2016-05-19

Eleganza e Dandismo - Frasi sulle persone Eleganti

Raccolta degli aforismi più belli e delle frasi più raffinate sull'eleganza e il dandismo. Si dice elegante (dal lat. elĕgans, da eligĕre, cioè "scegliere") chi possiede garbo naturale nella forma e nei modi, oppure chi mostra cura e buon gusto nel vestire. Dunque l'eleganza può riguardare sia la personalità sia il modo di essere e di mostrarsi agli altri. Quanto le due cose siano strettamente legate tra loro è evidenziato in modo particolarmente "elegante" da un pensiero di Jean-Paul Sartre: "L'eleganza è quella qualità del comportamento che trasforma la massima quantità di essere in apparire".
Per quanto riguarda il dandismo, si tratta di un atteggiamento sorto nel XIX secolo, tipico dei cosiddetti "dandy", caratterizzato da una certa ostentazione dell'eleganza non soltanto nel vestire, ma anche nei modi e nello stile di vita. Tra i più celebri rappresentanti del dandismo vanno ricordati sicuramente Baudelaire e Oscar Wilde, di cui sono riportate alcune citazioni.
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa dedicate allo stile e alla moda.
L'eleganza non è farsi notare, ma farsi ricordare. (Giorgio Armani) [1]
1. Eleganza
© Aforismario

L'eleganza è una dote che non risente più di tanto degli altri, sennò diventa opportunismo. L'uomo elegante si mette a puntino anche se sta da solo. Con la cravatta a posto, il pantalone ben stirato, la camicia inamidata. Elegante per se stesso prima che per gli altri. Anche in questo caso, a guardar bene, è sempre il soggetto che vuol essere più bello, mostrare le proprie caratteristiche in modo più evidente. Una forma di narcisismo: occorre piacersi per poter piacere.
Vittorino Andreoli, Tra un’ora, la follia, 1999

Per essere eleganti non si deve assolutamente aver l'aria di essersi vestiti a fondo, vale a dire essersi studiati molto bene, essersi coordinati; bisogna sempre avere un'aria piuttosto casuale, che non significa essere trasandati.
Giorgio Armani (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Come il signore si vede dal modo come tratta coi poveri, così l'elegante sa stare fa gli ineleganti, senza metterli in disagio.
Riccardo Bacchelli, Giorno per giorno dal 1922 al 1966, 1968

La vera eleganza è quella che si adegua, ma non si piega alle mode.
Bianca Balti, su VanityFair.it, 2012

Ricchi si diventa, eleganti si nasce.
Honoré de Balzac, Trattato della vita elegante, 1830

Il lusso costa meno dell'eleganza.
ibidem

Il bruto si copre, il ricco o lo sciocco si agghindano, l'uomo elegante si veste.
Honoré de Balzac, Trattato della vita elegante, 1830

L'uomo abituato al lavoro non può comprendere la vita elegante.
ibidem

L'artista è un'eccezione: il suo ozio è un lavoro, e il suo lavoro un riposo: è sia elegante che trascurato; indossa, per scelta, la blusa da contadino e impone il frac indossato dall'uomo alla moda; non subisce le leggi: le detta.
Honoré de Balzac, Trattato della vita elegante, 1830

L'eleganza è seduzione, fascino, mistero. Non apparenza.
Roberto Capucci, su Panorama, 2006

L'eleganza non si compra nelle botteghe.
Pino Caruso, Ho dei pensieri che non condivido, 2009

Una donna è sempre troppo vestita, mai abbastanza elegante.
Coco Chanel [2]

Il buon gusto nel vestire è qualcosa di innato, come la sensibilità del palato.
Coco Chanel (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Una donna deve essere solo due cose, elegante e straordinaria.
ibidem

La vera eleganza morale consiste nell'arte di travestire le proprie vittorie da sconfitte.
Emil Cioran, Squartamento, 1979

Sovente, l'eleganza viene confusa con la superficialità, la moda, una certa mancanza di interiorità. Si tratta di un grave errore: l'essere umano ha bisogno di eleganza sia nelle azioni che nella postura, perché questa parola è sinonimo di buon gusto, amabilità, equilibrio e armonia.
Paulo Coelho, Sono come il fiume che scorre, 2006

L'uomo veramente elegante non si fa notare.
Maurizio Costanzo e Umberto Simonetta, Dizionario delle idee correnti, 1975
Ricchi si diventa; eleganti si nasce. (Honoré de Balzac)
Non c'è stupidaggine che non possa essere riscattata da una sintassi elegante.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Eleganti si nasce.
Luciano De Crescenzo, Il caffè sospeso, 2008

La massima eleganza, quella che può riscattare tutte le mancanze di un uomo, è saper morire con dignità.
Maurice Denuzière, Louisiana, 1977/87

Alla festa era così elegante che lo scambiarono tutti per un cameriere.
Eros Drusiani (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Oggi ci sono molte donne belle, alcune donne eleganti, in qualche caso donne di classe e in via del tutto eccezionale c'è anche chi conserva una certa grazia femminile, ma le donne «fini» non esistono più.
Massimo Fini, Dizionario erotico, 2000

Il lusso è una questione di soldi. L'eleganza è una questione di educazione.
Sacha Guitry (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Trovare un accordo fra cose di cattivo gusto; ecco il colmo dell'eleganza.
Jean Genet, Diario del ladro, 1949

L'eleganza è una risorsa dello spirito per colmare le imperfezioni del corpo.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

L'eleganza si vede; la classe si sente.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

L'eleganza è il buon gusto del corpo, suggerito dallo spirito.
ibidem

Se uno è ridicolo nel suo mestiere, in che cosa sarà elegante?
Jean Giorno (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

L'eleganza che appar di fuori non è mai perfetta, se non proviene primamente di dentro.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

L'eleganza è la comodità degli spiriti delicati.
ibidem

Mala eleganza quella che non lascia il debito luogo alla naturalezza o alla spontaneità.
ibidem

Spesso coloro che tutto sanno le eleganze del vestito e dell'addobbo, nulla sanno delle eleganze dell'anima.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

L'eleganza è la sola bellezza che non sfiorisce mai.
[Elegance is the only beauty that never fades].
Audrey Hepburn, in Colazione da Tiffany, 1961
L'eleganza è la sola bellezza che non sfiorisce mai. (Audrey Hepburn)
Non si è mai troppo o troppo poco eleganti con un vestito nero.
Karl Lagerfeld [2]

Nessuno può battere in eleganza un re in esilio.
Fausto Melotti, Linee, 1975/78

Il pensiero può essere elevato senza avere l’eleganza, ma, nella misura in cui non avrà eleganza, gli verrà meno la capacità di agire sugli altri. La forza senza la destrezza è una semplice massa.
Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine, 1982 (postumo)

L’eleganza dovrebbe essere il criterio del giudizio di ogni comportamento come di ogni prodotto della mente.
Robert Pinget, Aratro, 1985

Come un uomo intelligente non ha paura di sembrare stupido a un altro uomo intelligente, così non da un gran signore, ma da un cafone l'uomo elegante teme di vedere misconosciuta la sua eleganza.
Marcel Proust, Alla ricerca del tempo perduto, 1913/27

Oltre un certo grado la bellezza, come l'eleganza, non è più una semplice sfida all'imperfezione e alla miseria del mondo, ma una provocazione, anzi un oltraggio: ciò spiega l'odio che non poca gente nutre verso di essa.
Mario Andrea Rigoni, Variazioni sull'impossibile, 1993

Mai confondere l'eleganza con lo snobismo.
Yves Saint Laurent [2]

L'eleganza è quella qualità del comportamento che trasforma la massima quantità di essere in apparire
Jean-Paul Sartre, San Genet, commediante e martire, 1952

Leggere è un modo particolarmente elegante di tenersi lontano dagli altri.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

L'eleganza è un atteggiamento, non è legata ad un capo di vestiario! Si può imparare ad essere vestiti bene, ma non necessariamente si impara ad essere eleganti. Ci si muove in un certo modo, ci si siede in un certo modo. Le mani, il viso hanno un atteggiamento elegante nelle movenze. -
Franca Sozzani, su Vogue.it, 2010

L'eleganza è innata.
ibidem

Tutte le donne aspirano ad essere eleganti e, senza capire il vero senso di questo termine, comprano, in una vita, tonnellate di abiti, borse, scarpe. Le abbinano anche bene, a volte in maniera troppo banale e piccolo borghese come la borsa dello stesso colore del cappotto o abbinata alle scarpe, old style. Ma non sono affatto eleganti.
Franca Sozzani, su Vogue.it, 2010

Avere personalità aiuta nel trovare un proprio stile e sembrare anche eleganti agli occhi dei più. L'importante è sempre trovare un modo personale di indossare gli abiti e, se non è proprio eleganza pura, sarà almeno espressione di grande personalità.
Franca Sozzani, su Vogue.it, 2010

L'unica vera eleganza è nella mente; se avete questa, il resto viene da sé.
Diana Vreeland (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

L’unico modo di fare ammenda perché talvolta si è un po’ troppo eleganti è quello di essere sempre assolutamente troppo educati.
Oscar Wilde, Frasi e filosofie a uso dei giovani, 1894

Il dandy deve aspirare a essere sublime, senza interruzione.
Deve vivere e dormire davanti a uno specchio. (Charles Baudelaire)
2. Dandy / Dandismo
© Aforismario

Il dandy deve aspirare a essere sublime, senza interruzione. Deve vivere e dormire davanti a uno specchio.
[Le dandy doit aspirer à être sublime, sans interruption. Il doit vivre et dormir devant un miroir].
Charles Baudelaire, Il mio cuore messo a nudo, 1859-66 (postumo, 1887-1908)

La donna è il contrario del Dandy. Dunque deve fare orrore.
ibidem

La donna è naturale, ossia abominevole. Così essa è sempre volgare, vale a dire il contrario del Dandy.
Charles Baudelaire, Il mio cuore messo a nudo, 1859-66 (postumo, 1887-1908)

Eterna superiorità del dandy. Che cos'è il Dandy?
ibidem

Ciò che c’è di vile in una funzione qualunque. Un Dandy non fa nulla. Ve lo figurate un dandy che parla al popolo, eccetto per schernirlo?
Charles Baudelaire, Il mio cuore messo a nudo, 1859-66 (postumo, 1887-1908)

Perduto in questo mondo villano, urtato col gomito dalla folla, sono come un uomo stanco il cui occhio non vede dietro, negli anni profondi, altro che disinganno e amarezza, e davanti a sé altro che una tempesta in cui niente di nuovo v’è contenuto, né insegnamento, né dolore. La sera in cui quest’uomo ha rubato al destino qualche ora di piacere, cullato nella sua digestione, dimentico – per quanto possibile – del passato, contento del presente e rassegnato all'avvenire, inebriato del suo sangue freddo e del suo dandismo, fiero di non essere così basso come quelli che passano, egli si dice contemplando il fumo del suo sigaro: che m’importa dove vanno queste coscienze?
Charles Baudelaire, Razzi, 1855/62 (postumo 1887-1908)

Il dandismo non è neppure, come sembrano credere molti sconsiderati, un gusto sfrenato del vestire e dell'eleganza materiale. Per il dandy perfetto tali cose sono unicamente un simbolo della superiorità aristocratica del suo spirito.
Charles Baudelaire, Il pittore della vita moderna, 1863
Il futuro appartiene al dandy. Sono i raffinati che terranno i posti di comando. (Oscar Wilde)
Il dandy deve essere celibe, claustrale; è di fatto un monaco con uno specchio al posto del breviario e del rosario; un anacoreta che mortifica la propria anima perché sia perfetto il suo corpo
Max Beerbohm, Zuleika Dobson, 1911

Dandy. Dicesi di chi professa un'opinione singolare dei propri meriti, accentuando la propria eccentricità con gli abiti.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Il cinismo è dandismo intellettuale.
George Meredith, L'egoista, 1879

Perché la gente prende delle pose, e fa il dandy, o lo scettico, o lo stoico, o il sans-souci, ecc.? Perché sente che c'è una superiorità nell'affrontare la vita secondo una forma, una disciplina che ci si dà se non altro ai pensieri. E infatti questo il segreto della felicità: assumere un atteggiamento, uno stile, uno stampo in cui devono cadere e modellarsi tutte le nostre impressioni ed espressioni. Ogni vita vissuta secondo uno stampo coerente e comprensivo e vitale, è classica.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

Il dandismo, a suo modo, è un tentativo di asserire l'assoluta modernità della bellezza.
Oscar Wilde, La verità delle maschere, 1885

Il futuro appartiene al dandy. Sono i raffinati che terranno i posti di comando.
Oscar Wilde, Una donna senza importanza, 1893

Gli dei m'avevano quasi tutto donato. Ma io mi lasciai poltrire e mi concessi dei lunghi periodi di tregua insensata e sensuale. Mi divertii a fare l'ozioso, il dandy, l'uomo alla moda. Mi circondai di poveri caratteri e di spiriti miserevoli. Divenni prodigo del mio proprio genio e provai una gioia bizzarra nello sperperare una giovinezza eterna. Stanco di vivere sulle cime, discesi volontariamente in fondo agli abissi per cercarvi delle sensazioni nuove. La perversità fu nell'orbita della passione quel che il paradosso era stato per me nella sfera del pensiero.
Oscar Wilde, De Profundis, 1897 (postumo, 1962)

Note
  1. "L'eleganza non è farsi notare, ma farsi ricordare". Questa citazione, abbastanza diffusa su internet, è probabilmente una variazione della frase pronunciata da Giorgio Armani nel corso dell'intervista con Roberto Gervaso per il Corriere della Sera pubblicata nel 1980: "Lo stile è eleganza non stravaganza. L'importante è non farsi notare, ma ricordare".
  2. Fonte della citazione sconosciuta; se la conosci, segnalala ad Aforismario.
  3. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Moda - Stile e Classe

Nessun commento: