2016-06-05

Ira e irascibilità - Frasi e citazioni sull'Adirarsi

Raccolta di aforismi, frasi e proverbi sull'ira, l'adirarsi e l'irascibilità (o iracondia). L'ira è un sentimento per lo più improvviso, che tende a sfogarsi con parole concitate o con atti di violenza rivolti contro chi, volontariamente o involontariamente, lo ha provocato. Una persona irascibile è quella che in situazioni frustranti si lascia facilmente prendere dall'ira.
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulla rabbia e sulla collera.
Ira furor brevis est (L'ira è una breve follia) Orazio
1. Ira
© Aforismario

Io tendo a interiorizzare, non so esprimere l’ira. È uno dei problemi che ho! Mi allevo un tumore.
Woody Allen, Manhattan, 1979

Io so che l'odio come l'ira hanno la loro funzione nello sviluppo della società, perché l'odio dà la forza e l'ira sprona al mutamento. 
Ivo Andrić, Racconti di Sarajevo, 1946 

L’ira è segno di debolezza, come il dolore, perché è un cedimento, da parte di chi ne è colpito.
Marco Aurelio, Pensieri, ca. 166-179

Fra tutti i rimedi per reprimere l'ira, il migliore è guadagnar tempo e convincersi che il momento di vendicarsi non è ancora arrivato, sebbene lo si preveda. In tal modo, mettendo l'ira da parte, ci si placa.
Francis Bacon, Saggi, 1597-1625

Cercare di reprimere del tutto l'ira è solo spavalderia degli Stoici.
ibidem

L'ira è senza dubbio un genere di inferiorità, come appare evidente dalla debolezza di quei soggetti in cui regna: bambini, donne, vecchi, malati.
Francis Bacon, Saggi, 1597-1625

Per impedire all'ira di procurar guai, una volta impossessatasi di noi, bisogna stare attenti particolarmente a due cose. L'una, l'uso di parole troppo aspre, specie se pungenti e azzeccate, in quanto le comuni ingiurie non sono nulla a confronto; e badare che, nell'ira, non si rivelino segreti, perché tale condotta non ci rende adatti alla società. L'altra cautela è che, in un accesso d'ira, non si tronchino in modo categorico gli affari, e per quanto si sia astiosi, non si faccia nulla di irrevocabile.
Francis Bacon, Saggi, 1597-1625

Le tigri dell'ira sono son più sagge dei cavalli della sapienza. 
Saul Bellow, Il re della pioggia, 1984

Abbandona l'ira, trascura l'orgoglio, passa oltre ogni vincolo: nessun dolore tocca l'uomo distaccato da nome e forma, e che non possiede nulla.
Siddhārtha Gautama Buddha, Dhammapada (Versi della Legge), V sec. a.e.c.

Di' la verità, non ti abbandonare all'ira; dai, se ti è richiesto, anche se si tratta di poco: salendo questi tre scalini ti avvicinerai agli dei.
Siddhārtha Gautama Buddha, Dhammapada (Versi della Legge), V sec. a.e.c.

L'ira è una matta passione che ci spinge affatto fuori di noi, e che cercando i mezzi di respingere il male che ci minaccia o che ci ha colpito già fa bollire il sangue nel cuore, e solleva nel nostro spirito furiosi vapori che acciecano e ci spingono a tutto ciò che può appagare il desiderio della vendetta. È una breve rabbia, una strada alla pazzia.
Pierre Charron, Della saggezza, 1601

L'ira è il ricordo di un odio nascosto o di un rancore.
Giovanni Climaco, VI-VII sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

L'ira: un bisogno eccessivo di reazione, determinato da un dolor fisico o morale.
Jean Baptiste Félix Descuret, Medicina delle passioni, 1841

Il rimedio più efficace contro l'ira è l'indugio; guardiamoci dunque dal giudicare sopra semplici sospetti, e di credere ciò che vien riferito: vi sono tanti che mentono per ingannare, e tanti che mentono perché sono ingannati!
Jean Baptiste Félix Descuret, Medicina delle passioni, 1841

Non esser facile a irritarti nel tuo spirito, perché l'ira alberga in seno agli stolti.
Ecclesiaste, Antico Testamento, sec. IV-III a.e.c.

L'ira rende intelligenti uomini stupidi, ma li mantiene poveri.
Elisabetta I, cit. in Francis Bacon, Apoftegmi, 1624

Se l'ira dei genitori verso i figli è giustificata, è veramente sciocco se i figli oppongono resistenza e non chiedono scusa. Se l'ira non è giustificata, ma senza ragione, è una cosa veramente ridicola prendere atteggiamenti di sfida esasperandone col proprio risentimento l'irragionevolezza, e non cercare di mitigarla in altri modi mostrando buona volontà.
Epicuro, Sentenze vaticane, IV-III sec. a.e.c.

L'ira non è l'aggressività, che al pari della sessualità è una pulsione assolutamente fondamentale per la conservazione dell'individuo e della specie. L'ira è un sentimento mentale ed emotivo di conflitto con il mondo esterno o con se stessi che controlliamo poco e maneggiamo peggio perché, in preda all'ira, non siamo più padroni delle nostre azioni.
Umberto Galimberti, I vizi capitali e i nuovi vizi, 2003

L'ira è percepita come qualcosa d'altro da noi, che può impossessarsi di noi, facendoci perdere la capacità di controllo e l'uso della ragione. C'è dunque nella considerazione che abbiamo dell'ira qualcosa di significativamente immorale, nel senso che ciascuno di noi si identifica con la parte razionale e ben educata di sé e rifiuta di riconoscere come propria la parte passionale, della cui attivazione è sempre responsabile l'altro.
Umberto Galimberti, I vizi capitali e i nuovi vizi, 2003

Le passioni sono dinamiche del corpo che lo danneggiano sia quando vengono eccessivamente compresse, sia quando vengono scatenate senza limiti. Per cui l'ira compressa che preme contro le pareti del nostro Io senza sfondarle, nella fantasia popolare genera il cancro, così come il suo scatenamento aumenta la pressione, provoca l'attacco cardiaco o il colpo apoplettico.
Umberto Galimberti, I vizi capitali e i nuovi vizi, 2003

L'ira è un modo di riaffermare se stessi e il proprio mondo dei valori.
ibidem

Tra l'ira funesta del Pelide Achille e l'ira di Dio dopo il peccato di Adamo, sembra che l'Occidente, che ha nella cultura greca e in quella giudaico-cristiana le sue matrici, rinvenga nell'ira, o come più frequentemente si dice nella "rabbia", uno dei suoi segni distintivi.
Umberto Galimberti, I vizi capitali e i nuovi vizi, 2003

Ho appreso attraverso un'amara esperienza l'unica suprema lezione: controllare l'ira; e come il calore conservato si trasforma m energia, così la nostra ira controllata può trasformarsi in una forza capace di muovere il mondo.
Mohandas Gandhi, Antiche come le montagne, 1958 (postumo)

Non cedete mai al primo impulso dell'ira: cedete sempre al primo impulso dell'amore. 
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

Non degnare dell'ira tua gli abietti.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

L'ira può sopraffarvi e distruggere in voi l'incentivo ad agire. Tutte le volte che vi lasciate vincere dalla collera, riflettete su come sono andate le cose. Qualcuno vi ha trascurato o criticato Perché la cosa dovrebbe darvi tanto fastidio? Dovete per forza dipendere dalle opinioni altrui? Non sarete stati voi stessi a permettere che altre persone vi imponessero le loro aspettative o controllassero il vostro comportamento?
Ari Kiev, Vivere meglio giorno per giorno, su Selezione dal Reader's Digest, 1974

L'ira dev'essere espressa. - Qualsiasi stato d'ira che non riesca a venir fuori, a fluire liberamente, si trasformerà in un uso perverso del potere, oppure darà luogo a patologie
Bruce Lee, Pensieri che colpiscono, 2000 (postumo)

Da' tempo all'ira. Spesso l'indugio non toglie la forza: ma alle forze aggiunge il ragionevole consiglio.
Tito Livio, Ab urbe condita, I sec.

L'ira senza forze è vana.
Tito Livio, Ab urbe condita, I sec.

L'ira, furor brevis come la chiamò Orazio, fomenta risse allo stadio, tumulti di disoccupati davanti alla prefettura e parolacce in parlamento. 
Cesare Marchi, Quando siamo a tavola, 1990 

Nell'ira si dicono cose tremende che poi si nega d'aver pronunciate per sottrarsi alla duplice umiliazione di doverle smentire e chiedere perdono.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

Dall'impeto dell'ira, più che dal vino, sgorga la verità.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

L'ira è una follia momentanea, quindi controlla questa passione o essa controllerà te.
Quinto Orazio Flacco, Epistole, 20 a.e.c. [1]

Ira è breve furore, e chi nol frena, / è furor lungo che ’l suo possessore / spesso a vergogna, e talor mena a morte.
Francesco Petrarca, Sonetti sopra vari argomenti, XIV sec.

L'ira è irragionevole nelle sue cause e dannosissima ne' suoi effetti, pel furore a cui si abbandona, per gli eccessi a' quali trascorre, per l'avversione altrui, pel rimorso, pel pentimento. Essa non può esser temperata che dalla pazienza o tolleranza, dal freno dell'orgoglio e del proprio temperamento. 
Baldassarre Poli, Saggio d'un corso di filosofia, 1832

Lasciar trapelare ira oppure odio dalle proprie parole o dai propri atteggiamenti è inutile, pericoloso, imprudente, ridicolo, volgare. Non si dovrà quindi mostrare ira né odio, se non attraverso le azioni. Si potrà fare quest'ultima cosa in modo tanto più perfetto, quanto più completamente si è evitata la prima. 
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Alcuni filosofi hanno definito l’ira come una follia di breve durata; infatti è ugualmente incapace di controllarsi, dimentica del buon contegno e dei vincoli di parentela, cocciutamente impegnata a dar compimento alle proprie iniziative, chiusa ai consigli della ragione, sconvolta da motivi futili, incapace di distinguere la giustizia e la verità, in tutto simile alle frane che si infrangono su ciò che travolgono.
Lucio Anneo Seneca, L'ira, Dialoghi, I sec.

L’iracondia non intraprende nulla di grande e dignitoso, anzi l’addolorarsi spesso mi pare tipico d’un animo fiacco e infelice, consapevole della sua debolezza, simile ai corpi piagati e malati che si lamentano al minimo tocco. Per questo l’ira è un difetto tipico delle donne e dei bimbi. «Ma si verifica anche negli uomini.» Infatti anche certi uomini hanno temperamento infantile e femmineo.
Lucio Anneo Seneca, L'ira, Dialoghi, I sec.

L’ira è temuta come il buio dai bimbi e una piuma rossa dalle fiere. Essa non ha in sé alcunché di saldo o di forte, ma impressiona gli animi fatui.
Lucio Anneo Seneca, L'ira, Dialoghi, I sec.

L’ira trasforma nel suo contrario tutto ciò che è ottimo e giusto. Non consente che si ricordi di alcun dovere colui che da essa è posseduto: fa di un padre un avversario, d’un figlio un parricida, d’una madre una matrigna, d’un cittadino un nemico, d’un re un tiranno.
Lucio Anneo Seneca, L'ira, Dialoghi, I sec.

Il saggio deve essere equilibrato, e per agire da forte deve far ricorso alla forza, non all'ira.
ibidem

La cosa migliore è disprezzare subito i primi sintomi dell’ira e opporci al suo stesso nascere e impegnarci a non cadere in suo possesso. Poiché se comincia a portarci fuori strada, è difficile il ritorno alla salvezza, in quanto la ragione non ha voce una volta che la passione è entrata in noi.
Lucio Anneo Seneca, L'ira, Dialoghi, I sec.

Non c'è veleno peggiore del veleno di un serpente, non c'è ira peggiore dell'ira di un nemico.
Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c.

Il rancore e l'ira sono un abominio, il peccatore li possiede.
Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c.

Amantium ira amoris integratio est.
[L'ira degli amanti è un completamento dell'amore].
Publilio Siro, Sentenze, I sec. a.e.c.

Bonum ad virum cito moritur iracundia.
[Nell'uomo buono l'ira scompare velocemente].
Publilio Siro, Sentenze, I sec. a.e.c.

Fulmen est, ubi cum potestate habitat iracundia.
[Il fulmine è colà dove l'ira abita con il potere].
Publilio Siro, Sentenze, I sec. a.e.c.

Dolce è l'ira in aspettar vendetta.
Torquato Tasso, Gerusalemme liberata, 1581

L'ira e la beffa sono signorili; l'elegia, la querimonia no.
Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Il Gattopardo, 1958 (postumo)

L'ira infosca la mente, ma fa trasparente il cuore.
Niccolò Tommaseo, Pensieri morali, 1845

La collera del giovane è come un fuoco di paglia; ma l'ira del vecchio è come acciaio rovente.
[The young man's wrath is like light Straw on fire; but like red-hot steel is the old man's ire].
Anonimo, antica ballata, cit. in Arthur Schopenhauer, Il mondo come volontà e rappresentazione, 1819

Il saggio deve essere equilibrato, e per agire da forte deve far ricorso alla forza, non all'ira. (Seneca)
2. Adirarsi
© Aforismario

Adirarsi è facile, ne sono tutti capaci, ma non è assolutamente facile, e soprattutto non è da tutti adirarsi con la persona giusta, nella misura giusta, nel modo giusto, nel momento giusto e per la giusta causa.
Aristotele, Etica Nicomachea, IV sec. a.e.c.

Contro le cose non conviene adirarsi, giacché esse non se ne curano affatto.
Marco Aurelio, Pensieri, 166/79

Adiratevi, ma non peccate; il sole non tramonti sull'ira vostra
Paolo di Tarso, Lettera agli Efesini, ca. 50-60

Nessuno diventa più forte adirandosi, tranne colui che senz’ira non sarebbe stato forte.
Lucio Anneo Seneca, L'ira, Dialoghi, I sec.

Iratus, cum ad se rediit, sibi tum irascitur.
[L'uomo adirato, quando torna in sé, si arrabbia con sé stesso].
Publilio Siro, Sentenze, I sec. a.e.c.

Avete inteso che fu detto agli antichi: Non uccidere; chi avrà ucciso sarà sottoposto a giudizio. Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello, sarà sottoposto a giudizio.
Gesù di Nazaret, in Vangelo secondo Matteo, I sec.

L'iracondo commette sciocchezze, il riflessivo sopporta.
Libro dei Proverbi, Antico Testamento, V sec. a.e.c.

Non ho mai conosciuto qualcuno che non valesse un fico secco
e che non fosse irascibile. (Ezra Pound)
3. Irascibilità
© Aforismario

Da tre cose l’uomo superiore deve guardarsi: quando è giovane e la sua vitalità è in fermento deve guardarsi dalla lussuria; quando è adulto e la sua vitalità è robusta deve guardarsi dall'irascibilità; quando è anziano e la sua vitalità è indebolita, deve guardarsi dalla cupidigia.
Confucio, Dialoghi, ca. 479/221 a.e.c. (postumo)

Un uomo che non voglia diventare signore della sua irascibilità, della sua biliosità e vendicatività, della sua lussuria, e cerca di diventare signore in una qualsiasi altra cosa, è stupido come l'agricoltore che sistema i suoi campi accanto a un torrente senza proteggersi contro di esso.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

Non ho mai conosciuto qualcuno che non valesse un fico secco e che non fosse irascibile.
[I have never known anyone worth a damn who wasn't irascible].
Ezra Pound, lettera a Margaret C. Anderson, 1917

A renderci irascibili è o l’ignoranza o l’arroganza.
Lucio Anneo Seneca, L'ira, Dialoghi, I sec.

Un adirato può non essere irascibile, un irascibile, talvolta, può non essere adirato.
Lucio Anneo Seneca, L'ira, Dialoghi, I sec.

Non litigare con un irascibile e non traversare con lui un luogo solitario, perché ai suoi occhi il sangue è come nulla, dove non c'è possibilità di aiuto ti assalirà.
Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c.

Semper metuendum, quidquid irasci potest.
[Occorre sempre temere tutto ciò che può sembrare irascibile].
Publilio Siro, Sentenze, I sec. a.e.c.

Proverbi sull'Ira
  • A sangue caldo nessun giudizio è saldo.
  • Amor non ha ragione e ira non ha consiglio.
  • Anche la mosca ha la sua ira.
  • Anima irata, bocca serrata.
  • Chi frena la propria ira, ha vinto un gran nemico.
  • Chi s’abbandona all'ira prenota il rimorso.
  • Chi tosto s’adira, tosto si placa.
  • Di due cose l'uomo non dovrebbe mai adirarsi: di quel che non può fare e di quel che non può impedire.
  • È uomo valoroso chi sa domare la propria ira.
  • Gente iraconda mal si tratta.
  • Grand'ira, danno arreca.
  • Ira lenta, ira possente.
  • Ira senza forza, subito si smorza.
  • L’ira dà cattivi consigli.
  • " " della sera va serbata alla mattina.
  • " " e la fretta non fanno nulla di buono.
  • " " è la peggiore consigliera.
  • " " fa i figli ciechi.
  • " " fa il ricco odiato e il povero disprezzato.
  • " " ha sempre alle calcagna il pentimento.
  • " " non sa tener la lingua a segno.
  • " " placata non sana le offese.
  • " " turba la mente e acceca la ragione.
  • L'ira non sa tener la lingua a segno.
  • La fine dell’ira è il pentimento.
  • Non lasciar tramontare il sole sull'ira tua.
  • Non ti adirare a tuo danno.
  • Quando l'ira acceca, la virtù scompare.
  • Torrente furioso presto rischiara.
In tre occasioni l'uomo rivela la sua natura: quando la sua mente cede all'ira, quando il suo corpo è piegato dal vino e quando deve mettere mano alla borsa.
Proverbio cinese

Note
  1. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Rabbia - Collera - Furia

Nessun commento: