2016-11-01

Astrologia - Aforismi, frasi e citazioni

Raccolta dei migliori aforismi e delle frasi più interessanti sull'astrologia e sugli astrologi. L'astrologia (dal greco antico astrologhía, composto da  astêriasteros, "stella", e lógos, discorso), è un'arte divinatoria che presume d'individuare i vari influssi esercitati dai corpi celesti sui comportamenti e persino sulla personalità degli esseri umani. Un tempo l'astrologia era ritenuta una vera e propria scienza, tant'è che il termine fu usato fino al XVII secolo con lo stesso significato di astronomia, cioè di osservazione e studio delle stelle.
Come introduzione a questa raccolta di citazioni, riportiamo un brano di Osho, che teneva l'astrologia in grande considerazione. "Un tenue filo d’erba ha un impatto sul Sole, così come il Sole ha un impatto su quel tenue filo d’erba. Quel filo d’erba non è così tenue da far dire al Sole: “Non mi curo di te”, né il Sole è così grande da poter dire: “Cosa potrebbe mai fare per me questo tenue filo d’erba?” No, l’intera esistenza è interrelata: in essa, nulla è grande e nulla è piccolo, tutto è un’unità organica. La vita è un Tutto unico. Solo se riuscite a percepire questa globalità, potrete comprendere l’astrologia; altrimenti, non ci riuscirete mai. L’astrologia è un aspetto, una dimensione della spiritualità: è la scienza della totalità, dell’unione, della non-dualità".
Su Aforismario trovi altre raccolte di citazioni correlate a questa sull'oroscopo e i segni zodiacali, sulla magia e i maghi.
È meglio sapere poco delle cose più alte che molto di quelle più basse.
(Gerolamo Cardano)
Astrologia
© Aforismario

Chi ha bisogno dell'astrologia? Al saggio bastano i biscotti della fortuna.
[Who needs astrology? The wise man gets by on fortune cookies].
Edward Abbey, A Voice Crying in the Wilderness, 1989

I movimento occultistici moderni, inclusa l'astrologia, sono ammodernamenti più o meno artificiali di vecchie e superate superstizioni, la sensibilità per le quali viene mantenuta viva da certe condizioni sociali e psicologiche.
Theodor Adorno, Stelle su misura, 1975 (postumo)

Un buon cristiano deve guardarsi non solo dagli astrologi ma anche da qualsiasi indovino che usi mezzi contrari alla religione, soprattutto quando dicono il vero, per evitare che ingannino l'anima mettendola in rapporto con i demoni e la irretiscano in una specie di patto d'alleanza con loro.
Agostino d'Ippona, La Genesi alla lettera, ca. 401/415

La maggior parte delle persone crede ancora, forse inconsciamente, all'universo eliocentrico… ogni giornale sulla faccia della Terra ha una sezione dedicata all'astrologia, pochissimi ne hanno una sull'astronomia.
Hannes Alfvén, XX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Un'associazione cattolica accusa gli astrologi: «L'oroscopo sfrutta la superstizione, la credulità e la paura».
Stefano Andreoli e Alessandro Bonino (a cura di), Spinoza. Una risata vi disseppellirà, 2011

L'idea che il nostro destino sia influenzato dagli astri ha sempre affascinato, sin dai tempi più antichi, la fantasia degli uomini. In passato, quando poco si conosceva del nostro universo, gli astri erano infatti considerati delle divinità, degli dèi che dallo spazio sorvegliavano e regolavano le faccende terrestri.
Piero Angela, Viaggio nel mondo del paranormale, 1978

Ha più influenza [su di noi] una locomotiva che passa nelle vicinanze di un pianeta in orbita.
Piero Angela, Viaggio nel mondo del paranormale, 1978

Le predizioni astrologiche si «avverano» seguendo il meccanismo di tutte le altre profezie e previsioni fatte da veggenti e cartomanti: come sempre, infatti, il cliente inconsciamente «seleziona» i risultati, si identifica con certe descrizioni caratteriali che si adatterebbero a molte altre persone, ricorda solo le cose azzeccate, «interpreta» le altre ecc.
Piero Angela, Viaggio nel mondo del paranormale, 1978

La conoscenza scientifica dell'uomo comune è mistica: l'individuo medio pensa che l'astrologia sia una scienza e che la telepatia sia un fatto dimostrato.
Isaac Asimov, XX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Per gli increduli, l’astrologia giudiziaria (alleanza di parole eccessivamente bizzarra) non è altro che lo sfruttamento di un sentimento innato, uno dei più forti della nostra natura, la curiosità.
Honoré de Balzac, Il cugino Pons, 1847

L’astrologia, la divinazione, ha regnato per sette secoli non come oggi sulla gente del popolo ma sulle intelligenze migliori, sui sovrani, sulle regine e sui ricchi.
Honoré de Balzac, Il cugino Pons, 1847

Ammettendo la fatalità, cioè il concatenamento delle cause, è inevitabile riconoscere il valore dell’astrologia, che torna ad essere ciò che era un tempo: una scienza immensa, caratterizzata dalla facoltà di dedurre.
Honoré de Balzac, Il cugino Pons, 1847 [2]

La carta del cielo natale è unica e rappresenta una costellazione specifica di cui il soggetto è il punto focale: niente di meglio per indicare che l’astrologia contribuisce appunto ad affrontare lo studio dell’uomo sul suo terreno particolare e che quest’oggetto viene visto al centro del suo stesso universo.
André Barbault, Dalla psicoanalisi all’astrologia, 1971

Diciamolo francamente: non è vero che gli individui nati nello stesso momento hanno lo stesso destino. È falso sostenere che esiste un destino astrologicamente tracciato in anticipo. Gli astri non svelano i segreti dell'avvenire... Nessun astrologo della tradizione colta si è mai sognato di affermarlo. Questo tipo di invenzione è sostenuta dai ciarlatani e dai denigratori che, per meglio nascondere le loro prevenzioni, trasforma¬no una verità sensata in un'impossibile pretesa.
André Barbault, Piccolo manuale di astrologia, 1972

L'unica vera demistificazione dell'astrologia sta nel praticarla, rigorosamente, con lo spirito che le è proprio.
André Barbault, Piccolo manuale di astrologia, 1972

Se accettiamo che l’astrologia consenta un’interpretazione attendibile della natura umana, ciò implica per conseguenza, che essa può anche informarci sul futuro dell’uomo: poiché il carattere è un fattore del destino.
André Barbault, L’astrologia e la previsione dell’avvenire, 1982

Nonostante il consenso concesso da tanti all'astrologia, è falso e ridicolo aver fede nelle sue predizioni.
Pierre Bayle, Pensieri sulla cometa, 1682

L'astrologia, secondo me, è una grande signora, molto bella e venuta così da lontano che non posso fare a meno di sottomettermi al suo fascino.
André Breton, su Astrologie moderne, 1954

Ora che abbiamo catturato i pianeti l'astrologia può diventare vera. Come nostre colonie essi possono facilmente segnare il nostro destino, ma in modo diverso da quello che l'astrologia aveva immaginato. In ogni caso, senza l'astrologia i pianeti non sarebbero mai diventati abbastanza importanti ai nostri occhi.
Elias Canetti, La rapidità dello spirito, 1994

L'astrologia è la scienza più profonda perchè tratta sia dei fenomeni celesti sia degli eventi futuri, la cui conoscenza è non solo divina, ma anche utilissima.
Gerolamo Cardano, Aphorismorum astrologicorum segmenta septem (Aforismi Astrologici), XVI sec.

È meglio sapere poco delle cose più alte che molto di quelle più basse.
Gerolamo Cardano, ibidem

Gli sciocchi non tengono in considerazione e disprezzano l'astrologia: chi vi si oppone è superbo, chi ne dice male è insensato. Il divino, infatti, è misterioso.
Gerolamo Cardano, ibidem

Il Cielo è lo strumento di Dio altissimo con cui determina, muove e regge tutto ciò che sta sotto di Lui.
Gerolamo Cardano, Aphorismorum astrologicorum segmenta septem (Aforismi Astrologici), XVI sec.

La terra emana talmente la menzogna e la vergogna umana che i pianeti del nostro sistema, a furia di assorbirne (come gli alberi delle città, mortalmente impregnati dai gas di scarico) ne sono come avviluppati da una cortina invisibile ai telescopi, ma di cui va tenuto conto in astrologia tradizionale: quell'eccesso di menzogna li ha intossicati, come possono, a loro volta, non mentire?
Guido Ceronetti, Insetti senza frontiere, 2009

Prima di addentrarsi nella spiritualità, l'astrologia ha la grande potenza di un leone. Quando poi ci si addentra in una vita spirituale più profonda, l'astrologia diventa un innocuo gatto domestico.
Sri Chinmoy, XX-XXI sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

C'è da stupirsi che un aruspice [1] non rida incontrandone un altro.
Marco Tullio Cicerone, Sulla natura degli dèi, 45 a.e.c.

Non potremo mai abbastanza lodare l'Antichità per aver creduto che i nostri destini fossero scritti negli astri, che non vi fosse traccia di improvvisazione o di casualità nelle nostre gioie o nelle nostre sventure. Per non aver saputo opporre a una così nobile «superstizione» nient'altro che le «leggi dell'ereditarietà», la nostra scienza si è squalificata per sempre. Avevamo ciascuno la nostra «stella»; ed eccoci schiavi di una chimica odiosa. È la degradazione ultima dell'idea di destino.
Emil Cioran, La caduta nel tempo, 1964
Chi ha bisogno dell'astrologia? Al saggio bastano i biscotti della fortuna.
(Edward Abbey)
− Credi nell'astrologia?
− Io non credo nemmeno nell'astronomia!
Peter De Vries, XX sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

La natura può anche essere studiata, come il commercio, da un punto di vista d'interesse egoistico. Per l'egocentrico l'astronomia diventa astrologia; la psicologia diventa mesmerismo (con l'intento magari di mostrarci dove sono andati a finire i nostri cucchiaini da tè); l'anatomia e la fisiologia diventano frenologia e chiromanzia.
Ralph Waldo Emerson, Saggi, 1841/44

L'astrologia è solo il dito che indica la realtà.
Steve Forrest (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Parliamoci chiaro, l’astrologia non è una scienza, non è dimostrabile scientificamente ma è una disciplina. Non è una grande frottola ma nemmeno una cosa a cui dare peso in modo cieco.
Paolo Fox, intervista su TvBlog, 2010

La sola funzione delle previsioni in campo economico è quella di rendere persino l'astrologia un po' più rispettabile. 
John Kenneth Galbraith (attribuito - vedi "Citazioni errate" su Aforismario)

Oggi è di moda screditare gli astrologi e considerarli poco meno che mentecatti. Però gli astrologi hanno sugli uomini moderni almeno una grande superiorità: che si occupano del cielo. Oggi si guarda in su soltanto per speculare se pioverà o non pioverà; i poveri astrologi, invece, credevano, ed eran nel giusto, che il cielo avesse un'influenza grandissima sulle cose umane. Soltanto eran di vista corta e perciò si fermavano alle colonne del peristilio e non avevano l'idea o il coraggio di guardare più in su. Come se uno, invece di salire al primo piano a riverire il padrone, si fermasse a discorrere colle seggiole del portiere immaginando che sia la stessa cosa. Da questo errore, ma da questo solo, derivano tutte le ridicolezze e le imbecillità dei calunniati astrologi.
Domenico Giuliotti e Giovanni Papini, Dizionario dell'omo salvatico, 1923

Della astrologia, cioè di quella che giudica le cose future, è pazzia parlare: o la scienza non è vera o tutte le cose necessarie a quella non si possono sapere o la capacità degli uomini non vi arriva. Ma la conclusione è che pensare di sapere il futuro per quella via è uno sogno. Non sanno gli astrologi quello dicono, non si appongono se non a caso; in modo che se tu pigli uno pronostico di qualunque astrologo e uno di un altro uomo, fatto a ventura, non si verificherà manco di questo che di quello.
Francesco Guicciardini, Ricordi, 1512/30

Quanto sono più felici gli astrologi che gli altri uomini! Quelli, dicendo tra cento bugie una verità, acquistano fede in modo che è creduto loro il falso; questi, dicendo tra molte verità una bugia, la perdono in modo che non è più creduto loro il vero. Procede dalla curiosità degli uomini che, desiderosi sapere il futuro né avendo altro modo, sono inclinati a correre dietro a chi promette loro saperlo dire.
Francesco Guicciardini, Ricordi, 1512/30

L'astrologia è uno dei primi tentativi fatti dall'uomo per trovare l'ordine nascosto dietro o all'interno della confusione e del caos apparente che esiste nel mondo.
Karen Hamaker-Zondag, XXI sec. (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Si può tollerare un falso indovino. Ma bisognerebbe sparare a vista a un indovino autentico. Cassandra non prese neppure metà dei calci che meritava. 
Robert Anson Heinlein, Lazarus Long l'Immortale, 1973

Una pietra di paragone per accertare il valore autentico di un «intellettuale»... scopri cosa pensa dell’astrologia.
Robert Anson Heinlein, Lazarus Long l'Immortale, 1973

La ricerca filosofica comincia là dove finisce la religione, proprio come, per similitudine, la chimica e l'astronomia iniziano quando vengono meno l'alchimia e l'astrologia.
Christopher Hitchens, Dio non è grande, 2007

Un astrologo di un giornale popolare londinese una volta fu licenziato dal direttore con una lettera che cominciava così: «Come lei avrà senza dubbio previsto...».
Christopher Hitchens, Dio non è grande, 2007

Così si spiegano le influenze stellari sostenute dagli astrologi; esse non sono altro che percezioni introspettive incoscienti dell’attività dell’inconscio collettivo.
Carl Gustav Jung, La struttura della psiche, 1927/31

Esistono almeno alcuni fatti ben attestati e confermati da esaurienti statistiche, che fanno apparire la problematica astrologica degna di essere sottoposta a indagine filosofica. (Dell’interesse dello psicologo essa non può dubitare, poiché l’astrologia rappresenta la summa di tutte le conoscenze psicologiche dell’antichità.)
Carl Gustav Jung, Necrologio di Richard Wilhelm, 1930

Sembra che le stelle abbiano delle qualità che s’inseriscono bene nella nostra psicologia. Ciò accade in ragione del fatto che, originariamente, l’astrologia era una proiezione sulle stelle della psicologia umana inconscia.
Carl Gustav Jung, Visioni, 1930/34

Il fatto che proiettiamo qualcosa sulle stelle significa che possediamo qualcosa che appartiene anche alle stelle. Facciamo veramente parte dell’universo.
Carl Gustav Jung, Visioni, 1930/34

Sembra che ciò che possediamo, come conoscenza più intima e segreta di noi stessi, sia scritto nei cieli. Per conoscere il mio carattere più individuale e più vero devo frugare i cieli, non riesco a vederlo direttamente in me stesso.
Carl Gustav Jung, Visioni, 1930/34

È noto che la scienza cominciò con le stelle, nelle quali l'umanità scoprì le dominanti dell'inconscio, gli "dèi", così come le bizzarre qualità psicologiche dello zodiaco: una proiezione completa della caratterologia. L'astrologia è un'esperienza primordiale simile all'alchimia. Tali proiezioni si ripetono sempre dove l'uomo tenta di esplorare una vuota oscurità e involontariamente la riempie di figurazioni vive.
Carl Gustav Jung, Psicologia e alchimia, 1944

Il cielo stellato è il libro aperto della proiezione cosmica.
Carl Gustav Jung, Riflessioni teoriche sull'essenza della psiche, 1947/54

Ci sono molti esempi di sorprendenti analogie tra costellazioni astrologiche e fatti psichici, o tra oroscopo e predisposizione caratteriale. Fino ad un certo grado sussiste perfino la possibilità di una previsione, per esempio riguardo l’effetto psichico di un transito.
Carl Gustav Jung, lettera ad André Barbault, 1954

Ciò che si può constatare con l’aiuto dell’astrologia è l’analogia degli avvenimenti terrestri con le costellazioni astrali, ma non la causa o effetto di una serie di eventi in relazione agli altri (la stessa costellazione significa ad esempio per la stessa persona una volta una catastrofe ed un’altra un raffreddore).
Carl Gustav Jung, lettera ad André Barbault, 1954

Siamo nati in un determinato momento, in un dato luogo e, come i vini d'annata, abbiamo le qualità dell'anno e della stagione in cui siamo nati. L'astrologia non rivendica nulla di più.
Carl Gustav Jung (fonte sconosciuta - segnalala ad Aforismario)

Lo psichiatra sta allo psicologo come l'astrologo all'astronomo. Fin da tempi lontani il momento astrologico ha avuto un suo ruolo nella scienza psichiatrica. Una volta le nostre azioni erano determinate dalla posizione degli astri. Poi le stelle del nostro destino si trovarono nel nostro petto. Poi venne la teoria della ereditarietà. E ora le stelle del nostro destino sono al petto della nostra balia; che essa sia piaciuta o no al neonato deve essere decisivo per tutta la vita.
Karl Kraus, Detti e contraddetti, 1909

La conoscenza degli effetti e la ignoranza delle cause produsse l'astrologia. 
Giacomo Leopardi, Storia dell'astronomia, 1813

L’istituzioni, l’usanze, l’opinioni che hanno regnato lungo tempo in una o più società, lasciano ordinariamente nelle lingue, delle tracce della loro esistenza passata, e ci sopravvivono con un senso acquistato per mezzo dell’uso, e reso indipendente dalla loro origine: la stessa risposta che si darebbe a chi venisse a dire: o rimettete in onore l’astrologia, o bandite dal linguaggio i vocaboli: influsso, ascendente, disastro, e altri derivati dalla stessa fonte.
Alessandro Manzoni, Sul romanticismo, 1823/46

L’astrologia? L’Universo è fatto di buone o cattive stelle: i pianeti non contano.
Gianni Monduzzi, Orgasmo e pregiudizio, 1997

L'ostinazione per l'astrologia è un'orgogliosa stravaganza. Crediamo che le nostre azioni siano così importanti da meritare di essere scritte nel grande libro del Cielo. E non c'è artigiano, per quanto miserabile, che non creda che i corpi immensi che ruotano sulla sua testa non siano fatti che per annunciare all'Universo l'ora in cui uscirà dal suo negozio.
Charles-Louis de Montesquieu, I miei pensieri, 1716-55  (postumo 1899-01)

Astrologia e affini. È probabile che gli oggetti del sentimento religioso, morale ed estetico appartengano parimenti soltanto alla superficie delle cose, mentre l'uomo crede volentieri di toccare qui per lo meno il cuore del mondo; egli si inganna, perché quelle cose lo rendono così profondamente beato e così profondamente infelice, e mostra dunque qui la stessa superbia che nell'astrologia. Questa pretende infatti che le stelle del cielo girino intorno al destino dell'uomo; l'uomo morale presuppone del pari che ciò che gli sta essenzialmente a cuore debba anche formare essenza e cuore delle cose.
Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano, 1878

Fino a oggi si sono avute, sul conto delle stelle e del futuro, solo illusioni, non cognizioni.
Friedrich Nietzsche, Così parlò Zarathustra, 1883/85

Se la logica e la matematica prendessero il posto della religione e dell'astrologia nelle scuole e in televisione, il mondo diventerebbe gradualmente un luogo più sensato, e la vita più degna di essere vissuta.
Piergiorgio Odifreddi, Il matematico impertinente, 2005

Qualcuno ha pensato, e persino oggi molti lo pensano, che l’astrologia sia superstizione, fede cieca. Questo sembra per lo più vero. Di fatto, tutto ciò che non implica una spiegazione scientifica ci sembra fondato solo sulla fede cieca. Ma in realtà l’astrologia è estremamente scientifica. Il significato di scienza è ‘indagare sulla relazione esistente tra un causa e un effetto’. L’astrologia sostiene che, qualsiasi cosa accada su questa terra, non è priva di una causa. D’altro canto, noi possiamo non essere coscienti delle cause.
Osho, Discorsi, 1953/90

Fondamentalmente, l’astrologia non è altro che un indagare sul futuro; mentre la scienza è essenzialmente un’indagine sul passato e sul presente. La scienza è un’indagine su ciò che esiste oggi, e sulle sue cause. L’astrologia invece è lo studio di ciò che esisterà domani e di quali ne saranno le conseguenze; tra questi due campi di indagine esiste un abisso.
Osho, Discorsi, 1953/90

L’astrologia ha sempre affermato qualcosa di estremamente scientifico: dice che ogni cosa è presente nel seme. E dichiara che, se si può studiare il seme, se riusciamo a scoprirne il codice, a decodificarne il linguaggio, se gli potessimo chiedere quali sono le sue intenzioni, potremmo tracciare l’intera mappa di un essere umano. E gli scienziati hanno già iniziato a tracciare mappe simili.
Osho, Discorsi, 1953/90

La vita è influenzata e non può non esserlo, dalle influenze planetarie. Ciò che è difficile stabilire è la seconda parte dell’ipotesi astrologica: ogni persona, in quanto individuo.
Osho, Discorsi, 1953/90

L’astrologia afferma che la forma del nostro futuro non può essere isolata dal nostro passato, ma che anzi esso deve essere legato al passato: ciò che sarai domani, sarà legato a ciò che sei oggi; ma anche ciò che sei oggi è legato a ciò che sarai domani!
Osho, Discorsi, 1953/90

La comprensione più profonda cui l’astrologia è giunta è che tu puoi sbloccare il tuo passato, aprirlo, riviverlo; e questo perché, se diventi consapevole del tuo intero passato, sarai cosciente di tutto il tuo futuro, in quanto esso emerge dal passato; senza conoscere il passato, non potrai mai conoscere il futuro, perché il futuro è figlio del tuo passato, ne è il frutto.
Osho, Discorsi, 1953/90

Se apriamo la finestra del presente, saremo in grado di vedere che proprio dietro quella finestra si trova il futuro. E, secondo l’astrologia, il futuro è frutto solo della nostra ignoranza: se vedessimo, il futuro per noi non sarebbe qualcosa che accadrà, è già presente qui e ora!
Osho, Discorsi, 1953/90

Una decisione, un atto, sono infallibili presagi di ciò che faremo un'altra volta, non per qualche mistica ragione astrologica, ma perché escono da un automatismo che si riprodurrà.
Cesare Pavese, Il mestiere di vivere, 1935/50 (postumo 1952)

L'astrologia, val la pena di rilevarlo, condivide con lo storicismo la credenza in un destino predeterminato che può essere predetto, ed essa condivide con alcune importanti versioni dello storicismo (specialmente col platonismo e col marxismo) la credenza che, nonostante la possibilità di predire il futuro, noi possiamo in qualche modo influenzarlo.
Karl Popper, La società aperta e i suoi nemici, 1945

L'astrologia è un cancro inventato da ratti astuti che rosicchiano degli asini abbastanza creduloni da credere di poter essere dei leoni.
Serge Provencher, Le memorie di Nestor, 1991

Il senso di impotenza che si prova in un mondo complesso, inquietante e imprevedibile - potrebbero spiegare perché l'astrologia non venga sottoposta in generale all'esame scettico che meriterebbe, ma ci si accontenti del conforto psicologico che può dare a prescindere dal fatto che funzioni o no.
Carl Sagan, Il mondo infestato dai demoni, 1996

Un esempio grandioso della miserabile soggettività degli esseri umani − onde essi riferiscono tutto quanto a sé stessi, e da ogni pensiero ripiegano senz'altro e immediatamente su di sé − è fornito dall'astrologia, la quale riporta al meschino individuo il corso dei grandi corpi celesti, e così pure mette in collegamento le comete del cielo con gli affari e le sciocchezze terrene.
Arthur Schopenhauer, Parerga e paralipomena, 1851

Gli uomini, in certi momenti, sono padroni del loro destino. La colpa non è delle nostre stelle, ma di noi stessi, che siamo degli schiavi.
William Shakespeare, Giulio Cesare, ca. 1599

Se c’è una qualità che più d’ogni altra accomuna astrologi, chiromanti, sensitivi, ecc., questa è la faccia tosta.
Giovanni Soriano, Maldetti, 2007

La superstizione sta alla religione come l'astrologia all'astronomia, la figlia folle di una madre molto saggia.
Voltaire, Trattato sulla tolleranza, 1763

Dobbiamo renderci conto che il futuro risiede in noi stessi, e non negli astri. In un'epoca di diffusa educazione e conoscenza non dovrebbe neppure essere necessario parlare di queste magie e superstizioni. Ma dobbiamo constatare che attraverso giornali, settimanali e mezzi di comunicazione la credenza nell'astrologia viene oggi largamente disseminata nelle nostre società. Questo fatto può solo contribuire alla crescita dell'irrazionale e dell'oscurantismo.
AA.VV., The Humanist, 1975

L'astrologia che è fuori dello scibile, la scienza dir si può dell'impossibile.
Proverbio

Note
  1. Arùspice: presso gli antichi Romani, sacerdote che esaminava le viscere di animali sacrificati (soprattutto fegato e intestino) per trarne indizi per l’interpretazione di prodigi di vario genere.
  2. Le citazioni di Balzac si trovano su internet sintetizzate in questa unica frase: "L'astrologia è una scienza immensa che ha regnato sulle più grandi intelligenze".
  3. Vedi anche aforismi, frasi e citazioni su: Oroscopo e Segni ZodiacaliMagia e Maghi

Nessun commento: