2016-09-21

Stato e Statisti - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta dei migliori aforismi e delle frasi più significative sullo Stato e sugli statisti. Lo Stato si può definire in modo conciso come l'entità giuridica e politica che deriva dall'organizzazione della vita di un popolo su un territorio sul quale esso esercita la propria sovranità. Si definisce "statista" sia chi governa uno Stato, sia un uomo di Stato che ha o ha avuto una notevole importanza nella vita politica del suo Paese. Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sul rapporto tra Stato e Chiesa, sul Governo e sull'amministrazione pubblica e la burocrazia.
Niente provoca più danno in uno Stato del fatto che i furbi passino per saggi. (Francis Bacon)
1. Stato
© Aforismario

Se non è rispettata la giustizia, che cosa sono gli Stati se non delle grandi bande di ladri? Perché anche le bande dei briganti che cosa sono se non dei piccoli Stati?
Agostino d'Ippona, La città di Dio, 413/426

Se le navi vanno generalmente meglio degli Stati, ciò accade per la sola ragione che in esse ognuno accetta la parte che gli compete, mentre negli Stati meno se ne sa, generalmente, più s'ha la smania di comandare.
Massimo d'Azeglio, I miei ricordi, 1867 (postumo)

Niente provoca più danno in uno Stato del fatto che i furbi passino per saggi.
[Nothing doth more hurt in a state than that cunning men pass for wise].
Francis Bacon, Saggi, 1597/1625

Se la natura avesse tante leggi quante ne ha lo Stato, neppure Dio potrebbe governarla.
Ludwig Börne, Il pazzo nel cigno bianco, 1827

Uno Stato che impone balzelli esosi, ma più ancora astrusi che esosi, non è uno Stato perbene.
Gesualdo Bufalino, Bluff di parole, 1994

Lo Stato dà a tutti i diritti umani, ma poi li tratta da coglioni.
Pasquale Cacchio, Frantumi, 2010

La ragion di Stato non deve opporsi allo stato della ragione.
Carlo V d'Asburgo, XVI sec.

Uno Stato libero, dice Montesquieu, è quello che è sempre agitato. Lo contraddice la repubblica svizzera, la stessa Inghilterra. Gli danno ragione l'Italia e, forse, gli Stati Uniti. È preferibile la libertà senza quiete al suo contrario, proprio per amore di quiete: senza la libertà l'agitazione sorda prodotta dalla compressione è molto più forte, o si sfoga in arbitrii del potere che fanno da valvola.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

Man mano che cresce lo Stato decresce l'individuo.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Lo Stato moderno fabbrica le opinioni che poi raccoglie rispettosamente sotto il nome di opinione pubblica.
Nicolás Gómez Dávila, In margine a un testo implicito, 1977/92

Né il capo dell'esecutivo, né i membri del legislativo sono mandatari, o rappresentanti, del popolo. L'uno e l'altro sono organi dello Stato per il compimento del suo fine, che è la realizzazione del diritto.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

La libertà dura solo fintanto che lo Stato funziona tra l'indifferenza dei cittadini. Quando il cittadino si entusiasma per o contro il governo, tira aria di dispotismo.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Ormai non basta più che il cittadino si rassegni, lo Stato moderno esige complici.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Quanto più lo Stato controlla le attività umane, tanto più difficile diventerà governare e tanto più facile comandare.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Prima pagina venti notizie / ventun'ingiustizie e lo Stato che fa? / Si costerna, s'indigna, s'impegna / poi getta la spugna con gran dignità.
Fabrizio De André, Don Raffae', 1990

Lo Stato è governato dalla feccia di tutte le carriere onorevoli.
Georges Duhamel, Cronaca dei Pasquier, 1933/45

Ognuno aspetta dallo Stato parsimonia in genere e generosità in particolare.
Anthony Eden (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Lo Stato è come il corpo umano. Non tutte le funzioni che compie sono nobili.
Anatole France, Le opinioni di Jérôme Coignard, 1893

Lo Stato è un ente che può avere tutto, eccetto il cuore.
Aristide Gabelli, Discussioni della Camera dei deputati, 1869/70

È perfetto e nonviolento quello Stato in cui il popolo è governato di meno.
Mohandas Gandhi, su Harijan, 1940

Più che uno Stato di diritto, il nostro è uno Stato di diritti.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Gl'italiani non hanno senso civico perché non credono nello Stato.
ibidem

L'italiano non ama lo Stato perché gli ricorda i propri doveri.
ibidem

Più che al servizio dello Stato, la nostra burocrazia è al servizio delle sue magagne.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Lo Stato non professa un'etica, ma esercita un'azione politica.
Piero Gobetti, La rivoluzione liberale, 1924

Gli Stati sono come i tavoli; occorrono almeno tre piedi perché possano mantenersi ritti: la sicurezza personale, la proprietà individuale, la libertà dei costumi. Fuori di questi tre piedi, c'è l'anarchia o il dispotismo, che in fondo sono la stessa cosa.
Remy de Gourmont, Dialogo degli amanti, 1905/07

Ogni Stato è una dittatura.
Antonio Gramsci, su L’Ordine Nuovo, 1924

Lo Stato deve governare attraverso il governo degli spiriti, non attraverso lo sconvolgimento delle esistenze.
François Guizot (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Lo Stato è la realtà dell'idea etica.
Georg Wilhelm Friedrich Hegel, Lineamenti di filosofia del diritto, 1821 

Sempre, quando l'uomo ha voluto fare dello Stato il suo paradiso, ne ha fatto un inferno. 
Friedrich Hölderlin, Iperione, 1797/99

Lo stato è il rozzo involucro intorno al nocciolo della vita e nulla più; è il muro che recinge il giardino, ove crescono i frutti e i fiori umani.
Friedrich Hölderlin, Iperione, 1797/99

Lo stato non deve pretendere ciò che non può ottenere con la forza. Ciò che però è dono o dell'amore o dello spirito non lo si ottiene a forza.
Friedrich Hölderlin, Iperione, 1797/99

Lo Stato è la violenza sociale organizzata.
Lenin, Stato e Rivoluzione, 1917

Lo Stato è il prodotto e la manifestazione degli antagonismi inconciliabili tra le classi. Lo Stato appare là, nel momento e in quanto, dove, quando e nella misura in cui gli antagonismi di classe non possono essere oggettivamente conciliati. E, per converso, l'esistenza dello Stato prova che gli antagonismi di classe sono inconciliabili.
Lenin, Stato e Rivoluzione, 1917

Finché esiste lo Stato non vi è libertà; quando si avrà libertà non vi sarà più Stato.
Lenin, Stato e Rivoluzione, 1917

Lo Stato non esiste per la contiguità sola delle terre e delle abitazioni, ma per certo congiungimento e unità delle menti e degli animi.
Terenzio Mamiani, D'un nuovo diritto europeo, 1859

Lo Stato deve essere l'amministrazione di una grande azienda che si chiama patria appartenente a una grande associazione che si chiama nazione.
Filippo Tommaso Marinetti, Democrazia futurista, 1919

Lo Stato è il mediatore tra l'uomo e la libertà dell'uomo.
Karl Marx, Sulla questione ebraica, 1844

Lo Stato è, se correttamente amministrato, il fondamento della società, della cooperazione e della civiltà umane. Esso è lo strumento più benefico e utile negli sforzi dell'uomo per promuovere la felicità e il benessere umani. Ma è soltanto uno strumento e un mezzo, non il fine ultimo.
Ludwig von Mises, Lo Stato onnipotente, 1944

Lo Stato che cos'è? È il carabiniere.
Benito Mussolini, Scritti e discorsi, 1914/39

Pochi sono coloro – eroi o santi – che sacrificano il proprio io sull'altare dello Stato. Tutti gli altri sono in stato di rivolta potenziale contro lo Stato.
Benito Mussolini, Scritti e discorsi, 1914/39

Si chiama Stato il più gelido di tutti i gelidi mostri. Esso è gelido anche quando mente; e questa menzogna gli striscia fuori di bocca: “Io, lo Stato, sono il popolo” .
Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85

La società è creata dai nostri bisogni; lo Stato dalla nostra cattiveria.
Thomas Paine, Senso comune, 1776

La società è in ogni suo stato, una benedizione, ma il governo, anche nel suo stato migliore, è soltanto un male necessario; e nel peggiore un male intollerabile.
Thomas Paine, Senso comune, 1776

Stato: participio passato per indicare quello che una volta era un popolo.
Mauro Parrini, A mani alzate, 2009

Lo Stato è un male necessario. I suoi poteri non dovrebbero essere accresciuti oltre il necessario.
Karl Popper, Alla ricerca di un mondo migliore, 1984

Abbiamo bisogno della libertà per impedire che lo Stato abusi del suo potere e abbiamo bisogno dello Stato per impedire l'abuso della libertà. 
Karl Popper, La lezione di questo secolo, 1992

Abbiamo bisogno di libertà, per evitare gli abusi del potere dello Stato; e abbiamo bisogno dello Stato, per evitare l'abuso della libertà.
Karl Popper, Tutta la vita è risolvere problemi, 1994

Ci sono, in realtà, solo due forme di Stato: quella in cui è possibile liberarsi del governo senza spargimenti di sangue, con una votazione; e quella in cui questo non è possibile. Questo è ciò che conta, e non come viene chiamata una forma di governo. Generalmente si designa come "democrazia" la prima forma e la seconda come "dittatura" o "tirannide".
Karl Popper, Tutta la vita è risolvere problemi, 1994

La base di uno Stato è la giustizia sociale.
Ezra Pound (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Il contribuente è uno che lavora per lo Stato senza essere un impiegato statale.
Ronald Reagan (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Lo Stato, a differenza di quanto accade con una banda di malfattori, non è considerato una organizzazione criminale; anzi, solitamente i suoi tirapiedi hanno rivestito le posizioni più elevate nella società. Si tratta di una condizione che permette allo Stato di cibarsi delle proprie vittime e, al tempo stesso, di raccogliere il sostegno, o almeno l’acquiescenza, di gran parte di esse a questo processo di sfruttamento.
Murray Rothbard, L'etica della libertà, 1982

Se il grosso della popolazione fosse realmente convinto dell’illegittimità dello Stato, se fosse convinto che esso non è altro che una banda di criminali in grande stile, lo Stato deperirebbe rapidamente e non godrebbe di maggiore considerazione o durata di una qualsiasi organizzazione mafiosa.
Murray Rothbard, L'etica della libertà, 1982

Se una volta si lamentavano i peccati del mondo, oggi si guarda con orrore ai debiti del mondo e, come un tempo il giudizio universale, così oggi si profetizza la bancarotta universale dello Stato, sebbene, al tempo stesso, con la fiduciosa speranza di non dovervi assistere.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Tutto potrebbe andar bene nello Stato, se ciascuno nel parlamento dimenticasse il proprio interesse, e mirasse al bene generale.
John Selden, Table Talk, 1689 (postumo)

Lo Stato sono gli altri.
Giovanni Soriano, Finché c'è vita non c'è speranza, 2010

È la fede illimitata nella legge, nell'eguaglianza di tutti davanti alla legge, che sola legittima la funzione dello Stato e lo eleva dal piano politico a quello morale.
Giovanni Spadolini, Il papato socialista, 1950

Per lo Stato è assolutamente necessario che nessuno abbia una volontà propria e, se qualcuno dimostra di averla, lo Stato deve escluderlo (rinchiuderlo, esiliarlo, ecc.); se tutti dimostrassero di averla, essi abolirebbero lo Stato. Lo Stato non è pensabile senza il dominio e la schiavitù (sudditanza); infatti lo Stato deve dominare tutti coloro che ne fanno parte: questa si chiama appunto «volontà dello Stato».
Max Stirner, L'unico e la sua proprietà, 1844

Lo Stato è quella comunità umana che entro un certo territorio rivendica per sé il monopolio di violenza fisica legittima.
Max Weber (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Se hai cento euro di debiti, sei un poveraccio; se hai diecimila euro di debiti sei un commerciante; se hai un milione di debiti sei un genio della finanza; ma più di un miliardo di debiti può permetterselo soltanto lo Stato.
Anonimo

Tutto nello Stato, niente al di fuori dello Stato, nulla contro lo Stato.
Slogan fascista

Proverbi sullo Stato
  • Chi disse ragion di Stato, disse un tristo
  • Chi mangia la torta del comune, paga lo scotto in piazza.
  • Chi serve al comune, non serve a nessuno.
  • Gli inconvenienti degli Stati sono come i funghi.
  • Per la ragion di Stato e di confini son rovinati i ricchi e i poverini.
Un politico guarda alle prossime elezioni. Uno statista guarda alla prossima generazione.
(James Freeman Clarke)
2. Statista / Uomo di Stato
© Aforismario

Le menzogne sono sempre state considerate dei necessari e legittimi strumenti non solo del mestiere del politico o del demagogo, ma anche di quello dello statista.
Hannah Arendt, Tra passato e futuro, 1961

Il cuore di un uomo di Stato deve essere nella sua testa.
Honoré de Balzac, Massime e pensieri di Napoleone, 1838

L'uomo di stato non è mai in grado di creare qualcosa da sé; egli può solo aspettare e tendere l'orecchio finché non ode il passo di Dio risuonare negli eventi; a questo punto egli può balzare in avanti e afferrare un lembo del suo mantello – questo è tutto.
Otto von Bismarck (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Un vero statista, quando gli viene a mancare il nemico, se lo deve inventare.
Otto von Bismarck, ibidem

Lo statista deve vedere per tempo che cosa sta per arrivare e regolarsi di conseguenza. Qualora manchi di farlo le sue misure giungeranno per lo più troppo tardi. Quando il treno è stato istradato su un binario sbagliato e incomincia a scendere la china, se le viti dei freni sono allentate nessuna forza lo preserverà dallo schianto.
Otto von Bismarck (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Se non esistessero i politici uno non avrebbe un termine di paragone per distinguere i veri statisti.
William Peter Blatty, L'esorcista, 1970

Il cuore di un uomo di Stato dovrebbe essere nella sua testa.
Napoleone Bonaparte, Aforismi e pensieri politici, morali e filosofici, XIX sec.

Un valente uomo di Stato deve avere due qualità necessarie: la prudenza e l'imprudenza.
Ruggiero Bonghi, Ritratti contemporanei: Cavour, Bismarck, Thiers, 1879

In Italia non esistono statisti poiché non vi è mai stata alcuna cultura dello Stato, della democrazia vera, del bene pubblico.
Aldo Busi, Grazie del pensiero, 1995

Quando si parla di uomini pubblici, di uomini di Stato, è ingiusto negargli il diritto ad un poco di piaceri privati, perché il bene pubblico dipende anche da questo.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

Il tempo degli statisti veri, dei loro grandi errori e dei loro meriti, è passato. Gli eventi del mondo sorpassano qualsiasi virtù politica di dominarli, ma si accucciano docili ai piedi dei criminali. Chi può essere evocato con urgenza da una prigione a spiegarci i sogni mostruosi che stiamo vivendo, è uno chiamato Daniele, al quale tutto è prodigiosamente chiaro... Per la conoscenza delle cose, dell’a-che-punto è la notte della condizione umana, per decifrare questa enorme congerie di enigmi in cui brancichiamo, i nostri sondaggi, le nostre statistiche, le nostre sibille elettroniche, tutti i programmi per il futuro, tutti i progetti governativi, sono spazzatura.
Guido Ceronetti, Insetti senza frontiere, 2009

L’uomo di Stato sarà sempre più espressione della Cucina, del Cesso e della Discarica. Non ha altra libertà di scelta, gli è negato il pensiero politico. Gli spazi costituzionali sono le mura del cesso dove il politico può ancora accedere, sotto la guardia dell’eunuco Economia. Datemi un politico democratico che per un giorno rifiuti di essere informato di «come va la Borsa».
Guido Ceronetti, L'occhio del barbagianni, 2014

Un politico guarda alle prossime elezioni. Uno statista guarda alla prossima generazione. Un politico cerca il successo del suo partito; uno statista quello del Paese.
James Freeman Clarke, su Daily Gazette, 1870 (attribuita anche ad Alcide De Gasperi - vedi "Citazioni errate" su Aforismario)

In Italia ci sono pochi veri statisti. In compenso abbiamo molti statali.
Vittorio Deriu, Piccoli pensieri presuntuosi, 2013

Sei un uomo di Stato e non sei ipocrita? Impossibile! Non diffidare dei tuoi pregi. 
John Dryden, Don Sebastiano, 1690

Uno statista non può permettersi di essere un moralista.
Will Durant, Che cos'è la civiltà, 1935/75

Il rivoluzionario che ha successo è uno statista, quello che non ha successo un criminale.
Erich Fromm, Fuga dalla libertà, 1941

Statista. Uomo politico dopo morto.
John Garland Pollard, A Connotary, 1932

La politica dipende dagli uomini di Stato pressappoco come il tempo dipende dagli astronomi.
Rémy de Gourmont, Passeggiate filosofiche, 1905/09

Come si riconosce un grande statista? Forse che non commette errori? Certo che ne fa. Anzi, un grande statista proprio da questo si vede, che più coglionate fa e più resta in sella.
Corrado Guzzanti, in Fascisti su Marte, 2006

Quando sei all'estero sei uno statista; quando sei in patria sei solo un politico.
Harold Macmillan (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Tutti gli uomini hanno diritto ad avere paura. Tutti. Però quando un uomo sceglie la politica, e nella politica emerge a uomo di Stato – a uomo rappresentativo dello Stato – non perde il diritto a avere paura, ma perde il diritto a mostrarla.
Indro Montanelli (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Quando gli statisti trascurano la loro personale coscienza per amore dei loro doveri pubblici, portano il Paese per la strada più breve al caos.
Thomas More (Paul Scofield), in Fred Zinnemann, Un uomo per tutte le stagioni, 1966

In un uomo di Stato, la cosiddetta "cultura" è in fin dei conti un lusso inutile.
Benito Mussolini, su Il Popolo d'Italia, 1919

Ogni far politica, anche nei più grandi statisti, è un improvvisare a caso.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano, 1878

Come il popolo, di fronte a chi s’intende del tempo e lo predice con un giorno di anticipo, ammette tacitamente che egli faccia il tempo, così anche persone cólte e dotte, con uno sperpero di fede superstiziosa, attribuiscono ai grandi statisti, come opera loro, tutti gli importanti mutamenti e congiunture che si produssero durante il loro governo, se appena appena è chiaro che essi ne seppero qualcosa prima degli altri e in base a ciò fecero i loro calcoli: anch’essi cioè vengono presi per uomini che fanno il tempo – e questa credenza non è lo strumento minore della loro potenza.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano, 1878

Un uomo di Stato è un politico che dona sé stesso al servizio della nazione. Un politico è un uomo di Stato che pone la nazione al suo servizio.
Georges Pompidou, su The Observer, 1973

L'uomo di stato è – come il grande poeta – raro; deve fondere in sé due qualità (la prima egoistica, «crudele», captativa; l'altra di dedizione, oblativa) che sembrano – e sono – discordanti e quasi inconciliabili.
Umberto Saba, Scorciatoie e raccontini, 1946

Le condizioni necessarie per formare uno statista: una fermezza di coscienza e di rettitudine a tutta prova, garantita da una vita irreprensibile.
Alfred de Vigny, Diario di un poeta, 1867 (postumo)

Non è un acume superiore quello che fa gli uomini di Stato: è il carattere.
Voltaire, Il secolo di Luigi XIV, 1751

Note
Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Laicità dello Stato - Burocrazia e Amministrazione pubblica

Nessun commento: