2016-05-07

Umanità - Le più belle frasi sull'Essere Umano

Grande raccolta di aforismi, frasi, proverbi e battute divertenti sull'umanità, l'essere umano (impropriamente detto "uomo", termine che sarebbe meglio riservare al rappresentante maschile degli umani), il genere umano e la natura umana. Un paragrafo raccoglie tutti quei pensieri che definiscono l'uomo come un animale di un certo tipo, per esempio animale sociale, animale politico, ecc. A questa raccolta sono strettamente legate quelle dedicate alla filantropia (amore per l'umanità) e alla misantropia (odio nei confronti dell'umanità); al rapporto tra uomini e donne; al confronto tra l'essere umano e tutti gli altri esseri della terra; e alla condizione umana.
Dopo tutto c'è soltanto una razza: l'umanità. (George Moore)
1. Umanità
© Aforismario

L'umanità deve vivere in un mondo unito, dove si mescolino le razze, le lingue, i costumi e i sogni di tutti gli uomini. Il nazionalismo ripugna alla ragione. In nulla beneficia i popoli. Serve solo affinché in suo nome si commettano i peggiori abusi.
Isabel Allende, D'amore e ombra, 1984

L'umanità che tratta il mondo come un mondo da buttar via tratta anche sé stessa come un'umanità da buttar via.
Günther Anders, L'uomo è antiquato, 1956/80

Beati i bisessuali che possono guardare tutta l'umanità con gli occhi dell'amore.
Philippe Bouvard, Maximes au minimum, 1999

Mai saprò decidermi, riguardo all'umanità, se considerarla, come diceva Melville, "un'accozzaglia di duplicati" oppure un sempre nuovo caleidoscopio di prodigi inconfrontabili.
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987

Vorrei vederlo il Padreterno senza l'umanità!
Pino Caruso, Ho dei pensieri che non condivido, 2009

I buoni costituiscono la maggioranza dell'Umanità. Purtroppo a comandare sono i cattivi.
ibidem

Nonostante le apparenze, l'umanità si ristampa sempre uguale.
Pino Caruso, Ho dei pensieri che non condivido, 2009

Forse solo in paradiso l'umanità vivrà per il presente, finora è sempre vissuta d'avvenire.
Anton Čechov, Quaderni, 1891/1904

Chiunque, per distrazione o per incompetenza, fermi sia pure per poco l’umanità nella sua marcia, è un benefattore.
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

Al tempo in cui l’umanità, poco evoluta, faceva le sue prime prove nella sventura, nessuno l’avrebbe creduta capace, un giorno, di produrne in serie.
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

L'umanità crede di rimediare ai propri errori ripetendoli.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

L'umanità è in pericolo quando dimentica il più solenne avvertimento della storia: la civiltà è un uomo armato di frusta tra animali famelici.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

La minaccia di morte collettiva è l'unico argomento in grado di sconfiggere l'autocompiacimento dell'attuale umanità. La morte atomica la preoccupa più del suo crescente degrado.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Il culto dell'umanità si celebra con sacrifici umani.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

L'umanità si rassegna più facilmente all'evitabile che all'inevitabile.
ibidem

Il senso dell'orgoglio personale si è perso. All'idea di grandezza individuale si è sostituita l'idea del potere della specie. Tale conversione al collettivo preserva per anni l'orgoglio da esperienze umilianti. L'orgoglio individuale, infatti, si rende subito conto della propria pochezza, mentre l'orgoglio della specie può, in pieno disastro, confidare in future istanze che lo riscattino. L'umanità è l'estremo rifugio dello stupido.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

L'umanità si salverà soltanto se verrà creato un sistema sovranazionale, basato sul diritto, per farla finita con i metodi della forza bruta.
Albert Einstein, su Impact, 1950

L'umanità ha tutte le ragioni di collocare i predicatori di elevati modelli e valori al di sopra degli scopritori di verità obiettive. Quel che l'umanità deve a personalità come Buddha, Mosè e Gesù sta, secondo me, a un livello superiore di tutti i risultati del pensiero analitico e speculativo.
Albert Einstein, in Alice Calaprice, Pensieri di un uomo curioso, 1996

Non mi fido dell'umanità; mi somiglia troppo.
Antonio Fogazzaro (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Amo la verità. Credo che l'umanità ne abbia bisogno. Ma ha un bisogno ancora più grande della menzogna che la lusinga, la consola, le dà speranze senza limite. Senza la menzogna, morirebbe di disperazione e di noia.
Anatole France, La vita in fiore, 1922

Dietro e dentro ciascuno di noi c'è l'umanità intera.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

In fondo non mi dispiacerebbe se, morto io, l'intera umanità si estinguesse.
ibidem

La vita di tutta l'umanità non vale la nostra.
ibidem

Solo immaginandola migliore, si può migliorare l'umanità.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Se la Luna cade nel buio e poi si rinnova, perché non dovrebbe rinnovarsi questa umanità sciagurata?
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

L’umanità è divinità divisa all’esterno e interiormente unita.
Kahlil Gibran, Massime spirituali, 1962 (postumo)

L'umanità è un'impresa sovrumana.
Jean Giraudoux, Intermezzo , 1933

È tutt'uno essere un signore o un popolano: dell'umano bisognerà comunque far le spese.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Umanità significa identità: tutti gli uomini sono fatti della stessa argilla; nessuna differenza, almeno quaggiù, nella predestinazione; la medesima ombra prima, la medesima carne durante, la medesima cenere dopo. Ma l'ignoranza mescolata all'impasto umano lo rende nero incurabile penetrando nell'interno dell'uomo vi diventa il male.
Victor Hugo, I miserabili, 1862

Se la vanità è il motore dell'umanità, l'adulazione ne è il lubrificante.
Jerome Klapka Jerome, Pensieri oziosi di un ozioso, 1886

Agisci in modo da considerare l'umanità, sia nella tua persona, sia nella persona di ogni altro, sempre anche come fine, e mai come semplice mezzo.
Immanuel Kant, Critica della ragion pratica, 1788

L'umanità deve porre fine alla guerra, o la guerra porrà fine all'umanità.
John Fitzgerald Kennedy, Messaggio all'ONU, 1961

Se tutti gli uomini avessero la possibilità di uccidere clandestinamente e a distanza, l'umanità sparirebbe in qualche minuto.
Milan Kundera, Il valzer degli addii, 1973

L'umanità concreta appare dolorosamente difforme rispetto all'umanità ideale, l'umanità concreta a volte non agisce con umanità. Da ciò avvertiamo che essere veramente uomini è più dell'essere uomini come normalmente si è.
Vito Mancuso, Io e Dio, 2011

L'umanità è un personaggio umoristico.
Marcello Marchesi, Il malloppo, 1971

Chi è eternamente preoccupato dai problemi dell'umanità o non ha problemi di suo o si è rifiutato di affrontarli.
Henry Miller, Sexus, 1949

Noi vogliamo essere necessari, inevitabili, ordinati da sempre. Tutte le religioni, quasi tutte le filosofie, perfino una parte della scienza, sono testimoni dell'instancabile, eroico sforzo dell'umanità che nega disperatamente la propria contingenza.
Jacques Monod, Il caso e la necessità, 1970

Dopo tutto c'è soltanto una razza: l'umanità
[After all there is but one race − humanity]
George Moore, The Bending of the Bough, 1900

La stragrande maggioranza dell'umanità fa la fine dei prodotti "vuoto a perdere".
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

Dall'uomo all'umanità senza qualità il passo è ineluttabile.
ibidem

I veri benemeriti dell'umanità sono coloro che non pretendono di imporre la propria ricetta per renderla felice.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

L'uomo che non è riuscito a debellare le mosche saprebbe invece sterminare l'umanità.
ibidem

Recinti steccati barriere muraglie confini, simboli deprimenti di un'umanità prigioniera di gretti egoismi e forieri dei ghetti, dei lager dal filo spinato e di inquietanti stimoli alle menti corazzate di ottusità.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

Se fosse vero che le sofferenze rendono migliori, l'umanità avrebbe raggiunto la perfezione.
ibidem

Solo una nevicata universale potrebbe ridare candore all'umanità.
ibidem

Una deprimente caratteristica del nostro tempo è l'accresciuta crudeltà dovuta a un rapido calo del livello civile e umano. Non più tramonto del solo Occidente, bensì declino inarrestabile di tutta l'umanità.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

La storia dell'umanità non è che un lungo sbadiglio di noia.
Alberto Moravia, La romana, 1947

Sì, Gesù Cristo sulla croce. Ma a somiglianza di tutto il resto dell'umanità.
Guido Morselli, Diario  1963

L’umanità impiega spietatamente ogni singolo come materiale per riscaldare le sue grandi macchine: ma a che scopo le macchine, se tutti gli individui (cioè l’umanità) servono solo ad alimentarle? Macchine che sono fine a sé – è questa l’umana commedia?
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano, 1878

Forse l'esperienza giova a questo o a quell'uomo. All'umanità non giova a niente.
Ugo Ojetti, Sessanta, 1937

Bastano alcune grandi menti per dotare l'umanità di un potere mostruoso, ma, per renderla degna di servirsene, non bastano alcuni grandi cuori.
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1954

Claude Bernard diceva morendo: «lo non mi lamento di soffrire, ma di soffrire per niente...» Altrettanto potrebbe dire l'umanità.
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1954

L'eterno ritornello dell'umanità: ancora un piccolo massacro, e tutto andrà per il meglio...
ibidem

A volte l'umanità assomiglia a una ragazzina. Se le si accosta un grand'uomo cade nell'imbarazzo, corre nella sua stanza e riprende a giocare con le bambole.
Arthur Schnitzler, Il libro dei motti e delle riflessioni, 1927

Che l’umanità serva a qualcosa, ancora nessuno è riuscito a dimostrarcelo.
Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

Considerare ragione e coscienza qualità che rendono l’umano l’essere più nobile della terra, è una delle tante presunzioni dell’umanità.
Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

Carne da macello, nient’altro, a volte, mi sembra questa povera umanità.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

E se l’umanità fosse per dio soltanto un’invenzione che gli è sfuggita di mano?
Giovanni Soriano, ibidem

L’effetto più evidente esercitato dall'umanità sulla Terra nel corso della sua storia, e che perdurerà per qualche tempo ancora dopo la sua provvidenziale estinzione, è sicuramente quello di averla resa più brutta e invivibile.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

L’umanità è lo scotto che la Natura è costretta a pagare per non essersi limitata alla sola vita vegetale.
Giovanni Soriano, ibidem

L’umanità può essere divisa in due categorie: quella di chi divide l’umanità in categorie e quella di chi non lo fa.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

L’umanità sarebbe dunque la dimostrazione che neppure a un dio riesce di bastare a sé stesso?
Giovanni Soriano, ibidem

Uno dei tratti più indisponenti – e allo stesso tempo più ridicoli – delle religioni, è quello della spropositata importanza che conferiscono all'umanità, considerata, senza alcun pudore, fine e centro d’ogni cosa. Dio è un bieco antropocentrismo.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Possiamo sperare soltanto nel progresso. È dal progresso, infatti, che possiamo augurarci la liberazione dell’umanità da sé stessa prima della sua troppo lontana estinzione naturale.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

L’umanità è messa talmente male, che ormai soltanto una catastrofe la può salvare.
Giovanni Soriano, ibidem

Vedo un futuro roseo per l’umanità – sí, roseo come la pelle di un maiale all’entrata di un mattatoio.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

L'umanità io l'ho divisa in due categorie di persone: uomini e caporali. La categoria degli uomini è la maggioranza, quella dei caporali per fortuna è la minoranza. Gli uomini sono quegli esseri costretti a lavorare tutta la vita come bestie, senza vedere mai un raggio di sole, senza la minima soddisfazione, sempre nell'ombra grigia di un'esistenza grama. I caporali sono appunto coloro che sfruttano, che tiranneggiano, che maltrattano, che umiliano. Questi esseri invasati dalla loro bramosia di guadagno li troviamo sempre a galla, sempre al posto di comando, spesso senza avere l'autorità, l'abilità o l'intelligenza, ma con la sola bravura delle loro facce toste, della loro prepotenza, pronti a vessare il povero uomo qualunque.
Totò (Antonio De Curtis), in Siamo uomini o caporali?, 1955

La nostra vera nazionalità è l'umanità.
Herbert George Wells, The Outline of History, 1919

È perché l’Umanità non ha mai saputo dove stesse andando che è stata in grado di trovare la sua strada.
Oscar Wilde, Il critico come artista, 1889

L'umanità si prende troppo sul serio. È il peccato originale del mondo. Se l'uomo delle caverne fosse stato capace di ridere, la storia sarebbe stata diversa.
Oscar Wilde, Il ritratto di Dorian Gray, 1891

L'uomo è misura di tutte le cose: di quelle che sono, in quanto sono,
di quelle che non sono, in quanto non sono. (Protagora)
2. Genere umano
© Aforismario

Il genere umano è attratto dai cani perché sono così simili all'uomo; affezionati, confusi, facilmente delusi, avidi di divertimento, grati per ogni gentilezza e per la minima attenzione.
Pam Brown (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

L'autorità, sotto qualunque forma essa si presenti, sarà sempre la peste del genere umano.
Carlo Cafiero, Rivoluzione: anarchia e comunismo, in Gian Carlo Maffei, Dossier Cafiero, 1974

Di tutti i flagelli da cui è afflitto il genere umano la tirannia ecclesiastica è il peggiore.
Daniel Defoe, Il vero inglese, 1701

Dal progresso delle scienze dipende in modo diretto il progresso complessivo del genere umano. Chi frena il primo frena anche il secondo.
Johann Gottlieb Fichte, Sulla missione del dotto, 1794

Il genere umano, che ha creduto e crederà tante scempiataggini, non crederà mai né di non saper nulla, né di non essere nulla, né di non aver nulla a sperare.
Giacomo Leopardi, Dialogo di Tristano e di un Amico, in Operette morali, 1827/34

Il genere umano e, dal solo individuo in fuori, qualunque minima porzione di esso, si divide in due parti: gli uni usano prepotenza, gli altri la soffrono.
Giacomo Leopardi, Pensieri, 1845 (postumo)

L'ottimismo è l'oppio del genere umano.
Milan Kundera, Lo scherzo, 1967

Il mio primo dovere è di cominciare, finalmente, a vivere come membro del genere umano, che non è più ridicolo di quanto io sia. E il mio primo atto umano è quello di riconoscere di quanto io sia debitore a tutti gli altri.
Thomas Merton, Il segno di Giona, 1953

Ciò che distingue il genere umano dal regno animale è che in quest'ultimo è sconosciuta la malvagità fine a sé stessa.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

Quale divinità sarebbe mai potuta arrivare a compromettersi fino al punto di creare un genere umano cosí poco degno? Potrà sembrare paradossale, ma l’esistenza dell’umanità è davvero la principale obiezione alla possibile esistenza di un dio.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Quando l'ordine domina nel genere umano è la prova che la ragione e la virtù vi prevalgono.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

3. Natura Umana
© Aforismario

Umore instabile e incoerenza sono le maggiori debolezze della natura umana.
Joseph Addison, su The Spectator, 1711/12

La natura umana è così disposta verso coloro che si trovano in situazioni interessanti, che una ragazza può essere sicura che si parla bene di lei se si sposa o se muore.
Jane Austen, Emma, 1815

Siamo per natura così superficiali, che soltanto le distrazioni ci possono impedire davvero di morire.
Louis-Ferdinand Céline, Viaggio al termine della notte, 1932

La natura umana ha i suoi limiti: essa può sopportare la gioia, la sofferenza, il dolore fino a un certo punto, e soccombe se questo è oltrepassato.
Johann Wolfgang Goethe, I dolori del giovane Werther, 1774

Soltanto l’umorismo (la trovata forse più singolare e geniale dell’umanità) compie l’impossibile, illumina e unisce tutte le zone della natura umana.
Hermann Hesse, Il lupo della steppa, 1927

Non fare mai appello alla "miglior natura" di un uomo. Può darsi che non l'abbia. È più conveniente fare appello al suo interesse.
Robert Anson Heinlein, Lazarus Long l'Immortale, 1973

La natura umana non è una macchina da costruire secondo un modello e da regolare perché compia esattamente il lavoro assegnato, ma un albero, che ha bisogno di crescere e di svilupparsi in ogni direzione, secondo le tendenze delle forze interiori che lo rendono una persona vivente.
John Stuart Mill, Sulla libertà, 1859

La più spaventosa idea che abbia mai corroso la natura umana è quella della punizione eterna.
John Morley, Critical Miscellanies, 1886

L'uomo è per natura credulo, incredulo, pauroso, temerario.
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

Non è nella natura dell'uomo avanzare sempre; essa ha i suoi andare e venire.
ibidem
L'uomo: un microbo pieno di problemi. (Roberto Gervaso)
4. Essere Umano (Uomo e Donna)
© Aforismario

È difficile essere uomini, difficile nello stesso tempo essere la terra e il sale della terra, la vita e il senso della vita.
Sebastiano Addamo, Un uomo fidato, 1978

L'uomo è il prodotto dei suoi errori.
Corrado Alvaro, Quasi una vita, 1950

Per ciascuno di noi v'è un giorno, più o meno triste, più o meno lontano, in cui deve infine accettare di essere uomo.
Jean Anouilh, Antigone, 1942

Gli uomini sono nati gli uni per gli altri. Ammaestrali dunque o sopportali.
Marco Aurelio, Pensieri, 166/79

L'uomo di Neanderthal è stato scoperto molto tardi. D'altronde lo stesso Neanderthal non è che ci tenesse a far sapere che stava con un uomo.
Anatolj Balasz [1]

Ovunque sono uomini, lì dimoreranno anche dèi.
Gottfried Benn, Problemi della lirica, 1951

Gli uomini camminano insieme, parlano insieme, dormono insieme, ma non si conoscono. Se gli uomini si conoscessero non camminerebbero insieme, non parlerebbero insieme, non dormirebbero insieme.
Thomas Bernhard, Perturbamento, 1967

Che cos'è l'uomo, quando ci pensi, se non una macchina complicata e ingegnosa per trasformare, con sapienza infinita, il rosso vino di Shiraz in orina?
Karen Blixen, Sette storie gotiche, 1934

Ogni uomo è un abisso, a uno gira la testa se ci guarda dentro.
Georg Buchner, Woyzeck, 1836/37 (incompiuto e postumo, 1879)

Il mondo fa di noi uomini (e donne) dei pazzi, e perfino i santi sono dei dementi, non si salva niente. Così vaffanculo.
Charles Bukowski, Taccuino di un vecchio sporcaccione, 1969

Nel vocabolario comune l'aggettivo "umano" equivale a "buono". Presunzione del primate chiamato uomo.
Francesco Burdin, Un milione di giorni, 2001

Negli uomini, le cose da ammirare sono più di quelle da disprezzare.
Albert Camus, La peste, 1947

L'uomo è la sola creatura che si rifiuta di essere ciò che è.
Albert Camus, L'uomo in rivolta, 1951

L'uomo non è del tutto colpevole, poiché non ha cominciato la storia; né del tutto innocente, poiché la continua.
Albert Camus, Taccuini, 1935/59 (postumo 1962/89)

Facile essere Dio. Difficile è essere uomini.
Pino Caruso, Ho dei pensieri che non condivido, 2009

L'uomo non può cambiare, né prendere un'altra strada; può soltanto finire male.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

L'uomo emana un odore speciale: fra tutti gli animali, soltanto lui puzza di cadavere.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

Permettendo l'uomo, la natura ha commesso molto più che un errore di calcolo: ha commesso un attentato contro se stessa.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

Non è grave se gli uomini non ti conoscono, è grave se tu non conosci gli uomini.
Confucio, Dialoghi, ca. 479/221 a.e.c. (postumo)

Tutti gli uomini sono fratelli e perciò sanno troppe cose l'uno sul conto dell'altro.
Joseph Conrad, Caspar Ruiz, 1906

Gli uomini sono tutti uguali; solo gli stipendi sono diversi.
Brana Crnčević (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Gli uomini non conoscono la propria felicità, ma quella degli altri non gli sfugge mai.
Pierre Daninos, Un certo signor Blot, 1960

Dopo aver definito l'uomo dobbiamo immediatamente modificare la nostra definizione, perché la coscienza di tale definizione lo trasforma.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

I professionisti della venerazione dell'uomo si sentono autorizzati a disprezzare il prossimo.
ibidem

L'assenza dell'uomo è la condizione ultima della perfezione di tutte le cose.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

L'etica ci proibisce di considerare gli uomini come mezzi e l'Uomo come fine.
ibidem

L'uomo crede che la sua impotenza sia misura di tutte le cose.
ibidem

Se l'unico fine dell'uomo è l'uomo, deriva da questo principio una vana reciprocità, come il mutuo
riflettersi di due specchi vuoti.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

L'uomo è il rifugio più fragile dell'uomo.
ibidem

Per giustificare i suoi attentati contro il mondo, l'uomo ha deciso che la materia è inerte.
ibidem

Per sfidare Dio l'uomo gonfia il proprio vuoto.
ibidem

Si può spiegare il mondo a partire dall'uomo, ma non l'uomo a partire dal mondo. L'uomo è una realtà data, il mondo un'ipotesi che inventiamo.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Gli uomini [...] devonsi più tosto pesare con la stadera del mugnaio che con la bilancia dell'orafo; ed è convenevol cosa lo esser presto di accettarli non per quello che essi veramente valgono, ma, come si fa delle monete, per quello che corrono.
Giovanni Della Casa, Galateo overo de' costumi, 1558 (postumo)

L'uomo è un piccolo mondo.
Democrito di Abdera, Frammenti, V-IV sec. a.e.c.

Credo che la migliore definizione che si possa dare dell'uomo sia questa: creatura bipede e ingrata!
Fëdor Dostoevskij, Memorie dal sottosuolo, 1864

Gli uomini non dovrebbero riflettere tanto su ciò che devono fare, dovrebbero piuttosto pensare a quello che devono essere.
Meister Eckhart, Istruzioni spirituali, ca. 1300

Dobbiamo fare del nostro meglio. È questa la nostra sacra responsabilità di esseri umani.
Albert Einstein, in conversazione, 1940

Gli uomini si dividono in due schiere: quelli che nascono perché il loro destino è di vivere e quelli che nascono perché il loro destino è di morire.
Andrea Emo, Quaderni, 1932 (postumo, 2007)

Gli uomini sono agitati e turbati, non dalle cose, ma dalle opinioni che hanno delle cose.
Epitteto, in Arriano di Nicomedia, Manuale, II sec.

Cane non mangia cane; «i feroci leoni non si fanno guerra»; il serpente non aggredisce il suo simile; v'è pace tra le bestie velenose. Ma per l'uomo non c'è bestia più pericolosa dell'uomo.
Erasmo da Rotterdam, Adagia, 1500

La possibilità che Dio non esista non è ancora un motivo per credere negli uomini.
Franz Fischer, Aforismi, 1979

L'uomo è un'invenzione di cui l'archeologia del nostro pensiero mostra chiaramente la data recente. E forse la fine prossima.
Michel Foucault, Le parole e le cose, 1966

Il compito principale nella vita di un uomo è di dare alla luce sé stesso.
Erich Fromm, Dalla parte dell'uomo, 1947

Andare d'accordo con gli uomini significa fingere di non vedere i loro vizi o difetti.
Angelo Gatti, Le massime e i caratteri, 1934

L'uomo: un microbo pieno di problemi.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Il fine dell'uomo è la ricerca d'un fine.
ibidem

L'uomo è l'unico condannato a morte che non possa inoltrare domande di grazia.
ibidem

L'uomo è solo. E questo spiega perché si ami tanto.
ibidem

Se l'uomo conoscesse i propri limiti vivrebbe ancora nelle caverne.
ibidem

L'uomo è nato per soffrire. E ci riesce benissimo.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Gli uomini sono, credo, di tre specie: uno è quello che maledice la vita, l’altro è chi la benedice, e l’altro è chi la contempla. Ho amato il primo per la sua infelicità, il secondo per la sua bontà, e il terzo per la sua saggezza.
Kahlil Gibran, Il mio giorno di nascita, 1908

L'uomo non comprenderà mai quanto egli sia antropomorfico.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Per giudicare gli uomini bisogna conoscere, non solamente ciò ch'ei sono, ma ancora ciò che s'immaginano di essere, e ciò che vorrebbero essere.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

Per gli uomini non esiste nessunissimo dovere, tranne uno: cercare sé stessi, consolidarsi in sé, procedere a tentativi per la propria via ovunque essa conduca.
Hermann Hesse, Demian, 1919

La maggior parte degli uomini sono come una foglia secca, che si libra nell'aria e scende ondeggiando al suolo. Ma altri, pochi, sono come le stelle fisse, che vanno per un loro corso preciso, e non c'è vento che li tocchi, hanno in sé stessi la loro legge e il loro cammino.
Hermann Hesse, Siddharta, 1922

Ogni essere umano è qualcosa di personale e di irripetibile; voler sostituire al posto della coscienza personale una collettiva è già una violenza, e il primo passo verso ogni forma di totalitarismo.
Hermann Hesse, Lettere 1895-1962 (postumo 1973-1986)

Non resta niente di noi: la nostra opera è un problema. / L'uomo, fantasma errante, passa senza lasciare neppure / la sua ombra sul muro.
Victor Hugo, Le foglie d'autunno, 1831

Quasi tutti gli uomini vivono fisicamente, intellettualmente o moralmente entro il cerchio d’una parte assai ristretta del loro essere potenziale. Fanno uso d’una piccolissima porzione della loro coscienza possibile e in generale delle loro risorse spirituali, più o meno come un uomo che contraesse l’abitudine di usare e muovere, del suo intero organismo, soltanto il dito mignolo. Situazioni d’emergenza e crisi ci dimostrano che possediamo risorse vitali assai superiori a quanto supponessimo.
William James, Lettere, 1920 (postumo)

Gli uomini sono tanti sonnambuli che bevono, mangiano, trafficano, costruiscono, stipulano contratti, amministrano i propri beni, hanno amici, nemici, piaceri, pene, preoccupazioni, e nascono, crescono, vivono e muoiono, ma sempre dormendo.
Joseph Joubert, Pensieri, 1838 (postumo)

Il diavolo è un ottimista se crede di poter peggiorare gli uomini.
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

Quando i diritti dell'uomo non c'erano ancora, li aveva il privilegiato. Questo era inumano. Poi fu stabilita l'eguaglianza, in quanto si tolsero al privilegiato i diritti dell'uomo.
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

Non avventiamoci contro gli uomini, scorgendone la durezza, l’ingratitudine, l’ingiustizia, la fierezza, l’amore di se stessi e l’oblio degli altri; sono fatti così, è la loro natura: sarebbe come non poter tollerare che il sasso cada o il fuoco s’innalzi.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

I bambini sono altezzosi, sprezzanti, collerici, invidiosi, curiosi, interessati, volubili, pavidi, intemperanti, bugiardi, finti; ridono e piangono con facilità; hanno gioie smodate e afflizioni amare per inezie; non vogliono soffrire fisicamente, ma piace loro far soffrire: sono già uomini.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

Spesso l'uomo crede di guidarsi e invece è guidato; e mentre con la mente tende a una meta, il cuore insensibilmente lo trascina verso un'altra.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

È più facile conoscere l'uomo in generale che conoscere un uomo in particolare.
ibidem

Da quando si è messo in piedi sugli arti posteriori, l'uomo non sa più riacquistare l'equilibrio.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

Non fidatevi degli uomini! Sono capaci di grandi cose.
ibidem

L'uomo – persona non grata.
ibidem

Gli uomini hanno i riflessi lenti; in genere capiscono solo nelle generazioni successive.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

Gli uomini sarebbero felici se non avessero cercato e non cercassero di esserlo.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

Il mondo è cominciato senza l’uomo e finirà senza di lui.
Claude Lévi-Strauss, Tristi tropici, 1955

Creatura quanto mai strana è l'uomo: insaziabile, sempre inappagato, irrequieto, mai in pace con Dio o con se stesso, di giorno tende senza posa a inutili mete, di notte si abbandona a un'orgia di desideri proibiti e malvagi.
Jack London, Il vagabondo delle stelle, 1915

Un uomo è la somma dei suoi atti, di quel che ha fatto, di quel che può fare. E basta.
André Malraux, La condizione umana, 1933

Tutti gli uomini assomigliano al loro stesso dolore.
ibidem

Per fare un uomo non ci vogliono nove mesi, ci vogliono cinquant'anni, cinquant'anni di sacrifici, di volontà, di... tante cose. E quando quest'uomo è fatto, quando in lui non c'è nulla né dell'infanzia né dell'adolescenza, quando è proprio un uomo, non è buono che per morire.
André Malraux, La condizione umana, 1933

L'uomo è ciò che fa!
André Malraux, Gli alberi di noce di Altenburg, 1943

“Ma chi è l’uomo medio?” [...] “È colui che ha negato per secoli che la terra girasse, che ha gettato nel rogo le streghe ed ha bruciato in piazza i pazzi; che ha massacrato Pisacane e gli eroi del Risorgimento. È colui che è destinato ad essere smentito dalla storia, dalla vita e dalla scienza mentre la Società si evolve e si trasforma!” Vuoi vedere che l’uomo medio sono io?
Marcello Marchesi, Il malloppo, 1971

L’uomo è nato per soffrire. Se non soffre, soffre.
ibidem

L'uomo non è un essere naturale: è un essere naturale umano.
Karl Marx, Manoscritti economico-filosofici del 1844, (Postumo, 1932)

Gli uomini galleggiano alla superficie della società come un ago sulla superficie dell'acqua – per l'equilibrio delle forze molecolari; ma un lieve soffio basta a farli sommergere per sempre e a far veder loro com'era malsicuro il loro fondamento di fronte alla necessità, ch'essi s'illudevano d'aver superato.
Carlo Michelstaedter, Taccuini e appunti, 1905/10 (postumo)

Gli uomini si danno in affitto. Le loro facoltà non sono per loro, ma per quelli a cui si asserviscono.
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/95

Gli uomini non sanno apprezzare e misurare che la fortuna degli altri. La propria, mai.
Indro Montanelli, Storia dei Greci, 1959

Uomini e meloni hanno questo in comune, che dal di fuori non si capisce se sono buoni.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

L'uomo forse è perfettibile, ma è certo che l'umanità non ne trarrà beneficio.
ibidem

Gli uomini, se qualcuno gli fa un brutto tiro, lo scrivono nel marmo; ma se qualcuno gli fa un favore, lo scrivono sulla sabbia.
Thomas More, Storia di re Riccardo III, XVI sec. (postumo)

Negli uomini, non esiste veramente che una sola coerenza: quella delle loro contraddizioni.
Guido Morselli, Diario, 1988 (postumo)

Non tutti gli uomini sono capaci di grandi cose, ma tutti sono sensibili alle grandi cose.
Alfred de Musset, Lorenzaccio, 1833

Divenire uomo è un'arte.
Novalis, Frammenti, 1795/1800

Tal e quale la stirpe delle foglie è la stirpe degli uomini.
Omero, Iliade, ca. IX sec. a.e.c.

L'uomo non è che un fuscello, il più debole della natura, ma è un fuscello che pensa.
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

L'uomo non è angelo né bestia, ma disgrazia vuole che chi vuole fare l'angelo faccia la bestia.
ibidem

Sono sicuro che se tutti gli uomini sapessero ciò che dicono gli uni degli altri, non ci sarebbero quattro amici al mondo.
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

L'essere umano è fatto così: nella miseria più nera basta la gioia di un minuto per rinfrancarlo, e nei momenti di gioia maggiore lo abbatte la prospettiva più lontana, ancora al di là dell'orizzonte, di una disgrazia.
Jean Paul, Setteformaggi, 1796/97

L’uomo perfetto dei pagani era la perfezione dell’uomo che esiste; l’uomo perfetto dei cristiani era la perfezione dell’uomo che non esiste; l’uomo perfetto dei buddisti la perfezione della non esistenza dell’uomo.
Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine, 1982 (postumo)

Ben scrisse un sofista greco, che l'uomo è la misura delle cose: ma si dimenticò che le cose sono misura dell'uomo.
Giuseppe Prezzolini, Filosofia del nulla, 1980

L'uomo è misura di tutte le cose: di quelle che sono, in quanto sono, di quelle che non sono, in quanto non sono.
Protagora, in Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, III sec.

L'uomo? È una cosa che trema.
João Guimarães Rosa, Grande Sertão, 1956

L'uomo è un miracolo privo d'interesse.
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1954

L'uomo può permettersi tutte le speranze, anche quella di scomparire.
ibidem

Comunque, ragazzi, ricordatevi che qualunque cosa vi succederà nella vita, per essere uomini occorrono le due cose che Kant fece incidere sulla sua tomba: “Il cielo stellato sopra di me, e la legge morale dentro di me”.
Luciano Sandulli (Silvio Orlando), in Il portaborse, 1991

L'uomo è una passione inutile.
Jean Paul Sartre, L'essere e il nulla, 1943

È uno qualunque; ma al suo primo passo una madre gioì, una donna gli tremò tra le braccia, un figlio lo piangerà. Nessuno può avere di più.
Camillo Sbarbaro, Fuochi fatui, 1956

Gli uomini nei loro reciproci rapporti fanno sempre come la luna e i gobbi, non ci mostrano cioè che un solo lato.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Finché l'uomo si considera importante i suoi occhi sono ciechi, incapaci di vedere il cielo.
Isaac Bashevis Singer, Racconti, 1982

Felice è l'uomo che sa rinnovarsi insieme al creato.
Isaac Bashevis Singer (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

L’umano è l’essere piú incontentabile di questo mondo; l’unico capace di essere scontento anche quando è felice.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Gli uomini si capiscono solo nella misura in cui sono animati dalle stesse passioni.
Stendhal, Commentaires sur quelques pièces de Molière, 1897 (postumo)

Gli uomini sono più ottusi che perversi, e i cattivi sono anche più ciechi che cattivi.
Sofia Swetchine, XIX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Sono uomo: non considero nulla di ciò che è umano come cosa che possa non toccarmi.
Publio Terenzio Afro, Il punitore di se stesso, 163 a.e.c.

Finché l'essere umano conserva un soffio di vita, può perfezionarsi ed essere utile agli altri uomini. Ma egli può esser utile agli altri uomini, solo perfezionandosi e può perfezionarsi, solo rendendosi loro utile.
Lev Tolstoj, Sul suicidio, 1890

Quello che c'è di più profondo nell'essere umano è la pelle.
Paul Valéry, L'idea fissa, 1931

Tutti gli uomini nascono sinceri e muoiono bugiardi.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

Gli uomini, per la maggior parte, sono come la calamita: hanno un lato che attira e un lato che respinge.
Voltaire, Quaderni, XVIII sec. (postumo, 1952)

Il soffitto di un uomo è il pavimento di un altro uomo.
Robin Williams

L'uomo è un'istituzione che ha contro di sé il tempo, la necessità, la fortuna e l'imbecille e sempre crescente supremazia del numero.
Marguerite Yourcenar, L'opera al nero, 1968

Il vero bene comune degli uomini è l'uomo stesso.
Maurice Zundel, Vita, morte, risurrezione, 1961/72 (postumo 1995)

5. Uomo moderno
© Aforismario

Nell’uomo civile moderno convivono un bimbo, un selvaggio e una bestia.
Vannuccio Barbaro, Scartafacci (postumo, 2012)

Una sola frase basterà a descrivere l'uomo moderno: egli fornicava e leggeva i giornali.
Albert Camus, La caduta, 1956

L'uomo moderno non ama, si rifugia nell'amore; non spera, si rifugia nella speranza; non crede, si rifugia in un dogma.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

L'uomo moderno non si sente mai così individuo come quando fa le stesse cose che fanno tutti.
ibidem

La carità dell'uomo moderno non consiste nell'amare il prossimo come sé stesso, ma nell'amare sé stesso nel prossimo.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Il luogo comune tradizionale scandalizza l'uomo moderno. Il libro più sovversivo nel nostro tempo sarebbe una raccolta di vecchi proverbi.
Nicolás Gómez Dávila, ibidem

L'uomo moderno è un prigioniero che si crede libero perché evita di toccare i muri della cella.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

La felicità dell'uomo moderno: guardare le vetrine e comprare tutto quello che può permettersi, in contanti o a rate.
Erich Fromm, L'arte di amare, 1956

L'uomo moderno pensa di perdere qualcosa − del tempo − quando non fa le cose in fretta; però non sa che fare del tempo che guadagna, tranne ammazzarlo.
Erich Fromm, L'arte di amare, 1956

La fretta come costante esistenziale dell'uomo moderno è strettamente connessa con una irriducibile "passione futuro-logica", a sua volta legata alla moderna aspirazione ad affrettare il più possibile il raggiungimento di un avvenire considerato come luogo di realizzazione di progetti di emancipazione e di perfezionamento.
Diego Fusaro, Essere senza tempo, 2010

La preghiera del mattino dell'uomo moderno è la lettura del giornale. Ci permette di situarci quotidianamente nel nostro mondo storico.
Georg Wilhelm Friedrich Hegel, Scritti e bozze, 1799-1808

Tutto è stato detto, e si arriva troppo tardi da più di settemila anni da quando ci sono degli uomini che pensano. Per quanto riguarda i costumi, il più bello e il migliore è còlto. Non facciamo che spigolare dopo gli antichi, e i capaci tra i moderni.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

Gli uomini moderni vivono in uno stato di perpetua tensione prodotta dall'insicurezza, dalla guerra sempre incombente, dall'incessante rumore; essi non possono liberare questa tensione in modo naturale, e così cercano distrazioni; ci sono alcuni uomini, specialmente gli introvertiti, che non possono liberarsi dalla loro tensione, e così tentano di darle un nome, di spiegarla. Che la chiamino nausée con Sartre o Angst con Heidegger non c'è grande differenza. La tensione comunque non si esaurisce.
Donald Nicholl, Il pensiero contemporaneo, 1952

In principio erano i mezzomini, cioè mezze bestie che però, con l'andar del tempo, diventarono, almeno in parte, grandi uomini, cioè eroi. Nei tempi moderni sono spariti via via i gentiluomini, i valentuomini, i galantuomini, e finalmente son quasi scomparsi perfino gli uomini. Ora son rimasti sulla scena i sottomini che stanno fantasticando intorno ai superuomini.
Giovanni Papini, La spia del mondo, 1955

L'uomo moderno è troppo realista, troppo sapiente per credere in Dio. Troppo terra-terra per credere alle leggende. Troppo conoscitore della vita per aver fiducia nel prossimo. Mi domando e dico perché diavolo sta al mondo!
John Secondari, Tre soldi nella fontana, 1952

L'eroe antico era quello che affrontava la morte: l'eroe moderno è colui che accetta la vita.
Ardengo Soffici, Giornale di bordo, 1915

Come pretendere che un moderno (di una certa cultura) abbia la minima fermezza nel credere all'anima, a Dio, ecc.? − anche se crede?
Paul Valéry, Quaderni, 1894/1945 (postumi, 1957/61)

6. "L'uomo è un animale..."
© Aforismario

L'uomo è per natura un animale politico.
Aristotele, Politica, IV sec. a.e.c.

L'uomo è per natura un animale socievole.
ibidem

L'uomo è un animale bipede raziocinante.
Boezio, Consolazione della filosofia, 524

L'uomo è per costituzione un animale religioso.
Edmund Burke, Riflessioni sulla rivoluzione francese, 1790

L'uomo, l'animale che si ricorda di quello che uccide.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973

L'uomo è un animale metafisico, il quale vorrebbe che l'universo esistesse solo per lui, ma l'universo lo ignora, e l'uomo si consola di questa indifferenza popolando lo spazio di dèi, dèi fatti a sua immagine.
Albert Caraco, Breviario del Caos, 1982 (postumo)

L’uomo è per natura un animale politico... tanto è vero che spesso l’uomo politico è una bestia.
Alfredo Chiappoli [1]

L'uomo è un animale che immagina di essere uomo.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

L'uomo è un animale sociale che detesta i suoi simili.
Eugène Delacroix, Diario, 1822/63 (postumo, 1893)

L'uomo è l'unico animale per il quale la sua stessa esistenza è un problema che deve risolvere.
Erich Fromm, Dalla parte dell'uomo, 1947

L'uomo è un animale assurdo, e perciò chi vorrà governarlo con la ragione, lo governerà malissimo.
Ferdinando Galiani, Lettere, XVIII sec.

L'uomo è un animale "arrivato", ecco tutto.
Rémy de Gourmont, Passeggiate filosofiche, 1905/09

L'uomo è un animale che finge, e non è mai tanto sé stesso come quando recita.
William Hazlitt, Note su un viaggio attraverso la Francia e l'Italia, 1826

L'uomo, animale senz'anima.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

L'uomo è un bipede implume.
Platone, in Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, III sec.

L'uomo è un animale dotato di ragione: il suo bene lo attua appieno, se adempie al fine per cui è nato. Che cosa esige da lui questa ragione? Una cosa facilissima: che viva secondo la natura che gli è propria.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62-65

Nell’umano è stato visto, di volta in volta, l’animale politico, l’animale sociale, l’animale ragionevole, l’animale religioso e cosí via; da parte mia, nell’umano vedo soprattutto l’animale ipocrita – un gradino sotto la iena quanto a simpatia e molto sopra il verme quanto a viscidità.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Si può considerare l'uomo come un animale di specie superiore che produce filosofie e poesie pressappoco come i bachi da seta fanno i loro bozzoli e le api fanno i loro alveari.
Hippolyte Taine, La Fontaine e le sue favole, 1860

Checché se ne dica, l'uomo è un animale irragionevole, ma, fortunatamente per il suo amor proprio, la donna lo è ancor di più.
Edmond Thiaudière, La preda del Nulla, 1886-1928

L'uomo, da scimmia qual è, è un animale sociale e considera il clientelismo, il nepotismo, gli intrallazzi e il pettegolezzo, modelli intrinseci di comportamento etico.
Carlos Ruiz Zafón, L'ombra del vento, 2001

Proverbi sull'Uomo (Essere umano)
  • Chi disse uomo disse miseria.
  • Dove ci son uomini è mondo.
  • Due son le razze degli uomini: i divoranti e i divorati.
  • Felice l'uomo che può fare senza del medico e dell'avvocato.
  • Gli uomini son viaggiatori avviati verso la fossa.
  • L’uomo propone e Dio dispone.
  • L’uomo più sa più vuol sapere.
  • L'uomo fu creato per lavorare, come l'uccello per volare.
  • L'uomo è tre volte fanciullo: quando nasce, quando si sposa e quando invecchia.
  • L’uomo propone e Dio dispone.
  • Nessuno è più che uomo.
  • Per tre cose si distingue l'uomo: per la sua persona, per la sua sorte e per i suoi meriti.
  • Quello che l'uomo è in piccolo, è un popolo in grande.
  • Se il grande fosse valente, il piccolo paziente, e il rosso leale, ognun sarebbe uguale.
  • Se vuoi conoscere l’uomo fallo ricco o potente.
  • Terribile quell'uomo che non ha nulla da perdere.
  • Tutti gli uomini sono fratelli.
  • Uomo avvisato mezzo salvato.
  • Uomo che molto abbaia sa men di quel che paia.
Note
  1. Battuta tratta da Gino e Michele, Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano. Opera omnia, Baldini e Castoldi, 1995.
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Uomini e Donne - Filantropia - Misantropia

Nessun commento: