2016-09-15

Fatti propri e altrui - Frasi e battute divertenti

Raccolta di aforismi, frasi celebri e battute divertenti sul farsi i fatti propri o i fatti degli altri, e sul badare ognuno agli affari suoi, senza intromettersi nelle faccende degli altri. Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sul pettegolezzo, la maldicenza, gli impiccioni e i ficcanaso.
Per ogni uomo c'è un area della vita compresa nel perimetro sacrosanto dei cazzi suoi.
La cosa più difficile è capire, per ognuno, quanto è estesa quest'area. (Giorgio Faletti)
Fatti propri e altrui
© Aforismario

Tizio mi disprezza? Fatti suoi. Per quello che sta in me cercherò di non farmi mai sorprendere a dire o a fare nulla di spregevole. Mi odia? Fatti suoi. Io, da parte mia, resterò benevolo e ben disposto verso chiunque.
Marco Aurelio, Pensieri, ca. 166-179

Il parlare dei fatti altrui, possibilmente con una vena di cattiveria, diventa l'unico modo per illudersi di uscire dalla noia.
Romano Battaglia, Silenzio, 2005

Quando conobbi don Crisotto mi guadagnavo da vivere sulla strada... Capisce? Facevo la prostituta... E lui mi avvicinò, mi parlò, tornò una sera dopo l'altra, mi aprì gli occhi sulla miseria della mia vita, mi fece andare ad assemblee, mi diede dei buoni libri da leggere, e alla fine mi trovò un'occupazione onesta... Come vede, ora lavoro in questo bel maglificio e quando penso a quel che don Crisotto ha fatto per me, posso dire una cosa sola: ma perché la gente non si fa i cazzi suoi?
Romano Bertola, Includetemi fuori, 2003

Tutti, in quella piccola città, si conoscevano. Il vino era un importante argomento di conversazione, e così tutti erano sempre sbronzi. Era bellissimo. La cosa più fantastica era che tutti si prendevano a cuore i fatti degli altri. Quale comunanza: se Maria era malata, in città tutti lo sapevano; le portavano polli e meloni e curavano i suoi figlioletti, perché era una comunità di esseri umani.
Leo Buscaglia, Vivere, amare, capirsi, 1982 [1]

Se ognuno si facesse i cavoli suoi, il mondo girerebbe un bel po' più svelto di quanto non faccia.
[If everybody minded their own business, the world would go around a great deal faster than it does].
Lewis Carroll, Alice nel Paese delle Meraviglie, 1865

C'è una teoria quasi ufficiale − più diffusa negli Stati Uniti − secondo la quale la democrazia è un sistema nel quale cittadini sono spettatori e non attori. Ad intervalli regolari, hanno il diritto di mettere una scheda nell'urna, di scegliere nella classe dei capi qualcuno che li diriga. Fatto ciò, devono tornarsene a casa, badare ai fatti propri, consumare, guardare la televisione, far da mangiare e soprattutto non devono disturbare il manovratore. Questa è la democrazia.
Noam Chomsky, Due ore di lucidità. 1999

− Ehi, come ti chiami?
− Mi chiamo Fatti i Cazzi Tuoi punto e a capo!
− E di cognome?
Sacha Baron Cohen, in Larry Charles, Borat - Studio culturale sull'America a beneficio della gloriosa nazione del Kazakistan, 2006

Dormiamo in camere separate, ognuno cena per i fatti suoi, facciamo vacanze ognuno per conto suo: insomma facciamo di tutto per tenere unito il matrimonio.
Rodney Dangerfield (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Siente fa’ accussì / nun dà retta a nisciuno / fatte ‘e fatte tuoie / ma si haje suffri' / caccia ‘a currea.
[Senti fai così / non dar retta a nessuno / fatti i fatti tuoi / ma se devi soffrire / tira fuori la cinghia].
Pino Daniele, Yes I Know My Way, 1981
Siente fa’ accussì / nun dà retta a nisciuno / fatte ‘e fatte tuoie
ma si haje suffri' / caccia ‘a currea. (Pino Daniele)
Coloro che parlano continuamente dei fatti altrui, han trovato così il mezzo − e ne abusano − di serbare il segreto per i propri.
Deprez, Voi e io, XIX sec.

Per ogni uomo c'è un area della vita compresa nel perimetro sacrosanto dei cazzi suoi. La cosa più difficile è capire, per ognuno, quanto è estesa quest'area. 
Giorgio Faletti, Appunti di un venditore di donne, 2010

Noi non ci conosciamo più, noi non parliamo più, non parliamo tra noi, in casa: i genitori non parlano con i figli, i figli con i genitori, i mariti con le mogli. Se ti capita l'occasione di raccontare i cazzi tuoi in televisione a dieci milioni di persone ci vai.
Beppe Grillo, Tutto il Grillo che conta, 2006

Ci facciamo i cazzi nostri, tutti i cazzi nostri, e quando ci siamo fatti i cazzi nostri, ci guardiamo intorno per vedere se c'è un'ideologia che ce li giustifichi.
Beppe Grillo, Tutto il Grillo che conta, 2006

Il filosofo non è filosofo nella vita e nelle azioni, s'egli non guarda se stesso e i fatti suoi come quelli degli altri, s'egli non gli osserva dall'alto, come quelli degli altri, se insomma non si spoglia dell'abitudine naturale di escluder se stesso e i fatti suoi dalla dottrina generale degli uomini e de' fatti del mondo.
Giacomo Leopardi, Zibaldone, 1817/32 (postumo 1898/1900)

In ogni paese i vizi e i mali universali degli uomini e della società umana, sono notati come particolari del luogo. Io non sono mai stato in parte dov’io non abbia udito: qui le donne sono vane e incostanti, leggono poco, e sono male istruite; qui il pubblico è curioso de’ fatti altrui, ciarliero molto e maldicente; qui i danari, il favore e la viltà possono tutto; qui regna l’invidia, e le amicizie sono poco sincere; e così discorrendo; come se altrove le cose procedessero in altro modo. Gli uomini sono miseri per necessità, e risoluti di credersi miseri per accidente.
Giacomo Leopardi, Pensieri, 1845 (postumo)

Noi donne [...] saremmo perfette nel confessionale. A noi piace davvero farci i fatti altrui, mica come tanti confessori che ti fanno due domandine svogliate e via. Con noi le confessioni durerebbero delle ore: dateci un bollitore, due tazze, una bustina di tè e un etto di paste di meliga e potremmo confessare per interi pomeriggi.
Luciana Littizzetto, L'incredibile Urka, 2014

Chi dovesse fare i fatti suoi, vedrebbe che la prima regola è conoscere che cosa egli è e che cosa gli è proprio. E chi si conosce non prende più i fatti altrui per i propri: ama e coltiva se stesso sopra ogni altra cosa; rifiuta le occupazioni superflue e i pensieri e i discorsi inutili.
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/95

Ho sempre trovato le persone male accoppiate smaniosissime di vendicarsi: esse fanno scontare al mondo intero di non poter andarsene ciascuna per i fatti propri.
Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85

Amico, hai sempre parole di conforto. / Amico, se sono solo tu sei con me. / Amico, mi dai sempre dei consigli. / Ciccio, fatti un po' i cazzi tuoi!
Flavio Oreglio, Poesie catartiche, 2003

Sono solo, di notte, per la strada... / Un anziano mi consiglia di andare a casa. / Una donna passa e mi dice: «Su con la vita». / Un bambino mi prende per mano e mi accompagna in un bar... / Certo che in questo posto i cazzi suoi non se li fa nessuno!
Flavio Oreglio, Poesie catartiche, 2003

Fa’ i fatti tuoi e conosciti.
Platone, cit. in Michel de Montaigne, Saggi, 1580/95

E poi ci troveremo come le star / a bere del whisky al Roxy bar / o forse non c'incontreremo mai / ognuno a rincorrere i suoi guai / ognuno col suo viaggio ognuno diverso / e ognuno in fondo perso / dentro i fatti suoi.
Vasco Rossi, Vita spericolata, 1983

Vero pettegolo non è chi approfitta di ogni occasione per sparlare dei fatti altrui, ma chi s’inventa questi fatti per poterne sparlare.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

Ci sono persone che sono legate da un elastico e non lo sanno. A un certo punto prendono e partono, ognuna per la sua strada, ognuna per i fatti suoi, e l’elastico le lascia fare, le asseconda, al punto che di quell'elastico alla fine quasi ci si dimentica. Poi però, arriva il momento estremo, quello al limite dello strappo, e l’elastico reagisce, non si spezza, anzi, piuttosto, con un colpo solo, violentissimo, le fa ritrovare di nuovo faccia a faccia.
Simona Sparaco, Lovebook, 2010

Signore, [...]: difendimi dall'impulso di dover dire sempre la mia in ogni occasione. Liberami da quell'immenso desiderio di voler mettere ordine negli affari degli altri. Insegnami ad essere riflessiva e soccorrevole, ma non prevaricante. Insegnami la meravigliosa saggezza dell'ammettere che io posso anche sbagliarmi.
Teresa d'Ávila, XVI sec. (cit. in Gianfranco Ravasi, Le parole del mattino, 2011)

Fuggite le troppo minute interpretazioni dei fatti altrui, che o li abbelliscono o li imbruttiscono oltre al vero.
Niccolò Tommaseo, Pensieri morali, 1845
Se ognuno si facesse i cavoli suoi, il mondo girerebbe un bel po' più svelto.
(Lewis Carroll - Immagine: la Duchessa e Alice)
Proverbi sui Fatti propri e Altrui
  • A chi dice i fatti degli altri non dire i tuoi.
  • Chi cerca i fatti altrui, non può esser buono.
  • Chi dice i fatti suoi mal tacerà gli altrui.
  • Chi è galantuomo bada ai fatti suoi.
  • Chi ha carro e buoi fa bene i fatti suoi.
  • Chi non fa bene i fatti suoi non farà mai bene i fatti degli altri.
  • Chi racconta in piazza i fatti suoi non se la prenda se la gente ride
  • Chi si fa i fatti suoi, campa cent'anni.
  • Chi s’impiccia dei fatti altrui di tre malanni gliene toccan dui.
  • Chi vuol far bene i suoi fatti, stia zitto e non gracchi.
  • Come lasciò detto la buonanima del nonno: ‘‘Fatevi gli affari vostri...’’.
  • Dei fatti altrui non parlar mai, dei tuoi né poco né assai.
  • Molti sanno tutto degli altri e nulla di sé stessi.
  • Né occhi in lettere, né mani in tasca, né orecchi in segreti d'altri.
  • Non c’è cosa più ghiotta che sapere i fatti degli altri.
  • Non chiedere i fatti degli altri e non dire i tuoi.
  • Non domandare quello che fanno gli altri, e bada piuttosto ai fatti tuoi.
  • Pazzo è colui che bada ai fatti altrui.
  • Prima gli affari propri e poi quelli degli altri.
  • Sa più i fatti suoi un matto in casa propria che un savio in casa altrui.
Note
  1. La piccola città di cui parla Buscaglia è Aosta, città d'origine dei suoi genitori.
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Impiccioni e Ficcanaso - Pettegolezzo e Gossip

Nessun commento: