Corna e Cornuti - Frasi e battute divertenti

Raccolta di aforismi, frasi celebri, proverbi e battute divertenti sul mettere le corna (o cornificare) e i cornuti. Com'è facile intuire, con il termine "corna" qui non si fa riferimento alle escrescenze presenti sul capo di alcuni animali, ma quelle che crescono metaforicamente sulla testa di un partner tradito. Di solito il termine "cornuto" è usato al maschile e non al femminile, e in maniera spregiativa o offensiva. Il termine deriva dal maschio della capra, munito di corna, chiamato becco, e lo stesso termine "becco" è usato come sinonimo di cornuto.
Da non perdere, l'Elenco analitico dei cornuti, redatto da Charles Fourier, il cui link è riportato in fondo alla pagina. Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa dedicate all'infedeltà e all'adulterio.
Le corna sono appannaggio naturale del matrimonio.
Come l'ombra segue il corpo, così le corna seguono gli ammogliati.
(François Rabelais)
1. Corna
© Aforismario

Del matrimonio non mi posso lamentare, almeno fino adesso facendo le corna...
Annamaria Barbera, Sono stata spiegata?, 2003

Quando avremo un bambino, vorrei che avesse i miei occhi, la mia bocca e le tue corna.
Romano Bertola, Le caramelle del diavolo, 1991

Il mondo è pieno di belle donne, ma non tutte ti portano le lasagne da casa, più che altro ti fanno le corna e basta.
Silent Bob (Kevin Smith), in Clerks - Commessi, 1994

− Ho paura che mio marito sia molto malato.
− Per carità, fai le corna.
− Oh! Fosse per quello, non avrebbe neanche un raffreddore.
Gino Bramieri, Io Bramieri vi racconto 400 barzellette, 1976

Alla donna che si ama si possono perdonare anche le corna; a quella che non si ama più, non si perdona nemmeno una minestra salata.
Vittorio Buttafava, La vita è bella nonostante, 1975

Quanti divorzi, o fatti anche peggiori dei divorzi, non si avrebbero dappertutto, se la domestica convivenza del marito con la moglie non si rafforzasse nutrendosi di adulazioni, di scherzi, d'indulgenza, di errori, di dissimulazioni,[...]. Quanti matrimoni ci sarebbero, se il fidanzato saggiamente s'informasse dei passatempi a cui già molto prima delle nozze si dedicava la sua verginella così delicata e pudica in apparenza. E, a celebrazione avvenuta, quanti ne durerebbero, se tante imprese delle mogli non rimanessero ignorate per la negligenza e la sciocchezza dei mariti! E anche questo, a buon diritto, è da attribuirsi alla Follia, a cui si deve se il marito ama la moglie e la moglie il marito, se in casa regna la pace, se il vincolo dura.
Erasmo da Rotterdam, Elogio della follia, 1509

I bigodini femminili attirano le corna come i parafulmini le folgori.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Ci si abitua anche alle corna. Ma meglio non dirlo.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

I più solidi puntelli di un matrimonio sono le corna messe al momento giusto.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

La differenza tra una donna gelosa e una che finge di non esserlo, è che la prima si risparmia molte corna.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

È conforme all'ordine naturale che animali senza denti abbiano le corna: quale meraviglia se succede lo stesso a uomini e donne anziani?
Georg Lichtenberg, Aforismi, 1766/99 (postumo 1902/08)

Lo volete sapere perché la famiglia è in crisi? Ve lo dico io. La famiglia è in crisi perché le corna una volta una se le teneva e tirava avanti tutta la vita e adesso invece manda a stendere il marito, perché una volta a cinquant'anni si appendeva il pisello al chiodo e adesso si balla la rumba fino a novanta
Luciana Littizzetto, La Jolanda furiosa, 2008

Vi sono pur troppo donne, che hanno sposato uomini stupidi, perché eran ricchi e portavano una corona irta di corna nello stemma di famiglia.
Paolo Mantegazza, L'arte di prender marito, 1894

Le «corna» non danno tanto fastidio in quanto tali, ma per quella provocatoria allegrezza che pervade il tuo uomo, quand'è in odor di adulterio. Se poi è innamorato, allora è davvero contento: questo è veramente insopportabile.
Gianni Monduzzi, Il manuale della playgirl, 1985

La caratteristica delle corna è indelebile: a chi si è attaccata una volta, rimane per sempre.
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/95

Tu poi solo scommette che tu moje te mette le corna che vinci de sicuro!
Armando Pellicci "Er Pomata" (Enrico Montesano), in Febbre da cavallo, 1976

Le corna sono appannaggio naturale del matrimonio. Come l'ombra segue il corpo, così le corna seguono gli ammogliati.
François Rabelais, Gargantua e Pantagruel, 1534

Chi se gratta la fronte c'ha le corna pronte!
Ricciotto (Giorgio Gobbi), in Il marchese del Grillo, 1981

Cielo grigio cielo blu ma intanto tu dove sei tu? / E se va avanti così io m’ammazzo lunedì / porca zozza ma lo sai qui il vicinato cosa fa? / quando passo ride e fa: ci ha le corna quello là. / E tu … tu brutta strega a quanti uomini ti dai? / Tua madre invece nega non pensa al male che mi fai...
Stefano Rosso, ...e allora senti cosa fò, 1978

Uniti per sempre da un forte legame corniugale.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

La gelosia come il fuoco può accorciare le corna, ma le fa puzzare.
Jonathan Swift, Pensieri su vari argomenti, 1706/26

"Amare significa godere del godimento altrui". Ecco lo spunto per una filosofia del becco [2] contento.
Italo Tavolato, Zibaldone, 1914/15

Il diavolo si è arrabbiato perché gli ho rotto le corna? Ma non si deve preoccupare, tanto, se è sposato, gli ricrescono.
Totò (Antonio De Curtis), in Totò all'inferno, 1955

− Lei vuole denunciare una nascita? Mi dica, il padre è lei o un altro?
− Altro un corno!
− Appunto, è questo che volevo dire.
Totò (Antonio De Curtis), in Destinazione Piovarolo, 1955

Le corna sono come le scarpe: tutti nella vita ne hanno avuto almeno un paio.
Anonimo

Era una donna virtuosa, ma il caso volle che sposasse un cornuto.
 (Sacha Guitry - foto: Totò)
2. Cornuto
© Aforismario

Meglio essere cornuto che vedovo. Ci sono meno formalità.
Alphonse Allais (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il dramma del cornuto, è il dramma dell'uomo: la conoscenza.
Jean Anouilh, Colomba, 1951

Il dolore del cornuto. Nasce dal suo orgoglio, da un falso ragionamento sull'onore e sulla felicità e da un amore stolidamente stornato da Dio per essere attribuito alle creature. È sempre l’animale adoratore che sbaglia idolo.
Charles Baudelaire, Il mio cuore messo a nudo, 1859/66 (postumo 1887/1908)

"Fesso" è quasi grave come "cornuto". Ma "cornuto" è più grave di tutto.
Capitano Bellodi (Franco Nero), in Il giorno della civetta, 1968

Mio marito è un buono a nulla. Se non ci fossi io non sarebbe neanche capace a essere cornuto.
Romano Bertola, Includetemi fuori, 2003

Scomparsi i delitti d'onore, sono diminuiti gli omicidi e aumentati i cornuti.
Pino Caruso, Appartengo a una generazione che deve ancora nascere, 2014

Un tal uomo nasce e si sviluppa unicamente per prender moglie e, ammogliatosi, immediatamente si trasforma in un accessorio della moglie, perfin nel caso in cui gli accadesse di avere un suo proprio, incontestabile carattere. Principale connotato di un tal marito è il noto ornamento. Non essere cornuto egli non può, esattamente come il sole non può non risplendere; ma egli di questo non soltanto non sa mai nulla, ma non può nemmeno mai venir a sapere per le leggi stesse della natura.
Fëdor Dostoevskij, L'eterno marito, 1870

Si ride del cornuto, del cervo (e quanti altri nomi non gli si danno!), quando asciuga con i baci le lacrime dell'adultera. Ma quanto meglio lasciarsi ingannare così che rodersi di gelosia e volgere tutto in tragedia!
Erasmo da Rotterdam, Elogio della follia, 1509

E chissà se alla fine il destino di Romeo non era quello di essere un cornuto!
Joan Fuster, Giudizi finali, 1960/68

Due cose l'uomo non vorrebbe mai sapere: di essere inguaribilmente malato e pubblicamente cornuto.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Cornuti sono sempre gli altri. Noi, tutt'al più, siamo uomini di mondo.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Se mia moglie mi tradisce con un altro, e me lo dice, il vero cornuto è lui.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Il becco contento è, comunque, contento.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Adulteri si nasce; cornuti si diventa.
Roberto Gervaso, Aforismi, 1994

Ci sono degli uomini tanto piccoli, striminziti e secchi, che in loro non c'è la stoffa di un marito, ma solo il legno di un cornuto.
Edmond e Jules de Goncourt, Diario, 1851-1896 (postumo, 1956)

Era una donna virtuosa, ma il caso volle che sposasse un cornuto.
Sacha Guitry (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il femminile di "cornuto" è "povera donna".
Giorgio Mazzoldi (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Se non essere cornuto vi sembra un gran bene, l'unico modo è non sposarsi affatto.
Molière, La scuola delle mogli, 1662

Non saremmo meno cornuti se temessimo meno di esserlo, secondando la complessione delle donne, poiché il divieto le eccita e le stimola?
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/88

Chi rivela a una donna l'essere potenziale di lei, ne sarà il primo cornuto.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

Quando udrete dire di qualcuno queste tre parole: “Egli è ammogliato” potrete aggiungere queste dodici: “Ergo egli è, o è stato o sarà o può essere cornuto”, senza timore di essere tacciato di imperizia nell'architettare conseguenze naturali.
François Rabelais, Gargantua e Pantagruel, 1534

"Cornuto": strano che questa parolina non abbia il femminile.
Jules Renard, Diario, 1887/1910 (postumo, 1925/27)

L'accusato, può difendersi e dimostrare che mafioso non è. Uno che è cornuto, insomma uno che è stato tradito, è cornuto e basta. Non si può rimediare.
Francesco Saverio Romano, su la Repubblica, 2011

La serva non è più serva ma "colf". Il cieco è un "non-vedente". Il sordo è un "audioleso". Lo spazzino è un "operatore ecologico". Il portantino dell'ospedale è un "paramedico". Non resta che trovare un nuovo nome per il cornuto.
Nantas Salvalaggio (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Non credere che uno è cornuto perché le corna gliele mettono in testa le donne, o si fa prete perché ad un certo punto gli viene la vocazione: ci si nasce.
Leonardo Sciascia, Il giorno della civetta, 1961

Uno scopre le tresche che gli fanno in casa, fa un macello: non è cornuto nato. Ma se fa finta di niente, o con le corna si dà pace: e allora è nato cornuto.
Leonardo Sciascia, Il giorno della civetta, 1961

Non ci sono soltanto certi uomini a nascere cornuti, ci sono anche popoli interi; cornuti dall'antichità, una generazione appresso all'altra.
Leonardo Sciascia, Il giorno della civetta, 1961

Beato vive quel cornuto il quale, conscio della sua sorte, non ama la donna che lo tradisce: ma oh!, come conta i minuti della sua dannazione chi ama e sospetta; sospetta e si strugge d'amore!
William Shakespeare, Otello, 1604

La lumaca ha gli occhi sulle corna. Ma il cornuto non li hanno neppure nelle orbite.
Anacleto Verrecchia, Diario del Gran Paradiso, 1997

I re sono, con i loro ministri, nella situazione dei cornuti con le loro mogli: non sanno mai quel che accade.
Voltaire, Quaderni, XVIII sec. (postumo, 1952)

Proverbi su Corna e Cornuti
  • Al toro vecchio s’allungano le corna.
  • Chi è geloso è becco. [1]
  • Chi ha le corna non se le vede.
  • Chi le porta è l'ultimo a saperlo.
  • Chi guarda la moglie del compagno, cozza con le corna degli altri.
  • Chi piglia bellezze, piglia corna.
  • I becchi peggiori hanno le corna più torte.
  • Il becco si conosce dalle corna.
  • Il bue dice cornuto all'asino.
  • Il cornuto è conosciuto in paese, il coglione dappertutto.
  • Le corna sono come i denti: quando nascono fanno male, ma poi ci si mangia bene.
  • Meglio becco che becca che becco che tribola.
  • Più il becco è vecchio, più grosse ha le corna.
  • Se le corna fossero lampioni, Gesù mio che illuminazione!
  • Signor, cornuto io non sia; se lo son, che mai lo sappia; se lo so, che non lo veda; se lo vedo, non lo creda; e credendo non mi persuada. E se sono, se so, se vedo se credo e me ne persuado... dammi la rassegnazione di portarle in silenzio.
  • Tutti i becchi portano l’anello al dito.
  • Uomo geloso mezzo cornuto.
  • Uomo sospettoso, cornuto nato.
  • Vengano anche le corna, ma che sian d’oro.
Note
  1. Becco: maschio della capra munito di corna; termine usato in senso figurato e spregiativo per indicare l'uomo tradito dalla compagna; sinonimo di cornuto.
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: TradimentoAdulterio - Fedeltà e Infedeltà - Elenco analitico dei cornuti

Nessun commento: