2016-07-05

Intellettuali - Frasi e citazioni sull'Intellettualismo

Raccolta dei migliori aforismi e delle frasi più significative sugli intellettuali e sull'intellettualismo, con diverse "frecciate" contro la figura dell'intellettuale.
Sull'origine del termine, scrive Zygmunt Bauman: "Il nome collettivo «intellettuali» è di origine relativamente recente. Ne si fa risalire la paternità ora a Clemenceau, ora ai firmatari di una protesta pubblica contro il processo Dreyfus; in nessun caso però si è riusciti a rintracciarlo prima della fine del secolo scorso. La nuova espressione rappresentò inizialmente un tentativo di ristabilire l'unità di uomini e donne dalle occupazioni e posizioni sociali estremamente diverse tra loro, che altrimenti non avrebbero avuto molte occasioni di incontrarsi, né tanto meno di cooperare tra di loro, nel corso delle loro attività professionali: scienziati, uomini politici, scrittori, artisti, filosofi, avvocati, architetti, ingegneri. L'elemento unificante, come suggeriva vagamente la nuova espressione, era il ruolo centrale svolto dall'intelletto in tutte queste occupazioni. La condivisa intimità con l'intelletto non solo poneva questi uomini e donne in un ambito separato dal resto della popolazione, ma determinava anche una certa somiglianza nei loro diritti e doveri. Cosa ancor più importante, dava ai titolari di ruoli intellettuali il diritto (e il dovere) di rivolgersi alla nazione in nome della Ragione, ponendosi al di sopra delle divisioni e degli interessi materiali di parte. Attribuiva inoltre alle loro affermazioni la veridicità esclusiva e l'autorità morale che solo un tale ruolo di portavoce può dare". [La decadenza degli intellettuali, Boringhieri, 1992].
Secondo il filosofo bulgaro Tzvetan Todorov, l'intellettuale "è uno studioso o un'artista (categoria che include anche gli scrittori) che non si accontenta di fare opere scientifiche o di creare opere d'arte, di contribuire dunque al progresso della verità o allo sviluppo del bello, ma che si sente anche toccato dal problema del bene pubblico. Dei valori della società in cui vive e che partecipa quindi al dibattito su quei valori. L'intellettuale, secondo questa definizione, si situa a uguale distanza dall'artista o dallo studioso che non si preoccupa della dimensione politica ed etica del suo lavoro, come dal politico e dal propagandista di professione, che non produce alcuna opera". [L'uomo spaesato, Donzelli, 1997].
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulla cultura e i dotti.
Un idiota che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti. (Jacques Séguéla)
1. Intellettuali
© Aforismario

Comunque agisca, l'intellettuale sbaglia.
Theodor Adorno, Minima moralia, 1951

Gli intellettuali sono come la mafia: si ammazzano tra di loro.
[Intellectuals are like the mafia. They only kill their own].
Woody Allen, in Stardust Memories, 1980 [2]

Gli intellettuali sono destinati a sparire con l'avvento dell'Intelligenza Artificiale com'è avvenuto per gli eroi del cinema muto con l'invenzione del sonoro. Siamo tutti dei Buster Keaton.
Jean Baudrillard, Cool memories II 1987-1990, 1990

Il significato intenzionale di «essere un intellettuale» è quello di porsi al di sopra degli interessi settoriali della propria professione o del proprio genere artistico e di fare i conti con le questioni globali di verità, giudizio e gusto dell'epoca.
Zygmunt Bauman, La decadenza degli intellettuali, 1987 [1]

L'intellettuale è così spesso un imbecille che dovremmo sempre considerarlo tale fino a prova contraria.
Georges Bernanos (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

"Intellettuali". - Uomini che voglion dare la preminenza su tutte le facoltà dello spirito alla facoltà meno lungiveggente: l'ingegno. Vedono tutta la fila dei lumi - non vedono la notte che è intorno.
Ugo Bernasconi, Parole alla buona gente, ca. 1933 (postumo 1987)

La più amena trovata dell'intellettualismo è di pigliarsela con l'intelletto
Ugo Bernasconi, Parole alla buona gente, ca. 1933 (postumo 1987)

Un intellettuale è un individuo che dice una cosa semplice in modo difficile; un artista è un individuo che dice una cosa difficile in modo semplice.
Charles Bukowski, Taccuino di un vecchio sporcaccione, 1969

Un intellettuale è un uomo la cui mente osserva sé stessa.
Albert Camus, Taccuini, 1935/59 (postumo 1962/89)

Gli intellettuali sono i cani da guardia delle conquiste civili; purtroppo, spesso, abbaiano quando i ladri sono già scappati.
Pino Caruso, Ho dei pensieri che non condivido, 2009

L'intellettuale rappresenta la disgrazia più grande, il culmine del fallimento per l'homo sapiens.
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952 

"L'intellettuale stanco" riassume le deformità e i vizi di un mondo alla deriva. Egli non agisce, patisce.
Emil Cioran, La tentazione di esistere, 1956

L'intellettuale, frustrato dai suoi dubbi, cerca una compensazione nel dogma. Giunto ai confini dell'analisi, costernato dal nulla che vi scopre, torna sui suoi passi e cerca di appigliarsi alla prima certezza che incontra; ma gli manca l'ingenuità per aderirvi pienamente; da quel momento, fanatico "senza convinzioni", non è più che un ideologo, un pensatore ibrido.
Emil Cioran, La tentazione di esistere, 1956

Il sogno di tutti gli uomini intellettuali: – essere costantemente infedele a una donna costantemente fedele. 
Gabriele D'Annunzio, L'innocente, 1892

Nelle truppe degli intellettuali di sinistra militano solo piccolo-borghesi inaciditi.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

L'intellettuale differisce dall'uomo colto come la plastica dalle materie nobili.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Provate a osservare l'atteggiamento degli intellettuali italiani quando vengono intervistati in TV: noterete subito come il loro sguardo è sempre permeato da una austera consapevolezza. Dio solo sa quali oscuri meccanismi calvinisti, fatti di complessi di colpa e di desideri di espiazione, li rendono così allergici alla comicità. Forse il motto latino «risus abundat in ore stultorum» è stato messo in giro proprio da un antenato di Moravia, di Sciascia o di Giorgio Bocca. Fortunatamente, di tanto in tanto, spunta un Einstein o un Bertrand Russell e il cielo della cultura torna a tingersi di azzurro. Luciano De Crescenzo, Storia della filosofia Greca - I Presocratici, 1988

Quello che dà un po' fastidio agli intellettuali è la realtà.
Luciano De Crescenzo, I pensieri di Bellavista, 2005

[L'intellettuale impegnato è] un irresponsabile che impartisce lezioni, avendo come metodo di svuotare il mondo della sua complessità per non vederci altro che materia per indignazione, scandalo e pose vantaggiose.
Régis Debray, cit. in Paolo Mieli, Intellettuali, narcisismo e pubblici dibattiti, su Corriere della Sera, 2002

La specializzazione in ogni campo dell'attività intellettuale sta aprendo un vuoto sempre più vasto fra gli intellettuali e i non specialisti, che rende ancor più difficile per la vita della nazione di venir fertilizzata e arricchita dai risultati ottenuti dall'arte e dalla scienza. Tuttavia il contatto fra l'intellettuale e le masse non deve andare perduto. È necessario, per il progresso della società e non di meno per rinnovare la forza dell'intellettuale; perché il fiore della scienza non cresce nel deserto.
Albert Einstein, Il mondo come io lo vedo, 1930

L'intellettuale non ha contatto diretto con la realtà, ma la vive attraverso la sua forma riassuntiva più facile, quella della pagina stampata.
Albert Einstein, Perché la guerra? 1933

Scrittore: razza di intellettuali con pubblico limitato e presunzione infinita.
Georges Elgozy, Lo spirito delle parole o l'Antidizionario, 1981

L'intellettuale italiano è sempre stato all'opposizione di ogni regime. Precedente.
Pippo Franco, a Il ribaltone, Rai 1, 1978

C'è chi dice che i nostri intellettuali devono sputare nel piatto in cui mangiano. Ma i nostri intellettuali, nel piatto in cui mangiano, non sputano: vomitano. Per essersi troppo rimpinzati.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Gratta certi intellettuali impegnati e non troverai che inediti.
ibidem

Certi nostri pseudointellettuali sono come gli eunuchi: non potendo fare, odiano chi fa.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

L'artista sente; l'intellettuale deve capire.
ibidem

I nostri intellettuali s'odiano soprattutto quando s'adulano.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Solo l'intellettuale italiano riesce a passare di colpo dalla quarta alla marcia indietro.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

L'intellettuale italiano si butta soltanto se sotto c'è la rete. Non sfida mai il vuoto.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Ciò che più invidio in certi intellettuali rossi è il fatto che riescono sempre a farsi pagare in nero.
ibidem

Quanto sarebbero più seri certi nostri intellettuali se non si prendessero tanto sul serio.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Le cose sarebbero chiarissime se gli intellettuali non le spiegassero.
Fausto Gianfranceschi, Lode della torre d'avorio, 2007

L'intellettuale è colui che spiega perché è accaduto qualcosa che sta sotto gli occhi di tutti, ma che di per sé non è capace di fare accadere niente. L'intellettuale più audace si azzarda a prevedere quel che accadrà, e sbaglia sempre. L'intellettuale più furbo si limita a descrivere quello che sta accadendo così come sta accadendo, e si accaparra una grande fama di intellettuale.
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

È raro che l'intellettuale sia anche intelligente.
ibidem

"È un intellettuale ... ". Come se gli altri non avessero il cervello.
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

Il mestiere degli intellettuali è quello di sbagliare.
ibidem

Il suicidio degli intellettuali: scorticare l'intelligenza fino all'imbecillità.
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

Le opere monumentali degli intellettuali, grandiosi cimiteri delle idee.
ibidem

Talvolta un'idea buona si insinua nel cervello di un intellettuale: come un fiore che sorge da un letamaio.
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

Gli intellettuali si sforzano di stabilire certezze, mentre il loro mestiere è seminare dubbi.
Giordano Bruno Guerri, Pensieri scorretti, 2007 [3]

Una pietra di paragone per accertare il valore autentico di un «intellettuale»... scopri cosa pensa dell’astrologia.
Robert Anson Heinlein, Lazarus Long l'Immortale, 1973

Il diluvio di giornali, tutti i libri pubblicati anno per anno dagli intellettuali, scivolano sui milioni di uomini dei ceti inferiori come l'acqua sul cuoio unto d'olio. 
Adolf Hitler, La mia battaglia, 1925/26
L'intellettuale italiano è sempre stato all'opposizione di ogni regime. Precedente. (Pippo Franco)
Cogito ergo sum è l'affermazione di un intellettuale che sottovalutava il mal di denti.
Milan Kundera (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Anche sulle vie del pensiero ci sono briganti in agguato. Ovviamente si sentono intellettuali pure loro.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

Occorre provocare l'intelletto, non gli intellettuali.
ibidem

Diffidate delle donne intellettuali: finiranno col rintracciare sempre il cretino che le capisce.
Leo Longanesi, La sua signora, 1957

L'intellettuale è un signore che fa rilegare i libri che non ha letto.
Leo Longanesi, La sua signora, 1957

Gli intellettuali sono degli studiosi, degli artisti ma non dovrebbero mai occuparsi di questioni di politica. Con la loro mancanza di immaginazione possono dare fuoco al mondo.
Alma Mahler, Diario, luglio 1927

Gli intellettuali. Questo risibile quinto stato.
Giorgio Manganelli, La letteratura come menzogna, 1967

In una nave che affonda gl'intellettuali sono i primi a fuggire subito dopo i topi e molto prima delle puttane.
Vladimir Majakovskij (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Gl'intellettuali italiani che preferiscono aver ragione da soli piuttosto che torto con gli altri, sono pochi. I più seguono la massima di Toulet: «Quando i lupi urlano, urla con loro».
Indro Montanelli, su Il Giornale, 1976

L'intellettuale è come il bambino della favola, che rivela all'imperatore la sua nudità.
Alberto Moravia (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Intellettuali, questi profeti dello ieri.
Guido Morselli, Diario, 1938/73 (postumo 1988)

Chiamare moltitudini quelle che una volta si chiamavano masse non servirà a mutare il destino degli
intellettuali che continueranno a non capire nulla né delle une, né delle altre.
Mauro Parrini, A mani alzate, 2009

Gli intellettuali non subiscono mai sconfitte politiche, sempre sconfitte intellettuali: non è necessario
che intervenga la storia a dar loro torto, basta la comune intelligenza.
Mauro Parrini, A mani alzate, 2009

Prima del Romanticismo non esisteva l'intellettuale, perché non esisteva contrapposizione fra vita e conoscenza. Accorgersi che la vita è più importante che il pensiero, significa essere un letterato, un intellettuale; significa che il proprio pensiero non si è fatto vita.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

L'intellettuale! Questa parola fa paura, ma nello stesso tempo fa pena. L'intellettuale di oggi è un misto di fessaggine, di pederastia e di mutria. Pur non avendo capito nulla, né di sé, né degli altri, si presenta come l'oracolo degli oracoli. Usa un linguaggio ricercato, astruso, quasi da ebete: con la convinzione di mettere a posto il mondo, e invece non mette a posto nemmeno a se stesso.
Marino Piazzolla, La cultura che ha fallito, su Punto interrogativo, 1977

L'intellettuale, nostro contemporaneo, sta quasi collocato sempre a sinistra (mangia però a destra), vuol fare la "rivoluzione", ma spera assicurarsi che non gli venga tolto nulla.
Marino Piazzolla, La cultura che ha fallito, su Punto interrogativo, 1977

La via più sicura per la perdizione intellettuale: abbandonare i problemi reali per i problemi verbali.
Karl Popper, La ricerca non ha fine, 1974

La chiarezza è di per sé un valore intellettuale. Credo sia dovere di ogni intellettuale essere consapevole della propria posizione privilegiata. Ha il dovere di scrivere nel modo più semplice e chiaro possibile e nel modo più civile possibile e di non dimenticare mai né i grandi problemi che assediano l'umanità e che esigono pensiero nuovo e audace, ma paziente, né la modestia socratica dell'uomo che sa quanto poco egli sa.
Karl Popper, Come io vedo la filosofia, su La cultura, 1976

Sono sostenitore strenuo della audacia intellettuale. Non possiamo essere dei vigliacchi intellettuali e dei ricercatori di verità nel contempo. Un ricercatore di verità deve osare di essere saggio, deve osare di essere un rivoluzionario nel campo del pensiero.
Karl Popper, Come io vedo la filosofia, su La cultura, 1976

Ogni intellettuale ha una responsabilità tutta speciale. Ha il privilegio e l'opportunità di studiare. Per questo è debitore al suo prossimo (o alla società) di esporre i risultati del proprio studio nella forma più semplice, chiara e modesta. La cosa peggiore - il peccato contro lo Spirito Santo - è quando gli intellettuali cercano di atteggiarsi nei confronti del loro prossimo come grandi profeti o di impressionarlo con filosofie oracolanti. Chi non è capace di esprimersi semplicemente e chiaramente, deve tacere e continuare a lavorare sino a che è capace di dirlo chiaramente.
Karl Popper, in Claus Grossner, I filosofi tedeschi contemporanei, 1980

Io vorrei essere riuscito a far capire agli scienziati e soprattutto agli intellettuali un fatto, e cioè che noi sappiamo tanto poco.
Karl Popper, Tutta la vita è risolvere problemi, 1994

Non bisogna lasciar giocare gli intellettuali con i fiammiferi.
Jacques Prévert, Paroles, 1946

La differenza tra un intellettuale e un operaio? L’operaio si lava le mani prima di pisciare e l’intellettuale dopo.
Jacques Prévert (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Genealogia della decadenza: dal saggio al filosofo, dal filosofo all'intellettuale, dall'intellettuale all'"operatore culturale".
Mario Andrea Rigoni, Variazioni sull'impossibile, 1993

Il compito degli intellettuali è quello di ricercare la verità in mezzo all'errore.
Romain Rolland, Al di sopra della mischia, 1915

L’uomo saggio sa godere di tutte quelle cose che siano disponibili in grande quantità e di spazzatura intellettuale egli troverà sempre buone scorte, nel nostro tempo come in ogni altro.
Bertrand Russell, Rassegna di spazzatura intellettuale, 1943

Un idiota che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti.
[Un con qui marche vaut mieux que dix intellectuels assis].
Jacques Séguéla, Fils de pub, 1983 [attribuito anche a Jacques Audiberti] [4]

Gli intellettuali sono pecore che hanno bisogno di un protettore.
Vittorio Sgarbi, su Facebook, 2016

Un intellettuale ideologizzato − la peggior specie d’intellettuale che possa esistere.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

L'intellettuale non ha scelta, salvo fra essere sé stesso o tradire sé stesso.
George Steiner, Nessuna passione spenta, 1996

Il mondo intellettuale si divide in due classi: da una parte i dilettanti, dall'altra i pedanti.
Miguel de Unamuno, Del sentimento tragico della vita, 1913

Intellettuali? − Coloro che attribuiscono valori a ciò che ne è assolutamente privo.
Paul Valéry, Mélange, 1939

L'intellettuale è colui che tenta instancabilmente di sostituire a tutte le cose e a sé stesso una costruzione.
Paul Valéry, Quaderni, 1894/1945 (postumi, 1957/61)

I cosiddetti intellettuali impegnati sono sempre più relegati ai margini dei fatti nazionali. Tra poco non conteranno più niente, assolutamente niente.
Michele Valori, Posta fatta in casa (a cura di Maria Valentina Tonelli), 2003

Un intellettuale è una persona che ha scoperto qualcosa di più interessante del sesso.
[An intellectual is a person who has discovered something more interesting than sex].
Anonimo (attribuito a Aldous Huxley e Edgar Wallace - vedi "Citazioni errate" su Aforismario)

Un intellettuale è un individuo educato al di là dei limiti del senso comune.
Anonimo

Un intellettuale è un individuo che dice una cosa semplice in modo difficile; un
artista è un individuo che dice una cosa difficile in modo semplice. (Charles Bukowski)
2. Intellettualismo
© Aforismario

Guardiamoci dal regalare una patente di nobiltà intellettuale ad ogni sbadiglio dell'attuale universale noia.
Eugenio Montale, Auto da fé, 1966

Che cos'è intellettualismo? Pensare solo con la mente.
Elio Vittorini, Diario in pubblico, 1957 

Non fare niente del tutto è la cosa più difficile del mondo, la più difficile e la più intellettuale.
Oscar Wilde, Il critico come artista, 1889

La fedeltà è per la vita sentimentale ciò che la coerenza è per la vita intellettuale: semplicemente la confessione di un fallimento.
Oscar Wilde, Il ritratto di Dorian Gray, 1891

Note
  1. Zygmunt Bauman, La decadenza degli intellettuali. Da legislatori a interpreti © Bollati Boringhieri, 1992.
  2. La battuta integrale di Woody Allen è la seguente: "Cos'ha contro gli intellettuali? Io ho visto tutti i suoi film e dà l'impressione di sentirsi minacciato da loro". "Scherza? Io dico solo che sono come la mafia: si uccidono tra loro".
  3. Confronta la frase di Giordano Bruno Guerri con questa di Norberto Bobbio pubblicata in Politica e cultura (1955): "Il compito degli uomini di cultura è più che mai oggi quello di seminare dei dubbi, non già di raccogliere certezze".
  4. In alcuni siti in lingua francese, la frase di Jacques Séguéla è citata, in diverse varianti, come proverbio cinese.
  5. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Cultura

Nessun commento: