2016-07-08

Traumi e Shock - Citazioni sull'essere traumatizzati

Raccolta dei migliori aforismi e delle frasi più significative sul trauma psicologico e sugli shock emotivi. La parola "trauma" (dal greco τραῦμα "ferita") è qui considerata col significato di esperienza negativa sconvolgente o fatto assai doloroso, che provoca una grave alterazione del normale stato psichico di un individuo. Bisogna notare che spesso non è tanto l'evento traumatico in sé a provocare gravi conseguenze psicologiche, quanto la percezione che il soggetto coinvolto ha dell'evento stesso.
Scrive Peter A. Levine: "Il trauma è un fatto dilagante nella vita moderna. La maggior parte di noi è stata traumatizzata, non solo i soldati o le vittime di maltrattamenti o attacchi. Sia le origini che le conseguenze del trauma sono di vasta portata e spesso restano celate alla nostra consapevolezza. Esse comprendono ovviamente le sciagure naturali (per esempio terremoti, tornado, alluvioni e incendi), l'esposizione alla violenza, gli incidenti, le cadute, le malattie gravi, le perdite improvvise (per esempio di una persona cara), le procedure chirurgiche e qualsiasi altra procedura necessaria di genere medico o dentistico, i parti difficili e anche gli elevati livelli di stress nel corso della gestazione". [...] "Il corpo reagisce a livello profondo nelle situazioni di trauma. Si tende per essere pronto, si tonifica nella paura, e si irrigidisce e collassa in un terrore impotente. Quando la reazione protettiva della mente a ciò che opprime ritorna alla normalità, anche la risposta del corpo è intesa alla normalizzazione dopo l'incidente. Quando questo processo restaurativo viene ostacolato, gli effetti del trauma si fissano e la persona rimane traumatizzata!. [Traumi e shock emotivi, Macro Edizioni, 2002].
La parola "shock" (dall'inglese "urto, scossa violenta") è qui considerata col significato di violento e improvviso turbamento psichico che lascia sconcertati e prostrati. "Il trauma da shock si verifica quando viviamo degli eventi potenzialmente minacciosi per la nostra esistenza che sopraffanno le nostre capacità di rispondere efficacemente. [Peter A. Levine, Traumi e shock emotivi, Macro Edizioni, 2002].
Il trauma è una realtà della vita,
ma non per questo dev'essere una condanna a vita. (Peter A. Levine)
1. Trauma
© Aforismario

− Io da piccolo ho avuto un trauma.
− Ne hai avuto più di uno, va là!
Aldo e Giovanni, in I corti di Aldo, Giovanni e Giacomo, 1995

Noi oggi sappiamo che è importante la biologia, ma lo sono al contempo anche le esperienze vissute da ciascun individuo, a partire dai traumi dell'infanzia, rimossi e sepolti nella memoria, nell'inconscio, diceva Freud, ma comunque attivi e capaci di condizionare il nostro agire.
Vittorino Andreoli, Il denaro in testa, 2011

La cosiddetta esperienza traumatica non è un incidente, bensì l'occasione che il bambino stava pazientemente aspettando (e se non si fosse verificata quella, ne avrebbe trovata un'altra, ugualmente banale) per poter dare necessità e direzione alla propria esistenza, in modo che essa diventasse una faccenda importante.
Wystan Hugh Auden, XX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La gente crede di inseguire le stelle e finisce come un pesce rosso nella boccia. Mi chiedo se non sarebbe più semplice insegnare fin da subito ai bambini che la vita è assurda. Questo toglierebbe all'infanzia alcuni momenti felici, ma farebbe guadagnare un bel po' di tempo all'adulto – senza contare che si eviterebbe almeno un trauma, quello della boccia.
Muriel Barbery, L'eleganza del riccio, 2007

Oggigiorno ci sono anche i parti subacquei. Dicono che è meno traumatico per il bambino perché viene fuori nell'acqua. Penso che probabilmente sia meno traumatico per il bambino, ma certamente più traumatico per l’altra gente in piscina.
Elayne Boosler [1]

I traumi, per esempio uno choc, il terrore o un dolore al di li delle proprie capaciti di integrazione possono produrre nella psiche dei blocchi non accessibili ai normali sforzi di consapevolezza. In questi casi la non-consapevolezza rappresenta un tentativo di protezione da parte dell'intero organismo.
Nathaniel Branden, L'arte di vivere consapevolmente, 1997

Vivere consapevolmente è una sfida per tutti noi, anche quando non c'è nessun trauma da superare.
Nathaniel Branden, L'arte di vivere consapevolmente, 1997

Il nostro corpo può essere visto, in un certo senso, come una parte del cervello: anch'esso infatti contiene ed elabora informazioni, immagazzina traumi e spaventi dei quali la mente conscia si dimentica, influenza pensieri ed emozioni. [...] Un trauma infantile dimenticato da lungo tempo, per esempio delle botte o delle molestie sessuali, la cui impronta sia rimasta non solo nel subconscio ma anche nel corpo, quando diventiamo adulti può influenzare la nostra capacità di gestire la vita intima: la persona può tornare a provare la paura invalidante che il corpo si porta dentro da decenni.
Nathaniel Branden, L'arte di vivere consapevolmente, 1997

La storia dell'umanità è la storia dei suoi traumi.
Aldo Busi, Grazie del pensiero, 1995

Se nascere è un trauma, figurarsi morire!
Pino Caruso, Appartengo a una generazione che deve ancora nascere, 2014

La reazione della persona colpita dal trauma ha propriamente un effetto “catartico” completo solo quando è una reazione adeguata, come la vendetta. Ma nella parola l’uomo trova un surrogato all'azione, e con l’aiuto della parola l’affetto può essere “abreagito” in misura quasi uguale.
Josef Breuer e Sigmund Freud, Studi sull'isteria, 1892/95

Il primo parto è il più grande trauma a cui viene esposto l’organismo femminile; trauma in conseguenza del quale la donna tende a manifestare tutti quei sintomi nevrotici che sono latenti nella sua disposizione.
Sigmund Freud, Un caso di guarigione ipnotica, 1892

Soltanto le esperienze infantili spiegano la sensibilità nei confronti di traumi successivi, e solo scoprendo e rendendo coscienti queste tracce mnestiche quasi regolarmente dimenticate acquistiamo la forza necessaria per eliminare i sintomi.
Sigmund Freud, Cinque conferenze sulla psicoanalisi, 1909

L’espressione “traumatico” non ha altro senso se non economico. Con essa noi designiamo un’esperienza che nei limiti di un breve lasso di tempo apporta alla vita psichica un incremento di stimoli talmente forte che la sua liquidazione o elaborazione nel modo usuale non riesce, donde è giocoforza che ne discendano disturbi permanenti nell'economia energetica della psiche.
Sigmund Freud, Introduzione alla psicoanalisi, 1915/32

I trattati degli esperti che dettano le regole per una vita buona e serena sono come il codice della strada i cui articoli, per una guida corretta, non ti salvano dal rischio che un altro guidatore, ubriaco o distratto o inesperto, all'improvviso ti urti e ti travolga. Così è nella vita: puoi elaborare e mantenere un'esistenza equilibrata, ma non puoi evitare gli scontri traumatici con il destino che mandano all'aria la tua quiete. Una buona corazza calata silenziosamente sul tuo animo è l'oggetto primario per affrontare la vita e le sue sorprese.
Fausto Gianfranceschi, Aforismi del dissenso, 2012

I guasti non ci vengono tanto dai traumi infantili, bensì dalla modalità traumatica con cui ricordiamo l'infanzia come un periodo di disastri arbitrari e provocati da cause esterne che ci hanno plasmati male.
James Hillman, Il codice dell'anima, 1996

Anche se siamo dei duri, i traumi lasciano sempre delle cicatrici, ci seguono anche a casa e cambiano la nostra vita. I traumi incasinano tutti, ma forse è proprio questo il punto: il dolore, la paura, le stronzate, forse subire questo ci permette di andare avanti di superare ogni cosa, forse tutti dobbiamo incasinarci un po' prima di poter migliorare.
Alex Karev (Justin Chambers), in Grey's Anatomy, 2005/13

Da qualche parte, tra il ricordare gli eventi orribili e il negarli, c'è la verità del trauma psicologico.
Hannibal Lecter (Mads Mikkelsen), in Hannibal, 2013/15

Il trauma non può solo essere guarito, ma, con una guida e un sostegno adeguati, può operare delle trasformazioni. Il trauma è potenzialmente una delle forze più significative per il risveglio e l'evoluzione psicologici, sociali e spirituali.
Peter A. Levine, Traumi e shock emotivi, 1997

Il trauma è una realtà della vita, ma non per questo dev'essere una condanna a vita.
ibidem

Di tutte le malattie che attaccano l'organismo umano, il trauma può in definitiva essere visto come benefico. Dico questo perché nella guarigione del trauma avviene una trasformazione, che può migliorare la qualità della vita.
Peter A. Levine, Traumi e shock emotivi, 1997

Le parole non sono in grado di descrivere adeguatamente l'angoscia provata da una persona traumatizzata. La sua intensità non può essere descritta. Molte persone traumatizzate sentono di vivere in un inferno personale che non possono condividere con nessun altro.
Peter A. Levine, Traumi e shock emotivi, 1997

Mentre il trauma può essere l'inferno sulla Terra, il trauma risolto è un dono degli dei - un viaggio eroico che appartiene a ognuno di noi.
Peter A. Levine, Traumi e shock emotivi, 1997

Fortunatamente, essendo esseri istintivi con la capacità di sentire, reagire e riflettere, abbiamo il potenziale innato per curare anche le lesioni traumatiche più debilitanti.
Peter A. Levine, Traumi e shock emotivi, 1997

Nel mito di Medusa, chiunque l'avesse guardata direttamente negli occhi si sarebbe tramutato in pietra. Succede lo stesso con il trauma. Se tentiamo di confrontarci con esso affrontandolo, continuerà a fare ciò che ha sempre fatto - immobilizzarci nel terrore.
Peter A. Levine, Traumi e shock emotivi, 1997

I sintomi traumatici non sono generati dall'evento scatenante stesso. Sono causati dal residuo congelato di energia che non e stato risolto e scaricato; questo residuo resta intrappolato nel sistema nervoso, dove può causare distruzione nel nostro corpo e nel nostro spirito.
Peter A. Levine, Traumi e shock emotivi, 1997

Le stesse immense energie che creano i sintomi di trauma possono, se impegnate e mobilitate opportunamente, trasformare il trauma e spingerci verso nuove vette di guarigione, padronanza di noi stessi e persino saggezza.
Peter A. Levine, Traumi e shock emotivi, 1997

Non esito a dire che la coazione a ripetere segue le stesse leggi energetiche della palla, o del pallone. L'organismo vivente e il pallone gonfiato obbediscono a leggi che derivano dal fatto che la tensione superficiale si mantiene per una pressione interna o per una carica energetica. L'esperienza traumatica è per il bambino un insulto al suo Io, paragonabile a una pressione sulla superficie del pallone. Quando la pressione viene rimossa, l'Io tenta un'abreazione del-l'esperienza attraverso un movimento attivo che ripete in direzione opposta la reazione originaria. Inoltre, se il bambino non reagisce attivamente a tale esperienza traumatica è perché il suo sistema energetico non esercita una pressione sufficiente verso l'esterno. L'Io è parzialmente crollato, afflosciato, e Ia situazione è simile alla tensione superficiale di un pallone parzialmente sgonfio.
Alexander Lowen, Il linguaggio del corpo, 1958

Dal punto di vista ontogenetico le esperienze traumatiche, la mancanza di un valido tessuto di supporto sociale durante l'infanzia, la presenza di conflitti intrafamiliari possono avere un effetto estremamente negativo e innalzare la soglia della paura creando uno stato di attesa dolorosa e di insicurezza diffusa: non soltanto si diventa ipersensibili a ogni situazione allarmante, ma si sviluppano anche attese irrequiete di minacce imprecisate.
Anna Oliverio Ferraris, Psicologia della paura, 1980

Se non fosse perché sono stati i primi, chi si sarebbe mai fatto condizionare dai propri insignificanti traumi infantili?
Mauro Parrini, A mani alzate, 2009

Come esci dall'utero te lo mettono nel sedere: è la prassi. Non so se sia giusto ma poco conta. Sarebbe utile saperlo in anticipo, l'adattamento sarebbe meno traumatico durante l'allattamento.
Andrea G. Pinketts, Fuggevole Turchese, 2001
  
2. Shock
© Aforismario

La vita è piena di spiacevoli shock e sembra sempre che accadano quando meno ce l'aspettiamo. E una volta che i nostri sistemi sono stati sconvolti, la domanda che sorge è: sopravvivremo? 
Mary Alice (Brenda Strong), in Desperate Housewives, 2004/12

Lo shock è un anestetico naturale.
Natalie Clifford Barney, Pensieri selvaggi, 1909

Nessuno si sposa pensando di sbagliare, pensano tutti che sarà un matrimonio riuscito. Arriva sempre come uno shock, il momento in cui ti rendi conto che è finita. 
Meredith Grey (Ellen Pompeo), in Grey's Anatomy, 2005/13

Un fulmine non cade spesso due volte nello stesso punto, è una cosa che capita una sola volta nella vita, anche se sembra di continuare a provare quello shock molto spesso, prima o poi il dolore scompare, lo shock svanisce. E cominci a guarire, a riprenderti da qualcosa che non hai neanche visto arrivare. Ma a volte le probabilità sono a tuo favore. Se sei nel posto giusto al momento giusto, puoi ricevere un colpo tremendo e avere ugualmente la possibilità di sopravvivere.
Meredith Grey (Ellen Pompeo), in Grey's Anatomy, 2005/13

La storia è fatta di shock successivi, è la messa in conto di sfide.
Stéphane Hessel, Indignatevi!, 2010

Il terrore è uno shock, un istante di totale accecamento. Il terrore è privo di una qualsiasi traccia di bellezza. Noi non vediamo che la luce violenta dell’avvenimento sconosciuto.
Milan Kundera, L'insostenibile leggerezza dell'essere, 1984

C’è soltanto un tipo di shock peggiore rispetto al totalmente inaspettato: l'atteso al quale ci si è rifiutati di prepararsi.
Mary Renault, The Charioteer, 2013

Libro consigliato da Aforismario
Traumi e shock emotivi
Come uscire dall'incubo di violenze, incidenti e esperienze angosciose
Autore: Peter A. Levine
Revisione: Valerio Pignatta
Traduzione: Silvia Nerini
Editore: Macro Edizioni, 2002

La maggior parte di noi è stata spesso traumatizzata da avvenimenti, talvolta apparentemente ordinari, occorsi soprattutto nell'infanzia, di cui non si è nemmeno coscienti e che pur tuttavia comportano pesanti conseguenze emotive, incluse patologie psicologiche e fisiche. Traumi di grande impatto e devastazione sulla psiche degli individui come violenza diretta, shock di guerra, abusi sessuali, incidenti, operazioni odontoiatriche o chirurgiche possono trarre grande benefìcio dalle riflessioni e dalle tecniche sviluppate da Levine e dagli altri studiosi qui citati. Grazie a questa guida accessibile a tutti, imparerete a capire come cominciano e si sviluppano i sintomi post-traumatici e potrete correggere i meccanismi mentali ed emotivi che stanno alla loro base. Nel libro troverete alcuni facili esercizi che vi aiuteranno a focalizzare l'attenzione sulle sensazioni corporee connesse a visualizzazioni e fantasie legate al trauma o ai disturbi che esso scatena. Potrete scoprire con entusiasmo gli straordinari percorsi per la risoluzione del trauma, con alcune delle tecniche, qui illustrate per la prima volta in Italia, come il Somatic Experiencing®. Un aiuto alla nostra psiche che ci viene anche dall'osservazione della natura intorno a noi, dove infinite volte animali e piante vivono traumi dai quali però hanno le capacità di uscire indenni, attuando istintivamente strategie difensive o lenitive che la natura stessa ha messo loro a disposizione. Peter lavine ci offre con Traumi e shock emotivi un libro prezioso e necessario. Prezioso perché ci riporta con chiarezza, precisione, sobrietà e con una incomparabile carica umana, una lettura del trauma e della sua possibile evoluzione positiva di cui si sentiva il bisogno, tanto nel campo della psicologia clinica quanto in quello della medicina, e da parte di tutti coloro che operano con pazienti traumatizzati. Necessario perché ci offre due importanti elementi di innovazione: da un lato ci propone una soluzione originale e percorribile per migliaia di persone in stato di sofferenza cronica e dall'altro ci riporta una lettura dello psicosoma all'altezza delle più recenti e meglio documentate acquisizioni delle neuroscienze.

Note
  1. Battuta tratta da Gino e Michele, Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano. Opera omnia, Baldini e Castoldi, 1995
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Ansia

Nessun commento: