.
Aron Moss, The Beard, su Chabad, 2007

Baciare un uomo con la barba è un po' come andare a un picnic. Non ti dispiace passare attraverso un piccolo cespuglio per arrivarci!
Minnie Pearl [1]

La barba non fa il filosofo.
Plutarco, Opere morali, II sec.

Diffidate degli scrittori che si attaccano ai grandi soggetti, alle biografie degli uomini riputati enormi. Sono come quelli che si lasciano crescere la barba per nascondere il mento troppo corto.
Umberto Saba, Primissime Scorciatoie, 1963 (postumo)

La barba degli uomini: io ne suppongo la causa finale in ciò, che i caratteri patognomici, cioè il rapido mutamento dei tratti del viso che che i caratteri patognomici, cioè il rapido mutamento dei tratti del viso che rivela ogni intimo moto dell'animo, divengono visibili principalmente sulla bocca e nella parte circostante; per sottrarre quindi queste alterazioni, in quanto spesso pericolose, nelle trattative o negli avvenimenti improvvisi, allo sguardo indagatore della controparte, la natura (che sa che homo homini lupus) ha dato la barba all'uomo. Invece la donna ha potuto farne a meno, dato che la dissimulazione e la padronanza di sé (contenance) sono in lei innate.
Arthur Schopenhauer, Il mondo come volontà e rappresentazione, 1819

La barba, essendo quasi una maschera, dovrebbe essere proibita dalla polizia.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Come distintivo del sesso in mezzo al viso, [la barba] è oscena e per questo piace alle donne.
ibidem

Chi ha la barba è più di un giovincello, e chi non ce l’ha è meno di un uomo; chi è più di un giovincello non è fatto per me, e chi è meno di un uomo, io non son fatta per lui. Perciò sarà meglio che faccia la zitella.
William Shakespeare, Molto rumore per nulla, ca. 1599

Una cosa soltanto poneva ostacolo, un freno in profondità, alla passione di lei per quell’uomo nobile, in cui non riusciva a scorgere difetto alcuno: il fatto che egli portasse, come quasi tutti gli uomini comuni, una folta barba, con baffi in proporzione, da lui curata e lisciata incessantemente, senza ritegno.
Anna Verrua-Piegadivenere, La barba, 1891

È possibile misurare il tempo in giorni, settimane, mesi o... in barba.
Anonimo

Il tuo carattere dice al mondo che sei un vero uomo, e la tua barba è il punto esclamativo!
Anonimo
Barba non facit philosophum (La barba non fa il filosofo).
Proverbi sulla Barba
  • A barba folle rasoio molle.
  • Bacio senza barba è un salmo senza Gloria.
  • Barba d’uomo e coda di cane guardale bene e non le toccare.
  • Barba insaponata è mezza fatta.
  • Barba lunga corto ingegno.
  • Barba rossa e mal colore sotto il ciel non fu peggiore.
  • Barba rossa, non te ne fidare.
  • Chi barba non ha e barba tocca gli sia dato in sulla bocca.
  • Dio ci liberi dalla tosse e dalle barbe rosse.
  • Dio ci liberi dalle saette, da uomini senza barba e da donne con le basette.
  • La barba non fa il filosofo.
  • La barba non vuol consigli.
  • La sapienza non sta nella barba.
  • Meglio tornare a casa senza barba che senza testa.
  • Poca barba niente valore.
  • Poca barba, poco giudizio.
  • Se la barba facesse il filosofo, il becco sarebbe Platone.
  • Un gallo senza cresta è un cappone e un uomo senza barba è un coglione.
  • Vedo il mantello e la barba, ma non vedo il filosofo.
È al toro che si addirebbe la barba, ma è al caprone che Dio l'ha data.
Proverbio africano

Quando compare la barba, scompare l'infanzia
Proverbio africano

Non lasciarti mai baciare da un uomo senza baffi;
i suoi baci non hanno nessun gusto. (Guy de Maupassant)
2. Baffi
© Aforismario

Falle un complimento sincero per i sui suoi bei baffi e improvvisamente smette di esserti amica!
Marty Feldman [3]

I baffi sono un elemento volto a sottolineare la forza della virilità completa e matura, mentre la barba richiama piuttosto la ponderazione e la saggezza della vecchiaia, se non la noia. Si dice appunto un uomo coi baffi (non solo come eufemismo) per indicare una persona forte, decisa, capace, che non delude; del resto è stato detto ‘‘il secolo coi baffi’’ l’Ottocento, per sottolinearne la generale predilezione per le maniere forti, i caratteri impetuosi, gli atteggiamenti generosi e virili. Per questo per la donna, al di la` delle considerazioni estetiche, i baffi rappresentano un segno negativo.
Carlo Lapucci, Dizionario dei proverbi italiani, 2007

Scomode verità, mortalità umana, donne con i baffi: tre cose che vorremmo ignorare.
Cal Lightman (Tim Roth), in Lie to Me, 2009/11

Ormai ci siamo emancipate. Siamo uguali agli uomini. Ci viene l'infarto anche a noi. Cosa vogliamo di più? La prostata, forse? O la barba... visto che i baffi già ce li abbiamo...
Luciana Littizzetto, Sola come un gambo di sedano, 2001

È inutile foderarsi gli occhi con la pancetta. Fare finta che non sia vero. Madre natura ha deciso così. Anche noi donne, come gli uomini, abbiamo i baffi. Forse un po' meno, a volte, ma li abbiamo.
Luciana Littizzetto, Sola come un gambo di sedano, 2001

Cosciente dell'orrore, l'universo delle femmine si divide in tre grandi fazioni. Quelle che dicono: «Se ce li ho, serviranno». Per cosa? Per riparare il labbro dalle correnti d'aria o per sistemarci le luminarie di San Giovanni? Allora fai così. Tienteli pure. A Carnevale fai direttamente il sergente Garcia, che è una maschera che piace sempre tantissimo. Poi ci sono le donne di centro che invece optano per l'asportazione del pelo. Strisce di miele, rasoio, cesoie. In fondo rancarsi via i baffi è più facile che curare il beriberi. Ma purtroppo rimane ancora un gruppo di fesse indefesse. Di femmine trapanate nella testa. Quelle che i baffi li tingono. Quell'ossigeno che non arriva ai loro cervelli finisce sotto i loro nasi.
Luciana Littizzetto, Sola come un gambo di sedano, 2001

Una bocca senza baffi è spoglia come un corpo senza vestiti; e i vestiti sono sempre necessari, succinti se vuoi, ma necessari!
Guy de Maupassant, I baffi, 1883

Un uomo senza baffi non è più un uomo.
ibidem

L'uomo barbuto, veramente barbuto, quello che porta tutto il suo pelo (oh, che brutta parola!) sulle guance, non ha mai una faccia fine, poiché i lineamenti restano nascosti. E la forma della mascella e del mento dicono molto, a chi sa vedere. L'uomo con i baffi, invece, conserva insieme il suo carattere e la sua finezza.
Guy de Maupassant, I baffi, 1883

I baffi sono boriosi, galanti, animosi. Si bagnano dolcemente di vino e sanno ridere con eleganza, mentre le mascelle larghe e barbute sono pesanti in ogni loro movimento.
ibidem

Che varietà di aspetti hanno, i baffi! Possono essere curvi, arricciati, civettuoli. Pare che questo tipo di baffi ami le donne sopra tutto. Possono essere a punta, aguzzi come aghi, minacciosi. Questi prediligono il vino, i cavalli, le battaglie. Possono essere enormi, ricadenti, terribili. Questi baffi grossi dissimulano in genere un carattere eccellente, una bontà che rasenta la debolezza, e una mansuetudine che confina con la timidezza.
Guy de Maupassant, I baffi, 1883

La barba non mi piace un gran che, sa di trasandato, mentre i baffi, oh! i baffi sono indispensabili alla fisionomia maschile. No, non puoi immaginare quanto questa scopetta di peli sul labbro sia utile alla vista e... alle... relazioni tra coniugi.
ibidem

I baffi sono essenziali anche da un altro punto di vista. Caratterizzano la fisionomia, danno un'aria dolce, tenera, violenta, tremenda, gioviale, vivace!
Guy de Maupassant, I baffi, 1883

Non lasciarti mai baciare da un uomo senza baffi; i suoi baci non hanno nessun gusto, nessuno, nessuno! Non c'è più il fascino, la morbidezza e il sapore, sì, il sapore di un vero bacio. Sono i baffi a renderlo piacevole.
ibidem

Da dove viene la seduzione dei baffi? [...] Solleticano in modo delizioso; li avverti prima delle labbra e ti fanno sentire un brivido incantevole per tutto il corpo, fino alla punta dei piedi. Sono loro che ti accarezzano, che fanno fremere e trasalire la tua pelle, che danno ai tuoi nervi quella vibrazione voluttuosa che ti fa esclamare un breve «ah!», come per un freddo im-provviso.
Guy de Maupassant, I baffi, 1883

Hai mai sentito i baffi sul collo? È una sensazione che ti inebria e che ti avvolge, che ti scende lungo la schiena, fino alla punta delle dita. Il corpo sussulta, le spalle fremono, la testa si piega all'indietro; vorresti fuggire e restare; è piacevole e irritante! E tanto bello!
ibidem

Non esiste l'amore senza i baffi!
ibidem

Un marito che ti ama sa trovare tanti angolini dove nascondere i baci, tanti cantucci che non scopriresti da sola. Senza baffi quei baci perdono molto del loro sapore, diventano addirittura sconvenienti!
Guy de Maupassant, I baffi, 1883

Non dimentichiamo che agli occhi di estranei, i quali ci vedono per la prima volta, noi siamo qualcosa di diverso da quel che noi stessi pensiamo di essere : di solito nulla più di una particolarità che balza agli occhi e determina l'impressione. Cosi l'uomo più placido e modesto di questo mondo, sol che possieda un gran paio di baffi, può starsene, per cosi dire, all'ombra di essi, e starsene tranquillo - gli occhi comuni vedono in lui l'accessorio di un gran paio di baffi, intendo dire, un carattere militaresco, facilmente irascibile, talvolta violento, e si comportano con lui di conseguenza.
Friedrich Nietzsche, Aurora, 1881

Per la gente che non vi conosce, che è tanta, non avete altra realtà che quella dei vostri calzoni chiari o del vostro soprabito marrone o dei vostri baffi all'inglese.
Luigi Pirandello, I Quaderni di Serafino Gubbio, 1916-1925

Un uomo senza baffi non è ben vestito.
Anonimo (attribuito a Salvador Dalí)

Proverbi sui Baffi
  • Donna baffuta, coi sassi la saluta.
  • Donna baffuta sempre piaciuta.
  • I baffi non crescono a tirarli.
  • Sta' lontano da cani e da gatti e da donne che portano baffi.
  • Un bacio senza baffi è come un uovo senza sale.
Un uomo senza baffi è come una tazza di tè senza zucchero.
Proverbio inglese

3. Barbiere
© Aforismario

Sono andato a cena dal mio barbiere. Ha voluto sdebitarsi per l’idea pubblicitaria che gli ho dato. Si tratta di una boccia di vetro. Dentro c’è un piccolo negozio di barbiere, col cliente seduto sulla minuscola poltrona. Capovolgendola, si riempie di forfora.
Romano Bertola, Le caramelle del diavolo, 1991

Barbiere, (In latino "barbarus", selvaggio, derivato dalla parola "barba".) Un selvaggio le cui sevizie inflitte alle guance passano in seconda linea se confrontate al ben più grave tormento della sua conversazione.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Proverbi sul Barbiere
  • Chi vuol esser buon barbiere deve aver più d’un rasoio.
  • Chi vuole udir novelle dal barbiere ne dicon belle.
  • Non vi è barba rasa che un altro barbiere non vi trovi da radere.
  • Tristo il barbiere che non ha forbici e rasoio.
Note
  1. Battuta tratta da Gino e Michele, Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano. Opera omnia, Baldini e Castoldi, 1995
  2. Becco: il maschio della capra, che ha una lunga barbetta.
  3. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  4. Per leggere altre citazioni su argomenti correlati a questo, clicca sul link "Corpo umano" riportato qui in basso.
  5. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Peli - Capelli

Nessun commento: