2016-10-21

Eloquenza - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta dei migliori aforismi e delle frasi più significative sull'eloquenza e sulla capacità di essere eloquenti. L'eloquenza (dal latino elŏqui "esprimere, esporre") è l’arte e la tecnica di parlare o scrivere con efficacia, in modo da persuadere e coinvolgere gli uditori o i lettori.
A mo' d'introduzione, riportiamo una "eloquente" quanto efficace definizione dell'eloquenza di Arthur Schopenhauer: "L'eloquenza è la capacità di suscitare anche in altri il nostro modo di concepire una cosa o il nostro stato d'animo riguardo ad essa, di accendere in loro il nostro sentimento per essa, mettendoli in simpatia con noi, e tutto questo convogliando, con le parole, la corrente dei nostri pensieri nella loro mente, con tal forza da far deviare quella dei loro propri dal corso che avevano già preso e da trascinarla nel nostro corso. Questo colpo maestro sarà tanto più grande, quanto più il corso dei loro pensieri si discostava prima dal nostro. Con ciò diviene facilmente comprensibile perché la propria convinzione e la passione rendano eloquenti, e perché in genere l'eloquenza sia più dono di natura che opera dell'arte; e tuttavia anche qui l'arte è destinata a sorreggere la natura". [Il mondo come volontà e rappresentazione, 1819].
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulla retorica, il parlare e i discorsi.
La vera eloquenza consiste nel dire il necessario e soltanto il necessario.
(François de La Rochefoucauld)
Eloquenza
© Aforismario

La vera eloquenza è quella del buon senso, semplice e naturale. Quella che ha bisogno di figure e ornamenti è basata soltanto sul fatto che la maggior parte degli uomini ha vista molto limitata e riesce solo a intravedere le cose.
Nicolas d’Ailly, Pensieri diversi, 1678

Discrezione di parola conta più dell'eloquenza.
Francis Bacon, Saggi, 1597/1625

Eloquenza. Metodo per convincere gli sciocchi. Quest'arte è comunemente raffigurata dall'immagine di un ometto calvo che gesticola davanti a un bicchier d'acqua.
Ambrose Bierce, Dizionario del diavolo, 1911

Torcere il collo all'eloquenza? Mai più!
Gesualdo Bufalino, Bluff di parole, 1994 [cfr. citazione di Paul Verlaine].

Certi uomini non sono eloquenti perché il loro cuore parla troppo forte e impedisce loro di udire quel che dicono.
François-René de Chateaubriand, Pensieri, riflessioni e massime, XIX sec.

Il silenzio può essere più eloquente della parola.
Liomax D'Arrigo, Pensierini, 2014 [cfr. proverbio].

La poesia moderna è diventata illeggibile da quando ha deciso di torcere il collo all'eloquenza senza smettere di scrivere.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92 [cfr. citazione di Eugenio Montale].

L'eloquenza è fondamentalmente un attentato al pudore.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

L'eloquenza è la tentazione della gioventù: dell'uomo giovane, del popolo giovane, della letteratura giovane.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

I diversi fini dell’eloquenza – piacere, istruire, persuadere, esortare, lodare – debbono tutti quanti avere come regola la verità.
Jean Domat, Pensieri, XVII sec.

Quando l'oro parla, l'eloquenza è senza forza.
Erasmo da Rotterdam (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Alcuni pensano di interessare con lo sfoggio d'eloquenza, e invece tormentano l'anima altrui con la loro loquacità.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

La discrezione nel parlare è ancor più importante che la stessa eloquenza.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647 [cfr. citazione di Francis Bacon].

La filosofia scopre le virtù utili alla condotta morale e politica, l'eloquenza le rende popolari e la poesia le fa diventar proverbiali.
Baltasar Gracián y Morales, Oracolo manuale e arte della prudenza, 1647

La logica sembra essere l’arte di convincere di qualche verità; e l’eloquenza un dono dell’anima, che ci rende padroni del cuore e della mente altrui, inducendo gli altri a trarre ispirazione o persuasione da tutto ciò che piace a noi.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

L’eloquenza può trovarsi nelle conversazioni e in ogni genere di scrittura. Raramente è dove la si cerca, e talvolta è dove non la si cerca affatto.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

L’eloquenza sta al sublime come il tutto sta alla parte.
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

Vi sono cose la cui la mediocrità è insopportabile: la poesia, la musica, la pittura, l’eloquenza. Che supplizio sentire declamare pomposamente un discorso distaccato, o recitare versi mediocri con tutta l’enfasi di un cattivo poeta!
Jean de La Bruyère, I caratteri, 1688

Non v'è meno eloquenza nel tono della voce, negli occhi e nell'atteggiamento che nella scelta delle parole.
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

La vera eloquenza consiste nel dire il necessario e soltanto il necessario.
[La véritable éloquence consiste à dire tout ce qu'il faut, et à ne dire que ce qu'il faut].
François de La Rochefoucauld, Massime, 1678

In più d'un processo all'eloquenza delle prove si contrappone solo l'eloquenza degli avvocati.
Stanisław Jerzy Lec, Nuovi pensieri spettinati, 1964

Eloquenza. Dire la cosa giusta, e fermarsi.
Stanley Link (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

L'eloquenza è l'arte d'ingannare e di adulare.
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/95

All'eloquenza della nostra vecchia lingua aulica volevo torcere il collo, magari a rischio di una controeloquenza.
Eugenio Montale, Intenzioni, Intervista immaginaria, su La rassegna d'Italia, 1946 [cfr. citazione di Paul Verlaine].

L’eloquenza fa ingiuria alle cose, quando ce ne storna per attrarci a sé. Come negli abiti di gala è una debolezza volersi distinguere per qualche foggia particolare e inusitata, allo stesso modo, nel linguaggio, la ricerca di frasi nuove e di parole poco conosciute deriva da un’ambizione puerile e pedantesca.
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/88

L'eloquenza è un dono per chi la possiede e una tortura per chi la subisce. 
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

Parlare bene ed eloquentemente è una gran bella arte, ma è parimenti grande quella di conoscere il momento giusto in cui smettere.
Wolfgang Amadeus Mozart (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Una scuola di eloquenza. Se si tace per un anno, si disimpara a chiacchierare e si impara a parlare.
Friedrich Nietzsche, Aurora, 1881

Chi ha fino a oggi posseduto l'eloquenza più persuasiva? Il rullo del tamburo: e finché i re avranno questo in loro potere, continueranno a essere sempre i migliori oratori e agitatori di popoli.
Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, 1882

L'eloquenza è un ritratto del pensiero; perciò, quelli che dopo aver dipinto aggiungono ancora qualcosa, fanno un quadro invece di un ritratto.
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

La vera eloquenza si ride dell'eloquenza.
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

L'eloquenza continua annoia.
Blaise Pascal, Pensieri, 1670 (postumo)

Signori, avete torto a tirarmi per forza a parlare. Vi avevo detto... vi avevo pregato che non so parlare. Io non possiedo [...] il... il come si chiama... sí, insomma, la parola... La guardaroba, volevo dire, signori, la guardaroba dell'eloquenza.
Luigi Pirandello, Il guardaroba dell'eloquenza, in Novelle per un anno, 1922-1937

Io la chiamo cosí... La guardaroba dell'eloquenza... Avete un pensieruzzo tisico? E tisico sempre vi resterà, se non avete la guardaroba dell'eloquenza. Ma se avete la guardaroba dell'eloquenza, il pensieruzzo tisico vi uscirà dalla bocca imbottito di tanta stoppa di frasi, che, parrà un gigante, un Ercole parrà, con la clava e la pelle del legone...
Luigi Pirandello, Il guardaroba dell'eloquenza, in Novelle per un anno, 1922-1937

Avete un'ideguccia sporca? fatela entrare nella guardaroba dell'eloquenza e l'oratore [...] che farà? ve la farà uscire con la faccia lavata, pettinata, attillata, con certi pennacchi di parole, tutta appuntata di virgole e punt'e virgole, che l'ideguccia sporca non si riconoscerà piú neanche lei stessa...
Luigi Pirandello, Il guardaroba dell'eloquenza, in Novelle per un anno, 1922-1937

Pover'uomo, bisognava compatirlo; aveva la debolezza di credersi sul serio un forte oratore: aveva veramente una grande facilità di parola, e parlava dipinto, con frasi fiorite, a periodi numerosi; s'impostava che neanche Demostene o Cicerone, e giú per ore e ore, senza mai concludere nulla, abbandonato beatamente all'onda sonora che gli fluiva dalle labbra. Come se fosse una pasta molle, con le mani grassocce levate davanti alla bocca, pareva palpeggiasse quella sua eloquenza e la arrotondasse e la appallottolasse, atteggiati gli occhi di voluttà. Per un momento, tutti stavano a sentirlo con piacere; ma poi, le fronti che s'erano aggrottate nell'attenzione, cominciavano a tirar su a poco a poco le sopracciglia; gli occhi si ingrandivano, si spalancavano intorno smarriti, come per cercare una via di scampo.
Luigi Pirandello, Il guardaroba dell'eloquenza, in Novelle per un anno, 1922-1937
Prendi l'eloquenza e torcile il collo! (Paul Verlaine)
[Pectus est enim quod disertos facit]
È il sentimento a rendere eloquenti.
Marco Fabio Quintiliano, Institutio oratoria (La formazione dell'oratore), I sec.

Animo e vigoria di mente fanno gli uomini eloquenti.
Marco Fabio Quintiliano, Institutio oratoria (La formazione dell'oratore), I sec.

Prima virtù dell'eloquenza è la perspicuità. [1]
Marco Fabio Quintiliano, Institutio oratoria (La formazione dell'oratore), I sec.

L’eloquenza. Sant'Andrea, messo in croce, predica per due giorni a ventimila persone. Tutti l’ascoltano, avvinti, ma non uno solo pensa a liberarlo.
Jules Renard, Diario, 1887/1910 (postumo, 1925/27)

Non è che meschina eloquenza quella che mostra soltanto che l'oratore sa parlare. Le parole dovrebbero essere impiegate come mezzo, non come fine.
Joshua Reynolds, Discorsi sull'arte, 1769/90

La bellezza è un’eloquenza muta.
François des Rues, Le margherite francesi, 1598

L'eloquenza è un'arte repubblicana, la conversazione un'arte aristocratica.
George Santayana, Carattere e opinione negli Stati Uniti, 1920

Un discorso, per tendere alla verità, dev'essere privo di artifizi e semplice. Non ha nulla di vero l’eloquenza che cerca il favore popolare: essa vuol commuovere la folla e trascinare col suo impeto ascoltatori impreparati; non si offre a un ponderato giudizio, ma vi si sottrae.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

L’eloquenza è nociva se piace per sé stessa, senza suscitare il desiderio delle cose dette.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

Se uno riesce a esprimersi in forma elegante spontaneamente e senza fatica, ben venga l’eloquenza con la bellezza delle sue espressioni; ma sia tale da mettere in vista il contenuto più che sé stessa.
Lucio Anneo Seneca, Lettere a Lucilio, 62/65

Qui pro innocente dicit, satis est eloquens.
[Chi difende un innocente è sufficientemente eloquente].
Publilio Siro, Sentenze, I sec. a.e.c.

Come molti sanno, ma come pochi riescono a mettere in pratica, possedere grande padronanza della lingua significa non soltanto essere capaci di usarla con eloquenza, ma saper anche tenerla a freno. Come ha detto saggiamente qualcuno: «Meglio rimanere in silenzio ed essere considerati imbecilli, piuttosto che aprir bocca e togliere ogni dubbio».
Giovanni Soriano, Malomondo, 2013

Affidammo l'espressione dei nostri pensieri al linguaggio più eloquente dell'amore, al silenzio.
Iginio Ugo Tarchetti, Una nobile follia, 1866

Coloro che sono nativamente eloquenti parlano talvolta con tanta chiarezza e brevità delle cose grandi, che la maggior parte della gente non s'immagina affatto che ne parlino con profondità.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

Due studi hanno importanza: l'eloquenza e la verità; la verità per dare un solido fondamento all'eloquenza, e ordinare a bene la nostra vita; l'eloquenza per diriger la condotta degli altri e difendere la verità.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

L’eloquenza conta più del sapere.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

I grandi negozi vengono trattati per la maggior parte in iscritto; non basta dunque saper parlare: tutti gli affari di second'ordine, impegni, piaceri, doveri della vita civile, richiedono che si sappia parlare; è dunque troppo poco saper scrivere. Avremmo bisogno ogni giorno di possedere insieme queste due forme d'eloquenza; ma nessuna delle due si può conseguire se non si sa innanzi pensare; e non si sa certo pensare, se non si posseggono certi principi fissi e attinti nella verità. Tutto conferma la nostra massima: prima lo studio del vero, poi l'eloquenza.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

La maggior parte dei grandi personaggi della storia sono stati anche gli uomini più eloquenti del loro tempo. Gli autori dei più alti sistemi, i capi dei partiti e delle sette, coloro che ebbero in tutti i tempi il più ampio dominio dello spirito pubblico, dovettero la migliore parte dei loro felici successi all'eloquenza viva e naturale della loro anima. Non pare che abbiano coltivato la poesia con ugual esito. Gli è che la poesia non consente che disperdano altrove le energie dello spirito, e difficilmente si può unire un'arte così sublime e faticosa con la preoccupazione dei pubblici negozi e con le cure tumultuose della vita: mentre invece l'eloquenza ha luogo ovunque, e deve la maggior parte del suo fascino allo spirito di intromissione e di intrigo, che è proprio degli uomini di Stato, dei politici, ecc.
Luc de Clapiers de Vauvenargues, Riflessioni e massime, 1746

Prendi l'eloquenza e torcile il collo!
[Prends l'éloquence et tords-lui son cou!].
Paul Verlaine, L'arte poetica, 1884 [2]

Nei grandi interessi e nelle grandi passioni, la natura rende gli uomini eloquenti. Chiunque sia fortemente emozionato vede le cose con un altro occhio rispetto agli altri uomini. Per lui tutto diventa oggetto di rapido confronto e di metafora: senza farci caso, egli anima ogni cosa e trasmette a quanti lo ascoltano una parte del proprio entusiasmo.
Voltaire, Dizionario filosofico, 1764

Imparare diverse lingue è un impegno di pochi anni, mentre essere eloquenti nella propria lingua è un impegno di tutta la vita.
Voltaire, Quaderni, XVIII sec. (postumo, 1952)

Proverbi sull'Eloquenza
  • Il silenzio è alle volte più eloquente delle parole.
  • L'eloquenza del cattivo è falso acume.
  • La parola eloquente colpisce il cuore.
  • Occhi piangenti, occhi eloquenti.
  • Spesso il silenzio è una risposta eloquente.
  • Talvolta non è meno eloquente il tacere del parlare.
Note
  1. Perspicuità: chiarezza [cfr. citazione di Quintiliano].
  2. Fuggi lontano l'arguzia assassina, / lo spirito crudele e il riso impuro, / che fanno piangere gli occhi dell'azzurro, / e tutto quell'aglio di bassa cucina! / Prendi l'eloquenza e torcile il collo! / E farai bene, in vena d'energia, / a moderare un poco la rima. / Fin dove andrà, se non la si tiene d'occhio? [Paul Verlaine].
  3. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Retorica - OratoriaParlare

Nessun commento: