2016-06-04

Formiche - Frasi e citazioni formicaie

Raccolta di aforismi, frasi e battute divertenti sulle formiche. La formica è un insetto di piccole dimensioni, che conduce una vita sociale altamente organizzata in nidi scavati e costruiti nella terra o nel legno (formicai). Come osserva Carlo Lapucci: "La formica ha fino dall'antichità il suo posto fra le espressioni linguistiche, le metafore, i modelli morali e i proverbi. È citata nella Bibbia, e nel Corano è chiamata con il suo nome la Sura 27. Non è cosa da poco per un essere cosi piccolo". [Dizionario dei proverbi italiani, Mondadori 2007].
A mo' d'introduzione riportiamo la celebre favola La cicala e la formica di Jean de La Fontaine: "La Cicala, dopo aver cantato tutta l’Estate, si trovò in grande povertà quando giunse l’Inverno. Nemmeno un pezzettino di mosca o verme. Andò allora a piangere miseria dalla Formica, sua vicina, pregandola di darle a prestito qualcosa per sopravvivere fino alla stagion novella. «Ti pagherò, le disse, prima d’Agosto, in fede d’animale, interessi e capitale». Ma la Formica non presta volentieri: è il minor dei suoi difetti. «Che facevi alla bella stagione? Disse alla nostra Cicala. – Notte e giorno per ogni passante io cantavo, non volermene. – Cantavi, eh? Me ne rallegro proprio: benissimo! Ora balla». [Favole, 1668-1679].
Un'altra storiella, poco conosciuta ma molto bella, che ha come protagoniste le formiche, è la seguente scritta da Carlo Dossi, intitolata La formica: "Alberto è fallito in amore e in fortuna. Dopo lungo desiderio aveva trovato un cuore che aveva compreso il suo, dopo intenso lavoro si era messo insieme una fortuna. Un colpo di vento bancario gli fece naufragar questa, e a lui povero, l'amante fu dal padre negata. Alberto fugge di casa colla rivoltella in tasca, si reca in un bosco. Piange, si dispera: cade vinto dal duolo. Ma, guardando nella fissità della profonda angoscia a terra, vede una processione di formiche. Una di esse con un granello di miglio in bocca era arrivata faticosamente per via difficilissima alla sua alta dimora. Ma la corteccia su cui posava si smuove e la formica cade dove aveva preso le mosse. Tanto fa, ricerca il suo chicco di miglio, lo riprende e si rimette pazientemente in cammino fino a raggiunger la meta. Il cuore di Alberto si rialza. Torna calmo in città, vende la rivoltella al primo armaiolo che gli capita. Ricomincia coraggiosamente con nuova vita la sua fortuna e il suo amore". [Note azzurre, 1870/1907 - postumo 1912/64].
La formica è un esempio di serietà naturale. (Alda Merini)
Formiche
© Aforismario

Accade anche questo nella tranquillità del bosco dove persino una piccola formica può diventare un punto di riferimento dei nostri pensieri.
Romano Battaglia, Foglie, 2009

Chi siamo? Dove andiamo? Qual è il senso della vita? Eterne angosciose domande che l’uomo si pone senza poter rispondere! Beati gli animali che non si fanno problemi. Come queste formiche che corrono qua e là sul mio terrazzo… Ma che fanno? Si dispongono in uno strano modo davanti a me. Formano una frase! «Sei Dio, tu?»
Romano Bertola, Le caramelle del diavolo, 1991

L'uomo non è niente di più di una formica al cospetto dell'infinito.
Giordano Bruno (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Fiduciose formiche! Che vanno e vengono, e trascinano pesi enormi, e scavano tane profonde. Senza vedere le mia scarpa che incombe.
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987

Api, vespe e formiche sarebbero condannate anch’esse a procurarsi il cibo col sudore della fronte.
Pasquale Cacchio, Frantumi, 2010

Accumuliamo proprio come voi, amiche formicuzze?
ibidem

Nel formicaio si continuano a trasportare cibo e uova bianche mentre sta per giungere la ruspa.
ibidem

Per quanto alle formiche possa apparire una tragedia, la distruzione di un formicaio ha qualcosa di comico, con le formiche che corrono con le piccole uova bianche.
Pasquale Cacchio, Frantumi, 2010

Io imparo dalle formiche, dalle mosche e da tutte le minutezze naturali sempre qualche cosa... e aborrisco l'imparar dagli uomini...
Tommaso Campanella, XVII sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Uno sciopero di formiche.
Elias Canetti, La tortura delle mosche, 1992

Il motivo per cui si ammazza una formica sta tutto nella facilità con la quale si può farne sparire il cadavere.
Pino Caruso, Ho dei pensieri che non condivido, 2009

La formica è saggia e sapiente, ma non abbastanza per prendersi una vacanza.
Clarence Day, Questo mondo di scimmie, 1920

Dicono delitto uccidere un uomo e non dicono uccidere una formica. Eppure l'anima è una - Innalzatevi, guardate l'uomo dall'alto, e vi parrà una formica. Che è dunque l'ucciderlo?
Carlo Dossi, Note azzurre, 1870/1907 (postumo 1912/64)

Povero popolo di formiche affaccendato intorno a una cariosa ceppaja! Forse quell'uomo che spunta su quel sentiero, tiene ne' suoi calzoni il vostro diluvio universale!
Carlo Dossi, Note azzurre, 1870/1907 (postumo 1912/64)

Nessuno mai provò compassione schiacciando una formica: pochissimi senton ribrezzo vedendo uccidere un pollo; pochi, vedendo un bue. Eppure s'inorridisce all'uccisione di un uomo. Perché?... Non è forse l'anima una, non val la formica l'uomo?
Carlo Dossi, Note azzurre, 1870/1907 (postumo 1912/64)

Com'è meschina quella visione che esalta l’operosità della formica e la pone al di sopra del canto della cavalletta.
Kahlil Gibran, Sabbia e spuma, 1926

La formica che ammonticchia cibo per l’inverno è più saggia della cicala, che un giorno canta e quello successivo patisce la fame.
Kahlil Gibran, Gesù figlio dell'Uomo, 1928

Secondo una statistica dell'Istituto Italiano per le Ricerche sulla Formica (IIRF) il novantanove virgola nove per cento della popolazione non prova nessun rimorso dopo aver pestato una formica.
Gene Gnocchi, Il mondo senza un filo di grasso, 1997

Le formiche parlano di sfortuna soltanto quando le loro compagne vengono schiacciate da un tacco a spillo.
Gene Gnocchi, ibidem

Ad un osservatore attento e anche esperto di formiche non può sfuggire che nell'incessante andirivieni del formicaio c'è sempre una formica immobile sul fondo, che batte la fiacca.
Gene Gnocchi, Il mondo senza un filo di grasso, 1997

Non aspettarti dalla formica lo splendore dell’ape.
Roger Judrin, Parole abitate, 1985

Noi sappiamo che le formiche sono insetti sociali, costruttori di case e di colonie, architetti incredibili. Lavorano sodo come noi. Seppelliscono i loro morti come noi. Hanno persino le loro guerre tra razze diverse, nere contro rosse. Tutto questo noi lo sappiamo, ma non per questo presumiamo che le formiche siano intelligenti.
Stephen King, The Dome, 2009

Vivere da cicala e trovarsi un marito formica che lavori per te.
Luciana Littizzetto, Rivergination, 2006

L'amicizia è come una formica, facilmente calpestabile.
Francesco Locurcio (Aforismi inediti su Aforismario)

All'animale è assolutamente estranea la folle smania di lavoro dell'uomo moderno, cui manca perfino il tempo di farsi una vera cultura. Anche le api e le formiche, queste personificazioni della solerzia, trascorrono la maggior parte della giornata immerse in un dolce far niente, solo che quelle ipocrite non si fanno vedere quando se ne stanno tranquillamente a casa, ma solo quando sono al lavoro.
Konrad Lorenz, L'anello di Re Salomone, 1949

Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano.
Marcello Marchesi, Il malloppo, 1971 [1]

Le formiche sono i soli esseri al mondo, oltre l'uomo, che fanno la guerra, aggrediscono, fanno piani strategici e fanno prigionieri che costringono a lavorare per loro. Fino a questo momento non si conoscevano formiche più lunghe di tre centimetri, anzi, quasi tutte erano di dimensioni minori, ma anche i più minuscoli di questi insetti hanno un istinto naturale per il lavoro, per l'organizzazione e per la guerra da far invidia perfino al genere umano.
Harold Medford (Edmund Gwenn), in Assalto alla Terra, 1954

Un fungo atomico che divora una regione è una grande tragedia. Allo stesso modo una metropoli di formiche, operai laboriosi, eroici soldati, cittadini esemplari, un formichiere la fa sparire in un baleno
Fausto Melotti, Linee, 1975/78

La formica è un esempio di serietà naturale.
Alda Merini, La vita facile, 1992

Nelle crepe del suolo o su la veccia / spiar le file di rosse formiche / ch’ora si rompono ed ora s’intrecciano / a sommo di minuscole biche.
Eugenio Montale, Meriggiare pallido e assorto, 1925

Siamo un popolo di formiche, pazienti e laboriose. Eppure è da saggi non dimenticare il vecchio adagio: talvolta anche le formiche, nel loro piccolo, s'incazzano.
Giampaolo Pansa, Bestiario d'Italia. 1994-2004, 2004

Chiedo scusa alla favola antica, / se non mi piace l'avara formica. / Io sto dalla parte della cicala / che il più bel canto non vende, regala.
Gianni Rodari, Alla formica, in Filastrocche in cielo e in terra, 1960/72

Qui si scopre la grande differenza delle civiltà umane dalle civiltà animali. Giovani formiche isolate dal formicaio rifanno subito un formicaio perfetto. Ma giovani umani separati dall'umanità non potrebbero riprendere che dalla base l'edificazione della città umana. La civiltà della formica è inserita nei riflessi dell'insetto, i quali stessi provengono dai suoi cromosomi. La civiltà dell'uomo non risiede nell'uomo, ma nelle biblioteche, nei musei e nei codici.
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1939

La formica non sospetta di non essere che formica; ma l'uomo sa di non essere che uomo.
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1939

Gli Dei, se esistono, non credo che passino il loro tempo a occuparsi di quella formica chiamata uomo.
Anacleto Verrecchia, Diario del Gran Paradiso, 1997

Il formicaio è un universo in miniatura e si resta stupefatti dalla sua perfetta organizzazione, con tanto di gerarchie e di compiti ben distribuiti. Le formiche sono anche diffidenti. Ne ho vista una che arrancava con una grossa spiga che si era incastrata tra due sassolini. Ho preso la spiga e l’ho messa vicino all'imboccatura del nido. Ma le altre formiche l’hanno subito portata via, anziché trascinarla dentro come mi aspettavo. Evidentemente non vogliono né aiuti né cibi procurati da estranei.
Anacleto Verrecchia, Diario del Gran Paradiso, 1997

La troppa erudizione spesso ottunde la sensibilità e appanna la freschezza del pensare. Ritengo che sia più utile osservare lo sviluppo di una pianta o un nido di formiche che leggere le filastrocche idealistiche di un Hegel.
Anacleto Verrecchia, Diario del Gran Paradiso, 1997

Io…io credo che tutto risalga al fatto che ho avuto un’infanzia molto ansiosa… Sa, mia madre non aveva mai tempo per me. Insomma, quando si è il figlio di mezzo in una famiglia di 5 milioni non ricevi nessuna attenzione! Voglio dire, com'è possibile?
Z, in Zeta, la formica, 1998

Io non sono tagliato per fare l'operaio, glielo dico subito, io, mi-mi sento fisicamente inadeguato, cioè, io nella mia vita non ho mai sollevato qualcosa che andasse oltre 10 volte il mio peso corporeo e arrivare al dunque: maneggiare la terra, ecco, non è la mia idea per una carriera gratificante. E tutta questa colata di entusiasmo per il super organismo che, sa non posso capire, ci provo ma non la capisco, insomma, io dovrei fare tutto per la colonia e, e che ne è dei miei sogni?! Che ne è di me?!
Z, in Zeta, la formica, 1998

Va' dalla formica, o pigro, guarda le sue abitudini e diventa saggio. Essa non ha né capo, né sorvegliante, né padrone, eppure d'estate si provvede il vitto, al tempo della mietitura accumula il cibo. Fino a quando, pigro, te ne starai a dormire?
Libro dei Proverbi, Antico Testamento, V sec. a.e.c.

Non accettate le briciole. Ci hanno fatto donne, non formiche.
Anonima (attribuito a Marilyn Monroe)

Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano. (Marcello Marchesi)
Proverbi sulla Formica
  • Anche la formica a volte è furibonda.
  • Chi imita la formica d’estate non accatta il pane d’inverno.
  • Chi imita la formica durante l'estate, non va a chieder pane in prestito durante l'inverno.
  • Chi segue la formica prudente mai se ne pente.
  • È meglio esser testa di formica che coda di leone.
  • Imita la formica se vuoi vivere senza pena e senza fatica.
  • Imita la formica, vivrai senza fatica.
  • La formica che lavora d’estate mangia d’inverno.
  • Quando la formica scava il cielo si lava.
  • Quando la formica stende il bucato il bel tempo è ritornato.
  • Quando le formiche vanno in processione le giornate non son più buone.
  • Quel che la formica ammassa in un anno il topo se lo mangia in un giorno.
  • Se la formica s’affretta acqua aspetta.
  • Se le formiche s'agitano a sant'Anna, tempesta ai piè della montagna.
  • Si sazia tanto una formica con un grano di panico che un bove con un cesto di fieno.
Le formiche hanno detto: mettiamoci insieme e riusciremo a trasportare un elefante
Proverbio africano

Se in una notte nera una formica nera passa su una pietra nera Dio la vede.
Proverbio arabo

Note
  1. La battuta di Marcello Marchesi "Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano" è diventata famosa in Italia dopo essere stata utilizzata come titolo dei libri umoristici di Gino e Michele pubblicati da Einaudi a partire dal 1991. Forse non tutti sanno, però, che Marchesi ha semplicemente variato in forma umoristica un vecchio proverbio che dice: "Anche la formica a volte è furibonda".
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Insetti - Ragni - Scarafaggi

Nessun commento: