2016-10-21

Retorica - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta dei migliori aforismi e delle frasi più interessanti sulla retorica e i retori. La retorica si può definire come l’arte del parlare e dello scrivere in modo ornato ed efficace. Le sue origini risalgono agli antichi sofisti greci, i quali utilizzavano la retorica come tecnica discorsiva per persuadere gli ascoltatori. "La retorica, nata in Grecia come insieme di precetti da applicare nel linguaggio politico e giuridico, divenne soprattutto dal rinascimento teoria dell’elocuzione e del bel parlare, a partire dal principio che esiste una doppia forma di espressione: quella semplice e disadorna, propria dell’uomo comune, e quella bella o ornata, propria dell’oratore o dello scrittore". [Dizionario di metrica e retorica, Garzanti, 2013]. In epoca più recente, il termine "retorico" ha assunto anche un'accezione negativa, ed è spesso utilizzato in senso spregiativo per indicare uno stile artificioso, ampolloso ed enfatico, privo o povero di contenuti e di valore morale. Nelle seguenti citazioni, la retorica è intesa secondo entrambi i significati.
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulla persuasione e l'eloquenza.
La retorica è artefice di persuasione,
e tutta la sua attività e il suo scopo si riducono a questo. (Platone)
1. Retorica
© Aforismario

Il territorio alle spalle della retorica è spesso minato di equivoci.
Arthur Bloch, Legge di Dunne, La legge di Murphy, 1977

Ogni argomento portato abbastanza lontano finisce in semantica.
Arthur Bloch, Legge di Hartz sulla retorica, La legge di Murphy III, 1982

Il creato è un’antologia di figure retoriche. Esso per primo è, insieme, un hysteron proteron [1] e un ossimoro.
Gesualdo Bufalino, Bluff di parole, 1994

La retorica altrui e l’avversione che suscita ci servono a trovare la strada per uscire dalla nostra.
Elias Canetti, Il cuore segreto dell'orologio, 1987

La retorica toglie serietà a tutto.
Pino Caruso, Appartengo a una generazione che deve ancora nascere, 2014

La retorica confonde la virtù
Confucio, Dialoghi, ca. 479/221 a.e.c. (postumo)

La retorica verbale uccide il libro, ma senza eloquenza intellettuale il libro abortisce.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Senza dubbio la retorica serve a nascondere l'assenza di idee, ma il termine «retorica» è usato per denigrare le prose più belle. Con esso si fa scudo chi è insensibile alla bellezza letteraria.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

La poesia è una retorica vittoriosa.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Se la metafora è mera figura retorica e non linguaggio elevato al quadrato, la poesia è passatempo per sciocchi e la religione favola per stupidi.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

La retorica serve a nascondere l'assenza di idee.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

La retorica è degna di rispetto quando difendiamo diritti altrui. Ma anche l'uditorio più benevolo sorride quando ricorriamo a considerazioni etiche per reclamare i nostri, anziché appellarci alla forza.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

Per convincere il nostro interlocutore dobbiamo dedurre le verità che gli predichiamo dagli errori in
cui crede. La retorica più alta è l'arte di partire da premesse false per approdare a conclusioni vere.
Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, 1977/92

In amore, si comincia con la retorica e si finisce con la filosofia.
Jacques Dyssord, Aforismi, XX sec.

La retorica è l'arte di non dire niente avendo. l'aria di fare tutto.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

In Italia si diventa monumenti nazionali più grazie alla retorica che alle virtù.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

La retorica è meteorismo oratorio.
Roberto Gervaso, ibidem

Le democrazie muoiono anche di retorica.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

La retorica trasforma i rutti in do di petto.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

La retorica è una forma di disfattismo.
Roberto Gervaso, ibidem

Più che le sciagure nazionali ciò che commuove l'italiano è la retorica che sulle medesime si fa.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

Enfatizzando sentimenti e ideali; la retorica finisce con lo svalutarli.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

La poesia è una fiamma nel cuore, ma la retorica è fiocchi di neve. Come possono stare insieme la fiamma e la neve?
Kahlil Gibran, Massime spirituali, 1962 (postumo)

La retorica è un veleno micidiale.
Giovanni Giolitti, in Alfredo Frassati, Giolitti, 1959

La retorica ha per sé tutti i vantaggi della poesia, tutti i suoi diritti. Essa se ne impadronisce e ne abusa per conseguire, nella vita civile, determinati vantaggi momentanei esteriori, morali o immorali.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Del vero ci si serve finché è utile; ma con appassionata retorica si dà di piglio al falso non appena lo si possa usare per il momento, per poter abbagliare con una mezza verità, per poter apparentemente
riunire con un tappabuchi ciò che è frammentario.
Johann Wolfgang Goethe, Massime e riflessioni, 1833 (postumo)

Studiate la grammatica, la retorica, la metrica e soprattutto la fonetica. E dimenticate tutto.
Max Jacob, Consigli a un giovane poeta, 1922
Studiate la grammatica, la retorica, la metrica e soprattutto la fonetica.
E dimenticate tutto. (Max Jacob)
Non vi è retorica peggiore di quell'altro partito preso che si chiama l'antiretorica. 
Mattia Limoncelli, Un mondo in frantumi, 1936

La retorica discende dalla naturale disposizione a gabellare il prossimo.
Fausto Melotti, Linee, 1975/78

La retorica, subito riconoscibile nelle opere letterarie e nella musica scritta per la piazza, nelle opere plastiche si palesa nella pigrizia dei passatisti, nelle fatue cornette dell'avanguardia. Non la trovi mai in Matisse. La retorica in fondo è ostentazione. E non è detto che una bella donna, ostentandosi sia meno bella. Ma il gioco non è per le vecchie impiastricciate. Detto per i passatisti. Né per le ragazze strabiche. Detto per le cornette.
Fausto Melotti, Linee, 1975/78

[La retorica] è uno strumento inventato per governare e agitare una folla e un popolo indisciplinato, ed è uno strumento che si adopera solo negli Stati malati, come la medicina.
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/95

Neppure il più sorvegliato e sobrio dei temperamenti di fronte alla moltitudine sa sottrarsi alla tentazione della retorica.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

I generi misti nelle arti forniscono testimonianza della sfiducia che i loro autori ebbero nelle proprie forze; essi cercano alleati, avvocati, nascondigli - cosi il poeta che chiama in aiuto la filosofia, il musicista che chiama in aiuto il dramma, e il pensatore che chiama in aiuto la retorica.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano II, 1879/80

Ahimè, è impossibile agire con il linguaggio della verità: la retorica è necessaria ; cioè, l'abitudine a essere commossi solo per certe parole e certi motivi domina, e pretende che la verità si travesta.
Friedrich Nietzsche, Frammenti postumi, 1869/89

La retorica è un'arte come l'architettura - l'utilità è la prima norma (e non appena agisce consapevolmente come arte, abolisce l'effetto della sua utilità.
Friedrich Nietzsche, Frammenti postumi, 1869/89

L'antica retorica comprendeva lo studio della psicologia. Come siamo andati indietro! La stampa di partito e anche la diplomazia conosce un pochino di psicologia - ma solo come prassi. La nuova psicologia è indispensabile per il riformatore.
Friedrich Nietzsche, Frammenti postumi, 1869/89

Alla Retorica si deve se tutte o quasi le opere della nostra letteratura hanno, nella loro paziente diligenza, nella loro rigorosa compostezza, un’aria di famiglia, che sconsola.
Luigi Pirandello, Arte e scienza, 1908

La retorica è artefice di persuasione, e tutta la sua attività e il suo scopo si riducono a questo.
Platone, Gorgia, IV sec. a.e.c.

La retorica mi pare che si tratti di un'occupazione che non ha le caratteristiche di un'arte, benché sia propria di un'anima che ha buona mira, coraggiosa e per natura abile a trattare con gli uomini. Io chiamo il suo elemento essenziale "lusinga".
Platone, Gorgia, IV sec. a.e.c.

La retorica, a quanto pare, è artefice di quella persuasione che induce a credere ma che non insegna nulla intorno al giusto e all'ingiusto.
Platone, Gorgia, IV sec. a.e.c.

Il retore e la retorica si trovano in questa posizione rispetto a tutte le altre arti: non c'è alcun bisogno che sappia come stiano le cose in sé, ma occorre solo che trovi qualche congegno di persuasione, in modo da dare l'impressione, a gente che non sa, di saperne di più di coloro che sanno. 
Platone, Gorgia, IV sec. a.e.c.

Non si è mai spiegato il successo di Cristo e del Vangelo nel mondo antico come un exploit retorico, una vittoria della persuasione, un'irresistibile fascinazione teatrale, al cui confronto la Sofistica stessa era un' arte da principianti.
Mario Andrea Rigoni, Variazioni sull'impossibile, 1993

La retorica vale più della sua fama. Invece di spregiarla, come fanno, non sarebbe meglio considerarla come la prima fra le arti, se è vero che nel condurre i grandi affari tutto dipende quasi sempre dalla maniera di dir le cose e di scriverle?
Sauvage (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Logica, dialettica e retorica formano un tutto unico, costituendo l'insieme di una tecnica della ragione, sotto la quale denominazione dovrebbero anche essere insegnate insieme, la logica come tecnica del proprio pensiero, la dialettica come tecnica del disputare con gli altri e la retorica come tecnica del parlare a molti (concionatio); quindi in corrispondenza con il singolare, il duale e il plurale, come anche con il monologo, il dialogo e il panegirico.
Arthur Schopenhauer, Il mondo come volontà e rappresentazione, 1819

Come in architettura bisogna evitare un ornato sovraccarico, così nelle arti del linguaggio bisogna evitare ogni ornamento retorico non necessario, tutte le amplificazioni superflue e, in generale, ogni sovrabbondanza nell'espressione, dunque bisogna industriarsi per uno stile casto. Tutto ciò che non è indispensabile nuoce all'efficacia.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Quanto meno la poesia è retorica, tanto meglio.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

La filosofia non ha a che fare né con la retorica né con la poesia: in essa sono entrambe, in tutto e per tutto, monete false.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

La verità quando è nuda è più bella, e l'impressione che essa fa è tanto più profonda quanto più semplice ne è l'espressione; in parte, perché essa, allora, assorbe senza ostacoli l'intero animo dell'ascoltatore non distratto da pensieri secondari; in parte, perché egli sente che qui non è ingannato né corrotto da artifizi retorici; bensì l'effetto è dovuto tutto alla cosa stessa.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

La retorica altrui e l’avversione che suscita ci servono a trovare la strada
per uscire dalla nostra. (Elias Canetti)
2. Retore
© Aforismario

I retori del nostro tempo si credono proprio degli dèi se, a mo' delle sanguisughe, mostrano due lingue, e considerano una grande impresa inserire nel discorso latino, come in un intarsio, qualche paroletta greca, che magari era proprio fuori posto. Se poi fanno loro difetto termini esotici, tirano fuori da pergamene ammuffite quattro o cinque termini arcaici con cui rendere oscuro il testo al lettore. Così chi riesce a capire è più soddisfatto di sé, e chi non capisce ammira tanto di più quanto meno capisce.
Erasmo da Rotterdam, Elogio della follia, 1509

Alla scuola di retori e sofisti le parole diventano cose. Si guadagna cioè quel l’autonomia linguistica che, abolendo la distanza tra significante e significato, fa del discorso non uno strumento per conoscere il reale, ma una tecnica per ottenere consenso.
Umberto Galimberti, Gli equivoci dell'anima, 1987

Un retore del tempo antico diceva che il suo mestiere consisteva nel far sembrare grandi le cose piccole. È un calzolaio che sa far scarpe grosse per un piede piccolo.
Michel de Montaigne, Saggi, 1580/95

Il retore e l'attore sono da paragonare: il primo mira a un effetto, il secondo rappresenta un effetto.
Friedrich Nietzsche, Frammenti postumi, 1869/89

Il retore non è uno che impartisce qualche insegnamento nei tribunali e nelle altre pubbliche adunanze circa il giusto e l'ingiusto, ma è uno che porta solo credenza. Infatti, non potrebbe certo insegnare a una folla tanto numerosa, in così poco tempo, cose tanto importanti.
Platone, Gorgia, IV sec. a.e.c.

Non c'è argomento di cui il retore, di fronte alla folla, non sappia parlare in modo più persuasivo di qualsiasi altro specialista.
Platone, Gorgia, IV sec. a.e.c.

Se un retore e un medico arrivassero in una città qualsiasi, e se si trovassero a dover competere a parole nell'assemblea o in un'altra pubblica adunanza su quale dei due vada scelto come medico, il medico non avrebbe alcuna possibilità di uscirne vincitore, ma la scelta cadrebbe su quello capace di parlare, ammesso che costui lo volesse.
Platone, Gorgia, IV sec. a.e.c.

Il retore sa parlare contro tutti e di tutto, in modo da essere più persuasivo di altri, di fronte alla folla, in una parola su qualsiasi argomento voglia. Tuttavia, non per questo, cioè per la sola ragione che avrebbe il potere di farlo, deve diffamare i medici né gli altri specialisti, ma deve servirsi con giustizia anche della retorica, come di ogni altra forma di lotta.
Platone, Gorgia, IV sec. a.e.c.

Note
  1. Hysteron proteron: locuzione greca composta da hýsteron "successivo", e da próteron, "precedente"; è una figura retorica che consiste nell'enunciazione di una successione di eventi nell'ordine cronologico inverso a quello logico, per dare risalto all'informazione più importante o per conseguire un particolare effetto espressivo. Per esempio: "Moriamur et in media arma ruamus": "Moriamo e precipitiamoci nella mischia" [Virgilio, Eneide, I sec. a.e.c.].
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Eloquenza - OratoriaPersuasione

Nessun commento: