2016-09-16

Folla - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta dei migliori aforismi e delle frasi più significative sulla folla, cioè l'insieme di molte persone raggruppata in un luogo. Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulla moltitudine,  la massa e la gente.
La folla è madre dei tiranni. (Diogene di Sinope - foto: Adolf Hitler)
Folla
© Aforismario

Chi segue la folla non andrà mai più lontano della folla. Chi cammina da solo può ritrovarsi dove nessuno è mai stato prima.
Alan Ashley-Pitt (pseudonimo di Francis Phillip Wernig), ca. 1972 (attribuito erroneamente ad Albert Einstein)

Una folla non è compagnia, e le facce sono soltanto una galleria di quadri.
Francis Bacon, Saggi, 1597/1625

Non è da tutti fare un bagno di folla; godere della folla è un’arte; e può fare un’orgia di vitalità soltanto colui al quale una fata ha trasfuso nella culla il gusto del travestimento e della maschera, l’odio del domicilio e la passione del viaggio.
Charles Baudelaire, Le folle, in Lo spleen di Parigi, 1869

Chi non sa popolare la propria solitudine, non sa neanche esser solo in una folla affaccendata.
Charles Baudelaire, Le folle, in Lo spleen di Parigi, 1869

Chi si unisce facilmente alla folla conosce piaceri febbrili di cui saranno eternamente privi l’egoista, chiuso come una cassaforte, e il pigro, segregato come un mollusco. Adotta come sue tutte le professioni, tutte le gioie e tutte le miserie presentategli dalle circostanze.
Charles Baudelaire, Le folle, in Lo spleen di Parigi, 1869

Il piacere di trovarsi tra la folla è un’espressione misteriosa del godimento della moltiplicazione del numero.
Charles Baudelaire, Razzi, 1855/62 (postumo 1887-1908)

L’uomo ama talmente l’uomo che, quando fugge la città, è ancora per cercare la folla, cioè per rifare la città in campagna.
Charles Baudelaire, Il mio cuore messo a nudo, 1859-66 (postumo, 1887-1908)

Il modo migliore per avere successo in politica è trovare una folla che sta andando da qualche e mettercisi davanti.
Arthur Bloch, Regola di Brown sulla leadership, Legge di Murphy, 1977

La folla: quella mostruosità molteplice che, presa un pezzo alla volta, sembra uomini, ragionevoli creature di Dio; ma, confusa insieme, fa una sola grande belva, un mostro più tremendo dell'Idra.
Thomas Browne, Religio Medici, 1643

Uno sciocco in una folla di sciocchi moltiplica e potenzia la propria scioccaggine secondo un principio di proliferazione paurosa simile a quello che vige per i famosi chicchi di grano nelle case d'una scacchiera.
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987

Attenti a quelli che cercano continuamente / la folla; da soli non sono nessuno
Charles Bukowski, Il genio della massa, 1969

Ci vuole un certo dosaggio, tra solitudine e folla. un certo equilibrio ecco il trucco, per non finire tra quattro pareti imbottite.
Charles Bukowski, Storie di ordinaria follia, 1972

Corrono come se avessero il fuoco sotto il sedere in cerca di qualcosa che non si trova. Si tratta fondamentalmente della paura di affrontare sé stessi, si tratta fondamentalmente della paura di essere soli. invece a me fa paura la folla, la folla che corre col fuoco sotto il sedere; la folla che legge Norman Mailer e va alle partite di baseball e taglia e innaffia l'erba del praticello e si china sul giardino con una paletta.
Charles Bukowski, Compagno di sbronze, 1972

Non mi sono mai piaciute le folle. La gente non l’ho mai capita e più si assiepa in una certa zona, meno senso ha. Le Folle erano come la Morte con un sacco di piedi e di teste e compagnia bella.
Charles Bukowski, Scrivo poesie solo per portarmi a letto le ragazze, 2010 (postumo)

Ovunque vada la folla, tu corri nella direzione opposta. Loro sbagliano sempre.
Charles Bukowski (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Al culmine dei suoi trasporti oratori Hitler eiaculava; era il momento in cui la Folla gli era più strettamente soggiogata. Si compiva una copula mostruosa, un incesto non previsto dai codici sacri. La Folla fecondata ingravida di demoni, che impiegano poco tempo a uscire dalla sua pancia. Così si spiega perché un uomo solo possa essere padre di tanto male.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

Pomeriggio domenicale. Strade ingombre da una folla stravolta, estenuata, miserevole - aborti venuti da ogni dove, avanzi di continenti, rigurgiti del globo. Si pensa alla Roma dei Cesari, sommersa dalla feccia dell'impero. Ogni centro del mondo ne è l'immondezzaio.
Emil Cioran, Il funesto demiurgo, 1969

La prova che l'uomo esecra l'uomo? Basta trovarsi in mezzo a una folla per sentirsi subito solidali con tutti i pianeti morti.
Emil Cioran, Squartamento, 1979

La folla è sedotta dalla menzogna; è delusa, invece, dalla verità troppo semplice, troppo nuda, troppo poco indecente.
Jean Cocteau, Il Gallo e l'Arlecchino, 1918

Se bisogna scegliere un uomo da crocifiggere, la folla salva sempre Barabba.
Jean Cocteau, Il Gallo e l'Arlecchino, 1918

In questo secolo l'individuo cerca il calore della folla per difendersi dal freddo emanato dal cadavere
del mondo.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

La folla è madre dei tiranni.
Diogene di Sinope, IV sec. a.e.c., cit. in Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, III sec.

Se la sicurezza nei riguardi degli altri uomini deriva fino a un certo punto da una ben fondata situazione di potenza e ricchezza, la sicurezza più pura proviene dalla vita serena e dall'appartarsi dalla folla.
Epicuro, Massime capitali, IV-III sec. a.e.c.

La folla immancabilmente segue l'andazzo. Sono sempre i pochi che aprono la strada al progresso.
Gustave Flaubert, Bouvard e Pécuchet,  1881 (postumo e incompiuto)

Quest’uomo avrà sempre la folla dalla sua parte. È sicuro di sé come dell’universo. È quanto piace alla moltitudine; essa reclama affermazioni e non prove. Le prove la inquietano e la mettono a disagio. La folla è semplice e comprende solo la semplicità. Non bisogna dirle né come né in qual modo, ma soltanto sì o no.
Anatole France, Il giardino di Epicuro, 1895

Quando si è tristi bisogna mescolarsi alla folla. La solitudine nutre i pensieri cupi.
Théophile Gautier, Il romanzo della mummia, 1858

La folla segue chi, disdegnandola, la lusinga.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Chi parla alla folla, più che farsi capire, deve farsi sentire.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Quando siete in mezzo alla folla, fate di non smarrire voi stessi. 
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

Dante, in mezzo alla folla, sarà più solo che nella selva selvaggia.
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

Strisciare ai piedi della folla, è più nobile esercizio elio strisciare ai piedi di un solo?
Arturo Graf, Ecce Homo, 1908

Via dalla pazza folla.
Thomas Hardy, Far From the Madding Crowd, 1874

Nessuno può a lungo avere una faccia per sé stesso e un'altra per la folla senza rischiare di non sapere più quale sia quella vera.
Nathaniel Hawthorne, La lettera scarlatta, 1850
Se bisogna scegliere un uomo da crocifiggere, la folla salva sempre Barabba.
(Jean Cocteau - Gesù di Nazareth © Franco Zeffirelli, 1977)
Nella folla, molti individui, pochi uomini.
Jean Josipovici, Pensieri in rotta, 1989

In ogni campo e per ogni oggetto sono sempre le minoranze, i pochi, i rarissimi, i singoli quelli che sanno: la folla è ignorante. 
Søren Kierkegaard, Diario, 1834/55 

Mentre le nostre antiche credenze vacillano e scompaiono, e le vecchie colonne a mano a mano sprofondano, l'azione delle folle è l'unica forza non minacciata e il cui prestigio ogni giorno si accresce. L'epoca in cui entriamo, sarà veramente l'Era delle folle.
Gustave Le Bon, Psicologia delle folle, 1895

Quelli che sono sulla bocca della folla, presto finiscono sulla sua lingua e poi sui suoi denti.
Stanisław Jerzy Lec, Nuovi pensieri spettinati, 1964

La faccia della folla non ha bisogno di maschere.
Stanisław Jerzy Lec, Nuovi pensieri spettinati, 1964

Solo la persona autosufficiente è davvero indipendente, mentre la maggior parte delle persone segue la folla e la imita.
Bruce Lee, Pensieri che colpiscono, 2000 (postumo)

È impossibile portare la fiaccola della verità in mezzo alla folla senza bruciare qua e là una barba o una parrucca.
Georg Lichtenberg, Aforismi, 1766/99 (postumo 1902/08)

È inevitabile che chi parla alla folla tenendo conto del suo interesse particolare risulti più gradito di colui che ha in mente solo il vantaggio pubblico.
Tito Livio, Ab urbe condita, I sec.

La folla fonda le sue opinioni sulle cose più incerte.
[Multitudo ex incertissimo sumit animos].
Tito Livio, Ab urbe condita, I sec.

La folla ha questa natura: o serve umilmente, o superbamente comanda; né sa allontanarsi modestamente dalla giusta libertà, né goderla nella sua pienezza.
Tito Livio, Ab urbe condita, I sec.

È l'eterna lotta: il ruggito della folla da un lato, e la voce della tua coscienza dall'altro.
Douglas MacArthur, cit. su Binghamton Evening Press, 1964

Quando sento la folla applaudire un uomo, provo sempre per lui una fitta di compassione. Per sentire i fischi non dovrà fare altro che vivere abbastanza a lungo.
Henry Louis Mencken (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Più di tre persone fanno folla, e nulla si può dire allora che valga la pena.
Cesare Pavese, La spiaggia, 1942

Il quoziente intellettivo di una folla è uguale al quoziente intellettivo del più stupido dei presenti, diviso per il totale dei presenti.
Terry Pratchett, XX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Quando si è pigiati nella folla, si ha la sensazione che tutti vi guardino nel buco delle orecchie.
Jules Renard, Diario, 1887/1910 (postumo, 1925/27)

Il grand'uomo è il parassita della folla.
Jean Rostand, Pensieri di un biologo, 1939

Mi chiedi che cosa tu debba specialmente evitare. Rispondo: la folla.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

Nella connaturata imbecillità delle folle che si lasciano ammaliare dal personaggio ricco e famoso o che si fanno facilmente conquistare da quello di potere, si cela un fondo di onestà che si manifesta nel pensiero implicito – di belliana memoria – del: «Tu sei tu, e noi non siamo un cazzo».
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

La folla ama il sistema. La folla vuole afferrare tutta la verità, e siccome non può comprenderla, crede volentieri.
Lev Tolstoj, Diari, 1847-1910 (postumo, 1928/58)

Uno è compagnia, due è folla e tre è un party.
Andy Warhol (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Bisogna dire questo in favore di un despota: egli, come uomo, può magari avere una cultura, mentre
la folla essendo un mostro non ne ha.
Oscar Wilde, L'anima dell'uomo sotto il socialismo, 1891

Tra i rumori della folla ce ne stiamo noi due, felici di essere insieme, parlando poco, forse nemmeno una parola.
Walt Whitman, Foglie d'erba, 1855/92

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Moltitudine - Massa - Gente

Nessun commento: