2016-09-06

Impiccioni e Ficcanaso - Frasi e battute divertenti

Raccolta di aforismi, frasi celebri e battute divertenti sull'impicciarsi dei fatti altrui, sugli impiccioni e sui ficcanaso. Il termine "impicciare" deriva dal latino impedicare, cioè "prendere al laccio", e significa intralciare, creare disturbo, essere importuno; e l'impiccione è colui che s'intromette in fatti che non lo riguardano. Similmente, il ficcanaso è una persona curiosa e indiscreta, spesso dedita al pettegolezzo, che ama "ficcare il naso" dappertutto, immischiandosi nelle faccende altrui. Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sul pettegolezzo e sui fatti propri e altrui.
Ci saranno sempre degli eschimesi pronti a dettare le norme su come devono
comportarsi gli abitanti del Congo durante la calura. (Stanisław Jerzy Lec)
1. Impiccioni / Impicciarsi
© Aforismario

Il marito impiccione-disattento-pasticcione è peggiore della moglie appartenente alla stessa categoria, perché è uno che vuole sapere tutto ma non è provvisto del buon senso, dell'ottima memoria e dello squisito savoir-faire di una donna.
Antonio Amurri, Come ammazzare il marito senza tanti perché, 1976

Il marito impiccione, al contrario dell'impicciona moglie, non è un sano impiccione che dai casi altrui trae prezioso insegnamento, utili informazioni, raffinati diletti, squisiti spunti di conversazione. Egli, al contrario, propina le notizie alla spicciolata, in maniera scomposta, senza nesso e scopo, evitando di vagliarne il peso, le conseguenze, le possibili variazioni. "La moglie di Rossi se n'è andata!", esclama, omettendo la ghiottoneria basilare che tutto è accaduto perché Rossi se la intendeva con la baby-sitter dei Bianchini il cui figlio è fuggito insieme alla signora Rossi perché ne è l'amante.
Antonio Amurri, Come ammazzare il marito senza tanti perché, 1976

Chi non s'impiccia per nulla di ciò che non lo tocca, possiede ogni cosa. Non c'è sproposito più grande di quello di prendersi a cuore tutto.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

Per vivere, lasciar vivere.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

Getta uno sguardo indagatore [...] sugli uomini e non troverai nessuno la cui saggezza essenzialmente non si riduca a questo: tieniti alla larga più che puoi dall'impicciarti nelle faccende altrui.
Søren Kierkegaard, Diario, 1834/55 (postumo 1909/49)

Ci saranno sempre degli eschimesi pronti a dettare le norme su come devono comportarsi gli abitanti del Congo durante la calura.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

Fin da piccolo la mamma ti ha spronato a tenere un diario «segreto» dove esprimere in libertà i tuoi pensieri più intimi. Ebbene, sappilo: i microfilm di quel diario sono ancora oggi nei suoi archivi.
Gianni Monduzzi, Manuale per difendersi dalla mamma, 1991

Ti sei mai chiesto cos’abbia studiato la mamma quando si preparava al parto? Perché abbia avuto bisogno di un’équipe di psicologi? Psicologi? Non diciamo sciocchezze: erano agenti del Kgb. Istruttori del corso avanzato di intelligence per mamme impiccione.
Gianni Monduzzi, Manuale per difendersi dalla mamma, 1991

Riconoscere un vero impiccione è semplice: se non segui un suo consiglio ci resta male, se non gli fai confidenze ti critica, se non ti fai aiutare si sente inutile. È una persona che magari per indole sarebbe anche portata ad aiutare gli altri, ma che per nevrosi lo fa in modo obbligato, quasi fosse l’unica maniera per relazionarsi.
Raffaele Morelli, su Riza, 2013

L'ozioso è pericoloso per i suoi amici : poiché, dato che non ha abbastanza da fare, parla di ciò che i suoi amici fanno e non fanno, finisce con l'immischiarsi e si rende fastidioso; per cui si deve saggiamente stringere amicizia solo con persone laboriose.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

L'impiccione che è in tutti noi è sempre in agguato, pronto a giudicare, a criticare, ad assegnare pagelle agli affari altrui. L'invadente è una figura vanamente contrastata dal tanto conclamato appello alla privacy: lo stesso gossip (che è purtroppo ben diverso dal tradizionale e più bonario pettegolezzo) diventa ai nostri giorni sempre più aggressivo e mantiene prosperamente in vita riviste e programmi televisivi indegni. 
Gianfranco Ravasi, Le parole del mattino, 2011

La politica è l'arte di impedire alla gente di impicciarsi di ciò che la riguarda.
Paul Valéry, Tal quale, 1941/43

Per una cosa di cui non hai bisogno non litigare, non immischiarti nelle liti dei peccatori.
Siracide, Antico Testamento, II sec. a.e.c.

Erano tre scimmie che dicevano: non vedo, non sento non parlo. (Proverbio)
Proverbi sull'Impicciarsi
  • C’era una volta un canino che si chiamava Pensa-per-te!
  • Chi ascolta quello che non deve, sente quello che non vuole.
  • Chi sa far faccia e chi non sa far non s’impicci.
  • Chi s'impiccia dei fatti altrui, di tre malanni gliene toccan dui.
  • Chi si impiccia dei fatti altrui, dimentica i suoi.
  • Chi s’impiccia muore in pelliccia.
  • Chi s’impiccia s’impicca.
  • Di ciò che non ti cale non dir né ben né male.
  • Donna che origlia, disgraziato chi la piglia.
  • Erano tre scimmie che dicevano: non vedo, non sento non parlo. [1]
  • Non impicciarti mai dei fatti degli altri.
  • Non metter bocca, dove non ti tocca.
  • Non t’impicciare, non t’intrigare, lascia fare a chi vuol fare.
  • Per voler saper troppo il gatto ci rimise la coda.
  • Vai in piazza, vedi e odi, torna a casa, bevi e godi.
  • Voglio viver contento: quello che vedo, vedo; quello che sento, sento.
Chi non ha denti non si immischia in un affare di ossi.
Proverbio africano

I sordi amano impicciarsi degli affari altrui, i muti adorano sparlare del loro prossimo.
Proverbio cinese

Mia figlia pensa che io sia una ficcanaso – almeno così ho letto sul suo diario. (Jenny Abrams)
2. Ficcanaso
© Aforismario

Mia figlia pensa che io sia una ficcanaso – almeno così ho letto sul suo diario...
[My daughter thinks I'm nosy – at least that's what she wrote in her diary...].
Jenny Abrams (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario - cfr. citazione di Drake Sather).

Scovò il ficcanaso nel suo nascondiglio, lo prese per il naso e glielo tappò.
Elias Canetti, La rapidità dello spirito, 1994

L'avventura umana è cominciata con un difetto di modestia. Dio chiedeva all'uomo di essere umile, di starsene tranquillo nel suo angolino, di non immischiarsi di nulla. Ma l'uomo è un ficcanaso indiscreto, è questo il suo principio demoniaco, e se non si accetta tale principio non si capisce la storia.
Emil Cioran, Un apolide metafisico, 1995

Tutti noi abbiamo conosciuto persone con una fastidiosa mancanza di attitudini sociali - individui che sembrano ignorare quando interrompere una conversazione o una telefonata e che continuano a parlare, incuranti di tutti i segnali che vengono loro inviati affinché si ponga fine allo scambio salutandosi; individui la cui conversazione è perennemente centrata su loro stessi, senza il benché minimo interesse per nessun altro, e che ignorano ogni tentativo di cambiare argomento; ancora, individui che si intromettono o fanno domande “ficcanaso”. Tutte queste deviazioni da una corretta traiettoria sociale tradiscono una carenza a livello degli elementi costruttivi fondamentali dell'interazione.
Daniel Goleman, Intelligenza emotiva, 1995

L’ambizione e la curiosità sono i due flagelli della nostra anima. Questa ci spinge a mettere il naso dappertutto, quella ci impedisce di lasciar alcunché irrisolto e indeciso.
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/88

Forse, ciò che appassiona il Ficcanaso non è il pettegolezzo in sé per sé, ma la "caccia" al pettegolezzo.
Federico Nenzioni, Come capire gli altri, 2003

Il lento scorrere degli anni invecchia corpo e intelligenza e in agguato c'è sempre il rischio della petulanza prevaricatrice nei confronti degli altri o delle novità. In italiano per definire questo vizio, che in verità non colpisce solo gli anziani, c'è un termine familiare molto vivace, il «ficcanaso». 
Gianfranco Ravasi, Le parole del mattino, 2011

Mia moglie dice che sono troppo ficcanaso. Questo almeno è quello che scrive sui suoi diari.
Drake Sather (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Ciò che rende gli esseri umani tanto curiosi, come si rileva osservando il loro spiare e ficcare il naso negli affari altrui, è il polo della vita opposto alla sofferenza, vale a dire la noia; - benché spesso vi collabori l'invidia.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Proverbi sui Ficcanaso
  • Chi ficca il naso nella merda alla fine sa come odora.
  • Chi ficca il naso nella pentola altrui spesso lo leva scottato.
  • Chi mette il naso in ogni buco alla fine se lo trova tagliato.
  • I matti mettono il becco dappertutto.
  • Il ficcanaso è anche maligno.
  • Il ficcanaso si paga il sabato.
Note
  1. Erano tre scimmie che dicevano: non vedo, non sento non parlo: è la dicitura che accompagna una diffusissima rappresentazione di tre scimmiette delle quali una si tappa gli occhi, una le orecchie e una la bocca. Invito a non impicciarsi degli affari altrui, a non ascoltare quello che non ci riguarda, a non dire quello che si sa. È simbolo della saggezza o dell’indifferenza, secondo come si considera. (Carlo Lapucci, Dizionario dei proverbi italiani © Mondadori 2007).
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: CuriositàPettegolezzo e Gossip - Fatti propri e altrui

Nessun commento: