2016-06-24

Serpenti - Frasi e proverbi sulle Serpi

Raccolta di aforismi, frasi celebri e proverbi italiani, africani e cinesi sui serpenti e su alcune serpi nostrane come la vipera, la biscia, ecc. Con il termine "serpente" si indicano comunemente tutte le varie specie di rettili squamati, di dimensioni molto variabili, appartenenti al sottordine degli ofidî, caratterizzati dall'assenza degli arti e dal corpo allungato e cilindrico. Il serpente è uno degli animali più rappresentati nella simbologia di molte civiltà e di diverse religioni, in cui è visto, di volta in volta, come animale sacro, addirittura come divinità, o come incarnazione del male.
Come introduzione, riportiamo un brano dell'etologo Giorgio Celli sui sentimenti di ambivalenza, di fascino e di repulsione, che i serpenti, in genere, suscitano negli esseri umani: "I serpenti non sono popolari, non c'è che dire. Sono ben pochi quelli che hanno il coraggio di toccarli, e la motivazione più comune è che farebbero schifo perché la loro pelle è viscida. Ma sarà vero? Viscida è sicuramente l'Anguilla, che pure molte massaie manipolano per Natale senza difficoltà, ma che non è un serpente, bensì un pesce, anche se, per dir così, serpentiforme. Beh, volete sapere la verità? Se, vincendo ogni ripugnanza, vi decideste ad accarezzare un pitone, scoprireste che la sua pelle non è affatto umida e vischiosa, ma morbida e gradevolissima al tatto. I pregiudizi, però, sono ben duri a morire, e molti di noi fanno come quel cardinale che si rifiutava di guardare nel cannocchiale di Galileo, perché, non c'è pezza, le macchie solari non potevano esistere. Non tutte le persone, tuttavia, aborrono e discreditano i serpenti. Sono esistite delle popolazioni che li hanno elevati al rango di dèi, e devo dire che anche tra quelli che non li amano affatto, circola un certo non so che, un misterioso incantamento. Insomma, il timore sembra mescolarsi a un'inconfessata attrazione, e la leggenda biblica della mela e del paradiso terrestre porta tutti i segni di una certa ammirazione per i rettili, che, nel caso, hanno plagiato la prima coppia della nostra specie. [L'avvocato degli animali... e del cane © 2004 Alberto Perdisa Editore].
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa dedicate agli animali in genere e ad alcune delle specie più diffusa.
Prendi l'aspetto del fiore innocente, ma sii il serpente sotto di esso. (William Shakespeare)
1. Serpenti
© Aforismario

L'amore è come il veleno del serpente: o guarisce o uccide.
Valeriu Butulescu, Aforismi, 2002

Dio stesso ha istigato il serpente contro Adamo ed Eva, e tutto è disceso dal fatto che il serpente non lo tradì. Quell'animale velenoso è rimasto fino a oggi fedele a Dio.
Elias Canetti, La provincia dell'uomo, 1973

Amore: un serpente con due teste che si sorvegliano di continuo.
Elias Canetti, La rapidità dello spirito, 1994

Delle tremila specie di serpenti presenti nel mondo, soltanto mille hanno in dotazione del veleno e solo duecento tra queste sono veramente pericolose per l'uomo. Non si dimentichi, poi, che i serpenti hanno una loro utilità, perché divorano le arvicole e altre specie dannose all'agricoltura e, dove sono spariti, gli svantaggi sono risultati spesso superiori ai benefici.
Giorgio Celli, L'avvocato degli animali... e del cane, 2004

«Tu potrai mangiare di tutti gli alberi del giardino, ma dell'albero della conoscenza del bene e del male non devi mangiare, perché, quando tu ne mangiassi, certamente moriresti». L'avvertimento dall'alto si rivelò meno efficace dei suggerimenti dal basso: migliore psicologo, il serpente trionfò.
Emil Cioran, La caduta nel tempo, 1964

Quando scorgiamo un serpente, non ci diciamo: "Quell'essere striscia sul terreno, mentre io cammino in posizione eretta." Al limite, pensiamo: «Anche se è una creatura inferiore, possiede una splendida pelle variopinta e un movimento sinuoso ed elegante e, forse, ha più potere di me.
Paulo Coelho, Il manoscritto ritrovato ad Accra, 2012

Eva si trovava vicino a un albero; a un tratto si girò e vide un serpente. E disse: “Che schifo!” “Sei bella tu!” rispose il serpente, che era permaloso.
Giobbe Covatta, Parola di Giobbe, 1991

L’Uomo non combatte contro il Fato, ma è un povero Laocoonte vittima ironica di serpenti domestici che lo seguono dappertutto e che non vogliono soffocarlo ma soltanto difenderlo dalle cattive compagnie. E l’Uomo non sa nemmeno se, riuscendo a liberarsi dai serpenti, sarebbe più felice; e se invece i serpenti non sono addirittura la sua ragione di vita.
Ennio Flaiano, Melampus, 1970

Non voglio vivere a prezzo della vita, sia pure la vita di un serpente. Dovrei lasciarmi morsicare a morte piuttosto di ucciderlo. Ma se Dio mi sottopone a questa prova crudele e permette che un serpente mi aggredisca, è probabile che io possa non avere il coraggio di morire. ma la bestia che è in me si affermi e io cerchi di uccidere il serpente per difendere questo mio corpo mortale. Ammetto che la mia fede non si è incarnata in me in modo tale da autorizzarmi ad affermare risolutamente che ho perso ogni timore dei serpenti, cosí da essere loro amico come vorrei esserne capace.
Mohandas Gandhi, Antiche come le montagne, 1958 (postumo)

Chi ti dà una serpe quando chiedi un pesce, può darsi abbia solo serpi da dare. La sua, dunque, è generosità.
Kahlil Gibran, Sabbia e spuma, 1926

Non essere candido in tutto come la colomba. Si sappia alternare l'astuzia del serpe con il candore della colomba.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

La sagacia mostri d'essere eminente nella cautela quanto lo è l'astuzia nell'inganno; e nessuno si ostini a essere uomo dabbene al punto di offrire a un altro l'occasione d'esser malvagio con lui. Sia dunque l'uomo accorto una giusta mescolanza di colomba e di serpente: e sarà non un mostro, ma un prodigio.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

La pubblicità è vecchia come il mondo. Infatti, come tutti sanno, cominciò il serpente a decantare a Eva le virtù della sua frutta.
Cesare Marchi, Quando l'Italia ci fa arrabbiare, 1993

Se abbiamo o no un dente di serpente, non lo sappiamo se prima qualcuno non ci abbia messo il tallone addosso.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

Il serpente che non può cambiar pelle muore. Lo stesso accade agli spiriti ai quali s'impedisce di cambiare opinione: cessano di essere spiriti.
Friedrich Nietzsche, Aurora, 1881

"Bene e male sono i pregiudizi di Dio" disse il serpente.
Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, 1882

Chi si proibisce qualcosa radicalmente e a lungo crederà quasi, imbattendosi per caso di nuovo nella stessa cosa, di stare scoprendola, È che felicità prova ogni scopritore! Facciamoci più furbi dei serpenti, che giacciono troppo a lungo nello stesso sole.
Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, 1882

Se l’uomo avesse il potere di completare la natura, al serpente aggiungerebbe le spine.
Jules Renard, Diario, 1887/1910 (postumo, 1925/27)

Dio creò l’uomo senza peccato. Il peccato fu invitare il serpente.
Guido Rojetti, L'amore è un terno (che ti lascia) secco, 2014

Dio ha creato solo il maschio e la femmina. L’uomo e la donna si sono fatti dopo, grazie al serpente. Di Adamo.
Guido Rojetti, L'amore è un terno (che ti lascia) secco, 2014

Il Saggio esclama: «Chi avrà compassione d’un incantatore morso dal serpente?». E io, dopo di lui: o folli e insensati, credete di poter fare l’incantesimo all'amore per poterlo maneggiare a vostro piacimento? Voi volete scherzare con lui, ma esso vi pungerà e morderà crudelmente; e sapete che cosa se ne dirà? Tutti si burleranno di voi e si riderà del fatto che abbiate voluto incantare l’amore e mettervi in seno, per una mal riposta fiducia, un serpente velenoso che vi ha guastato e rovinato nell'anima e nell'onore.
François de Sales, La filotea, 1609

Se vuoi calpestare, secondo il comando di Dio, la testa del serpente soffri paziente che ti morda il calcagno.
Arthur Schopenhauer, Scritti postumi, 1804/60 (postumo 1966/75)

I serpenti emettono il loro veleno per uccidere gli altri animali, ma lo conservano in se stessi senza danno; il veleno della malvagità è mortale per chi lo possiede.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

Prendi l'aspetto del fiore innocente, ma sii il serpente sotto di esso.
[Look like the innocent flower, but be the serpent under it].
William Shakespeare, Macbeth, 1605/08

Mettere un serpente in Paradiso è da incauti, ma aggiungervi pure una donna è da veri incoscienti.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Dio creò la donna perché probabilmente non si fidava abbastanza della malizia del serpente.
ibidem

E pensare che se su quel dannato albero al posto del serpente si fosse trovata una colomba, oggi il mondo sarebbe diverso…
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Che il “buon Dio” – proprio lui – si sia preso gioco delle sue creature sin dall’inizio dei tempi, è un’ipotesi che ebrei e cristiani farebbero bene a non sottovalutare. Quale serpente tentatore, infatti, sarebbe mai potuto entrare in paradiso se dio stesso non gli avesse aperto le porte?
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

L’anima dell’astuto è come la serpe: liscia, lucente, lubrica, fredda.
Niccolò Tommaseo, Pensieri morali, 1845

Ricorda, le truppe più valorose devono essere impiegate come fa il serpente detto Reazione Simultanea, che sta sul Monte Ci’ang: quando lo colpisci alla testa, ti attacca con la coda; quando lo
colpisci alla coda, ti attacca con la testa; quando lo colpisci a metà corpo, testa e coda ti attaccano insieme.
Sun Tzu, L'arte della guerra, ca. V sec. a.e.c.

Adamo era semplicemente un essere umano, e questo spiega tutto. Non voleva la mela per amore della mela. La voleva soltanto perché era proibita. Lo sbaglio fu di non proibirgli il serpente; perché allora avrebbe mangiato il serpente.
Mark Twain, Wilson lo Svitato, 1894

− Lo sai quale differenza c'è fra un serpente a sonagli e una coscia di pollo?
− Che differenza c'è? No, non lo so.
− Dovresti stare più attento a quello che mangi.
Dick Van Dyke e Ed Wynn, in Robert Stevenson, Mary Poppins, 1964

Come i serpenti, per lo meno una volta l'anno dovremmo disfarci della pelle delle nostre più trite abitudine.
Mario Vassalle, Petali, 2011

Fra tutti gli animali, solo il serpente ispira ribrezzo. Perché? Forse è il giusto sentimento di repulsione dinanzi a chi striscia, sebbene i serpenti vengano spesso calunniati o temuti a torto.
Anacleto Verrecchia, Diario del Gran Paradiso, 1997

Anche gli altri animali, come per esempio la capra e la pecora, rifuggono istintivamente alla vista di un serpente attorcigliato o strisciante, mentre il cane, anziché azzannarlo come ci si potrebbe aspettare, si mette ad abbaiare furiosamente. Per conto mio rifuggo solo da quelli che strisciano in senso figurato, i quali sono molto più repellenti e anche più velenosi. Viceversa i serpenti veri e propri sono generalmente innocui.
Anacleto Verrecchia, Diario del Gran Paradiso, 1997

Latet anguis in herba.
[Il serpente sta nascosto nell'erba].
Virgilio, Bucoliche, I sec. a.e.c.

I serpenti mordono, e anche gli scoiattoli, ma solo quando si fa loro del male.
Voltaire, Dizionario filosofico, 1764

Nel serpente il veleno è nei denti, nella mosca è nel capo, nello scorpione nella coda, nel malvagio in tutto il corpo.
Vrddhacanakya (sentenze indiane)

Sposarsi è come mettere la mano in un sacco pieno di serpenti, nella speranza di tirar fuori un'anguilla.
Anonimo (attribuito a Leonardo da Vinci - vedi "Citazioni errate" su Aforismario)

Dio creò la donna perché probabilmente non si fidava abbastanza
della malizia del serpente. (Giovanni Soriano)
Bibbia
Il serpente era la più astuta di tutte le bestie selvatiche fatte dal Signore Dio.
Genesi, Antico Testamento, VI-V sec a.e.c.

Il Signore Dio disse al serpente: "Poiché tu hai fatto questo, sii tu maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le bestie selvatiche; sul tuo ventre camminerai e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita. Io porrò inimicizia tra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe: questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno.
Genesi, Antico Testamento, VI-V sec a.e.c.

Se il serpente morde prima d'essere incantato, non c'è niente da fare per l'incantatore.
Ecclesiaste, Antico Testamento, sec. IV-III a.e.c.

Non guardare il vino quando rosseggia, quando scintilla nella coppa e scende giù piano piano; finirà con il morderti come un serpente e pungerti come una vipera.
Libro dei Proverbi, Antico Testamento, V sec. a.e.c.

Chi avrà pietà di un incantatore morso da un serpente e di quanti si avvicinano alle belve? Così capita a chi si associa a un peccatore e s'imbratta dei suoi misfatti.
Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c.

Come alla vista del serpente fuggi il peccato: se ti avvicini, ti morderà.
ibidem

Non c'è veleno peggiore del veleno di un serpente, non c'è ira peggiore dell'ira di un nemico.
Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c.

Ecco: io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe.
Gesù di Nazaret, in Vangelo secondo Matteo, I sec.

Favole di Fedro
I secolo

La serpe. Misericordia dannosa
Chi porta aiuto ai cattivi, più tardi se ne duole. Un tale raccolse una serpe intirizzita dal freddo e se la scaldò in seno, misericordioso a suo danno, perché la serpe, quando si riprese, uccise subito quell'uomo. Un'altra serpe le chiese il motivo della sua mala azione e lei rispose: «Perché nessuno impari a fare del bene ai perfidi».

La serpe dal fabbro ferraio
Chi tenta di azzannare con denti crudeli uno che sa mordere ancora di più, si senta ritratto in questo apologo. Una vipera entrò nell'officina di un fabbro. Mentre tastava se ci fosse qualcosa da mangiare, morsicò una lima. Questa, dura, di rimando: «Sciocca, perché cerchi di ferire con i tuoi denti proprio me, che sono abituata a rodere il ferro?».

Proverbi sul Serpente
  • A serpe velenosa si schiaccia la testa.
  • Chi s’alleva la serpe in seno è pagato di veleno.
  • Chi scalda la serpe in seno muore d’odio e di veleno.
  • Di serpe che dorme non ti fidare.
  • Dice la serpe: – Non mi toccare che non ti tocco.
  • La serpe è la gatta della campagna.
  • Lascia che la serpe corra la campagna.
  • Nei fiori sta la serpe.
  • Nutri la serpe in seno, ti renderà veleno.
  • Ogni serpe ha il suo veleno.
  • Parenti serpenti, cugini assassini, fratelli coltelli.
  • Quando gira la serpe presto piove.
  • Quando la serpe attraversa la via o morte o malattia.
  • Quando la serpe vuol morire esce dal bosco.
  • Se il serpente non mangiasse il serpente non si farebbe drago.
  • Serpe sulla strada, pioggia in cammino.
  • Vicino al ramarro sta la serpe.
Proverbi africani
  • Chi ha visto un serpente di giorno, di notte ha paura di una corda.
  • È per aver dormito troppo a lungo che il serpente ha perso le zampe
  • I piccoli serpenti crescono con il loro veleno.
  • Il serpente dice che provvederà a darsi delle zampe quando sarà grande.
  • Il serpente è cattivo, ma non morde sé stesso.
  • Meglio morsi da un serpente che leccati da un forestiero.
  • Quando si è stati morsi dal serpente si teme persino il millepiedi.
  • Un serpente per quanto grande non può farvi del male se avete un bastone in mano.
  • Una gallina che gironzola dappertutto incontrerà il serpente.
Proverbi cinesi
  • Chi è stato morso dal serpente anche solo una volta avrà sempre paura di camminare nell'erba alta.
  • Il serpente, conoscendo sé stesso, colpisce all'improvviso.
  • L'ambizione dell'uomo è come il serpente che, visto un elefante, se lo vorrebbe ingoiare: qualunque meta raggiunga non riesce mai a essere soddisfatta.
  • Le cime più alte degli alberi vengono raggiunte dagli animali più intelligenti, le aquile, e dagli animali che strisciano, i serpenti.
  • Nella bocca della serpe e nel pungiglione della vespa non troverai veleno altrettanto micidiale di quello che può celarsi nel cuore dell'uomo.
2. Vipera
© Aforismario

Nessuna cosa è assolutamente mala; perché la vipera non è mortale e tossicosa a la vipera; né il drago, il leone, l'orso a l'orso, al leone, al drago; ma ogni cosa è mala rispetto di qualch'altro.
Giordano Bruno, Spaccio de la bestia trionfante, 1584

Le vipere non sono affatto aggressive: se vi mordono è soltanto perché le avete calpestate, senza avere avuto l'accortezza di andare a spasso per i boschi con delle scarpe alte, se non degli stivali, che sarebbe ancor meglio.
Giorgio Celli, L'avvocato degli animali... e del cane, 2004

La pericolosità delle vipere è più un mito che una realtà: sono molti decenni che nessun uomo è passato a miglior vita dopo un incontro ravvicinato con loro. Le vipere, se dopo un loro morso non si è presi dal panico, e non si comincia a correre consentendo al veleno di andare rapidamente in circolo, provocano un'intossicazione che ben raramente comporta degli esiti mortali.
Giorgio Celli, L'avvocato degli animali... e del cane, 2004

La foresta quasi morta, dove spariscono i begli animali e gli uccelli, si popola sempre più di vipere. L'ultimo impressionante emblema della vita fuori dell'uomo è un moltiplicarsi di denti che stringono veleno.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

Ogni uomo di cuore chiederebbe di essere ucciso se mai diventasse vipera, e che gli venisse conficcato un pugnale nel cuore nel caso prendesse il posto di un tiranno detronizzato.
Pëtr Kropotkin, La morale anarchica, 1890

Femmena, / tu si 'na malafemmena... / chist'uocchie 'e fatto chiagnere... / lacreme e 'nfamità. / Femmena, / si tu peggio 'e 'na vipera, / m'e 'ntussecata l'anema, / nun pozzo cchiù campà.
Totò (Antonio de Curtis), Malafemmena, 1951

Proverbi sulla Vipera
  • Alla vipera schiaccia la testa.
  • Chi fu morso dalla vipera ha paura delle anguille.
  • La vipera che morse mia suocera morì avvelenata.
  • La vipera dove ti morde ti lascia.
  • Quando la vipera morde spesso, il veleno perde la virtù.
  • Se ti morde la vipera, prepara la pala e i fiori.
Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Animali - Rane e Rospi

Nessun commento: