2016-06-07

Disillusione - Frasi sul Disinganno e il Disincanto

Raccolta di aforismi e frasi celebri sulla disillusione, il disincanto e il disinganno, tutte sensazioni spiacevoli che sopraggiungono quando la realtà delude le aspettative e si ha non soltanto la perdita di un’illusione, ma anche la cessazione della possibilità di illudersi. Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulla delusione e sull'illusione.
L'avvenire è di coloro che non sono disillusi. (Georges Sorel)
1. Disillusione
© Aforismario

Nella nostra società essere povera, brutta e per giunta intelligente condanna a percorsi cupi e disillusi a cui è meglio abituarsi quanto prima.
Muriel Barbery, L'eleganza del riccio, 2006

Guai agli spiriti capaci di analisi! Essi hanno la disillusione per pane quotidiano.
Adélaïde-Louise d'Eckmühl de Blocqueville, Rose di Natale, 1884

C'è l'accesso di sconforto che porta al suicidio – l'accesso di pazzia che porta all'omicidio – l'accesso di mania religiosa che porta al convento e finalmente l'accesso d'entusiasmo che porta, dicono i savi, alla disillusione.
Domenico Giuliotti e Giovanni Papini, Dizionario dell'omo salvatico, 1923

Quanto più un uomo di spirito è stanco e disilluso tanto più rischia, se l’amore lo sorprende, di reagire come una sartina.
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

Per dare un carattere ufficiate alla loro stanchezza e imporla agli altri, le menti più lucide dovrebbero costituirsi in una Lega della Disillusione. Così riuscirebbero forse ad attenuare la
pressione della storia, a rendere l’avvenire facoltativo...
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

La vita diverrebbe sopportabile soltanto in seno a un'umanità che non serbasse più alcuna illusione, un'umanità completamente disillusa e felice di esserlo.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

Gli uomini seguono soltanto chi regala loro illusioni. Non ci sono mai stati assembramenti intorno a un disilluso.
Emil Cioran, Quaderni, 1957-1972, (postumo, 1997)

Meschino colui che ha avuto paura di correre rischi. Perché forse non sarà mai deluso, non avrà disillusioni, né soffrirà come coloro che hanno un sogno da perseguire. Ma quando quell'uomo guarderà dietro di sé, perché capita sempre di guardare indietro, sentirà il proprio cuore dire: "Che cosa ne hai fatto dei miracoli di cui Dio ha disseminato i tuoi giorni? Come hai impiegato le doti che il tuo Maestro ti ha affidato? Le hai sotterrate in una fossa profonda, perché avevi paura di perderle. Allora la tua eredità è questa: la certezza di aver sprecato la tua vita".
Paulo Coelho, Sulla sponda del fiume Piedra mi sono seduta e ho pianto, 1994

Benedette, esclamavo − voi disillusioni, umiliazioni, sciagure, ché mi staccate sempre più dalla vita e mi fate desiderare quanto io prima temeva, la morte.
Carlo Dossi, Note azzurre, 1870/1907 (postumo 1912/64)

La speranza racchiude il tremendo pericolo della disillusione.
Gustaw Herling-Grudziński, Un mondo a parte, 1951

Le disillusioni si allentano come l'arco, con una forza sinistra, e scoccano l'uomo, questa freccia, verso il vero.
Victor Hugo, L'uomo che ride, 1869

È follia comune delle coppie felici non voler avere segreti per l'altro; ciò le porta a un mucchio di disillusioni.
William Somerset Maugham, La Signora Craddock, 1902

Per credere nella possibilità di essere felici, si deve prima toccare il fondo della disillusione.
Giorgio Nardone, Cambiare occhi toccare il cuore, 2007

Se fino ad oggi avete creduto che la vita avesse un valore altissimo e ora vi vedete disillusi, è questa una ragione adesso per barattarla subito al prezzo più vile?
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

No. La vita non mi ha disilluso. Di anno in anno la trovo invece più ricca, più desiderabile e più misteriosa - da quel giorno in cui venne a me il grande liberatore, quel pensiero cioè che la vita potrebbe essere un esperimento di chi è vòlto alla conoscenza e non un dovere, non una fatalità, non una frode.
Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, 1882

Quelli che sognano in grande, o sono pazzi e credono in quello che sognano e sono felici, o sono semplici vaneggiatori, per i quali il vaneggiamento è una musica dell'anima che li culla senza dir loro niente. Ma per colui che sogna il possibile esiste la possibilità reale di una vera e propria disillusione.
Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine, 1982 (postumo)

L'avvenire è di coloro che non sono disillusi.
Georges Sorel, Riflessioni sulla violenza, 1908

Disilluso: chi si illude di non farsi più illusioni.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Riponi in uno stipetto un desiderio: aprilo: vi troverai un disinganno. (Luigi Pirandello)
2. Disincanto
© Aforismario

Marito: "Basta con l’egoismo e il disincanto: ho ritrovato la grande tensione ideale!".
Moglie: "Chi è la sgualdrinella?".
Altan (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il disincanto, diffondendo la scepsi, colpisce il sostegno di certezze che religioni, filosofie e altri animismi, hanno assicurato al bisogno di rassicurazioni, identità, coesione, che ha decretato il successo della scimmia nuda
Paolo Flores d'Arcais, Etica senza fede, 1992

La saggezza disincantata deve risalire a una qualche èra geologica: forse di questo creparono i dinosauri...
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

Non esiste quasi sciagura che non si possa, a piacimento, attribuire a una distrazione della provvidenza oppure all'indifferenza del caso, o infine all'inflessibilità del destino. Questa trinità, di uso tanto confortevole per chiunque, e in particolar modo per una mente disincantata, è quanto di più consolante possa proporci la saggezza pagana.
Emil Cioran, Il funesto demiurgo, 1969

Per quanto disincantati siamo, ci è impossibile vivere senza alcuna speranza. Ne serbiamo sempre una, a nostra insaputa, e quella speranza inconscia compensa tutte le altre, esplicite, che abbiamo respinto o esaurito.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

Il monaco errante è quel che si è fatto di meglio fino ad oggi. Arrivare al punto di non aver più niente a cui rinunciare! Tale dovrebbe essere il sogno di ogni spirito disincantato.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

Gli entusiasti cominciano a diventare interessanti quando sono costretti a misurarsi con il fallimento e quando il disincanto li rende umani.
Emil Cioran, Un apolide metafisico, 1995

La vecchiaia inizia dal disincanto.
Caterina Kotia Marchese, Over the word, 2013

Si riconosce che un uomo è maturo per congedarsi dalla vita quando comincia a disincantarsi di questo infinito rinnovamento. Lui stesso allora si ritira, scompare con le vecchie cose morte che ha troppo rimpianto.
Francis de Miomandre, La moda, 1927

Disincanto: quando ci accorgiamo che quanto credevamo nostro era soltanto in prestito.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

Il far progetti e il formar propositi porta con sé molti buoni sentimenti; chi avesse la forza di essere per tutta la sua vita nient’altro che un fabbricatore di progetti, sarebbe un uomo molto felice. Ma costui dovrebbe talvolta riposarsi di questa attività, attuando un disegno – e allora verrebbero il dispiacere e il disincanto.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

Chi è afflitto da gravi sofferenze osserva, dal suo stato, le cose di fuori con orribile freddezza: tutte quelle piccole magie ingannevoli, in cui per solito sono immerse le cose quando lo sguardo di chi sta bene si ferma su di esse, sono per lui svanite: sì, egli stesso giace davanti a sé senza lanugine e colore. Nell’ipotesi che sia vissuto fino allora in qualche pericolosa fantasticheria, questo supremo disincanto operato dal dolore è il mezzo per strappamelo fuori, e forse l’unico mezzo.
Friedrich Nietzsche, Aurora, 1881

A venti anni sei illuso, a trenta disincantato e a quaranta sei consapevole. Sai che non arrivano gli angeli a indicarti la strada da seguire: i problemi devi risolverli da solo.
Vasco Rossi, La versione di Vasco, 2011

Il carattere fondamentale dell'età avanzata è di essere disincantata: sono svanite le illusioni, che sino allora avevano dato alla vita la sua attrattiva e all'attività il suo sprone. Si è riconosciuta la nullità e la vuotezza di tutte le magnificenze del mondo, soprattutto del lusso, dello sfarzo e delle splendide apparenze; si esperimentato che dietro la maggior parte delle cose desiderate e dei piaceri bramati vi è davvero poco, e si è giunti successivamente a comprendere la grande povertà e il vuoto di tutta quanta la nostra esistenza.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Niente è più doloroso per la mente umana della calma mortale dell'inattività e del disincanto che fa seguito alle emozioni provocate da una rapida successione di eventi, cancellando dall'anima ogni speranza e anche ogni paura.
Mary Shelley, Frankenstein 1818

Questa vita ci ha puniti già / troppe quelle verità che ci son rimaste dentro. / Oggi che fatica che si fa / come è finta l'allegria, quanto amaro disincanto.
Renato Zero, Cercami, 1998

L'esperienza è la somma dei nostri disinganni. (Paul Auguez)
3. Disinganno
© Aforismario

L'esperienza è la somma dei nostri disinganni.
[L'expérience est le total de nos déceptions].
Paul Auguez, Moderno e rococò, 1854

Un progetto che promette soltanto delizie non è possibile che riesca; non si evita il disinganno totale se non pagandolo con qualche contrarietà particolare.
Jane Austen, Orgoglio e pregiudizio, 1813

Dicono i buddisti che noi siamo davvero sulla via della luce e della verità quando «cessiamo di desiderare». Forse non ci è dato di raggiungere questo invidiabile stato di placida beatitudine, ma nella misura in cui possiamo vivere senza chiedere o senza aspettarci nulla (tranne che da noi stessi) abbiamo modo di affrancarci dal pericolo del disinganno e della delusione.
Leo Buscaglia, Amore, 1972

Il galantuomo, disingannato di tutte le illusioni, è l’uomo per eccellenza. Per poco che abbia spirito, la sua compagnia è molto piacevole. Non dando importanza a niente, non può essere pedante. È indulgente, perché si ricorda di aver avuto delle illusioni, come quelli che ancora ne hanno. È effetto della sua noncuranza essere sicuro nei rapporti, non permettersi né ripetizioni, né seccature. Se uno se le permette a suo riguardo, le dimentica o le sdegna. Dev’essere più allegro di un altro perché è costantemente in stato di epigramma contro il prossimo. È nel vero, e ride dei passi falsi di coloro che camminano a tentoni nel falso. È un uomo che, da un luogo illuminato, vede in una camera oscura i gesti ridicoli di coloro che vi passeggiano a caso. Spezza ridendo i falsi pesi e le false misure applicati agli uomini e alle cose.
Nicolas de Chamfort, Massime e pensieri, 1795/1953 (postumo)

Psicologo come nessun altro, il prete è l'esemplare umano più disingannato, incapace per mestiere di accordare il minimo credito al suo prossimo.
Emil Cioran, La tentazione di esistere, 1956

Di norma, gli uomini aspettano la delusione: sanno che non devono spazientirsi, che presto o tardi verrà, che accorderà loro la dilazione necessaria perché possano dedicarsi alle occupazioni del momento. Diverso è il caso del disingannato: per lui la delusione sopraggiunge contemporaneamente all'atto; non ha bisogno di spiarne l'arrivo, essa è presente. Affrancandosi dalla successione, egli ha divorato il possibile e reso superfluo il futuro. "Non posso incontrarvi nel vostro futuro" dice agli altri. "Non abbiamo un solo istante che ci sia comune". Perché per lui l'insieme del futuro è già qui. Quando si scorge la fine del principio si va più in fretta del tempo. L'illuminazione, delusione folgorante, dispensa una certezza che trasforma il disingannato in liberato.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

Sempre il disinganno fu pascolo della prudenza e delizia dell'integrità d'animo.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

Nessuno è sì compiutamente disingannato del mondo, né lo conosce sì addentro, né tanto l’ha in ira, che guardato un tratto da esso con benignità, non se gli senta in parte riconciliato; come nessuno è conosciuto da noi sì malvagio, che salutandoci cortesemente. non ci apparisca meno malvagio che innanzi. Le quali osservazioni vagliono a dimostrare la debolezza dell’uomo, non a giustificare né i malvagi né il mondo.
Giacomo Leopardi, Pensieri, 1845 (postumo)

Riponi in uno stipetto un desiderio: aprilo: vi troverai un disinganno.
Luigi Pirandello, La vita nuda, in Novelle per un anno, 1922

È naturale che illusioni e disinganni, dolori e gioie, speranze e desideri ci appaiano vani e transitori, di fronte al sentimento che spira dalle cose che restano e sopravanzano ad essi, impassibili.
Luigi Pirandello, Uno, nessuno e centomila, 1925

Se la colomba sulle acque inondanti non trova dove si riposi, e ritorna; stendete la mano, e riponetela in salvo. Chi, disingannato, v'invoca amatelo più caramente che mai.
Niccolò Tommaseo, Pensieri morali, 1845

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Delusione - Avvilimento - Dispiacere

Nessun commento: