2016-10-12

Sbadiglio - Aforismi, frasi e battute divertenti

Raccolta di aforismi, frasi celebri, proverbi e battute divertenti sullo sbadiglio. Il termine "sbadigliare" deriva dal latino batare "stare a bocca spalancata", ed è un atto respiratorio involontario, comune anche a molti animali, che si compie attraverso la bocca "spalancata", spesso accompagnato dalla distensione degli arti. Generalmente, lo sbadiglio può essere provocato da condizioni fisiologiche, come sonno, fame, digestione laboriosa, ecc.; o da particolari stati psichici come la noia, lo stress o la vista di un altro individuo che sbadiglia. Lo sbadiglio, infatti, ha la curiosa proprietà di essere "contagioso". Su questo singolare fenomeno, osserva Nietzsche: "Più antica del linguaggio è l'imitazione dei gesti; questa si produce spontaneamente e, - ancora oggi che il parlare a gesti è generalmente represso e si è acquistato il dominio sui propri muscoli, - è così forte, che non possiamo veder muovere un volto senza che un'innervazione si produca anche sul nostro volto (si può osservare che uno sbadiglio finto provoca in chi guarda uno sbadiglio naturale) . Il gesto imitato riportava chi imitava al sentimento che si manifestava sul viso o sul corpo dell'imitato. Cosi si imparò a capirsi; cosi ancora il bambino impara: a capire la madre. [Umano troppo umano, 1878].
Una recente interpretazione scientifica del "contagio emotivo", per cui le persone imitano le altrui espressioni di felicità, gioia, ansia, dolore, disgusto, e tutto ciò che si può esprimere a gesti e a mimica, fa riferimento ai neuroni specchio, "cellule del nostro cervello che ci consentono una cosa importantissima: ricondurre a un formato comune ciò che percepiamo e ciò che sappiamo fare. Cosa significa? In pratica, che quando vediamo un altro compiere un'azione, dentro di noi si attivano i neuroni specchio che ci fanno "vivere" l'azione osservata proprio come se fossimo noi ad eseguirla. Questo ci spiega come sia possibile che, quando vediamo qualcuno sbadigliare, ci venga spontaneo imitarlo. Possiamo riprodurlo perché, nel momento in cui lo vediamo, dentro di noi è presente lo stesso gesto come se fossimo noi a compierlo, con un'unica differenza: dentro di noi è presente solamente a livello potenziale. È infatti la nostra volontà, successivamente, a trasformare il gesto potenziale in gesto effettivo. Eppure, che lo vogliamo o no, i neuroni specchio, quando guardiamo gli altri, ci predispongono a vivere dentro di noi esattamente ciò che stiamo osservando". [Matteo Rizzato e Davide Donelli, Io sono il tuo specchio, Edizioni Amrita, 2011].
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sulla noia e il sonno.
Raffinatezza: la capacità di sbadigliare senza aprire bocca. (John Garland Pollard)
Sbadiglio
© Aforismario

Una ricerca svela che lo sbadiglio potrebbe essere un'emozione sessuale. Se sei lesto ad approfittarne.
Stefano Andreoli e Alessandro Bonino (a cura di), Spinoza. Una risata vi disseppellirà, 2011

Che cos'è l'amore? Una febbre passeggera che comincia con un fremito e finisce con uno sbadiglio.
Basta (M.me de Touchimbert), Bribes, 1836 [1] [cfr. citazione della marchesa du Deffand]

Finisco sempre con lo sbadigliare quando mi parlo da solo.
Gesualdo Bufalino, Il malpensante, 1987

Nulla mi meraviglia come le dinamiche del corpo umano e le loro infinite declinazioni. Quando
penso che basta un colpo di tosse, il cenno d’un dito, uno sbadiglio, una lacrima per introdurre nel
grandioso concerto celeste l’imprevisto d’una variante; e che qualcuno, di conseguenza, dovrà
affannarsi lassù con spugna e gesso a disfare e a rifare i suoi calcoli sulla lavagna...
Gesualdo Bufalino, Bluff di parole, 1994

L'uomo sbadiglia quando ha sonno, quando si sveglia, quando ha appetito, quando s'annoia: il che dimostra che lo sbadiglio è segno di buona salute e del regolare svolgimento delle funzioni animali.
Vincenzo Cardarelli, Parole all'orecchio, 1929

Spiegazione possibile del hadith del Profeta: «Dio ama lo sternuto e detesta lo sbadiglio»: nello sternuto si espellono demoni, si sfogano fermenti demoniaci, c'è liberazione; nello sbadiglio c'è assorbimento, come una resa alle forze malefiche. Perciò la mano sulla bocca, per turare la falla aperta.
Guido Ceronetti, Il silenzio del corpo, 1979

Se la nostra buona educazione ci insegna a non sbadigliare, la sua buona educazione [del gatto] gli ha appreso che, quando arriva il sonno (non bisogna mai allontanarlo), dobbiamo accoglierlo con precisione, stringere gli occhi fino a ridurli a una fessura, sbadigliare a gola aperta, distendere le membra stanche.
Pietro Citati, L'armonia del mondo, 1998

Il povero Pinocchio non aveva altro sollievo che quello di sbadigliare e faceva degli sbadigli così lunghi, che qualche volta la bocca gli arrivava fino agli orecchi.
Carlo Collodi, Le avventure di Pinocchio, 1881/83

Il bavaglio del logorroico è lo sbadiglio dell’ascoltatore. 
Carlo Dante, Minime pervenute, 2010

Che cos'è l'amore? Un attacco di febbre che finisce con uno sbadiglio.
Marie Anne de Vichy-Chamrond du Deffand, Sentenze, XVIII sec. [1]
Che cos'è l'amore? Un attacco di febbre che finisce con uno sbadiglio.
(Marie Anne de Vichy-Chamrond du Deffand)
Per essere considerato un classico un film deve riuscire a far sbadigliare almeno tre generazioni di spettatori.
Marco Ferreri (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La noia porta sbadiglio.
Fulvio Fiori, Umorismo Zen, 2012

Raffinatezza. La capacità di sbadigliare senza aprire bocca. 
John Garland Pollard, A Connotary, 1932

Quello che a vent'anni mi faceva palpitare, a quarantasette mi fa sbadigliare.
Roberto Gervaso, Il grillo parlante, 1983

La vita è un pendolo fra lo sbadiglio e il pianto, la noia e l'angoscia.
Roberto Gervaso, La volpe e l'uva, 1989

Sbadigliare è incredibilmente contagioso. Ho fatto sbadigliare alcuni di voi che stavano leggendo queste parole semplicemente scrivendo la parola «sbadiglio».
Malcolm Gladwell, Il punto critico, 2000

Ti torturerò così lentamente che morirai sbadigliando.
Richard E. Grant, in Michael Lehmann, Hudson Hawk - Il mago del furto, 1991

Quando gli animali sbadigliano assumono un volto umano.
Karl Kraus, Di notte, 1918

Oggi sono così annoiato che gli sbadigli di tutto il mondo, appena si risveglieranno, probabilmente mi vorranno come testimonial.
Franz Krauspenhaar, Forforismi, 2011

Capita di spalancare la bocca per l'ammirazione per poi chiuderla sbadigliando.
Stanisław Jerzy Lec, Pensieri spettinati, 1957

L'alba c il crepuscolo - due ore decisive, e l'uomo di solito sbadiglia.
Stanisław Jerzy Lec, Nuovi pensieri spettinati, 1964

Sentendomi cinque paia di occhi addosso, sono partita con una serie di sbadigli a vuoto, finti, come quelli dei cani quando si sentono in imbarazzo.
Luciana Littizzetto, Col cavolo, 2004

Nell'arte, l'unica censura ammissibile è lo sbadiglio.
Daniele Luttazzi, La guerra civile fredda, 2009

La TV non è così innocua come sembra. Ci sono casi di soffocamento da sbadigli e di paralisi dei centri nervosi.
Gianni Monduzzi, Il manuale della playgirl, 1985

Guardiamoci dal regalare una patente di nobiltà intellettuale ad ogni sbadiglio dell'attuale universale noia.
Eugenio Montale, Auto da fé, 1966

Certe compagnie provocano gli sbadigli del cervello.
Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

La storia dell'umanità non è che un lungo sbadiglio di noia.
Alberto Moravia, La romana, 1947

Lo sbadiglio imitato ne provoca uno vero.
Friedrich Nietzsche, Frammenti postumi, 1869/89

I nostri antenati cresciuti nella civiltà contadina tiravano in ballo [il diavolo] anche quando sbadigliavano: originariamente, la mano veniva messa davanti alla bocca non per una questione di galateo ma per impedire al diavolo di entrare dentro al corpo.
Willy Pasini, Volersi bene, volersi male, 1993

Certo che ti sto ascoltando; non mi hai visto sbadigliare?
[Of course I'm listening to you; don't you see me yawning?].
Bob Phillips, The All-New Clean Joke Book, 1990
Certo che ti sto ascoltando; non mi hai visto sbadigliare? (Bob Phillips)
Ogni porro è un racconto, ogni ruga una riga, ogni smorfia un epigramma, ogni sbadiglio un aforisma scontato. Le persone sono una biblioteca pubblica. E non lo sanno.
Andrea G. Pinketts, Fuggevole Turchese, 2001

L’altro giorno non riuscivo a capire se sbadigliavo per il sonno o per la fame. E così, nel dubbio, mi son mangiato un cuscino.
Antonio Ricci (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Lo sbadiglio avrebbe a essere più tristo augurio del rantolo: poiché la nota è l'agonia dello spirito.
Niccolò Tommaseo, Pensieri morali, 1845

Non si dovrebbe spalancare la bocca o sbadigliare di fronte agli altri. È bene farlo dietro al ventaglio o la manica.
Yamamoto Tsunetomo, Hagakure, 1709/16 (postumo 1906)

Gli uomini si unificano nel dolore, nel riso, nello sbadiglio, nell'emozione, nell'attesa mistica, nel godimento – e diventano indiscernibili.
Paul Valéry, Mélange, 1939

Le generazioni nuove trovano il loro godimento se i loro orecchi sono assordati da strepiti di bassa battuta, da urla, strida e colpi che stordiscono, mentre sbadigliano nel sentire una melodia. Forse hanno bisogno di essere svegliate dal letargo in cui giacciono.
Amadeus Voldben (Amedeo Rotondi), Pensieri per una vita serena, 2008 (postumo)

Vi sono lavori teatrali tanto scadenti che non si può fischiare perché bisogna sbadigliare.
Anonimo (attribuito a Oscar Wilde)
Quando gli animali sbadigliano assumono un volto umano. (Karl Kraus)
Proverbi sullo Sbadiglio
  • Chi ama guarda e chi ha fame sbadiglia.
  • Chi sbadiglia non ha niente da fare e niente da dire.
  • Chi sbadiglia s’annoia.
  • Lo sbadiglio non vuol mentire: o che ha sonno o che vorrebbe dormire, o che ha qualche cosa che non può dire.
  • Lo sbadiglio non mente: o fame, o sonno o noia di quel che sente.
  • Lo sbadiglio va di bocca in bocca come la lepre va di fratta in fratta.
  • Lo sbadiglio è il grido del vagabondo.
  • Lo sbadiglio è contagioso.
  • Quando la bocca fa forno o è fame, o sete o sonno.
  • Quando uno sbadiglia tutti sbadigliano.
  • Sbadiglio: o letto o madia.
  • Si può conoscere la tua opinione dal tuo sbadigliare. 
Note
  1. La frase della marchesa du Deffand si trova su internet attribuita erroneamente a Oscar Wilde: "Cos'è l'amore? Un accesso di febbre che finisce con uno sbadiglio".
  2. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Noia e Tedio - Sonno

Nessun commento: