2016-08-10

Abnegazione - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta dei migliori aforismi e delle frasi più significative sull'abnegazione. Il termine "abnegare" deriva dal latino abnĕgare, composto di ab, "da" e negare "ricusare", e significa rinunciare a qualcosa per un ideale o per carità. Nella morale cristiana, lo spirito di abnegazione è totale disposizione verso gli altri e amore per il prossimo. In senso generico, l'abnegazione è spirito di sacrificio, dedizione assoluta e disinteressata al bene altrui o ai propri doveri, spesso accompagnata da una consapevole rinuncia ai propri interessi.
Su Aforismario trovi anche una raccolta di citazioni correlata a questa sul sacrificio.
La sola dottrina vera, degna, umana è quella del maggior bene per tutti,
che soltanto la massima abnegazione può consentire. (Gandhi)
Abnegazione
© Aforismario

Il vero progresso dell'uomo consiste nell'abnegazione di sé. Pienamente libero e sereno è appunto soltanto chi rinnega sé stesso.
Anonimo, De Imitatione Christi (Imitazione di Cristo - attribuito a Tommaso da Kempis e altri), XV sec.

Un progresso nella vita spirituale non lo avrai raggiunto quando avrai avuto la grazia della consolazione, ma quando, con umiltà, abnegazione e pazienza, avrai saputo sopportare che essa ti sia tolta.
Anonimo, De Imitatione Christi (Imitazione di Cristo - attribuito a Tommaso da Kempis e altri), XV sec.

Non ho mai capito perché l'abnegazione sia nobile: perché sia meglio sacrificare sé stessi piuttosto che un altro.
[I never know why self-sacrifice is noble. Why is it better to sacrifice oneself than someone else?].
Ivy Compton-Burnett, Madre e figlio, 1955

L'abnegazione, se contraria al buon senso, non è tanto una virtù quanto un vizio spirituale.
Margaret Deland, XX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

L'abnegazione è il vero miracolo da cui derivano tutti i cosiddetti miracoli.
[Self-sacrifice is the real miracle out of which all the reported miracles grow].
Ralph Waldo Emerson, Società e solitudine, 1870

Un atteggiamento di completa abnegazione a vantaggio di un'altra persona, e la rinuncia ai propri diritti e alle proprie pretese a favore di un altra persona, sono stati magnificati come esempi di «grande amore». Sembra che non esista prova migliore di «amore» del sacrificio e della disposizione a rinunciare a sé stesso a favore della persona amata. In questi casi, in realtà, l'«amore» è un desiderio masochistico radicato nell'esigenza simbiotica della persona.
Erich Fromm, Fuga dalla libertà, 1941

L'abnegazione di un innocente è un milione di volte più potente del sacrificio di un milione di uomini che muoiano nell'atto di ucciderne degli altri. Il sacrificio volontario degli innocenti è la più potente risposta all'insolenza della tirannia che Dio o l'uomo abbiano mai potuto concepire.
Mohandas Gandhi, su Young India, 1925

Per coraggio di abnegazione la donna è sempre superiore all'uomo, così come credo che l'uomo lo sia rispetto alla donna per coraggio nelle azioni brutali.
Mohandas Gandhi, su Harijan, 1938

Io non credo nella dottrina del maggio bene per il maggior numero. Essa significa, nella sua nudità, che allo scopo di raggiungere il supposto bene nel cinquantuno per cento, si potrebbe, o meglio si dovrebbe sacrificare l'interesse del quarantanove per cento. È una dottrina crudele, che ha nociuto all'umanità. La sola dottrina vera, degna, umana è quella del maggior bene per tutti, che soltanto la massima abnegazione può consentire.
Mohandas Gandhi, The diary of Mahadev Desai-I, 1953

Chiamare la donna il sesso debole è una calunnia; è un'ingiustizia dell'uomo nei confronti della donna. Se per forza s'intende la forza bruta, allora sì, la donna è meno brutale dell'uomo. Se per forza s'intende la forza morale, allora la donna è infinitamente superiore all'uomo. Non ha maggiore intuizione, maggiore abnegazione, maggior forza di sopportazione, maggior coraggio? Senza di lei l'uomo non potrebbe essere.
Mohandas Gandhi, Antiche come le montagne, 1958 (postumo)

La donna, ritengo, è la personificazione dell'abnegazione.
Mohandas Gandhi, Antiche come le montagne, 1958 (postumo)

Non possiamo vincere il male in noi, fino a quando non ci siamo ridotti a nulla. Dio non chiede niente di meno che un'assoluta abnegazione come prezzo della sola vera libertà che val la pena di possedere. E quando uno si perde così, trova immediatamente se stesso servendo tutto quello che vive. Il servizio diventa la sua gioia e il suo svago. È un uomo nuovo, mai stanco di logorarsi al servizio della creazione di Dio.
Mohandas Gandhi, Antiche come le montagne, 1958 (postumo)

L'abnegazione è l'ostinazione dell'altruismo.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

L'abnegazione è la voluttà masochistica del sacrificio.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

L'abnegazione è la volontà asservita a una grande idea.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Fedeltà, abnegazione, taciturnità sono virtù di cui un grande popolo ha necessità: l'insegnarle e il perfezionarle nella scuola è più importante di molte cose che oggi riempiono i nostri programmi scolastici. 
Adolf Hitler, La mia battaglia, 1925/26
Non ho mai capito perché l'abnegazione sia nobile:
perché sia meglio sacrificare sé stessi piuttosto che un altro. (Ivy Compton-Burnett)
L'abnegazione, la generosità cristiana, ecc., son cose molto impopolari, che la maggior parte degli uomini considera una pazzia.
Søren Kierkegaard, Diario, 1834/55 (postumo 1909/49)

Il lato più umoristico del Cristianesimo appare anche in quest'assioma: «Il mio giogo è leggero ed il mio peso soave» [Mt. 11, 30]. È pesante per il mondo, il più pesante che si possa pensare, cioè l'abnegazione di sé stessi.
Søren Kierkegaard, Diario, 1834/55 (postumo 1909/49)

Occorre l'abnegazione, la rinunzia al mondo, ecc.; cose di cui la cristianità non vuol sentir parlare, e tuttavia pur si pretende di essere cristiani.
Søren Kierkegaard, Diario, 1834/55 (postumo 1909/49)

Parlare con tutta quell'enfasi della verità e dell'abnegazione, e poi vivere nelle categorie opposte, è una cosa che non va. Ma far capire agli uomini in che consista la nostra abnegazione, cosa noi intendiamo e quel che ci tocca per questo sacrificare, questo è tuttavia umano.
Søren Kierkegaard, Diario, 1834/55 (postumo 1909/49)

Di ciò che il Cristianesimo impone quanto a rinunzia, abnegazione, per cercare anzitutto il Regno di Dio, non si vuol sentir verbo.
Søren Kierkegaard, Diario, 1834/55 (postumo 1909/49)

Il mondo sa benissimo in che consiste la vera esigenza cristiana: in quale abnegazione, pazienza, remissività... Eppure dice press'a poco così: «No, grazie! preferisco farne a meno», benché il mondo si chiami Cristianità.
Søren Kierkegaard, Diario, 1834/55 (postumo 1909/49)

Il Cristianesimo è abnegazione.
Søren Kierkegaard, ibidem

Quanti − fra quelli forniti di doti straordinarie − hanno capito esistenzialmente nella loro vita che la minima abnegazione vera, anche se si tratti del più piccolo nonnulla della vita quotidiana, vale più di un gesto storico mondiale, anche se, visto dall'esterno, esso trasforma religiosamente tutto un paese od un mondo intero?
Søren Kierkegaard, Diario, 1834/55 (postumo 1909/49)

Dio è spirito − dunque soltanto col mortificarsi, con l'abnegazione di sé, con la sofferenza (e non nei godimenti) è possibile a una natura terrestre raggiungere l'affinità con Dio.
Søren Kierkegaard, ibidem

Colui che ha un'idea forse inesatta di Dio, ma fa ciò che questa idea inesatta esige con abnegazione da lui, egli ha più spirito di un ingegno dotto e speculativo che avrà forse una conoscenza più esatta di Dio, ma essa non esercita alcun potere sulla sua vita.
Søren Kierkegaard, Diario, 1834/55 (postumo 1909/49)
L'abnegazione è il vero miracolo da cui derivano tutti i cosiddetti miracoli.
(Ralph Waldo Emerson)
I sentimenti si elevano sempre più e diventano tanto più sublimi, quanto più di abnegazione e di sacrifizio esigono da noi.
Paolo Mantegazza, Il bene e il male, 1861

Le virtù vengono perdendo i tratti dell'abnegazione per assumere quelli della capacità di autorealizzazione. E, come già per gli antichi, la felicità lungi dall'essere concepita come premio della virtù tende a coincidere con il suo esercizio. 
Salvatore Natoli, L'edificazione di sé, 2010

Le azioni d’amore e d’abnegazione a favore del prossimo vengono universalmente onorate, ovunque e quandunque si mostrino. Con ciò si accresce la stima delle cose, che in tal modo vengono amate o per le quali ci si sacrifica: benché esse forse di per sé non valgano molto.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano, 1878

«Ogni uomo ha il suo prezzo» – questo non è vero. Ma si trova bene per ognuno un’esca a cui non può non abboccare. Così, per guadagnare talune persone a una causa, è necessario soltanto dare alla cosa lo splendore della filantropia, della nobiltà, della carità e dell’abnegazione – e a quale causa non lo si potrebbe dare? – esso è lo zuccherino e la ghiottoneria della loro anima; per altri vi sono altre esche.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano, 1878

Non c'è niente da fare: si deve implacabilmente chiamare al rendiconto e portare in giudizio i sentimenti d'abnegazione e di sacrificio per il prossimo, tutta quanta la morale dell'autorinunzia; come pure l'estetica dell'«intuizione disinteressata)), sotto la quale la svirilizzazione dell'arte cerca oggi, in maniera abbastanza fascinosa, di crearsi una tranquilla coscienza. C'è anche troppo incantesimo zuccherato in quei sentimenti del «per gli altri», del «non per me», perché non si debba sentire la necessità di diventare, a questo proposito, doppiamente diffidenti e chiedere: «Non sono forse tutti questi sentimenti delle seduzioni?». − Il fatto che essi suscitino piacere a chi li possiede e a chi assapora i loro frutti come anche al semplice spettatore, − non è ancora un argomento in loro favore, ma piuttosto un espresso invito alla cautela. Siamo dunque cauti!
Friedrich Nietzsche, Al di là del bene e del male, 1886

La dottrina cristiana, la sola vera filosofia, è tutta stabilita su questi principi: l'abnegazione di sé che è molto superiore all'astenersi dai piaceri; portare la croce, che è cosa assai più sublime del sopportarla; seguire il Signore, non soltanto nella rinuncia di sé o nel portar la propria croce, ma anche nella pratica di ogni opera buona. Tuttavia il vero amore, più che con il rinnegamento di sé e con l'azione, si dimostra nel patire.
François de Sales, Teotimo. Traité de l'amour de Dieu, 1616

L'abnegazione ci mette in grado di sacrificare gli altri senza arrossire.
George Bernard Shaw, Uomo e superuomo, 1903

L'abnegazione non è una virtù: è soltanto l'effetto della prudenza sulla furfanteria.
George Bernard Shaw, Uomo e superuomo, 1903

La mia piccola via è la via della fanciullezza spirituale, la via della fede e dell'assoluta abnegazione.
Madre Teresa di Calcutta (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Più fame c’è tra il popolo, meglio è. Così imparano l’abnegazione, che è una eccellente virtù.
Oscar Wilde, Vera, o i Nichilisti - 1880

La vera tragedia dei poveri consista nel fatto che l'unica cosa che possono permettersi è l'abnegazione. I bei peccati, come le belle cose, costituiscono un privilegio dei ricchi.
Oscar Wilde, Il ritratto di Dorian Gray, 1891

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Sacrificio - DedizioneAmore del Prossimo e Filantropia

Nessun commento: