2016-08-31

Digestione e Indigestione - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta di aforismi, frasi celebri e proverbi sulla digestione, sull'indigestione e sulla cattiva digestione. Il termine "digerire" (dal latino digerĕre, "distribuire") designa il complesso dei processi fisiologici, meccanici e chimici, che avvengono nell'apparato digerente per rendere gli alimenti assimilabili ai fini della nutrizione. Da notare che alcune delle seguenti citazioni fanno riferimento alla digestione in senso figurato, per indicare l'assimilazione mentale, spirituale, ecc. Un paragrafo della raccolta ,inoltre, riguarda il rutto (o eruttazione), cioè l'missione brusca e rumorosa dalla bocca di aria proveniente dallo stomaco, in genere a seguito di processi digestivi.
Riguardo alle capacità digerenti dello stomaco, scrive il prof. Michael D. Gerhson: "La digestione inizia fondamentalmente nello stomaco. Per avviare, questo processo, lo stomaco produce i propri enzimi e acidi digestivi. L’enzima digestivo principale sintetizzato dallo stomaco è la pepsina, che catalizza la degradazione delle proteine alimentari in componenti più piccole chiamate peptidi. La pepsina ha bisogno di un ambiente acido in cui agire e lo stomaco le viene incontro producendo acido cloridrico, un prodotto degno di nota per le sue proprietà nocive. Lo stomaco, infatti, non è coinvolto solo in maniera superficiale nella produzione dell’acido. Quando riceve una dose generosa di energia, lo stomaco può produrre acido cloridrico in quantità industriale. Il ferro metallico si dissolve benissimo nel succo gastrico, che può anche creare una bruciatura circolare nella vostra camicia o accecarvi se entra negli occhi. Il contenuto dello stomaco sembra quindi la pozione di una strega, capace di trasformare una bistecca in brodo e uccidere tutti i germi ingurgitati assieme al cibo. [Il secondo cervello, UTET, 2006].
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sul cibo e l'alimentazione.
La condicio sine qua non della saggezza e della felicità, è una buona digestione.
(Charles Lemesle)
1. Digestione
© Aforismario

La condizione essenziale per essere felici è una buona digestione.
Romano Battaglia, L’uomo che vendeva il cielo, 2011 [cfr. citazione di Charles Lemesle].

Il massimo della salute è digerire se stessi.
Romano Battaglia, L’uomo che vendeva il cielo, 2011

Esofago. Quella parte del canale alimentare che sta tra il piacere e la digestione.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

I giovani hanno mangiato i vecchi. Quanto a digerirli...
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987

Lo stomaco sano è squisitamente conservatore. Pochi radicali hanno una buona digestione.
Samuel Butler, Taccuini, 1912 (postumo)

L’uomo non è più capace di soddisfare bisogni che richiedono tempo, degustazione, digestione e una lunga ruminazione.
Pasquale Cacchio, Frantumi, 2010

Mangiare peperoni. Potrei mangiarne, e perfino digerirli facilmente, soltanto se dipinti da Cézanne.
Guido Ceronetti, L'occhio del barbagianni, 2014

Mangiare conversando, discutendo, narrando, rievocando: fatica da sconsigliare, purtroppo arcicomune: così sprechi parole e ti guasti in perpetuo la digestione.
Guido Ceronetti, Insetti senza frontiere, 2009

A questo mondo non ho visto che pranzi senza digestione, cene senza gioia, conversazioni senza confidenza, intimità senza amicizia, accoppiamenti senza amore.
Nicolas de Chamfort, Massime e pensieri, 1795 (postumo)

La prima digestione del cibo si fa nella bocca per mezzo della masticazione con l'opera della saliva.
Francesco Chiari, Cento aforismi fisico-medici, 1743/84

Le azioni clamorose sono la prerogativa dei popoli che, estranei al piacere di attardarsi a tavola, ignorano la poesia del dessert e le malinconie della digestione.
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

La maggioranza dei sovvertitori, dei visionati e dei salvatori è stata o epilettica o dispeptica. Sulle virtù del mal caduco c'è unanimità; alle difficoltà gastriche, invece, riconosciamo meriti minori. Eppure niente invita a mettere tutto a soqquadro quanto una digestione che non si lascia dimenticare.
Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973

Il peccato di gola ha una grande alleata nella buona digestione.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Più che di fame o d'indigestione, i miei amori sono morti di cattiva digestione.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

La cultura ben digerita ci dà il senso della nostra limitatezza; quella mal digerita ci fa presumere una nostra superiorità.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

È lecito sapere che una bella donna mangia e beve; non è lecito supporre che essa digerisce.
Alphonse Karr (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Gli allievi mangiano ciò che i professori hanno digerito.
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

L'immagine di un'opera d'arte che diventa nutrimento per l'appetito filisteo mi fa svegliare dal terrore. Essere digerito dal borghese è cosa che disprezzo. Ma anche restargli sullo stomaco non mi attira. Perciò la cosa migliore è forse di non essergli servito in nessun modo.
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

La condicio sine qua non della saggezza e della felicità, è una buona digestione.
[La condition sine qua non de la sagesse et du bonheur, c'est une bonne digestion]. 
Charles Lemesle, Misophilanthropopanutopies, 1833 [1]

Per tutta la vita digeriamo noi stessi. Eppure lasciamo alla morte troppo di non consumato.
Stanisław Jerzy Lec, Nuovi pensieri spettinati, 1964

Dalla buona digestione dipende in massima parte il ben essere, il buono stato corporale, e quindi anche mentale e morale dell’uomo, e la digestione non può esser buona se non e ben cominciata nella bocca, secondo il noto proverbio o aforismo medico.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

Io che ho a cuore la buona digestione, non credo di essere inumano se in quell'ora voglio parlare meno che mai, e se però pranzo solo. Tanto più che voglio potere smaltire il mio cibo in bocca secondo il mio bisogno, e non secondo quello degli altri, che spesso divorano e non fanno altro che imboccare e ingoiare.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

Anche con la massima attenzione non è possibile avere gli organi in stato perfetto. A volte le feci diventano troppo secche o troppo liquide, a volte la digestione si rallenta, a volte si prova qualche dolore. La natura riporterà ogni cosa in ordine in breve tempo. Non bisogna prendere rimedi, perché, facendolo, si danneggerà il corpo e la situazione peggiorerà, oppure se il sintomo scomparirà, si abituerà il corpo a non funzionare senza assistenza dall'esterno.
Mosè Maimonide, Guida alla buona salute, XII sec.

Lo stomaco sano deve poter digerire ogni tipo di cibo, come la macina deve macinare tutto ciò per cui è stata costruita.
Paolo Mantegazza, Il bene e il male, 1861

Mangiare è un diritto, digerire è un dovere.
Marcello Marchesi, Il malloppo, 1971

Digerire le delusioni ci aiuta a ritrovare l'appetito per la vita.
Kosta Mariano (Aforismi inediti su Aforismario)

Questi sono i tempi dei fast food e della digestione lenta.
[These are the times of fast foods and slow digestion].
Bob Moorehead, Words Aptly Spoken, 1995

Ah, quanto son duri a digerire i nostri simili!
Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, 1882

Un uomo forte e ben riuscito digerisce le sue esperienze (incluse azioni e malefatte), come digerisce i suoi pasti, anche se deve ingollare amari bocconi.
Friedrich Nietzsche, Genealogia della morale, 1887

È più facile digerire un grosso pasto che un pasto troppo piccolo. Il presupposto di una buona digestione è che tutto lo stomaco vi partecipi. Bisogna conoscere la capacità del proprio stomaco. Per la stessa ragione sono sconsigliabili quei pasti noiosi che io chiamo banchetti sacrificali interrotti, i pasti alla table d'hôte. [2]
Friedrich Nietzsche, Ecce homo, 1888

I discorsi sono sempre dannosi. Prima del pranzo rovinano l'appetito, dopo la digestione.
Sandro Pertini (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il pedante è un uomo che ha la digestione intellettuale difficile.
Jules Renard, Diario, 1887/1910 (postumo, 1925/27)

Il popolo è un sovrano che chiede solo di mangiare: la sua maestà è tranquilla quando digerisce.
Antoine Rivarol, Massime, pensieri e paradossi, 1852 (postumo)

La felicità: un bel conto in banca, un bravo cuoco e una buona digestione.
Jean-Jacques Rousseau (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La politica è cosa di un'estrema semplicità. Da una parte le persone che hanno tutto, denaro, onori, posti; dall'altro le persone che non hanno niente. Per gli uni tutto va bene, per gli altri tutto va male. A destra la digestione, a sinistra l'appetito.
Victorien Sardou, Rabagas, 1872

Si risparmi [...] il cervello da un lavoro forzato, troppo prolungato o intempestivo. Lo si lasci quindi riposare durante la digestione, poiché allora proprio la stessa forza vitale, che foggia nel cervello i pensieri, lavora affaticata nello stomaco e negli intestini, per preparare chimo e chilo.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Come tutte le funzioni della vita organica, così anche la digestione avviene più facilmente e più rapidamente durante il sonno per via dell'interruzione dell'attività cerebrale; per questo un sonnellino
di dieci-quindici minuti mezz'ora dopo il pranzo ha effetto benefico, e viene favorito dal caffè proprio perché quest'ultimo accelera la digestione. Invece, un sonno più lungo è nocivo e può addirittura diventare pericoloso.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Non è senza ragione né senza senso che il mito dica che Cronos era costretto a ingoiare e digerire sassi, poiché soltanto il tempo digerisce tutto quello che è altrimenti indigeribile, ogni tristezza. ogni dispiacere, ogni perdita e offesa.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Il cibo che prendiamo, finché rimane qual è, senza essere intaccato dai succhi gastrici, ci è di peso; ma in seguito alla digestione si trasforma in sangue e in energia fisica. Facciamo lo stesso con quel cibo che alimenta il nostro spirito: quando l’abbiamo ingerito, non lasciamolo qual è, affinché non ci resti estraneo. Dobbiamo digerirlo: altrimenti non si trasformerà in energie intellettuali, ma in un peso per la memoria.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

Più di una volta, la vita e la morte dei migliori cittadini, il destino di una provincia sono stati determinati dalla buona o cattiva digestione di un sovrano, bene o male consigliato.
Voltaire, Dizionario filosofico, 1764

Bisogna ammettere che noi digeriamo come riceviamo la vita, come la diamo, come dormiamo, come sentiamo che pensiamo, senza sapere come.
Voltaire, Dizionario filosofico, 1764

Dai tempi di Ippocrate, si discute sulla maniera in cui si compie la digestione; gli uni concedono allo stomaco succhi digestivi, altri glieli negano. I chimici fanno dello stomaco un laboratorio. Hecquet ne fa un mulino. La natura, fortunatamente, ci fa digerire senza che sia necessario per noi conoscerne il segreto. Ci dà appetiti, gusti e idiosincrasie per certi alimenti, di cui non potremo mai conoscere la causa.
Voltaire, Dizionario filosofico, 1764

Mi dispiace "digerire agonie".
[Il me déplaît de "digérer des agonies"].
Marguerite Yourcenar, A occhi aperti, Conversazioni con Matthieu Galey, 1980

Mangiare carne è digerire le agonie di altri esseri viventi.
Anonimo (attribuito a Marguerite Yourcenar - cfr. citazione precedente)

Leggere senza riflettere è come mangiare senza digerire.
Anonimo

Prima digestio fit in ore.
[La prima digestione avviene in bocca].
Detto latino

Mangiar molto e far buona digestione è un privilegio che han poche persone.
Proverbio

Non quel che si mangia nutrisce ma solo quel che si digerisce.
Proverbio

Questi sono i tempi dei fast food e della digestione lenta. (Bob Moorehead)
2. Indigestione
© Aforismario

Il matrimonio è caviale a ogni pasto: un'indigestione di ciò che adorate, fino alla nausea.
Frédéric Beigbeder, L'amore dura tre anni, 1997

Non ho una buona opinione del mondo creato: un incubo da indigestione, durante una siesta di Dio.
Gesualdo Bufalino, Bluff di parole, 1994

È meglio morire svuotandosi che riempendosi, e meglio di fame che d'indigestione.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

Colui che teme di non riuscire a dormire è mal disposto verso il sonno, e colui che teme di aver mal di stomaco è mal disposto nei confronti della digestione.
Émile-Auguste Chartier, Propos sur le bonheur, 1922

La cotta è una piccola indigestione del sentimento.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Per ogni inglese che muore di indigestione ci sono trecentomila indiani che muoiono di fame, la vita è dura dappertutto.
Groucho, in Dylan Dog, Jack lo squartatore, 1986

Spesso è accaduto che il mondo venisse accusato di essere cattivo per il semplice fatto che colui che lo condanna ha dormito male o ha fatto indigestione. Ed è spesso accaduto che il mondo sia stato proclamato benedetto perché colui che lo lodava aveva baciato un momento prima una ragazza.
Hermann Hesse (Fonte sconosciuta - cit. in Hermann Hesse, Il coraggio di ogni giorno, 1990)

È poi un gran piacere quello di ingollarsi tanto cibo e tracannarsi tanti boccali? Oh che brutte cose! Un uomo che per troppo-mangiare soffre indigestione fa schifo a tutti, e viene a rassomigliare ad un serpente boa che, per obesità, non può muoversi; e mentre un momento prima colla sua agilità e la sua forza sfidava i più robusti nemici, si lascerebbe, dopo aver mangiato, bastonare da fanciullo.
Paolo Mantegazza, Il bene e il male, 1861

I pessimisti sono persone intelligenti con lo stomaco rovinato: col cervello prendono vendetta della loro cattiva digestione.
Friedrich Nietzsche, Frammenti postumi, 1869/89

Il filosofo vive di problemi come l'uomo di cibi. Un problema insolubile è un cibo indigesto.
Novalis, Frammenti, 1795-1800

Lo sconforto è un’indigestione dell’animo.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Noia: indigestione di tempo.
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Gli aforismi sono un po' come i cioccolatini: per gustarli, bisogna assaggiarne pochi per volta. Altrimenti, se ne fa un'indigestione. Negli intervalli, si può sempre riflettere.
Mario Vassalle, L'enigma della mente, 1996

Se il più saggio degli uomini volesse sapere che cos’è la follia, gli basterebbe riflettere sul movimento dei propri pensieri quando sogna. Quando di notte la sua digestione è faticosa, mille idee incoerenti lo agitano; sembra che la natura, facendo nascere in noi questi pensieri, ci voglia punire di aver assorbito troppi alimenti o di averli scelti male; infatti, quasi solo quando la digestione è cattiva si pensa mentre si dorme. I sogni agitati sono una vera e propria follia passeggera.
Voltaire, Dizionario filosofico, 1764

Molto cibo e maldigesto non fa corpo sano e lesto.
Proverbio

3. Rutto
© Aforismario

Il povero Ambrosini diceva che certe diatribe possono esser risolte solo con l'atto fisico: il peto, il rutto e così via. Per me ci sto.
Arrigo Cajumi, Pensieri di un libertino, 1947/50

In un mondo senza malinconia gli usignoli si metterebbero a ruttare.
Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza, 1952

Fra un rutto e una tartina di caviale il commendatore "progressista" denuncia la fame nel mondo.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

La mia pancia è tutto il mio mondo, la mia testa la mia eternità, e le mie mani due magnifici soli. Le gambe sono i dannati pendoli del tempo e i miei piedi sporchi i due eccellenti fondamenti della mia filosofia. Il tutto vale esattamente quanto un rutto, con l'unica differenza che un rutto dà più soddisfazione.
Jöns (Gunnar Björnstrand), in Il settimo sigillo, 1957

Non capirò mai perché gli uomini quando stanno male soffrono sempre un po' di più rispetto a noi. Le loro emicranie sono più emicranie delle nostre, le coliti più melodrammatiche, e le febbri più perniciose. Se li ami, ti tocca di assistere alle loro digestioni faticose e gioire anche tu all'avvento di maestosi rutti bitonali.
Luciana Littizzetto, Sola come un gambo di sedano, 2001

La bellezza è una roba che viene fuori da dentro. Come i rutti.
Luciana Littizzetto, Rivergination, 2006

Se un uomo mi porta a cena, gli faccio fare sempre bella figura. Intanto, quando rutto, metto la mano a trombetta davanti alla bocca
Luciana Littizzetto, Madama Sbatterflay, 2012

Appena commettiamo l’errore capitale, lo sbaglio imperdonabile di darvela, tempo mezzo minuto siete già lì a fare il rutto libero in canottiera, già pronti a salutare gli amici col pernacchio sotto l’ascella. Da capitani coraggiosi ad animali da cortile.
Luciana Littizzetto, Madama Sbatterflay, 2012

Non è che tutto quello che ci passa per la testa dobbiamo tirarlo fuori... possiamo anche trattenerci un attimo. Dobbiamo fare come per i rutti: ti vengono su ma non è che li fai esplodere davanti a tutti. Te li tieni dentro e poi, con calma, nel silenzio di casa tua, li fai brillare. Il rutto in pubblico è osceno tanto quanto nell'intimo delle pareti di casa è gagliardo.
Luciana Littizzetto, Madama Sbatterflay, 2012

È un complimento per la cuoca. Meglio fuori che dentro, dico io.
Shrek, 2001

Sabato 18, alle ore 20:25, in telecronaca diretta da Wembley, Inghilterra-Italia, valevole per la qualificazione della Coppa del Mondo. Fantozzi aveva un programma formidabile: calze, mutande, vestaglione di flanella, tavolinetto di fronte al televisore, frittatona di cipolle per la quale andava pazzo, familiare di Peroni gelata, tifo indiavolato e rutto libero!
Paolo Villaggio, in Il secondo tragico Fantozzi, 1976

Note
  1. Condicio sine qua non (o conditio sine qua non): frase latina che significa: "condizione senza la quale non si può verificare un evento". [cfr. citazione di Charles Lemesle].
  2. Table d'hôte: pasto a prezzo fisso, che può essere sia un menù di degustazione sia un menù di tipo più semplice a prezzo contenuto. [cfr. citazione di Nietzsche].
  3. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Mangiare

Nessun commento: