2016-09-11

Ti Amo - Bellissime frasi e citazioni

Una bellissima raccolta di aforismi intensi e di frasi romantiche sul dire "Ti amo", la frase che, a seconda dei casi, può essere la più banale o la più profonda di tutte. C'è chi dice "ti amo" con facilità e lo ripete di frequente, e chi in un'intera vita riesce a dirlo una o due volte. C'è anche chi impara a dire "ti amo" in diverse lingue per far colpo in caso di un incontro con una straniera (o uno straniero): in inglese: I love you; in francese: Je t'aime; in spagnolo: Te quiero; in tedesco: Ich liebe dich; in rumeno: Te iubesc; in svedese: Jag älskar dig; in ungherese: Szeretlek; in giapponese: Watashi wa anata o aishite, ecc.
Sul significato relazionale delle parole "Mi ami?" e "Ti amo", scrive il sociologo Francesco Alberoni: "Ciascuno vuol integrare nel suo amore il più possibile ed elabora un progetto che non coincide con quello dell'altro. All'altro ciascuno chiede di veder riconosciuto il suo progetto. "Mi ami?" significa perciò anche: "Accetti di entrare in questo modo nel mio progetto?" e l'altro domandando: "Mi ami?" chiede: "Accetti tu di entrare invece nel mio?" "Ti amo" significa: "Modifico il mio progetto, vengo dalla tua parte, accetto una tua richiesta, rinuncio a qualcosa che volevo, voglio insieme a te ciò che vuoi." Nel contempo però ti chiedo: "Mi ami?", e così facendo ti chiedo: "Che cosa cambi tu, a che cosa rinunci tu?" Il "Mi ami?" è perciò sempre un chiedere qualcosa che voglio io, un rinunciare a qualcosa che vuoi tu. Il "Mi ami?" è la richiesta di prendermi con tutto il peso della mia concretezza e dei miei limiti e di rinunciare ai tuoi limiti. Il progetto che ciascuno fa per sé coinvolge l'altro: è un progetto di vita anche per l'altro: è la proposta di ciò che si deve volere insieme". [Innamoramento e amore, Garzanti, 1979].
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sull'amore, l'innamoramento, sull'amare e sull'essere amati.
Quando io ti amo e tu mi ami, siamo l'uno come lo specchio dell'altro,
e riflettendoci l'uno nello specchio dell'altro, vediamo l'infinito. (Leo Buscaglia)
Ti Amo
© Aforismario

La donna si fida di più di un "ti amo" detto con il corpo in un momento qualsiasi, che di un "ti amo" detto dalla mente con le parole. Le parole sono ambigue e strumentali, e lei lo sa bene.
Francesco Alberoni, L'erotismo, 1986

Per la donna è sempre più importante quello che l'uomo fa per lei, i gesti che compie verso di lei, di ciò che dice o promette. Conta più un abbraccio, il modo di vibrare, il modo di sospirare, il calore della pelle, la sua esitazione, il suo abbandono, che la parola "ti amo".
Francesco Alberoni, L'erotismo, 1986

Le due parole che uno desidera di più sentirsi dire... "Ti amo"? Assolutamente no. "È benigno".
Woody Allen, in Harry a pezzi, 1997

Per non ingannarsi reciprocamente con l'unica e banale parola: "Ti amo", bisognerebbe possedere da dieci a venti verbi diversi e l'accortezza di non confonderli, il che è la chimera delle chimere, giacché ogni passione mente anche senza volerlo.
Henri-Frédéric Amiel, Diario intimo, 1839/81 (postumo, 1976/94)

Certi "ti amo" piovono così, nel bel mezzo di un niente, quasi pronunciati per sciacquarsi la bocca dopo un pasto di silenzi.
Mirko Badiale (Aforismi inediti su Aforismario)

Passato il momento della prima confessione, il "ti amo" non vuol dire più niente; esso non fa che riprendere in maniera enigmatica, tanto suona vuoto, l'antico messaggio (che forse quelle parole non
erano riuscite a comunicare).
Roland Barthes, Frammenti di un discorso amoroso, 1977

Le situazioni in cui io dico "ti-amo" non possono essere classificate: "io-ti-amo" è irreprimibile e imprevedibile.
Roland Barthes, ibidem

L'"io-ti-amo" non è una frase: esso non trasmette un significato, bensì s'aggrappa a una situazione-limite: quella in cui il soggetto è sospeso in un rapporto speculare all'altro.
Roland Barthes, Frammenti di un discorso amoroso, 1977

L'"io-ti-amo" è senza altrove.
Roland Barthes, ibidem

L'"io-ti-amo" è senza sfumature. Esso sopprime le spiegazioni, gli accomodamenti, le graduazioni, gli scrupoli.
Roland Barthes, Frammenti di un discorso amoroso, 1977

Quando io ti amo e tu mi ami, siamo l'uno come lo specchio dell'altro, e riflettendoci l'uno nello specchio dell'altro, vediamo l'infinito.
Leo Buscaglia, Amore, 1972

La nostra è una cultura di gente che analizza tutto. Qualcuno vi dice: «Ti amo» e voi dite: «Chiarisci meglio!».
Leo Buscaglia, Vivere, amare, capirsi, 1982

Se vostra moglie desidera un abito di raso rosso, comprateglielo adesso! Non aspettate di ornare di rose la sua bara. Entrate, un giorno, dove c'è lei viva, e inondatela di rose. Buttategliele addosso. Noi continuiamo a rimandare tutto a domani, soprattutto con quelli che amiamo. Che importa quello «che dirà la gente»? In realtà, la gente non se ne cura. «È sciocco che io le dica che l'amo. Lei lo sa.» Ne siete sicuri? E voi vi stancate mai di sentire qualcuno che vi dice: «Ti amo»?
Leo Buscaglia, Vivere, amare, capirsi, 1982

Non fa mai male a nessuno sentirsi dire che è amato, non fa male dire a qualcuno: «Ti amo». Tanti, soprattutto gli uomini, dicono: «Oh, lei lo sa che l'amo, non è necessario che glielo dica». Oh, davvero? Quando lei vi pianterà, forse vi domanderete perché.
Leo Buscaglia, Vivere, amare, capirsi, 1982

È così semplice dire: «Ti amo». E se non sapete dirlo, scrivetelo. Se non sapete scriverlo, ballatelo.
Ma ditelo! E ditelo molte volte. Non ci si stanca mai di ascoltarlo. Qualcuno potrà rispondervi: «Oh, non importa che tu me lo dica. Lo so...». Ma è così bello sentirselo dire.
Leo Buscaglia, Vivere, amare, capirsi, 1982

− Dimmela quella frase, anche solo per scherzo
− Quale frase?
− Dimmi per scherzo che mi ami
− Dimmela tu
− Ti amo
− Ma dai, non è vero!
Pasquale Cacchio, Frantumi, 2010

Ti amo, ti amo, anche se è diventato ridicolo dirlo, ti amo.
Pasquale Cacchio, Frantumi, 2010

Coppie che passano con disinvoltura da "Sarà perché ti amo" a "Se stiamo insieme ci sarà un perché".
Gina Campanaro (Aforismi inediti su Aforismario)

La vita è troppo breve per celare e non lasciar erompere dal nostro cuore le parole davvero importanti. Per esempio, parole come: "Io ti amo".In qualsiasi caso, è sbagliato aspettarsi di udire la medesima frase di rimando. Amiamo perché avvertiamo la necessità di amare. Altrimenti il senso più autentico della vita scomparirebbe - e, forse, persino il sole cesserebbe di brillare.
Paulo Coelho, Il manoscritto ritrovato ad Accra, 2012

“Ti amo” queste maghe parole che, annunciate da un labbro o da uno sguardo adorato, hanno aperto tanti cieli di gloria e spalancato tanti abissi d'infamia, queste parole che plutonizzano il sangue e gli riaccendono la virtù genitrice delle idee e de' figli, queste parole di cui il più disavventurato tra gli uomini, l'ultimo de' mortali, fu almeno in sua vita beneficato, io mai non udii. Lunghi anni le attesi, spiandole nelle nere tempeste e nella calma cilestrina, nelle grigie malizie o nella bruna pietà de' begli occhi che rapivano i miei, arrossendo, impallidendo al loro presenso; e non vennero mai. La mia giovinezza sparve intanto, ed eccomi ancora seduto, fatto quasi pietra con esso, su questo scoglio oceanino che par da lontano sì superbo ed è dapresso sì misero, scoglio vestito di cardi e d'ortiche che sembrano a chi non li vede vicino fiori e foglie, ancor solo, sempre solo, inutilmente stancando lo sguardo pregno di lagrime verso l'estremo orizzonte, avidamente cercando nel mare azzurro la bianca vela, che mai non appare, della mia salvazione.
Carlo Dossi, Note azzurre, 1870/1907 (postumo 1912/64)

Vedrai con i tuoi stessi occhi come sono diventato brillante e allegro e che tutti i miei malumori sono
cosa del passato. Ti amo di nuovo immensamente! È stato solo per nervosismo che sono stato così
meschino verso di te... e sono molto ansioso di rivederti.
Albert Einstein, lettera a Mileva Maric, 1901

C'è nell'innamorato un desiderio profondo di annullarsi nel proprio sentimento e di sparire («Ti amo da morire»).
Massimo Fini, Dizionario erotico, 2000

– Ti amo!
– Lo so.
Carrie Fisher e Harrison Ford, in L'Impero colpisce ancora, 1980

Ho scritto t'amo sulla sabbia e il vento a poco a poco / se l'è portato via con sé / l'ho scritto poi nel mio cuor / ed è restato lì / per tanto tempo.
Franco IV e Franco I, Ho scritto t'amo sulla sabbia, 1968

Se amassi veramente una persona, amerei il mondo, amerei la vita. Se posso dire a un altro «ti amo», devo essere in grado di dire, «amo tutti in te, amo il mondo attraverso te, amo in te anche me stesso».
Erich Fromm, L'arte di amare, 1956

L’amore immaturo dice: ti amo perché ho bisogno di te. L’amore maturo dice: ho bisogno di te perché ti amo.
Erich Fromm, L'arte di amare, 1956
L’amore immaturo dice: ti amo perché ho bisogno di te.
L’amore maturo dice: ho bisogno di te perché ti amo. (Erich Fromm)
Quando dice «ti amo», la passione, a differenza dell'amore, non accorda a questa frase un senso compiuto, mettendo fine a tutto. Nella sua condizione mai satura, il «ti amo» della passione non è un'affermazione, ma un ottativo [1] disperato, non è una «dichiarazione» d'amore, ma una «invocazione» d'amore, che da subito sa che resterà inevasa.
Umberto Galimberti, Le cose dell'amore, 2004

Quando lei mi disse: "Ti amo per quello che sei", avrei voluto esser un altro.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Ci sono donne che preferiscono sentirsi dire "ti amo" che essere realmente amate.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Quando io mi posi come nitido specchio davanti a te, mi fissasti a lungo e vedesti la tua immagine. E dicesti: «Ti amo». Ma in verità amavi in me te stessa.
Kahlil Gibran, Sabbia e spuma, 1926

Tutti gli uomini ti amano per sé stessi, ma è per te che io ti amo.
Kahlil Gibran, Gesù figlio dell'Uomo, 1928

Io ti amo quanto un giorno è lungo! Ti amo più del sole e della luna messi insieme! E se tu provi lo stesso per me non serve tenerlo nascosto! È un dono l'amore! Allora diciamo: «Grazie! Grazie per questo amore», urlando a squarciagola! Grazie! Grazie! Grazie!
Judy Greer, in M. Night Shyamalan, The Village, 2004

Non nominare l'amore! Mio padre e mia madre non parlavano d'altro che d'amore: ti amo, non ti amo, ti amo ancora, non più. Non costruisci una vita sulla filosofia di un cantante da strapazzo!
Marina Hands, in Denys Arcand, Le invasioni barbariche, 2003

Dite di non ritenermi capace di banalità. Eppure ho detto: "Ti amo!" Ma questa, in effetti, non era una banalità.
Stanisław Jerzy Lec, Nuovi pensieri spettinati, 1964

− So solo che ti amo.
− Questa è la tua disgrazia.
− Aspetta!… Se te ne vai, che sarà di me, che farò?
− Francamente, me ne infischio.
Vivian Leigh e Clark Gable, in Victor Fleming, Via col vento, 1939

Non dico mai “ti amo” perché credo non ci siano parole più banali per esprimere il proprio amore.
Menotti Lerro, Aforismi di una notte, 2008

Ah, che fatica mi costa / amarti come ti amo!
[¡Ay qué trabajo me cuesta / quererte como te quiero!].
Federico García Lorca, Es verdad, Canciones, 1921/24

Se i vostri sentimenti sono gli stessi di aprile, ditelo ora. Il mio affetto e i miei desideri sono immutati, ma una vostra parola mi farà tacere per sempre. Se invece i vostri sentimenti fossero cambiati, devo dirvelo: mi avete stregato anima e corpo e vi amo... vi amo... vi amo. E d'ora in poi non voglio più separarmi da voi.
Matthew Macfadyen, in Joe Wright, Orgoglio e pregiudizio, 2005

Non posso più nasconderlo: ti amo. È la solita vecchia storia, un uomo e una donna, Romeo e Giulietta, Biancaneve e i sette nani.
Groucho Marx, in Sam Wood, Un giorno alle corse, 1937

Quel “ti amo” che arriva quando non ne abbiamo bisogno non potrà esserci d’aiuto quando quel “ti amo”, invece, ci manca da morire e non arriva.
Michela Marzano, L'amore è tutto, 2013

“Ti amo.” Ma “chi” ama “chi”? Quale dei tanti “io” che ci portiamo dentro ama quel “tu” che diciamo di amare e che attribuiamo, magari a torto, alla persona che amiamo?
Michela Marzano, L'amore è tutto, 2013

Gira e rigira siamo ancora là, in questo mondo terrificante in cui l’amore è oggetto di scambio come una qualunque altra merce, non solo all'interno delle relazioni adulte, ma anche e soprattutto nei rapporti familiari. Ti amo se. Ti amo a condizione che. Ti amo quando.
Michela Marzano, L'amore è tutto, 2013

Per rimettere tutto in discussione bastano poche parole: «Non ti amo più». Quando arrivano, il cuore si spezza. Perché non è un semplice “non ti amo”. È un “non ti amo più”. Ed è proprio quel “più” che sbriciola tutto.
Michela Marzano, L'amore è tutto, 2013

− Perché non mi dici "ti amo"?
− Io te lo dico continuamente.
− No: io dico "ti amo", tu dici "idem". Non è la stessa cosa!
Demi Moore e Patrick Swayze, in Jerry Zucker, Ghost, 1990

Mi hai detto: ti amo. Ti dissi: aspetta. Stavo per dirti: eccomi. Tu mi hai detto: vattene.
Jeanne Moreau, in François Truffaut, Jules e Jim, 1962

− Ti adoro ranocchio...
− Ti amo una cifra anch'io tipa-topa!
Morgan Murphy e Steve Agee, in Bobcat Goldthwait, Hotdog - Un cane chiamato desiderio, 2006

− Voglio delle risposte "tortino di ciliegie".
− Ti amo...
− Risposta sbagliata: mi sono ritirato dal club dell'imbecille del mese un sacco di tempo fa!
Leslie Nielsen e Anne Nicole Smith, in Peter Segal, Una pallottola spuntata 33 ⅓, 1994

Se io ti amo, a te che importa?
Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, 1882

Ti amo, amo di te tutto ciò che fa male.
Clive Owen, in Mike Nichols, Closer, 2004

Ho scritto t'amo sulla sabbia e il vento a poco a poco se l'è portato via con sé...
(Franco IV e Franco I)
Ed ecco che io a un “ti amo” preferisco un “ti sento”. A un “ti sposo” preferisco un “ci sono” A un “per sempre” preferisco un “a domani”. A un “sei tutto” preferisco un “ti stringo”. A un regalo preferisco un respiro. A una promessa preferisco un “oggi resto con te”.
Selene Pascasi, In attesa di me, 2015

Le relazioni fra un’anima e l’altra, attraverso cose tanto incerte e divergenti come le parole comuni e i gesti che si fanno, sono materia di strana complessità. Nell'atto stesso di conoscerci, ci disconosciamo. I due si dicono reciprocamente «ti amo» o lo pensano e lo sentono vicendevolmente e ognuno vuole esprimere un’idea diversa, una vita diversa, forse, persino un colore o un aroma diverso, nell'astratta somma di impressioni che costituisce l’attività dell’anima.
Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine, 1982 (postumo)

Il buongiorno è un gesto quotidiano, che ha l'incanto di un dono spartano, come un fiore regalato da lontano o la dolcezza delle parole ti amo.
Paola Poli (Aforismi inediti su Aforismario)

Le parole più belle oggi non sono ti amo ma... È INDETERMINATO!
Paola Poli (Aforismi inediti su Aforismario)

Ti amo come sei, ma non dirmi come sei.
Antonio Porchia, Voci, 1943

Che confusione / sarà perche ti amo / è un'emozione / che cresce piano piano / stringimi forte e stammi piu vicino / se ci sto bene / sarà perche ti amo.
Ricchi e Poveri, Sarà perché ti amo, 1981

Il fallimento è il risultato di una chiamata trascurata, di un ulteriore sforzo non fatto, di non aver detto "ti amo".
Anthony Robbins (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Roger, tesoro, voglio che tu sappia che ti amo. Ti ho amato più di quanto una donna abbia mai amato un coniglio.
Jessica Rabbit, in Robert Zemeckis, Chi ha incastrato Roger Rabbit?, 1988

A volte si dice “ti amo” solo per sentirsi rispondere “ti amo”.
Guido Rojetti, L'amore è un terno (che ti lascia) secco, 2014

Un bacio – ma che cos'è poi un bacio? Un giuramento fatto un po' più da vicino, una promessa più precisa, una confessione che cerca conferma, un apostrofo rosa tra le parole «t'amo».
Edmond Rostand, Cyrano de Bergerac, 1897
E comunque, tutti i “Ti amo” del mondo non faranno mai un “Ti trovo dimagrita”.
Sally: "Ti odio".
Harry: "È un tuo problema".
Sally: "Penso di amarti".
Harry: "Potrei amarti".
Sally: "Ti odio".
Harry: "Per favore, non odiarmi".
Sally: "Ti amo".
Harry: "Ti amo anch'io".
Meg Ryan e Billy Crystal, in Rob Reiner, Harry, ti presento Sally, 1989

Aspettavo / di parlarti da sempre / di spiegarti / quanto sei importante / Veramente / ti ringrazio di esistere / e ti amo, ti amo, ti amo, ti amo...
Franco Simone, Tu... e così sia, 1976

Le stesse parole (ad esempio, un uomo dice alle moglie "ti amo") possono essere banali e straordinarie, secondo come sono dette. E il modo dipende dalla profondità di un essere umano, dalla quale scaturiscono senza che la volontà sia in grado di fare nulla. E con un accordo meraviglioso esse raggiungono in lui forma ed espressione. Così colui che sente può discernere, se ha potere di discernimento, ciò che è il valore del mondo.
Simone Weil (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

E comunque, tutti i “Ti amo” del mondo non faranno mai un “Ti trovo dimagrita”.
Anonimo

Non credere a chi ti dice "ti amo", ma a chi ti guarda negli occhi e tace.
Anonimo

Note
  1. Ottativo: ciò che esprime il desiderio e la possibilità. [cfr. citazione di Umberto Galimberti].
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Amore - InnamoramentoAmare ed Essere Amati

Nessun commento: